Libro 15 – La vita di un proprietario della Cheon Il Guk

CAPITOLO I – Il vero amore di Dio è la forza motrice della creazione

Sezione 1. Il vero amore è al centro del desiderio di Dio

Dio è il grande re della verità, della bontà, del vero e dell’amore. (301-38, 16.4.1994)

Dio esisteva sin dall’inizio oppure ha avuto un’origine? Persino Dio è cresciuto. Dobbiamo saperlo. E come lo possiamo sapere? Possiamo saperlo dal principio che fa in modo che tutte le cose che riflettano la natura originale di Dio, comincino da una piccola cellula e crescano. Allora, che cosa ha fatto crescere Dio? Dio è cresciuto grazie all’amore, un amore assoluto in cui Egli è il partner soggetto dell’amore e gli esseri umani sono i Suoi partner oggetto. (243-278, 28.1.1993)

Dio creò il cielo e la terra per il vero amore. Non creò il cielo e la terra solo per guardare gli esseri umani, ma per l’amore. Dio non può possedere l’amore da Sé stesso, né può sentirlo da solo. Certamente Dio ha in Sé l’amore, ma non può sperimentare da solo quel tipo d’amore che trabocca di gioia per essere in perfetta armonia. Non importa quanto un fiore sia bello, deve emanare un profumo; e non importa quanto il suo profumo sia dolce, deve soffiare il vento affinché quella fragranza si diffonda. Così, come il fiore ha bisogno del vento, anche Dio ha bisogno di un partner oggetto che Lo stimoli. (210-223, 23.12.1990)

Il vero amore è la forza fondamentale di Dio con la quale Egli crea; ecco perché Gli piace il vero amore più di qualsiasi cosa. Dio può mangiare, come facciamo noi. Ha anche gli occhi e un naso. Ha tutte queste cose. Ecco che tipo di essere è. Tuttavia, ciò che Gli piace non sono le pepite d’oro che le persone amano tanto. Può creare queste cose in qualunque momento. La stessa cosa vale per la conoscenza. Dio è onnisciente e onnipotente. È il grande Re della conoscenza e della capacità. (212-295, 8.1.1991)

La profondità del vero amore incorpora ogni cosa, risalendo fino all’origine, quando nacque Dio. Voi non avete idea di quanto questo amore sia profondo! Ha avuto inizio proprio all’origine dell’esistenza di Dio, perciò non sapete quanto è profondo. Persino dopo tutta una vita, non potremo mai arrivare là, e anche dopo essere andati nell’altro mondo continueremo a svilupparci verso quella meta per l’eternità. Così è inconcepibile che i mariti e le mogli lottino e si separino.

Anche Dio è cresciuto e si è sviluppato. Dal più profondo del Suo essere, ha avuto la stessa origine del vero amore. Nel punto di origine, Dio non è stato il primo; il primo è stato l’amore. Noi diciamo che Dio ha le caratteristiche duali, ma perché ha queste caratteristiche? Le caratteristiche duali sono considerate preziose a causa dell’amore. (246-286, 20.4.1993)

Il vero amore può essere un ponte che Dio può usare come vuole per i Suoi viaggi. Quando le parti fisiche del corpo sono tutte unite nell’amore ogni cosa andrà bene, e quando gli aspetti interiori sono uniti tutto andrà bene. Il risultato sarà uguale dappertutto, a nord, a sud, ad est o a ovest, che sia nel mondo spirituale, nel mondo fisico o da qualunque altra parte. Attraverso l’amore le parti del corpo possono interagire liberamente e armonizzarsi fra loro. Solo l’amore ha questo potere. La stessa cosa vale per le organizzazioni. Quando stabiliamo assolutamente un partito politico in nome di Dio e diciamo che ci uniremo, vogliamo dire che lo faremo centrati su di Lui. (139-200, 31.1.1968)

Persino Dio obbedisce in modo assoluto al vero amore. Offrirebbe addirittura la Sua vita per il vero amore. Perché gli uomini e le donne sono disposti a sacrificare la loro vita per il vero amore? Perché l’amore precede la vita. Perché Dio ha cominciato ad esistere? Ha cominciato ad esistere a causa dell’amore, ed esiste per amare. Se non ci fosse stato nessun concetto dell’amore, Dio non avrebbe avuto bisogno di venire ad esistere.

Così ogni cosa creata da Dio si basa sul sistema della coppia. Ad esempio, nel mondo minerale gli ioni positivi e negativi manifestano l’amore – sebbene ad un livello inferiore – in quanto si combinano. Con la mia venuta nel mondo, sto annunciando questo per la prima volta nella storia. Io sono il primo nella storia ad annunciare che Dio considera il vero amore come assoluto e vive in obbedienza assoluta al vero amore. Questo non è un concetto, è un dato di fatto. Così Dio creò l’universo per realizzare il vero amore. (203-103, 17.6.1990)

Il vero amore non può esistere senza che Dio sia coinvolto. Senza Dio, nemmeno le parole uomo, donna, famiglia, verità e amore si possono chiamare vere. Tutte queste cose sono possibili solo grazie alla partecipazione di Dio. Dio è il grande Re della verità, della bontà e dell’amore. Per questa ragione non può esistere nulla di buono da nessuna parte se Dio non è coinvolto. La stessa cosa si applica al nostro lavoro. Tutto quello che è fatto senza Dio è ingannevole e non merita fiducia. Questo si applica a tutto. Così lo standard eterno, lo standard del vero, si stabilisce solo a condizione che Dio sia fatto partecipe. (301-38, 16.4.1999)

Allora, com’è possibile distinguere fra l’amore vero e l’amore falso? L’amore egoistico ci collega al diavolo, mentre l’amore altruista ci collega a Dio e alle leggi dell’universo. È qui che sta la linea di divisione. L’amore di Dio dà, dà di nuovo, e continua a dare, poi si dimentica di avere dato. Questo è il vero amore. Una nonna novantenne dice al figlio di settant’anni: «Ehi, oggi stai attento alle macchine quando esci», e si rivolge a lui come se fosse ancora il ragazzino di tanti anni prima. Gli ha ripetuto le stesse cose tutti i giorni fino a novant’anni, ma non si stanca mai di dirle. Il vero amore è un amore che ama all’infinito e senza mai stancarsi. (142-333, 14.3.1968)

Il vero amore comincia quando si è disposti a investire in continuazione persino la nostra vita, dando e dando di nuovo, ma dimenticando di avere dato. Mentre sale, può penetrare ed entrare dovunque vuole, in una mente forte, nel cielo e nella terra, nel mondo della vita e persino nel mondo della morte. Non esiste un luogo dove il vero amore non può andare. Può entrare persino nelle stanze segrete. (256-179, 13.3.1994)

Il vero amore viaggia alla velocità più alta ed è una forza in armonia con la creatività di Dio. Quelli che lo possiedono possono chiamare Dio persino dai confini della terra: «Ti prego, vieni!» e Lui verrà. Persino una nipote brutta non deve far altro che schioccare le dita e il nonno andrà da lei. Ecco com’è grande l’amore. Questo è il vero amore. (301-125, 25.4.1999)

L’amore non nasce così all’improvviso. La gloria non nasce senza passare attraverso l’amore di Dio. Quando diciamo che una persona ha la fortuna di avere la gloria, non ci riferiamo a un amore in solitudine o a un milionario seduto su una montagna d’oro. Ci riferiamo ad una persona che possiede completamente i legami d’amore ed è in una posizione di felicità immutabile. Neanche la gloria può esistere senza l’amore di Dio. Tuttavia, quando riceviamo l’amore di Dio dopo aver realizzato la nostra responsabilità individuale ed essere passati attraverso lo standard dello stadio di perfezione, la gloria verrà da noi automaticamente. (156-296, 4.2.1968)

Il vero amore può essere più elevato di Dio. Questo vuol dire che persino Dio vuole che il Suo partner d’amore sia milioni di volte più meraviglioso di Lui. In questo modo un oggetto del vero amore è più elevato di Dio. La stessa cosa vale anche per voi. Il vero amore significa che volete che il vostro partner sia superiore a voi. (274-22, 25.10.1995)

Il vero amore è l’amore di Dio. Quando andrete nel mondo spirituale, lì potrete percepire i colori e i sapori del vero amore. Il mondo spirituale è questo tipo di mondo. Una volta che incarneremo il vero amore, sarà possibile stabilire un rapporto con qualunque situazione. Potremo percepire tutte le situazioni. Se Dio, il Signore del vero amore, avesse dei peli sottili sul Suo corpo, persino quei peli sottili apparterrebbero al vero amore e il cielo e la terra percepirebbero immediatamente il loro più piccolo movimento. Le cose avranno questa sensibilità. Le nostre emozioni saranno in risonanza con le emozioni dell’intero universo. (304-15, 5.9.1999)

Il Dioismo insegna come gli esseri umani possono percorrere un cammino che dà loro il privilegio di salire ad una posizione persino più alta del Creatore. Il Dioismo è l’ideologia del vero amore. Non lo si può realizzare senza prima trovare il modo per sacrificare ed investire la nostra vita caduta. Questo è il motivo per cui la Bibbia ha insegnato il paradosso che quelli che cercano di salvare la loro vita moriranno e quelli cercano di dare la loro vita vivranno. (268-162, 31.3.1995)

Come ci si deve preparare prima di cercare la via dell’amore? Si deve formare un’unione d’amore con Dio, il Genitore. Solo allora ci può essere il vero amore. Questo è il centro dove può risiedere la volontà di Dio, dove un individuo si può unire a quella volontà. (103-132, 18.2.1979)

Sezione 2. Il vero amore è necessario per unirsi a Dio e ai Veri Genitori

Originariamente la mente e il corpo dovevano essere inseparabili. La mente umana doveva essere la mente di Dio e il corpo umano doveva essere il recipiente per contenerla. La caduta, tuttavia, consegnò il corpo umano al diavolo facendolo diventare suo servo.

La coscienza è l’agente di Dio dentro la mente umana. Non è egocentrica, ma esiste per la giustizia di Dio. Cerca costantemente la direzione del bene. Il corpo si ribella a questo. Cerca solo la comodità, è egoista e segue istintivamente i desideri della carne. La coscienza rimprovera il corpo e cerca di farlo sottomettere alla mente. È qui che all’interno dell’individuo avvengono sempre aspre lotte e conflitti. Nessuno, tuttavia, può conquistare il corpo senza accogliere Dio. Solo attraverso il potere del vero amore di Dio e della verità la mente può, come partner soggetto, assumere il comando del corpo come suo partner oggetto e realizzare l’ideale dell’unità con Dio. Questo è l’essere umano perfetto di cui parlano le religioni. (219-118, 28.8.1991)

Sin dall’inizio Dio era il Genitore e i nostri primi antenati erano i Suoi figli. Per manifestare il vero amore, dobbiamo raggiungere l’unità con Dio; questo è il principio. Qual è allora il principio per realizzare l’unità? L’unica strada è l’obbedienza. Il giorno in cui Dio e l’umanità diventeranno una cosa sola, tutto ciò che appartiene a Dio apparterrà a noi. Dio dimorerà in noi e noi Lo incarneremo. Solo il vero amore può farci unire con Dio. (91-220, 20.2.1977)

Quando le persone incarnano il vero amore, diventano le cellule del corpo di Dio. Diventano le membra del Dio santo e possono vivere per sempre come un solo corpo con Lui, respirando l’amore e nutrendosene. Un mondo del genere è chiamato il Regno dei Cieli. La Bibbia non parla di raggiungere l’unità attraverso il vero amore: «Io sono la via, la verità e la vita…» Qui manca l’amore. (177-149, 17.5.1988)

Una persona vera è qualcuno che vive con il vero amore. Il vero amore vivrà eternamente per il centro. Questa è l’essenza di Dio. Il vero amore è l’amore di Dio. Una persona che ama Dio per l’eternità diventerà il proprietario del vero amore. (123-328, 9.1.1983)

Il vero amore stabilisce un rapporto solo con Dio. Non ha niente a che fare con sé stesso, il proprio paese, le abitudini, i costumi, le tradizioni mondane e così via. È un amore che stabilisce un rapporto solo con Dio. A causa della caduta, il nostro amore non è potuto diventare un amore che aveva solo un rapporto con Dio. Non solo si è formato un rapporto con Satana nella famiglia, ma questo rapporto si è espanso anche alla tribù, alla società, alla nazione, al mondo e al cosmo. Tutti i costumi e le tradizioni che esistono nell’ambiente in cui nasciamo come esseri umani caduti non hanno nessuna relazione con Dio. Non avete idea di quanto sia duro rinnegare queste cose e risolvere questa situazione. (274-195, 3.11.1995)

Il vero amore può controllare persino Dio. L’unità raggiunta attraverso il vero amore dà origine al diritto di proprietà. Tutto ciò che appartiene al vostro amato apparterrà a voi. Non possiamo cambiare i nostri partner d’amore in qualsiasi luogo o in qualunque momento. La proprietà dell’amore deve essere assoluta. (281-192, 13.2.1997)

Il vero amore ha il potere di unire assolutamente la mente e il corpo di Dio. Se gli esseri umani assomigliano a Dio, non pensate che anche Lui avrà un corpo e una mente? Con che cosa si uniscono la mente e il corpo? Non con la conoscenza, il potere o i soldi; è solo il vero amore che unisce la mente e il corpo di Dio. (210-132, 17.13.1990)

Le persone sono molto avide, ma quando entrano nella sfera del vero amore di Dio, tutta la loro avidità scompare. In quella sfera d’amore c’è il diritto all’eredità e persino Dio, il soggetto dell’amore, apparterrà a loro. Non solo tutto ciò che riguarda Dio diventa loro proprietà, ma anche la Sua mente e il Suo corpo. Questo significa che dobbiamo raggiungere l’unità con Dio. (213-76, 14.1.1991)

Vero amore significa appartenere alla sfera di unità con Dio ed essere dominati da Lui, non da Satana. Non è come nel vostro dominio caduto. Voi avete ancora la forma originale della dimensione del cuore di Dio che è verticale, ma poiché avete ereditato il lignaggio sbagliato, la forma orizzontale non si trova ad un angolo di 90 gradi. Forse ne forma uno di 75 o di 15 gradi. La differenza dà origine a rimorsi di coscienza e al peso di un’amara angoscia a cui non è possibile sfuggire. (183-42, 29.10.1988)

Il vero amore è più prezioso dei diamanti. La sua antenna emette delle onde potenti e le persone si incontrano, si toccano e si baciano seguendo quella direzione. È l’antenna dei Veri Genitori. È qualcosa di prezioso che non cambia mai e non si consuma mai. Tutte le persone buone nel mondo spirituale cercano di seguire la via luminosa del loro nuovo io attraverso i Veri Genitori. (217-264, 2.6.1991)

La cosa più dolorosa di questo mondo è aver perso i veri genitori. Dobbiamo capire quanto questo sia triste. Solo allora possiamo capire com’è grande la gioia di incontrare i Veri Genitori. Ecco perché vi guido in tutti i particolari. Poiché il vero amore di Dio appare attraverso i Veri Genitori, anche il mondo angelico deve essere governato da loro, così come tutta la creazione. Ricordatevi che il mondo si trova all’interno di questa sfera d’amore.

I Veri Genitori devono mettersi nella difficile posizione di essere disprezzati e perseguitati dalle persone di questo mondo, ma anche in una posizione che è più preziosa di qualunque cosa della creazione. Anche se il mondo angelico si oppone a loro, devono superarlo e andare avanti. Persino se Dio si mette contro di loro, devono superare la Sua opposizione e andare avanti. Solo allora apparirà un nuovo ideale. (107-92, 4.6.1980)

Il vero amore non comincia da una donna, ma viene attraverso Dio e un uomo. Un uomo cerca una moglie in modo da poter piantare il seme della vita dentro di lei. In questo senso le donne sono dei recipienti, dei contenitori vuoti che assumono un valore corrispondente a quello che viene messo dentro di loro. (259-244, 10.4.1994)

Per gli esseri umani, l’amore falso ha cominciato ad esistere accanto al vero amore, ma cosa sono l’amore vero e l’amore falso? L’amore falso ci collega a Satana, mentre l’amore vero ci collega a Dio. Allora, sia gli uomini che le donne vogliono il vero amore? Originariamente non era previsto che gli esseri umani sentissero la mancanza del vero amore, ma poiché caddero, sorse il bisogno di cercare il vero amore. Questo è il problema. (189-75, 19.3.1989)

Gli uomini e le donne diventano dei re e delle regine a causa del vero amore. Se il vero amore non esistesse, il potere regale non apparirebbe. Trovate il vero amore nel punto più alto, dove due persone si incontrano e si collegano a Dio. Il matrimonio serve a raggiungere il culmine della mascolinità e della femminilità in modo da impadronirsi di Dio. Noi ci sposiamo per appropriarci di entrambi i mondi, maschile e femminile. Da soli gli uomini e le donne sono soltanto una metà, così si sposano per raggiungere la completezza. Vero amore significa diventare una sola cosa con Dio. (260-154, 2.5.1994)

Dov’è che Dio e gli esseri umani si uniscono? In un matrimonio santo. Diventano una cosa sola attorno a Dio, che è il centro del vero amore originale. Questo vuol dire che Dio entra nel cuore di Adamo e nel cuore di Eva. Il matrimonio di Adamo ed Eva è il matrimonio del corpo di Dio. È il Suo matrimonio. La posizione esteriore è il corpo, e la posizione interiore è la mente. Ecco perché Dio è direttamente nostro Padre. Il Suo amore, la Sua vita e il Suo lignaggio sono i nostri. (217-196, 27.5.1991)

Tutti i mariti e le mogli non si uniscono da origini diverse? Le nostre madri e i nostri padri sono diventati genitori mettendoci al mondo, e creando così il rapporto genitore-figlio. Tuttavia, uno degli elementi orizzontali di questo rapporto proveniva da un’altra parte. Così, anche se i mariti e le mogli si possono separare, il rapporto genitore-figlio non può mai spezzarsi. Esiste un solo rapporto verticale. Dobbiamo capire che la posizione perpendicolare è l’unico modo per ereditare il lignaggio che collega la storia umana attorno al vero amore originale tra il cielo e la terra. Perché è necessaria la posizione perpendicolare? Quando entriamo in quella posizione, la nostra ombra scompare. A mezzogiorno le ombre scompaiono, non è vero? Attualmente tra Dio e l’umanità non c’è un rapporto perpendicolare, centrato sull’amore ideale.

Allora in questo universo qual è la strada che collegherà gli esseri umani e Dio seguendo la via verticale più breve attraverso il vero amore? È il rapporto genitore-figlio. Non c’è strada più breve di quella che segue la linea perpendicolare. Se si allontana anche solo di poco, non è perpendicolare. La distanza più breve è la perpendicolare. Su questa base, il padre e la madre si collegano attraverso la distanza più breve, da est ed ovest. Poi i fratelli si collegano per la via più breve, tra davanti e dietro. Questi formano degli angoli di 90 gradi. Se si considerano le facce [o i “lati”] di un solido, ce ne sono ventiquattro. Poiché il Dio onnipotente e onnisciente ha una capacità concettuale così ideale, risiede in mezzo all’universo al centro di una sfera, formata attorno ad una serie di angoli di 90 gradi all’intersezione tra il verticale e l’orizzontale, il davanti e il dietro, la sinistra e la destra. Dio esiste centrato su che cosa? Sul vero amore. Se Glielo chiedeste, Dio direbbe che tutto consiste in questo. (198-298, 5.4.1990)

Attraverso il vero amore possiamo diventare assoluti, unici, eterni e immutabili. Quelli che si armonizzano nel vero amore possono essere nella posizione di partner di Dio. Queste persone entrano in una dimensione nella quale possono, in qualunque momento, stabilire un rapporto col Dio unico, assoluto, immutabile ed eterno. (304-286, 9.11.1999)

I membri della Chiesa dell’Unificazione hanno tra loro un rapporto più stretto che quello con i propri fratelli e sorelle. Nel mondo del futuro, il davanti e il dietro si devono unire. Poi devono unirsi i mariti e le mogli, unificando così il mondo della destra e della sinistra. Sopra e sotto, davanti e dietro, sinistra e destra si devono tutti unire. Che cosa significa? Sopra e sotto si riferisce ai nostri doveri di pietà filiale, davanti e dietro si riferisce ai nostri obblighi fra fratelli e sorelle, sinistra e destra si riferisce ai nostri doveri fra marito e moglie. Quando le persone raggiungono la perfezione in questo modo, possono salire alla posizione di Dio nel mondo spirituale e ritornare da Lui. Dobbiamo capire che solo il vero amore può realizzare questo.

La vera famiglia è un’espansione della famiglia perfetta di Adamo che è stata educata su questa formula esemplare. Così, quando questo si estende a livello mondiale, è come unire l’oriente e l’occidente, l’uomo e la donna. L’unità coniugale si deve realizzare con l’uomo come partner soggetto. Anche davanti e dietro, sopra e sotto si devono unire. Quando questo succederà, non c’è dubbio che il mondo sarà unificato attraverso il vero amore, sulla base di questi principi. (222-321, 6.11.1991)

La strada del vero amore centrata su Dio porta al Regno dei Cieli. La destinazione finale dell’amore falso si chiama inferno. Finora nessuna religione sapeva queste cose con certezza. Non si conosceva il confine fra il cielo e l’inferno. Ora è chiaro. Quando restauriamo l’amore caduto e facciamo un nuovo inizio, ecco che comincia il Regno dei Cieli. (278-30, 28.4.1996)

Sezione 3. L’oggetto assoluto dell’amore di Dio sono i nostri primi antenati, Adamo ed Eva

Nel giardino di Eden Dio creò tutte le cose nuove, e Adamo ed Eva avrebbero dovute goderle nella felicità eterna. Dio creò e contemplò Adamo ed Eva con un’emozione che Gli era sconosciuta. Ogni momento doveva essere prezioso per Lui; ogni loro movimento doveva avere una profondità indescrivibile. Nello stesso tempo, il Suo legame di cuore con loro doveva essere incredibilmente prezioso.

Man mano che Adamo ed Eva crescevano, le loro facoltà intellettuali e mentali si sviluppavano di giorno in giorno, aumentando la loro capacità di rappresentare la natura originale di Dio. Non c’è dubbio che erano qualificati a stabilire un rapporto con il mondo che Dio aveva appena creato, guardandolo, ascoltandolo e toccandolo come rappresentanti del Suo cuore.

Mentre Dio contemplava Adamo ed Eva, la Sua speranza era che i movimenti che facevano e le parole che dicevano fossero Suoi, e che ogni volta che udivano, vedevano o sentivano qualcosa, fosse come se l’avesse udita, vista o sentita Lui. Indubbiamente Adamo ed Eva, che esistevano nella sfera di questo rapporto con Dio, erano gli esseri che Dio aveva immaginato nel Suo cuore e che rappresentavano tutta la Sua esistenza.

Una volta che Dio, abbracciando tutte le cose del creato che aveva fatto per Adamo ed Eva, ebbe creato loro due, secondo voi che tipo di giorno avrebbe voluto vedere? Nel sesto giorno aveva completato l’atto di creazione. Tuttavia, il fatto che non aveva creato Adamo ed Eva in forma perfetta, voleva dire che rimaneva ancora qualcosa da fare tra loro e Lui.

La speranza di Dio non era che Adamo ed Eva rimanessero così come Lui li aveva creati, né Dio sperava solo di vederli crescere; piuttosto Egli sperava in un giorno particolare che avrebbe voluto realizzare attraverso di loro.

Il momento in cui quel giorno sarebbe arrivato, Dio, Adamo ed Eva e tutte le cose sarebbero stati pieni di gioia. Quindi non c’è dubbio che tutte le cose del creato, gli esseri umani e Dio desideravano ardentemente vedere quel giorno. (8-267, 7.2.1960)

I nostri primi antenati, Adamo ed Eva, crescevano in seno all’amore di Dio ed erano allevati sotto il Suo cuore d’amore immensamente grande e santo. Tuttavia, per quanto apparissero adorabili mentre crescevano o per quanto il loro ambiente fosse libero, c’era qualcosa che non potevano fare. Che cosa? Non era il fatto che non avevano il permesso di godere di tutte le cose del creato, o che non avevano dei servitori a fare le loro commissioni. Era che non potevano creare un legame con Dio come Suo figlio e figlia. Questo era il loro dolore.

Dio amava Adamo ed Eva, ed è per questo motivo che, dopo aver stabilito un mondo di speranza in cui avrebbe potuto sperimentare la gioia secondo l’ideale della creazione infinita, era felice di vederli usufruire liberamente di tutte le cose del mondo. Non è che Dio dava valore alla loro forma esteriore o alle circostanze esteriori; Dio aveva infuso in loro il Suo cuore e la Sua anima, e la Sua carne e le Sue ossa erano latenti dentro di loro. Il Suo cuore scorreva verso di loro, in modo che non li avrebbe potuti dimenticare neanche se avesse provato. È per questo che aveva donato a loro tutta la creazione. Dovete capirlo.

Attraverso la caduta, tuttavia, Adamo ed Eva abbandonarono Dio. Non abbandonarono la creazione, né le benedizioni che Dio aveva loro donato. Abbandonarono l’unico principio che non avrebbero mai dovuto abbandonare. Che cos’era? Era la base con cui avrebbero dovuto creare un legame di cuore con Lui. Abbandonarono la base del cuore. Questa fu la caduta.

Ogni volta che Dio osservava Adamo ed Eva, un desiderio struggente ardeva dentro il Suo cuore. Quando pensava a come avrebbero raggiunto la perfezione e vissuto una vita felice, nel Suo cuore si sprigionava un sentimento di felicità. Dio sperava che avrebbero dominato la creazione che Lui aveva creato, che l’avrebbero goduta e accarezzata come se l’avessero creata loro stessi. Questi desideri così cari al Suo cuore, tuttavia, andarono in fumo quando Adamo ed Eva caddero. Dobbiamo sapere che il peccato commesso dai nostri primi antenati fu il peccato più terribile e imperdonabile.

Dio, tuttavia, non può abbandonare gli uomini caduti in quello stato. Perché? Perché li ha creati in accordo alle Sue leggi e ai Suoi principi, i quali hanno un criterio eterno che Dio stesso non può ignorare. Dio aveva un forte desiderio di abbandonare Adamo ed Eva caduti. Abbandonarli, tuttavia, avrebbe voluto dire abbandonare i principi della Sua creazione, al cui processo aveva lavorato per sei giorni in termini biblici. Nello stesso tempo si sarebbe messo in una posizione in cui sarebbe stato costretto ad abbandonare il principio dell’eternità. Persino l’esistenza di Dio, il Soggetto dell’eternità, sarebbe stata minacciata. Sapendo queste cose, Dio iniziò la Sua provvidenza per redimere Adamo ed Eva. (9-49, 10.4.1960)

Satana stabilì un rapporto d’amore con Eva e lei a sua volta fece cadere Adamo, ossia lo dominò. Di conseguenza nel corso della storia fino ai nostri giorni un’infinità di donne hanno sofferto per mano degli uomini. Alle donne non piacerà sentir dire queste cose, ma è la realtà.

Perché, allora, Dio creò Adamo ed Eva? La Bibbia afferma: «Non sapete che siete il tempio di Dio e che lo Spirito di Dio dimora in voi?» Come mai persino le persone cadute che hanno bisogno di essere salvate si riferiscono al loro corpo come al tempio di Dio? Un tempio è un luogo dove Dio va ad abitare.

Anche se una persona caduta che ha bisogno di salvezza potesse diventare un tempio dove Dio può dimorare, l’Adamo non caduto sarebbe stato preferibile. Non pensate che Dio sarebbe entrato nel cuore di Adamo e avrebbe dimorato lì? Non c’è neanche bisogno di chiederlo; sarebbe entrato con gioia e avrebbe dimorato lì per sempre.

Allora, chi erano Adamo ed Eva? Se fossero stati degli stupidi ignoranti non avrebbero potuto esercitare il dominio sulle creature di Dio; ossia, senza possedere delle capacità simili a quelle di Colui che aveva creato il cielo e la terra, non avrebbero potuto esercitare il dominio su tutta la creazione. Chi, allora, diede a loro la capacità di esercitare il dominio? Dio. Dio sarebbe entrato nella mente e nel corpo di Adamo e lo avrebbe guidato nel modo giusto.

Da questo punto di vista Adamo, che doveva diventare il corpo di Dio, sarebbe diventato il progenitore dell’umanità. In altre parole, sarebbe stato Dio fatto carne. Per dominare il mondo della sostanza, il Dio invisibile doveva avere una forma sostanziale, ossia un corpo attraverso il quale avrebbe potuto vedere e sentire; per questo creò Adamo, affinché diventasse la Sua incarnazione.

Allora chi era Eva? Era la moglie di Adamo, la moglie della forma sostanziale. Se Adamo doveva essere il Dio fatto carne, allora Eva doveva essere la moglie del Dio incarnato. Forse rimarrete senza parole all’idea del Dio santo che prende moglie, ma Adamo era il corpo del Dio fatto carne ed Eva fu creata come la moglie del Dio incarnato.

Che cos’erano destinati a fare Adamo ed Eva? Dovevano assomigliare esattamente alla natura interiore di Dio così com’era, diventare un corpo solo e portare i frutti dell’amore. Allora i loro figli non sarebbero stati soltanto i figli di Adamo ed Eva, sarebbero stati anche i figli di Dio. Col vero amore essi avrebbero dovuto creare dei figli che sarebbero stati sia loro che di Dio.

Dobbiamo capire che l’incapacità di Adamo ed Eva di stabilire dei legami d’amore seguendo il corso normale degli eventi, diede origine ad una storia di dolore per un’infinità di generazioni. Questa è la tragica storia caduta con cui siamo alle prese oggi. (22-279, 4.5.1969)

Se Dio è il Re, allora Adamo ed Eva sono il Suo primo principe e principessa. Dobbiamo capire chiaramente che i nostri primi antenati, Adamo ed Eva, erano il primo principe e la prima principessa di Dio e che erano nella posizione di ereditare tutte le cose dell’universo. Il cielo è il luogo in cui andiamo dopo aver vissuto una vita in armonia con la dimensione di cuore della famiglia reale. Finora nessun credente o nessuna persona della storia lo sapeva.

Tuttavia, le chiese stabilite sostengono che quelli che credono in Gesù saranno subito salvati. Questa è una visione molto semplicistica. Nel mondo del cuore, la sfera del primogenito, Adamo ed Eva erano la prima generazione del figlio maggiore e della figlia maggiore. Erano la prima generazione di veri genitori e la prima generazione di figure centrali nel Regno di Dio sulla terra. Se i discendenti reali di quel re fossero ancora vivi sulla terra, come sarebbe il mondo oggi? Tutto era stato preparato sulla base dell’ideale di Dio, ma attraverso la caduta Satana divise l’umanità in centinaia e migliaia di gruppi etnici e nello scompiglio della lotta assunse il controllo delle monarchie. Questo è il risultato della caduta. (228-169, 27.3.1992)

Dio, che esiste come il Soggetto invisibile dalle caratteristiche duali, manifestò la Sua mascolinità interiore per diventare sostanzialmente visibile attraverso Adamo come Sua controparte, e manifestò sostanzialmente la Sua femminilità interiore attraverso Eva. In altre parole, il corpo umano rappresenta la proiezione e la manifestazione sostanziale della natura interiore di Dio. (143-80, 16.3.1986)

Eva distrusse l’ideale originale sia per Adamo che per sé stessa. Per questo motivo era necessario che Maria, che rappresentava Eva caduta, restaurasse l’Eva che poteva diventare la moglie di Gesù, venuto come secondo Adamo. Questa restaurazione non poteva essere realizzata solo da Maria. Poiché l’arcangelo aiutò Dio a creare Eva per Adamo, era necessaria anche una figura di tipo arcangelo che aiutasse nella ri-creazione di Eva secondo il modello del secondo Adamo. Ecco in che modo Eva avrebbe potuto essere restaurata.

Poi Gesù e l’Eva restaurata si sarebbero dovuti unire. Se coloro che erano nella posizione dei servi, nella posizione dell’angelo e dell’arcangelo avessero restaurato una figlia in posizione di Eva facendo capo a Gesù in posizione di Adamo, questa figlia non sarebbe forse stata la figlia di Dio senza rapporti con la caduta? Maria e Giuseppe avrebbero dovuto benedire questa figlia di Dio con Gesù. Questa sarebbe stata l’unione della figlia e del figlio di Dio.

Poiché Eva causò il problema del rovesciamento del dominio, le donne devono assumersi la responsabilità per questo. Maria doveva restaurare l’arcangelo, Adamo, e restaurare anche Eva alla posizione in cui si trovava prima della caduta. Doveva fare tutte queste cose. Ecco perché le donne devono rovesciare il dominio. Il compito di Maria non si limitava semplicemente a restaurare queste tre figure; Maria doveva anche riconquistare il cuore di Dio.

Così facendo, avrebbe realizzato la volontà di Dio e lo scopo dell’umanità. È qui che possiamo trovare il punto d’inizio della realizzazione del Regno dei Cieli, che ha rappresentato la volontà di Dio e il desiderio dell’umanità per più di 4.000 anni. Questo è stato dunque lo scopo di Dio e dell’umanità.

Quando Adamo ed Eva si uniscono e realizzano perfettamente il loro amore, questo forma il punto di partenza perfetto. Quindi bisogna assolutamente realizzare il rovesciamento del dominio. (38-70, 1.1.1971)

Se Adamo ed Eva non fossero caduti, avrebbero creato una famiglia della quale Dio avrebbe potuto gioire. Nello stesso tempo, sarebbe stata la base con cui i nostri primi antenati avrebbero potuto sperimentare la felicità più grande. Non avrebbero visto o provato nessun dolore, delusione o dispiacere. Invece avrebbero sperimentato solo la gioia e la felicità nutrendo la speranza di un futuro eterno; avrebbero sperimentato la sovranità di Dio nella dimensione del Suo dominio diretto. Ma tutto questo fu rovinato dalla loro caduta.

Perciò queste cose devono essere restaurate; tuttavia la restaurazione non può mai avvenire in una maniera qualsiasi, deve essere fatta in modo conforme al principio di creazione. Poiché questa è la regola, potete vedere che la storia della restaurazione è stata la storia della ri-creazione. L’arcangelo, Eva, Adamo e Dio erano insieme nel giardino di Eden. In altre parole, l’Eden aveva la sua base delle quattro posizioni centrata su Dio. Poiché la caduta avvenne in quel luogo, la restaurazione deve avvenire attraverso il principio della ri-creazione. Così gli uomini sono stati responsabili della storia della restaurazione fino ad oggi. (46-196, 15.8.1971)

Poiché il popolo ebreo non lo accettò, Gesù decise di sacrificarsi da solo per il bene della nazione e del mondo. Dovette lasciare la sua famiglia e condurre una vita solitaria. Tuttavia, ricevette l’amore di Dio. Alla fine, dovette sacrificarsi come il fratello che non era caduto per la salvezza di Adamo ed Eva caduti.

Tutte le persone erano nella posizione di Adamo ed Eva caduti. Gesù si sacrificò per loro diventando un’offerta. Non maledì quelli che cercavano di ucciderlo, anzi pregò per loro e supplicò Dio di benedirli. Ecco come poté essere nella posizione di mediatore fra Dio e Adamo ed Eva caduti. Gesù morì come l’Adamo che non era caduto. Seguì il corso modello per la salvezza di tutta l’umanità. È in questo modo che divenne un rappresentante di Adamo e chiunque lo avesse seguito avrebbe potuto essere salvato. (52-66, 22.12.1971)

Se Adamo ed Eva fossero diventati maturi e avessero raggiunto la perfezione, si sarebbero uniti nell’amore coniugale. Si sarebbero dovuti amare reciprocamente non solo in senso fisico ma anche in senso spirituale. In quella posizione Adamo avrebbe potuto stabilire un’unità verticale con Dio, suo Padre, e anche Eva si sarebbe potuta unire a Dio in posizione di Sua figlia. La posizione che Adamo ed Eva desideravano ardentemente raggiungere a quel tempo era quella dell’unità. Lì Dio ed Eva si sarebbero uniti e avrebbero desiderato Adamo.

Sul piano orizzontale ci sono Dio e Adamo, nonché Dio ed Eva; tutti e tre ardono dal desiderio di essere completamente uniti. Allora, dove si sarebbero incontrati? Lassù o quaggiù? No. Si sarebbero riuniti insieme a livello orizzontale e sarebbero diventati una cosa sola. Se Adamo ed Eva si fossero uniti a livello orizzontale, che ne sarebbe stato di loro? Sarebbero diventati un corpo solo e nulla li avrebbe potuti separare.

Solo dopo che questo è stato realizzato viene il desiderio dell’amore. Per gli uomini e le donne questa è l’unica strada, l’unico scopo. Questo è l’unico luogo dove Dio e Adamo, e Dio ed Eva vogliono essere insieme, quindi è la posizione più alta. Se Dio e Adamo, e Dio ed Eva non possono unirsi, non possono occupare quella posizione. In questo caso il rapporto di dare e avere fra Adamo ed Eva, con Dio al centro, avrebbe cominciato a farsi più distante.

Da questa prospettiva, vediamo che Dio non crea solo verticalmente ma anche orizzontalmente. Questo è l’ideale di creazione per Adamo ed Eva, ed è l’ideale di Dio. Quando ognuno di loro si unisce a Lui, nessuno può dire di essere più alto dell’altro. Il più alto e il più basso non esistono. L’unica cosa che esiste è la perfetta unità. Tuttavia, per tutta una serie di ragioni, la distanza fra Dio ed Eva e fra Dio ed Adamo divenne più grande. (52-261, 2.1.1972)

Se Adamo ed Eva fossero diventati maturi e si fossero sposati, si sarebbero uniti nel dominio dell’amore diretto di Dio. Qui chi è il centro? Dio. Quando succede questo, gli esseri umani diventano il corpo di Dio che assume una forma sostanziale. Se Adamo ed Eva si fossero uniti in questo modo, sarebbero diventati il corpo di Dio, i genitori dell’umanità e il centro per Dio. Se Dio, per quanto onnisciente e onnipotente, si mettesse a sperimentare la gioia senza un partner, diremmo che è matto.

Davanti al Dio assoluto noi creature umane siamo esseri relativi. Dobbiamo unirci come un corpo solo attraverso l’amore assoluto. Se Dio, Adamo ed Eva fossero diventati un solo corpo, i figli nati attraverso Adamo ed Eva sarebbero stati nello stesso tempo i loro figli e i figli di Dio. Se questo fosse successo, come figli di Dio essi avrebbero stabilito sulla terra una famiglia, una tribù, un popolo, una nazione e un mondo. Poiché non ci sarebbe stato nessuno a spezzare il loro rapporto basato sull’amore eterno di Dio, la loro nazione sarebbe diventata il regno sulla terra fondato sul Suo amore. (54-64, 11.3.1972)

Se Adamo ed Eva non fossero caduti, si sarebbero amati l’un l’altro, ma si sarebbero amati al posto di Dio. Quindi la loro vita di ogni giorno avrebbe manifestato la vita di Dio. Se a loro fosse piaciuto qualcosa, anche Dio, interiormente, l’avrebbe gradita. Se fossero stati tristi, anche Dio interiormente avrebbe provato tristezza, perché l’amore sarebbe appartenuto sia a Lui che a loro. Essendo un solo amore, non poteva essere che così. (95-248, 4.12.1977)

In origine, se non ci fosse stata la caduta, non ci sarebbe stata un’ala sinistra e un’ala destra. Sarebbero state unite. Non ci sarebbe stato nessun bisogno del pensiero dell’headwing e del Dioismo e tutti sarebbero andati direttamente in cielo. Non ci sarebbe stato nessun bisogno di un salvatore. A cominciare da Adamo ed Eva, le persone sarebbero andate direttamente al cospetto di Dio e nulla avrebbe potuto indurle a prendere un’altra strada. Tutti sarebbero andati direttamente in cielo. Se Adamo ed Eva non fossero caduti, le persone andrebbero in cielo come principi e principesse del Regno di Dio. Adamo ed Eva dovevano diventare gli eredi reali di Dio, ma poiché caddero questo non fu possibile.

Chi sono Adamo ed Eva? Sono il corpo di Dio. Eva è la moglie sostanziale di Dio. Dio, essendo spirituale, è il Padre verticale e perpendicolare. La vostra mente possiede uno standard originale che vi permette di ereditare la linea di sangue di questi due genitori. Così, se non fosse stato per la caduta, la vostra mente sarebbero eternamente immutabile.

Il Creatore, come Genitore verticale, creò i genitori orizzontali quali Suoi partner dell’amore verticale. Per questo motivo Adamo ed Eva sono i partner eterni di Dio nell’amore. Sono i Suoi partner. Dio disse di essere l’Alfa e l’Omega. Poiché il loro amore ha avuto inizio da Dio, quando ritornano a Lui, diventano i Suoi amici. Alla fine, hanno bisogno di ritornare a Dio. (227-274, 14.2.1992)

Chi fu il centro della vita coniugale di Adamo ed Eva? Dio fu coinvolto in questo? Misero al mondo dei figli oppure no? Sì. Diedero nascita a Caino e Abele. Caino e Abele nacquero dopo che Dio aveva detto: «Ehi, Adamo ed Eva, voglio che viviate insieme e che generiate dei figli»? Oppure essi nacquero dopo che Adamo ed Eva avevano cominciato a vivere per conto loro? Successe proprio così. Se fecero questo per conto loro, chi era contento? Satana era soddisfatto. Adamo ed Eva si sposarono centrati su Satana. Questo non si può negare. (234-299, 27.8.1992)

Se la penisola coreana è la nazione Adamo, il Giappone è la nazione Eva. Perché la Corea è la nazione Adamo? In termini geografici, la penisola coreana ha un aspetto simile a quello dell’organo sessuale dell’uomo. La penisola italiana è esattamente così. Il mar Mediterraneo corrisponde all’organo sessuale della donna e l’Italia corrisponde all’organo sessuale dell’uomo. Come tali si devono unire. La civiltà non può mai allontanarsi da una simile regione. Una volta che una particolare cultura si stabilisce lì, non se ne può andare. Questo perché la sua posizione è come quella che è alla base dell’amore. In tutti gli aspetti geopolitici, Roma e il Mar Mediterraneo sono simili all’unione tra un uomo e una donna.

Sta arrivando l’era di una cultura unita in nome del padre e della madre. Poiché Roma e il Mar Mediterraneo saranno nella posizione di recuperare quello che fu perso quando Adamo ed Eva caddero, le nazioni limitrofe sono nella posizione dei tre arcangeli che furono persi insieme a loro. Corrispondono ad Adamo, ad Eva e ai tre arcangeli. I tre arcangeli attorno alla Corea erano la Cina, la Russia e gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti erano l’arcangelo dal lato celeste e la Russia e la Cina erano gli arcangeli dal lato satanico. La stessa cosa vale per Taiwan e l’India. Ciò significa che questi paesi sono in quelle posizioni.

Quando Adamo ed Eva persero la loro famiglia, persero loro stessi, e caddero anche i tre arcangeli. Bisogna restaurarli. Così quello che il Vaticano non riuscì a fare sulla penisola italiana deve essere realizzato sulla penisola coreana. Il Vaticano aveva un ruolo significativo da svolgere per preparare il ritorno del Signore, ma fallì. (235-80, 29.8.1992)

Il Giappone è una nazione dal lato di Satana. Il paese di Amaterasu-omikami [la dea del sole adorata in Giappone] deve essere completamente ribaltato per diventare la nazione Eva dal lato del cielo. Il diritto del secondo figlio deve essere preso e restituito alla seconda generazione, anziché ai giapponesi. La Corea e il Giappone, come nazioni che rappresentano Adamo ed Eva, sono una cosa sola. Bisogna unirle. Quando il Giappone decretò l’annessione della Corea, tentò di unificare i due paesi con la forza delle armi. Io li unirò con l’amore in un ambiente libero.

Nel Giardino di Eden con una femmina e cinque maschi, Adamo non avrebbe dovuto stupidamente lasciarsi portare via la sua donna. Io sto restaurando Eva abbracciando i suoi figli. Poiché li ho benedetti, lei non mi può abbandonare.

Il Giappone stesso deve fare questo lavoro a livello nazionale.

Così, quando apparirà una nazione Eva che rappresenta il mondo, e le nazioni Adamo ed Eva si uniranno, anche gli Stati Uniti – un paese di tipo arcangelo – si uniranno e le tre nazioni diventeranno una cosa sola. (265-178, 20.11.1994)

Nel termine era del Completo Testamento, “completo testamento” implica la ri-creazione di Adamo ed Eva e la perfezione della loro famiglia, ossia il testamento è completato.

Per ritornare al modello originale di Adamo ed Eva, la progenie della caduta – l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione, i cinque miliardi di persone del mondo e persino l’infinità di antenati del passato che sono andati nel mondo spirituale – sono tutti coinvolti. Per quanto le persone del passato siano state leali e devote nell’amare Dio, quella lealtà e quella devozione sono passate e non saranno all’altezza dell’era del Completo Testamento.

Poiché Dio creò Adamo e poi creò Eva sul modello di Adamo, deve assumersi la responsabilità di ricrearli. Dio deve ricreare Adamo e la terra deve ricreare Eva. Poi, come Eva perse i suoi due figli Caino e Abele, la terra deve fare ciò che è necessario per ristabilirli. Poiché il seme è stato seminato, deve essere raccolto. Abele e Caino stanno rispettivamente alla destra e alla sinistra della loro madre formando un triangolo.

Questo deve essere fatto sulla terra. E come si deve fare per realizzare la liberazione? Poiché Caino e Abele furono seminati individualmente da Adamo ed Eva, questo dev’essere indennizzato a livello mondiale. (244-233, 14.2.1993)

Chi ha posto la pietra d’angolo del vero amore, Dio o gli esseri umani? La risposta è Dio. Prima di creare gli esseri umani, Dio creò i minerali, le piante, gli insetti e ogni altra cosa. Nella Bibbia leggiamo che Dio creò gli esseri umani proprio alla fine e che l’ultimo essere creato fu Eva.

Così, alla fine, a chi deve essere legato Dio? Deve essere legato alle donne. Dio ha posto la pietra angolare affinché Adamo ed Eva potessero unirsi sulla terra. Devono diventare una cosa sola. E poi, dove devono andare e dove si devono unire centrandosi sul più e il meno orizzontali? L’uomo e la donna si uniscono insieme attraverso le parti convesse e concave.

Poiché Dio è un essere di cuore, entra nel cuore di Adamo con la Sua natura interiore e nel cuore di Eva con la Sua forma esteriore, poi essi tengono la loro cerimonia nuziale. In definitiva è la stessa cosa di come quando la nostra mente e il nostro corpo si uniscono.

Quando Dio e la nostra mente si uniscono, questo ci mette nella stessa posizione di quando si uniscono il nostro spirito e la nostra carne. L’uomo e la donna, ognuno unito nello spirito e nella carne, quando si sposano si uniscono a Dio. Nella cerimonia nuziale una coppia si unisce in un momento di un giorno. Così è il matrimonio di Adamo ed Eva, ma nello stesso tempo è anche il matrimonio di Dio.

Questa è l’azione di origine-divisione-unione. Quando quello che era diviso a partire dall’origine si unisce insieme, questo non avviene solo con una persona. L’unione non inizia semplicemente da Adamo ed Eva, ma da Dio. (269-125, 9.4.1995)

La rotazione di una linea orizzontale attorno a un asse verticale genera una superficie e Adamo ed Eva assumono un aspetto identico interiormente ed esteriormente all’interno di quell’area, con al centro il vero amore di Dio. Così, stabilendo il loro primo rapporto d’amore nella posizione di primi antenati, questi esseri fisici, la cui permanenza qui è temporanea, raggiungono l’unità con il Dio interiore che vive eternamente. Ereditando il lignaggio della mente e del corpo di Dio, i loro figli ricevono tutti i criteri della perfezione di Dio e di Adamo. Poiché Dio vive eternamente, anche le persone vivono eternamente. È da qui che nasce la logica della vita eterna.

Per questa ragione, senza l’amore le persone non possono ereditare l’immagine di Dio e Dio non può ereditare la forma esteriore dell’essere umano, la forma esteriore che è il Suo corpo. Ecco com’è importante l’amore. Quindi, per realizzare l’ideale dell’amore di Dio, è assolutamente necessario che ci sia un partner oggetto assoluto di fronte al partner Soggetto assoluto. I partner oggetto sono Adamo ed Eva.

Qui, quello che esisteva come l’immagine interiore è stato diviso in forme sostanziali e poi si unisce di nuovo attraverso l’amore di Adamo ed Eva perfetti. Alla fine, dunque, Dio che è l’essere sostanziale di natura spirituale entra lì interiormente, mentre Adamo ed Eva, che sono gli esseri sostanziali di tipo fisico, si uniscono nell’amore. Qui Dio viene ad assumere la forma esteriore di Adamo, e Adamo viene ad assomigliare all’immagine interiore di Dio mentre si stabilisce sulla terra. Questa è la base della famiglia. Dovete saperlo. Questi sono gli elementi fondamentali dell’universo. (294-244, 5.8.1998)

Sezione 4. La vera famiglia è la base fondamentale del vero amore

Dio creò Adamo ed Eva nel vero amore. Adamo ed Eva sono gli esseri sostanziali formati dall’incarnazione della Sua natura interiore e della Sua forma esteriore. Attraverso la loro creazione, il carattere interiore e la forma esteriore invisibili di Dio si manifestarono in una forma sostanziale. Questo è il motivo per cui essi devono crescere e si devono unire a Lui. Se Adamo ed Eva fossero diventati perfetti, la loro mente e il loro corpo si sarebbero uniti in modo naturale. La caduta, invece, creò un conflitto fra la loro mente e il loro corpo. Le persone finora non lo sapevano. Se Adamo ed Eva avessero raggiunto la perfezione secondo l’ideale di creazione di Dio, la mente e il corpo non sarebbero in conflitto. Il fatto che dentro di noi c’è un conflitto è di per sé una ragione che porta le persone a negare l’esistenza di Dio. (238-29, 19.11.1992)

Nessuno può realizzare il vero amore da solo. Ci deve essere un partner. Non vorreste che il vostro partner fosse migliore di voi? Tutti vogliamo che i nostri figli siano migliori di noi. Questo cuore viene da Dio. Dobbiamo capire che anche Dio vuole che i Suoi partner d’amore siano migliori di Lui. Il nostro desiderio che il nostro partner d’amore sia migliore di noi in senso orizzontale e verticale ha origine da Dio. (203-103, 17.6.1990)

La mente e il corpo della donna e dell’uomo si incontrano per raggiungere l’unità e diventare la forma esteriore di Dio. Quando questo succede, Dio può risiedere nel centro e stabilirsi lì eternamente. Attraverso i tre stadi dell’azione di origine-divisione-unione, la mente e il corpo formano l’ideale dell’unità. L’unione d’amore genera la sfera di unità del mondo ideale, sia verticalmente che orizzontalmente. Tutto è unificato nel concetto di unità tra la mente e il corpo.

La famiglia che si stabilisce come la forma sostanziale di Dio sulla terra e si moltiplica attraverso l’unione d’amore diventa la famiglia di Dio, la Sua progenie, i Suoi cittadini e il mondo. Quando questo succede, il conflitto causato dalla caduta scompare all’istante.

Poiché questa famiglia è unita alla natura interiore di Dio, l’amore di Dio risiede lì naturalmente e qualsiasi conflitto fra l’uomo e la donna scompare. I membri di questa famiglia possono amarsi gli uni gli altri spontaneamente, senza conflitti. Dio risiede lì e diventa un essere simile alla mente. Il marito e la moglie saranno i Suoi esseri corporali, e così si raggiunge l’unità. (294-313, 9.8.1998)

Una vera coppia è formata da un uomo e da una donna uniti insieme nel vero amore come l’incarnazione della vera vita. Una coppia così è una vera coppia. La società deve essere collegata da questo tipo di rapporti. Le dimensioni formate dall’espansione orizzontale di questo cuore fraterno sono la vera società, la vera nazione e il vero mondo. Ognuno vuole essere un rappresentante dell’universo. Poiché rispetto ai rapporti di vero amore tutti sono uguali, quelli che vanno contro questo principio alla fine non avranno un posto dove stare. Le labbra si uniscono seguendo il vero amore. Noi siamo il risultato della vita, dell’amore e della linea di sangue. (190-214, 19.6.1989)

La prima patria del vero amore è una vera famiglia. Che cos’è una vera famiglia? È una famiglia con un vero padre, una vera madre, un vero marito, una vera moglie e dei veri figli. Questa è la base per una famiglia di vero amore. (215-243, 20.2.1991)

Se i genitori, spinti dal vero amore, investono nei loro figli e si sacrificano senza limiti per loro, quei figli proveranno un’immensa gratitudine per aver ricevuto quel vero amore e i loro genitori proveranno una grande gioia in cambio del loro sacrificio. In questo modo, la forza del vero amore che si sacrifica dà inizio ad un’azione di dare avere che stabilisce un rapporto eterno di gioia e di pace nella vera famiglia e nel mondo. È qui che si manifesta il mondo ideale della vita eterna.

Al contrario, la famiglia, la nazione e il mondo che sono privi di questo vero amore non sono altro che un guscio vuoto e diventeranno il terreno di coltura di ogni genere di sfiducia, ostilità e immoralità.

È nella vera famiglia che il nostro amore puro e vero cresce e raggiunge la perfezione. La vera famiglia è lo stadio iniziale in cui il vero amore dei genitori, il vero amore coniugale, il vero amore filiale e il vero amore fraterno sono messi in pratica e insieme giungono a maturazione. La vera famiglia è l’essenza fondamentale di un mondo di pace perché è lì che impariamo il vero amore di Dio attraverso il vero amore dei genitori; è lì che ci alleniamo attraverso il vero amore fraterno a conquistare il vero amore universale per la vera nazione e per tutta l’umanità del vero mondo. E non solo, la vera famiglia è l’unità fondamentale del collegamento storico perché è attraverso il vero amore trasmesso da genitore a figlio che le generazioni del passato, del presente e del futuro sono collegate insieme in un sistema costante di valori del vero amore. (288-199, 28.11.1997)

Come sarebbero felici i vostri nonni di dare la loro vita per amore dei vostri genitori? Inoltre, i genitori come sarebbero felici di amare i loro figli anche a costo della loro vita? Voi dite che siete disposti a morire per l’amore, ma il vero amore si realizza quando un nipote muore per il nonno. Possiamo concludere che una vera famiglia è una famiglia che è l’esempio di questo amore disposto al sacrificio fra nonni e nipoti, genitori e figli, fratelli e sorelle, e marito e moglie. (162-140, 5.4.1987)

Qual è la cosa che Dio ama più di tutto? Dio ama più di tutto il vero amore; il modello di reciprocità che piace di più al vero amore è la famiglia di Adamo ed Eva. Questa famiglia fu posta nella posizione ideale, la posizione di Dio. (263-177, 23.8.1994)

La via del vero amore che io vi insegno – la via che l’uomo e la donna di vero amore, la vera famiglia, la vera nazione e il vero mondo devono percorrere – è assoluta. C’è solo una strada, non due. La famiglia è il manuale del vero amore che vi insegna a stabilire un rapporto con tutta l’umanità. (135-158, 12.11.1985)

Cosa devono fare le coppie che hanno ricevuto la Benedizione se litigano? Devono chiamare i loro figli fisici e poi i loro figli spirituali per chiedere il loro perdono perché i primi rappresentano Abele e i secondi rappresentano Caino. Essendo andati contro la tradizione che Caino e Abele devono seguire, non hanno fatto unire Caino e Abele, anzi hanno fatto il contrario e quindi si devono pentire davanti a loro. Questo tempo verrà. Abbiamo un destino comune. Quando i figli fanno qualcosa di sbagliato devono ricevere il perdono dei loro genitori. Se il marito, il padre, fa qualcosa di sbagliato, deve supplicare i figli e la moglie di perdonarlo. Questa è la vera famiglia centrata sul vero amore. (135-38, 20.8.1985)

Lo scopo della religione è andare alla ricerca di Dio e dei Suoi insegnamenti. Non è Dio ma gli esseri umani che mettono in pratica questi insegnamenti. Mentre andiamo alla ricerca dell’amore reciproco, la domanda è dove faremo stabilire questo amore. Non è nella chiesa o nel mondo; è nella famiglia, da nessun’altra parte. Dobbiamo piantare il seme del vero amore nella famiglia, in modo che il mondo diventi l’espansione di una vera famiglia. In questo contesto non c’è nessun concetto di religione. Non ci sarà nemmeno bisogno della via spirituale della (天地正敎) Tenchi Seikyo. (259-62, 27.3.1994)

CAPITOLO II – Il Regno di Dio e la Vera Famiglia

Sezione 1. L’ideale di creazione di Dio è la realizzazione della base delle quattro posizioni e della vera famiglia

Originariamente Dio aveva l’intenzione di creare tutte le cose in cielo e sulla terra e poi di portarle alla perfezione attraverso gli esseri umani. In questo modo si sarebbe stabilita la dignità di Dio e del genere umano in rapporto alla creazione. Possiamo concludere che questo avrebbe portato naturalmente alla perfezione degli esseri umani e alla realizzazione dell’ideale di creazione di Dio. Se questo fosse successo, Dio avrebbe avuto l’autorità come il centro di tutto il creato, gli esseri umani si sarebbero uniti come Suoi figli, e il mondo del Suo ideale si sarebbe realizzato sulla terra.

Se fosse stato così, l’umanità non avrebbe avuto inizio col dolore di Dio, ma con la Sua gioia. Dio avrebbe lodato l’autorità degli uomini in uno stato di gioia ed essi avrebbero visto come Dio li teneva in grande considerazione, e a loro volta Lo avrebbero lodato. Allora Dio e l’umanità avrebbero condiviso un destino comune. (92-145, 1.4.1977)

Dio non voleva soltanto esercitare il dominio sulla creazione attraverso i nostri primi antenati, Adamo ed Eva, ma anche realizzare una famiglia d’amore. Nella Chiesa dell’Unificazione questo modello è definito come il completamento della base delle quattro posizioni. In definitiva la volontà di Dio è realizzare il Suo ideale di creazione ossia, in termini concreti, completare la base delle quattro posizioni.

Allora, che cos’è la base delle quattro posizioni? È che Adamo ed Eva perfetti, come figlio e figlia di Dio, siano benedetti nel Suo amore per diventare il marito e la moglie che Dio desidera. Poi devono allevare dei figli portandoli alla perfezione, perché i figli sono necessari per realizzare la famiglia desiderata da Dio. (80-268, 2.11.1975)

La volontà di Dio si compie realizzando il Suo ideale di creazione. Allora, qual è l’ideale di Dio? Certo, creare tutte le cose fa parte del Suo ideale, ma Dio voleva anche realizzare questo ideale attraverso Adamo ed Eva. Che cos’è la perfezione dell’ideale di creazione di Dio, la realizzazione della Sua volontà? Il Suo ideale di creazione e la Sua volontà si realizzano quando la base delle quattro posizioni è completata con al centro Dio e il Suo amore. In altre parole, dovete sapere chiaramente che la realizzazione della volontà di Dio implicherà sempre un ambiente d’amore in una base delle quattro posizioni centrata sul Suo amore. (102-174, 24.12.1978)

Una base delle quattro posizioni si sviluppa in tutte e quattro le direzioni – nord, sud, est e ovest. Se togliete l’amore non rimane nulla. Quell’amore non appartiene solo ad Adamo ed Eva; tutti e due si devono collegare all’amore di Dio da una posizione di unità. Il loro amore coniugale sarà lì, includendo nello stesso tempo l’amore dei loro figli.

Il termine “scopo dei tre oggetti” che usiamo comunemente, dal punto di vista di Adamo identifica come suoi oggetti Dio, sua moglie e i loro figli. Questo termine si riferisce ad una sfera di dodici oggetti, perché tre per quattro fa dodici. Si riferisce anche ai tre oggetti di ciascuna delle quattro posizioni con al centro l’amore.

Finora, tuttavia, le persone di fede non sapevano che realizzare l’ideale di creazione di Dio sulla base del Suo amore avesse un significato così grande. Il compimento della volontà di Dio e la realizzazione del Suo ideale vengono con il completamento della base delle quattro posizioni. Cosa succede quando la base delle quattro posizioni è completata? Il cielo e la terra trovano la loro giusta posizione e si stabiliscono per la prima volta. Il cielo forma un asse superiore e la terra un asse inferiore, e tutto si può unire attorno a loro.

In questo caso i figli hanno bisogno di avere una forma sul piano orizzontale che permetta loro di unirsi in direzione dell’asse nel centro, salire verso quel centro, formare un cerchio e alla fine creare una sfera d’amore ideale. (170-62, 8.11.1987)

Tutto deve passare attraverso una linea centrale. Perché il naso umano scende in senso verticale dall’alto verso il basso? Perché il centro non dev’essere perso. Nel volto vediamo che gli occhi simboleggiano Dio e la bocca simboleggia tutte le cose del creato. Ecco perché abbiamo trentadue denti. Quattro per otto fa trentadue. Questo si riferisce al numero dell’intera creazione. Il numero quattro rappresenta il nord, il sud, l’est e l’ovest, mentre otto rappresenta tutti i numeri. Usato per moltiplicare, quattro per otto fa trentadue; questo simboleggia l’intera creazione e significa che dovremmo mangiare tutte le cose del creato. Quando parliamo, la nostra bocca inspira quello che è esterno ed espira quello che è interno. Tutto si realizza attraverso la base delle quattro posizioni basata sulla legge del dare e avere. (174-220, 1.3.1988)

La base delle quattro posizioni è una sfera d’amore che combina l’amore orizzontale e verticale. Solo attraverso questo, i genitori possono prendere il loro giusto posto. Solo essendo dei genitori, possono prendere il loro posto come rappresentanti fisici di Dio. Dio concesse agli esseri umani il potere di allevare dei figli in modo che potessero sperimentare fisicamente la gioia che Lui aveva sperimentato spiritualmente quando creò Adamo ed Eva. Questo è l’ideale di creazione di Dio. (64-33, 22.10.1972)

Se, unendosi a Dio, Adamo ed Eva avessero sperimentato l’amore, questo amore sarebbe stato l’amore di Dio e quella base delle quattro posizioni sarebbe stata centrata su Dio. I figli devono crescere in questo amore e i rapporti fra loro devono essere reciproci, con Dio come punto centrale. Ma se i genitori mettono semplicemente al mondo dei figli e poi non fanno nulla per educarli, non servirà a niente. I figli devono essere educati. Devono crescere. E mentre crescono i ragazzi devono prendere la strada verso destra e le ragazze quella verso sinistra. (233-75, 30.7.1992)

La base delle quattro posizioni nella nuova era inizia con i figli e le figlie di Adamo ed Eva. Così, se Adamo ed Eva si sposano e si moltiplicano, alla fine creeranno la sfera della base delle quattro posizioni. E come entreranno in questa dimensione? Si crea una sfera di relazioni reciproche attorno al cuore originale di Dio e alla famiglia ideale che Dio desidera.

Nella base delle quattro posizioni ci sono tre livelli? Sì: Dio, Adamo ed Eva e i loro figli. In questo caso è uno sviluppo verticale. Questo deve essere sviluppato sul piano orizzontale. Scendendo sulla terra orizzontalmente, l’elemento verticale usa questa come una base per espandersi in un’infinità di esemplari paralleli. Questo diventa il modello.

Affinché la base delle quattro posizioni, che era l’ideale di Adamo, possa svilupparsi in tutto il mondo, bisogna stabilire questo tipo di tradizione familiare. Senza far questo, non ci può essere nessun legame orizzontale; quindi non dovete considerare questi punti come separati. Se Adamo ed Eva si sposano e vivono insieme, significa che Dio sta alla loro destra e i loro figli alla loro sinistra; sono uniti. Dobbiamo capire che i tre sono una cosa sola. (240-14, 11.12.1992)

Dal punto di vista orizzontale, Adamo è il figlio maggiore, Gesù è il secondo figlio e il terzo figlio è l’Adamo perfetto. In termini verticali, il terzo figlio è la terza generazione. Così la posizione del nonno è la prima generazione, la posizione del padre è la seconda e il figlio o il nipote è la terza. Se questo viene invertito, il nipote sarà nella posizione del nonno. Diventeranno nonno, padre e nipote, in senso inverso. Così potrete entrare nel Regno di Dio completando la base delle quattro posizioni – la sfera delle tre generazioni – attraverso di me praticando l’obbedienza assoluta. Questa è la restaurazione tramite indennizzo. (258-208, 17.3.1994)

L’ideologia Juche (soggetto) della Chiesa dell’Unificazione è un’ideologia basata su Dio. In questo sistema di pensiero ci devono essere tre livelli in termini del suo ordine strutturale. Così, ci sono i genitori, i coniugi e i figli. La nostra ideologia Juche è la sfera dell’amore ideale che è in grado di legare il suo centro a Dio ed espandere l’ideale della base delle quattro posizioni.

L’amore ha in sé una forza che gli permette di espandersi. Quando è compresso crea unità. Se vogliamo legarci a degli ideali che si possono espandere e vogliamo vivere una vita che abbraccia tutta l’umanità, dobbiamo espandere il nostro amore. In questo modo l’espansione dell’amore è la moltiplicazione della popolazione umana, è l’espansione orizzontale di due persone, Adamo ed Eva. Così, per riassumere in poche parole l’ideologia della Juche, Dio è il Soggetto assoluto in tutti i rapporti d’amore, poi vengono i Veri Genitori, poi viene la vostra coppia. Voi e il vostro sposo diventate i rappresentanti dei Veri Genitori e mettete al mondo dei figli al loro posto. Questa è la base delle quattro posizioni. (164-93, 26.4.1987)

La base delle quattro posizioni si riferisce all’origine del vero amore centrato sui genitori. Poi si riferisce alla perfetta unità tra i genitori e i figli nell’amore. Questa unità non è temporanea, ma eterna e nello stesso tempo è anche assoluta. L’origine di questo amore è unica, immutabile e assoluta. Tuttavia, l’amore non esiste soltanto in Dio o solo nel padre o nella madre. Si realizza sulla base della famiglia – una vera famiglia!

In questo tipo di famiglia fondata sull’amore, la fedeltà richiede che l’amore sia assoluto. È assoluto in tutti i suoi rapporti. L’invasione anche di uno solo di questi rapporti non può essere consentita perché significherebbe la distruzione di tutti quanti. Così ciascun membro della famiglia nella base delle quattro posizioni deve proteggersi dalla possibilità che l’amore sia attaccato, fino al punto di sacrificare sé stesso. La cosa più terribile è che la base dell’amore venga distrutta. Quest’unico nucleo familiare si espande per diventare il mondo.

La famiglia di Adamo deve dar nascita alla famiglia del figlio. Poi la famiglia del figlio e la famiglia dei genitori si devono unire. Quando si formano queste basi delle quattro posizioni, alla fine diventeranno basi delle quattro posizioni nel mondo spirituale. (106-57, 9.12.1979)

Dal punto di vista del Principio Divino, la conclusione dell’ideale di creazione di Dio è che gli esseri umani compiano la loro parte di responsabilità e realizzino l’ideale familiare della base delle quattro posizioni attraverso l’amore. La base delle quattro posizioni è necessaria perché dobbiamo stabilire l’ideale della famiglia in termini del rapporto padre-figlio. Adamo ed Eva, che ereditano la tradizione verticale dell’unità di un padre e di una madre fondata sull’amore, devono sviluppare questa unità come una tradizione orizzontale.

Le dodici tribù in definitiva ebbero origine da Adamo e, allo stesso modo, il numero 360 sorse sulla base del numero dodici. Questo è il modello della provvidenza per espandersi a tutti i popoli. Stabilire questo è l’ideale di creazione.

Da questo punto di vista, la via della volontà di Dio è la realizzazione dell’ideale di creazione che si riferisce al completamento della base delle quattro posizioni. Questo non è centrato sul padre, sulla madre, sul figlio o sulla figlia. È la realizzazione della base delle quattro posizioni centrata sul vero amore e sulla vera famiglia. È la realizzazione della parte di responsabilità umana motivata dal vero amore.

Realizzare la parte di responsabilità umana significa che, una volta che un uomo e una donna raggiungono la perfetta unità sulla base dello standard di tutti gli ideali d’amore e si armonizzano con tutti i principi dell’atto di creazione di Dio, poi sviluppano orizzontalmente, mentre sono sulla terra e attraverso il loro corpo fisico, tutti i modi di fare di Adamo ed Eva, che essi hanno ereditato verticalmente. Non devono avere solo uno o due figli. Quando l’era di Adamo ed Eva arriva, sono destinati ad avere tanti figli, a nord, a sud, ad est e a ovest. (228-249, 5.7.1992)

Un uomo deve formare una famiglia insieme a una donna, altrimenti non possono entrare nel mondo unificato. In passato le persone di fede abbandonavano le loro famiglie, ma ora devono ricostruire ad un livello più alto le famiglie che hanno lasciato stabilendole come famiglie vittoriose; altrimenti non possono entrare in cielo. Il fatto di formare una famiglia non vuol dire che possiamo entrare in cielo solo sulla base di questa famiglia. Possiamo entrarci solo stabilendo una base delle quattro posizioni.

E dove dobbiamo formare questa base delle quattro posizioni? Sulla terra. Quando? Prima di morire. Senza far questo, non possiamo diventare cittadini che possono dare il benvenuto alla nazione di Dio o un’umanità in grado di accogliere il Suo mondo; non possiamo diventare cittadini del cielo che possono accogliere il Suo regno una volta che la Sua volontà è stata realizzata. (45-62, 13.6.1971)

Forse vi sentite felici di avere una moglie, ma io non penso così. Una donna non ha una situazione felice. Più che essere felici, portano una croce. Il partner soggetto deve far felice il suo partner oggetto. E se hanno dei figli, devono fare felici anche loro. Devono portare tre grandi croci. Ecco perché restaurare la base delle quattro posizioni è la cosa più difficile da fare. È come conquistare il mondo. (46-95, 25.7.1971)

Ognuno dei vostri figli nasce nella famiglia di Dio come un prezioso faro di speranza che Dio ha stabilito sacrificando un’infinità di profeti e patrioti nel corso di seimila anni di storia. Quando pensiamo che i figli di ogni famiglia rappresentano il punto culminante del sacro compito di completare la base delle quattro posizioni, il nostro sentimento di gratitudine verso di loro deve crescere di giorno in giorno. Quando i genitori hanno questo sentimento, i loro figli non moriranno mai di fame. (33-177, 11.8.1970)

Ora siete nel dominio della caduta. Le famiglie benedette in cima allo stadio di crescita hanno ancora un percorso da salire davanti a loro. Mi riferisco alla strada che vi permette di seguirmi. Comunque, i Veri Genitori e la base delle quattro posizioni devono essere uniti. Quando Noè costruiva l’arca, pensate che sua moglie si dava da fare ad aiutarlo? No. Sapete quanto lo criticarono i suoi figli? Non per un giorno, ma per 120 anni, Noè prese il cestino del suo pranzo e salì sul monte Ararat dicendo che Dio stava per giudicare la terra. Pensate che la moglie lo abbia aiutato? Siccome la moglie non l’aiutava, non l’aiutavano neanche i figli. Dovete unirvi completamente alla Vera Madre. (137-111, 24.12.1985)

Dovete formare una base delle quattro posizioni tridimensionale. Le posizioni di sopra e sotto e davanti e dietro devono essere unite sul piano tridimensionale. Se farete così, non importa quanto questa struttura possa ruotare, quando smetterà di girare il centro sarà sempre perpendicolare, come un pallone da calcio. C’è solo un punto. L’ideale tridimensionale della base delle quattro posizioni si deve realizzare nella famiglia. (295-201, 28.8.1998)

Non solo dovete essere dei figli di pietà filiale verso i vostri genitori, ma avete anche bisogno del vostro sposo. Perciò dovete formare una base delle quattro posizioni. Questo è il Principio assoluto. Una volta che l’abbiamo capito, dobbiamo chiedere cos’è successo oggi alla base delle quattro posizioni individuale, familiare e nazionale. L’espansione della base delle quattro posizioni nella famiglia crea la nazione, l’espansione della base delle quattro posizioni nazionale crea il mondo e l’espansione della base delle quattro posizioni mondiale è il cosmo. La famiglia è la base.

L’educazione a Jardim farà in modo che nemmeno un Satana vi possa seguire mentre percorrete questa strada. Senza passare attraverso questa educazione, vi perderete. Diventerete una famiglia che ha perso la sua nazionalità. Potrebbero succedere delle cose ancora più tragiche che andare a Betlemme per il censimento della famiglia e dare alla luce il bambino Gesù in una stalla. Dovete ricevere l’educazione a Jardim. (297-187, 20.11.1998)

Se amate Dio, sarete amati dal Genitore eterno nella misura in cui amate quel Genitore. Più diventate un figlio di pietà filiale, più sarete amati dai vostri genitori. Più diventate un suddito leale, più sarete amati dal santo sovrano. Più diventerete un vero marito, più sarete amati da vostra moglie. (83-207, 8.2.1976)

Che cosa rende un marito o una moglie buoni e meravigliosi? Saper vedere il proprio sposo come assoluto al posto di Dio e dei Veri Genitori. Insieme questo marito e questa moglie costituiscono la vera coppia. I figli che nascono in una famiglia dove Dio, i genitori e il rapporto coniugale sono considerati assoluti, devono essere considerati anche loro assoluti. Ecco a che cosa si riferisce la Chiesa dell’Unificazione quando parla di ideale della base delle quattro posizioni. (147-231, 28.9.1968)

Sezione 2. Le vere famiglie generano i cittadini del Regno dei Cieli

Dovete capire che le donne possiedono un tesoro talmente prezioso che non può essere scambiato per l’universo e nemmeno per Dio. Dentro di voi c’è il palazzo originale dove si può realizzare l’amore. In che posto sicuro l’ha messo Dio! Cosa succederebbe se non aveste carne sul sedere? Vi indurireste come il ghiaccio.

E gli uomini? Il vostro organo sessuale non è forse situato in un posto dove è facilmente protetto? Tutta la vostra energia è concentrata lì. Grazie a questo, il vostro organo vi permette di ricreare una persona simile a voi. Questo luogo che vi permette di diventare una madre o un padre è un palazzo misterioso!

Quando andate nel mondo spirituale non ci sono luoghi per la riproduzione. Perché Dio ha creato gli esseri umani? Perché lungo la linea verticale, che ha solo un punto, non c’è riproduzione. L’amore di Dio è in quell’unico punto nella posizione verticale, perciò lì non può esserci nessuna riproduzione. Nel mondo spirituale le persone non si possono riprodurre. Per questo motivo è necessario che ci siano 360 gradi sul piano orizzontale. Nel mondo orizzontale ci sono un’infinità di posizioni dove può avvenire la riproduzione, a nord, a sud, a est e a ovest.

Così la chiamiamo la fabbrica di produzione per creare i cittadini del Regno di Dio. Le persone che nascono come cittadini di questo mondo sono esse stesse figli e figlie del mondo spirituale. Ognuno di loro diventa il figlio che amate. Quella persona è come una cellula di Dio. Dopo essere entrati in quel mondo diventiamo come le Sue cellule. Ci incorporiamo in Lui. Siamo venuti dall’Origine, così ritorniamo all’Origine.

Perciò, quando gli uomini e le donne vanno nel mondo spirituale, formano un corpo solo e assomigliano a Dio. Poi diventano simili a Dio. Devono assomigliare a Lui. Non diciamo che Dio ha caratteristiche duali? Ma dove iniziano le caratteristiche duali? Iniziano nell’amore. Producendo i frutti dell’amore arriviamo ad assomigliare al Dio originale e ritorniamo a Lui. Inoltre, Dio sarebbe desolato se fosse da solo. Dio voleva creare un giardino d’amore pieno di fiori di ogni genere di colori, che riempiono l’aria con i loro profumi. In quel giardino, voleva schiacciare un sonnellino e andare a passeggio. Ecco che tipo di Dio è. (260-137, 3.10.1990)

I nostri organi sessuali sono palazzi del vero amore, della vera vita e del vero lignaggio. Sono il luogo più prezioso. Se questi organi scomparissero, scomparirebbero il cielo e la terra. Senza questi organi l’ideale di Dio, la Sua famiglia e la Sua volontà non potrebbero realizzarsi. Questi organi sono l’origine da cui ogni cosa può essere portata a compimento. (216-218, 1.4.1991)

Perché Dio ha creato le persone in modo che potessero avere tanti figli piuttosto che uno solo? Se avesse creato le persone in modo da poter avere soltanto un figlio, ci sarebbero stati solo Adamo, Eva e un bambino. Allora cosa sarebbe successo? Avrebbero dovuto vivere solo fra loro. Ci sarebbe stata soltanto una famiglia e in questo caso il mondo sarebbe scomparso.

Per realizzare il Regno di Dio, ci vuole un’espansione orizzontale in modo che si riproducano innumerevoli famiglie. È in questo modo che si riproducono i cittadini del Regno di Dio.

Nel mondo spirituale non c’è riproduzione. I mariti e le mogli sulla terra sono le fabbriche per produrre i cittadini del cielo. Quel mondo non può essere riempito in una sola volta. I suoi cittadini devono nascere nel corso di tante generazioni. Quindi Dio prova gioia quando vede aumentare i cittadini del cielo. In quel mondo non c’è nessuna preoccupazione per cosa mangiare, come vestirsi, dove dormire o qualunque altra cosa. Non c’è bisogno di macchine o di fabbriche. È un luogo dove tutto è stato preparato. Potete volare da qualunque parte, ogni volta che lo desiderate. È un luogo di una velocità incredibile. Fate soltanto un passo e scoprite di esservi spostati di mille miglia. (246-69, 23.3.1993)

Potrete vedere me, ma non Dio. Quando un marito e una moglie fanno l’amore nella loro prima notte di nozze, Dio entra e si unisce a loro.

Per quale scopo Dio ha creato gli esseri umani? Nel mondo spirituale non c’è nessuna riproduzione. Le famiglie sulla terra sono il luogo dove si producono i cittadini del mondo spirituale. La persona che mette al mondo e alleva tanti cittadini del cielo mentre è sulla terra sarà in una posizione gloriosa. Se volete essere in una posizione di gloria, dovete generare tanti figli. (249-323, 11.10.1993)

Il mondo terreno è la fabbrica per produrre i cittadini del mondo celeste. Nel mondo spirituale non c’è riproduzione. A causa della caduta, siamo diventati i figli del diavolo e quindi dobbiamo realizzare un metodo per innestare tutte le persone e riportarle ad essere cittadini del mondo celeste. Così, quando andrete in quel mondo, sarete come una sposa che porta la dote ai suoi suoceri. Per voi il punto sarà quante persone trovate e portate a Dio come cittadini del cielo.

Dio non ha mai avuto dei nipoti. Intendeva averli attraverso Adamo ed Eva ed è addolorato perché ha non potuto farlo. Per questo vuole che noi generiamo tanti figli qui sulla terra, che li alleviamo e poi li doniamo a Lui. Il mondo celeste è talmente vasto e sconfinato che ci vorranno miliardi e miliardi di cittadini per riempirlo. Sapendo questo, io ho trascorso la mia vita – persino i periodi in cui ero in prigione – dimenticando di dormire e di mangiare in modo da poter salvare anche solo una vita in più. Tante volte pensavo che fosse mattina quando in realtà era sera, o credevo che fosse sera quando in realtà era mattina. Tutto questo per salvare anche solo una vita in più. Qui si trascendono tutti i confini nazionali. (212-309, 8.1.1991)

Gli esseri umani sono creati in modo che tutti saranno legati insieme attraverso dei rapporti matrimoniali fondati sull’amore. Allo stesso modo in cui sulla base di un amore realizzato in modo perfetto nascono dei figli perfetti, è responsabilità delle persone sulla terra generare e formare le dimensioni di figli, fratelli e sorelle, e coniugi ideali nella famiglia di Dio. La riproduzione nel mondo spirituale è impossibile. Il mondo spirituale è il centro. Il punto centrale non ha nessuna superficie e quindi non c’è nessuno spazio per avere dei figli.

Così Dio creò un piano e uno spazio tridimensionale per produrre i cittadini del cielo, che poi andranno a vivere in quel vasto mondo. Le coppie sono quindi le unità di produzione individuali per riprodurre i cittadini del cielo. Per creare una sfera reciproca con il diritto di eredità e di proprietà nell’altro mondo, bisogna generare tanti figli e figlie sulla terra e alla fine vivere insieme a loro in quel mondo. Quelli che sono senza figli non avranno questa sfera di reciprocità. Questa dimensione reciproca può esistere solo quando avete dei figli. Dovreste cercare di avere almeno dodici figli, il numero dei mesi dell’anno. (255-265, 11.3.1994)

Dovete essere fieri di Dio e fieri di essere un uomo o una donna. Questi tipi di uomini e donne devono moltiplicare i cittadini del cielo. È una regola inflessibile. Adamo ed Eva si devono moltiplicare. La mente e il corpo si devono unire e dovete essere inondati dall’amore di Dio. Allora i vostri cinque sensi fisici e spirituali diventano una cosa sola e voi vi unite eternamente col vero amore. Gli uomini che riescono a far questo – uomini con cui le donne possono condividere l’eternità – saranno dei re che possiedono un’autorità regale rappresentando eternamente l’umanità. Le donne saranno regine che sono in una posizione reciproca rispetto ai loro re. Questi uomini e queste donne saranno nel nostro cuore come madri e padri eterni. Dobbiamo capire che questo è il retroscena collegato alla parola “vero amore”.

Noi ci uniamo attraverso l’amore con questa disposizione d’animo. Ci sposiamo per esplorare questo amore. Ci mettiamo in quella situazione a causa dell’amore. Il matrimonio non esiste solo per due persone. Il suo scopo è impossessarsi del Dio verticale. Dopo essere divisi tra est ed ovest, sapete dove ci incontriamo ed esplodiamo insieme? Ci incontriamo sulla linea verticale. Quando ci incontriamo sulla linea verticale esplodiamo e roteiamo, salendo ed entrando in collisione con Dio. Sulla linea verticale, Dio scende giù e noi saliamo su in modo che Dio entri nel centro; quando scendiamo vediamo che Dio è diventato il nucleo centrale dell’amore. Così, se volete che la linea che da qui scorre in senso verticale vada in una direzione orizzontale, dovete avere dei figli. Perciò, anche se un uomo e una donna hanno creato questa linea verticale, non potranno servire Dio nel mondo celeste se non hanno dei figli.

Solo quelli che hanno avuto dei figli e li hanno amati possono servire Dio, il Soggetto ideale dalle caratteristiche duali. È anche necessario avere dei figli per servire i Veri Genitori. Se quelli che non possono avere dei figli vogliono adottarne uno, devono allenarsi in modo da poter amare quel figlio ancora di più che se lo avessero messo al mondo loro stessi. Questa è una cosa difficile da fare. Quindi, nella Chiesa dell’Unificazione, insegniamo alle persone a mettere al mondo tanti figli adorabili. I bambini nella nostra chiesa portano con loro la fortuna celeste. Nascono con il cibo da mangiare. Alcuni diventeranno dei giudici, dei procuratori o dei presidenti. Nasceranno tutti i tipi di persone. Tutti i colori dell’arcobaleno verranno da loro. Così, sulla base del vero amore, non dovete aver nulla di cui vergognarvi riguardo la vostra paternità e maternità e dovete portare tanti cittadini nel Regno di Dio. (210-375, 27.12.1990)

Oggi i mariti e le mogli devono essere le fabbriche per produrre i cittadini del mondo celeste, perciò entrare in cielo con tanti figli non è un evento triste. Sarete in una posizione elevata in quel mondo. Sulla base del nord, del sud, dell’est e dell’ovest, ognuna delle quattro stagioni ha tre mesi per un totale di dodici mesi. Questo è il motivo per cui Gesù scelse dodici apostoli. Attorno a lui c’erano rappresentanti del nord, del sud, dell’est e dell’ovest, abbracciando così le quattro direzioni con Dio al centro. (233-247, 1.8.1992)

La famiglia sulla terra è l’entità orizzontale che ha lo scopo di creare il regno celeste. Nel mondo verticale la riproduzione non è possibile. I figli crescono di numero nel mondo orizzontale e diventano i cittadini di Dio. Quando le famiglie reali aumentano di numero, la linea del primogenito rimane come la famiglia reale, mentre gli altri diventano i cittadini. Diventano parenti. Fra i parenti, c’è il primogenito, non è vero? Deve esserci un primogenito fra i membri di un clan o di una tribù, non è vero? Questi sono Adamo ed Eva. Adamo ed Eva dovevano essere il re e la regina della tradizione eterna. In un mondo democratico tutto questo scompare…

Allora cos’è che crea la forma sferica? La base per produrre i cittadini del cielo non è la base della famiglia in cielo, ma sulla terra. Mettere al mondo dei figli vuol dire generare i cittadini del mondo celeste. (234-165, 10.8.1992)

Sezione 3. I cittadini del Regno di Dio sono educati nelle vere famiglie

Le famiglie sulla terra sono gli impianti di produzione per ricreare i cittadini che possono essere portati nel mondo celeste. Noi agiamo da proprietari di queste fabbriche prima di entrare nel mondo spirituale. Se Adamo ed Eva avessero stabilito la strada giusta, noi non avremmo avuto bisogno di educare i nostri figli. Sarebbe successo in modo naturale. Tutti avrebbero avuto Dio nel loro cuore e non ci sarebbe stato bisogno di educarli. Adesso siamo al punto in cui siamo a causa della caduta. In seguito alla caduta, l’umanità ha ignorato tutti i principi fondamentali. (254-246, 13.2.1994)

Il desiderio che sta tanto a cuore a Dio è recuperare la vera famiglia che fu persa nel Giardino di Eden. Dovete capire che la famiglia celeste dove Dio vuole risiedere è la famiglia che può stabilire dei veri genitori d’amore, veri sposi e veri figli. Quando apparirà questa famiglia, persino Gesù potrà gioire dei suoi membri come suoi fratelli e sorelle.

Devono emergere questi tipi di famiglie. (8-114, 22.11.1959)

Una vera coppia si forma quando un vero uomo e una vera donna si uniscono insieme per iniziare la loro vita di marito e moglie. Quando nascono dei figli, la vera coppia diventa una vera famiglia. Nel luogo dove un uomo e una donna – ognuno dei quali ha raggiunto la perfetta unità tra la mente e il corpo – si uniscono nell’amore eterno, nascono dei figli che non potranno mai separarsi da loro. Se la madre e il padre si dividono, i loro figli saranno divisi in loro stessi. È una conclusione naturale che un figlio la cui mente e il cui corpo sono uniti nascano da un marito e da una moglie ognuno dei quali ha raggiunto l’unità fra la mente e il corpo e che sono uniti insieme attraverso il vero amore. Altrimenti il vero amore non può stare lì. Dio non può stare dove non c’è il vero amore. Questa è la nostra logica conclusione. (270-324, 23.7.1995)

Per entrare nel magazzino del cielo, dovete diventare puri rispetto all’amore, alla vita e al lignaggio di Dio. Per far questo dovete essere figli di Dio dal momento in cui nascete e mentre state crescendo, ed essere una famiglia di Dio nella vostra vita di ogni giorno. Quando farete questo, entrerete nel Regno di Dio sulla terra e in cielo come famiglie e clan.

Noi non siamo salvati come individui. Nel corso della nostra vita dobbiamo amare i nostri figli dalla posizione di secondi creatori, allo stesso modo in cui Dio ha amato Adamo ed Eva. Dobbiamo amarci gli uni gli altri come fratelli e sorelle che possono ricevere l’amore di Dio, e come mariti e mogli che possono praticare il Suo amore. Tutto inizia, prosegue e finisce nell’amore. Il cielo è il luogo in cui entriamo avendo realizzato la nostra perfezione in conformità al manuale dell’amore. Non entriamo lì come individui, ma con tutta la nostra famiglia. (226-307, 9.2.1992)

Che atteggiamento deve avere una moglie verso il marito? Deve tenerlo per mano e dire: «Ora so che tu ed io siamo fratello e sorella gemelli, siamo nati insieme, e così non potremo mai separarci». Quando Adamo ed Eva furono espulsi dal giardino di Eden, si separarono da Dio versando lacrime di dolore, ma ora, nell’era della restaurazione, dobbiamo versare lacrime di altro genere. Attraverso il processo della nostra vita, dobbiamo indennizzare il fatto di non essere stati i figli e le figlie del Regno di Dio. (238-245, 22.11.1992)

Per stabilire il Regno di Dio ci devono essere un re e una regina che hanno dei figli e delle figlie. Ci devono anche essere delle famiglie centrali che possono proteggere il regno. Ecco perché ora Gesù sta aspettando in paradiso. Il cielo non è un luogo dove potete entrare da soli. (265-94, 20.11.1994)

Possedendo l’amore, il paese natale e la famiglia del vostro partner possono diventare vostri. È qui che i figli, i fratelli e sorelle, le coppie e i genitori realizzano la loro perfezione. Prima non potevamo realizzare nessuno dei contenuti presentati nel manuale di Dio, ma oggi li possiamo capire attraverso i Veri Genitori. Dobbiamo fare di nuovo queste cose in modo che, nella posizione originale che non ha niente a che fare con la caduta, Dio possa superare completamente il culmine del dolore e trasmetterci i Suoi modelli relativi all’educazione. Ecco come diventiamo individui e famiglie qualificati ad essere i cittadini del Suo regno. (226-173, 4.2.1992)

Nel Cristianesimo lo Spirito Santo è femminile. Aveva la responsabilità di dar nascita a due mondi, spiritualmente e sostanzialmente, e poi di educarli. Allo stesso modo, le mogli benedette della Chiesa dell’Unificazione devono prendersi la responsabilità di due mondi. Devono creare i cittadini del Regno di Dio che sono capaci di denunciare il mondo satanico e governare il suo popolo.

I vostri figli sono i cittadini del Regno di Dio. Non sono i cittadini di nessuna nazione esistente, ma del Regno di Dio. Dovete allevarli pensando a questo scopo, altrimenti in futuro le vostre famiglie non avranno nessuna speranza e andranno tutte all’inferno. (216-277, 7.4.1991)

Dovete capire che i Veri Genitori esistono sempre per il vostro bene. Non dovete allevare i vostri figli facendoli diventare delle persone come voi. Dovete essere determinati ad ereditare completamente la tradizione dei Veri Genitori per educare dei discendenti che potranno vivere nel mondo futuro di Dio. Questo è l’unico desiderio che ho a cuore.

Cosa farete se trasformerete i vostri figli preziosi in persone come voi? Dovete offrire la vostra devozione dicendo: «Io sono così come sono, ma non alleverò i miei discendenti per essere il tipo di persona che sono io. Li farò diventare dei veri figli e delle vere figlie».

Per educarli come veri figli, avrete bisogno di fare come ha fatto Dio nel giardino di Eden dopo aver creato Adamo ed Eva. Dovete abbracciare i vostri figli, proteggerli ed essere felici. Non lasciate che seguano lo stesso corso come discendenti della caduta. Dovrete offrire la più grande devozione, assumervi la responsabilità di preparare ogni cosa e assicurarvi che ci sia tutto quello che è necessario in modo che possano essere benedetti da Dio. Se formerete delle famiglie del genere, i vostri figli saranno i figli del Regno di Dio. (158-272, 29.12.1967)

Quando educate i vostri figli, non insegnategli solo ad amare i loro genitori. Dite: «Noi siamo dei patrioti e cittadini leali che amano questa nazione. Amiamo la nostra nazione. Non siamo dei genitori che sono dei patrioti, ma dei patrioti che sono dei genitori». Ecco come li dovete educare. (26-295, 10.11.1969)

Se la madre e il padre prosperano, anche i figli di quella famiglia prospereranno. E se prosperano i figli, persino i cani e i galli che crescono in quella casa prospereranno. Se i cani non abbaiano e il gallo non canta, direste che stanno avendo successo? Se la gente dice: «La madre e il padre di quella casa vanno molto d’accordo e in quella casa il cane abbaia spesso e il gallo canta tanto», allora saprete che quella famiglia sta prosperando. Anche se la gente dice che i galli cantano troppo e i cani scherzando danno tanti morsi, in realtà le persone di quella casa non si comportano aggressivamente e non stanno declinando, ma stanno andando molto bene. (202-229, 24.5.1990)

I figli devono servire la madre e il padre al posto di Dio come genitori migliori addirittura della Vera Madre e del Vero Padre. In questo modo la vostra potrà essere una famiglia dove i vostri figli s’inchineranno davanti a voi prima di inchinarsi ai Veri Genitori. I Genitori rappresentano Dio nella nostra vita quotidiana. Così è importante realizzare i quattro regni del cuore e le tre grandi sovranità nella famiglia. (241-179, 24.12.1992)

La sovranità dell’amore di Dio è assoluta, unica, eterna e immutabile. Poiché questo vale per la sovranità, i cittadini e le proprietà della Sua nazione, dobbiamo riorganizzare tutto e registrarci nuovamente con un’identità nazionale che sia assoluta, unica, immutabile ed eterna. Questo è un tempo in cui anche tutte le cose del creato devono essere riorganizzate in questo modo, perciò tutto deve essere invertito per andare nella direzione opposta. Dobbiamo capire che le cose che hanno circolato in questa direzione ora devono iniziare a muoversi nella direzione opposta. La nazione di Dio ha bisogno di una sovranità assoluta, dei cittadini e di tutte le cose della creazione. Nelle nostre famiglie vediamo che ci sono i genitori che rappresentano la sovranità, i figli che rappresentano i cittadini e i beni che rappresentano tutte le cose del creato. Questa famiglia è una base del Regno di Dio in miniatura. Tutto questo deve essere offerto a Dio. Solo allora si formerà una grande nazione e un grande mondo. (304-258, 8.11.1999)

Sezione 4. Il cielo è basato sulle vere famiglie

Dio è un Essere assoluto, unico, immutabile ed eterno. La stessa cosa vale per la Sua volontà. Poiché Dio è assoluto e immutabile, lo è anche la Sua volontà. Poiché il desiderio di Dio è che delle vere famiglie realizzino la perfezione attraverso il vero amore del Creatore e degli esseri umani, doveva creare le condizioni che Gli avrebbero permesso di unirsi all’umanità. Per questo motivo aveva bisogno di un comandamento da poter dare ai nostri primi antenati. E qual era questo comandamento? Il comandamento era la condizione per la Sua promessa, che permetteva loro di ereditare una famiglia d’amore, la pienezza dell’amore e tutte le cose preziose. Sapendo che gli esseri umani sarebbero cresciuti durante un periodo in cui non erano ancora perfetti, Dio diede loro quel comandamento per trasmettere loro le cose più preziose – ossia il vero amore e la famiglia. L’eredità del vero amore e della vera famiglia era la promessa del Suo comandamento. (283-171, 12.4.1997)

La volontà di Dio è far sì che tutto si unisca. Se Adamo ed Eva non fossero caduti, la nostra mente e il nostro corpo si sarebbero uniti. La mente e il corpo dell’uomo e della donna si sarebbero uniti. Se i due avessero formato una famiglia del genere, il mondo di unità si sarebbe sviluppato da lì. Oggi nel mondo non c’è nessuna unità; è un’espansione di uomini e donne disuniti. (133-259, 20.7.1984)

Dio esiste segretamente nel posto più profondo. Più scendiamo in profondità, più l’amore diventa grande finché alla fine arriviamo a scoprire l’amore di Dio. Se amate i vostri figli sempre più profondamente, alla fine incontrerete l’amore di Dio. Queste famiglie di vero amore diventano la base per il Regno di Dio sulla terra. Il cielo non si può trovare da nessun’altra parte. (161-325, 8.3.1987)

Il cielo sarà costituito da vere famiglie. Le persone vivranno con Dio. È un ambiente di vita dove i mariti e le mogli possono vivere eternamente insieme a Dio, il loro Genitore interiore. Il cielo è un luogo dove possono entrare le persone e le famiglie che sono una parte del corpo di Dio e che appartengono alla Sua famiglia. Ci entra la famiglia di Adamo che ha raggiunto la perfezione. Si può entrare in cielo solo con tutta la famiglia, non individualmente. La salvezza individuale che le persone hanno cercato di raggiungere fino ad ora apparteneva al mondo dell’arcangelo. La proprietà della vera famiglia è in cielo. Il cielo è il regno che le vere famiglie possono possedere. È il luogo dove diventano proprietarie, dove hanno il diritto alla vera proprietà ed esercitano i loro diritti di proprietà come famiglie. (297-165, 19.11.1998)

Il Regno di Dio si realizzerà solo quando diventerete i Suoi figli e figlie e formerete le Sue famiglie. È la stessa cosa per ogni singola famiglia. Satana tira la corda della trappola in cui siete intrappolati e anche Dio la tira. Se tutti i membri della famiglia devono presentarsi al cospetto di Dio, dovrete offrire la vostra devozione. Solo allora ogni persona – se in una famiglia ci sono cinque membri, allora tutti e cinque – potrà liberarsi dalla trappola di Satana e ritornare al lato di Dio. (115-49, 29.10.1981)

Quando marito e moglie entrano nella stanza dell’amore, devono sentire che entrano lì insieme a Dio. Quando la loro mente e il loro corpo raggiungono la perfetta unità, il marito deve pensare che sua moglie è la regina di tutte le regine sotto il cielo, la donna più bella del mondo, e il suo corpo è assoluto, unico, immutabile ed eterno. Deve pensare a lei e amarla come amerebbe il proprio corpo, come un corpo d’amore. Quando i partner soggetto e oggetto si uniscono nell’amore arrivano a possedere l’uno l’amore dell’altro. Arrivano anche ad appartenere l’uno all’altro e a condividere i loro beni. Poiché hanno lo stesso valore, tutto l’universo diventa loro. Ciò significa che devono essere capaci di sentire Dio. Così tutti devono essere in grado di servire Dio nella loro vita e avere l’esperienza di averLo amato. Solo allora diventeranno famiglie reali e membri che appartengono alla famiglia reale del cielo. Quando Dio osserva queste famiglie benedette dal mondo celeste, Gli appaiono come stelle luminose e scintillanti, e così Gli danno sempre gioia. (297-167, 19.11.1998)

Il termine “una vera famiglia gloriosa” si riferisce ad una famiglia che può essere felice sulla terra e nel mondo spirituale. Una famiglia che può vivere direttamente con Dio, l’Essere centrale del mondo ultraterreno, sarà una vera famiglia di gloria. Dovete diventare famiglie che si amano sempre di più per tutta l’eternità. Se non vi piacete, dovete lavorare insieme per realizzare un mondo d’amore ideale. Come partner soggetto e oggetto ideali, avete bisogno di creare un ambiente dove ogni partner vive per l’altro, gli è grato e lo rispetta perché si sono ricevuti reciprocamente come partner d’amore. (294-312, 9.8.1998)

Il nucleo della vera famiglia è la coppia. Chi sono dunque marito e moglie? Sono i corpi di Dio – i Suoi partner oggetto sostanziali. Noi ci riferiamo a Dio, che possiede il vero amore, come al Padre. Se Dio è nostro Padre, allora tra Lui e noi c’è un rapporto genitore-figlio. Noi siamo padre e figlio o madre e figlia. Siamo un corpo solo perché siamo una combinazione del verticale e dell’orizzontale. (297-167, 19.11.1998)

Il desiderio che i giovani, uomini e donne, hanno tanto a cuore è formare delle famiglie ideali, ossia delle vere famiglie. Qui, “vera famiglia” si riferisce ad una famiglia che piace a Dio. Quindi la cosa più importante è che capiate Dio. (298-248, 16.1.1999)

Una vera famiglia sarà la pupilla degli occhi di Dio. Dio l’abbraccerà e si metterà a danzare. Quando trabocchiamo di gioia, Dio, che è onnipotente, vorrà aggrapparsi a noi, danzare e librarsi nell’aria. Una vera famiglia è il partner oggetto di Dio, che Lo può liberare e confortare. (301-169, 25.4.1999)

Una vera famiglia è una famiglia che ha realizzato l’ideale esattamente come Dio l’ha creato. La famiglia perfetta di Adamo sarebbe stata la vera famiglia, ma Adamo non riuscì a realizzarla, e per questo deve essere fatta rinascere. Una famiglia risorta formerà una tribù, una società, una nazione e un mondo risorti. Sulla terra non ci saranno più Satana, il peccato o le guerre della storia umana – le lotte fra Dio e Satana – e il mondo non sarà come è oggi, diviso in tante nazioni con razze, culture, lingue diverse e un’infinità di altre divisioni.

Da dove vengono i Veri Genitori? Vengono da Dio. Sono collegati a Lui. A partire da lì, dobbiamo diventare innanzitutto il Suo amore, in secondo luogo la Sua vita, e in terzo luogo il Suo lignaggio. Questo significa che ogni cosa che esiste al mondo è nata per l’amore, la vita e il lignaggio di Dio. Non ci sarà spazio per l’amore, la vita o il lignaggio centrati su Satana. Tutto l’amore, la vita e il lignaggio che sono esistiti fino ad ora saranno riportati a Dio. Poiché non è possibile restituirglieli direttamente, Gli saranno restituiti attraverso i nostri figli qui. Questo avviene quando Adamo ed Eva restituiscono queste cose a Dio attraverso Caino e Abele. (230-67, 19.4.1992)

L’uomo e la donna non possono unire la mente e il corpo senza il vero amore. Solo quando ognuno dei due ha realizzato questo individualmente possono diventare una coppia di vero amore. E solo quando diventano una coppia di vero amore, possono diventare figli di Dio che generano il vero amore. Così diventano la famiglia di Dio.

Qual è la cosa che Dio ama più di tutto? Il vero amore. L’amore non è qualcosa che si può realizzare da soli. Creando l’umanità, Dio creò i Suoi partner. Creò gli esseri umani perché fossero i Suoi partner nel vero amore. Sulla base di questo, tutto l’universo fu creato secondo il sistema della coppia. Di conseguenza l’amore di Dio, l’amore dell’uomo, della donna e dei figli sono eterni. Questa è la famiglia di Dio. (201-192, 1.4.1990)

L’inizio della vita della famiglia benedetta significa l’inizio della famiglia di Dio. Unendoci a Dio nel vero amore, non stabiliamo soltanto la nostra coppia, ma delle famiglie che appartengono al Regno di Dio. (248-12, 30.5.1993)

La famiglia di Dio è quella che Lo libera dal Suo dolore. Il luogo dove Dio può riposare è la famiglia formata da persone che hanno la qualifica del figlio maggiore e del marito che possono amare più di tutti gli altri fratelli. La missione delle famiglie benedette nella Chiesa dell’Unificazione è creare la sfera del Sabato dove, come genitori, vorranno accogliere persino i mendicanti come propri figli per vivere insieme a loro. Non dimenticate che il vostro destino di coppie benedette è realizzare questa missione. (295-245, 28.8.1998)

La vera famiglia è l’essenza fondamentale di un mondo di pace perché è lì che impariamo a conoscere il vero amore di Dio attraverso l’amore dei genitori. È lì che ci alleniamo attraverso l’amore fraterno a conquistare il vero amore universale per la vera nazione e per tutta l’umanità del vero mondo. (288-199, 28.11.1997)

Quando andranno nel mondo spirituale, le coppie e le famiglie ideali potranno vivere con Dio in qualunque momento. Ecco perché gli uomini devono diventare la natura interiore di Dio, mettendosi nella posizione del Suo cuore, mentre le donne devono diventare la Sua forma esteriore. Poi i due si devono unire. Salgono di un livello e si uniscono. Gli aspetti spirituali di queste due persone diventano la natura interiore e i loro aspetti fisici diventano la forma esteriore; poi, per la prima volta, portano frutto. Ecco come si forma la sfera di unità fra la mente e il corpo con Dio al centro.

Quando questo succederà, i figli di Adamo ed Eva svilupperanno delle ossa centrate sull’amore di Dio e dei corpi simili a quelli dei loro genitori. Pertanto, Dio stesso potrà regnare sugli esseri umani visibili che possiedono una forma esteriore simile a quella di Adamo ed Eva. Quando questo succederà il mondo intero diventerà il Regno dei Cieli sulla terra e noi potremo incontrare Dio.

Ma se andate in cielo adesso, non vedrete Dio. È necessario che Dio entri nella mente dei Veri Genitori dopo che essi avranno realizzato tutto e saranno andati nell’altro mondo. Quando questo avverrà, Dio assumerà un corpo e noi entreremo in un’era in cui Dio potrà muoversi e dominare tutte le cose dell’universo. In altre parole, assumerà una forma esteriore santa.

Quando tutto questo sarà stato completato – la realizzazione del Suo regno in cielo e in terra – Dio assumerà una forma esteriore. Ciò è possibile grazie all’amore. Se l’amore si unisce in senso fisico nella famiglia di Adamo, anche Dio può avere una natura interiore ed una forma esteriore unite insieme, in modo da poter assumere un corpo. Senza l’amore questo non è possibile. È da qui che nasce il termine “un solo corpo”.

Il mondo spirituale è un luogo dove regna il vero amore, cioè l’amore assoluto. Tutte le cose sono collegate al vero amore. Il vero amore è il seme. I semi che non hanno un rapporto con la caduta sono legati insieme e riempiono completamente il cielo e la terra. Il mondo d’oggi è il risultato della caduta, perciò deve scomparire. Dobbiamo sbarazzarci del lignaggio del mondo caduto e collegarci al lignaggio originale di Dio.

Come creiamo questo tipo di mondo? Attraverso il matrimonio benedetto. La Benedizione è il mezzo per innestarci nel lignaggio di Dio. (294-316, 9.8.1998)

Anche le persone che sono nel mondo spirituale hanno bisogno di vere famiglie. Se non le hanno, non si possono collegare alla posizione di Dio e non possono entrare in cielo. Le coppie che vivono nel Regno dei Cieli sulla terra alla fine entreranno nel Regno di Dio in cielo. Questo è l’ideale di creazione di Dio. In quel luogo non c’è nessuna religione, esiste una sola cultura e tutto raggiunge la perfezione attraverso le famiglie. La famiglia è il centro di tutto. Per questo le nostre famiglie desiderano stare nel centro.

Lì non c’è più bisogno della religione. Il cristianesimo, il buddismo e tutte le religioni saranno liberate. Gesù, Buddha, Maometto e tutti santi hanno bisogno di avere una famiglia. Chi creerà queste famiglie? I Veri Genitori. Finora tutte le famiglie erano legate ad un lignaggio falso, non erano famiglie originali. Con la comparsa delle famiglie benedette, ora possono esistere delle vere famiglie che sono legate al lignaggio di Dio.

Il Reverendo Moon ha creato una base vittoriosa che si estende in tutte le direzioni. Per il mondo fisico e per il mondo spirituale vale la stessa cosa. Perciò dalla vera famiglia possiamo svilupparci in un vero mondo. Partendo dalla vera famiglia possiamo realizzare una vera tribù, un vero popolo, una vera nazione, un vero mondo, un vero universo e un vero Regno dei Cieli. (279-237, 8.9.1996)

Ora capiamo chiaramente noi stessi. Sappiamo dove ci dobbiamo collegare, attraverso quale processo di vita dobbiamo passare e dove siamo diretti. Mentre seguiamo questa strada, cosa portiamo con noi? Portiamo nel nostro cuore le preoccupazioni di Dio. Se la nostra famiglia è stata restaurata, non ci possiamo riposare.

Dobbiamo sapere che abbiamo ancora da restaurare una tribù che fa capo a quella famiglia, un popolo che fa capo a una tribù e ad una nazione, un mondo e un’umanità con al centro un popolo. Finché siamo sulla terra, dobbiamo andare fino ai confini del mondo per portare tanti popoli al Padre. Poi dobbiamo desiderare ardentemente il giorno in cui tutta l’umanità potrà essere benedetta, impegnandoci ogni giorno a far sì che questo si realizzi. Questo tipo di persone possono rappresentare Dio. (152-192, 10.5.1963)

Finora questa era la nostra idea della fede: «Io crederò in Dio e andrò in cielo». Ma sapete cosa dovete fare prima di poter entrare in cielo? Ogni persona deve unire la mente e il corpo. Dobbiamo lottare per raggiungere quello stato. Chi non raggiungerà questa unità non potrà entrare in cielo. Un individuo, la cui famiglia non è unita, non potrà andarci. Se volete portare i vostri parenti in un posto buono dovete costruire un altare di devozione, altrimenti non li potrete portare là. (155-213, 30.10.1965)

Quando Adamo ed Eva caddero, furono soggiogati dal mondo della morte. Satana, che esercita il dominio sul mondo della morte, creò delle famiglie che si ribellarono contro Dio nell’era dell’ideale di creazione e formò un mondo che ha continuato ad opporsi a Lui fino ad oggi. Pensando a questo, capiamo che quello che Dio desidera più di tutto nel Suo cuore è creare delle famiglie ideali. Dio vuole stabilire delle famiglie che superano lo standard desiderato dal Suo nemico. Vuole delle famiglie che superano lo standard che esisteva nell’era ideale prima della caduta. Dobbiamo pensare a questo. (159-128, 7.3.1968)

Gesù venne sulla terra e insegnò una semplice verità: «Il Dio che ha creato il cielo e la terra è mio Padre, ed io sono Suo figlio. Credendo in me, potete diventare Suoi figli. Poiché Dio è mio Padre, è anche il vostro». Poi Gesù ci diede degli insegnamenti sul nostro Padre e sulle nostre responsabilità come Suoi figli. Disse anche: «Io sono lo Sposo e voi siete le spose». Che cosa significa? Gesù venne e insegnò per la prima volta gli elementi necessari per creare le famiglie di Dio. (156-224, 25.5.1966)

La Bibbia insegna che Dio è nostro Padre. Si riferisce a Gesù come al figlio unigenito di Dio e ai seguaci di Gesù come alle sue spose e ai suoi fratelli e sorelle. Poiché rivela un contenuto dove tutto esiste nel contesto della famiglia di Dio centrata sul Suo amore, è una dottrina che costruisce la famiglia di Dio e insegna il cammino di devozione della famiglia che permetterà al figlio di Dio di riposare dentro di lei. (195-195, 15.11.1989)

La Bibbia ci insegna cos’è la famiglia. Gesù è lo sposo e noi siamo le sue spose. Lo sposo e la sposa si incontrano, tengono il banchetto delle nozze dell’Agnello e restaurano la famiglia. Questa è la conclusione che riassume i 66 libri dell’Antico e del Nuovo Testamento, ed è il motivo per cui la Bibbia è grande.

Qual è lo scopo a cui mira la Bibbia, e qual è la sua speranza? Non è Gesù come individuo. La fervida speranza della Bibbia è la famiglia di Dio, l’unione di Gesù e della sua sposa. Cosa faremo con la famiglia di Dio? Se c’è una famiglia – ossia uno sposo e una sposa – appariranno dei figli. Quando i figli appaiono e si moltiplicano, formano una tribù, una società, una nazione e il mondo. E che tipo di mondo è? Il mondo collegato all’amore di Dio è il mondo del Dioismo; è il mondo basato sull’ideologia di Adamo ed Eva; è il mondo della filosofia dei genitori. (160-277, 17.5.1969)

Lo scopo supremo del Regno di Dio è creare delle vere famiglie che raggiungono la perfezione. Nelle vere famiglie ci dev’essere l’ideale di una vera nazione e un vero mondo. Qui il termine “sesso assoluto” appare come la tradizione del vero amore che può influire su un vero mondo e una vera nazione. Il sesso assoluto si riferisce alla moralità sessuale che è assoluta, unica, immutabile ed eterna. Tutto ciò che ha che fare con l’essere in armonia con un partner reciproco a cui siete legati attraverso l’amore – un attributo di Dio – è unito insieme nei rapporti sessuali. (281-282, 9.3.1997)

Anche se un marito e una moglie hanno sfondi culturali ed etnici diversi, se la famiglia è unita nel vero amore di Dio, non ci sarà nessuno scontro razziale o culturale fra i loro figli. I figli ameranno e apprezzeranno le due culture e tradizioni persino più di quanto amano i loro genitori. I tentativi di risolvere i conflitti interrazziali – un grave problema che affligge tante società del mondo – unicamente attraverso i mezzi politici ed economici, possono solo fallire. Poiché la discriminazione razziale comincia nella culla, una soluzione fondamentale a questo problema è possibile solo attraverso l’ideale di una vera famiglia centrata sul vero amore.

Così, l’ideale supremo è costruire delle vere famiglie centrate sul vero amore di un essere – cioè di Dio. Se l’umanità si fosse unita a Dio all’inizio della storia, avremmo formato delle vere famiglie e praticato il vero amore che dà e dà in continuazione. Avremmo già creato una vera nazione e un mondo di pace.

Per porre fine a questo conflitto storico, dobbiamo ritornare a Dio. Innanzitutto, la mente e il corpo di ogni individuo si devono unire attorno a Dio. Quando un vero uomo e una vera donna formano una vera famiglia centrata su Dio, diventano di nuovo capaci di servirLo accogliendoLo in mezzo a loro. La vera famiglia centrata sul vero amore è la base terrena dove Dio può risiedere e diventa il punto d’inizio di una vera nazione e di un vero mondo di pace. Ecco come si svilupperà un mondo di vera libertà e felicità. (271-88, 22.8.1995)

Da ora in poi dobbiamo organizzare delle manifestazioni. Dobbiamo fare delle manifestazioni per mostrare il nostro orgoglio nei Veri Genitori, nelle vere famiglie, nel vero lignaggio e nella vera purezza. I Veri Genitori vogliono realizzare a livello mondiale lo scopo per cui sono venuti sulla terra in modo che tutti voi, nelle vostre famiglie, tribù, popoli e nazioni, possiate diventare dei veri genitori. Gli individui che stabiliscono veri genitori, vere famiglie e vera purezza a livello familiare, tribale e nazionale, realizzano la globalizzazione. Partendo dal livello nazionale, il modello dei veri genitori può essere collegato dall’individuo fino al livello globale e cosmico. Il modello della vera famiglia e il lignaggio della vera purezza devono essere collegati in modo che possiamo entrare nell’era della vera liberazione, l’era del mondo senza la caduta. Quindi dobbiamo organizzare delle manifestazioni che spazzeranno via tutte le cose cadute. Dobbiamo dare la priorità a questo lavoro più che alla testimonianza. (298-221, 8.1.1999)

CAPITOLO III – Dio e i Veri Genitori

Sezione 1. I Veri Genitori rappresentano la speranza di Dio e dell’umanità

Per l’umanità, Dio è il più grande Maestro fra tutti i maestri. È il re di tutti i maestri perché non c’è nulla che non conosce. Tra tutti i genitori Dio è il primo genitore, ossia il Vero Genitore. E come re, è il Re di tutti i re. (41-307, 17.2.1971)

Oggi la speranza dell’umanità caduta è incontrare il Figlio di Dio. Il figlio di Dio esiste a livello individuale, familiare, tribale, etnico, e nazionale. Gli esseri umani devono restaurare tutti questi livelli, ma non sarà un compito troppo grande per loro? Per questo Dio manda il Messia, che rappresenta la sfera del figlio a livello nazionale. Il giorno in cui egli si stabilisce come Messia, sarà il giorno in cui il Figlio di Dio si stabilisce a tutti i livelli: individuale, familiare, tribale, etnico e nazionale. Dovete capite che con l’avvento del Messia, questa bella notizia si diffonderà in tutto il mondo. Le persone cadute hanno bisogno di incontrare il Figlio di Dio, colui che si è sottratto al dominio dell’accusa di Satana. Poi devono cercare i Genitori che Dio può amare, e poi cercare la famiglia di questi Genitori. Una volta trovata questa famiglia, possono procedere a reclamare l’amore di Dio e incontrarLo. (114-29, 14.5.1981)

Solo l’Adamo perfetto può formare un rapporto d’amore perfetto con Dio, ed è il Vero Padre. Se io sono nella posizione del Vero Padre, chi sarà il mio partner? Sarà una donna, una donna assoluta. A livello mondiale la donna è stata rappresentata dalla chiesa cristiana in posizione di sposa. Il cristianesimo rappresenta la religione della sposa e la sua idea centrale è che sta aspettando come la sposa del Messia, il Signore che ritorna. Non ci possono essere due esemplari di veri genitori. Ce ne può essere soltanto uno, proprio come ci sono soltanto uomo e una donna assoluti, non due. Quando questi due esseri unici si incontrano per diventare i Veri Genitori, diventano la vera coppia ideale, secondo l’ideale di creazione di Dio. (248-138, 1.8.1993)

I Veri Genitori sono il modello assoluto per l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione e il mondo e rappresentano la forma centrale del Regno di Dio sulla terra e in cielo. Lo scopo di Dio nello stabilire i Veri Genitori è unire il mondo fisico e il mondo spirituale e realizzare così l’ideale di creazione basato sul Suo amore. Poiché i Veri Genitori diventano il centro unificato a tutti i livelli, da quello individuale a quello mondiale, fino a raggiungere il livello cosmico, è giunto il tempo in cui gli individui, così come la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione e il mondo possono innestarsi in loro.

Mi sono preparato per questo lavoro per tutta la mia vita, col proposito di stabilire degli individui, delle famiglie, delle tribù, dei popoli e delle nazioni centrati su Dio sulla base del Suo amore vero. Da ora in poi dobbiamo dedicarci al nostro lavoro comprendendo che questa è la meta verso la quale ci dobbiamo dirigere. (266-112, 22.12.1994)

Il giorno che Dio ha promesso di realizzare negli Ultimi Giorni è il Giorno dei Genitori, il giorno in cui possiamo servire i Veri Genitori. È il giorno in cui un’infinità di persone sulla terra, che hanno perso i loro genitori a causa della caduta, possono accogliere di nuovo i loro Genitori originali che portano le benedizioni di Dio. L’umanità può andare verso Dio per essere restaurata, solo passando attraverso la porta dei Genitori; prima di passare attraverso quella porta, il loro cuore non si può collegare a Dio.

In questa era, le razze non possono comunicare fra loro attraverso il cuore; neanche le religioni o le famiglie possono comunicare fra loro. Per rendere possibile questa comunicazione dobbiamo conoscere il cuore di Dio e stabilire un legame con Lui, attraverso i Veri Genitori, i mediatori che ci fanno da collegamento. Solo dopo aver trovato i Veri Genitori originali ci possiamo collegare al cuore di Dio. (11-59, 1.1.1961)

Adamo e Dio furono scacciati dall’Eden. Questo significò che il Padre spirituale e il padre terreno si separarono. Affinché questa perdita, che ha avuto inizio nella famiglia, possa essere restaurata a livello mondiale, deve prima emergere una famiglia estesa a livello mondiale. La sfera culturale cristiana, in posizione di sposa e di madre, deve abbracciare nel suo petto tutti i figli e le figlie, unire Caino e Abele dall’oriente e dall’occidente e legarsi al Signore del Secondo Avvento. Se questo fosse avvenuto, il mondo si sarebbe unito nel giro di sette anni. Il Signore del Secondo Avvento è il Vero Genitore. Con l’avvento dei Veri Genitori, dovevano apparire i Veri Figli e la Vera Famiglia. È la Benedizione di cui si parla nella Chiesa dell’Unificazione che crea delle vere famiglie. Ecco cosa forma delle vere famiglie. (278-79, 1.5.1996)

Il fatto che Adamo ed Eva non riuscirono a diventare dei veri genitori nel Giardino di Eden fu dovuto alla caduta. Quando ogni traccia di tribolazione e di persecuzione scomparirà grazie all’avvento dei Veri Genitori, il mondo vorrà seguire la loro strada. Il modo di vita dei figli e delle figlie dei Veri Genitori sarà visto in maniera totalmente diversa da quello degli altri. Anche se sembrano poveri sono in pace, anche se il loro aspetto è miserabile hanno speranza, e anche se appaiono in difficoltà la loro vita è piena di gioia. (201-330, 29.4.1990)

Adamo ed Eva sarebbero dovuti diventare i veri antenati e i genitori dell’umanità che Dio desiderava ardentemente e noi saremmo dovuti nascere come loro discendenti. All’inizio della storia, i Veri Genitori dell’umanità avrebbero dovuto manifestare la gloria di Dio presentandosi in una forma vittoriosa, eterna e sostanziale di fronte all’umanità. Adamo ed Eva, tuttavia, non riuscirono a manifestarsi in quella forma.

Sappiamo fin troppo bene che il loro errore pose le basi per l’amarezza e l’angoscia di una triste storia. Con la caduta ci siamo allontanati dalle leggi di Dio, abbiamo perso la nostra vera identità e abbiamo calpestato il cuore di Dio. Così, per recuperare la nostra vera identità e il mondo del cuore, siamo andati avanti brancolando alla ricerca della nostra strada attraverso il corso di restaurazione secondo la Parola.

L’umanità caduta è precipitata in una posizione più malvagia di quella di qualsiasi altro essere della creazione, una posizione dolorosa dalla quale non possiamo comunicare liberamente con Dio. Poiché gli esseri umani non possono tirarsi fuori da soli da questo stato caduto, Dio li ha illuminati man mano che portava avanti la storia di ri-creazione. Dovete sapere che passando attraverso le posizioni di servo, figlio adottivo e figlio, è stato raggiunto un dominio vittorioso ed è stata restaurata persino la posizione dei Veri Genitori. (14-239, 1.1.1965)

Voi venite dalle tribù della caduta, senza nessuna idea di Dio o della vera famiglia, società, nazione e sovranità. Allora come dovete agire da ora in poi? Dovete conoscere il Dio della Gloria piuttosto che il Dio che ha lottato contro Satana, versando un’infinità di lacrime per seimila anni sin dal tempo della caduta. Dovete conoscere Gesù e lo Spirito Santo della gloria piuttosto che Gesù e lo Spirito Santo che hanno battagliato per duemila anni. Dovete conoscere le miriadi di credenti che vivono e gioiscono nella gloria nel mondo spirituale anziché quelli che lottano nel mondo spirituale. Dovete conoscere i credenti che vivono in mezzo alla gloria anziché quelli che sono perseguitati e soffrono sulla terra. Avete visto questi credenti? Non avete potuto vederli.

Abramo, Giacobbe, Mosè e Gesù vennero tutti per introdurre il Dio della gloria, ma morirono nel corso dei loro sforzi. Tentarono di introdurre i Veri Genitori gloriosi e i veri figli e figlie gloriosi e di creare dei veri cittadini celesti di gloria. (10-354, 27.11.1960)

Dal punto di vista di Dio, questo è un mondo caduto dove non sono esistiti dei patrioti, dei figli di pietà filiale, dei santi o dei figli divini. Per questo il Messia deve venire sulla terra e formare la famiglia di Dio; da quella famiglia emergeranno i figli di pietà filiale, dalla fondazione nazionale sorgeranno i patrioti, dalla fondazione mondiale verranno i santi e dalla fondazione cosmica i figli e le figlie divini. Io ho la missione di restaurare quello che fu perso dal primo e dal secondo Adamo. Ho bisogno di restaurare quella nazione a tutti i costi. Se siete dei veri membri della Chiesa dell’Unificazione, dovete poter dire: «Stabiliremo il Regno di Dio. Diventeremo dei patrioti, dei santi e dei figli divini» anche se questo significa che dovete dare e sacrificare tutto in senso fisico e spirituale. Solo allora Dio vi potrà benedire dicendo: «Siete veramente i miei figli di pietà filiale, siete dei patrioti, dei santi e dei figli divini. Io vi benedirò». Allora erediterete tutto; quel luogo è la patria dei membri della Chiesa dell’Unificazione. (293-217, 26.5.1998)

In sostanza il termine pu-ja “padre e figlio” si riferisce ai genitori e ai figli originali. Se non ci sono questi genitori e questi figli, non è possibile stabilire la nazione. Tutte le persone del mondo aspirano ad un mondo di pace, ma questo mondo non può essere realizzato attraverso le culture perseguite dalle nazioni sviluppate di oggi. Può nascere solo attraverso i Veri Genitori. Anche se i Veri Genitori hanno indossato stuoie di paglia, hanno portato sulle spalle fagotti di abiti sbrindellati, indossando dei vestiti logori e scoloriti, e sono appena risaliti da un buco profondo apparendo totalmente esausti, gli uomini caduti hanno bisogno di imparare da loro il cuore di Dio.

Allora, fino a che punto devono essere innestati i cuori delle persone cadute? Prima devono porre la base di essersi innestati al loro Padre, avendo vissuto con lui e dentro di lui; poi devono crescere nel grembo della loro Madre, nascere e servire i loro Genitori. Ma non finisce qui. Mentre vivono con i loro Genitori, attraverso di loro devono stabilire un legame d’amore con il proprio clan, che a sua volta si collega alla tribù; poi la tribù si collega al popolo, il popolo alla nazione, la nazione al mondo, il mondo al cosmo, e alla fine il cosmo si collega a Dio. È necessario porre questa base. Solo allora Dio vi riconoscerà dicendo: «Voi siete i miei figli!» perché non chiamerebbe Suoi figli delle persone che hanno formato un legame d’amore centrato unicamente su sé stesse. (17-129, 11.12.1966)

Rinascere non significa che dobbiamo nascere di nuovo attraverso il corpo dei genitori che sono discendenti di Adamo ed Eva caduti, ma attraverso il corpo dei genitori che non sono collegati in nessun modo alla caduta. Altrimenti non possiamo ritornare a Dio.

La radice del peccato ha avuto inizio da Adamo ed Eva e se non la superiamo – e con questo intendo dire se non nasciamo in una posizione che non ha nessun rapporto con il peccato originale – non possiamo ritornare al cospetto di Dio. Non importa quanto Dio cerchi di salvarci, se rimaniamo nel dominio caduto non possiamo essere salvati.

Ecco perché Dio deve mandare sulla terra i Veri Genitori, un Adamo e un’Eva puri e senza macchia. Le persone possono rinascere attraverso di loro e troncare per sempre il loro rapporto con Satana in modo che lui non li possa più accusare. Allora, solo Dio avrà il dominio completo su di loro e potrà intervenire nei loro affari. Gli esseri umani, che hanno ancora radicato dentro di loro il peccato originale, non possono essere restaurati ad una posizione libera dal peccato originale finché non rinascono. (22-269, 4.5.1969)

Questo mondo, attraverso i suoi legami con i genitori caduti, si è ridotto così com’è, ereditando la tradizione di separarsi da Dio. Perciò i Veri Genitori devono venire e stabilire una nuova tradizione, la via centrata sui Veri Genitori. Se non appare questa ideologia centrata sui Veri Genitori, non può emergere una vera ideologia globale. Il rappresentante di questa ideologia centrata sui Veri Genitori deve essere il vero figlio di Dio. Deve essere l’erede interiore che eredita ogni aspetto del cuore di Dio, e anche l’erede esteriore che eredita il diritto di proprietà su tutte le cose. In altre parole, deve essere qualcuno che può ereditare il cuore e il corpo di Dio e tutte le cose del creato. Solo un figlio del genere può diventare il rappresentante di Dio, e solo quando arriva questo figlio si può stabilire il Regno dei Cieli.

Questa ideologia centrata sui Veri Genitori è un’ideologia centrata sull’amore di Dio. Senza l’amore, una persona che va in giro, col petto in fuori, sostenendo di essere la più grande del mondo, sarà un individuo infelice. La tradizione dell’ideologia centrata sul vero amore vuole che i figli seguano eternamente le orme dei loro genitori, ovunque vanno; i fratelli più piccoli seguiranno i fratelli più grandi e il maggiore seguirà il minore quando la tradizione lo richiede. Le nazioni in posizione di fratello maggiore e fratello minore avranno tra loro questo stesso rapporto.

Allora, che tipo di tradizione è l’ideologia centrata sull’amore di Dio? È una ideologia che trascende i confini nazionali e mondiali, dove le persone, nelle loro relazioni reciproche, cercano prima di dare, anziché di ricevere. Il mondo con questa tradizione è il mondo ideale del futuro. Il mondo ideale non è un mondo dove gli ordini sono impartiti da qualche grande autorità, bensì un mondo dove si afferma che gli esseri umani sono tutti fratelli e sorelle, e dove tutti i cuori si muovono in modo naturale per fondersi insieme nell’amore di Dio. Ecco come sarà il mondo del futuro. (21-49, 1.9.1968)

Nell’ideale di creazione di Dio, i quattro grandi regni del cuore e le tre grandi sovranità fioriranno e prospereranno nelle nostre famiglie e serviranno da base per poterci sposare e avanzare uniti verso la patria originale. I veri genitori, i veri nonni, le vere coppie e i veri figli sono tutti lì. Questo stato non si raggiunge nel mondo spirituale. Prima raggiungiamo l’unità qui sulla terra, poi andiamo nel mondo dell’aldilà. Il materiale educativo, il manuale che ci guida a formare la famiglia di pace dell’umanità, la famiglia reale, si può trovare solo nella Chiesa dell’Unificazione. I Veri Genitori hanno portato questo manuale.

Nella famiglia dei Veri Genitori saranno inclusi il nonno e la nonna, i figli e le figlie. Che cosa devono fare i Veri Genitori? Tutte le nazioni del mondo sono destinate a perire. L’America, la Gran Bretagna e la Corea non mostrano forse segni di distruzione?

I Veri Genitori portano la famiglia e la nazione sotto il loro controllo. Queste due responsabilità appartengono a loro e possono essere realizzate condividendo il vero amore e seminando il seme di vita del vero amore in mezzo alle persone che sono preparate per essere innestate nella famiglia di Dio. A causa della caduta, gli uomini hanno ereditato l’amore falso e il seme di vita falso diventando così alberi di olivo selvatico. Perciò devono essere innestati nell’albero di olivo vero e nell’amore vero per ereditare la vita basata sul vero amore. Altrimenti non possono appartenere alla linea di sangue dei Veri Genitori. (238-73, 19.11.1992)

Oggigiorno le chiese tradizionali non sostengono forse che i cristiani andranno in cielo semplicemente credendo in Gesù? Noi diciamo che costruiremo il Regno dei Cieli e poi ci entreremo. Attualmente il Regno dei Cieli è vuoto. Poiché la forma ideale della famiglia com’era intesa in origine non è stata realizzata e tutti i tentativi per creare la famiglia ideale sono falliti, il Messia deve venire e realizzare la famiglia ideale al suo Secondo Avvento. Il Messia al tempo del Secondo Avvento è il Vero Genitore. Poi viene come il Re della vera nazione, del cielo e della terra. (238-44, 19.11.1992)

Io sono il Vero Genitore che ha fatto da pioniere, rappresentando tutto il cielo e la terra, ma è stato solo come un seme. Quando un seme è piantato, prima crescono le radici, poi il fusto e alla fine spuntano i boccioli. Non crescerà continuamente, per migliaia di anni. Crescerà solo per quanto lo consente la natura, poi comincerà ad appassire. Il seme permette al frutto di nascere. (300-246, 23.3.1999)

Avete ricevuto l’autorità vittoriosa di restaurare la vostra città natale – il luogo in cui non potevate ritornare – un luogo dove ora, attraverso i Veri Genitori, è stata stabilita la vera nazione. Dovete sapere che è qualcosa di cui essere grati, qualcosa che non potete scambiare nemmeno per il cielo e la terra. Dovete seguire questa strada tornando nella vostra città natale con le lacrime agli occhi. Se vi lamenterete, sarete maledetti. I vostri antenati vi colpiranno e i vostri figli non conosceranno un momento di pace. Sta arrivando il tempo in cui dipenderà da voi se sarete afflitti o curati. (219-220, 29.8.1991)

Gli esseri umani caduti sono nati da Satana e hanno avuto origine dal suo amore. Perciò non sono riusciti a collegarsi all’amore di Dio e dei Veri Genitori e quindi non sono potuti diventare i loro figli. In conclusione, chi è il Messia? È il Vero Genitore. Allora perché è essenziale l’amore dei Veri Genitori? Perché la vita non può iniziare finché le persone non rinascono attraverso quell’amore. La vita comincia attraverso l’amore. Poiché la vita umana ha avuto inizio in uno stato caduto, quella vita dev’essere rinnegata e bisogna stabilire un legame con i Veri Genitori. Ecco perché è necessario l’amore dei Veri Genitori. Questo è il motivo per cui l’umanità caduta ha bisogno del Messia. (65-314, 4.3.1973)

Se il Salvatore viene sulla terra, l’individuo, la famiglia, il popolo, la nazione e il mondo che Dio sta cercando possono essere riportati in vita alla sua presenza. Per questo motivo i numerosi popoli che oggi guardano al mondo della fede lo desiderano ardentemente e invocano: «Nostro Salvatore, per favore vieni!» Egli, infatti, è nella posizione del Vero Genitore perfetto a livello mondiale e, servendolo, diventeranno i suoi figli e le sue figlie. Allevati da lui come suoi figli, a tempo debito, quando si sposeranno, potranno diventare anche loro dei veri genitori. (151-194, 15.12.1962)

I membri della Chiesa dell’Unificazione possono considerare il mondo come la loro nazione e tutti gli uomini come i loro fratelli e sorelle che hanno in comune lo stesso lignaggio di Dio. Questo è il movimento della Chiesa dell’Unificazione. Nel mio corso di quarant’anni di lotte io non sono perito perché le idee e i principi che mi stanno a cuore sono quelli che stanno a cuore a Dio. Poiché condividiamo le stesse posizioni, Lui le difende, ed è così che non sono perito. Allo stesso modo, voi non dovete intrattenere dei pensieri egocentrici. Se saprete vivere come i figli e le figlie di Dio e dei Veri Genitori, trascendendo i confini nazionali, tutte le cose che saranno realizzate in futuro apparterranno a voi. (224-338, 29.12.1991)

Quelli che non conoscono gli ideali di Dio o le idee unificazioniste finiranno all’inferno. Cadranno in disgrazia. In questo tempo e in questa era siete nella posizione di figli. Nell’era dell’Antico Testamento le persone erano fratelli e sorelle, ma l’era della restaurazione del diritto del primogenito come fratelli e sorelle è passata. Il cuore messianico è un cuore di genitore. Dopo aver ricevuto la Benedizione, guardate le persone cadute intorno a voi. Satana sta per soccombere. (189-278, 1.5.1989)

Il mio modo di amare Dio, rispetto a quello di qualsiasi santo, saggio, figlio di pietà filiale e patriota della storia, è fondamentalmente diverso. Io non ho gli stessi criteri di questo mondo. Nel mondo caduto di oggi, non potete trovare neanche una famiglia che si può vantare di avere dei genitori che hanno tramandato l’amore, la vita e il lignaggio originale di Dio ai loro figli su una dimensione completamente nuova. Il Messia è stato inviato con la missione di realizzare i sogni di Dio per questa famiglia. (206-59, 3.10.1990)

I Veri Genitori sono essenziali per riportare la famiglia sotto controllo. Poiché Satana ha completamente distrutto la famiglia, ci dev’essere un Salvatore che riprenda il controllo della famiglia che è nel caos. Satana ha portato la nazione alla rovina. Il suo scopo finale è distruggere la famiglia e abbattere la nazione in modo che la famiglia e la nazione di Dio non possano mai essere stabilite. I Veri Genitori sono necessari per riprendere a Satana la famiglia, e il Salvatore è necessario per riprendere a Satana tutto ciò che lui ha distrutto e creare la nazione desiderata da Dio. (237-21, 10.11.1992)

Come tutti voi ben sapete il Reverendo e la signora Moon sono conosciuti in tutto il mondo come i Veri Genitori. Se è vero che la nostra coppia è collegata a Dio come i Veri Genitori attraverso il vero amore, la vera vita e il vero lignaggio, ricordate che, a partire “dalla Vera Famiglia e da voi”, il Regno di Dio – di liberazione, libertà, unificazione e felicità – fiorirà sulla terra. (270-246, 7.6.1995)

Affinché Dio possa stare con orgoglio nella posizione liberata sulla base dell’ideale d’amore e gridare: «Io sono il proprietario della creazione liberata in cielo e sulla terra!» i Veri Genitori devono formare dei legami d’amore – un legame di sangue – sulla terra. Inoltre, da quel legame di sangue devono nascere dei figli e delle figlie. Dovete sapere che la speranza del Creatore e la speranza di tutta la storia umana è stata stabilire una nazione e un mondo attraverso la famiglia fondata su dei figli e delle figlie che hanno questo legame di sangue. (202-198, 24.5.1990)

Il Vero Genitore di tutti i Genitori è Dio. Dio è il nostro Vero Genitore. Il Re della vera famiglia, della vera nazione e del vero mondo è il nostro Genitore. Dobbiamo inaugurare un’era di pace e di prosperità eterna dove possiamo servire Dio. Come la canzone coreana che inizia: «Luna, oh luna, splendida luna, la luna amata dal poeta Lee Tae-baek…» la nostra speranza è che l’umanità serva i nostri Veri Genitori sulla terra man mano che passano migliaia di anni. Dovete capire che la missione e lo scopo di tutti i membri della Chiesa dell’Unificazione è realizzare questa speranza. (277-89, 31.3.1966)

I Veri Genitori sono il nucleo e il centro che determinano il criterio di valore delle innumerevoli forme di vita in movimento in cielo e sulla terra. Sono le figure chiave in rapporto alle quali tutte le cose della creazione misurano le loro speranze in modo da determinare il loro valore. Dio è sempre con i Veri Genitori perché è un essere simile a loro. È la fonte del Principio che persegue i frutti della storia, è il centro di questa era e il signore del futuro. I Veri Genitori sono il quartier generale dove Dio può risiedere. (30-237, 23.3.1970)

I Veri Genitori sono il corpo di Dio. Proprio come noi abbiamo una coscienza e un corpo, il punto d’origine dell’universo e il primo punto di partenza sono Dio e i Veri Genitori. Il vero amore inizia da lì. E per quanto riguarda l’umanità? Dio è la mente di Adamo ed Eva. Non è una mente a due dimensioni, ma a più dimensioni. È impossibile sia per una mente bidimensionale che per una mente pluridimensionale decidere da sole la loro posizione. Le loro posizioni eterne sono determinate dalla forza dell’amore. Con l’unità di Dio e dei Veri Genitori tutto si unifica. Se la coscienza soffre, soffrirà anche il corpo; è inevitabile perché sono una cosa sola. (192-200, 4.7.1989)

L’uomo chiamato il Vero Genitore è il figlio più grande di tutti nella mente di Dio. È il figlio che ha realizzato la perfezione come la Sua controparte eterna e che lascerà dietro di sé una storia che è come il manuale di Dio, mostrando come dev’essere la vita di un simile figlio. (232-138, 3.7.1992)

C’è una differenza enorme fra il valore del Reverendo Moon, il Vero Genitore, dal punto di vista di Dio e dal vostro punto di vista. Dal punto di vista del Principio, queste due visioni sono agli estremi opposti. Dio ha desiderato ardentemente il Vero Genitore in tutto il corso della storia sin dal tempo della creazione. Prima ancora che gli uomini caduti cominciassero a desiderare i Veri Genitori, era Dio, il loro Creatore, che li desiderava. Erano lo scopo che aveva tanto a cuore prima di creare.

Dicono che questo universo ha un’età di circa 25 miliardi di anni. Sulla base di questo periodo di tempo la corrente principale della storia religiosa è andata avanti fino ad oggi, mirando a realizzare sulla terra l’ideale che Dio aveva in mente ancor prima della creazione. Il giudaismo rappresentava il primo popolo scelto, il cristianesimo il secondo e ora la Chiesa dell’Unificazione rappresenta il terzo. Nel corso di questa storia prolungata, tante persone sono state sacrificate per realizzare quest’unico scopo. (248-138, 1.8.1993)

Nei Veri Genitori risiede l’amore di Dio, un amore che l’umanità non aveva mai concepito o immaginato prima. Con l’amore di Dio come punto centrale, si stabilisce il rapporto genitore-figlio. Quando pregate Dio, non Lo potete invocare direttamente. Dovete passare attraverso i Veri Genitori e concludere la vostra preghiera offrendola nel loro nome. Non è così semplice come sembra. Non è semplice come aggiungere delle parole per abitudine. Il punto di partenza dove si realizzano questi ideali è sulla terra, non in cielo. Dovete sapere che un nuovo cielo e una nuova terra avranno origine nel mondo fisico. Il rapporto con i Veri Genitori si forma non in un mondo indistinto come il mondo spirituale, ma nel mondo fisico. I Veri Genitori vengono sulla terra con una forma sostanziale. In questo modo possono rispondere quando li invochiamo e simpatizzare con noi quando incontriamo delle difficoltà. Non avete idea di che benedizione sia per l’umanità poter incontrare i Veri Genitori su questo piano orizzontale. (31-77, 19.4.1970)

Originariamente le persone che vivono sulla terra sarebbero nate dal vero amore di Dio, avrebbero sperimentato il rapporto di sangue dei veri figli nati dai Veri Genitori e diffuso questa fondazione della linea di sangue in tutto il mondo, verticalmente. Sulla base di quella famiglia centrale, gli altri si sarebbero legati come famiglie con un rapporto reciproco e avrebbero formato il mondo; il mondo fisico e il mondo spirituale sarebbero stati stabiliti in questo modo. Questo sarebbe stato il mondo dell’ideale di creazione basato sull’amore di Dio. (184-195, 1.1.1989)

Il vostro centro sono i Veri Genitori i quali, a loro volta, hanno come centro Gesù. Tutti i popoli della storia si devono unire attorno ai Veri Genitori. Da lì si stabilisce l’origine della tradizione del futuro che realizza l’unificazione. È anche il punto centrale del numero tre. Allora, che genere di gruppo sono i membri della Chiesa dell’Unificazione? Sono quelli che riceveranno gli insegnamenti dei Veri Genitori e che diventeranno i loro figli. La dottrina che dovete diventare i figli e le figlie dei Veri Genitori si insegna solo nella Chiesa dell’Unificazione.

La Chiesa dell’Unificazione è anche il luogo dove potete servire i Veri Genitori, che sono proprio il centro ricercato nel corso della storia e reclamato dalla nostra era. Potete ereditare questo legame con i Veri Genitori che sono l’origine del futuro. Di conseguenza voi siete il loro frutto storico e il centro storico. Sarete l’origine, gli antenati del futuro. Tuttavia, dovete rendervi conto che questo può venire solo quando stabilite un rapporto con i Veri Genitori unendo il vostro cuore al loro. Se avete offerto delle preghiere così, con questo tipo di cuore, non cadrete in disgrazia.

Attraverso cosa verrà questa unificazione? Verrà attraverso l’amore dei Veri Genitori. Con chi si devono unire? Con i figli e le figlie. Chi sono questi figli e queste figlie? Sono quelli che sono centrati sull’amore dei Veri Genitori. In altre parole, possono essere paragonati ai figli e alle figlie nati da Adamo ed Eva che non sono caduti.

Nell’unità possiamo diventare i figli e le figlie del Regno di Dio. Il luogo dove oggi uno nasce, collegato all’amore delle tre ere, è dove uno diventa un figlio dei Veri Genitori. Poiché gli esseri umani sono caduti, devono percorrere il corso della storia in senso inverso e restaurare quella posizione. (26-199, 25.10.1969)

Che cosa succede se vivete la vostra vita con i Veri Genitori? La vita individuale, familiare, tribale, nazionale, mondiale e cosmica, così come la vita al servizio di Dio, sono tutte collegate a questo. Se ci centriamo sulla famiglia dei Veri Genitori, anche la tribù e il popolo faranno parte integrante della nostra famiglia. Il popolo, la nazione, il mondo, il cielo e la terra e Dio apparterranno tutti a noi. Dovete capire questo concetto. Tutto il mondo sarà unito ai Veri Genitori.

I Veri Genitori sono una sola cosa con Dio. Dio desidera vivere insieme a tutta l’umanità, non solo con una denominazione religiosa. Il desiderio di vivere insieme all’universo e al mondo ideale, sulla base dell’amore, è una manifestazione dell’ideale di creazione di Dio, espresso in un modo di vita che inizia ed è praticato nella Sua famiglia. (287-147, 14.9.1997)

Adamo ed Eva, assomigliando a Dio nella forma esteriore, dovevano unirsi a Lui dopo essere andati nel mondo spirituale. Senza passare attraverso i Veri Genitori non potete ereditare completamente la forma esteriore di Dio. Inoltre, poiché Dio non ha potuto stabilire un mondo d’amore attraverso Adamo ed Eva, la restaurazione comporta manifestare l’amore attraverso i Veri Genitori. (107-173, 27.4.1980)

I genitori causano tanto trambusto, gridando: «Se il Reverendo Moon è il Vero Genitore, allora noi chi siamo?» Nella Bibbia è scritto che il Signore che viene è il vero sposo. Allora cosa diventano tutti gli altri sposi? Diventano degli sposi falsi. È proprio così. La Bibbia parla solo di due persone, la sposa e lo sposo. Nel giardino di Eden originale lo sposo ideale era Adamo e la sposa ideale era Eva. Erano la coppia ideale creata da Dio. (203-98, 17.6.1990)

Sorprendentemente i Veri Genitori sono stati rivelati in mezzo alle famiglie americane che sono in condizioni così pietose. Gli americani hanno potuto conoscere i Veri Genitori e, straordinariamente, hanno scoperto anche i loro veri fratelli e sorelle, le loro vere famiglie. La vera famiglia è desiderata dai veri Stati Uniti, dal vero mondo e dal vero universo. Gli americani, tuttavia, non hanno conosciuto l’amore dei genitori e questa è stata la causa della loro afflizione. (149-304, 14.12.1986)

Un re deve sacrificare i suoi figli e persino sé stesso per le famiglie del suo regno. Il sovrano virtuoso è quello che realizza la sua responsabilità di nutrire e guidare i suoi sudditi anche a costo di questo sacrificio. Le madri e i figli devono unirsi tra loro e poi unirsi al loro re. Una volta fatto questo, il re, al posto dei loro genitori, deve investire continuamente tutto ciò che ha per nutrirli con un amore di genitore. Un re del genere è un sovrano virtuoso. (278-173, 5.5.1996)

Una volta che ci sono dei veri genitori, da loro emergeranno automaticamente dei veri figli, una vera famiglia, una vera tribù, una vera nazione e un vero mondo. Tra tutti questi termini, “veri genitori” è il più importante. (125-117, 14.3.1983)

Sezione 2. Dio è il Genitore verticale e i Veri Genitori sono i genitori orizzontali

Il termine Veri Genitori ha avuto origine nella mente di Dio prima della creazione. Dovete sapere che, dal momento che tutti gli ideali sono stati creati da Dio sotto l’insegna dell’ideale d’amore centrato sui Veri Genitori, riflettono anche loro i desideri di Dio prima della creazione.

Nel corso della provvidenza di Dio, un’infinità di persone sono state sacrificate per stabilire i Veri Genitori. Nel Suo piano provvidenziale Dio ha creato un gran numero di religioni, che rappresentano le posizioni del mondo angelico, di Caino, di Abele, del figlio illegittimo, del figlio adottivo, della matrigna e dei genitori adottivi. Alla fine, ha creato la religione della Vera Madre e del Vero Padre.

In accordo alla volontà e al piano generale della provvidenza di Dio, il protestantesimo e il cattolicesimo assunsero la responsabilità di guidare il mondo. Se tutta la sfera religiosa si fosse unita, una nazione e un mondo di pace sarebbero stati stabiliti. Il cristianesimo era la corrente centrale fra le tante religioni che si sforzavano di realizzare la volontà di Dio, alla ricerca di questo mondo di pace e di unità.

Che cosa insegna il cristianesimo? Insegna i Veri Genitori e l’amore. Ci ha insegnato che Gesù è come un “fratello” e uno “sposo” e che Dio è come un “genitore”. Poiché il cristianesimo si basa completamente sull’ideale della famiglia, ci ha insegnato a realizzare pienamente la famiglia che è l’ideale di Dio. È per questo che il cristianesimo si è potuto elevare al di sopra di tutte le altre religioni e ha potuto unire il mondo.

Allora chi è il Signore del Secondo Avvento? Poiché il Vero Padre e la Vera Madre furono persi nel giardino di Eden, il Signore del Secondo Avvento è colui che deve venire sulla terra come il Vero Padre. Si unirà a Dio nel cuore, nel lignaggio e nella carne, stabilirà la posizione della Vera Madre e formerà una famiglia centrata su questa unità. La famiglia del Messia sarà la prima a servire Dio e a vivere con Lui. Il Messia realizza la posizione dell’Adamo perfetto. Il Regno dei Cieli sarà stabilito solo dopo che Adamo ed Eva perfetti si sposano, vivono sulla terra servendo Dio, hanno dei figli e delle figlie centrati su di Lui, stabiliscono il Suo clan e vivono sulla terra con loro e poi, finalmente, entrano nel Regno dei Cieli insieme a Dio. (282-51, 10.3.1997)

Se la punta invisibile di un ago è Dio, la sua punta visibile sono i nostri antenati umani. Dio è il genitore verticale. Forse pensiamo che sarebbe meraviglioso se Dio potesse avere dei figli e delle figlie nel mondo spirituale, ma in quel mondo non c’è riproduzione.

Perché Dio ha creato i genitori orizzontali nella forma di Adamo ed Eva? Sono stati creati come la fabbrica per produrre e moltiplicare i cittadini del Suo regno. Poiché sulla linea verticale c’è un solo punto di focalizzazione, non può avvenire nessuna riproduzione. Cosa succederebbe se la riproduzione si realizzasse proprio nel centro? Tutto ciò che era stato creato fino a quel punto dovrebbe essere respinto. Quindi sulla linea verticale la riproduzione non è possibile perché c’è soltanto un punto. (214-204, 2.2.1991)

Non è Dio che dà nascita ai figli ma i Veri Genitori, e la coppia che è nella posizione dei genitori del vero amore orizzontale sono i Veri Genitori della Chiesa dell’Unificazione. Sono i genitori con l’amore orizzontale che formano un angolo retto di fronte a Dio, il Vero Genitore con l’amore verticale. Quindi è necessario l’amore di entrambi i genitori. Da un lato c’è il Genitore, il creatore, e dall’altro ci sono i genitori fisici creati come gli oggetti di Dio che perseguono l’ideale. Con Dio in posizione di Genitore spirituale e i Veri Genitori in posizione di genitori fisici, gli esseri umani dovevano nascere al centro dell’amore sia verticale che orizzontale, per permettere la realizzazione di questo aspetto essenziale dell’umanità.

Esiste il nostro io verticale che ci permette di stabilire liberamente un rapporto con l’amore verticale. Questa è la mente. Finora la natura della mente è rimasta sconosciuta, persino nel buddismo. Tuttavia, noi, nella Chiesa dell’Unificazione, la conosciamo. Raffiguriamo un ideale sferico con il centro definito da un asse d’amore orizzontale, un asse verticale e un asse davanti-dietro. Poiché questo ideale sferico opera secondo l’ideale di creazione di Dio non ci può essere nessuna perdita di energia circolando attraverso l’est, l’ovest, il nord e il sud. Ogni volta che sarà in azione, verrà fuori solo il bene. Non ci saranno né male né conflitto. (182-258, 23.10.1988)

La vostra mente è il vostro io verticale e il vostro corpo è il vostro io orizzontale. Attraverso il vero amore i due si devono unire. La nostra mente e il nostro corpo non sono forse in conflitto? Perché? È a causa della caduta. Allora, come possono unirsi di nuovo? Senza il vero amore non si possono unire. Quando si uniscono attraverso il vero amore, come Dio, potete andare dritti in cielo. Non ci sarà nessun bisogno di un salvatore, perché potrete entrare così come siete. (201-123, 27.3.1990)

Il Re del cielo come centro verticale occupa la posizione della mente, e il re sulla terra occupa quella del corpo. Perciò il matrimonio ideale di Adamo ed Eva perfetti è un matrimonio attraverso il quale Dio diventa il centro, e Adamo ed Eva diventano il corpo di Dio. Questo è il matrimonio stesso di Dio e il matrimonio di Adamo ed Eva. (245-89, 28.2.1993)

È possibile porre la fondazione orizzontale solo quando Caino e Abele si uniscono e ritornano a Dio. Che cos’è necessario per questo? Devono passare attraverso i Veri Genitori. La storia che Dio ha guidato fino all’avvento dei Veri Genitori, il Signore centrato sulla condizione di completa unità fra Caino e Abele, è la storia cristiana. Questa è la storia cristiana, che è basata sull’aspetto spirituale. (34-93, 29.8.1970)

Dovete avere le qualifiche necessarie per entrare nel cielo in cui io sto andando. Per entrare dovete realizzare almeno uno dei punti che vi ho insegnato. Cosa succederà se lo farete? Diventerete degni di collegarvi all’amore centrato sul vero Dio, i Veri Genitori, la vera nazione, il vero mondo e il vero cielo. Ossia, acquisirete il diritto di servire Dio come vostro Padre, il Padre dell’individuo, della famiglia, della nazione, del mondo e di tutto il cielo e la terra. In altre parole, erediterete l’autorità di servirLo come vostro Padre individuale, familiare, tribale, razziale, nazionale e mondiale. Questo perché Dio esiste per diventare il Genitore ed essere nella posizione del Genitore universale.

Perciò Dio è il Padre dell’individuo e nello stesso tempo il Padre della famiglia, della tribù, del popolo, della nazione, del mondo e del cielo. Questo vale sia nel mondo fisico che nel mondo spirituale. (98-224, 1.8.1978)

I miei beni non appartengono a me. Io penso che appartengono all’umanità come base originale per la condizione che determina la proprietà in unità all’amore di Dio; sono liberi dall’intrusione della caduta e dal dominio dell’accusa di Satana. Sono stati ereditati attraverso l’amore di tipo Abele dal lato di Dio e alla fine apparterranno a Dio attraverso i Veri Genitori sulla terra. Quindi, se la Chiesa dell’Unificazione compera una cosa, non deve essere rivenduta, finché non è stato accertato che i Veri Genitori stessi l’hanno gettata via. Una volta che ho comperato una cosa, non la rivenderei neanche se fossi ridotto allo stato di un mendicante. Quelli che vendono le nostre proprietà a mia insaputa, pur comprendendo questo, alla fine saranno intrappolati dalla legge celeste.

È stato stabilito che i Veri Genitori esercitano il diritto di proprietà in unità all’amore di Dio e che tutte le famiglie benedette hanno una strada che le guida alla posizione dei genitori, tuttavia hanno aspettato di ricevere la proprietà dai genitori centrati sull’amore di Dio.

Oggi, celebrando insieme il Giorno dei Genitori, in questa era del dominio diretto, la proprietà vi è stata trasmessa orizzontalmente, mentre prima andava verticalmente da tutte le cose della creazione ai figli. Da questo luogo i sette stadi – l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione, il mondo e il cosmo – devono essere completati e collegati alla linea centrale. Sono tutti destinati ad essere collegati, sette stadi dell’uomo e sette stadi della donna. (137-270, 3.1.1986)

Il Salvatore viene sulla terra a cercare la sua sposa. Deve trovare una vera donna. Quando il Salvatore troverà una vera donna, i due, centrati sulla volontà di Dio e non essendo caduti ma come coloro che possono raggiungere la perfezione, collegheranno il verticale e l’orizzontale per la prima volta nella storia. Attraverso i Veri Genitori esteriori, Dio, il Padre interiore, per la prima volta nella storia può venire sulla terra e ci può collegare alla strada che porta direttamente in cielo.

Dall’inizio della storia, nessuno è stato perseguitato tanto quanto me o ha affrontato così tanta opposizione. In una sola era ho dovuto subire la persecuzione del mondo a livello individuale, familiare e tribale.

La tribù della Chiesa dell’Unificazione deve essere collegata a tutti i popoli di tutte le 160 nazioni del mondo attraverso l’associazione mondiale delle famiglie benedette. Questo è il lavoro della restaurazione. Prima dobbiamo realizzare questo lavoro a livello di tribù, poi di popolo e poi di nazione. (176-332, 13.5.1988)

Vi trovate sulla fondazione vittoriosa che io ho posto sulla base della condizione mondiale, perciò dovete essere gli eredi del mio cuore. Ereditando questo cuore, dovete essere in grado di proclamare: «Io sono senz’altro un figlio dei Veri Genitori e, anche se sono nato nella posizione di Abele, sottometterò sicuramente il dominio di Caino in questo mondo». È così perché, nell’aspetto spirituale, la base della vittoria è stata completamente stabilita. Il potere del mondo fisico si sta indebolendo e quando gli daremo una spinta, sarà respinto. (100-319, 22.10.1978)

Voi non siete dei semplici individui. Se avete l’idea di essere il centro che rappresenta il mondo intero, lo sarete. Chiunque pensa in questo modo rappresenta il mondo. I figli rappresentano i loro genitori e nello stesso modo i genitori rappresentano il loro clan. Dovete essere grati. Non possiamo semplicemente dire che la provvidenza è per il bene dell’individuo. Poiché siete gravati da questo debito, dovete imparare a provare una vergogna tale da non potervi neppure guardare intorno. Dovete avere questo genere di esperienza almeno una volta. Anche se vi considerate fortunati perché siete nati dai vostri genitori, e anche se praticate la pietà filiale, se pensate che tutta la storia è venuta ad essere quello che è per il vostro bene, dovete amare la vostra nazione e il mondo più di quanto mostrate pietà filiale verso i vostri genitori. Questa è la disposizione d’animo che dovete avere mentre andate avanti. Ricordatevi che quelli che hanno una simile coscienza possono diventare i figli e le figlie dei Veri Genitori. (251-47, 15.10.1993)

I Veri Genitori sono venuti nel mondo in cui viviamo, ma questo mondo è abitato sia dai loro figli che dai figli dei genitori caduti. Originariamente, attraverso la carne e il sangue dei Veri Genitori, tutti avrebbero dovuto essere i figli diletti di Dio. Attraverso la caduta, invece, divennero dei figli caduti e così il Salvatore, il Signore del Secondo Avvento, deve ritornare come il Vero Genitore per cancellare tutti gli sbagli dei nostri primi antenati. Deve ritornare e restaurare il figlio primogenito che è già nato. Questo figlio primogenito era come un figlio illegittimo, reso illegittimo da un cambiamento della linea di sangue separata da Dio. Avrebbe dovuto ereditare la linea di sangue di Dio attraverso l’amore originale, ma a causa della caduta ereditò un’altra linea di sangue. Nonostante ciò, Dio non lo può scacciare. (210-360, 27.12.1990)

Il lavoro in cui siete impegnati è quello della creazione. La vostra è una vita d’amore alla ricerca della strada per consolare Dio e venire a contatto con il mondo del Suo amore. In una vita così non avvertirete mai la stanchezza, anche se potete lavorare tutta la vita cercando di realizzare la volontà di Dio. Vivete con l’idea che, da quello che Dio ha creato per il vostro piacere, creerete dei ricordi da portare con voi in cielo. Questo è ciò che fanno i Veri Genitori quando esplorano la natura e tutti i luoghi interessanti del mondo: sul mare, nei cinque oceani, nei sei continenti, o sui fiumi, sulle montagne e in vari altri paesaggi. Seguirete anche voi il loro stile di vita, lavorando per liberare il mondo della natura dalla sua afflizione, con l’amore di Dio, oppure sceglierete di rimanere bloccati in una grossa città, centrati su voi stessi, distruggendo l’ambiente, aumentando l’inquinamento ed essendo dei genitori che impediscono ai loro figli di sviluppare la loro sensibilità? Dopo aver considerato le due opzioni, i membri della Chiesa dell’Unificazione scelgono naturalmente di seguire la mia strada di amare la natura; così sarà possibile costruire il Regno dei Cieli ideale dove le città saranno decentralizzate e rese più naturali, e dove vivremo in armonia con la natura. (288-72, 31.10.1997)

Io posso veramente sentire che Dio è vivo. Nel movimento d’indipendenza coreano c’erano 33 leader. L’Uruguay è agli antipodi della Corea, ma anche il suo movimento di indipendenza aveva 33 leader. Ci sono trentatré nazioni nell’America Latina e nei Caraibi e anche nella regione di Jardim, dove attualmente sto lavorando, ci sono 33 città. È davvero sorprendente! Ci sono 33 città nelle vicinanze. Lo trovo davvero misterioso. Alla luce della volontà della provvidenza, queste cose succedono perché Dio è vivo. Perciò ci devono essere 33 persone in tutti gli eventi. Includendo me stesso saranno 34. Questo è molto importante. Dovete unirvi ai vostri messia nazionali a tutti i costi. Non lamentatevi, ma praticate la fede assoluta, l’amore assoluto e l’obbedienza assoluta. (281-45, 14.2.1997)

Sezione 3. I Veri Genitori liberano Dio

Tragicamente la vera famiglia che rispondeva all’ideale di Dio non fu realizzata. Nel giardino di Eden il serpente sedusse Eva che, a sua volta, sedusse Adamo e così l’amore egoista e falso fu seminato in questo mondo. Il peccato e la disgrazia dell’umanità furono il risultato dell’amore illecito condiviso dai nostri primi antenati, Adamo ed Eva, per intervento di Satana.

Dobbiamo restaurare l’individuo e la vera famiglia ed espandere il vero amore e la bontà a livello mondiale. Sapendo che solo questa verità poteva unificare le confessioni che sono in conflitto fra loro e stabilire il Regno di Dio sulla terra, ho annunciato questa rivelazione ai cristiani cinquant’anni fa. Io non avevo nessuna intenzione di creare un’altra denominazione separata, ma il messaggio di Dio fu respinto e contestato dai gruppi religiosi ufficiali e non mi rimase altra scelta che porre un’altra fondazione attraverso il faticoso lavoro degli ultimi quarantatré anni. Iniziando in Corea nel 1954 sotto il nome di Associazione dello Spirito Santo per l’Unificazione del Cristianesimo Mondiale, ho inviato missionari in Giappone, negli Stati Uniti, in Europa e in altri paesi del mondo. Su questa base mia moglie e io abbiamo fondato tante organizzazioni per poter illustrare i principi della vera famiglia nel campo accademico, dei media, della religione, dell’arte e dell’industria. Attraverso questo, ci siamo sforzati di stabilire un esempio e di creare dei modelli con i quali il mondo può essere restaurato tramite indennizzo. (288-168, 27.11.1997)

Come potete restaurare tutto quello che è stato perduto nel giardino di Eden? Potete farlo attraverso la mia idea di ritornare nel vostro paese natale. Dovete ritornare nel vostro paese natale. È per questo che ho inviato i messia nazionali e tribali. Dio poté mandare un solo Messia, Gesù, che doveva liberare la sua tribù. In questo tempo, nel nome di Dio, io ho inviato messia nazionali in 185 nazioni. Questi messia nazionali lavorano a un livello più alto del livello del messia tribale al tempo di Gesù.

Al tempo di Gesù un concetto del genere non esisteva. Tutto fu perso sulla croce. Senza una famiglia, Gesù non poté entrare in cielo e dovette rimanere in paradiso. Nel regno originale di Dio, il collegamento si estende dalla famiglia alla tribù, al popolo e alla nazione. Gesù non poté formare una famiglia. Poiché Adamo fu scacciato dal giardino di Eden, la famiglia non poté essere stabilita lì. Per restaurare questo sono apparsi i Veri Genitori e hanno inviato dei messia su una base nazionale, a un livello più alto di quello della famiglia che è stata perduta. (282-29, 16.2.1997)

Con la caduta furono persi Dio e le posizioni del vero uomo, della vera donna, della vera coppia e dei veri figli. Tutto andò in pezzi. Le persone cadute non possono unirsi a Dio. Perciò il vero uomo e la vera donna che possono servire Dio, devono unirsi, diventare una vera coppia che non può essere separata o divisa da nulla, e dar nascita a dei veri figli e delle vere figlie. In altre parole, con Dio come punto centrale, devono diventare dei veri genitori, dei veri sposi e dei veri figli e realizzare la base delle quattro posizioni.

In questa maniera i Veri Genitori devono invitare Dio a vivere con loro e a diventare il centro di tutta la famiglia. Bisogna che il modo di vita che essi stabiliscono nella famiglia possa essere seguito da tutte le persone del mondo. La visione della nazione percepita lì, la visione del mondo discussa lì e l’ideologia insegnata lì, devono essere l’ideologia e la visione della nazione e del mondo che saranno condivise da tutti i popoli della terra.

Poiché questo non è stato realizzato, un senso di confusione è sorto nel nostro tempo. Nonostante ciò, ora l’umanità si è mossa verso la via d’uscita, sperando nel tempo degli Ultimi Giorni. Il desiderio dei Veri Genitori è che l’umanità stabilisca la Vera Famiglia centrata su Dio, la tribù, il popolo, la nazione, il mondo e il cosmo centrati su Dio. Quando questo sarà fatto, si potrà restaurare anche l’amore di Dio. (19-205, 7.1.1968)

Qual è la fonte dell’amara sofferenza di Dio? Sta nel fatto che, anche se Dio ha versato lacrime per il Suo popolo e per la terra, non ha avuto la possibilità di aggrapparsi al Suo figlio vittorioso, il figlio che aveva sempre desiderato, versando lacrime di gioia per lui. L’angoscia e il dolore di Dio derivavano dal fatto di non avere nessuno che poteva riconoscere come Suo figlio vittorioso. E non solo, anche se Dio ha vagato senza fine per trovare i Suoi figli perduti, nessuno è andato da Lui e ha pianto insieme a Lui. (4-290, 14.9.1958)

Nel Giorno di Dio, Dio vuole che l’umanità realizzi la perfezione del Suo vero amore. Per far questo, gli uomini devono essere nella posizione di oggetti perfetti davanti al Soggetto perfetto. I Veri Genitori sono in questa posizione. Dio ha bisogno di essere liberato dal vero amore. Attraverso chi si realizzerà questo? Attraverso i Veri Genitori. Sapendolo, io posso liberare Dio. Proprio come io, prendendo la posizione di polo negativo, ho raggiunto l’unità con Dio come partner Soggetto, così anche voi dovete occupare la posizione di un polo negativo e realizzare un’unità sostanziale con i Veri Genitori in posizione di polo positivo. Allora sarete liberi di avanzare verso la posizione di unità con Dio. Questa è la via del principio della ri-creazione. (275-333, 1.1.1996)

Attraverso la Benedizione, io posso erigere una barriera protettiva attorno al clan, alla nazione, al mondo e al cosmo, e in questo modo liberare Dio. Chi ha la responsabilità di estrarre il chiodo piantato così profondamente nel cuore di Dio e dei Veri Genitori sulla terra? I Veri Genitori hanno questa responsabilità e la persona che alla fine completerà questo lavoro è la Vera Madre. Attualmente la Vera Madre sta conducendo un tour mondiale. Ora tutte le donne devono prendere la sua posizione. (301-169, 25.4.1999)

Oggi la storia sta prendendo la direzione di stabilire i Genitori. Poiché Dio esiste, ci devono essere i Veri Genitori che possono esercitare la pietà filiale davanti Lui e realizzare il Suo scopo di creazione, ossia lo scopo della salvezza. Nello stesso tempo gli angeli devono giurare lealtà ai figli e alle figlie di questi Veri Genitori. Queste erano le leggi originarie della creazione, ma furono trasgredite. Perciò dobbiamo riscattare e indennizzare queste cose. Quello che è stato perduto deve essere recuperato nella sua forma originale. (15-242, 17.10.1965)

Anziché appartenere ai vostri genitori come loro figli, dovete prima diventare figli di Dio. Se non fosse stato per la caduta, sarebbe stata una cosa naturale, ma l’ordine è stato invertito. Attualmente non siamo ancora diventati i figli di Dio. Anche se siamo spuntati da una radice diversa, dobbiamo essere tagliati da quella radice, proprio alla base del tronco, e un nuovo germoglio deve essere attaccato o innestato lì. Questo deve essere fatto con al centro i Veri Genitori. Poi, sulla condizione di essere diventati i figli e le figlie dei Veri Genitori, Dio può essere liberato. (166-306, 14.6.1987)

Il cristianesimo è diviso in centinaia di denominazioni in conflitto tra loro. Un corpo così in lotta, può diventare le membra di Dio e il Suo punto d’appoggio? No. Da questo punto di vista non c’è nessuna denominazione con la quale Dio può fare quello che vuole. Allora, dove andrà Dio se ha in mente di stabilire il Suo regno sulla terra? Arriviamo alla conclusione che Dio non avrà altra scelta che cercare una famiglia. Se, in questa famiglia, i genitori si unissero direttamente a Lui e i loro figli si unissero completamente a loro, allora Dio sarebbe l’unico proprietario di quella famiglia. I membri di quella famiglia apparterrebbero a Lui. Tuttavia, il punto è se esiste una famiglia del genere. (96-15, 1.1.1978)

L’evento che supera e conclude lo storico errore di Adamo ed Eva di sposarsi nel giardino di Eden e che realizza i Veri Genitori, è il banchetto delle nozze dell’Agnello. Quando i Veri Genitori si sposano in quella cerimonia così sacra, anche i loro figli e le loro figlie potranno sposarsi in quella tradizione. Tutte le cose nel mondo dell’amore che Dio desidera cominceranno a scorrere, abbracciate nell’ideale dei Veri Genitori. La famiglia in cui possiamo risiedere come i principi e le principesse d’amore liberati, come il punto che collega il centro a tutti gli altri elementi dell’ambiente, è la nostra famiglia – la famiglia di Dio, la famiglia dell’umanità, la nostra famiglia! Man mano che questa famiglia crescerà e prospererà, arriverà a rappresentare la nazione che può amare Dio e l’umanità e diventerà il Suo regno di amore, di pace e di uguaglianza. (296-237, 10.11.1998)

Dalla caduta non sono forse emersi dei genitori falsi? Di conseguenza devono apparire dei genitori veri. Poiché i genitori falsi sono nati sulla base di Satana, l’ideale originale della creazione e l’avvento dei veri genitori che sono centrati su Dio restano ancora da realizzare. L’Adamo caduto deve essere redento per realizzare l’ideale originale dei veri genitori sulla terra. Cosa occorrerà per realizzarlo? Se gli esseri umani non fossero nati da dei genitori falsi che sono caduti, sarebbero diventati i figli e le figlie di Dio e i veri genitori originali.

Dio, in accordo al Suo principio di creazione, non abbandonerà il genere umano che si è ridotto in questo stato caduto a causa dell’amore falso. (208-303, 21.11.1990)

Potete essere un membro di una famiglia di patrioti, ma senza il Regno di Dio non servirà a nulla. Per quanto possiate essere un suddito leale verso il vostro paese, se la nazione di Dio non sarà stabilita, non ci sarà nessuna base che vi permette di stabilirvi nella storia. Quindi la nazione deve essere restaurata attraverso la famiglia, il mondo attraverso la nazione e il cosmo attraverso il mondo. Una volta fatto questo, sarete i padroni del cosmo.

Così gli individui devono investire sé stessi nelle loro famiglie, dando e dimenticando, sacrificandosi per bene degli altri. Si devono sacrificare per le loro famiglie, e le loro famiglie si devono sacrificare per le loro tribù; allo stesso modo le tribù si devono sacrificare per il loro popolo, il popolo per la nazione, le nazioni per il mondo, il mondo per il cosmo e il cosmo per Dio. Una volta che questo ciclo raggiungerà Dio, Dio si sacrificherà per ricompensarci. Ciò che diamo non va perduto. Quando abbiamo dato tutto per Dio e lo abbiamo dimenticato, Dio se ne impadronirà e aggiungerà il Suo amore, poi ci ricompenserà con il mondo celeste e terreno. (297-211, 20.11.1998)

Dobbiamo sapere che la liberazione dell’umanità è la liberazione di Dio. La liberazione delle vostre famiglie, dei vostri clan e delle vostre nazioni consola Dio che è addolorato per la perdita della Sua famiglia, del Suo clan e della Sua nazione. Nella mia vita recupererò il cosmo che è stato perduto e dissolverò l’angoscia di Dio. Non ho nessun desiderio o pensiero per me stesso, tranne che praticare la fede assoluta, l’amore assoluto e l’obbedienza assoluta. Se Dio mi chiedesse di morire, andrei dritto incontro alla morte. Anche a costo della mia vita, non mi volterò indietro.

In questo modo devo realizzare i desideri di Dio e liberarLo per sempre da Satana. Devo diventare il figlio che può liberare Dio dalla Sua schiavitù, dalla prigione in cui è intrappolato. Solo allora il nostro Dio miserabile, che prova una profonda angoscia per non aver realizzato la liberazione nella famiglia, realizzerà finalmente la liberazione nel mondo e nel cosmo. Solo allora Dio potrà essere riportato alla Sua posizione e stabilire la Sua sovranità sulla base delle leggi d’amore della famiglia, della tribù, del popolo, della nazione e del cosmo. (300-72, 21.2.1999)

Sezione 4. I Veri Genitori sono la via per il cielo

Se Adamo ed Eva dovevano essere i genitori che facevano le veci di Dio, allora anche io, spiritualmente, sono il genitore che rappresenta la terra al Suo posto. Tutte le persone che sono morte e sono andate nell’altro mondo hanno seguito le orme di Adamo ed Eva. Dal loro posto nel mondo angelico hanno potuto sostenervi liberamente, ma poiché sono nate da genitori falsi invece che da genitori veri, non hanno potuto aiutare direttamente i Veri Genitori. Ora, però, poiché gli sbagli dell’arcangelo sono stati indennizzati, possono prendere la posizione di figli, simile al tempo in cui Adamo ed Eva erano ancora nel loro periodo di crescita. Da lì sono liberi di offrire il loro aiuto come vogliono. Quindi il mondo spirituale aiuterà a far venire presto il giorno in cui questo mondo crollerà. (146-312, 20.7.1986)

I padri e le madri devono amarsi reciprocamente, e amare ed educare i loro figli mettendosi nella posizione di rappresentanti della nazione, del cosmo, dei loro parenti, dei loro genitori, e dei loro fratelli e sorelle. Questo deve avvenire sulla terra. Devono stabilire l’esempio di come amare il cosmo, il mondo e la nazione. Dovete essere i modelli che rivelano il futuro.

E questo non è tutto. Per diventare proprietari dovete imparare il cuore dei genitori, degli insegnanti e di Dio ed ereditare il diritto di proprietà. Dopo essere entrati nella chiesa, rinascete, siete educati e alla fine raggiungete la perfezione. Quando avrete raggiunto la piena maturità potrete capire tutto. Allora direte: «Voglio stare nella posizione del proprietario». Erediterete tutto, perché questo è ciò che significa essere proprietari. Dovunque si è, si arriva alla stessa cosa. Questa è l’ideologia centrale. Se andrete da una parte incontrerete il vero maestro, e se andrete dall’altra incontrerete i Veri Genitori. È la stessa cosa. Quindi il Regno dei Cieli è uguale dappertutto. (205-19, 15.7.1990)

Dopo aver ereditato il vero amore e nello stesso tempo il vero lignaggio dei Veri Genitori, dovete trasmettere il vero amore di Dio. Questo è il vostro orgoglio. Chi non ha questa capacità non può andare in cielo; non ci entrerà. Attraverso il matrimonio potete ereditare l’amore dei vostri genitori, ma a causa della caduta non avete ereditato il vero lignaggio. Questo è possibile solo attraverso la Benedizione. Poiché la radice del mondo caduto sono i genitori caduti, avete bisogno di innestarvi di nuovo nei Veri Genitori per ereditare una nuova linea di sangue, il vero lignaggio. Dovete capire che è attraverso la Benedizione della Chiesa dell’Unificazione che lo potete fare. (162-63, 27.3.1987)

Avete sentito dire che rinascita significa nascere di nuovo? Quando una notte Nicodemo andò da Gesù e gli chiese cosa voleva dire rinascere, Gesù in risposta gli chiese: «Tu sei un maestro d’Israele e non capisci cos’è la rinascita?» Rinascita significa nascere di nuovo, rinascere. Che cosa significa? Significa che una persona nata da dei genitori falsi nasce di nuovo attraverso dei genitori veri. Per ereditare l’amore, la vita e il lignaggio di Dio quando rinasciamo, dobbiamo essere completamente liberi da qualsiasi rapporto con l’amore, la vita e i legami di sangue del mondo satanico – al punto da non averne assolutamente coscienza. (211-306, 1.1.1991)

Per invertire la caduta, Adamo e Gesù si devono unire ai Veri Genitori per restaurare le posizioni al livello di formazione, crescita e perfezione. Il mondo fisico e il mondo spirituale devono unire i figli di Adamo e i figli di Gesù; devono entrare tutti insieme nel dominio di Cristo al Secondo Avvento dove possono diventare i figli dell’Adamo perfetto. (219-241, 8.9.1991)

Voi avete i genitori, i figli e tutte le cose del creato, e l’home church è un’estensione dell’insieme di queste cose. Poiché queste tre cose furono perse da Adamo con la caduta, devono essere restaurate tutte insieme e offerte a Dio. Quello che è stato perduto deve essere ritrovato e offerto nuovamente a Dio attraverso i Veri Genitori; poi passerà attraverso di Lui e arriverà a noi. Quello che è stato perduto deve essere recuperato, offerto a Dio e ritrasmesso a noi dai Veri Genitori. Solo allora potete avere la vostra casa e il vostro mondo. La base per questo è l’home church. Questa è l’offerta. È l’altare su cui vengono offerti i tre sacrifici. (101-338, 12.11.1978)

Non potete considerare nessuna delle cose che possedete come una vostra proprietà. Quelli che lo fanno sono Satana. Quelli che hanno un simile pensiero sono Satana. Tutto deve essere restituito a Dio perché in origine appartiene a Lui. Tuttavia, le cose non possono esserGli restituite così come sono, possono esserGli restituite solo dopo che sono passate attraverso l’arcangelo, Eva e Adamo. Ciò significa che devono essere restituite attraverso i Veri Genitori. Neanche gli abiti che indossate in questo momento sono vostri.

Per formare una famiglia non dovete accampare nessun diritto, né avere alcun concetto di proprietà. Dovete elevarvi al di sopra del diritto di proprietà, che dice che voi siete il padre del tal dei tali. Dovete elevarvi al di sopra del concetto di proprietà riguardo ciò che avete. Tutto deve finire sotto la proprietà di Dio. Poiché originariamente Egli ha creato gli esseri umani affinché fossero i signori della creazione, focalizzandovi sui Veri Genitori e dopo essere passati attraverso il corso della proprietà dei Veri Genitori, in ognuno dei tre stadi [della provvidenza] dovete ricevere il sigillo di approvazione di Dio ed ereditare il diritto di proprietà dai Veri Genitori. Sappiate che solo allora arriverà l’era del vostro diritto di proprietà. (120-208, 16.10.1982)

Per appartenere al Regno di Dio, dovete offrire a Dio tutto ciò che avete: i vostri beni che rappresentano l’Antico Testamento, i vostri figli che rappresentano il Nuovo Testamento e addirittura voi stessi. Lasciate che Egli scelga di fare di voi una Sua proprietà, e lasciate che vi dica: «La tua famiglia, i tuoi beni e i tuoi figli sono miei», poi ricevete il Suo riconoscimento che lo sono veramente. In seguito, Dio potrà dire: «Non ne ho più bisogno!» e vi ridarà tutto attraverso i Veri Genitori. Allora il vostro diritto di proprietà sul mondo fisico e il mondo spirituale potrà essere determinato, non il diritto di proprietà dell’amore, ma il diritto di proprietà su tutte le cose. Proprio come tutto è finito sotto una proprietà caduta attraverso l’amore caduto, così il diritto di proprietà su tutte le cose sarà determinato attraverso l’amore originale. (121-254, 27.10.1982)

Per restituire il diritto di proprietà a Dio, dovete passare attraverso il nome dei Veri Genitori. Non esiste un’altra strada per tornare indietro. Perciò solo la Chiesa dell’Unificazione può unire il mondo. Anche senza che le sollecitiamo, le persone faranno la coda per essere le prime a registrarsi. Verrà il tempo in cui lotteranno fra loro per decidere chi sarà il primo, il secondo o il terzo. (198-242, 3.2.1990)

Il corso che gli individui, le famiglie, le tribù, i popoli, le nazioni e persino il mondo spirituale devono seguire deve passare attraverso i Veri Genitori. Dovete capire che per aprire questa strada, hanno dovuto percorrere un cammino di sofferenza per tutta la loro vita. (129-18, 4.10.1983)

Il vero Adamo è il Vero Genitore. I Veri Genitori trasmetteranno la loro lingua ai Veri Figli. Questo è il Principio. Il Vero Genitore non è venuto come il Reverendo Moon. È venuto dal cielo, mandato da Dio. Quindi è presumibile che quelli che non conoscono Dio non possono riconoscere i Veri Genitori. (129-20, 4.10.1983)

I figli e le figlie nati da voi potrebbero essere superiori al Messia Gesù, anche se Dio preparò la sua nascita per quattromila anni. I genitori di Gesù ebbero il loro figlio dopo che il loro matrimonio era stato benedetto? Voi avete avuto i vostri figli dopo essere stati benedetti dai Veri Genitori. (146-22, 1.6.1986)

Non sono io ad insistere sulla Benedizione. Io ho fatto tutto seguendo le istruzioni ricevute da Dio e ho stabilito questo sistema logico indirettamente. Se fosse stata una mia idea, ve l’avrei detto con le mie stesse labbra. Non è assolutamente possibile negarlo. (231-155, 2.6.1992)

Per restaurare l’umanità, le donne del mondo si devono assolutamente unire ai Veri Genitori nel ventre della madre. Con la caduta di Eva, gli esseri umani persero i loro veri genitori e Dio. Attraverso la loro restaurazione, sono venuti a conoscenza di Dio e dei Veri Genitori e ora si devono unire a loro. Tutti sarebbero dovuti nascere da genitori veri, invece sono nati da genitori falsi e di conseguenza sono diventati anche loro dei genitori falsi. Il mondo risorgerà e sarà liberato solo quando si creerà un movimento dove tutte le donne sapranno amare il mondo come lo amano i Veri Genitori. Questo movimento è la Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo.

Attraverso questo movimento ci si può occupare delle famiglie a livello mondiale. Nella famiglia i figli si devono unire alla madre e poi al padre, ma questo padre è un padre falso. Perciò, quando viene il Vero Padre, la madre e i figli si devono unire a lui ed educare il padre falso. In questo modo tutta la famiglia può essere unita, e la famiglia originale può essere restaurata. La madre e i figli devono salvare il padre. (244-161, 1.2.1993)

Tra tutte le persone nate sulla terra, non ce n’è una che sia nata da genitori veri. Per quelli che sono nati senza ereditare la linea di sangue dei Veri Genitori è assolutamente impossibile entrare in cielo. Dal punto di vista dell’ideale di creazione di Dio, il cielo è riservato a quelli che hanno ereditato la linea di sangue dei Veri Genitori, li hanno serviti come i proprietari del Regno di Dio sulla terra e in cielo, sono vissuti insieme a loro in un rapporto di parentela basato sull’amore, si sono sposati e hanno avuto dei figli. Di conseguenza quelli che non hanno sperimentato l’amore nel dominio della famiglia reale di Dio non possono entrare in cielo. (250-49, 11.10.1993)

Quando i Veri Genitori vittoriosi e le famiglie benedette di una nazione si uniranno, quella nazione sarà restaurata. Se gli stati che fanno parte delle Nazioni Unite si unissero ai Veri Genitori su decisione dell’ONU, sarebbero restaurati da un giorno all’altro. La sola cosa che rimarrebbe da fare sarebbe la loro benedizione. Siccome la caduta è avvenuta attraverso un matrimonio illecito, se un matrimonio legittimo fosse celebrato da Dio e dai Veri Genitori, quella coppia sarebbe completamente restaurata. Poiché il Messia del Secondo Avvento ha trionfato su tutto, Satana non ha assolutamente alcun potere per superare quella linea di divisione. (255-20, 27.2.1994)

La cosa che avvilisce Satana più di tutto è che avete incontrato i Veri Genitori e che essi vi hanno insegnato che siete i loro figli. Questo tipo di educazione è ciò che Satana aborrisce e teme più di tutto. Il problema, perciò, è come trasmettere la tradizione. (66-142, 22.4.1973)

Ora la vostra speranza non è altro che diventare figli e figlie dei Veri Genitori veramente devoti. I Veri Genitori diventeranno il re e la regina di tutti i re e le regine sotto il cielo. Quindi questo è il luogo dove il centro di tutte le speranze – passate, presenti e future – può portare i suoi frutti. (46-167, 13.8.1971)

Dal punto di vista del Principio, tutte le forme della creazione sono destinate ad essere dominate sulla base dove il vero amore di genitore è stato realizzato; il problema più importante è se avete realizzato veramente questo amore. (67-148, 1.6.1973)

Per permettere ai figli adottivi di salire alla posizione di figli diretti, la gelosia che l’arcangelo provò al tempo di Adamo ed Eva deve essere indennizzata. Per far questo i figli spirituali devono apprezzare e amare i figli fisici dei loro genitori spirituali più della loro vita. Poi devono restaurare il mondo satanico. Questi sono punti essenziali. Ciò significa che non potete entrare se non avete amato i miei figli. Domandatevi se li avete amati dal tempo in cui erano nel grembo materno. Avete amato me, la volontà di Dio e i figli della mia carne più di voi stessi? Il punto è se li avete amati più di voi stessi. Gesù chiese: «Mi avete amato più dei vostri figli e della vostra famiglia?» Se non l’avete fatto non potete andare avanti e dovete indennizzare questa mancanza per tre anni a partire da ora. (127-128, 5.5.1983)

Le famiglie di Giuseppe e di Zaccaria si sarebbero dovute unire per porre la fondazione che avrebbe permesso a Gesù di essere nella posizione di Messia tribale. Se l’avessero fatto, la nazione sarebbe stata restaurata tramite indennizzo; ma questo non successe. Attualmente la Chiesa dell’Unificazione sta ponendo le basi a livello di popolo per restaurare la nazione. Siamo sulla base di aver superato l’era tribale. Voi servite i Veri Genitori e siete chiamati loro figli. Potete essere il loro figlio – non il loro vero figlio, ma in una posizione simile a quella del figlio di una concubina. Un figlio adottivo non ha lo stesso sangue dei genitori, ma il figlio di una concubina sì. Se questa posizione non fosse stabilita non avremmo alcun modo di salvare il mondo. Abbiamo superato la sfera tribale e ci stiamo dirigendo verso la sfera del popolo. È in questo ambito che siete stati benedetti. (141-209, 22.2.1986)

Anche se Dio creò tutte le cose, non poté assumere la posizione del proprietario. In origine tutte le cose del creato erano destinate a diventare proprietà di Dio nel momento e nel luogo in cui avessero raggiunto l’unità attraverso l’amore. Centrati sui Veri Genitori, che sono stati riconosciuti come appartenenti a Dio, sulla base collegata all’amore dei Veri Genitori – poiché i figli dei Veri Genitori sono emersi dal loro amore – il diritto di proprietà dei figli e delle figlie dei Veri Genitori viene determinato. Quando la base di tutte le cose, unificata attraverso quel diritto di proprietà si collegherà all’amore, la creazione apparterrà a loro. (166-286, 14.6.1987)

L’amara sofferenza di Adamo e di Gesù deve essere risolta. Per degli errori umani, Gesù e Adamo non poterono realizzare la posizione di veri genitori e la loro angoscia per questo deve essere dissolta. Per poterlo fare, bisogna servire tre generazioni a partire dal nonno. Le sfere di queste tre generazioni, con Adamo nello stadio di formazione, Gesù nello stadio di crescita e i figli dei Veri Genitori nel terzo stadio, devono essere collegate. Questo compito è inevitabile. (212-54, 1.1.1991)

Con l’istituzione del Giorno dei Veri Genitori, i giorni che commemorano i Veri Figli, la Vera Famiglia, la Vera Nazione, il Vero Mondo, il Vero Cosmo e la liberazione del Vero Dio si possono collegare. Dovete capire che in qualsiasi epoca, nulla può essere collegato se non è associato al nome dei Veri Genitori.

I vostri occhi hanno desiderato ardentemente vedere i veri genitori prima di qualsiasi altra cosa. Non avete idea di quante lacrime hanno versato. Il vostro naso desiderava respirare il loro profumo nel loro abbraccio. Non potete immaginare quanto si sono lamentati di aver incontrato dei genitori falsi. La vostra bocca aveva un grande desiderio di pronunciare le loro parole e di succhiare il loro seno, invece ha imparato le parole false di genitori falsi e ha stabilito una tradizione falsa. I vostri orecchi desideravano tanto udire le parole dei veri genitori. Le vostre mani volevano tanto toccarli e attirarli verso di voi, invece sono state incatenate da genitori falsi e dal nemico e sono diventate mani piene di sentimenti di amarezza. Sono diventate mani di angoscia e di dolore, che non possono aprirsi e chiudersi come vogliono.

Il nostro corpo e la nostra mente avrebbero dovuto cominciare a servire per sempre i veri genitori e nello stesso tempo ereditare una tradizione che non avrebbe mai permesso di separarsi da loro. La mente e il corpo uniti avrebbero dovuto vivere traendo la loro soddisfazione dall’unità e dal servizio, ma in realtà avevano dentro di loro le sofferenze della storia, l’infelicità e un’angosciosa amarezza. Esistevano senza nessuna via di scampo da questo regno di lamenti. Anche ogni centimetro del pianeta terra aveva la sua speranza: essere calpestato dai veri genitori e dai loro figli. (268-164, 31.3.1995)

Dio voleva i veri genitori perché il Suo piano era realizzare i Suoi desideri partendo dalla famiglia. Dio li creò accompagnandoli con il Suo pensiero e sperò di unirsi al loro amore. Passando attraverso il processo di formazione e di crescita e raggiungendo infine la maturità, Adamo ed Eva si sarebbero dovuti sposare. Il loro matrimonio avrebbe dovuto essere il matrimonio di Dio, stabilendo il punto focale dove l’amore degli uomini e l’amore di Dio sarebbero potuti andare a stabilirsi insieme. (282-290, 7.4.1997)

Nessun altro padre, a parte il Reverendo Moon, possiede il vero amore. Ecco perché tutti, i bianchi e i neri, le cose della creazione e persino il cielo e la terra lo amano. Dovete capire che nelle famiglie della Chiesa dell’Unificazione si possono trovare dei veri genitori, dei veri figli, delle vere famiglie, una vera società, una vera nazione, un vero mondo e Dio. Anche il vero lignaggio eterno e immutabile si può trovare lì. Attraverso il ponte del vero lignaggio ci colleghiamo tutti insieme nell’amore. A partire da quel punto siamo collegati fino a Dio nell’amore, attraverso il vero lignaggio. La vera famiglia ha una sola lingua e una sola cultura. Cultura significa lingua, perché la cultura si forma attraverso le parole di una lingua. (162-138, 5.4.1987)

Dovete essere consapevoli del fatto che bisogna trovare i veri genitori, anche se questo può voler dire abbandonare l’Antico e il Nuovo Testamento. I veri genitori sono necessari perché possano apparire dei veri fratelli e sorelle, una vera nazione e ogni altra cosa. Quando i Veri Genitori appaiono sulla base mondiale, possono emergere i figli. Bisogna organizzare una cerimonia universale di sottoscrizione, riconosciuta ufficialmente da Dio, da Satana e dai Veri Genitori. Da quel momento, il Giorno dei Veri Figli può essere istituito a livello mondiale. (95-173, 11.11.1977)

La nostra responsabilità, vivendo in un’era di transizione storica, è stare al posto di Dio e dei Veri Genitori, in una posizione che rappresenta la vera nazione e il vero mondo. Realizzando questa responsabilità possiamo diventare i figli e le figlie più devoti di tutti i figli devoti di questa era storica. Dobbiamo diventare i figli e le figlie di pietà filiale del Regno di Dio che possono essere lodati persino dai figli di pietà filiale della storia del passato. Poi possiamo andare avanti diventando dei patrioti, dei santi e dei figli divini del Regno di Dio. (214-306, 3.2.1991)

L’amore di Satana ha causato la caduta dei genitori falsi, ma i Veri Genitori sono elevati attraverso l’amore di Dio e perciò possono avanzare nel mondo dell’amore. L’amore è potente e uguale per l’eternità. Basta nominare l’amore per avere il diritto a partecipare e persino salire alle posizioni più elevate. Una donna ignorante può occupare la posizione più alta attraverso il suo rapporto d’amore con lo sposo che era il più grande studioso del mondo. Allo stesso modo, per quanto gli esseri umani possano essere limitati, quando hanno formato un rapporto d’amore con Dio, possono salire alla Sua posizione. Poiché sappiamo quanto può essere grande il valore dell’amore, tutti i nostri cuori desiderano avere le cose migliori. Anche se possedessimo il mondo intero, se da qualche parte ci fosse qualcosa di meglio la vorremmo ugualmente possedere. (144-241, 25.4.1986)

Per restaurare attraverso il vero amore ciò che attualmente è nella posizione dell’amore falso, dovete negare ogni cosa. Dopo aver appreso il vero amore dai Veri Genitori, siete in una posizione liberata, essendo nati come loro figli, e tutti i vostri debiti sono stati completamente cancellati. Non avrete nessuna barriera nel passato, nel presente o nel futuro e senza barriere potrete sposarvi e vivere con il vostro coniuge. Altrimenti non potreste nemmeno sognare di fare queste cose. Neanche Gesù ha potuto vivere con sua moglie fino ad ora.

Le famiglie, le tribù e i popoli del mondo sono tutti destinati a perire perché non hanno un centro. È Satana che ha causato questo. Dio ha cercato delle figure centrali per l’individuo, la famiglia, la nazione e il mondo e le ha benedette attraverso la Chiesa dell’Unificazione. Dovete sapere che in questo mondo satanico, dove cinque miliardi di persone stanno morendo, altre persone sono state chiamate e investite di diritti superiori, ossia quelli delle famiglie benedette.

Se, in seno al cristianesimo, gli Stati Uniti sono Abele, allora questo posto [il Brasile], che rappresenta la sfera del cattolicesimo, è Caino. La sfera culturale latina, che è cattolica, è in posizione Caino. È come il fratello maggiore e deve passare attraverso il protestantesimo, il fratello minore. Il fratello minore deve aiutare il cattolicesimo.

Negli Stati Uniti il protestantesimo deve realizzare l’unità con il Nord America, la sfera della nazione Abele che è nella posizione del fratello minore. Su questa base i Veri Genitori devono andare negli Stati Uniti e, attraverso tutte le fondazioni vittoriose poste in quella nazione, assorbire le numerose nazioni del Sud America, la sfera culturale cattolica. Io non sono venuto qui per farmi assorbire da questa sfera culturale e neanche la Chiesa dell’Unificazione intende seguirla. Poiché è emersa la Chiesa dell’Unificazione, la sfera culturale cattolica deve passare attraverso di essa e i brasiliani devono passare attraverso i Veri Genitori. Altrimenti non avranno nessuna strada da prendere. (268-196, 1.4.1995)

Le 180 famiglie che formano la base tribale per il messia tribale devono tutte essere dedicate a Dio. Tutte le cose che possedevate prima di ricevere la Benedizione – che fosse una casa, della terra, degli oggetti o delle proprietà – originariamente appartenevano a Dio e con la Benedizione avrebbero dovuto essere consegnate ad Adamo. Questo è il Principio, ma a causa della caduta Dio non ha potuto essere nella posizione del proprietario e non hanno potuto esserlo neanche i Veri Genitori. Ma anche se in passato non hanno potuto essere nella posizione di proprietari, in questo tempo, attraverso qualcuno che può realizzare la missione dell’arcangelo nel mondo satanico, tutti, centrati sul leader della loro tribù, devono offrire tutto ciò che hanno attraverso il figlio, la madre e il padre. La restaurazione della linea di sangue, del diritto di proprietà e del regno del cuore dev’essere offerta e restituita nel corso di sette generazioni. (285-231, 5.6.1997)

Ci sono due inferni: uno sulla terra e uno nel mondo spirituale, ma c’è soltanto una porta per entrare nel Regno dei Cieli. Quindi, anche se entrambe le porte dell’inferno si aprissero, ciò non significa che porterebbero direttamente dalla terra in cielo. Potete entrare solo attraverso i Veri Genitori; avete bisogno di passare attraverso di loro per entrare nell’unica porta del cielo. (294-103, 14.6.1998)

Dobbiamo restituire a Dio il diritto di proprietà, il regno del cuore e la sfera della sostanza. La famiglia, la nazione e il mondo insieme devono essere restituiti a Lui. Dobbiamo ridarli a Dio come un’offerta attraverso i Veri Genitori e liquidare tutti i nostri debiti.

Su questa base, la fondazione orizzontale costituita dai genitori e dai figli nella vostra famiglia, e il diritto a possedere tutte le cose è stabilito attraverso i Veri Genitori. Il luogo dove questo si realizza diventa il Regno di Dio sulla terra. Il diritto di proprietà avrebbe dovuto essere collegato alla terra, nella situazione in cui non fosse avvenuta la caduta, ma a causa della caduta questo collegamento deve essere fatto passando attraverso il corso di indennizzo. Una volta stabilito, inaugureremo l’era della sovranità dell’amore assoluto e il diritto di proprietà del Regno dei Cieli. Per accogliere questo regno liberato, nell’ottavo punto della Promessa dichiariamo che porteremo a compimento la liberazione del Regno di Dio sulla terra e realizzeremo questa meta. (295-243, 28.8.1998)

Per quanto grande sia il nostro desiderio di una famiglia ideale, di genitori ideali, di una coppia ideale e di figli ideali, queste cose non esistono, perché la loro perfezione può avvenire solo attraverso i Veri Genitori.

In accordo alla tradizione, come gli eredi che sono nella posizione di Dio e dei Veri Genitori, dovete realizzare il valore del seme che corrisponde al livello più alto di unità che sia mai stato visto fra fratelli e sorelle, e ha un valore simile all’unità fra Dio e Adamo ed Eva. Venendo da quel mondo, se costruirete una famiglia che può espandersi per produrre dei nuovi discendenti per tutti gli esseri umani, allora i membri di questa famiglia – avendo lo stesso valore dell’unità fra Dio e i Veri Genitori – diventeranno i successori capaci di ereditare le realizzazioni dei campioni.

È stato detto che quelli che hanno il potere domineranno il mondo. Noi non dobbiamo competere con gli altri sulla base del potere. Quelli che hanno il potere hanno creato degli ambienti in cui possono diventare più potenti e hanno spazzato via i deboli; si comportano da campioni e da primatisti. Questo non è il risultato di una vittoria ottenuta attraverso una competizione di buona volontà, come Dio la desidera. Perciò tutte queste cose devono essere spazzate via dalla faccia della terra. (301-19, 16.4.1999)

Nel tempo e nel luogo in cui avviene il risveglio, quando tutte le famiglie del mondo potranno dire di essere i figli e le figlie dei Veri Genitori, il Regno dei Cieli si manifesterà a livello mondiale. Quando il mondo diventerà un’unica famiglia, entreremo nel nuovo mondo del Regno di Dio sulla terra. (146-132, 8.6.1986)

L’era del Completo Testamento significa che tutto il mondo può ricevere in modo eguale la grazia dei Veri Genitori. Affinché questo possa succedere, si deve trasformare il lignaggio, il diritto di proprietà e il regno del cuore. Questa è la responsabilità dei messia tribali. Questo è diventato veramente possibile perché siamo entrati nell’era delle donne. (251-286, 1.11.1993)

Il diritto di proprietà di Dio è stato portato completamente via da questo mondo caduto che ha ereditato l’amore, la vita e il lignaggio del diavolo. Ora è giunto per noi il tempo di riconquistare quel diritto, di diventare dei figli che possono ricevere il vero amore di Dio e di riprendere il controllo di questo mondo. Finalmente dobbiamo riscattare i legami di sangue nella famiglia perduta da Adamo, Eva, Caino e Abele. Sulla base della liberazione e dell’accoglienza di tutte le nazioni, il diritto di proprietà che attualmente appartiene al diavolo e al mondo satanico deve essere restituito a Dio, il proprietario del vero amore, attraverso l’uomo e la donna migliori, il figlio e la figlia migliori, tanto amati da Dio.

Tutti i popoli del mondo devono passare attraverso l’amore dei Veri Genitori. Senza passare attraverso quella porta, non c’è modo di ritornare alla patria originale nel mondo celeste. Ora l’unica strada aperta davanti a noi conduce all’inferno. Dobbiamo tracciare la strada per ritornare all’origine. Dobbiamo combattere e trionfare sulle nazioni che ci fanno opposizione. In questo modo, oggi la Chiesa dell’Unificazione ha ereditato la vittoria della sfera messianica a livello mondiale, è passata attraverso la sfera messianica nazionale fino a raggiungere la sfera messianica tribale. Attraverso la sfera tribale del mondo satanico, ora dobbiamo entrare nella famiglia di Satana e cambiare il suo mondo. (210-42, 30.11.1990)

CAPITOLO IV – Come diventare cittadini della Cheon Il Guk

Sezione 1. La speranza di Dio per l’umanità

La volontà originale di Dio al tempo della creazione era che Dio e l’umanità vivessero uniti in armonia nell’amore, centrati sullo scopo di Dio, ossia che tutto il cielo e la terra godessero dell’amore di Dio ed ogni cosa vivesse unita a questo amore stabilito come il vero centro della vita. Tuttavia, a causa della caduta di Adamo ed Eva, l’amore di Dio rimase dentro di Lui. L’amore di Dio, che avrebbe dovuto creare dei rapporti con gli esseri umani, non fu in grado di stabilire questi rapporti e si allontanò da loro e da tutto il mondo della creazione.

Di conseguenza, Dio ha trascorso gli ultimi seimila anni sperando nel giorno in cui, con l’amore che desiderava stabilire, avrebbe potuto unire insieme tutte le cose della creazione e vivere gioiosamente insieme a loro. Tuttavia, il creato non si è ancora unito attraverso il Suo amore e perciò il Suo ideale e l’amore della Sua speranza che avrebbero dovuto essere stabiliti rimangono ancora da realizzare. Per questo Dio ha guidato la provvidenza fino ai nostri giorni per realizzare a tutti i costi la Sua volontà. Sin dal tempo della caduta, ha fatto questo per un lungo periodo di tempo, indipendente dalle varie epoche, per realizzare la Sua speranza e riconquistare la Sua fiducia e il Suo amore nei confronti dell’umanità; ma fino ad ora non è riuscito a fare nessuna di queste cose. (1-88, 6.6.1956)

Dio, che non ha potuto godere un solo giorno di vittoria universale dal tempo della creazione, desidera annunciare quel giorno attraverso le persone sulla terra. Quindi, se gli uomini non riescono a realizzare quel giorno, Satana che li ha messi sotto i suoi piedi, non può essere eliminato. Neanche le potenze sataniche che accusano l’umanità davanti a Dio in cielo possono essere scacciate. Per questo Dio non teme nessuna fatica, nessun sacrificio o nessuna lotta. È stato uno scudo protettivo fino ad oggi per trovare e scegliere ognuno di voi.

Se consideriamo questo, possiamo conoscere il desiderio di Dio. Egli ha scelto ognuno di voi personalmente e vi ha separato dal nemico Satana – che ha causato la caduta dell’umanità – per porre fine alla storia malvagia del dominio satanico.

Dobbiamo realizzare il desiderio di Dio e diventare delle persone che possono stare con orgoglio davanti a Lui e a tutte le cose del creato, restituendoGli la gloria della vittoria. Solo allora lo scopo della provvidenza, che Dio ha perseguito lavorando faticosamente senza mai fermarsi, potrà essere realizzato. (2-301, 30.6.1957)

Dio creò Adamo ed Eva e desiderava ardentemente che diventassero le persone di carattere nelle quali sperava; invece essi caddero come antenati dell’umanità, tradendo in questo modo le speranze e i desideri che Dio accarezzava da tanto tempo prima della caduta, e procurandoGli un dolore tremendo.

Dovete tutti pensare a come Dio, che represse il Suo cuore di dolore e di indignazione verso la famiglia di Adamo, scelse Caino e Abele allo scopo di riconquistare il Suo cuore che era stato pieno di ardente desiderio. Dovete pensare a come essi, invece, accrebbero il Suo dolore e a come la speranza di Dio è rimasta ancora irrealizzata.

Seicento anni dopo, Dio scelse Noè ma il risultato fu lo stesso. Dopo altri quattrocento anni scelse Abramo, ma ancora una volta il risultato fu identico. Dio voleva incontrare una persona che rispondeva al Suo desiderio e condividere con lei il Suo cuore, ma anche Abramo non riuscì a liberare pienamente il cuore di Dio ardente di desiderio. Poi, nel corso di tre generazioni, Dio scelse la famiglia di Giacobbe affinché le persone diventassero consapevoli del desiderio che ardeva nel Suo cuore da migliaia di anni. Tuttavia, ancora una volta, la Sua volontà non fu completamente realizzata attraverso quella famiglia.

Dobbiamo capire la situazione di Dio che fu costretto a seguire gli Israeliti – anche se li aveva scelti – senza poter parlare con loro con questo cuore ardente di desiderio, e senza poterli ammaestrare e guidare.

Dobbiamo sapere che Dio aveva allevato su questa terra un popolo singolare, caro al Suo cuore, e ogni volta che esso era afflitto, Dio soffriva, provava dolore e attraversava difficoltà in proporzione all’intensità del Suo cuore anelante.

Nel lungo corso della storia, Dio si era sforzato di piantare quell’anelito nel nostro cuore, nella storia e nel mondo. Quindi, dobbiamo tener presente che ogni oggetto con cui abbiamo a che fare è imbevuto di questa Suo ardente desiderio. Dobbiamo tener presente che i membri con cui trattiamo e persino la nazione e il mondo in cui viviamo, sono immersi in questo Suo anelito.

Per questa ragione, quando alziamo il volto e contempliamo la creazione di Dio, dobbiamo sentire che tutto il creato è l’oggetto del Suo fervido desiderio. Se questo è vero per tutte le cose del creato, quanto più lo sarà per gli esseri umani che sono i suoi signori? Dovete veramente rendere grazie a Dio quando capite che Egli ha sempre desiderato ardentemente delle persone basate su un certo standard, anche se nella forma erano malvagie. (8-93, 22.11.1959)

Come mai Dio non ha potuto abbandonare gli uomini, ma si è aggrappato a loro, continuando ad attraversare un corso storico cosparso di sofferenze fino ad oggi? Perché desiderava poter dire agli uomini: «Voi siete i miei figli e le mie figlie diretti». Dio ha lottato fino ad oggi per realizzare questo ideale.

Nel Suo giardino di bontà, dove Dio viveva nella gloria, Adamo, in qualità di signore del creato, poteva stare al Suo cospetto in mezzo alla creazione unita in armonia attorno al Suo amore e dire: «Padre mio! Che Tu sia glorificato!», ma a causa della caduta Adamo perse questo valore. Dovete capire che Dio vuole sentire la voce dei Suoi figli originali, apparsi dopo la creazione, che Lo chiamano Padre.

Il Padre a cui ci rivolgiamo oggi non può essere invocato da una posizione di peccato e di male. Di conseguenza, dobbiamo sfuggire da questo mondo di peccato e di male ed entrare nel giardino ideale di bontà, che è un mondo dove l’umanità può manifestare la gloria di Dio vivendo rapita in un’estasi di gioia. In altre parole, è un mondo in cui, se gli esseri umani si muovono, tutte le cose del creato si muovono, e se gli esseri umani stanno in silenzio tutte le cose restano in silenzio; è un mondo dove Dio il Creatore o si muove o rimane in silenzio insieme a loro. E non solo, sarebbe anche il giardino ideale che permette di essere uniti trascendendo il rapporto reciproco fra Dio e l’umanità.

In questo modo, Dio sperava che l’umanità si sarebbe unita a Lui, e aveva creato questo mondo immaginando la situazione in cui gli uomini avrebbero potuto vivere in un’estasi di gioia in quell’amore straordinario in mezzo a quella unità. Invece, con la caduta, gli uomini causarono non solo la loro angoscia, ma anche quella di Dio, e da quel momento hanno continuato ad accrescerla perpetuando quella storia dolorosa fino ad oggi.

Allora, qual è la speranza più grande di Dio mentre guida la provvidenza sulla terra oggi? Riportare dal Suo lato le persone nate da genitori caduti e dire loro: «Io sono il vostro Padre eterno, e voi siete i miei figli e le mie figlie eterni». Dovete capire che la speranza storica dell’umanità caduta e la speranza originale di Dio è poter accogliere quel giorno. (3-26, 15.9.1957)

Oggi ci sono tante persone che vivono sulla terra, ognuna con i suoi punti di vista personali, le sue opinioni, credenze e convinzioni, ma nessuno di loro si inchina di fronte a Dio con un cuore vero, Gli porta testimonianza e sta con sicurezza davanti al cielo e alla terra proclamando di essere mandato da Lui.

In definitiva che cosa dobbiamo cercare? Un’infinità di persone che si sono succedute nel corso della storia hanno aspettato fino ad ora che apparisse sulla terra una persona che poteva mettere da parte le sue credenze, le sue opinioni e tutti i suoi comportamenti personali, e farsi avanti dicendo di incarnare Dio con la sua mente e il suo corpo e di agire in nome Suo. Mentre attendeva ansiosamente la comparsa del Suo rappresentante, Dio ha sopportato innumerevoli difficoltà guidando la Sua provvidenza per un lungo periodo di tempo.

Qual è la fonte del dolore sulla terra? Non è né la mancanza di una serie di principi di fede, né di qualcuno che potesse entrare in azione, ma piuttosto la mancanza di un credo che potesse sostenere di incarnare il cuore e la volontà di Dio, e di una persona che potesse agire in nome Suo. Per eliminare tutto il dolore, la sofferenza e il risentimento che oggi riempiono la terra e il mondo umano, deve apparire un’ideologia decisiva e una persona che sta al posto di Dio. Quindi dovente sentire ancora una volta che è giunto il tempo di capire che lo scopo della provvidenza e della storia era la comparsa di questa persona. (3-317, 2.2.1958)

Dovete avere il tipo di amici di cui vi potete fidare con un cuore sincero, e che fanno le veci di Dio. Inoltre, avete bisogno di fratelli e sorelle, genitori e sposi nei quali poter riporre la vostra fiducia al posto Suo. Così facendo, dovete trascendere la famiglia, espandendovi alla società, alla nazione e al mondo. Questo era il fervido desiderio di Dio. Eppure, Egli dovette spingere gli individui in situazioni di sfiducia reciproca e di disperazione affinché potessero trovare fede in Lui. In questo modo, Dio voleva che i credenti si unissero insieme come fratelli e sorelle e come amici per formare dei legami che avrebbero permesso loro di avere fiducia gli uni negli altri in Suo nome. La Sua speranza più grande non era altro che questo. (4-146, 30.3.1958)

Se io chiedessi a Satana: «Ehi, Satana, ho soddisfatto o no tutte le tue richieste?» risponderebbe di sì. Poiché ho posto una solida fondazione per entrare in cielo amando ogni cosa, incluso lo stesso Satana, con l’amore originale di Dio, Satana mi deve benedire dicendo: «Il mondo dove stai andando è liberato. Tutti i tuoi desideri si sono avverati. Tutto ciò che desideri si realizzerà dovunque andrai e tutto ciò che desideri apparterrà a te».

Se io dicessi: «Nel nome di Dio, dei Veri Genitori e della Vera Famiglia, il mondo sarà liberato!» risponderebbe: «Amen!» È arrivata la primavera. Per quanto la neve e il ghiaccio siano duri, tutto si scioglierà perché è primavera. Così dobbiamo seminare i semi a primavera, ai confini del mondo ideale e in America dove Satana ha sparso i semi del male! Il seme buono è la famiglia. Satana ne ha piantato solo uno: Adamo ed Eva caduti. Ora dobbiamo macinarlo e ripulirlo dovunque andiamo per creare una nuova famiglia. Lì possiamo coltivare tutto. Deve essere fatto sul suolo americano. Questa è la meta desiderata da Dio. (189-65, 12.3.1989)

Perché, dopo aver creato l’uomo e la donna, Dio voleva che crescessero? Era per poterli amare. Se lo scopo è amare, sarebbe buono un amore superiore o inferiore a quello di Dio? Pensate che Dio direbbe: «Ehi, tu! L’amore che hai per me non deve superare quello che io ho per te!»? No, non direbbe così.

Se lottaste con Dio, Dio sarebbe determinato più o meno di voi? Sarebbe più determinato. Dio ha tutto. Non Gli manca nulla. Quando Dio è più appassionato? Se un nuovo uomo e una nuova donna apparissero e facessero l’amore con una passione più grande di quella dei nostri antenati del passato, anche Dio rimarrebbe senza fiato.

Se Dio avesse incontrato una coppia così appassionata, avrebbe voluto vivere separato dagli uomini o insieme a loro? Avrebbe voluto vivere con loro. Perciò sappiate che l’eternità si può trovare sulla base dell’amore e solo nell’amore. Ha senso dire che il concetto di eternità si stabilisce nel vero amore. (195-312, 17.12.1989)

Sezione 2. La Cheon Il Guk è la nostra patria originale

Dobbiamo diventare il figlio di qualcuno, il che significa diventare il figlio di Dio. Dobbiamo diventare il fratello di qualcuno, ossia diventare un fratello nella famiglia di Dio. Dobbiamo diventare lo sposo di qualcuno, cioè diventare uno sposo nella Sua famiglia.

Dio creò Adamo ed Eva per vedere in modo sostanziale tutti i Suoi aspetti interiori ed essere stimolato da loro. Essi dovevano essere un secondo dio sostanziale, dal momento che Dio li aveva creati perché aveva bisogno di un partner d’amore. Una scimmia non può essere il partner d’amore di Dio; solo gli esseri umani lo possono essere. (258-274, 20.3.1994)

Fino ad oggi Dio non ha potuto godere il Suo diritto di proprietà. Satana possedeva tutto. La nazione di Satana, il popolo di Satana e le cose di Satana; tutto è proprietà di Satana. Satana ha rubato il diritto di proprietà di Dio. Neanche i Veri Genitori hanno mai avuto il diritto di possedere dei veri figli, una vera nazione o un vero mondo. Poiché non c’è mai stata una persona vera – un vero uomo o una vera donna – a possedere queste cose, nessuno poteva avere il diritto di proprietà. (186-118, 29.1.1989)

Fino ad oggi Dio non è potuto diventare colui che possiede i diritti di proprietà. Il padrone è stato il diavolo. I figli di Dio non sono potuti diventare i proprietari. Il diavolo e i suoi figli hanno fatto da padroni della creazione di Dio, causando un grande danno. Tutto deve essere riscattato. Tutte le cose della creazione devono ritornare ai genitori originali – i Veri Genitori – e ai veri figli, la vera nazione e la vera tribù. (203-185, 24.6.1990)

Ora non dobbiamo più pensare che siamo i figli o i fratelli di qualcuno. Siamo i figli di Dio, i figli dei Veri Genitori e le persone che possono ricevere i diritti di eredità in grado di liberare il mondo e il cosmo. Le nostre famiglie ci hanno scagliato frecce da una posizione satanica; noi, tuttavia, non passeremo attraverso una storia di diversi millenni, piuttosto nel corso della nostra vita prepareremo tutto ciò che è necessario per diventare messia ed entrare in un’era che permette il nostro secondo avvento a livello orizzontale. In questo modo possiamo andare a salvare il nostro clan e i nostri genitori, che prima ci avevano contrastato. Sulla base di questo, la terra per la prima volta può diventare il Regno dei Cieli.

In questo senso le azioni e lo stile di vita delle famiglie benedette oggi ricevono come voto zero. Dovete essere consapevoli che siete stati nel covo di Satana, ed ora dovete sforzarvi di creare la vostra sfera di liberazione personale. Altrimenti, se abbracciate i vostri figli semplicemente per abitudine e desiderate solo essere felici, tutto perirà. (203-180, 24.6.1990)

Mentre Gesù si recava a Gerusalemme vide lungo la strada un albero di fico e, constatando che non aveva nessun frutto, lo maledì. Immediatamente l’albero appassì. Questo è il genere di conseguenza che dovrete affrontare se siete senza frutti. Cosa avete preparato per Dio costruendo la nazione futura? Sono i frutti del vostro lavoro, l’essenza centrale e le realizzazioni di questa nazione. I cittadini della nazione di Dio non sono i frutti di una mela o di una pesca. Fino ad oggi, Dio non ha potuto avere i cittadini del Suo Regno. Quindi, ora sta cercando i Suoi cittadini originali, i cittadini perfetti che non ha mai potuto avere. (215-339, 1.3.1991)

Noi diciamo che la vera nazione è il Regno di Dio sulla terra. Solo se la stabiliamo, possiamo realizzare la volontà di Dio implicita nelle benedizioni che Egli diede in origine ad Adamo ed Eva quando disse: «Dominate il creato una volta raggiunta la perfezione!» e gli esseri umani possono finalmente emergere come i veri proprietari della terra. Quando questo succederà, gli uomini potranno finalmente diventare veri fratelli e sorelle; poi, per la prima volta, potremo diventare veri figli di Dio. Possiamo diventare veri figli e figlie di pietà filiale per il Padre Celeste, sudditi leali verso il nostro Signore e veri signori di tutte le cose del creato nell’universo. Se faremo questo, Dio ci darà tutti i Suoi poteri; non solo il Suo potere esteriore, ma anche tutta l’essenza del Suo cuore più profondo. Così diventeremo i figli e le figlie a cui Dio può affidare tutto con sicurezza. (5-239, 1.3.1959)

La storia umana è uscita dalla notte oscura dirigendosi verso l’alba per accogliere il nuovo sole luminoso. Allora cosa rappresenta il sole? Il sole dell’umanità rappresenta i Genitori dell’umanità. La terra natale dell’umanità – la patria originale – non può apparire senza che appaiano questi genitori. (16-258, 19.6.1966)

È una bella notizia e un messaggio gioioso per i messia tribali sentire che possono possedere la patria dell’amore. Poi il lignaggio sarà cambiato attraverso la Benedizione. Ora il vostro paese natale può appartenere a voi. La vostra stirpe si è sviluppata da lì. Quella discendenza si amplierà e la corrente d’amore di tutte le nazioni diventerà come acqua pura e affluirà nel grande oceano, che è il mondo spirituale. Il mondo spirituale è collegato al grande oceano dell’amore sulla terra ed è il Regno di Dio in cielo. Quindi, nell’altro mondo, non potete sopravvivere senza un cuore che ha sperimentato l’amore.

Il cuore d’amore si riferisce a un cuore filiale e a un cuore fraterno. L’amore fraterno è la sua espansione, mentre l’amore coniugale è la sua sintesi che, unendosi in questo modo, occupa il centro. Il matrimonio è stato creato per portare unità sulla base del concetto d’amore del Dio originale; così, maturando e unendosi nell’amore, l’uomo e la donna si uniscono a Dio come esseri sostanziali.

Qui l’amore è verticale, perciò da questo punto, centrati sul Dio verticale, Adamo ed Eva orizzontali possono finalmente entrare in questa entità d’amore che si muove verticalmente. In questo modo, è possibile per la prima volta creare un punto dove la famiglia si può stabilire. L’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione e il mondo si possono stabilire completamente in quel punto. Questo è l’asse.

Dio è il partner soggetto maschile, non è vero? Perciò l’uomo è nel centro, perché ha il seme del bambino – il seme della vita. Le donne non ce l’hanno. Sono il nucleo. Il seme della vita esiste per entrare in contatto con il nucleo della vita e diventare una cosa sola con Dio. Dio non è forse il seme della vita? Così il punto logico e centrale per stabilirsi è il luogo dove ci possiamo unire al Suo amore. (226-173, 4.2.1992)

La nazione di Dio è la destinazione degli esseri umani che attualmente sono nel dominio caduto. In altre parole, dobbiamo tornare nel nostro paese natale. Dovete ritornare nel vostro paese natale, ma non potete farlo da soli. Poiché esiste uno scopo per la creazione, dovete ritornare nella vostra terra natale dopo averlo realizzato. Dal punto di vista di Adamo ed Eva non caduti, anche se sono solo due persone che ritornano [nel loro paese natale], possono tornare in posizione di rappresentanti del cielo e della terra, del mondo, della nazione e della famiglia. Questa originariamente era la responsabilità data ad Adamo ed Eva, che erano stati creati come figli di Dio. (113-162, 3.5.1981)

Il problema è come trasformare ed espandere la terra in cui siete nati in un paese natale celeste, ed è per questo che vi ho nominato messia tribali; perciò vostra madre è nella posizione della famiglia di Adamo, voi siete nella posizione di Gesù ed io sono nella posizione di Cristo al suo Secondo Avvento. La terza, la seconda e la prima generazione sono collegate orizzontalmente alla sfera dei Veri Genitori con i vostri antenati che rappresentano l’origine della storia. Quindi, vostra madre sta al posto di Adamo ed Eva, voi state al posto di Gesù e io sono nella posizione di Cristo al suo Secondo Avvento. In questo modo voi e il luogo dov’è nata vostra madre diventano parte del paese natale del Regno di Dio. La posizione del paese natale all’interno del dominio celeste è stata restaurata. (215-129, 6.2.1991)

Il luogo dove siete nati non è il vostro paese natale. È giunto il tempo in cui tutta la nazione può diventare il vostro paese natale. Così, quando andrete nell’altro mondo, tutti i confini che sono esistiti fino ad ora scompariranno. Attualmente il vostro paese natale ha dei confini, ma se lo restaurerete, una volta che andrete nel mondo spirituale, vi collegherete senza nessuna frontiera. Diventa la base per il Regno di Dio sulla terra, che può essere collegata da qualunque parte ai paesi natali. Quindi, una volta fatto questo collegamento, tutte le persone iscritte nel registro familiare di tutte le nazioni saranno trasferite completamente nella nazione celeste. Poiché la città natale delle persone che non sono cadute e si sono moltiplicate sarà trasformata in quella del Regno dei Cieli, tutti saranno innestati ed entreranno in cielo come se fossero nati in quel regno. Ecco come avverrà la restaurazione del paese natale. Una volta che quel paese natale e quella nazione saranno restaurati, si restaurerà il cosmo. Su questa base la restaurazione dei Veri Genitori sarà completata. Realizzare la missione dei Veri Genitori significa restaurare i Veri Genitori completando tutte le condizioni per la nazione di Dio nel punto in cui si trovano i Veri Genitori, e completare la base per la restaurazione del cielo e della terra. (216-131, 9.3.1991)

Il vostro paese natale è la nazione di Dio dove sono nati i Veri Genitori. Seul è la nazione di Dio dove sono nati i Veri Genitori? Come farete a superare questo concetto? Come lo trascenderete? Dio non vuole che le persone pensino: «Io vengo dalla provincia di Jeolla». «Io vengo dalla provincia di Gyeong-gi». «Io sono coreano». «Io sono Americano». Adamo ed Eva non avevano questi concetti nel Giardino di Eden. (169-174, 31.10.1987)

L’ultima condizione che deve essere realizzata per ricevere l’eredità di Dio è possedere Dio, i Veri Genitori, dei veri fratelli e sorelle, dei veri cittadini, la vera nazione e il vero mondo. Dovete diventare delle persone che possono vivere come membri della famiglia celeste con un cuore fraterno inseparabile che vi permette di sentire che tutte le persone sono vostri fratelli e sorelle e che il vostro rapporto con loro è eterno e immutabile. Dovete poter stabilire una vera nazione sulla terra e ricevere l’eredità di Dio sulla base di una vera famiglia dove possiamo dire che il cielo e la terra ci appartengono e che il Padre Celeste è nostro Padre. (10-354, 27.11.1960)

Oggi, quando esaminiamo la nostra vita di fede e il cristianesimo, che promuove la fede in Dio, quante persone saranno degne di essere cittadini del Suo regno? Inoltre, dov’è il popolo che Dio può reclamare eternamente come Suo? Dove possiamo trovare la terra che Egli può rivendicare come la Sua nazione? Dove possiamo trovare queste cose o queste persone? Dovete capire queste cose. (5-17, 9.11.1958)

Per quanto possiate avere un marito meraviglioso e condurre una vita comoda, andrete all’inferno se non conoscete Dio. Dovete essere registrati come Suoi cittadini. Per quanto il Rettore dell’Università di Harvard possa essere famoso, andrà all’inferno se non è registrato come un cittadino della nazione di Dio. Entrate in cielo dopo essere stati accolti dalla famiglia, dalla società, dalla nazione, dal mondo e dall’umanità. (278-263, 26.5.1996)

La Cheon Il Guk – la nazione della pace e dell’unità universale – ha bisogno di una sovranità, di un territorio e dei cittadini. Così, l’anno scorso la cerimonia di incoronazione per la regalità di Dio era la restaurazione della sovranità. Poi, i rally per Stabilire la Patria di Dio costituivano la restaurazione del territorio. Dopodiché vi dovete registrare come cittadini della Cheon Il Guk. Capite? Ecco perché dovete avere la carta di identità della Cheon Il Guk per essere i suoi cittadini.

Per creare una nazione sono necessari la sovranità, il territorio e la cittadinanza. Dovete credere che l’istituzione eterna della Cheon Il Guk è stata dichiarata sulla base di tutti i suoi componenti essenziali. Dovete avere la stessa fiducia di Dio e quando vi spingete avanti con tutte le vostre forze, con la stessa fiducia del Reverendo Moon, il Vero Genitore, non ci sarà nulla che vi potrà bloccare. (364-87, 1.1.2002)

Non è stato Dio che ha stabilito la Sua regalità, ma i Veri Genitori. Sono stati i Veri Genitori, non Dio a stabilire la Cheon Il Guk (天一國), Cheonju Pyeon-ghwa Tongil Guk (天宙平和統一國), la Nazione della Pace e dell’Unità Cosmica. Se scindiamo il carattere cinese cheon (天), che significa cielo, nelle parti che lo compongono, vuol dire due persone (二人). Questo significa due mondi che sono eguali. Sono una persona del cielo e una persona della terra; la struttura duale di una persona in spirito e di una persona fisica. La vostra mente e il vostro corpo costituiscono una dualità, non è vero? La vostra mente e il vostro corpo sono uniti o no? Le persone la cui mente e il cui corpo sono in conflitto non possono essere cittadini della Cheon Il Guk. (364-101, 1.1.2002)

Che cosa ho fatto in Corea dopo la cerimonia d’incoronazione per la regalità di Dio? Non ho forse tenuto dei rally per stabilire la patria di Dio? Era per farvi ereditare il lignaggio del vero amore. Ho fatto questo a livello mondiale. E poi cosa ho fatto? Non ho forse proclamato la Cheon Il Guk? La nazione della pace e dell’unità cosmica; questa è la Cheon Il Guk.

La Cheon Il Guk è la nazione dove due persone si uniscono. Il cielo ha bisogno di queste due persone. Ci devono essere due genitori. Tutto nel mondo della creazione è fatto secondo la struttura del sistema della coppia, non è vero? Che cos’è la Cheon Il Guk? Tutte le cose sono state create in coppia, dagli insetti agli animali più grandi. Si devono unire. Laddove due cose, due persone, due genitori, due personalità – i partner soggetto e oggetto – si uniscono, si crea una base su cui Dio si può appoggiare.

Questo non è forse spiegato bene nella Bibbia? Quando due o tre persone pregano… Se includete Dio, in effetti sono tre persone che pregano. È la stessa cosa. Due o tre persone diventano il fondamento per la nazione. Diventano la base di una famiglia, di una nazione e del mondo. Appare una famiglia e da lì comincia una tribù. Questo succede quando ci sono due o più persone. (370-88, 19.2.2002)

Oggi è il 5 novembre del secondo anno della Cheon Il Guk, il quarantatreesimo Giorno dei Veri Figli. Abbiamo riunito insieme il Giorno di Dio, il Giorno dei Figli e il Giorno di Tutte le Cose per annunciare l’era dell’equalizzazione, della pace e dell’unità centrata sulla Cheon Il Guk che non si realizzò nella famiglia del giardino di Eden. Questa era può portare a compimento la perfezione della famiglia dell’Eden centrata sull’umanità che si espande fino al mondo celeste.

Dopo aver completato la “Cerimonia del fuoco sacro per la pace, l’unità e la liberazione del cielo e della terra”, e poiché ora ci troviamo in un’era in cui Dio può liberamente e facilmente visitare tutte le famiglie e vivere insieme a loro nella gioia, Ti prego ardentemente di benedirci in modo che possiamo entrare nella stessa dimensione di vita. Le speranze del mondo celeste si possono trovare sulla terra e le speranze del mondo terreno si possono trovare in cielo. Benedicici in modo che possiamo unirci secondo i desideri del cielo e della terra, e rimanere come gli antenati centrali del Regno dei Cieli sulla terra, mantenendo la strada liberata della lealtà e della pietà filiale sulla base dello standard dell’equalizzazione.

Oggi ho annunciato l’avvento dell’era dell’equalizzazione, della pace e dell’unità nella Cheon Il Guk. Ora siamo entrati in un’era in cui possiamo costruire e creare ufficialmente lo stadio iniziale del Regno dei Cieli. Perciò, fa’ che l’angoscia del mondo spirituale si dissolva e che gli antenati scendano sulla terra ad aiutare i loro discendenti. Fa’ che i capi dei gruppi religiosi cooperino in questo mondo attraverso i loro seguaci. Che possano essere liberi di agire per sbloccare e risolvere completamente qualsiasi cosa ingiusta che ha fatto preoccupare il cielo. (396-158, 5.11.2002)

Qual è il motto dell’anno che vi ho dato oggi? Possa la nostra famiglia realizzare una vera famiglia di figli di pietà filiale, patrioti, santi e figli divini nella Cheon Il Guk, attraverso il vero amore. Ogni cosa che viene dall’ideale di creazione di Dio è inclusa in questo. Noi diventiamo dei patrioti quando l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo e la nazione ereditano tutti la tradizione della pietà filiale centrata sulla vera famiglia. I santi ereditano la tradizione dei patrioti e i figli divini ereditano quella dei santi. L’autorità regale è stabilita ereditando la tradizione dei figli divini di Dio. L’eredità si stabilisce sulla base di aver acquisito l’autorità regale. Il diritto di proprietà che appartiene a voi e tutto ciò che appartiene alla vostra nazione sarà negato. Queste cose sono il risultato del mondo caduto, dal quale ci dobbiamo comunque separare. Dio non vuole che neanche la Sua ombra ricopra il mondo che Lui non ha mai desiderato – il mondo che è stato profanato e collegato al lignaggio del nemico. Perciò Dio non ha potuto governare l’attuale mondo del male dove un’infinità di persone sono morte nelle guerre, e che è andato avanti fino ad oggi con l’ascesa e il declino delle nazioni. (400-192, 1.1.2003)

Non volete diventare una famiglia di figli veramente devoti a Dio al cento per cento? Che altro potreste chiedere? Questo dovrebbe essere il vostro unico desiderio. Dovete diventare questo tipo di famiglia, anche se questo significa offrire tutti i vostri antenati fino alla settima generazione. Dovete realizzare questo anche se vuol dire vendere la vostra eredità o addirittura la vostra nazione. Ma nonostante tutto, voi esitate ancora a donare alla chiesa la “offerta totale vivente” e invece donate solo i soldi che vi avanzano. Non conoscete la storia di Anania e Saffira, che fecero proprio questo davanti a Pietro? Finirono nella tomba morendo all’istante. Dovete essere consapevoli che è giunto un tempo ancora più terribile di questo. (400-220, 1.1.2003)

Sezione 3. Le qualifiche per diventare cittadini della Cheon Il Guk

Dio non desidera un popolo che ha solo la forma esteriore di un popolo, o una nazione che ha solo la forma esteriore di una nazione. Desidera ardentemente un popolo, una nazione e una sovranità che Lui può muovere – in altre parole, che sono legati al Suo cuore. Il popolo scelto avrebbe dovuto conoscere chiaramente che tipo di Essere era Dio e per quale scopo lo aveva scelto. Si sarebbe dovuto spingere avanti nonostante le tribolazioni o le difficoltà che affrontava. Questo era lo spirito e il livello di cuore che gli israeliti avrebbero dovuto avere nei confronti di Dio a quel tempo. Si vantavano di essere il popolo scelto e commisero molti peccati agli occhi di Dio nel corso della storia. Naturalmente dobbiamo prima di tutto capire che i crimini da loro commessi contro il cuore di Dio, che guidava l’era, erano più grandi di quelli da loro commessi contro l’era stessa.

Allora, da dove deve cominciare Dio per restaurare l’umanità? Dio deve restaurare il desiderio e le situazioni, ma soprattutto deve restaurare il cuore. Deve restaurare quel mondo del cuore che non può mai essere diviso o separato. Così, Dio ha affrontato tanti problemi fino ad oggi per espandere dietro le quinte la base del cuore, ad ogni momento cruciale della storia, avendo in mente solo quel giorno. Oggi dobbiamo essere consapevoli di questi fatti e protestare indignati contro i nostri antenati che ignoravano queste cose.

Anche se possiamo vivere in situazioni confuse e complicate, tutte queste cose passeranno. La gente può cantare di gioia e di prosperità per la vita felice che conduce sulla terra, ma tutte queste cose passeranno. Tuttavia, c’è qualcosa che rimane per quelli che hanno vissuto la loro vita concentrandosi su una certa missione. Che cos’è? Non si tratta delle circostanze ma di un cuore capace di dominare qualsiasi circostanza. Non possiamo negare che questo cuore domina la storia, ha elevato lo spirito del popolo e preservato i suoi principi di fede. (9-337, 21.6.1959)

Dio ha lavorato fino ad ora per realizzare la Sua volontà salvando l’umanità. La Sua volontà è stabilire il Suo regno. Perciò, non è assolutamente possibile negare che ha educato dal Suo lato delle persone che potevano diventare i cittadini e i figli di quel regno. Dove pensa di stabilire quel regno? Non cerca di stabilirlo nel mondo spirituale, ma sulla terra. Allora chi sono le persone qualificate a diventare cittadini del Suo regno che dev’essere stabilito sulla terra? Siete tutti voi. Voi siete il centro che può costruire la nazione celeste. (87-106, 16.5.1967)

Dovreste tutti poter dire: «Ecco com’erano le persone del passato! Oggi noi siamo in questo modo e da ora in poi dobbiamo diventare in quest’altro. Dio ha sofferto talmente tanto nel Suo intimo, nella Sua volontà e nel Suo cuore, che è diventato un Padre di dolore. Come dobbiamo presentarci a Lui? Finora Dio è stato un’offerta di sangue, sudore e lacrime. Anche noi dobbiamo versare il nostro sangue, sudore e lacrime per ereditare questa offerta». Piangendo di dolore dovete promettere solennemente: «Padre, Tu sei stato addolorato; hai versato sangue e sudore per darci queste cose, e noi siamo morti, abbiamo versato lacrime e sofferto per riceverle. Come sarà gioioso il giorno in cui potremo avere un simile scambio! Dobbiamo far venire il giorno in cui potremo metterci a piangere e quelle lacrime di gioia ci offuscheranno la vista, e il dolore straziante che scaturisce dalla nostra bocca esploderà per diventare un canto trionfale di gloria e di gioia».

Lì deve essere restaurato il legame genitore-figlio, dove Dio per la prima volta potrà dire: «Voi siete i miei figli». Dio deve poter dichiarare: «Voi siete i miei figli e io sono vostro Padre», in una sfera unificata, condividendo il Suo cuore e i Suoi sentimenti interiori davanti a tutte le benedizioni della creazione nell’universo. Dovete capire che il centro del legame che dobbiamo ricercare è nella realizzazione della famiglia e del popolo di Dio e nella creazione di un mondo, una sovranità e un cosmo, dopo essere stati chiamati da Lui. (151-336, 5.2.1963)

Il vostro destino è raggiungere lo stadio di diventare i cittadini del cielo. Perciò dovete rinnovare la vostra coscienza storica. Anziché vivere per voi stessi, dovete avere il concetto di vivere per i vostri concittadini del Regno di Dio. E non solo, dovete avere l’idea di vivere per i vostri fratelli, sposi e genitori celesti, servendoli. Questo non è un concetto limitato ma universale.

Voi che credete in Gesù, non dovete venerarlo ciecamente, ma piuttosto diventare le persone che possono armonizzare la fortuna interiore ed esteriore del cielo e della terra. Dio sta lavorando per stabilire il Suo ideale di restaurare il Suo regno basato su una provvidenza universale. Dobbiamo diventare i Suoi figli e un popolo che può occupare quel posto. Inoltre, dobbiamo poter amare i concittadini del Suo regno. Se intorno a voi ci sono delle persone che credono in Gesù, dovete poterle trattare come vostri fratelli e sorelle e compatrioti. Dovete persuadere anche gli altri a fare la stessa cosa. In questo senso la vostra responsabilità è enorme e indicibile.

Se considerate i seimila anni di storia in senso verticale, vedrete che Dio ha radunato i cittadini celesti nell’era dell’Antico Testamento e i Suoi figli nell’era del Nuovo Testamento. In questo modo la storia si è sviluppata in senso inverso. (1-336, 30.12.1956)

Cosa dovete fare in questo tempo in cui tutte le persone della terra dicono all’unisono che sono gli Ultimi Giorni? In altre parole, cosa dovete fare in questa era mondiale degli Ultimi Giorni che annuncia la fine di una visione laica della storia, della scienza, dell’etica e della religione?

Dovete diventare delle persone che danno prova di una lealtà immutabile nei confronti di Dio senza alcuna considerazione per voi stessi, per cercare il Suo regno e la Sua giustizia sulla terra, proprio come aveva annunciato Gesù: «Cercate prima il Regno di Dio e la Sua giustizia». In questo modo dovete poter essere orgogliosi di voi stessi di fronte a tutto l’universo e diventare delle persone capaci di realizzare la loro missione al posto di Dio.

In altri termini, dovete applicare i principi fondamentali di quella nazione per aggiungere alla vostra vita un vero valore e realizzare quel giorno di speranza che promette un futuro eterno. Se non riuscirete a diventare questo tipo di persone, finirete per non avere nessun rapporto con la volontà di Dio attraverso la quale Egli mandò Gesù dopo aver lavorato quattromila anni dal tempo della caduta di Adamo ed Eva, e nessun rapporto con la Sua volontà dal tempo di Gesù fino ad oggi, quando Dio lavorava in trinità con Gesù e lo Spirito Santo.

Da questo punto di vista, cosa dovete cercare adesso? Dovete sradicare gli elementi di ingiustizia che hanno impedito che si stabilisse il Regno di Dio e la Sua giustizia, in altre parole, il Suo ideale per il cielo e la terra. In questo modo, dovete riportare la vittoria attraverso le lotte della vostra vita quotidiana per essere nella posizione di Suo figlio Gesù. In altre parole, se desiderate diventare persone che sono adatte a quel regno, i cittadini giusti del Regno di Dio, non dovete essere degli stupidi che lottano per cosa mangeranno e come si vestiranno. Piuttosto, dovete trascendere i problemi del mangiare, del bere e del vestire, e se queste cose vi sono donate, dovete essere capaci di condividerle con quelli che hanno fame o sono vestiti di stracci. Se avete un pezzo di pane, il cuore di Dio ispira il vostro cuore a condividere quel pane invece che a mangiarlo da soli. Gesù mostrò questo cuore, ma le persone intorno a lui non furono capaci di fare altrettanto.

E che dire dei motivi che oggi causano i conflitti e le discordie nelle famiglie? Nascono perché ogni membro della famiglia pensa che la famiglia esista solo per lui. Se c’è qualcosa da mangiare, c’è conflitto e discordia perché ogni membro pensa che quel cibo sia soltanto per lui. Non dimenticate che questa è proprio la freccia del peccato e di Satana.

Quindi oggi dovete risolvere le questioni del cibo e dei vestiti. Dovete distruggere la mentalità egocentrica che crea le condizioni della discordia familiare ed elevarvi al di sopra di questi conflitti, che hanno permeato la storia. Non dimenticate che siete nella posizione di trascendere il problema dei vestiti, del cibo e della casa per emergere come i veri vincitori di Dio. (3-125, 13.10.1957)

Dovete tutti diventare persone che vivono per il Regno di Dio e la Sua giustizia. Per quanto le vostre circostanze siano difficili, dovete essere capaci di combatterle e superarle, ricordando che Dio ripone la Sua speranza in voi. Solo allora potrete essere chiamati Suoi veri figli e figlie.

Allora che tipo di persone possono costruire il Regno di Dio? Sono quelle che sanno negare sé stesse con un cuore ansioso per Dio. Quelli che negano sé stessi per il bene della società, del popolo, della nazione e del mondo sono proprio quelli che possono costruire il Suo regno. Meglio ancora, quelli che vivono per Dio al punto da negare la loro nazione e il mondo sono quelli che possono costruire il Suo regno. Inoltre, per quanto le loro circostanze possano essere dolorose, quelli che provano dolore per la società, la nazione, il mondo e persino per Dio invece che per loro stessi, possono costruire il Suo regno.

Oggi non dovete lottare per soddisfare i vostri desideri, ma piuttosto vivere una vita di fede e di sacrificio servendo uno scopo più alto. Poi dovete raggiungere il livello di cuore di Gesù che affrontato le difficoltà per la volontà di Dio e per l’umanità. Dovete salire alla posizione di veri figli di Dio che possono confortare il Suo cuore spezzato dalle sofferenze che ha incontrato fino ad oggi.

Quando vedete un’ingiustizia dovete provare indignazione. Con l’amore di Dio che vuole dare sempre di più, dovete avanzare ai confini della terra e cercare di stabilire il Suo regno e la Sua giustizia. Inoltre, dovete saper confortare il cuore di Dio che ha attraversato tante difficoltà fino ad ora per salvare l’umanità in mezzo a quel dolore.

E non solo, non lasciandovi sconfiggere e riportando la vittoria nella battaglia contro Satana per stabilire il Regno di Dio e la Sua giustizia, dovete unire la famiglia, la società, il popolo, la nazione e il mondo partendo dall’individuo. In altre parole, dovete riuscire a combattere contro Satana e a vincerlo in qualunque situazione vi troviate. Se andate nella società, dovete trionfare in qualsiasi situazione quella società vi presenti. Se andate nella nazione, dovete riuscire a farvi avanti, prendere responsabilità per i suoi problemi peggiori e poi lottare e vincere le forze sataniche che sono dietro a quei problemi.

Se appaiono queste persone, all’inizio potrà sembrare che periscano, ma sappiate che in seguito prospereranno. Fra loro ci sono anche i capi di certe famiglie, imprese, organizzazioni e nazioni. Quelli che sanno adempiere i loro doveri di pietà filiale dedicandosi ai loro genitori, che sanno assolvere i doveri coniugali verso il proprio coniuge nella loro famiglia, e che sanno realizzare gli obblighi dei sudditi leali verso il loro sovrano, sono i leader delle famiglie e della nazione. Quando questo tipo di spirito scaturisce dal più profondo di voi stessi e si armonizza con il vostro corpo in modo che anche Satana finisce per rispettarvi e seguirvi, allora, per la prima volta, vi potrete presentare come le persone che cercano e stabiliscono il Regno di Dio e la Sua giustizia. (3-131, 13.10.1957)

Al giorno d’oggi tante persone sono orgogliose di loro stesse e della loro nazionalità. Gli americani si vantano di essere i cittadini di una grande nazione. Eppure, questo paese non durerà per sempre. L’America vive solo per sé stessa. Non sa che deve esistere per il bene di altre nazioni, proprio come l’antica civiltà ellenistica ignorava la necessità di esistere per il bene di Roma. Anche Roma non sapeva che la sua civiltà esisteva per il bene della civiltà moderna, che passava attraverso la Gran Bretagna. Così oggi gli americani devono essere consapevoli della necessità non solo di servire il loro paese, ma di servire e vivere anche per le altre nazioni. La maggior parte di loro, tuttavia, lo ignora. Nonostante tutte queste disgrazie, è una fortuna che esista un certo numero di persone che pensano di non dover vivere in modo egoista ma per amore di Dio.

Voi, che oggi vi siete riuniti nella Chiesa dell’Unificazione, forse sarete in una piccola chiesa, ma i problemi si risolveranno se nel vostro cuore sentite che potete rappresentare il mondo espandendo questa chiesa, e che potete rappresentare la personalità celeste. Potrete risolvere qualsiasi cosa. Voi siete i figli che prendono sulle loro spalle la volontà di Dio. Perciò dovete diventare i cittadini del Regno dei Cieli che servono Dio come il Signore di questo mondo. Ricordate che non potete mai deviare dalla volontà del Padre, non importa in quale momento o in quale posto siate. (4-110, 6.3.1958)

In questo tempo storico degli Ultimi Giorni, noi non siamo persone che indossano abiti sfarzosi e mangiano a sazietà. Dobbiamo diventare delle persone che sanno perseverare e servire l’umanità in nome della storia. Dobbiamo seguire la strada opposta. Dobbiamo opporci a tutte le ideologie che hanno usato la loro autorità per togliere la vita alle persone. Deve arrivare un tempo del genere. La storia deve passare inevitabilmente attraverso questo processo, altrimenti la sua strada sarà bloccata.

Allora, quale tipo di strada percorrono Dio, i Suoi figli e il Suo popolo? Deve essere un cammino di perseveranza, di servizio e sacrificio. Non dovete perseverare con una fede cieca. Dovete perseverare per amore del Salvatore, di Dio e della Sua volontà. Quel momento verrà, perciò dovete perseverare. È per questo che in tutte le fedi c’è un insegnamento che riguarda il Secondo Avvento.

Si dice che quel tempo verrà, ma che tipo di tempo è? È il tempo in cui Dio, il partner soggetto nel regno del cuore, realizza lo scopo che ha nel Suo cuore. Le persone si trovano di fronte al destino storico di doversi conformare alla volontà di Dio, il partner soggetto del cuore, nelle loro battaglie e andare avanti alla ricerca di questo tempo. Non possono evitare un corso di lotta mentre prendono a modello Dio e avanzano in direzione del Suo scopo. La storia è stata la cronaca di questo corso.

Di che tipo di battaglia era? Era una battaglia in cui quelli che perseveravano erano colpiti per primi, quelli che si sacrificavano venivano dominati, e quelli che si presentavano con una nuova ideologia e una nuova speranza erano uccisi. Ecco qual è stato il corso storico di queste battaglie. Quindi, tutti quelli che sono andati avanti reclamando la bontà sulla terra, hanno dovuto tutti, senza eccezione, sopportare un corso di sofferenze. Hanno dovuto essere sacrificati in nome del popolo e avanzare verso la morte in modo da non mettere in pericolo la loro fede. (10-230, 16.10.1960)

Dobbiamo aiutare la gente povera e sofferente del mondo. Dobbiamo aiutare gli Stati Uniti, con il Giappone al centro di questo impegno. L’America deve aiutare le persone che muoiono di fame in Asia, in luoghi sfortunati come l’India. Le persone di questo mondo appartengono ad un’unica nazione. Gli americani possono amare il loro paese, ma il popolo di Dio deve amare questa nazione ancora di più. Sono consapevole della situazione miserabile della Corea. Se aiutassimo la Corea con tutto il sostegno che diamo all’America, i coreani mi loderebbero e mi amerebbero, ma poiché l’America è su un livello più alto che rappresenta il mondo, in questo tempo io dedico il nostro movimento ad aiutare questo paese. (122-282, 21.11.1982)

Se nella vostra vita e nella vostra cultura rimangono tracce di ere precedenti della storia, non potete essere i cittadini puri e originali della nazione celeste. Tracce delle abitudini che provengono dallo sfondo culturale del mondo satanico non devono esistere nel mondo originale della nazione celeste. Se questi elementi delle vostre abitudini di vita permangono non potete entrare nel Regno dei Cieli. (197-286, 20.1.1990)

Una volta che le persone ritorneranno, la terra sarà automaticamente riconquistata. Una volta stabilita la sovranità, i suoi cittadini e il suo territorio saranno restaurati. Ecco perché mi interesso agli Stati Uniti e all’Unione Sovietica, le nazioni che sono più vicine a conquistare la sovranità mondiale. L’Unione Sovietica e gli Stati Uniti finora sono stati ai due poli opposti, ma anche queste due nazioni si stanno avvicinando al vertice del mondo. Dio vuole guidare quei capi di stato. Se volessi fare un’analogia, mi paragonerei ad una locomotiva che può guidare quelle nazioni quando questo succederà. Poiché il giardino di Eden è costituito da un popolo, da una nazione e da una sfera culturale sotto un’unica sovranità, lì non ci sono problemi di lingua perché le persone che usano la lingua madre del cielo [la lingua dei Veri Genitori], entrano nel Regno di Dio. (216-30, 3.3.1991)

Le nazioni, le tribù e le famiglie hanno i loro rappresentanti. Dovete sapere che poiché gli esseri umani hanno un rapporto con il mondo intero, possono diventare i cittadini del cielo solo quando servono i genitori universali, i genitori a livello della religione, e i genitori della famiglia.

Che cosa sta cercando l’umanità nel mondo d’oggi? I genitori universali. I cristiani, in particolare, desiderano ardentemente che appaiano i genitori della loro fede. Il giorno in cui compaiono questi genitori universali non è altro che il giorno del Secondo Avvento. Tuttavia, la provvidenza per unire i genitori a livello religioso non è ancora stata realizzata.

Per seimila anni Dio ha cercato di realizzare la Sua volontà provvidenziale, ma la missione di Cristo al Secondo Avvento, che deve venire con la responsabilità del sommo sacerdote in una comunità di credenti, rimane ancora. Da questo punto di vista, la provvidenza dello sposo e della sposa si è realizzata nell’ambito della promessa, ma essi non sono ancora saliti alla posizione di Veri Genitori che possono vivere in quella comunità di credenti.

Una vera famiglia costituita da veri figli non può essere stabilita prima di determinare la posizione dei Veri Genitori. Spingendoci un passo più in là, la posizione dei Genitori a livello di religione non può essere determinata senza che prima sia stata determinata la posizione dei Genitori universali. (5-122, 4.1.1959)

Quelli che irradiano costantemente una luce luminosa e un calore ardente ventiquattro ore al giorno sono i cittadini del Regno di Dio. Assomiglia al fenomeno degli insetti che si raccolgono attorno ad una sorgente di luce in una notte buia. Quindi, quelli che possono mantenere costantemente accesa la forza vitale di Dio, la forza dell’amore, sono senza dubbio i cittadini della nazione celeste. (86-302, 11.4.1976)

C’è una nazione del vero padre, una nazione della vera madre e una nazione del vero figlio maggiore. Diventiamo cittadini del cielo collegandoci a loro. Così possiamo concludere che siamo i cittadini, i figli e i proprietari del Regno dei Cieli. Partendo dalla famiglia diventate i proprietari del cielo ed entrate nel dominio della casa reale di Dio. I figli di pietà filiale sono i proprietari delle loro famiglie e i patrioti sono i proprietari della loro nazione. Sono tutti collegati insieme.

Dovete seguire un’unica strada. Le strade per diventare patrioti dalla posizione di figli di pietà filiale, santi dalla posizione di patrioti, e figli divini dalla posizione di santi, vanno tutte nella stessa direzione. Non vanno in un altro senso.

Dio vuole che seguiate un’unica strada. Dovete prima diventare dei figli devoti con i quali Dio vorrà stare sia nei momenti felici che in quelli difficili e con cui desidererà rimanere per tutta la vita e per l’eternità. Queste sono le persone di cui Dio può dire che ha assolutamente bisogno. Dovete seguire questa strada, non importa chi vi respinga o vi perseguiti. Non ci sarà nessun indennizzo una volta che diventate cittadini del Regno dei Cieli. Una volta stabiliti, i risultati durano per l’eternità. (293-209, 26.5.1998)

Diventate delle vere famiglie solo se siete riconosciuti dalla vostra nazione e dai suoi cittadini. Solo quando le tribù, le famiglie e gli individui della vostra nazione riconoscono la vostra famiglia – solo quando le vostre famiglie trascendono la sfera del riconoscimento nei confronti dell’individuo, della famiglia, della tribù, del popolo e della nazione – possono avanzare verso il mondo. Senza ottenere quel riconoscimento la vostra strada sarà bloccata. Dovete capire che ricevendo quel riconoscimento, per la prima volta nella storia potete entrare in cielo come suoi cittadini. (134-218, 20.7.1985)

Dovete perseverare, sacrificarvi e servire la vostra fidanzata anche se non vi piace. «Se non l’avessi incontrata non avrei imparato nulla. Ora capisco che ho ricevuto questa persona in modo da poter affrontare più difficoltà per conquistare uno spirito di servizio e di sacrificio e così andare in cielo». Chi pensa in questo modo può diventare una persona di valore ed entrare in cielo.

Dio vuole che persino i peccatori diventino Suoi figli. Solo perché la vostra fidanzata non ha un viso molto grazioso o perché è giapponese o è bassa di statura, potete pensare: «Oh, non mi piace»? Voi uomini dovete convincervi che andrete nel luogo più alto del cielo se prendete la donna più brutta e vi sacrificate per lei servendola più di chiunque altro. Dovete capire che allora diventerete il marito migliore, un marito che è come un santo. I membri della Chiesa dell’Unificazione devono avere un pensiero di questa levatura. (116-95, 20.12.1981)

La cosa più fortunata e preziosa che può capitare a una donna è avere un marito. La gioia più grande per una coppia è avere dei figli. Questi figli non appartengono ai loro genitori, ma al mondo, alla nazione celeste. La loro genealogia è nel Regno di Dio. Anche se sono vostri figli hanno tutti una nazionalità. Avere una nazionalità significa essere cittadini di una nazione. Allo stesso modo questi figli sono i figli della nazione celeste, e quella coppia è formata da un marito e da una moglie che rappresentano la nazione di Dio. Se avete questo tipo di cuore, potrete conformarvi allo standard della nazione celeste quando vi registrerete lì. Potrete essere in risonanza con quel livello. Senza avere questo tipo di esperienza di risonanza sulla terra, avrete delle difficoltà nel mondo spirituale, anche se avete ricevuto la Benedizione. La stessa cosa vale per gli uomini. La loro felicità più grande è avere una moglie. La loro seconda felicità è avere dei figli come frutto della loro unione d’amore. Questo nido d’amore deve essere trasmesso al mondo. Quando questo succederà, sarete pienamente qualificati come cittadini del cielo. (233-212, 1.8.1992)

Le vostre trinità riguardano le tre grandi offerte. Abramo dovette fare tre grandi offerte e anche l’arca di Noè aveva tre ponti. Sono tutte tre grandi offerte. In questo modo dovete costruire un altare e avere tre persone che fanno delle offerte in sacrificio per adempiere ai loro doveri di lealtà e devozione verso le persone di quell’area. Dovete diventare delle persone che sanno abbracciare quel luogo con lo stesso cuore che avreste pregando perché i vostri figli siano benedetti. Se siete assegnati in quel posto e lavorate lì per tre anni vi qualificherete come cittadini del cielo. (150-26, 17.8.1958)

Le persone vere sono quelle che si sacrificano e soffrono per il bene più grande. Tra loro ci sono veri figli, insegnanti, amici, genitori, fratelli e sorelle, famiglie, nazioni e un vero Regno dei Cieli. Allora, che tipo di luogo è il vero Regno dei Cieli? È la destinazione di quelli che si sono sacrificati e hanno sofferto per il bene più grande. (124-168, 6.2.1983)

Adamo ed Eva caddero attraverso il loro matrimonio illecito come individui. Quindi ora, per capovolgere questa situazione, i membri della seconda generazione devono partecipare a matrimoni interculturali e internazionali. Devono amarsi reciprocamente e, attraverso quell’amore, sciogliere il nemico. Per stabilire questa condizione, le sei nazioni che un tempo erano nemiche, cominciando dagli Stati Uniti e includendo il Giappone, la Corea, la Germania, la Francia e la Gran Bretagna, devono stabilire le fondazioni d’amore a livello nazionale avendo amato il nemico. Dovete creare questa tradizione per portare una nuova vita alle nazioni più di quello che farebbero i loro patrioti. Il cielo inizierà sulla base di questa unità. (192-85, 2.7.1989)

Quelli che desiderano andare in cielo devono amare i loro nemici. Nel giardino di Eden, Adamo ed Eva erano centrati su Dio e gli arcangeli erano centrati su Adamo ed Eva. Se Adamo ed Eva avessero raggiunto la perfezione, sarebbero andati in cielo e gli arcangeli li avrebbero seguiti. Il cielo è il luogo dove andate dopo aver esercitato l’amore. Gli arcangeli devono essere amati da Dio, da Adamo e da Eva e poi andare in cielo insieme a loro. Questo è il principio della creazione. (243-280, 28.1.1993)

Voi non vivete per voi stessi. Dovete vivere rappresentando tutti. Se siete una donna dovete nascere in questa era rappresentando tutte le donne e diventare un modello per le donne che vi osservano. Dovete vivere come un esempio. Se lo farete, i vostri discendenti seguiranno sicuramente quell’esempio. Il mondo celeste – il mondo eterno – è il luogo dove vi collegate seguendo quell’esempio. Quando vi qualificherete per quel luogo, potrete avere libero accesso ad ogni cosa, ma se non ci riuscirete avrete dei grossi problemi. I Veri Genitori non insegnano alle persone in quel luogo [il mondo spirituale]. Le persone che hanno raggiunto la perfezione attraverso di loro vanno là. In quel mondo questo tipo di sistema educativo non esiste. Dovete andare là dopo essere stati educati qui sulla terra. In altre parole, quello che è legato sulla terra è legato in cielo, e quello che è sciolto sulla terra è sciolto in cielo. (227-376, 16.2.1992)

I cittadini del Regno di Dio sono quelli che hanno innalzato la bandiera del servizio per tutti i popoli. Quindi oggi, per salvare un determinato popolo, dobbiamo distribuire tutto ciò che possediamo per il suo bene. Se questo non basta, dobbiamo essere pronti ad offrire persino la nostra vita. Queste persone sono veramente i cittadini del cielo. Dovete pensare alla situazione interiore di Dio che deve raccogliere questo tipo di persone per realizzare l’ideale del Suo Regno. (5-17, 9.11.1958)

Non è possibile andare in cielo senza amare i figli del vostro nemico più dei vostri stessi figli. Oggi i cristiani chiedono a Dio di benedirli e di perdonare tutti i loro peccati e il loro carico di malvagità. La loro visione della fede non è giusta. Sapendo questo, io non potevo pregare Dio in quel modo. Prima di pregare, dovete provare vergogna persino mentre offrite dei risultati concreti. Con che cosa otterremo il perdono per il peccato imperdonabile commesso davanti a Dio dai nostri antenati?

Finora i Veri Genitori non hanno potuto celebrare il loro matrimonio. Vuol dire che non si sono potuti stabilire. Nonostante ciò, ora hanno inaugurato l’era dei “Veri Genitori e del sicuro stabilirsi dell’era del Completo Testamento”. Ora, per la prima volta, sono potuti ritornare nella loro città natale. Facendo questo, portano con sé tutti i loro figli dispersi. Sono ritornati nel loro paese natale, si sono stabiliti lì come i Veri Genitori e hanno celebrato il loro matrimonio. Così ora i loro figli si possono sposare.

Finora la Chiesa dell’Unificazione ha seguito una direzione opposta a quella delle altre religioni. Non è una religione falsa, ma una religione che insegna la strada giusta proponendo il termine “Veri Genitori”. Ha affrontato il mondo opponendosi a quello che insegnano i genitori falsi. Poiché vi ho insegnato a cercare la strada dei veri genitori attraverso la via religiosa, abbandonando la posizione dei genitori falsi, questi veri genitori naturalmente devono ritornare nel loro paese natale e avere una famiglia. Quindi è logico dire che anche i loro figli devono ritornare nel loro paese natale e avere una famiglia. (273-289, 29.10.1995)

Nel vostro cuore dovete pensare: «Ora sono entrato in una nuova era» e senza guardare indietro dovete dire: «Addio mondo! Me ne vado». Abbiamo condotto la Cerimonia del fuoco sacro per la pace, l’unità e la liberazione del cielo e della terra. Perciò abbiamo superato quel momento critico. Quando la moglie di Lot stava lasciando Sodoma, fu avvisata di non guardare indietro, ma sentendo che il cammino che doveva affrontare era oscuro, si voltò indietro a guardare. Quando le donne non conoscono la loro destinazione o non sanno che direzione prendere, e quando il dolore che provano in quel momento, più grande di quello di un profugo, le rende cieche al punto che il cielo e la terra sembrano essere nell’oscurità, desiderano ardentemente i tempi passati. Perciò finiscono inevitabilmente per voltarsi a guardare indietro. Gli Ultimi Giorni saranno un tempo del genere. «Come sarà terribile in quei giorni per le donne incinte…» (396-134, 5.11.2002)

Avete una vostra nazione? Dobbiamo arrivare a una conclusione generale riguardo questo paese. Ora la Promessa asserisce che siete i proprietari della Cheon Il Guk. “La nostra famiglia, proprietaria della Cheon Il Guk, focalizzandosi sul vero amore” è il contenuto centrale. È così che bisogna fare. Capite? La Promessa sta cambiando. È stato introdotto il termine “proprietario”. Nessuno può semplicemente vendere le parole della Promessa! Ad ogni modo il termine Cheon Il Guk è stato stabilito attraverso i Veri Genitori per l’eternità.

Ora abbiamo proclamato la regalità di Dio, e stabilendo il Regno di vita in cui sono completamente stabiliti i Genitori del cielo e della terra, abbiamo tenuto i Rally speciali per l’armonia e l’unità del cielo e della terra e abbiamo concluso la Cerimonia del fuoco sacro per la pace, l’unità e la liberazione del cielo e della terra. Perciò abbiamo bisogno di una nuova nazione. (396-149, 5.11.2002)

Se la vostra mente e il vostro corpo non sono uniti in armonia, per quanta fede possiate avere dopo essere entrati nella Chiesa dell’Unificazione, non potete andare in cielo. Il motivo è che nei luoghi di conflitto ci sono delle ombre. Quando avete partecipato al seminario di registrazione e lì avete ricevuto la Benedizione, ho parlato dello “Stabilirsi del mezzogiorno”. Non ci deve essere nessuna ombra.

Se la mente e il corpo non sono uniti, quando il sole splende direttamente sopra la vostra testa e la vostra mente e il vostro corpo pendono da una parte, apparirà un’ombra alla vostra sinistra. Se il vostro corpo prevale sulla vostra coscienza, un’ombra sarà proiettata alla vostra sinistra. Questa situazione deve essere trasformata nello “stabilirsi del mezzogiorno”. La cima, il mezzo e il fondo devono essere perfettamente allineati in senso verticale.

Se prendiamo Dio come la prima generazione e Adamo come la seconda, la sfera delle tre generazioni non è stata stabilita verticalmente. Dio non ha avuto una terza generazione. Le persone non sanno che Dio è un Dio miserabile che non ha potuto avere dei nipoti. L’umanità caduta non sa che Dio, l’antenato dell’umanità, il maestro di tutti i maestri, il Signore di tutti i signori, il Re di tutti i re e il grande sovrano dell’universo è in una situazione così penosa. (400-197, 1.1.2003)

Sezione 4. Testimoniate per ottenere il diritto celeste della proprietà

Dovete riuscire a pensare: «Noi siamo quelli che sono andati alla ricerca di un popolo di speranza, quelli che sono necessari per far rinascere la nazione della speranza. Il giorno in cui inizieremo a lavorare sarà il giorno in cui i cittadini che possono diventare un elemento essenziale per il risveglio della nazione rinasceranno essi stessi. Noi siamo quelli che hanno ereditato l’ideologia tradizionale di questa nazione e ci siamo fatti avanti per ricostruire la nazione dei nostri desideri. Perciò dobbiamo unirci a loro attraverso l’ideologia tradizionale e trovare la nazione giusta. Siamo quelli che hanno la responsabilità di reclutare questo gruppo».

Lì il vostro cuore deve traboccare d’amore per quella nazione e il suo popolo. Deve essere una nazione diversa da come era quando l’amavate come suoi cittadini. Deve essere un tipo di amore diverso da quello che avete avuto finora per i vostri parenti, genitori, fratelli e sorelle, sposi e figli. Dovete amare il popolo e la nazione in un modo diverso. Se questo non avverrà, il mondo ideale di speranza che Dio ha cercato fino ad ora non potrà essere realizzato. Quando per loro rappresenteremo completamente Dio ci seguiranno per diventare dei cittadini celesti. Quando queste persone che si sono riunite saranno saldamente collegate, la restaurazione della patria di Dio avrà inizio. (57-179, 31.5.1972)

L’espressione “un popolo” include la razza nera, bianca e gialla e deve avere la capacità di assorbire tutte le culture così come tutti i costumi e gli ambienti di tutta la storia. Noi diciamo che diventeremo un solo popolo, fratelli e sorelle uniti attorno ai Veri Genitori. Il mondo, però, non è così. Dobbiamo trasformarlo completamente in un unico popolo. Se lo lasceremo così com’è, le persone malvagie rimarranno sempre. Attraverso le nostre attività della home church possiamo creare un solo popolo. Dovete sapere che l’unico modo per far questo è attraverso le attività della home church. Non c’è altro modo. Anche se ci sono numerose tribù, dobbiamo stabilire un movimento per unirle. (116-215, 1.1.1982)

Ricevendo la Benedizione potete essere trattati come membri effettivi della Chiesa dell’Unificazione e cittadini della nazione celeste. Così arriviamo alla conclusione che Satana sarà automaticamente separato sulla base di questo criterio logico. L’amore di Dio è superiore all’amore di Satana e voi vi trovate nella posizione di uomini e donne benedette sulla base di quell’amore fondato sul Principio. Siete sopra anziché sotto il livello in cui Satana vi può accusare, quindi Satana non può accusarvi. Questo perché i Veri Genitori hanno stabilito lo standard originale del lignaggio attraverso la loro linea di sangue. Perciò, se siete nell’ambito di quel lignaggio, Satana non apparirà mai; sarete entrati completamente nella dimensione separata da lui. (172-66, 7.1.1988)

La Chiesa dell’Unificazione è una chiesa rappresentativa che avanza verso l’ideale familiare del Regno dei Cieli. Dovete sapere che la nazione, il mondo, il cosmo e Dio sono racchiusi in questa famiglia.

Poiché siete stati legati al lignaggio dei Veri Genitori, da ora in poi non dovete diventare olivi selvatici. Dovete prendere il seme dell’albero di olivo vero e portare i suoi frutti in qualsiasi parte del mondo mettiate radice. Dovete produrre lo stesso tipo di frutto, indipendentemente dalla nazione o dal luogo ed essere accettati come il popolo santo della nazione celeste. Dovete capire che questo era l’ideale di creazione di Dio.

Le famiglie benedette della Chiesa dell’Unificazione hanno la responsabilità di espandere la popolazione del Regno di Dio – nella sfera libera e liberata che non ha nessuna storia di indennizzo. Non dovete mai dimenticare che questa è la vostra missione.

Ora saranno inaugurate le sfere tribali. Dio non vi governerà più. Le vostre tribù stanno entrando nell’era di diventare le tribù del cielo. Perciò, attraverso il lavoro dei loro antenati, le persone entrano nella Chiesa dell’Unificazione senza sapere perché. Quando viene la primavera, le foglie non sono costrette a spuntare, lo fanno in modo naturale. Un mondo dove il sole del mattino sorge lentamente è sotto i nostri occhi. Non dimenticate che il nostro dovere e la nostra missione è andare avanti con coraggio ed entusiasmo come i grandi proprietari del cielo e della terra e i figli liberati di Dio. (202-256, 24.5.1990)

Il mio desiderio è restaurare i cittadini del cielo. Ma come possiamo trasformare i cittadini del mondo satanico? Questo è il problema. Devono negare quel mondo e fare una svolta di 180 gradi. Attualmente Satana è più in alto e Dio è più in basso. Come si deve cambiare questa situazione? Bisogna andare al punto zero. La cosa più preziosa per voi sarà il numero di cittadini del cielo che restaurerete.

Non siete tutti diventati cittadini del cielo attraverso di me? Allo stesso modo, per trasformare i vostri figli in cittadini celesti, dovete educarli in modo da poterli portare con voi e farli vivere nella nazione celeste anche a costo della vostra vita. Questo è il vostro patrimonio. Dovete farlo sistematicamente ed educare i vostri figli; solo allora andranno nello stesso posto. Come sarebbe bello se tutti diventassero cittadini del cielo all’istante! Bisogna farlo. Questa sarà la vostra ricchezza nell’altro mondo. Diventerà un dono quando andrete nell’aldilà; è simile alla dote e ai doni che una sposa porta con sé quando si trasferisce a casa dei suoceri. Se porterete le persone della vostra nazione così come quelle di tanti altri paesi, in cielo ci sarà un banchetto preparato per voi. (215-182, 17.2.1991)

I doni più grandi che potete portare con voi entrando nel Regno dei Cieli sono i suoi cittadini provenienti, ad esempio, dal mondo degli affari, grazie alle parole del Principio Divino. Cosa dovete portare con voi quando entrate in cielo, nel Regno di Dio? Non dovete portare con voi solo la vostra famiglia. Altrimenti, chi salverà i figli di Caino nel mondo satanico? Così, fino ad oggi, nessuno è entrato in cielo centrato sul vero amore. Ecco perché il cielo è vuoto. Quindi dovete sapere che restaurare tanti cittadini del Regno di Dio ed entrare in cielo insieme a loro è il dono che vi permette di essere ricompensati da Dio e di avvicinarvi alla nazione celeste. Non è possibile farlo attraverso la conoscenza o qualsiasi altra attività o risultato. (216-135, 9.3.1991)

Senza una fondazione per la vita eterna non potete lottare per tanto tempo. Senza risultati finirete per sparire. Anche per me è la stessa cosa. Io sono rimasto fino ad oggi perché mi sono battuto per la vita eterna. È un problema serio. Voi non conoscete questa forza. Alla fine, tutti moriremo. Voi non sapete quando potete cadere morti stecchiti in un angolo. Un giorno andremo tutti nel mondo spirituale. Quando andrete là, cosa porterete con voi davanti a Dio? Non potete andare con il vostro corpo. Dovete tutti andare là guidando i cittadini del cielo. Non pensate che ci saranno tante persone dietro di me? Ecco cosa dovete fare. (230-61, 15.4.1992)

I vostri diritti di proprietà nel mondo spirituale saranno determinati dal numero di cittadini che avete portato nel Regno dei Cieli. Saranno il vostro patrimonio. È giunto il tempo di prendere coscienza di questo. Verrà un tempo in cui sarà possibile testimoniare a milioni di persone in un giorno. La Chiesa dell’Unificazione ha questo contenuto straordinario. Guardate il mondo: quante persone vanno alla deriva vagando come pazzi deliranti, tormentandosi se vivere o morire e commettendo suicidio?

Ora stiamo entrando in un’era di migrazioni, dove i membri della Chiesa dell’Unificazione attraversano le frontiere fra nazioni confinanti, si spostano da un continente all’altro e da oriente a occidente. Quando avvengono questi cambiamenti il nostro dominio cambierà. Perché è necessario questo? Spesso i paesi confinanti sono diventati nemici a causa di interessi nazionali contrastanti. Perciò, le persone che vivevano nei periodi oscuri, nel mondo spirituale sono circondate da muri. Come saranno abbattuti questi muri? I loro discendenti sulla terra li devono abbattere facendoli crollare. Per far questo, quelli che hanno odiato i giapponesi devono amarli con un’intensità ancora più grande. Questa è la missione di Abele. La prima persona che capisce queste cose deve essere la prima a portare la croce. (218-227, 19.8.1991)

Quando andrete nel mondo spirituale, il vostro patrimonio dipenderà da quanti cittadini del cielo avete innestato mentre eravate qui sulla terra. La religione deve infondere questa consapevolezza. Poiché i membri della Chiesa dell’Unificazione non hanno trasmesso questa consapevolezza alla nostra seconda generazione, i giovani se ne vogliono andare da un’altra parte. Sono stati tutti spazzati via e dicono che si troveranno un lavoro o faranno altre cose nella società mondana. I cittadini del mondo spirituale, i cittadini del cielo, sono prodotti sulla terra, non nel mondo spirituale. Li creiamo in questo mondo fisico. Così, se Adamo ed Eva originariamente avessero prodotto delle persone secondo il Principio, esse sarebbero appartenute al cielo, ma poiché caddero, ci fu un completo sconvolgimento. (230-24, 15.4.1992)

Raccogliere cittadini del cielo è più importante che mangiare. Questa è l’occupazione principale per noi che viviamo sulla terra. Fra le cose che dobbiamo fare durante la nostra vita, nulla è più prezioso di questo. I soldi che accumulate dopo aver trovato un lavoro e aver ricevuto delle promozioni nella società secolare passeranno tutti come l’acqua sotto i ponti. Nell’altro mondo i soldi non serviranno. Là i beni materiali e la conoscenza non sono necessari. Anche senza che nessuno vi insegni le cose, la vostra mente le saprà già. Capirete tutto nel giro di una settimana.

Quando un giorno andrete nell’altro mondo, cosa direte a Dio che ha guidato il lavoro della restaurazione e ha tribolato fino ad oggi per trovare un Adamo? Dio non ha forse cercato da solo l’Adamo perfetto sin dal tempo della creazione? Ma voi siete venuti a conoscenza del Principio. Questa è l’arma che vi permetterà di salvare migliaia e milioni di cittadini. Finora Dio non ha potuto educare l’umanità e ha dovuto guidare la provvidenza in mezzo all’ignoranza. Quello che facciamo è prendere su di noi il Suo dolore e fare più cose in Suo nome sulla terra di quelle che ha fatto Lui. Il Principio ci fornisce la strada per illuminare e raccogliere un seguito di centinaia e migliaia di Adamo.

Quanti figli avete radunato che vi seguiranno in cielo? Non dovreste far altro che questo. Anche se avete miliardi di oro e vivete nell’opulenza, tutto questo passerà. Investite tutti i vostri beni materiali, la vostra conoscenza e persino la vostra vita caduta in questo lavoro. Non investiteli separatamente, ma tutti in una volta, col cuore di creare i cittadini del Regno di Dio. Man mano che il vostro investimento si accumula, il suo valore aumenta in proporzione. (230-28, 14.4.1992)

Quanto sarete lodati eternamente davanti a Dio dipenderà dal numero di cittadini del cielo che avrete raccolto. In passato non c’era nemmeno un badile per raccoglierli: l’incapacità era il risultato dell’ignoranza; ora, invece, avete una gerla sulle spalle. Se trasmettete la Parola con passione potete raccogliere una messe esplosiva. (230-32, 15.4.1992)

Dovete impegnarvi in tante attività per moltiplicare i cittadini e le famiglie del cielo attraverso i vostri sforzi. La posizione che vi sarà accordata nell’altro mondo è determinata sulla terra. Non è stato detto che quello che è legato sulla terra sarà legato in cielo, e quello che è sciolto sulla terra sarà sciolto in cielo? Si riferisce a questo. (235-58, 28.8.1992)

Il polo negativo e il polo positivo di una calamita non dicono l’uno all’altro di attrarsi reciprocamente. È un processo che avviene in modo naturale. Sta arrivando un uragano. Ecco cosa deve essere realizzato: centrati sulla sfera di Eva e della madre, dobbiamo piantare fermamente il dominio di Caino e Abele nella famiglia assieme alle vicende del mondo che arrivano impetuose come un uragano. È come mettere al mondo un bambino; ecco cosa state facendo; è per la madre e i figli. Su questa strada le donne sono delle liberatrici. Gli uomini vivono senza preoccupazioni in una sfera libera del cielo e della terra, ed è per questo che non sono capaci di interferire negli affari dei loro figli. Le donne devono essere grate al cielo, alla terra e ai Veri Genitori per il tempo straordinario in cui sono entrate, dove possono avere il dominio ventiquattro ore al giorno. Quindi la domanda è quante persone raccoglierete e porterete nella nazione celeste come suoi cittadini.

In Corea c’è un sacco di agitazione riguardo la dote. Viviamo in un tempo del genere. Il problema è quanti cittadini e quante famiglie portate con voi nella nazione celeste. In cielo non ci sono famiglie o cittadini. Come sarà grato Dio se possiamo creare dei cittadini e delle famiglie! Quando di notte alzate lo sguardo verso il cielo scuro non vedete brillare le stelle? Fra quelle stelle che tipo di stella vorreste diventare? Vorreste essere una stella grande. Se diventerete una stella grande dipende da quanti cittadini e quante famiglie porterete in cielo. (235-119, 29.8.1992)

Le donne che vanno sulle montagne in cerca di erbe si affannano tutto il giorno a cercare le piante buone, ma alla fine della giornata tornano con la loro cesta vuota perché hanno avuto fame e si sono mangiate tutte le erbe che avevano raccolto. Ma le donne che raccolgono le erbe tranquillamente e pazientemente possono portare a casa, come loro aiutanti, quelle donne energiche che si erano date tanto da fare.

Attualmente nel Regno di Dio non ci sono cittadini. Il cielo è vuoto. Di conseguenza dobbiamo riempire di cittadini quel cielo vasto e vuoto, facendoli passare per la porta della Chiesa dell’Unificazione. Poiché è giunta un’era del genere, dovete pensare al mondo anziché a voi stessi. Non dovete avere i capelli arruffati come quelli di una quaglia o lasciarli diventare grigi come le piume di una cutrettola. Non siate come le cutrettole che volano penosamente di qua e di là scuotendo la coda. Dovete diventare delle nobildonne. (237-303, 17.11.1992)

Dio creò Adamo perché aveva bisogno di uno spazio orizzontale. Tanti uomini e donne si sposano e formano delle famiglie in modo che i loro figli si possano trasferire in cielo per riempirlo. Quindi ogni famiglia è una catena di produzione che crea i cittadini del cielo. Essendo una catena di produzione, deve sfornare tanti figli. Il rango e la posizione di gloria delle persone in cielo sono determinati dal numero di cittadini che portano nella nazione celeste. Se allevate tanti figli, e se educate dodici o addirittura ventiquattro tipi di persone, sarete nella posizione di aver amato tutti i tipi di esseri umani. (256-238, 13.3.1994)

L’ultima volta che ho lasciato le Hawaii ho parlato della Cerimonia dell’incoronazione per la Regalità di Dio, dello stabilirsi della terra natale e della patria di Dio e anche della dichiarazione della Cheon Il Guk e dei suoi cittadini. Per stabilire una nazione è necessaria una sovranità. Questo vuol dire stabilire la regalità. Poi ci deve essere una nazione. Questo è stabilire la patria di Dio. Poi devono esserci i cittadini. È così che ottenete la carta per registrarvi nella nazione celeste. In questo modo sono state poste tutte le basi per la Cheon Il Guk dove la sovranità, i cittadini e il territorio possono essere preparati sotto la suprema autorità di Dio. Ciò che determina il vostro valore lì dipende da quanti parenti avete portato a Dio. Dovete andare nella direzione opposta. Dovete salire partendo da qui. (364-131, 1.1.2002)

Ora è il tempo di mobilitare i vostri antenati. Dovete mobilitarli affinché cooperino con voi e per far questo dovete capire chiaramente il contenuto della realtà presente, la struttura del mondo spirituale e come avviene la resurrezione tramite il ritorno. Poi dovete diventare i portabandiera che indicano la direzione e diventare un esempio per i vostri antenati che si dedicano con la più grande sincerità. Il mondo fisico è in posizione di fratello maggiore e deve dare l’esempio. Capite? Quindi non pensate che state facendo queste cose da soli. Se li mobilitate, i vostri antenati vi aiuteranno. (370-132, 19.2.2002)

Per quanto riguarda la caduta, Dio era responsabile della creazione e Adamo della caduta. La caduta distrusse la famiglia, la nazione, il mondo e tutto l’universo. Questo fu causato dai genitori falsi il cui istigatore, Satana, sorse e si unì a loro mettendo Dio al bando. Questo distrusse il mondo che Dio aveva desiderato. Fino ad oggi il mondo politico ha sacrificato il mondo religioso, ma da ora in poi sarà il contrario.

Per questo ho lanciato un movimento al di sopra delle religioni, delle nazioni e delle ONG per ristabilire l’ordine che era stato invertito, realizzando in questo modo una liberazione unificata del cielo e della terra. Questo non viene fatto nel mondo spirituale ma sulla terra; dobbiamo liberare tutto e andare al di là di questo, cancellando completamente tutte le macchie di sangue e i segni lasciati da Satana. Dovete purificare tutto ciò che è collegato all’individuo, alla famiglia e alle proprietà e trascenderlo attraverso questa cerimonia del fuoco sacro.

Facendo questo diventiamo famiglie benedette centrali. Poiché il fallimento dell’umanità è avvenuto in seno alla famiglia, non potete superarlo senza avere una famiglia. Gli individui non possono risolvere questa situazione. Quindi ora il mondo spirituale è in subbuglio per realizzare la Benedizione. Stanno facendo richieste alla terra.

Così i vostri antenati, che un tempo vivevano sulla terra, nonché i fondatori e i capi delle religioni, scenderanno sulla terra – gli antenati che vengono dalle tribù centrate sulla loro religione, dalla loro religione o tribù – per realizzare la loro responsabilità in posizione di proprietari, sulla base della loro religione o tribù. Questo è il motivo per cui ora ho chiesto ai membri della Chiesa dell’Unificazione di non testimoniare alle persone al di fuori del loro clan o della loro tribù. Devono salvare tutte le persone in posizione di servi, figli adottivi, figli illegittimi e figli di discendenza diretta nei loro clan e nelle loro famiglie, unirsi e servire i Genitori. Devono essere educati dal marito della famiglia originale, il Messia. Possiamo completare questo partendo dall’individuo che è stato liberato sulla nuova terra, fino a raggiungere la sfera della liberazione in cielo. (396-127, 5.11.2002)

Sezione 5. La vita dei proprietari della Cheon Il Guk

5.1. Un cuore unito, un corpo, un pensiero e un’armonia

Voi ed io siamo in una posizione di unità tra la mente e il corpo, ossia il marito e la moglie, i genitori e i figli sono uniti nel cuore. L’unità del cuore e della mente non si può realizzare in uno stato in cui uno si trova sopra e l’altro sotto. Se i genitori sono sopra e i figli sono sotto, non possono essere uniti nel cuore. Solo quando tutti e due si trovano sullo stesso livello e su una base di parità possono essere uniti nel cuore e nella mente. In altre parole, solo quando sia il loro rapporto interiore che il loro rapporto esteriore sono sullo stesso piano possono creare un’unità di cuore. Questo vale anche per la coppia: marito e moglie possono essere uniti nel cuore solo dove il loro rapporto tra interiore ed esteriore, tra davanti e dietro è orizzontale, mai se è verticale. (41-30, 12.2.1971)

Tutto deve essere unito nella mente: gli occhi, il naso e tutte le altre cose devono diventare uniti nella mente. La mente e il corpo si devono unire, come pure l’uomo e la donna. Le tribù e le nazioni devono creare un’unità di cuore e di mente. Le persone devono realizzare l’unità di cuore e di mente desiderata dal loro re, unirsi nel cuore ai presidenti del mondo e poi a Dio, il presidente del cielo e della terra. Quando questo si realizzerà, il mondo diventerà un’unica nazione, e questa nazione unita non apparterrà a qualcun altro, apparterrà a noi. (284-76, 15.4.1997)

Se Adamo ed Eva avessero realizzato la loro responsabilità nei confronti di Dio, Dio li avrebbe benedetti. Da quella benedizione, sarebbe iniziato il bene e sarebbe stata raggiunta l’unità della verità, della sostanza e del, cuore. Unità della verità significa che quando Dio dice: «Fai questo!» noi rispondiamo di sì e seguiamo e realizziamo quello che Lui ci ordina di fare. Dal punto di vista della volontà di Dio, Adamo ed Eva non sono essenzialmente due esseri separati. Sedotto da Eva, Adamo trasgredì la legge celeste e così i due si separarono, ma originariamente erano uniti. Una volta raggiunta l’unità della verità e della sostanza, deve essere realizzata l’unità di cuore. Quando questo succederà, potremo unirci a Dio. Dio è andato avanti sperando nell’arrivo di quel giorno. (15-263, 17.10.1965)

Il cielo è il luogo dove una coppia completamente unita nell’amore di Dio può entrare assieme ai figli nati da questa completa unione, ossia la famiglia, la tribù e il popolo uniti in Dio. (18-331, 13.8.1967)

Il compito principale della Chiesa dell’Unificazione è l’unità fra la mente e il corpo. Così, al tempo della creazione, Dio ordinò fede assoluta, amore assoluto e obbedienza assoluta. Quello che diciamo si manifesta in base alla nostra fede. Se non si realizza, dobbiamo investire noi stessi per portarlo a compimento. Per quanto un compito possa essere grande, si realizza seguendo gli ordini. Poiché investiamo noi stessi più della nostra speranza, viene realizzato. (400-203, 1.1.2003)

La caduta di Eva fu dovuta al fatto che non riuscì a praticare la fede assoluta e l’amore assoluto. Così il principio di restaurazione tramite indennizzo richiede una devozione sincera e una disposizione di mente irremovibile per Dio, in modo da restaurare la fede assoluta e l’amore assoluto sulla base della coscienza. Tutte le cose del mondo vanno contro Dio, perciò è necessario che ce ne separiamo e le respingiamo in modo assoluto. (275-30, 30.10.1995)

Il carattere Il hwa (一和) è formato dal carattere cinese Il (一) che significa uno e hwa (和) che significa armonia. Non è il carattere cinese hwa (化) che significa diventare. Così com’è, il carattere hwa, che vuol dire armonizzare, contiene il significato che persone di personalità diverse si devono unire anche se i loro caratteri sono diversi e, in modo simile, popoli e nazioni con caratteristiche diverse devono unirsi insieme. (68-232, 3.8.1973)

Il carattere hwa nella parola Il hwa (一和) (un’armonia) non significa creare armonia mentre si cambia la propria essenza. Che siate un uomo o una donna, dovete armonizzarvi senza cambiare. Tra i due, ha più valore armonizzarsi senza subire nessun cambiamento piuttosto che armonizzarsi a costo di cambiare la propria essenza. (173-241, 21.2.1988)

È un solo cuore, un solo corpo e un solo pensiero: un cuore significa amare Dio. In breve, ci viene chiesto di amare il cielo. Un corpo sta per amare l’umanità. Non è così? Un pensiero sta per amare la propria nazione che è un’estensione della famiglia. In altre parole, ci viene chiesto di amare le nostre famiglie. La corrente essenziale del desiderio degli uomini e delle donne è l’ideologia di un solo cuore, un solo corpo e un solo pensiero! Capite?

Il titolo del sermone di oggi è: «Stabilire un cuore, un corpo e un pensiero…» È giusto dire un pensiero. «Un cuore, un corpo e un pensiero sono per Dio e per il cosmo…» Sapete cosa significa il cosmo, vero? È la casa di Dio e perciò include tutta la creazione e il cielo e la terra. È l’ideologia principale del popolo del cosmo! Capite? Dite dopo di me: «Un cuore, un corpo e un pensiero è l’ideologia centrale di Dio e delle persone del cosmo, della Sua casa e delle persone in cielo e sulla terra». È compreso tutto, senza escludere nessuna forma della creazione. È l’ideologia principale di tutta l’umanità. È chiaro? Ripetete dopo di me: «Un cuore, un corpo e un pensiero è l’ideologia di Dio e delle persone del cosmo!» Non c’è nient’altro. (381-106, 11.6.2002)

Padre Celeste, fonte di tutte le benedizioni! Tu hai mandato i Veri Genitori sulla terra e hai fatto indennizzare a loro numerose vette di amaro dolore, e ora il cielo e la terra possono stare sulla stessa linea orizzontale dopo che sono stati completati i Rally per l’armonia e l’unità del cielo e della terra e la Cerimonia del fuoco sacro per l’unità e la liberazione del cielo e della terra; e mentre annunciamo l’era dell’equalizzazione, dell’armonia, della pace e dell’unità del cielo e della terra, il cielo e la terra possono essere comunemente sullo stesso livello basato sull’ideale dell’unità, dall’individuo fino al cosmo, e avanzare verso un unico scopo. Affinché la mente e il corpo si uniscano, aprendo la strada verso la perfezione, e l’ideale dell’amore si realizzi per portare a compimento l’ideale reciproco desiderato da Dio, sulla base dell’armonia in forma sostanziale di un cuore, un corpo e un pensiero, Adamo ed Eva, creati con il criterio della reciprocità, erano assolutamente necessari. Se il genitore incorporeo del cielo e i Genitori con un corpo fisico non avessero un partner d’amore ideale, basato sul criterio unificato dell’armonia di un cuore, un corpo e un pensiero, lo scopo dell’ideale centrale degli attributi di Dio, ossia l’amore assoluto, l’amore unico, l’amore immutabile e l’amore eterno, non potrebbe essere realizzato. (400-189, 1.1.2003)

5.2. Gli otto stadi della purezza

La provvidenza di salvezza è la provvidenza di ri-creazione, che è anche il processo di creazione per stabilire tutte le cose pure, le persone pure, il lignaggio puro e l’amore puro in accordo al principio di creazione di Dio. Poiché stabilire tutte le cose pure, le persone pure e l’amore puro sulla terra pura è l’ideale di creazione – lo scopo della creazione – è necessario liberarci di noi stessi per realizzare questo obiettivo. Per ritrovare un corpo puro è essenziale distruggere il nostro corpo attuale che fa da base per Satana, in modo da poterlo scacciare.

Così la mente e il corpo puri, la sostanza e lo spirito, devono essere unificati; poi dovete liberarvi del dominio satanico e passare attraverso i tre anni del periodo di fidanzamento, dopo i quali formerete delle famiglie benedette nella sfera della perfezione. Alla luce del Principio, questo processo significa salire alla posizione in cui potete realizzare completamente la vostra parte di responsabilità. Sappiate che questo è il corso di restaurazione tramite indennizzo. Se non lo realizzate, non c’è altro modo per salire. (268-114, 31.3.1995)

Gli otto stadi della purezza vogliono dire adempiere ai doveri di castità, lignaggio puro, amore puro, pietà filiale pura, lealtà pura, santi puri, figli divini puri, matrimonio puro e famiglia pura. Grazie ad essi l’ordine degli otto stadi – l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione, il mondo, il cosmo e Dio – possono essere stabiliti completamente sulla terra attraverso i Veri Genitori. Questo dà vita a dei rapporti di unità orizzontale fra gli individui, le famiglie, le tribù e i popoli.

Così, centrati sul Dio incorporeo e sull’amore dei Genitori del cielo e della terra sostanziali, abbracciate la forma iniziale cioè la famiglia, la quale si espande come la base per l’ideale globale. Quando una famiglia, come quella forma, può essere completata, il Regno di Dio sulla terra e in cielo può essere liberato e la strada che conduce direttamente lì si può aprire. Realizzare queste cose è la missione di Dio e dei Veri Genitori.

Se la vostra mente e il vostro corpo non sono uniti e non potete stare con un cuore, un corpo, un pensiero e un’armonia uniti inseparabilmente, diventando veri figli di pietà filiale verso Dio e veri patrioti nella nazione, assolvendo ai doveri dei santi verso il mondo e dei figli divini di Dio e preparandovi a proclamare con uno spirito di pura pietà filiale: «Io vivrò servendo per sempre i Veri Genitori», non potete diventare cittadini della Cheon Il Guk.

Scoprendo che non potete pensare di vivere comodamente da soli, dovete essere disposti ad andare in qualunque parte del mondo, che sia in circostanze difficili o di felicità, o addirittura nella più grande miseria, ed essere pronti a stare al posto di Dio in posizione dei Suoi principi e principesse pionieri. Solo allora potete essere gli eredi degni di ereditare la Cheon Il Guk.

Poiché i Veri Genitori soffrono per vivere insieme a voi, dovete decidere di lavorare più duramente di chiunque altro, sopportare con gioia difficoltà mille volte più gravi e dare tutto ciò che avete per stabilire un criterio reciproco in quell’ambiente di vita, per mettere i Veri Genitori sul trono libero della più grande gioia.

Solo quando sarete diventati delle persone che sanno perseverare attraverso le sofferenze nelle condizioni più estreme, essere ugualmente grati e saper rendere la lode e la gloria del servizio a Dio, affinché sia trasmessa eternamente come fonte di orgoglio ai vostri discendenti, potrete diventare i proprietari della Cheon Il Guk. (400-155, 5.11.2002)

Per non rimanere intrappolati dalle vostre abitudini e lasciare qualcosa di incompiuto che potrebbe trascinarvi verso Satana, dovete pensare che questa è una buona opportunità nella provvidenza di Dio. Per tramandare un lignaggio puro dovete perseverare lungo una strada che attraversa le montagne pregustando la gioia del giorno in cui potrete seminare dei semi puri attraverso l’amore puro e avere dei discendenti sulla base pura di aver ereditato la linea di sangue dei Veri Genitori. Vi chiedo di superare questo cammino con un cuore pieno di speranza, comprendendo quanto è serio. Capite? (183-86, 29.10.1988)

I Veri Genitori devono assumersi la responsabilità per i fallimenti di Adamo ed Eva e risolvere questo problema, altrimenti non c’è assolutamente modo di ritornare alla posizione dei Veri Genitori. Poiché furono i primi genitori a seminare, devono essere i Genitori che raccolgono, bruciano tutto quello che è malvagio, e mettono da parte ciò che è buono in modo da poter condividere in seguito i semi desiderati da tutti i popoli. Queste sono le parole del Principio. Sono le parole del vero amore e del lignaggio puro; le parole dell’amore di una coppia ideale. Non esiste altra strada da cercare per l’umanità. Anche se tutto il resto svanirà, questo accompagnerà la vita degli esseri umani per l’eternità. Ecco quanto è prezioso. (256-28, 12.3.1994)

Bisogna preservare il lignaggio, la linea di sangue pura e incontaminata. Proprio come Dio espulse Adamo ed Eva caduti, quando il lignaggio è profanato occorre negare completamente se stessi e, come una persona caduta, mettersi in fila in fondo all’umanità. In futuro, solo quelli che sono vissuti preservando questa purezza potranno diventare responsabili del Regno dei Cieli. Queste persone dovranno ereditare l’ideologia centrale tradizionale. Le famiglie benedette che commettono di nuovo la caduta non possono essere perdonate. (268-110, 31.3.1995)

Quando tornate a casa è tradizione salutare i vostri genitori e praticare la pietà filiale prima di ogni altra cosa, una tradizione sulla quale si insiste soprattutto per le donne. Perché raccontiamo la storia di Shim Chung? Perché in origine fu una donna che non dimostrò la pietà filiale. Per indennizzare la storia del mondo, una donna doveva essere messa nella posizione principale per stabilire la tradizione della pietà filiale. Poiché questa è la prima condizione d’indennizzo nella costruzione del Regno dei Cieli restaurato, le donne devono essere fiere di diventare delle figlie che stabiliscono la tradizione della pietà filiale, praticano la fedeltà e mantengono la loro purezza. (286-103, 9.8.1997)

Potete parlare di diventare i proprietari del Regno dei Cieli solo dopo essere diventati figli e figlie di pietà filiale. Poi diventate patrioti, santi e alla fine famiglie di figli divini, ossia vere famiglie. Solo quando avete formato delle vere famiglie potete diventare i proprietari del Regno dei Cieli. (400-204, 1.1.2003)

Senza unire la mente e il corpo, non dovreste neanche pensare di entrare in cielo. Se, dopo aver conosciuto le parole del Principio, decidete di unire la mente e il corpo, dovrete lo stesso aspettare nell’altro mondo finché non sarete un essere unito. (400-205, 1.1.2003)

Dovete diventare figli e figlie di pietà filiale, nuore filiali e santi filiali. Poi, sulla base della purezza, del lignaggio puro e dell’amore puro, le vostre famiglie devono mostrare pietà filiale verso Dio sulla base della famiglia. E non solo voi, ma tutta la vostra famiglia deve esercitare la pietà filiale. Poi le vostre famiglie devono diventare famiglie devote di patrioti, santi e figli divini. In quella posizione, dovete diventare i rappresentanti del proprietario, pienamente qualificati come principi e principesse che erediteranno la sovranità dal livello individuale al livello cosmico e persino nel mondo dell’aldilà che è il cielo. Dobbiamo sempre fare questo genere di allenamento, perché questo è ciò che significa essere i proprietari della Cheon Il Guk. (406-316, 12.3.2003)

I Veri Genitori devono mettere tutte le cose sotto controllo e offrirle al Proprietario. Questo perché Adamo ed Eva sono destinati ad ereditare tutto dopo essersi sposati. Essere proprietari di qualcosa prima di sposarsi è come aver acquistato della merce rubata. È come se aveste comperato o preso in prestito e usato una cosa che è stata rubata, o l’aveste rubata voi stessi per il vostro uso personale; in breve è come agire da proprietari quando non lo si è.

Sulla base delle famiglie pure, del lignaggio puro e dell’amore puro davanti ai Veri Genitori, famiglie filiali di patrioti, santi e figli divini devono essere offerte e messe in ordine davanti a Dio. Tutti devono far registrare i loro matrimoni e le loro nascite in quella nazione. (406-320, 12.3.2003)

Le famiglie benedette sulla base del lignaggio puro e dell’amore puro devono formare delle famiglie, delle nazioni, un mondo e un cosmo di pietà filiale e reclamare Dio come loro Padre. Dovete assomigliare a Dio sia dentro che fuori, riflettere la Sua mente, il Suo corpo e persino le Sue cellule e diventare uniti nella mente, nel corpo, nel pensiero e nell’armonia.

Tuttavia, non c’è nessun partner oggetto. Nella posizione di armonia dovete investire l’amore e continuare a risalire dall’era di tutte le cose fino a Dio. Da lì può cominciare la liberazione sulla base della completa realizzazione dell’ideale originale di creazione. In questo modo il cosmo può gioire quando Dio gioisce e risuonare insieme a Lui. Dobbiamo raggiungere rapidamente quel punto, veloci come un fulmine. (406-322, 12.3.2003)

5.3. Una vita al servizio di Dio e dei Veri Genitori

Oggi, anche se le persone cadute hanno dei genitori, questi genitori non sono dei veri genitori riconosciuti da Dio. Allora, di che cosa abbiamo bisogno negli Ultimi Giorni? In questo tempo, mentre siamo ancora vivi, dobbiamo servire i Genitori universali, i Genitori a livello della religione e i Genitori della famiglia. In breve, dobbiamo servire questi tre tipi di genitori importanti.

La famiglia è la forma rappresentativa dei cittadini, la chiesa quella dei figli, e i genitori universali sono nella posizione dei Veri Genitori. Le persone che vivono sulla terra oggi non appartengono alla sfera d’amore dei genitori approvata da Dio. La triste realtà è che il rapporto di carne e di sangue che ci lega ai nostri genitori non si estende dalla nostra nascita al mondo dell’eternità.

Perciò dobbiamo capire che solo quando l’amore dei Genitori della famiglia, l’amore dei Genitori a livello di religione, l’amore dei Genitori universali, e l’amore di Dio si fondono insieme possiamo entrare nel Suo regno d’amore di seimila anni di storia, stare al cospetto di Dio e sollevare il volto davanti a Lui. Questo è il corso che siamo destinati a seguire. (5-122, 4.1.1959)

Se le persone fossero venute al mondo senza la caduta, sarebbero nate dal seme collegato all’amore e alla vita di Dio, che non avrebbe altro posto dove andare se non ritornare automaticamente alla Sua presenza. Si può paragonare ad una calamita il cui polo negativo è attratto automaticamente dal polo positivo. Allora non ci sarebbe nessun bisogno di mettere in dubbio l’esistenza di Dio. Anche se non possiamo avvertire la presenza dell’aria, senza di essa soffocheremmo. Allo stesso modo, quantunque non possiamo avvertire la presenza di Dio, se non viviamo con il Suo amore e la Sua vita, soffocheremo. (104-45, 28.3.1979)

Solo rinascendo attraverso i Veri Genitori potete diventare i cittadini del cielo. Allora come possiamo rinascere? Facendo una condizione per rinascere. Questa condizione è unirsi completamente a loro. Quindi le donne devono obbedire assolutamente agli ordini della Vera Madre. Il fatto deplorevole di non aver osservato il comandamento nel giardino di Eden deve essere risolto. Dovete praticare la fede assoluta! Inoltre, i figli devono assolutamente obbedire alla loro Madre. Chi gli insegna a farlo? È il Padre, l’Adamo perfetto che glielo insegna. (237-301, 17.11.1992)

È vero che raccoglierete quello che avete seminato. Adamo ed Eva che seme seminarono nel giardino di Eden? Il seme del sesso libero. Così coprirono le loro parti basse. I bambini sorpresi a rubare dei biscotti speciali o altre ghiottonerie messe da parte dai loro genitori, li nasconderanno quando li vedono arrivare. È tipico della natura umana nascondere i propri misfatti. Adamo ed Eva non potevano comparire davanti a Dio.

Poiché le persone cadute sono finite all’inferno, per andare in cielo devono seguire una strada diametralmente opposta. Essendo nate dal lignaggio sbagliato sono finite all’inferno. Il loro lignaggio è stato cambiato. Per questo deve venire il Messia. Egli è inviato come il proprietario, nella posizione di una persona che non è caduta, per formare la famiglia del giardino di Eden creata da Dio. Questo deve essere corretto in modo logico. Attraverso la famiglia che serve Dio, gli esseri umani caduti sono collegati, il legame caduto di ciascuna famiglia è troncato, e dalla posizione di essere innestati sono riportati tutti insieme nella giusta posizione e trapiantati. (279-118, 1.8.1996)

Potete ottenere la libertà di transito solo attraverso il nome dei Veri Genitori, altrimenti non è possibile. È logico che ciò che possiede il padre debba essere trasmesso ai figli. Quindi praticate le attività della home church al posto dei Veri Genitori come loro figli e figlie davanti a Dio. (117-158, 28.2.1982)

Se i vostri figli e figlie non si sono uniti alla volontà dei Veri Genitori riguardo Dio, non possono essere considerati vostri figli. Solo quando si sono uniti nel cuore come i figli e le figlie dei Veri Genitori possono succedere a voi come vostri figli. Le persone cadute devono mettere al mondo ed educare dei figli che non appartengono a loro, e attraverso questi figli essere elevati ad una posizione più alta. Quando questo concetto è stabilito, non ci può essere nessuna ingiustizia. (205-274, 1.10.1990)

Per diventare figli di Dio dovete agire come Lui. Per lo stesso principio, se non cercate di assomigliare ai Veri Genitori non potete diventare loro figli. Neanche a me piace la parola indennizzo. Allora perché devo basare tutte le mie parole su questo? Perché questo è il corso modello. Se non potete risolverlo, non ci riuscirete non solo dopo un decennio, ma neanche dopo un millennio. (246-42, 23.3.1993)

Quando serviremo Dio come il Genitore universale, il Suo amore regnerà sulla terra. Quel giorno riceveremo il Suo amore, arriveremo ad amare i nostri fratelli e sorelle senza lottare tra noi nemmeno se siamo incitati a farlo. Com’è stata orribile la caduta nel giardino di Eden! Com’è orribile il corso sanguinoso che, iniziato da quel conflitto, è stato percorso fino ad oggi! Gli individui non possono andare in cielo da soli. Dovete andarci dopo aver portato unità fra due persone – unendovi a vostro fratello maggiore e poi servendo i vostri genitori. (105-339, 28.10.1979)

Nel giardino di Eden Adamo ed Eva caddero di loro spontanea volontà e vissero in quel dominio caduto non potendo sperimentare una vita al servizio di Dio. Quelli che non hanno servito Dio non hanno nessun diritto di entrare nel Suo Regno in cielo. Anche se avete ereditato il lignaggio caduto e siete vissuti con questo, avete indennizzato un corso di restaurazione e avete servito Dio e i Veri Genitori sulla terra, che nemmeno Adamo ed Eva avevano potuto servire. Con questa condizione avete acquisito la qualifica per entrare in cielo, perché solo dopo aver fatto questo potete ricevere la cittadinanza nel Regno di Dio. (150-23, 15.4.1961)

Sto proclamando “la pace, l’unità e l’equalizzazione della Cheon Il Guk”. Pace, unità ed equalizzazione della Cheon Il Guk significa che è la stessa cosa dappertutto – non c’è un luogo diverso da un altro. In altre parole, proclamo “l’era del mondo dell’equalizzazione”. L’annuncio e la proclamazione dell’avvento dell’era della pace, dell’unità e dell’equalizzazione della Cheon Il Guk! Questo significa che la situazione è la stessa sia in cielo che sulla terra, che il cielo e la terra sono stati messi sullo stesso livello.

Se avete fede nel leader del vostro ordine religioso, quando lo chiamate, lui vi deve rispondere. Anche quando gli antenati sono invocati devono rispondere perché i loro discendenti sono veramente delle famiglie benedette di pace e di unità della Cheon Il Guk.

Per questo io parlo dell’era in cui le persone nel mondo spirituale possono liberamente ritornare sulla terra e i desideri delle persone sulla terra possono liberamente raggiungere i loro antenati e Dio! Quindi dichiaro l’avvento dell’era dell’equalizzazione! Dite: «Amen». Dovete ricordare questo giorno. Stamattina nella mia preghiera mi sono reso improvvisamente conto: «Il tempo è arrivato!» ed è per questo che lo sto annunciando in pubblico. Così oggi parlerò brevemente di come dobbiamo vivere ora che siamo entrati in questa era.

Il nostro desiderio è di essere nella stessa posizione di Dio, di essere al Suo stesso livello. Condividere la stessa casa significa vivere insieme. Poi viene la partecipazione. Andare insieme o partecipare insieme è la stessa cosa. Dobbiamo partecipare e agire insieme a Lui. Perciò dobbiamo possedere lo stesso amore, ossia vivere insieme per lo scopo dell’amore.

Anche Gesù disse: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non attraverso di me». Tra quelle parole non nominò la parola “amore”. La Chiesa dell’Unificazione, che è venuta dopo, stabilisce la Cheon Il Guk attraverso l’amore.

Così il vostro desiderio è vivere nella stessa posizione dei Veri Genitori. Non è questo ciò che desiderate? Desiderate vivere insieme a loro, unirvi a loro e fare tutto il loro lavoro. In questo modo cosa sperate di realizzare? Vivere eternamente insieme nel luogo della liberazione, liberi e felici, sulla base dell’amore! Amen! In questo senso io ho annunciato che l’era della pace, dell’unità e dell’equalizzazione della Cheon Il Guk è arrivata. Quindi, quando vi muovete, non vi muovete da soli, ma vi vengono dietro le vostre nazioni. Anche tutto il mondo spirituale e il Regno di Dio vi stanno seguendo e, scortati dal mondo fisico e da tutte le persone che lo abitano, vivete con la qualifica di proprietari. Perciò dovete diventare i proprietari che possono servire la tradizione dell’amore di Dio in tutti i vostri clan come l’ideologia che è simile alla spina dorsale delle tradizioni di una nazione. (396-151, 5.11.2002)

Sezione 6. Ereditare il dominio vittorioso dei Veri Genitori del cielo e della terra

6.1. Il nome

Se consultate la raccolta dei miei sermoni, le cose che ho detto da quaranta anni a questa parte, ora si stanno tutte avverando. Bene, avete tutti letto quei libri, non è vero? [Sì.] Io sono uno che conosce molto bene Gesù. Il nome “Veri Genitori” esiste dal 1960. Il fatto che il nome “Veri Genitori” sia apparso in questa era storica è straordinario. Non c’è neanche bisogno di dirlo. (168-259, 27.9.1987)

Cosa succederà quando gli insegnamenti della Chiesa dell’Unificazione diventeranno un’ideologia mondiale? Le persone nel mondo spirituale non resteranno lassù. Poiché hanno bisogno di realizzare il loro scopo sulla terra torneranno sulla terra e inizieranno le loro attività. È il desiderio di miliardi di persone nel mondo spirituale che i membri della Chiesa dell’Unificazione di tutto il mondo diventino l’avanguardia e si mettano a gridare: «Muovetevi! Muovetevi!

Muovetevi! Muovetevi!» Così, se creerete la base qui sulla terra e la adatterete al mondo spirituale, e poi creerete unità fra i due mondi, il mondo del dominio di Dio si realizzerà. Allora il mondo unificato nel nome dei Veri Genitori durerà eternamente. (161-222, 15.2.1987)

Se andassi in Corea, tutti i membri della Chiesa dell’Unificazione di tutto il mondo si unirebbero subito nella loro preoccupazione per la Corea. Non è strano? In questo senso quando il Presidente Chun Doo-hwan andrà in Africa, le persone lo seguiranno là? No. La Chiesa dell’Unificazione, d’altra parte, è piuttosto speciale, non è così? Bianchi e neri mi seguono allo stesso modo. Perché? Com’è possibile? È a causa dell’amore. Qual è il mio nome? Io ne ho due: il mio nome comune è Sun Myung Moon, e l’altro nome che rappresenta l’amore è “Veri Genitori”. Dovete sapere che non si tratta solamente di “Veri Genitori”. Sono i “Veri Genitori che rappresentano l’amore”, perché questa è la chiave per diffondere l’ideologia dell’unità in tutto l’universo sulla base dell’amore unificato di Dio. (164-101, 26.4.1987)

I nostri membri della Chiesa dell’Unificazione, che siano occidentali, orientali o africani, sono tutti uguali. Ecco in che cosa differiamo dagli altri. Vi piacerebbe sposarvi con degli occidentali? Voi che siete qui, accetterete se vi sposerò con degli occidentali, oppure no? [Sì]. A quale scopo? Lo facciamo perché nel nostro impegno per unire il mondo, abbiamo scoperto che l’amore illecito di Adamo ed Eva e l’unione prematrimoniale illegittima ha distrutto tutto, e così il mondo può essere unito solo quando un uomo e una donna vivono insieme in perfetta unità nell’amore di Dio, trascendendo il mondo, nel nome di Dio e dei Veri Genitori. Anziché lasciare che i coreani si sposino solo fra loro, io li sposo con persone di nazioni che un tempo erano nemiche della Corea. (164-159, 10.5.1987)

Quanto avete accolto l’uomo inviato sulla terra da Dio dopo averlo atteso con tanta speranza e ardente desiderio? Non è soltanto un uomo. È davvero straordinario che abbia messo radice sulla terra nel nome di “Vero Padre” e insieme alla Vera Madre abbia ricevuto il nome di “Veri Genitori”, e che il popolo vestito di bianco [i coreani] sia stato scelto per una posizione così gloriosa. Come si può paragonare questo alla Corea che ospita i Giochi Olimpici del 1988? (172-293, 24.1.1988)

Su quale base il Reverendo Moon può essere orgoglioso del nome “Vero Genitore” in questo giorno? Sulla base del fatto che è stato stabilito il regno interiore del cuore, che può abbattere le barriere che bloccano la strada e aprire le porte attraverso tutti gli stadi e i livelli orizzontali e verticali della storia con al centro l’amore. E non solo, ma anche il cielo e la terra, la storia e l’era presente devono gioire di questa fondazione vittoriosa. È solo in questo stadio che possiamo gioire; non dobbiamo gioire rifiutando la storia e il passato. Dobbiamo poter trovare gioia allo stesso modo nel passato, nel presente e nel futuro. (174-189, 28.2.1988)

«Per stabilire questo in preparazione al regno del quarto Adamo, abbiamo superato il tempo in cui pregavamo nel nome di Gesù o nel nome dei Veri Genitori, e abbiamo inaugurato una nuova era in cui le famiglie benedette possono pregare nel loro nome. Perciò, è giunta l’era in cui le coppie benedette non cadranno come Adamo, e potranno benedire i loro figli nel loro nome. Di conseguenza, in questo giorno possiamo superare questa vetta che ci condurrà al regno originale del quarto Adamo e alla liberazione del Regno di Dio in cielo e sulla terra, e abbiamo chiamato questo giorno il “Giorno del doppio dieci” (Ssang-ship Jeol). Siamo venuti qui a riferirTi questo, Padre.

Per contraddistinguere e stabilire questo giorno, sono venuto qui nel “Giorno del doppio dieci” a proclamare questo giorno col desiderio di stabilirlo come un giorno che supera la cima del regno del quarto Adamo. Avendo stabilito e proclamato questo giorno, in questo luogo dove il cielo e la terra sono uniti, e le famiglie benedette si sono riunite insieme, prego che tutte le cose della creazione, l’intero universo e tutto il mondo satanico si conformino all’istituzione di questo giorno, fatta nel nome dei Genitori del cielo e della terra. Proclamo la liberazione del regno del quarto Adamo nel “Giorno del doppio dieci” nel nome dei Veri Genitori. Amen!» (304-157, 10.10.1999)

Dio e Satana sono impegnati in una battaglia e la domanda è: chi può porre fine a questo conflitto? Non possono fermarlo né Dio né Satana. Perché? Poiché sono stati i genitori a provocare questa lotta, solo quando coloro che sono più qualificati per quella posizione si fanno avanti e si presentano a Dio, Dio può dire: «Porrò fine al conflitto perché voi siete le persone che desideravo»; allora anche Satana potrà dire: «Poiché Tu hai trionfato, io mi ritirerò», ponendo così fine alla battaglia. Dovete capire che, dal momento che neanche Dio poteva farlo, c’è voluto così tanto tempo nella storia. Capite?

Di conseguenza, proprio come Mosè dovette attraversare il corso del deserto assieme agli israeliti per ricondurli nella loro patria, anche i Veri Genitori hanno dovuto percorrere il loro corso familiare nel deserto per quarant’anni durante gli ottanta anni della loro vita per entrare nel Regno di Dio. È quello che stiamo facendo adesso. Per entrare nella terra benedetta di Canaan, gli Israeliti dovevano essere circoncisi, ma poiché noi stiamo facendo questo a livello familiare, ci innestiamo attraverso la Benedizione della Chiesa dell’Unificazione. Sulla base della Benedizione, anche se avete ricevuto opposizione e avete affrontato ogni genere di difficoltà, è necessario superare quest’ultima vetta e poter accogliere tutti i popoli, qualunque essi siano. (298-192, 2.1.1999)

I genitori si offrirebbero di ricevere la pallottola al posto del loro figlio che sta per essere giustiziato da un plotone di esecuzione. Considerando questo, dobbiamo pensare a come sarà il cuore di Dio, il Genitore dei genitori. Se lo sapeste, non potreste mai trovare neanche una traccia del termine “empietà filiale” nella vostra vita. I Veri Genitori sono venuti e hanno lavorato faticosamente per liberare un simile Dio, e continuano a farlo.

Guardate il colore dei miei polpacci. Come può il fondatore di una religione avere questo genere di polpacci? Da soli potrebbero essere scambiati per quelli di un africano. Il Vero Genitore deve essere anche un padre per i neri, così come per i pescatori, i contadini e i guardiani di mandrie. Se io posso mantenere questo livello di cuore più di loro, li potrò portare nel Regno di Dio. Quando vi dico di seguire il mio cuore d’amore per voi, poiché il mondo starà alle calcagna dei Veri Genitori, noi stabiliremo il nome “Veri Genitori” sulla terra. Quindi, i Veri Genitori sono essenziali per l’individuo, per il rapporto genitore-figlio e per il rapporto coniugale nella famiglia, così come per la tribù. Altrimenti la nazione non può essere salvata. (296-204, 9.11.1998)

6.2. La parola

Nel Principio Divino ci sono tre grandi giudizi: il giudizio della verità, il giudizio della personalità e il giudizio del cuore. La caduta ha violato queste tre condizioni. Adesso io ve le posso insegnare perché le ho superate. Dobbiamo realizzare la via della restaurazione prima di poterla insegnare agli altri. La regola fondamentale consiste in questo. Poiché i genitori falsi sono stati i primi a mancare di fede e a precipitare nell’ignoranza, ora i Veri Genitori devono essere i primi a conoscere la verità. Poiché i genitori falsi sono stati i primi a non mettere in pratica la verità, secondo il Principio ora sono i Veri Genitori i primi a doverlo fare. Così, se io non ho già stabilito lo standard mettendolo pratica, non posso insegnare il Principio Divino.

Dovete superare lo standard del Principio, non esserne al di sotto. Quindi dovete incarnare il Principio. Quelli che vanno contro il principio dell’indennizzo non possono essere restaurati nella sostanza. Se rimane ancora qualche condizione, Satana potrà sempre riportarli indietro sotto il suo dominio. Perciò, per stabilire il modello sostanziale, dobbiamo affrontare Satana faccia a faccia ed essere vittoriosi. (8.7.1973)

La Bibbia contiene il comandamento di Dio di non mangiare il frutto della conoscenza del bene e del male. Si riferisce a ciò che può spezzare il nostro rapporto con Lui. Così è diventato un problema. Il Principio Divino lo spiega chiaramente. È un grande vangelo per quelli che non conoscono la verità sulla caduta e può salvare tutta l’umanità che vive nella sofferenza. Non si può pensare che il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male sia letteralmente un frutto. Non è un frutto che nasce su un vero albero. Perché mai Dio avrebbe creato un frutto capace di far precipitare l’umanità nel conflitto e nella distruzione per un’infinità di generazioni? La mia spiegazione di tutto questo, in riferimento all’amore, è la più logica a cui si potrebbe pensare. (128-86, 5.6.1983)

Il Principio è la legge della restaurazione e differisce dai principi scientifici che si insegnano nelle università. Insegna il corso modello per restaurare i genitori che l’umanità ha perso con la caduta. Questo, tuttavia, non si può realizzare senza conoscere il Principio; e se lo conoscete, cosa dovete fare? Dovete conservare questa conoscenza nella vostra testa e rimanere solo spettatori? Quella conoscenza dev’essere messa in pratica. Dovete familiarizzare con il Principio e metterlo in pratica da voi stessi. Ma per metterlo in pratica dovete esserne convinti. Allora cosa dovete fare dopo aver ascoltato il Principio? È diventato la legge perché i Genitori personalmente l’hanno messo in pratica, così lo devono mettere in pratica anche i figli. (26-289, 10.11.1969)

L’insegnamento impartito nella Chiesa dell’Unificazione si chiama il Principio Divino. Insegna la via dei principi che tutti devono seguire, che siano credenti o atei, che sia mille anni fa o da qui a diecimila anni. La verità insegnata nella Chiesa dell’Unificazione contiene i principi fondamentali che possono risolvere tutte le vicende complicate e i sentimenti di amarezza tra Dio e il mondo umano. Non è un dogma. I dogmi erano per l’era della restaurazione e della liberazione del mondo arcangelico; non possono stabilire o restaurare le famiglie. (286-107, 9.8.1997)

Dobbiamo arrivare a una conclusione sulla domanda dove si trova il punto di origine a cui dobbiamo ritornare per restaurarci al nostro ideale originale. Per far questo dobbiamo essere convinti che il Principio dell’Unificazione è la sola e unica verità. È la verità che non cambia nel corso della storia. Non può essere modificata dall’influenza di nessuna grande personalità né dal potere di nessuno stato, del mondo e nemmeno di Dio. Se si può dire che è la verità che è rimasta immutata dal passato fino ad oggi e che rimarrà tale in futuro, deve sicuramente avere il valore dell’ideale desiderato dall’umanità sin dall’inizio. (13.7.1975)

Pretendendo di aver imparato il Principio lo avete riposto in un angolo della vostra mente e avete fatto quello che volevate. Di conseguenza non lo avete incarnato. Non dovete uscire a testimoniare in questo stato. Se fate così, siete solo degli imbroglioni, perché non state lavorando con Dio. Le vostre azioni devono essere conformi al Principio.

Nel Principio Divino potete trovare il cuore di Dio nel corso di seimila anni, nonché la storia delle lotte cruente di tutta la mia esistenza. In esso si celano così tante cose a voi sconosciute. Leggendo un libro come il Principio Divino, voltando una pagina dopo l’altra, siete mai rimasti alzati tutta la notte a pregare, a recitare e a cercare la scala che vi porta al cuore di Dio? Avete mai sottolineato qualche passo, chiedendovi quale storia si nasconde dietro quella frase o quella parola? Se non l’avete fatto, come potete venire qui a lamentarvi che Dio non vi aiuta? Quindi, io non posso far altro che istituire un nuovo sistema. D’ora in poi, tutto dovrà essere radicalmente riformato. Non potete permettervi di ignorare il carattere sacro della vocazione di un leader religioso chiesa che fa il lavoro di Dio. (68-101, 23.7.1973)

Il Principio è un magazzino che contiene le parole di vita. Ascoltarlo è come attaccare un tubo di gomma ad una grossa cisterna per rifornirsi dell’acqua della vita. Una volta che assaggerete quell’acqua, ne andrete pazzi e non potrete mai staccare le labbra da essa, anche se ci provate. Se qualcuno vi tirasse per togliervi di lì, le labbra vi si strapperebbero dalla faccia. È come un’ape che succhia il nettare: se la tiraste via con una pinzetta, continuerebbe a succhiare il nettare persino se le strappaste l’addome. In modo simile, nel Principio troverete qualcosa che è addirittura più dolce del miele. (90-197, 1.1.1977)

Dovreste parlare talmente tanto del contenuto del Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione che il solo menzionarlo vi farebbe tremare. Finché non vi determinerete a fare questo non avrete idea di quanto sia interessante e appassionante. Dovete sapere con certezza che la Parola ha un potere creativo. Poiché sapete che Dio è con voi dovunque andate, il vostro cuore avrà il potere di influenzare direttamente i vostri ascoltatori. (107-252, 19.5.1980)

Quanto alla Parola e alla testimonianza, nessuno dei membri della Chiesa dell’Unificazione capisce il Principio Divino. Dovete testimoniare armandovi completamente della Parola e mettendo l’accento sulla necessità di testimoniare. Non potete avere una profonda esperienza del cuore di Dio da soli. Dovete testimoniare! E come? Attraverso cosa dovete testimoniare? Dovete leggere l’“Esposizione del Principio Divino” finché non la conoscete a memoria; dovete essere capaci di dire a che pagina si trova qualunque brano. (96-318, 13.2.1978)

6.3. Risultati concreti

In passato, attraverso la preghiera e la devozione, le persone potevano incontrare il fondatore della loro religione solo per un momento, ma poi dovevano separarsi di nuovo. Ecco perché devono fare più sforzi per elevare di nuovo il loro spirito [per avere ancora quell’esperienza spirituale]. Ora, invece, è giunto il tempo in cui tutti gli spiriti possono tornare sulla terra sulla base della loro sfera religiosa. Con l’avvento di una simile era, non potrete andare in cielo se non avete realizzato dei risultati concreti che vi permetteranno di avere un impatto sulle ere del passato, del presente e del futuro. Il passato era l’era degli angeli e degli spiriti buoni, il presente è l’era dei genitori e il futuro è l’era di Dio. In conclusione, quelli che non hanno dei risultati concreti per mobilitare il mondo spirituale, i Veri Genitori e Dio non possono entrare in cielo. È come quando gli angeli e Dio si mossero per aiutare Adamo ed Eva. Poi Adamo ed Eva stessi avrebbero dovuto muovere l’universo. (161-199, 3.2.1987)

Dio non ha bisogno di persone che non hanno dei risultati concreti. Dovete avere dei risultati sulla base dell’amore. Perciò potete entrare in cielo solo quando avete la vostra tribù di 36, 72 e 120 famiglie. Senza di loro non potete essere registrati. Ecco come opera il Principio Divino. Le 36 coppie insistono sull’onore della loro posizione, ma possono pretendere questo semplicemente come un diritto? È una posizione che fa paura. Voi non sapete chi Satana acchiapperà e attaccherà. (303-166, 17.8.1999)

I Veri Genitori perfetti hanno fatto tante proclamazioni che possono essere lette nelle sessioni di hoondokhae. Io ho condotto numerose cerimonie, come il Regno del Sabato Cosmico per i Genitori del Cielo e della Terra, l’istituzione della Federazione delle Famiglie per l’Unità e la Pace nel Mondo e la Cerimonia per dichiarare la risoluzione dell’indennizzo. Questo non può essere evitato poiché bisogna aprire la via della liberazione, spianando le montagne per costruire la fondazione globale così com’era intesa in origine. Senza queste realizzazioni concrete del passato, io non potevo essere il Vero Genitore, il Messia e il Signore che ritorna. Dovete capirlo chiaramente. Poiché questa è la via del Principio, i Veri Genitori vorrebbero trasmettere l’autorità vittoriosa che hanno stabilito dopo aver realizzato le condizioni di indennizzo e abbattuto le barriere, ma voi non avete nessuna fondazione per poter proclamare queste realizzazioni. (289-64, 30.12.1997)

Dovete riparare gli errori commessi dai vostri antenati. Quindi dovete capire che gli incontri di testimonianza come questi sono molto importanti e non prendere alla leggera quello che ascoltate. Fate che siano un punto di riferimento nella vostra mente da verificare con gli altri, e che vi aiutino a crescere. Yoo Jeong-ok ha avuto tante esperienze. Gli sono state insegnate tante cose dal mondo spirituale e ha seguito questi insegnamenti; le persone che hanno questi risultati non saranno mai abbandonate dal mondo spirituale. Inoltre, anche io riconosco queste persone. Anche senza spiegazioni, nel mio cuore io le conosco. È con queste persone che devo lavorare, perché quelli che lavorano sulla base di considerazioni esteriori e mondane sono destinati a soffrire. Poiché avete bisogno di purificare il vostro carattere interiore e potete imparare tanto da queste testimonianze basate su tali esperienze, vi chiedo di prestare grande attenzione. (284-322, 20.4.1997)

Qualcuno ha detto che io vi ho insegnato: «Verrà il tempo in cui pregherete nel vostro nome». Quello che in realtà voleva dire è che, invece di pregare nel vostro nome, dovete riportare quello che avete fatto. Prima uno deve dire: «Farò questo o quello», poi deve realizzarlo e farne il resoconto. Se non avete nulla da riferire, dovete inginocchiarvi e pentirvi. Pentitevi! Dovete pentirvi anche per la vostra mancanza di fede. Dovete fare un rapporto dicendo: «Questo è ciò che ho fatto» e dare la vostra parola. (304-130, 14.9.1999)

Anche se andate ad Harlem nel mondo satanico, in qualche posto che è il luogo centrale del mondo satanico, dovete essere in grado di inghiottirlo e digerirlo completamente. Così, i membri della Chiesa dell’Unificazione sono inviati nei posti peggiori del mondo.

Io sono nato in Corea, e passando attraverso il Giappone, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, ho percorso la via per restaurare il mondo; anche voi avete la responsabilità di seguire questa strada. Perciò dovete lasciare dietro di voi la realizzazione storica di aver servito almeno quattro nazioni.

Quindi, vi dovete allenare a seguire le orme dei Veri Genitori, cercando e superando l’opposizione di quattro nazioni. Per realizzare la vostra responsabilità in queste nazioni dovete imparare la loro lingua e portare dei risultati concreti avendo educato le persone di quelle nazioni come vostri figli, senza i quali non potete entrare in cielo.

Io ho inviato missionari in 120 nazioni e ho fatto loro imparare la lingua di quelle nazioni al mio posto e stabilire un movimento per piantare i semi dei genitori del cuore. Ho fatto tutte queste cose. Quindi voi dovete stabilire lo standard di essere stati almeno i miei rappresentanti. Perciò, dovete passare attraverso quattro nazioni in cui potete porre queste basi. (162-90, 29.3.1987)

Pensate che sia un grand’uomo? [Sì, sei grande!] Che cosa ho fatto per essere grande? Un uomo che si fa capire bene dagli altri è grande? Per essere tale, deve lavorare e portare dei risultati. La capacità da sola non può smuovere il mondo. Ci devono essere dei risultati. Persino il più grande degli uomini, che ha realizzato tutto quello che si è prefisso di fare, non ha realizzato un decimo di quello che ho fatto io.

Così si sta creando la situazione in cui le persone possono essere d’accordo, negli Stati Uniti e in Occidente, nel riconoscere che: «Il Reverendo Moon è il Signore del Secondo Avvento sia di nome che di fatto!» L’uomo che libera i comunisti, l’umanità sofferente e questo mondo è il Signore, il Messia per il mondo.

Perciò abbiamo raggiunto lo stadio in cui le persone saranno d’accordo che il Reverendo Moon è il Messia. Persino negli ambienti politici di Washington, si parla di quello che ho fatto. Abbiamo raggiunto questo stadio. Dobbiamo avere dei risultati concreti. (163-29, 18.4.1987)

Sezione 7. La cerimonia della santa Benedizione in matrimonio e l’incoronazione del Re delle famiglie benedette

7.1. Preghiera per la cerimonia della Benedizione in matrimonio dei Genitori del cielo e della terra che apre la porta della Cheon Il Guk

«Grazie per averci concesso di entrare in una nuova era dove ci è stato permesso di portare a compimento la speranza sincera delle tradizioni dei Veri Genitori realizzate dall’ideale originale della creazione. I Veri Genitori, che non hanno nulla di cui vergognarsi sia nel mondo spirituale che nel mondo fisico, hanno abbracciato il cielo e la terra e stretto il nodo di marito e moglie attraverso la cerimonia della Santa Benedizione in matrimonio dei Genitori del cielo e della terra che apre la porta della Cheon Il Guk.

Ti offro il Santo Matrimonio dei Veri Genitori, che sarà il fondamento per la nazione nella quale le famiglie benedette entreranno per prime dopo la liberazione del cielo e della terra; tutti quelli che hanno ereditato il vero amore, la vera vita e il vero lignaggio lavoreranno insieme per far sì che questo accada. Le persone sulla terra in posizione Abele e quelle in cielo in posizione Caino si sosterranno a vicenda, i nostri antenati sosterranno le famiglie benedette che hanno realizzato la Benedizione, e Tu o Dio, i santi e tutti gli altri spiriti del cielo sosterranno le famiglie benedette sulla terra. Gli spiriti del cielo sosterranno le famiglie benedette sulla terra in posizione di fratelli minori servendo i fratelli maggiori; questo porterà la vittoria suprema realizzata uniformemente sulla terra e attraverso questo diventeranno un solo corpo. Tutta la creazione erediterà il lignaggio dei Veri Genitori che libera tutte le generazioni ed è completamente vittorioso, avendo il dominio dell’amore in grado di abbracciare ed amare l’intero cosmo, dalla cosa più piccola a quella più grande. Con la gioia della vita originale e l’abbondanza della felicità originale, il piccolo sarà assorbito dal grande e il grande sarà assorbito dal più grande. In tal modo saranno assorbiti e uniti dal corpo dei Veri Genitori che hanno ricevuto per primi la loro vita da Te. In questo modo le famiglie basate sull’amore dei Veri Genitori raggiungeranno l’unità con tutti gli esseri. Grazie per averci permesso di entrare nell’era in cui possiamo offrire noi stessi come Tua creazione e legarci alla Cheon Il Guk, il regno di liberazione della Benedizione.

La Benedizione di oggi è la gioia del mondo fisico e del mondo spirituale, la gioia liberata dei Genitori del cielo e della terra e nello stesso tempo la gioia liberata e vittoriosa del Genitore cosmico. Le famiglie benedette della Cheon Il Guk, sia nel mondo fisico che nel mondo spirituale, daranno gioia ai genitori di tutti e due i regni diventando un solo corpo centrato sugli ideali di un cuore, un corpo, un pensiero e un’armonia. Tre generazioni realizzeranno il modello originale del Tuo ideale di creazione per ottenere i requisiti per entrare nella nazione ideale, la terra natale da Te tanto desiderata. Oggi qui, nel nome dei Genitori del cielo e della terra e del Genitore cosmico, io dichiaro che diventeremo i cittadini della Cheon Il Guk degni di ereditare il cielo e la terra benedetti, che realizzeremo la perfetta liberazione e saremo vittoriosi. Pregando che Tu ci conceda di ereditare questo giorno memorabile della Benedizione, Ti riferisco questo nel nome dei Veri Genitori. Amen! Amen! Amen!» (404-282, 6.2.2003)

7.2. Preghiera di Benedizione per la cerimonia della Benedizione in santo matrimonio dei Genitori del cielo e della terra che apre la porta della Cheon Il Guk

«Amato Padre Celeste! Oggi è il sei febbraio del terzo anno della Cheon Il Guk. Da ora in poi, affinché le famiglie benedette sia del mondo fisico che del mondo spirituale possano entrare nella Cheon Il Guk, entrambi i mondi devono seguire la legge celeste formando un legame fraterno. Tutti gli antenati del mondo spirituale, che sono in posizione Caino, così come tutte le famiglie sulla terra in posizione Abele, devono ricevere la Benedizione e diventare fratelli e sorelle attraverso la linea di sangue dei Veri Genitori. Grazie per averci concesso questo giorno che apre la porta della Cheon Il Guk, che sarà l’inizio della speranza della storia del nuovo cielo e della nuova terra, quando gli antenati nel mondo spirituale in posizione di fratelli maggiori saranno messi nella posizione di fratelli minori e le famiglie benedette nel mondo fisico, che sono in posizione di fratelli minori, saranno messe nella posizione di fratelli maggiori.

Ora le realizzazioni dei Veri Genitori qui sulla terra e del Genitore cosmico in cielo diventeranno un esempio per i genitori sia del mondo spirituale che del mondo fisico e svolgeranno un ruolo importante nel processo di restaurazione quando tutti i figli saranno ri-creati e registrati come cittadini della Cheon Il Guk. Queste famiglie benedette indennizzeranno tutto quello che è stato perduto e lo restaureranno alla sua posizione originale, in modo da poter servire i Genitori del cielo e della terra in posizione di loro figli ed entrare nel palazzo del paese natale dei loro antenati nel mondo spirituale e fisico originali. Ti prego, abbi pietà di queste famiglie benedette di tutte e due i mondi, unite in un legame fraterno.

Permetti ai Veri Genitori di realizzare tante cose sulla terra in modo che possano indennizzare, liberare e trasmettere tutto ai figli di discendenza diretta che si trovano qui: i nomi dei Genitori, la parola e la realizzazione della parola dei Genitori, e la norma della perfezione per tutto il cosmo liberato attraverso la realizzazione della parola. Possiamo finalmente mettere in ordine il mondo spirituale originale che era stato messo sottosopra, facendo in modo che le persone del mondo spirituale, in posizione di fratello maggiore, siano nella posizione di fratello minore e le persone sulla terra, in posizione di fratello minore, siano nella posizione di fratello maggiore. Questo significa che ora siamo liberi di percorrere la strada che conduce direttamente a Te.

Da ora in poi tutti gli esseri del creato – che sono gli oggetti dell’ideale di creazione, i figli, gli sposi e i genitori – devono tutti incarnare gli ideali di un cuore, un corpo, un pensiero e un’armonia e prepararsi a salutare la nuova era in cui possiamo stabilire completamente la famiglia nel mondo fisico, e dove potremo vivere servendoTi direttamente. I Veri Genitori, che sono a conoscenza di questa verità, ci hanno trasmesso questa Benedizione, e noi dobbiamo trasmettere questa fonte di tutte le benedizioni come la tradizione dei valori familiari dell’ideale d’amore eternamente assoluto, unico e immutabile. Le famiglie benedette che oggi sono riunite qui con i Veri Figli erediteranno questo e lo mostreranno ai loro discendenti. A queste famiglie benedette è permesso di avanzare verso la sfera della liberazione dove si stabilisce l’ideale della famiglia, unendosi in un legame fraterno fra loro, in posizione Caino, e i Veri Figli in posizione Abele, in modo che gli antenati e i discendenti futuri diventino tutti perfetti sullo stesso piano orizzontale e formino davanti ai Tuoi occhi la base delle quattro posizioni. Speriamo e preghiamo che Tu conceda tutto quello che il Genitore cosmico e i Genitori del cielo e della terra desiderano, spalancando di 360 gradi le porte della Cheon Il Guk, in modo che tutte le famiglie che seguono le tradizioni dei Genitori ereditino la libertà e la saggezza che viene dall’adempimento dei doveri dei figli di pietà filiale, dei patrioti, dei santi e dei Tuoi figli divini, per ereditare il nome, la parola, le realizzazioni e la vittoria dei Genitori.

Ti chiedo umilmente di benedire queste famiglie affinché diventino eredi e discendenti degni di ereditare la dimensione originale della regalità e la Benedizione che viene dalla sfera della completa liberazione dell’ingresso nell’era della nazione unificata del Tuo regno sulla terra e in cielo, che realizzerà il Tuo ardente desiderio di portare a compimento l’ideale della creazione. Ti riferisco questo nel nome dei Veri Genitori. Amen! Amen! Amen!» (404-284, 6.2.2003)

7.3. Preghiera per l’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Genitore cosmico e dei Genitori del cielo e della terra

«Padre! Nel dedicarTi la cerimonia dell’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del cielo e della terra, preghiamo che Tu possa accettare questa cerimonia di grazia e di benedizione per tutta la famiglia dell’unificazione del mondo di reciprocità, che i cittadini della Cheon Il Guk, sia del mondo fisico che del mondo spirituale, offrono con un solo cuore, un solo corpo e un solo pensiero.

Avendo ottenuto la vittoria suprema del regno della liberazione cosmica che la famiglia originale di Adamo, non caduta, avrebbe dovuto realizzare secondo la Tua volontà, e che invece perse attraverso la caduta – motivo per cui, per migliaia di anni, l’umanità ha perpetuato l’amore, la vita e il lignaggio di Satana – celebriamo la cerimonia d’incoronazione del Re delle famiglie benedette che permetterà a tutti gli esseri umani di unirsi insieme nella grazia di una benedizione di liberazione uguale per tutti e di essere abbracciati da Te. Pregando che Tu possa accettarla con la grazia che restaurerà tutti gli esseri umani realizzando la sovranità dell’amore per mezzo dell’ideale di unità, Ti riferisco questo nel nome dei Veri Genitori. Amen! Amen! Amen!» (404-287, 6.2.2003)

7.4. Preghiera di benedizione per l’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del Cielo e della terra

«Amato Padre Celeste! Oggi è il 6 febbraio del terzo anno della Cheon Il Guk, in cui i Veri Genitori celebrano rispettivamente il loro 83° e 60° compleanno. Nello stesso tempo oggi segna un importante punto di svolta storico in cui si celebra l’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del cielo e della terra.

Il nome Cheon Il Guk deriva dal fatto che è stata stabilita la famiglia tanto attesa basata sulla vera vita e il vero lignaggio e centrata sul nuovo vero amore che viene dall’unità dei genitori spirituali e fisici, frutto della Tua benedizione originale di Adamo ed Eva perfetti secondo il Tuo ideale di creazione.

Gli antenati dell’umanità avrebbero dovuto essere centrati sulla sfera sostanziale, con Adamo come rappresentante maschile ed Eva come rappresentante femminile; in questo modo Tu saresti nella posizione superiore incorporea, mentre l’umanità sarebbe nella posizione inferiore, per diffondersi in tutte e quattro le direzioni – nord, sud, est ed ovest. Così l’uomo e la donna assumerebbero rispettivamente le loro posizioni di est ed ovest, e il Genitore Cosmico incorporeo unirebbe l’oriente e l’occidente permettendo ad Adamo ed Eva di raggiungere il livello di perfezione, crescendo dall’infanzia e raggiungendo l’età matura per il fidanzamento e il matrimonio.

Attraverso questo esisterebbe il modello perfetto della posizione superiore e anche della posizione inferiore, attraverso il quale ci sarebbe una posizione centrale dove i modelli dell’uomo e della donna potrebbero incontrarsi e raggiungere l’unità attraverso la benedizione in matrimonio; questo permetterebbe al Genitore cosmico incorporeo e ai Genitori fisici del cielo e della terra di incontrarsi e raggiungere l’unità nella posizione più alta dell’ideale di creazione basato sull’ideale dell’amore. Il Tuo amore centrale unirebbe Adamo, Eva e Te nella posizione più alta; Adamo ed Eva e i loro figli nella posizione più bassa; Tu, Adamo e suo figlio sul lato destro, ed Eva – il Tuo carattere interiore femminile – e sua figlia sul lato sinistro. In questo modo l’ideale di unità sarebbe stato stabilito in tutte le direzioni della base delle quattro posizioni – davanti e dietro, sinistra e destra, sopra e sotto.

Se le posizioni di davanti e dietro, destra e sinistra, sopra e sotto avessero realizzato l’ideale di unità come una base delle quattro posizioni fondata sul Tuo vero amore, Tu saresti stato la prima generazione, Adamo ed Eva la seconda e i loro figli la terza. Attraverso di loro la base reciproca delle quattro posizioni sarebbe stata stabilita come l’ideale dell’unità. Le sei posizioni del nonno, della nonna, della madre, del padre, del marito e della moglie, nonché le otto posizioni che includono il figlio e la figlia, avrebbero piantato il seme della famiglia ideale di amore perfetto in cielo e sulla terra. Ma tutto questo non si realizzò a causa della caduta.

Poiché le posizioni di sopra e sotto, destra e sinistra, davanti e dietro non realizzarono l’ideale di unità fra Te e l’umanità in un rapporto genitore e figlio, gli uomini e le donne, e i fratelli maggiori e minori diventarono nemici. La famiglia ideale fondata sul Tuo vero amore, la Tua vera vita e il Tuo vero lignaggio, che originariamente desideravi stabilire, rimase irrealizzata perché l’arcangelo usurpò la Tua posizione legittima unendosi ad Adamo ed Eva, col risultato che la posizione dei genitori del cielo e della terra fu presa da genitori malvagi.

Tutti i membri della Chiesa dell’Unificazione sanno che questo ha portato alla divisione fra la mente e il corpo, fra l’uomo e la donna, fra il cielo e la terra, fra il fratello maggiore e il fratello minore, e che la loro lotta ha fatto sì che Tu rimanessi confinato nella solitudine e che l’era in cui Satana aveva l’autorità suprema di fare quello che voleva generasse una storia cosparsa di lacrime e sangue.

Padre! I membri della Chiesa dell’Unificazione sanno che il Tuo piano originale per la perfetta unità tra la mente e il corpo dei genitori celesti e dei genitori terreni era la posizione ideale per iniziare una famiglia assolutamente vittoriosa fondata sull’amore nel corso di tutte le generazioni. Il Tuo piano di stabilire un’unica nazione, un’unica parentela, un unico popolo e un’unica civiltà nel regno eterno della pace e della prosperità ha incontrato opposizione, e così la storia di conflitto degli antenati dell’umanità è stata cosparsa di sangue.

Io so che ci hai guardato con amore, abbracciandoci e perdonandoci, anche se abbiamo commesso dei peccati terribili e non ci siamo potuti pentire. Tu hai indennizzato i nostri peccati e hai superato il culmine dell’indennizzo a livello individuale, familiare, tribale, del popolo, della nazione, del mondo e del cosmo, attraverso prove e tribolazioni, sacrificando Te stesso in questo mondo per la nostra ignoranza. Hai stabilito la religione come lo strumento rappresentativo per aprire questo processo, hai stabilito la nazione scelta di Israele e hai sviluppato il Giudaismo sulla base di quella nazione. Hai stabilito il regno di unità del modello sia interiore che esteriore di Caino e Abele, in virtù del quale il Messia doveva venire, e attraverso di lui doveva essere determinata la posizione del genitore. Il Tuo desiderio era che, sulla base della suprema vittoria familiare, si stabilisse la base della vittoria, attraverso la quale si sarebbe stabilita la suprema vittoria nazionale, nonché la vittoria mondiale e cosmica. Io conosco tutte queste cose e so anche che le Tue speranze e i Tuoi desideri sono andati perduti. A causa dei nostri peccati come figli mancanti di lealtà e di pietà filiale, Tu sei stato messo in quella posizione.

Io so che desideravi realizzare una nazione basata sulla religione del Genitore cosmico trascendendo le religioni, la politica, le nazioni, le organizzazioni non governative e il mondo, mandando il Messia promesso agli israeliti come l’uomo perfetto in modo che il modello di Eva, perduto nella famiglia di Adamo, potesse essere restaurato a livello nazionale. Sulla base della famiglia e della nazione, trascendendo la razza, doveva essere stabilita la vittoria suprema e la Tua sovranità d’amore – che avevi sognato nel giardino di Eden – doveva essere restaurata. Invece, la Tua volontà precipitò nell’abisso più tenebroso. Ma io l’ho protetta e lavorando da solo nella più oscura delle notti, ho restaurato le posizioni di servo dei servi, servo, figlio adottivo, figlio illegittimo e infine vero figlio. Poi ho trovato la Vera Madre, ho stabilito la posizione dei Veri Genitori e ho affrontato le nazioni comuniste e democratiche in posizione di Caino e Abele. Io conosco tutte queste cose e conosco anche la missione di Eva, che deve abbracciare tutto e offrire questa terra al Vero Genitore nella posizione del Padre originale.

Realizzando la missione di Eva, la Madre deve combattere la sovranità di Satana che distrugge la libertà di tutto il mondo democratico per superare l’individuo, la famiglia, la tribù, il popolo, la nazione e il mondo. Deve trascendere il mondo in modo da passare nuovamente attraverso i dolori del parto per amore dell’umanità. Deve trionfare nella posizione del Vero Genitore, realizzare perfettamente la posizione sostanziale della Madre vittoriosa in cielo e sulla terra e aprire le porte della Cheon Il Guk che erediterà la Tua sovranità.

Facendo questo, essi stabiliranno il cielo nel mondo fisico e nel mondo spirituale, restaureranno l’amore attraverso l’unità della mente, del corpo e del pensiero e libereranno il regno dove il vero amore, la vera vita, il vero lignaggio e la vera famiglia saranno stabiliti in modo permanente. Abbiamo finalmente raggiunto il tempo in cui possiamo eliminare questo mondo di dolore e di lamento e ricostruire la sovranità d’amore di un futuro luminoso e pieno di speranza, che sarà un’offerta per Te. Per tutto questo Ti siamo molto riconoscenti e Ti ringraziamo con tutto il cuore.

Tutte le persone nel mondo spirituale e tutte le famiglie benedette del regno benedetto dei primogeniti in cielo! I fratelli e le sorelle qui, che sono benedetti nella posizione originale di Adamo e di Abele non contaminata dalla caduta, accolgono i loro fratelli e sorelle nel mondo spirituale che scenderanno nel mondo fisico a servire le persone in posizione Abele come fratelli maggiori. Tutti diventeranno un solo corpo e creeranno la sfera di unità del cielo e della terra in modo da servire i Veri Genitori del cielo e della terra sia verticalmente che orizzontalmente, realizzando la benedizione a livello individuale, tribale, del popolo, della nazione, del mondo e del cosmo sul piano orizzontale e nella posizione liberata. Ora le famiglie benedette a tutti questi livelli in posizione verticale possono assumere la posizione della Benedizione assieme ai fratelli sia maggiori che minori.

In questo modo i fratelli maggiori del mondo spirituale verranno nel mondo fisico a restaurare tutte le famiglie benedette dalla posizione di fratelli minori alla posizione verticale, realizzando in questo modo l’era della grande transizione del nuovo cielo e della nuova terra e la restaurazione attraverso lo scambio delle posizioni. L’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del cielo e della terra, che è stata condotta sulla base del vero amore, cambierà il passato in cui i proprietari del mondo verticale e del mondo orizzontale non realizzarono l’unità nella famiglia di Adamo non potendo così iniziare insieme. Ti sono molto grato per avermi concesso di celebrare questa incoronazione del Re delle famiglie benedette che mi ha permesso di dichiarare l’inizio del dominio ideale di liberazione della Cheon Il Guk nel Regno di Dio sulla terra e in cielo.

Attraverso il vero amore del Genitore cosmico e dei Genitori del cielo e della terra abbiamo potuto raggiungere l’unità della mente, del corpo e del pensiero, e sulla base dei Veri Genitori che sono i partner oggetto del Tuo amore, del vero amore dei Veri Genitori, dei Veri Figli e del vero lignaggio, ho potuto stabilire completamente la vera famiglia perfetta. Attraverso la caduta Adamo ed Eva fallirono e come genitori falsi profanarono il lignaggio, ma i Veri Genitori hanno superato tutto questo e l’hanno completamente purificato. Nel luogo della Benedizione, per liberare la famiglia di Adamo, Tu – attraverso i Genitori del cielo e della terra – hai benedetto centinaia di miliardi di persone sia nel mondo fisico che nel mondo spirituale con un solo cuore, un solo corpo e un solo pensiero per purificare il lignaggio profanato.

Nella posizione di figli e figlie che hanno raggiunto l’unità nel petto del Genitore cosmico e dei Genitori del cielo e della terra, quelli che sono nel mondo spirituale, partendo dall’inferno liberato, dal paradiso e da tutte le direzioni, possono andare direttamente al Tuo trono. Ti sono molto grato per avermi concesso di celebrare l’incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del cielo e della terra che permetterà a Te e ai Veri Genitori di raggiungere l’unità tra la mente e il corpo nella posizione della forma sostanziale originale e di superare la linea per avanzare verso il mondo ideale della famiglia, in modo da poter esistere nella posizione di totale trascendenza, totale immanenza, suprema autorità e onnipotenza.

Prego che a partire da oggi le potenze del male si possano ritirare e le potenze del bene possano avanzare e, assumendo il comando e il controllo totale, cerchino di stabilire la nuova civiltà celeste in modo che la gloria e la grazia del cielo riempiano l’intero cosmo e tutte le famiglie benedette di tutto il mondo ereditino la sovranità dell’amore e la liberazione del mondo fisico e del mondo spirituale, diventando in questo modo degne di essere delle famiglie benedette registrate che appartengono alla nazione della pace e dell’unità cosmica. In questo giorno e in questo luogo dove il Genitore cosmico e i Genitori del cielo e della terra hanno raggiunto l’unità tra la mente e il corpo, io dichiaro e ordino che tutti si impegnino a raggiungere l’era della sovranità dell’ideale del mondo unificato della Cheon Il Guk basato sulla liberazione del cielo. Ti prego di permetterci di realizzare tutte queste cose secondo i nostri desideri. Riferisco questo nel nome dei Veri Genitori. Amen! Amen! Amen!» (404-288, 6.2.2003)

Questi testi sono la trascrizione delle preghiere e delle invocazioni di benedizione che i Veri Genitori hanno pronunciato in occasione della “Cerimonia di Benedizione del santo matrimonio dei Genitori del cielo e della terra per l’inaugurazione della Cheon Il Guk” e della “Incoronazione del Re delle famiglie benedette della pace e dell’unità del Vero Genitore cosmico e dei Veri Genitori del cielo e della terra” condotte il 6 febbraio 2003.

« Indietro Avanti »
^