Libro 11 – L’Origine dell’Universo

CAPITOLO I – L’ordine fondamentale dell’universo

Sezione 1. La manifestazione delle caratteristiche duali di Dio

1.1. Dio è l’Essere Originale con caratteristiche duali unificate

1.1.1. Dio è l’essere originale dell’amore unificato

Se osserviamo l’universo, vediamo che tutto esiste attraverso un rapporto reciproco stabilito tra le caratteristiche duali di positività e negatività. Questo principio si applica a tutti i livelli, a partire da quello dei minerali. La molecola si forma attraverso l’unione degli ioni positivi e negativi. Nel caso delle piante, la sopravvivenza e la riproduzione dipendono dall’unione delle parti maschili e femminili, lo stame e il pistillo. Queste caratteristiche duali sono ancora più accentuate nel caso degli animali. Tutti gli animali, compresi i pesci, gli uccelli e i mammiferi, esistono nella forma maschile e femminile. Infine, noi esseri umani, la creazione più grande di Dio, siamo divisi in uomini e donne. Il primo uomo, Adamo, e la prima donna, Eva, sono i progenitori del genere umano. A che scopo esistono le caratteristiche maschili e femminili? Perché Dio ha creato in questo modo? (201-204, 9.4.1990)

Che cosa voleva fare Dio creando l’uomo e la donna? Voleva guardarli. Dio è femminile o maschile? È sia maschile che femminile. Se Dio fosse solo maschile, guarderebbe solo la donna e Adamo vivrebbe nell’ombra. Ne consegue che in Dio coesistono le nature di entrambi i sessi, in modo che può trovare gioia guardando sia l’uomo che la donna. Così concludiamo che Dio è un essere in posizione verticale, nel quale esistono le caratteristiche duali armonizzate che Gli fanno provare amore sia verso l’uomo che verso la donna. Ecco chi è Dio. Dio ha bisogno sia dell’uomo che della donna e dovunque va è sempre nella posizione del partner soggetto, cioè ha lo stato di partner soggetto. Quindi Dio unisce in Sé un carattere maschile soggettivo verticale ed un carattere femminile orizzontale. (188-92, 19.2.1989)

C’è un solo Dio o ce ne sono due? Ce n’è solo uno. Se Dio è uno solo, allora come può entrare contemporaneamente in due persone? Andrà dentro ognuna di loro a turno, prima in una persona e poi in un’altra, e così via? Inoltre, se si pensa che nel mondo esistono tante persone, come entrerà e uscirà da tutte loro? Questo è il problema. Il Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione insegna che Dio è un essere con caratteristiche duali unificate. Questo è il Principio. Dio è un essere che è l’unione armoniosa delle caratteristiche duali. Questa è una conclusione davvero stupenda. (41-290, 17.2.1971)

Dio è il soggetto con caratteristiche duali ed è in posizione maschile. Allora a chi assomiglia? È come noi, come voi e come me. È uguale a noi. Di conseguenza la posizione del partner soggetto presuppone quella di un partner oggetto. Ha in sé questo significato. È nata dal bisogno di questo partner reciproco. (124-83, 30.1.1983)

In una lezione sul Principio di creazione si afferma semplicemente: «Dio è il soggetto che incarna le caratteristiche duali ed è l’unione armoniosa della mascolinità e della femminilità». Quando diciamo che è il soggetto armonioso, che cosa significa? Standosene seduto lì, che piacere potrebbe trarre Dio dall’avere un’unione armoniosa tra la mascolinità e la femminilità nella posizione di soggetto? Che cosa ci deve essere al centro di questa armonia? Dovete sapere che Dio è un essere di armonia centrato sull’amore. (193-153, 3.10.1989)

Che cosa vuole Dio? Cosa voleva fare attraverso la creazione e la perfezione dell’ideale di creazione? Voleva realizzare l’amore. Dio, cosa potrebbe volere per Sé stesso? Nella terminologia del Principio è un essere con caratteristiche duali armonizzate. È un essere in posizione di soggetto. In sintesi, è l’essere soggetto maschile [per tutta la creazione]. (149-9, 1.11.1986)

Qual è la fonte dell’unità? Cosa permetterà a Dio, così solo com’è, di essere in una posizione gioiosa di unità? Secondo il Principio, Dio è l’essere in posizione maschile con caratteristiche duali in armonia. Dobbiamo capire cosa significa questa posizione. Colui che è nella posizione maschile è il partner soggetto e il più, ma il più non può stare senza un meno. Considerando questo, perché Dio deve essere nella posizione di più? Deve esserlo a causa dell’amore. Persino il Dio assoluto desidera obbedire al vero amore in modo assoluto. Se nell’amore non c’è il desiderio di sottomettersi e unirsi in modo assoluto, non ci può essere unità, armonia o accordo. Al contrario, senza questa origine, tutto si disperderà. (195-20, 1.11.1989)

Dal momento che gli esseri umani sono stati creati da Dio, che cosa devono fare? Dio ha creato i partner oggetto del Suo amore allo scopo di provare gioia. E attraverso cosa proverà gioia? Attraverso l’amore. Persino Dio, l’Essere Assoluto, ha bisogno dell’amore. Non è così? Dio esiste come Soggetto, ma pur con le Sue caratteristiche duali, ha inevitabilmente bisogno di un partner oggetto del Suo amore; è per questo che ha creato tutte le cose dell’universo. (223-300, 17.11.1991)

L’uomo e la donna non bastano per realizzare l’amore. Sono solo due esseri. Collegarli insieme non è sufficiente per realizzare l’amore. L’amore è ciò che li unisce ed è in movimento nel centro. Allora, se un uomo e una donna si uniscono armoniosamente, e si muovono con al centro l’amore, da dove ha inizio questo? Ha origine dalle caratteristiche duali di Dio. L’unione della mascolinità e della femminilità che esiste in Dio, si è sviluppata e manifestata nei rapporti reciproci della creazione. Così Dio desidera che il Suo partner d’amore sia migliore di Lui. (210-317, 27.12.1990)

Poiché io, il Reverendo Moon della Chiesa dell’Unificazione, sono un uomo saggio, ho potuto trarre una conclusione precisa: Dio è l’Essere Soggetto che possiede le caratteristiche duali armonizzate. Visto dal lato destro appare come un uomo, visto dal lato sinistro appare come una donna. Le caratteristiche duali non significano forse questo? Se di profilo è così, allora dall’alto può apparire come un uomo e dal basso come una donna. Solo allora sia l’uomo che la donna saranno soddisfatti e diranno: «Molto bene!» (139-56, 26.1.1986)

A meno che non si presenti una persona religiosa con una logica che offre una chiara spiegazione scientifica della causa, del processo e del risultato, il mondo religioso non può essere salvato. Il Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione ha questa logica che abbiamo appena descritto. La conclusione che propone si adatta a tutto: che Dio esiste con le caratteristiche duali, che gli esseri dell’universo sono partner soggetto e oggetto e che perciò Dio è il partner soggetto dell’amore e l’umanità è stata creata come il partner oggetto del Suo amore. Questo rapporto fondamentale si è perpetuato attraverso il potere dell’amore che lo lega al mondo eterno trascendendo la storia. Questa azione d’amore è perdurata nel corso di migliaia di anni, e mentre col passare del tempo altre forme di potere sono diventate sempre più deboli, questo potere dell’amore è rimasto forte. (219-178, 29.8.1991)

Persino Dio crea unità sulla base dell’amore. Anche la Chiesa dell’Unificazione ha questo concetto, ed è in questo modo che può unire il mondo. Per il cristianesimo, tuttavia, non è così. Il cristianesimo insegna che Dio è un Dio assoluto e onnipotente. Può fare qualunque cosa. Questa idea è sbagliata. Anche se Dio può fare qualunque cosa, secondo il principio originale, l’amore deve comunque essere realizzato da due esseri. Così, lo scopo è che le due caratteristiche duali si uniscano, e l’amore è possibile solo quando si realizza questa condizione. (224-155, 24.11.1991)

Poiché Dio è un essere con caratteristiche duali in armonia, quale sarà il centro di questo essere armonioso di dualità? Sarà l’amore. Anche Dio ha basato la Sua esistenza sul vero amore. (193-303, 8.10.1989)

Che tipo di essere è Dio? Come è spiegato nel Principio Divino, Dio è il soggetto con caratteristiche duali unite in armonia. L’essenza di questo essere soggetto è l’amore, l’amore assoluto. (136-37, 20.12.1985)

Il Principio Divino in che modo raffigura Dio? Dio è il soggetto con caratteristiche duali unite in armonia, ed è anche il soggetto dell’amore. La parola amore deve senz’altro essere aggiunta a questa descrizione. (223-160, 10.11.1991)

Dio, per poter diventare l’essere di armonia le cui caratteristiche duali sono rappresentate separatamente nella forma di Adamo ed Eva, che Egli ha creato, attorno a cosa si deve centrare? Questa entità deve essere centrata sull’amore ed essere nella posizione maschile del Soggetto in rapporto a tutta la creazione. (194-64, 15.10.1989)

Perché Dio creò gli esseri umani? Prima bisogna rispondere alla domanda fondamentale: «Perché sono nato?» Dio è il soggetto dell’amore. Il Principio Divino non si riferisce forse a Dio come ad un essere che è l’unione armoniosa delle caratteristiche duali? Tuttavia, finora non è stato rivelato che è anche un essere unito sulla base dell’amore, che mantiene uno stato di armonia. Perciò, alla Sua descrizione bisogna aggiungere che è l’essere di unità basato sull’amore. (223-268, 12.11.1991)

Dov’è l’origine dell’amore e della vita dell’uomo? È Dio, non è vero? Dio è l’essere Soggetto con caratteristiche duali in armonia e nello stesso tempo è la fonte dell’amore. Si deve aggiungere al Principio Divino che Dio è la fonte del vero amore. Dobbiamo aggiungere che Dio è l’origine del vero amore. Deve essere chiaro che nessuno, a parte me, può modificare il Principio Divino. (224-228, 24.11.1991)

Il punto di partenza è la domanda se Dio esiste oppure no. Se Dio esiste veramente, che rapporto ha con l’umanità? Per poter avere un rapporto con gli esseri umani, deve essere un Dio personale. Abbiamo preso pienamente coscienza di questo fatto. Per essere un Dio personale, deve essere come noi. Proprio come gli esseri umani hanno una natura interiore e una forma esteriore come parte delle loro caratteristiche, Dio, che li ha creati, se è l’Essere originale che condivide uno scopo comune con loro, deve assomigliare a loro. Il concetto delle caratteristiche duali nasce da qui. (167-243, 21.7.1987)

Se Dio è un Dio personale, a chi assomiglierà? È la forma combinata di Adamo ed Eva. Dio è il soggetto delle caratteristiche duali. Non è una combinazione pasticciata di maschio e femmina. Pur essendo la forma combinata, occupa ugualmente la posizione del partner soggetto. Di fronte al Dio incorporeo che è l’essere Soggetto, e rappresentando quell’essere Soggetto, un uomo e una donna che diventano una cosa sola, unendo insieme i due aspetti di Dio, sono la realizzazione dell’ideale di Dio per la Sua creazione e l’ideale dell’umanità, Adamo ed Eva. (166-208, 7.6.1987)

La filosofia orientale non ha il concetto di un Dio personale. Ignora la Sua esistenza. Si parla di yin e di yang, ma questi termini così vaghi non bastano per descrivere l’Origine personale. Tutto deve essere capito chiaramente dalle radici. Deve essere la radice che illustra le caratteristiche sia dell’uomo che della donna per spiegare in che modo gli esseri umani hanno finito per essere quello che sono oggi. Da questo punto di vista, la logica delle caratteristiche duali insegnata dalla Chiesa dell’Unificazione è veramente grandiosa. (145-196, 4.5.1986)

1.2. L’universo fu creato a immagine delle caratteristiche duali

Sulla base della nostra comprensione di Dio come l’origine dell’universo, nasce l’immagine di un essere con il concetto di partner soggetto e oggetto. Quindi arriviamo alla conclusione che le caratteristiche duali di cui si parla nel Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione sono veramente delle parole meravigliose. Là dove il partner soggetto e il partner oggetto iniziano a interagire fra loro, si genera e si mantiene l’esistenza. Comincia la riproduzione. Poiché l’universo è stato creato sulla base di questa origine, tutte le cose dell’universo esistono nella dualità e interagiscono attraverso uno scambio di dare e ricevere. (106-296, 13.1.1980)

Il mondo della creazione riflette le caratteristiche di Dio. Noi capiamo che tutte le cose del creato esistono come forme divise delle caratteristiche duali e che sono collegate ai loro partner in un rapporto soggetto e oggetto nonché in un rapporto di sopra e sotto, davanti e dietro, sinistra e destra. Quale sarà lo scopo alla base di questi rapporti nel sistema ambientale? Il mondo della creazione si muove avendo come scopo l’amore. (106-57, 9.12.1979)

Da dove vengono i partner soggetto e oggetto? Ci deve essere una base per la loro esistenza. Nella Chiesa dell’Unificazione chiamiamo questa base le “caratteristiche duali”. Poiché i partner soggetto e oggetto non sono stati creati dagli stessi esseri umani, ci deve essere un’altra origine per questo. Questa origine è quella delle caratteristiche duali, che incorporano la natura interiore originale e la forma esteriore originale. (33-36, 2.8.1970)

L’energia non può essere generata senza un’interazione fra partner soggetto e partner oggetto. L’energia non si genera da sola, ha bisogno degli elementi soggetto e oggetto. Come oggetto, quando vi sentite male, avete bisogno di avere un partner soggetto, e quando vi sentite bene, dovete avere un partner soggetto che sentite che è buono; da qui il termine “caratteristiche duali” del Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione. (21-334, 1.1.1969)

Secondo il Principio Divino, Dio è il soggetto con caratteristiche duali in armonia fra loro. Su quale base poggia la Sua posizione di soggetto? È stabilita sulla base dell’amore e quindi è necessario un fondamento orizzontale. Il desiderio di Dio di avere una base stimolante in tante direzioni porta all’espansione e allo sviluppo del creato. (193-217, 4.10.1989)

Tutti i semi sono costituiti da due metà racchiuse in uno strato esterno. Anche i fagioli sono divisi in due metà. Poiché Dio è l’origine dell’universo, se non assomigliano a Lui nella forma, non possono essere i semi originali. (53-232, 28.2.1972)

Il seme della vita è sempre formato da due metà. Questo è un principio del cielo e della terra. Dio esiste come un essere, una personalità, con caratteristiche duali, che simboleggiano l’essenza originale del seme. Dentro il seme c’è un germe, una parte del quale formerà le radici, il germoglio. Tutto quello che è necessario per sviluppare la sua esistenza è contenuto dentro il seme; è fatto in modo che, anche se è lasciato a sé stesso, può crescere in una forma sostanziale perfetta. (262-147, 23.7.1994)

Poiché Dio ha caratteristiche duali, anche noi esseri umani le abbiamo. Anche tutte le forme della creazione possiedono le caratteristiche duali di più e meno. Quando Dio, l’umanità e tutte le creature sono riunite insieme e collegate, si ottiene il numero sette. Ci sono tre stadi verticali ed espandendoli orizzontalmente si forma la base delle quattro posizioni. Quando il numero tre e il numero quattro si uniscono insieme in armonia, formano il numero sette. Il numero sette è il numero della perfezione nello scopo della creazione. (26-187, 25.10.1969)

Ogni cosa dell’universo è costituita da “più” e “meno”. Lo possiamo vedere guardando una molecola. È formata da ioni positivi e negativi. Tutto esiste in rapporti reciproci. L’atomo contiene i protoni e gli elettroni e questo indica la base per la formazione dell’universo. Nelle piante ci sono gli stami e i pistilli, negli animali ci sono i maschi e le femmine e negli esseri umani ci sono gli uomini e le donne. Tutto esiste in un rapporto di reciprocità e come tale deve essere ordinato in un unico sistema. Poiché Dio è il soggetto, tutto deve essere messo sotto il Suo controllo. Se non si stabilisce una sfera relazionale unificata, determinata dalla Sua volontà, Dio non può avere nessuna gioia dalla creazione. (247-183, 9.5.1993)

La spiegazione del Principio Divino presentata dalla Chiesa dell’Unificazione, che Dio è il soggetto con caratteristiche duali in armonia, è in linea con la verità innegabile che risulta dall’analisi scientifica. Quando i partner soggetto e oggetto sono completamente uniti, il potere di Dio sarà eternamente con loro. Il potere non può esistere dove non c’è un soggetto o un oggetto. Allora come esiste Dio? Dio può esistere eternamente perché dentro di Lui c’è il potere che viene da un rapporto perpetuo di dare e avere fra i partner soggetto e oggetto. (39-166, 10.1.1971)

Il Principio parla delle caratteristiche duali. Perché sono necessarie? Senza di loro l’opera della creazione non può aver luogo. Grazie alla loro esistenza, possono instaurare fra loro un rapporto di dare e ricevere; uno è come le ossa e l’altro come la carne. Avendo uno scambio reciproco, possono dar nascita ad una nuova forma. Poiché Dio ha le caratteristiche duali originali, nascerà inevitabilmente il mondo dei partner oggetto di Dio. In questo modo, le caratteristiche duali sono essenziali per realizzare la suprema bellezza del creato. (27-340, 1.1.1970)

Secondo il Principio, è la forza prima universale che collega insieme ogni cosa. Le caratteristiche duali di Dio sono presenti in tutte le cose; tutto è dotato della forza prima universale. Questo principio essenziale è sempre lo stesso. (293-11, 1.5.1998)

Nell’uomo è latente una natura femminile, e poiché nella donna è latente una natura maschile in lei c’è uno spazio che permette all’uomo di vivere. Poiché Dio possiede le caratteristiche duali, può dimorare nella donna così come nell’uomo. In modo simile, poiché il marito, che ha l’aspetto maschile, ha gli elementi delle caratteristiche duali di sua moglie, può dimorare nel petto di sua moglie. Anche la donna può dimorare nel cuore dell’uomo. Sono uniti e inseparabili. (256-58, 12.3.1994)

Adamo è l’antenato di tutti i maschi ed Eva è l’antenata di tutte le femmine. In altre parole, sono i semi dell’uomo e della donna. Sono due metà. Ogni cosa è composta da due metà racchiuse in un unico guscio, che simboleggia Dio e l’universo. Nel Dio unificato ci sono le caratteristiche duali, e al loro interno ci sono l’embrione, il seme e il nucleo. (253-249, 30.1.1994)

Poiché Dio è il soggetto incorporeo, è logico concludere che ha senz’altro bisogno della dimensione sostanziale – degli esseri corporei assoluti nella sostanza. Dio ha le caratteristiche duali e di conseguenza l’atto di creazione Gli ha permesso di esprimere la Sua natura incorporea interiore in una forma corporea esteriore. Quando consideriamo l’universo creato da questa prospettiva, possiamo vedere che persino il mondo minerale funziona grazie al rapporto fra partner soggetto e oggetto. Nel caso delle molecole, gli ioni positivi e negativi manifestano questo rapporto soggetto-oggetto e in modo simile, nel caso dell’atomo, ci sono i protoni e gli elettroni. (228-140, 27.3.1992)

Il fatto che Dio possieda sia la mascolinità che la femminilità fa di Lui un essere dalle caratteristiche duali. Dio ha raggruppato tutti gli attributi maschili che sono dentro di Lui per creare l’uomo e tutti gli attributi femminili per creare la donna. In questo modo, le figure soggetto e oggetto si sono automaticamente separate. Quando esse hanno uno scambio di dare e ricevere reciproco formano un’unione per dar vita ad un processo – ossia l’azione di origine-divisione-unione, come è esposto nel Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione. Questo Principio meraviglioso un giorno diventerà uno dei principali temi di discussione della filosofia e della religione. (41-290, 17.2.1971)

Dio creò le persone come esseri che posso realizzare l’amore. (293-158, 25.5.1998)

Dio creò gli esseri umani per realizzare la Sua volontà sulla base dell’amore. Li creò perché diventassero i Suoi figli, assomigliando a Lui in ogni aspetto e manifestando in modo naturale tutto ciò che è dentro di Lui. Così le caratteristiche duali di cui parla la Chiesa dell’Unificazione sono un contenuto straordinario, di cui non si era mai sentito parlare. Che cosa s’intende per “Soggetto con caratteristiche duali unificate in armonia?” Comprende tutti i principi del cielo e della terra. (144-236, 25.4.1986)

Persino l’amore non può nascere quando si è soli. L’amore opera per elevare due persone ad una posizione più alta attraverso la loro unione armoniosa. Questo è il potere dell’amore. Ogni cosa dell’universo è fatta per armonizzarsi con l’ideale dell’amore, perché l’amore non può agire senza il ponte delle coppie, senza due parti. Dovete sapere che per realizzare il Suo ideale d’amore, Dio ha dovuto creare tutto in coppia; da qui il termine “caratteristiche duali”. (177-271, 20.5.1988)

Quando prendiamo in considerazione tutte le cose del mondo per trovare un principio fondamentale che dirige l’insieme, possiamo vedere che tutti gli esseri sono occupati a stabilire dei rapporti soggetto-oggetto che generano l’esistenza e la funzione. In parole povere, l’esistenza e l’azione sono generate dai partner soggetto e oggetto. La Chiesa dell’Unificazione comprende il concetto delle caratteristiche duali alla luce di questo.

Allora le caratteristiche duali rimangono così come sono? Sono a riposo o sono in movimento? E se sono in movimento, per quale scopo? Perché saranno in movimento? Sarà per subire una perdita o per trarre qualche vantaggio? Se ci fosse un principio che stabilisce che l’azione e il movimento hanno luogo per andare incontro ad una perdita, allora le nostre azioni per realizzare l’ideale o per avanzare verso il nostro sogno sarebbero vane. Se si andasse incontro ad una perdita, queste azioni gradualmente diminuirebbero. Se invece fossero messe in movimento mentre sono piccole con l’idea di raccogliere qualche beneficio, col tempo diventerebbero più grandi. (125-72, 13.3.1983)

Dio è una sola entità. Poiché esiste come il Soggetto delle caratteristiche duali, forse pensa di poter amare all’interno delle Sue stesse caratteristiche duali e dire: «Questa parte di me è in posizione di partner soggetto maschile, quest’altra parte è in posizione di partner oggetto femminile», e può avere qualche sentimento d’amore nella Sua mente. Ma nella posizione dell’uomo e della donna che sono stati separati non potrà sentire nessun impatto stimolante.

Quindi, se Dio vede Adamo ed Eva che fanno l’amore appassionatamente anche senza prenderLo in considerazione, Lui, come Soggetto dell’amore, non è risentito per questo. Perché? Perché Dio è l’essere soggetto, che prova gioia dai Suoi oggetti nel luogo dove si uniscono e diventano una cosa sola, e più prezioso è l’amore che sentono i Suoi oggetti, più Dio sarà felice. Non è forse questa la prima legge dell’amore basata sulla Sua creazione dell’umanità? Perciò le persone non possono raggiungere quello stato senza ricevere un’educazione su questo amore. (51-173, 21.11.1971)

Attraverso l’azione, una forza essenzialmente diminuisce, ma il potere dell’amore con l’azione diventa più forte. Ciò che è espanso all’infinito possiede dentro di sé un’energia concentrata all’infinito e così attira gli altri verso di sé. Di conseguenza possiede l’energia interiore del movimento circolare. Questa logica si può applicare qui; anzi, la logica delle caratteristiche duali insegnata dalla Chiesa dell’Unificazione si può applicare dappertutto. Con la mia saggezza, ho capito tutte queste cose. (164-87, 26.4.1987)

Com’è meraviglioso il vero amore! Dio stesso è nato per l’amore. È venuto ad esistere a causa dell’amore. Non vi dà una bella sensazione questo? «Bene, il Reverendo Moon dice che Dio è nato a causa dell’amore!» AfferrateLo e cercate di analizzarLo! Io ho analizzato Dio fin nelle Sue caratteristiche duali. Non ci sono delle caratteristiche duali anche all’interno stesso delle caratteristiche duali? Il vostro corpo non secerne forse degli ormoni maschili e femminili? Se non siete sicuri andate a farvi vedere all’ospedale. Questa è la ragione per cui potete stabilire un rapporto fra voi. (222-179, 3.11.1991)

Dopo aver continuato a investigare per sapere per quale motivo le caratteristiche duali fanno parte del Principio di creazione e quali sono i punti fondamentali riguardanti il soggetto e l’oggetto, si giunge a un punto in cui non è più possibile investigare e bisogna ritornare indietro. Per quanto vi siate immersi nella ricerca, dovete fare dietro front e tornare indietro. Dopo che questo processo si è ripetuto per decine di migliaia di anni, non avete altra scelta che arrendervi e dire: «Oh! Questa è l’unica via che esiste. Non serve a nulla cercare di trovarne un’altra». Con queste parole il Principio Divino sarà stabilito, ed è per questo che è immutabile. (173-127, 14.2.1988)

1.3. L’amore è il motivo per cui Dio creò l’universo

Se pensiamo che il cielo e la terra non sono venuti ad esistere di loro volontà, ma sono stati creati sulla base di una certa fonte di potere, ne consegue logicamente che a un livello più alto deve esistere un Essere soggettivo centrale che può muovere il cielo e la terra, ossia un essere di causa originale con un potere creativo. Chiamiamo l’essere che è in questa posizione Dio. Poiché proveniamo da popoli diversi con lingue diverse, Gli diamo dei nomi diversi, ma questo non ha importanza. In ogni caso in questo universo deve esserci un centro. Deve esistere un essere centrale che rimane stazionario per miliardi di anni al centro del mondo della reciprocità che è in movimento, un essere che, anche se tutte le altre cose possono essere in movimento e in azione, non si muove mai insieme a loro. (154-298, 5.10.1964)

Quando si ricerca profondamente l’origine dell’universo, la domanda fondamentale che sorge è perché è venuto ad esistere Dio. Perché? Per quale motivo è venuto ad esistere? Che cosa fa Dio? Queste sono le domande che ci dobbiamo porre. L’era della fede cieca del cristianesimo è passata; è finita l’era di credere ciecamente in Dio. Dopo essere arrivati a questa conclusione attraverso il ragionamento, dobbiamo considerare la natura interiore di Dio, il Suo rapporto con il mondo in relazione alla Sua volontà e il rapporto fra la Sua natura interiore e la Sua forma esteriore, perché questi rapporti sono aperti alla discussione. (191-13, 24.6.1989)

Gli esseri umani non possono essere la prima forma di esistenza. Non importa quanto possiamo essere grandi, non possiamo essere l’essere di causa. Saremo sempre la seconda forma di esistenza, ossia degli esseri di risultato. Allora, quale sarà l’essere che è la causa dell’universo? Poiché Dio esiste, sarà l’essere di causa ed anche l’Essere assoluto. Che cosa vorrà per Sé questo essere assoluto? Sulla base di cosa cercherà di instaurare un rapporto con l’umanità o con la creazione? Questa è la domanda fondamentale, la questione importante che deve essere affrontata dalla teologia e dalla filosofia. La domanda che bisogna porsi è: cosa può legare Dio e l’umanità, la causa e l’effetto? (198-283, 5.2.1990)

Perché e in che modo è venuto ad esistere Dio? È venuto ad esistere a causa dell’amore. Come si è realizzata l’origine dell’universo? Il seme dell’amore è stato assimilato con al centro il partner oggetto, col risultato che Dio stesso è venuto a possedere la natura interiore e la forma esteriore. Sulla base di cosa si è realizzato questo? Sulla base dell’amore. La stessa cosa vale per voi. Attraverso l’amore di vostra madre e di vostro padre, vi è stato dato il seme della vita, la cellula che è cresciuta diventando quello che siete oggi; in modo simile Dio è diventato l’essere che è oggi. I Suoi occhi, il Suo naso e tutti i Suoi lineamenti si sono formati in questo modo, esattamente come è stato per noi. (207-27, 21.10.1990)

Il vero amore inizia dal luogo più profondo. Allora qual è l’origine del vero amore? È Dio. La parola inglese per Dio “God” si pronuncia come la parola coreana gad che significa il cappello a cilindro usato dai nobili nei tempi antichi. I cappelli si portano in cima alla testa, e così questa parola ha lo stesso significato della parola inglese. Resta la domanda su come la forma esteriore e la natura interiore di Dio si sono divise. Dov’è l’origine dell’universo, e come è venuto ad esistere? Questa è la domanda che ci dobbiamo porre: come è venuto ad esistere Dio? Avete mai visto Dio? Com’è venuto ad esistere? E come voi avete avuto origine? Voi siete gli esseri che sono nati dalla sintesi degli estratti di tutti gli elementi che compongono l’universo. (207-24, 21.10.1990)

Chi sarà il centro dell’amore? Deve essere Dio. Dio è l’essere unico, eterno e immutabile che esisteva prima che si formasse l’universo. L’amore fluisce dal cuore; è la manifestazione del cuore interiore che fluisce in modo concreto. Quindi l’essenza di Dio è il cuore. Questo Dio è l’essere unificato che è la causa fondamentale della formazione dell’universo di cui si parla nell’ontologia. Sento che non c’è nemmeno bisogno di dire che la formazione dell’universo si riferisce esattamente al processo di creazione di Dio.

Allora, in che modo Dio ha potuto creare l’universo e gli esseri umani? Ha potuto farlo perché ha il cuore. La vita nasce solo dove c’è il cuore, e dove c’è la vita può aver luogo il processo di generazione (creazione). Dietro l’opera della creazione ci deve essere uno scopo, per il semplice motivo che, per sua natura, il cuore tende sempre a cercarne uno. Perciò ne consegue che lo scopo della creazione è portare la gioia che soddisferà il cuore di Dio. Questa gioia deriva dalla creazione, specialmente dagli esseri umani quando assomigliano a Lui.

Dio voleva dunque creare dei popoli e delle nazioni che riflettono il Suo amore e la Sua creatività. Questo si può facilmente dedurre dal fatto che anche l’umanità è alla ricerca di queste cose, perché l’ideale universale non è altro che l’ardente aspirazione a perseguire un mondo che avremmo dovuto giustamente godere. (65-258, 26.11.1972)

Qual è l’origine dell’universo? Che cosa c’era prima che nascesse questo universo? Dio? Dio era l’unico ad esistere? L’amore è visibile? Visto che l’amore non ha una forma sostanziale, dov’è? L’amore è un concetto. Persino per Dio l’amore è un concetto. Dovete capire che è un concetto persino per Lui. (293-132, 26.5.1998)

Perché Dio ha intrapreso l’opera della creazione? È stato per l’amore. L’amore non può essere realizzato da una persona sola, ha bisogno di un partner. L’amore di Dio da solo, essendo un amore verticale, non ha elementi che vanno verso l’orizzontale. (193-303, 8.10.1989)

Essendo il Creatore assoluto, Dio che cosa desiderava così ardentemente da indurLo a creare gli esseri umani? Che cosa occorreva al Dio onnipotente e onnisciente – Lui che non aveva nessun bisogno di oro o di conoscenza e a cui non mancava nulla – da spingerlo a creare gli esseri umani? In parole povere, qual è il motivo fondamentale per la creazione? Non era il potere, la conoscenza o la ricchezza. Era perché Dio non aveva un partner d’amore sostanziale, ossia non poteva realizzare l’amore da solo. Così, il motivo fondamentale dietro la creazione dell’universo è l’amore. (149-149, 21.11.1986)

Perché Dio creò il cielo e la terra? Che cos’è che l’essere onnipotente e assoluto non aveva, tanto da sentire il bisogno di creare gli esseri umani? Dio creò l’umanità a causa dell’amore. L’amore non può nascere senza un partner. Se si mettesse in moto senza un partner, subirebbe solo una perdita. Tutte le cose sono fatte per proteggersi; nulla si muove se tutto quello che ci si può aspettare è solo una perdita. Anche se apparentemente l’amore non c’è, non appena appare un partner, ecco che viene fuori subito. L’amore esiste soprattutto in Dio, ma quando il Dio maschile è da solo, non compare. Il partner che può far venire fuori l’amore di Dio è l’umanità. (60-76, 6.8.1972)

Cosa mancava al Dio onnisciente, onnipotente e onnipresente tanto da indurLo a creare l’umanità? Aveva bisogno di soldi, di lingotti d’oro o di diamanti? Ne aveva in abbondanza. Allora aveva bisogno di conoscenza? Dio ha tutta la conoscenza che può desiderare; dopo tutto è il Re della conoscenza. Era perché aveva bisogno di potere? Non avrebbe fatto nessuna differenza per Lui avere il potere o no. Quello che Gli mancava era l’amore.

L’amore si può stabilire solo in un rapporto reciproco. Senza il bisogno d’amore, nemmeno Dio può stabilire un rapporto con il mondo della creazione e con gli esseri umani. Così la conclusione che possiamo trarre è che Dio non può instaurare un rapporto con il mondo esistente se non Lo avvicina con l’amore, ed è per questa ragione che deve stabilire l’amore come standard. (121-100, 24.10.1982)

Perché Dio creò il cielo e la terra? Perché persino l’Essere Assoluto non può sperimentare la gioia da Sé stesso. Anche se Dio potesse essere gioioso, non sarebbe qualcosa di stimolante per Lui. Per quanto l’Essere Assoluto possa affermare: «Io sono l’Essere Assoluto, io sono il Signore dell’amore e della vita», non può sentire lo stimolo dell’amore da solo, e non può sentire in tutto il cielo e la terra lo stimolo della vita che esiste dentro di Lui. (38-152, 3.1.1971)

Se Dio avesse pensato solo a Sé stesso avrebbe creato l’universo? L’atto della creazione richiedeva un enorme investimento di energia. Qualsiasi artista ha il desiderio di creare il più grande capolavoro, e non risparmia nessuna fatica mettendo tutto ciò che ha nel crearlo. Il capolavoro perfetto può essere creato solo quando l’artista ha investito tutto sé stesso nel suo lavoro. Il processo di creazione inizia ed è possibile solo attraverso un’immissione di energia. Non si può fare nulla senza impiegare dell’energia. Tenendo in considerazione il principio per cui la controparte perfetta è creata da un apporto completo di energia, Dio investì tutto ciò che aveva come Soggetto per creare il Suo partner oggetto. Attraverso l’atto della creazione, iniziò ad esistere non per Sé stesso ma per il Suo oggetto. (78-111, 6.5.1975)

La creazione comporta l’immissione di energia. E nel far questo, quanto si dovrà investire? Forse penserete che quando Dio creò dicendo: «Sia questo… Sia quello…» fu come il gioco di un bambino. Ma non fu affatto così. Dio investì totalmente la vera vita, il vero amore e il vero ideale. Neanche noi possiamo amare qualcosa senza dedicare uno sforzo da parte nostra o senza investire la nostra carne e il nostro sangue. (78-111, 6.5.1975)

La situazione prima e dopo la creazione era diversa. Prima di creare un oggetto, pensate solo a voi stessi, ma non appena iniziate a stabilire dei rapporti d’amore, cominciate a vivere per il vostro oggetto, perché è allora che cominciate a pensare che esistete per il suo bene e per il bene dei vostri figli e figlie, non di voi stessi. (69-81, 20.10.1973)

Nel creare gli esseri umani Dio voleva dare la possibilità al Suo oggetto d’amore di diventare più grande di Lui, ed è per questo che continuò a investire per dare completamente una forma concreta a tutti i Suoi elementi invisibili. Ciò significa che possiamo trovare l’origine del vero amore solo nel punto in cui investiamo e poi dimentichiamo. È molto semplice. Questo è il principio fondamentale dell’universo. (203-231, 26.6.1990)

Per possedere l’amore, occorre dare in continuazione e dimenticare. Perché bisogna possedere questo amore? Perché l’amore più è in movimento, più aumenta anziché diminuire. In termini scientifici, qualunque fenomeno fisico più si muove ed è in azione più diminuisce, non è vero? Nel mondo fisico, più una cosa è in movimento e consuma energia, più si svuota, ma nel mondo del vero amore, più una cosa si muove, più diventa grande. Conoscendo questa realtà, Dio ha potuto iniziare la Sua opera di creazione sulla base del vero amore. (237-127, 13.11.1992)

Come ha avuto inizio l’universo? Dal punto di vista di Dio, ogni cosa è iniziata dal principio di vivere per gli altri; Dio ha investito completamente Sé stesso consumandosi. Che cosa cercava di realizzare consumando Sé stesso per creare il Suo oggetto? Quando il partner soggetto e il partner oggetto si consumano l’uno per l’altro, il risultato è l’amore. Pur di possedere l’amore, non si preoccupano di quanto si consumano. L’amore si basa su questo concetto, ed è per questo che Dio iniziò la Sua opera di creazione. Dio finì per non perdere niente. Perché Dio avrebbe investito Sé stesso se sapeva di finire in perdita? Nell’amore c’è un’energia capace di riempire più che ogni cosa; perciò, anche se Dio consumò e investì Sé stesso, in cambio ricevette l’amore. Il vero amore è qualcosa che non diminuisce quando è investito, anzi, più si muove più diventa grande. Se non fosse così, e il principio sostenesse che il vero amore si consuma, investendo Sé stesso Dio si sarebbe consumato. Invece fu proprio il contrario, perché la realtà è che più donate il vero amore, più esso cresce. (237-124, 13.11.1992)

L’amore ha in sé la capacità creativa e perciò non si può esaurire. Quando avete un cuore d’amore, per quanta energia investiate e consumiate, avrete ancora dentro di voi il potere dell’amore che è in grado di compensarla, e perciò non si può esaurire. Così, anche se quella strada può essere difficile e faticosa, non arriverete mai a detestarla. Sulla via dell’amore, non potete mai avere una mente piena di odio. Sulla via dell’amore non c’è mai posto per una mente piena di odio. L’essenza di Dio non include il concetto di nemici o di male perché è circondata dal vero amore. (237-130, 13.11.1992)

L’ideale di creazione di Dio richiede che investiate continuamente e continuiate a investire. L’investimento crea un movimento circolare. Nel caso dell’aria, ad esempio, se ci sono delle zone di alta e di bassa pressione atmosferica, si formerà tra loro un’area di pressione atmosferica intermedia. Il cielo scende senza essere chiamato. Così quelli che desiderano dare più del 100 per cento saranno riempiti da Dio. Queste sono le leggi dell’universo. Il processo di donarsi completamente e di dimenticare stabilisce un’azione eterna e su questa base può nascere la logica della vita eterna.

Da dove altro, se non dall’immortalità e dalla vita eterna, potrebbe derivare il principio dell’unificazione? Quando vivete per gli altri non si forma forse un movimento circolare? Mentre ruotate velocemente dove siete diretti? Se mentre ruotate vi doveste espandere, scendereste giù, ma poiché la vostra rotazione diventa più concentrata, vi dirigete verso l’alto. Ascendete. Poiché gradualmente salite, Dio senz’altro poserà automaticamente i Suoi due piedi sulle spalle di Adamo ed Eva che stanno salendo. (205-95, 7.7.1990)

Perché esiste Dio? Per quale scopo? Per l’amore. Quindi Dio aveva bisogno del partner oggetto del Suo amore. Ecco perché il Dio onnipotente e onnisciente dovette creare il Suo partner d’amore. Finora l’ideale essenziale della creazione, ossia che il processo di creazione ha avuto inizio a causa dell’amore, non si conosceva. Tutto il mondo della creazione è venuto ad esistere a causa dell’amore. (208-235, 20.11.1990)

Il desiderio di Dio è avere una base globale che Gli permetta di dare completamente. Dio desidera ardentemente un regno di libertà, di pace e di felicità dove nessuno potrà accusarLo di dare e dove non sarà necessario stabilire nessuna condizione per ricevere. Lo scopo che Gli sta a cuore è espandere quel regno a livello globale e che fare in modo che tutta l’umanità viva lì felicemente. (13-249, 12.4.1964)

Cosa viene prima, l’amore o la vita? Viene prima l’amore. Anche se la terra ha avuto origine attraverso la vita di Dio, la fonte originale della vita, noi non pensiamo che la vita sia venuta prima. (86-79, 7.3.1976)

Anche se Dio ha creato il cielo e la terra dalla Sua vita, la fonte e la motivazione di quella esistenza è l’amore. La vita è nata a causa dell’amore. (86-82, 7.3.1976)

Qual è la cosa migliore del mondo? Dio è il migliore. Dobbiamo salire a quella dimensione. E cosa faremo quando arriveremo là? Ci impadroniremo dell’universo attraverso il Suo amore. Non avete tutti la stessa ambizione dentro di voi? Non potete appagare quell’ambizione e quel desiderio attraverso la conoscenza, il potere o i soldi. Solo l’amore sarà in grado di farlo. Questa è l’essenza del Principio Divino della Chiesa dell’Unificazione e la base della nostra filosofia di vita. Finora non l’avete capito, ma è molto semplice. (144-132, 12.4.1986)

Sezione 2. L’universo è costituito da partner soggetto e oggetto

2.1. Il sistema delle coppie è il principio che governa l’esistenza dell’universo

Tutte le cose dell’universo, persino del regno minerale e animale, nascono con la base comune ideale del rapporto soggetto-oggetto centrato sull’amore. La creazione rappresenta le forme di esistenza risultanti e non può aver avuto origine senza un essere di causa. Noi chiamiamo questo essere Dio. Così, nel regno dell’amore centrato su Dio, indipendentemente dalla direzione, che sia est, ovest, nord, sud, sopra o sotto, davanti o dietro, sinistra o destra, tutte le cose, compresi gli elementi fondamentali e i minerali, esistono in un sistema di coppia, in un rapporto soggetto-oggetto, in modo da poter sempre realizzare l’armonia e l’unità. Tutta la creazione, compreso il mondo minerale, vegetale, animale e umano, esiste attraverso questo sistema. (173-35, 1.2.1988)

La creazione doveva avere come centro gli esseri umani ed essere modellata a loro immagine. Tutte le cose dell’universo sono state create per avere un rapporto tra loro e formare un collegamento in tutte le direzioni ruotando attorno all’umanità. Quindi l’intera creazione, ossia ogni cosa del regno minerale, vegetale e animale, è stata creata in coppia. In questo modo, la via dei rapporti verticali e la via dei rapporti orizzontali si compenetrano. Tutte le cose del mondo, basate sul sistema di coppia e impegnate in vari tipi di esistenza e modi di vita, forniscono il manuale di insegnamento per l’umanità nel processo di cercare l’amore ideale. (173-211, 18.2.1988)

Tutte le cose create esistono nel sistema delle coppie, il rapporto soggetto-oggetto. Perché? Poiché tutti gli esseri creati sono nella posizione di sviluppare il loro amore ad un grado assoluto, esistono in un sistema di coppia soggetto-oggetto in modo da poter dare e ricevere e realizzare l’unità attraverso quell’amore. Non esiste neanche una cosa che sia stata creata al di fuori di questo principio. Tutto nasce per l’amore. (209-89, 27.11.1990)

Il rapporto soggetto-oggetto è un aspetto caratteristico dell’universo. Tutte le cose dovevano esistere in conformità a questo, e perciò possiamo dedurre che l’universo fu creato sulla base del concetto del sistema della coppia. Quindi si può concludere che tutta la creazione ha avuto origine in questo modo, sulla base dell’amore, e che si sostiene attraverso rapporti d’amore. Vale la stessa cosa persino per i minerali dove gli ioni positivi e negativi hanno fra loro uno scambio di dare e ricevere. Anche il regno vegetale si fonda sul rapporto fra stame e pistillo, e gli animali esistono sulla base delle coppie maschio e femmina della loro specie. (207-9, 21.10.1990)

Negli elementi del mondo minerale si possono trovare coppie di ioni positivi e negativi. I 107 elementi chimici identificati nella tavola periodica non reagiranno con qualsiasi cosa, per quanto vi sforziate di farli reagire in laboratorio. Tuttavia, con l’oggetto appropriato, non c’è nulla che voi potreste fare – o che potrebbe fare Dio – per impedire che si combinino insieme. Sapete già queste cose, non è vero? Tutto funziona nel sistema della coppia, che sia minerale, vegetale o animale. Tutte le cose esistono in coppia, in accordo al principio di positivo e negativo. (203-295, 27.6.1990)

Tutti gli esseri del mondo rientrano nel sistema della coppia. Poiché questa è la loro disposizione – che siano minerali, vegetali o animali – per unirsi si devono collegare sulla base del rapporto d’amore fra soggetto e oggetto. (189-190, 6.4.1989)

Se avete l’amore sarete sempre i benvenuti, dovunque andate. Così l’esistenza di questo universo si fonda sul sistema della coppia. Il mondo minerale esiste in coppie, come pure i vegetali e i minerali, non è vero? Sulla base di cosa? Sulla base dell’amore verticale, anche se a livelli diversi. Questo è vero dappertutto, sulla base dell’amore che si manifesta in questo vasto universo. La posizione di tutti gli esseri è stata determinata ad un particolare livello orizzontale e conseguentemente essi esistono nell’universo. Tutto questo è venuto ad esistere a causa dell’amore. (198-304, 5.2.1990)

L’intera creazione è collegata attraverso la struttura del sistema della coppia. Questo vale anche per il mondo minerale. Tutto funziona o come un elemento positivo o come un elemento negativo. Anche se la terra ha la sua forza di gravitazione, possiamo chiaramente vedere l’azione di una potente calamita perché la sua forza di attrazione sul posto è più forte di quella della terra. Tutti gli altri elementi, tuttavia, funzionano come positivo e negativo. Anche i movimenti ideologici sorgono quando una corrente elettrica scorre fra il polo negativo e il polo positivo. Qual è il centro del sistema della coppia? Al centro c’è l’asse centrale che può collegare insieme due parti e proteggerle. Questo asse è l’asse dell’amore. Così gli elementi chimici del mondo minerale si combinano insieme secondo le leggi dell’attrazione. Elementi che si respingono non possono unirsi, nemmeno se glielo ordina Dio, e nemmeno se il direttore di un laboratorio si sforza ostinatamente di combinarli insieme per migliaia di anni. (197-164, 13.1.1990)

Tutte le cose dell’universo non sono in grado di esistere se sono separate dall’amore. Esistono all’interno di un sistema di coppia. Anche nel mondo degli insetti ci sono i maschi e le femmine, non è vero? A volte vado fuori in giardino e scavo la terra. Lì ci sono tanti insetti. Tutte quelle creature, sebbene questo sfugga alla vista, esistono come maschi e femmine, riproducono la loro specie e la nutrono. Parlano persino comunicando tra loro attraverso i sensi, e i maschi e le femmine si prendono tanta cura gli uni degli altri. Qual è la causa fondamentale che determina questo? Non pensate che nel regno degli insetti ci sia l’amore? È una realtà inevitabile che il maschio segua la femmina e viceversa. (191-220, 25.6.1989)

Persino gli elementi del mondo minerale sono stati creati in coppie. Interagiscono insieme attraverso il rapporto fra ioni positivi e negativi. Così, se questo insieme dovesse essere tirato dal vero amore, Dio sarebbe tirato insieme ad esso, e tutta l’umanità sarebbe tirata verso i Veri Genitori, proprio come ogni cosa è attratta insieme attraverso il sistema nervoso. Tutti gli esseri esistono nel sistema di coppia. A qualunque livello di esistenza appartengano, vivono ugualmente in accordo al principio dell’amore. (203-244, 26.6.1990)

Ogni cosa creata da Dio esiste in coppia. Anche il mondo minerale segue il sistema della coppia sebbene ad un livello più basso; e anche gli ioni positivi e negativi esprimono il loro amore nelle loro forme collegate. Per la prima volta nella storia io sono apparso nel mondo ad annunciare questa verità. Sono stato la prima persona della storia a rivelare che Dio stesso, come Origine, crede assolutamente nel vero amore e gli obbedisce. Questo non è un semplice concetto, ma una verità inoppugnabile. Dio ha dato inizio alla creazione nella Sua ricerca del vero amore. (203-103, 7.6.1990)

Persino i microrganismi che praticano le loro forme di amore, vanno fieri del fatto che sono stati creati per svolgere la loro parte in seno alla stessa sfera dell’ideale di creazione, che è rappresentata dal sistema universale della coppia. Sono fieri del fatto che «anche se voi siete grandi e io sono piccolo, se posso unirmi a voi e dare a voi una parte di me stesso, sono più che desideroso di condividere me stesso con voi per l’eternità». Sono diversi dalle persone. L’unità degli elementi nella loro sfera si ha quando il più e il meno si adattano reciprocamente e creano unità. Come sono stupide le persone al confronto! Sono essenzialmente disarmoniche, e questo è il problema. (209-189, 29.11.1990)

Tutto ciò che vedete nel mondo esiste in un sistema di coppia. Ognuno vive con il suo partner. Quando Dio guarda tutte le cose dice: «Ah! Anche voi assomigliate a me. Quando siete da sole, vi sentite tristi, non è vero?» Di conseguenza questo universo è un museo naturale, dove ogni cosa è messa in esposizione secondo il sistema ideale della coppia, indipendentemente dal suo rango. È un museo naturale e, nello stesso tempo, un museo d’amore. Che ne pensate? Passando di qui come al solito non avete visto gli alberi di pino e gli innumerevoli pioppi lungo il ciglio della strada, senza rendervi veramente conto della loro esistenza? Quando li guardate, dovete poter dire: «Voi siete come me, perché anche voi vivete in un rapporto d’amore di dare e ricevere fra partner soggetto e oggetto! Se mi paragono a voi, provo vergogna perché io sono tutto solo e vivo una vita caduta».

Se si realizzasse un mondo del genere, persino le persone che sono rimaste indietro avrebbero valore. Se l’umanità riuscisse a vedere il mondo in un modo più profondo e lo rispettasse, come diventerebbe bello! Come apparirebbe amabile ai nostri occhi! Poiché Dio ha una mente d’amore, non può che creare il mondo in questo modo, e quindi tutto esiste secondo il sistema della coppia. (209-189, 29.11.1990)

In questo universo ogni cosa funziona in un sistema di coppia. Persino i minerali sono costituiti da ioni positivi e negativi. Gli elementi chimici che non sono compatibili non possono combinarsi, per quanti esperimenti gli scienziati possano condurre usando ogni metodo possibile. Se invece sono messi insieme degli elementi che hanno fra loro affinità, per quanto uno cerchi di separarli, si combinano. Ogni cosa esiste in un sistema di coppia, e qual è il suo centro? È l’amore. Persino nelle piante, le parti maschili e femminili si impollinano per consentire la fecondazione e in questo modo possono ritornare al loro stato originale. Solo quando le due entità si uniscono insieme, possono raggiungere lo stato di unione originale in cui erano prima di dividersi. Perciò questo processo è chiamato azione di origine-divisione-unione. (198-112, 25.1.1990)

Dovete creare la vostra situazione ambientale. Dio creò il sole, la terra, l’aria e l’acqua come parte del Suo ambiente e in quella dimensione ci devono essere sempre i partner soggetto e oggetto. Questa è la formula. Tutti gli esseri creati esistono in un sistema di coppia. Questo è vero nel mondo minerale, animale e umano. Perché sono costituiti da partner soggetto e oggetto? Per realizzare la perfezione del vero amore. Senza un soggetto, l’amore non può raggiungere la perfezione. Questa è la formula. Fino ad oggi nessuno dei nostri antenati ha raggiunto la perfezione in questo modo mentre era sulla terra. (293-225, 26.5.1998)

Solo quando il maschio e la femmina realizzano l’unità, il cielo e la terra possono essere in armonia. Se non lo fanno, non possono portare armonia fra il cielo e la terra o l’universo, che è basato sul sistema della coppia. Al contrario ne saranno esclusi. (226-15, 1.2.1992)

Non si può esistere da soli. Non è conforme al principio che uno possa esistere da solo. Quindi tutte le cose del mondo esistono in coppia. Perché sono state create in un sistema di coppia? È stato a causa dell’amore. E che tipo di amore? Continuano ad esistere grazie all’amore originale, cioè il vero amore nel quale Dio può provare gioia. (248-284, 3.10.1993)

In tutto il creato non c’è nemmeno un essere che esiste da solo. Tutte le cose esistono in un rapporto tra soggetto e oggetto. Tutto è stato creato per far parte di un sistema di coppia. Ma oggi la gente non ne è consapevole. Il concetto della fede assoluta deriva dal fatto che l’universo è stato creato secondo un sistema di coppia, che ha avuto origine a causa dell’amore. (298-11, 31.12.1998)

Se guardiamo attentamente, possiamo vedere che il mondo è formato in base ad un sistema di coppie, non è vero? Nella biosfera ci sono indubbiamente delle coppie. I partner soggetto e oggetto di una coppia devono creare un buon equilibrio, altrimenti schizzeranno via in tutte le direzioni. Quando sono completamente in equilibrio, ossia quando hanno raggiunto la base di equilibrio su cui possono perseguire l’amore, allora per loro il mondo diventerà un piano completamente piatto. Sarà come se tutto l’universo fosse una vasta distesa di ghiaccio orizzontale. Quando saranno completamente uniti, questa distesa di ghiaccio, invece di essere spigolosa, assumerà la forma di una sfera. I due poli non assumeranno una forma che impedirebbe il suo movimento rotatorio. Circolando in questo modo sono destinati a diventare un corpo sferico che può moltiplicare il potere della forza gravitazionale. (144-213, 24.4.1986)

Il sistema di coppia deriva dal concetto dei partner soggetto e oggetto; perché abbiamo bisogno dei partner soggetto e oggetto? Esistono per l’amore. Il concetto dell’amore dà origine ai partner soggetto e oggetto; poiché i partner soggetto e oggetto esistono, interagiscono, e poiché interagiscono, si produce l’energia. Gli scienziati di oggi hanno solo questo. Ecco perché dobbiamo chiarire questa teoria. «Ah! E così che avviene l’azione. Prima che ci sia l’azione ci devono essere un partner soggetto e un partner oggetto, e prima ancora ci deve essere l’amore». Nell’ordine inverso sarebbe così: affinché ci possa essere l’energia, deve aver luogo l’azione e affinché abbia luogo l’azione, ci devono essere i partner soggetto e oggetto, e prima dei partner soggetto e oggetto ci deve essere l’amore. (247-119, 1.5.1993)

In ogni ambiente ci devono essere dei partner soggetto e oggetto. Di conseguenza tutto il mondo, così come Dio l’ha creato, esiste in un sistema di coppia. Il sistema è semplice: il mondo minerale, il mondo vegetale, il mondo animale e il mondo umano sono tutti costituiti da coppie. Da che cosa sono formati? Da maschio e femmina. (251-120, 17.10.1993)

L’azione precede la forza. L’azione non si compie da soli, ha bisogno dei partner soggetto e oggetto. L’universo si regge sul principio e la formula del sistema di coppia. È un sistema di coppie. Questa è la conclusione. Guardate come è semplice il mondo. Il regno minerale esiste in coppie. In pratica è così per ogni cosa. Le piante, gli animali e gli esseri umani lavorano all’interno del sistema della coppia. Dio stesso ha caratteristiche duali. Questa è una verità e una formula eterna. (299-154, 10.2.1999)

Tutta la creazione è stata strutturata secondo un sistema di coppie. Così anche i cinque nostri organi di senso, come gli occhi, le orecchie e labbra per parlare, sono in coppia, in modo da poter percepire le cose. Qualunque cosa priva di una parte complementare sarà bandita dall’universo, dal mondo creato. (279-41, 9.6.1996)

Tutto esiste nel sistema di coppia dei partner soggetto e oggetto. La forma completa per qualsiasi cosa si ha come coppia, e così tutto segue questo principio. Fra il corpo e la mente, secondo voi chi è più coscienzioso e più vicino al bene? La mente, più del corpo, è dalla parte del bene; perciò se seguite la vostra mente originale, arriverete in cielo, mentre se seguite il vostro corpo, tutto ciò che otterrete sarà distruzione, annientamento, inferno e rovina. (303-33, 4.7.1999)

2.2. I partner soggetto e oggetto nel rapporto d’amore

La domanda è per quale ragione ha avuto origine l’universo. Questa è la domanda fondamentale discussa nei circoli accademici, religiosi e filosofici che non ha ancora trovato una risposta. Noi esseri umani siamo il centro dell’universo, eppure non conosciamo nemmeno la risposta alla domanda perché siamo venuti al mondo. Inoltre, il regno minerale, vegetale e animale sono collegati orizzontalmente in tre stadi con al centro l’umanità e ognuno di questi regni è incluso nel sistema della coppia. Finora avevamo solo una vaga idea del perché sono tutti stati creati in coppia, ma per l’esattezza tutto questo ha avuto origine a causa dell’amore. (253-219, 30.1.1994)

Quali sono i principi fondamentali dell’universo? Poiché tutta la creazione ha avuto origine dall’amore, per trovare e realizzare l’amore, ci devono essere l’aspetto maschile e femminile. Nel caso degli animali, sono il maschio e la femmina; e nel caso delle piante? Sono lo stame e il pistillo. Nel regno minerale, il maschio e la femmina sono gli ioni positivi e negativi della molecola. Tutto esiste come maschile e femminile. (273-91, 22.10.1995)

Cosa bisogna fare perché l’azione possa aver luogo? È necessaria una qualche forma di rapporto. Un più che si unisce ad un altro più non produrrà nulla. L’origine di tutti i fenomeni dell’universo, anziché essere una forza esistente, ha avuto inizio da una certa azione che poi si è espansa per formare il mondo d’armonia, e questa azione non ha potuto aver luogo solo con una componente più. L’azione inizia dove più e meno hanno uno scambio di dare e ricevere, e perciò, perché ci sia l’azione, devono esserci i partner soggetto e oggetto. Ecco come vediamo le cose; di conseguenza ogni cosa ha il suo rispettivo oggetto. (115-198, 15.11.1981)

Persino le cose molto piccole esistono come maschio e femmina. In altre parole, sono formate dal maschio e dalla femmina, o dal più e dal meno. Le molecole sono costituite dagli ioni positivi e negativi; in realtà tutto esiste in un rapporto reciproco, un rapporto soggetto-oggetto. Secondo voi, che cosa piace a Dio? Dal momento che Dio ha creato il più e il meno, il maschile e il femminile affinché si amino, a Dio piace vedere la realizzazione dell’amore attraverso di loro. Quali sono gli elementi fondamentali dell’universo? Sono i partner soggetto e oggetto, il maschio e la femmina. (278-100, 1.5.1996)

Se esploriamo i principi fondamentali dell’universo, vediamo che tutto il lavoro creativo nasce dal rapporto soggetto-oggetto. Se indaghiamo più a fondo, sorge la domanda: perché è necessario il rapporto soggetto-oggetto? Per innescare l’azione, e l’azione è il requisito indispensabile per il movimento. Ecco come funziona. Ogni cosa che esiste al mondo è in uno stato di costante movimento. Anche voi siete in movimento, non è vero? Qualcosa scorre fra voi e me come soggetto e oggetto. (240-16, 13.12.1992)

Come nel caso dell’elettricità, dove le cariche positive e negative si scontrano e producono la luce, quando i partner soggetto e oggetto si uniscono, emetteranno una luce universale perché funzionano alla stessa maniera dell’elettricità. Dentro questa piccola lampadina ci sono le connessioni per la carica positiva e negativa, ma questo da solo non basta. Solo quando la lampadina è collegata ad una centrale elettrica mediante una stazione sussidiaria, in altre parole solo quando questa lampadina è nella posizione di risultato ed è collegata alla centrale elettrica che è l’origine, può emettere luce incessantemente. Questa è la semplice conclusione. (73-331, 13.10.1974)

L’essenza fondamentale dell’universo è il concetto del partner soggetto e oggetto anziché quello dell’energia. L’essenza dell’universo parte da questo concetto dei partner soggetto e oggetto. Ci devono essere i partner di tipo soggetto e di tipo oggetto. Ci deve essere sia un partner soggetto che un partner oggetto. Dio è nella posizione di soggetto e l’umanità è nella posizione di oggetto. Perché Dio creò gli esseri umani? Perché, in quanto soggetto, Dio non poteva fare a meno del Suo oggetto. Poteva sentirsi stimolato solo in presenza di un oggetto. Stimolato da cosa? Dio avrebbe ricevuto uno stimolo dalla verità, dalla bellezza e dall’amore, ed è per questo motivo che creò gli esseri umani. (67-50, 19.5.1973)

L’energia fondamentale dell’universo è prodotta da un’azione che assume la stessa forma dei rapporti d’amore di dare e ricevere nel mondo fisico. Così tutte le cose esistenti, senza eccezione, devono essere coinvolte in un rapporto soggetto-oggetto, perché altrimenti non possono esistere in questo mondo. (48-9, 31.8.1971)

Qual è l’idea fondamentale dietro l’universo? Nemmeno i filosofi sanno da dove è venuto questo concetto. Viene dal vero amore! Dio esiste per l’amore. Abbiamo bisogno di Dio per l’amore, ed Egli esiste a causa dell’amore. Persino Dio è nato per l’amore. Quindi il concetto dell’amore esisteva ancor prima che nascesse l’universo. Affinché questo concetto dell’amore si possa realizzare, ci devono essere maschio e femmina, positività e negatività. Ogni cosa esiste in una di queste due forme. (247-119, 1.5.1993)

L’essenza fondamentale dell’umanità e dell’universo incorpora la relazione fra partner soggetto e oggetto. Così tutto nasce per la sua controparte. Non c’è nessuna entità che non ha un partner soggetto e un partner oggetto. Non è così anche per il mondo minerale? All’interno della molecola gli ioni positivi e negativi sono nella posizione di partner soggetto e oggetto. Nelle piante ci sono lo stame e il pistillo, nel mondo animale il maschio e la femmina e nel mondo umano l’uomo e la donna. Ogni cosa ha bisogno di una relazione reciproca. (260-252, 19.5.1994)

Qual è l’origine dell’universo? Da che cosa ha avuto inizio l’universo? Ha avuto origine dall’amore. Gli scienziati credono che l’universo sia costituito da energia. Capiscono che, dal momento che ha luogo l’azione, come fonte dell’azione ci deve essere l’energia. Se c’è energia, ci sarà l’azione. Allora, che cosa viene prima, l’azione o l’energia?

Quando un ragazzo sta crescendo, l’energia dell’amore non agisce su di lui.

Cresce come un uomo attraverso l’azione; la sua mente e il suo corpo interagiscono e gli permettono di diventare adulto. Quando, dopo aver raggiunto la maturità, incontra una donna, ecco che si produce un’energia orizzontale. L’energia può emergere solo da un’azione reciproca. In altre parole, prima che possa esistere l’energia, ci deve essere l’azione. Allora, da dove ha origine questa azione reciproca? Viene dal rapporto soggetto-oggetto. La mente e il corpo di una persona e anche tutte le altre cose esistono in un sistema di coppia.

Tutti e due gli occhi hanno bisogno di essere a fuoco, e anche le narici devono lavorare insieme. Tutto esiste in un sistema di coppia. (247-119, 1.5.1993)

Qual è la formula della ricreazione? L’universo è costituito da elementi più e meno. Se guardiamo la molecola, ci dice molto con i suoi ioni positivi e negativi. Tutto esiste su una base reciproca. L’atomo contiene i protoni e gli elettroni. Tutto è così, perché questa è la base su cui si è formato l’universo: lo stame e il pistillo nelle piante, il maschio e la femmina negli animali e l’uomo e la donna negli esseri umani. Tutti gli esseri funzionano in un rapporto reciproco. Quindi tutti devono rientrare in un ordine basato su un principio. Poiché Dio è il soggetto, devono essere messi sotto il Suo controllo. Se nella creazione non viene stabilito un dominio unificato di rapporti reciproci, secondo la volontà divina, per Dio non ci può essere nessuna gioia in tutto il creato. (247-183, 9.5.1993)

Esistono due tipi di vero amore, uno verticale e uno orizzontale e l’universo si muove in accordo a questo principio. Dovete capire che l’universo è stato costituito nello stesso modo e che il mondo vegetale, animale, minerale sono tutti impegnati in relazioni fra partner soggetto e oggetto. Il fatto che ogni cosa riflette la forma sferica formata dal rapporto fra un asse verticale e un oggetto che ruota, indica che, indipendentemente dal suo livello di esistenza, ogni cosa originariamente ha avuto inizio con l’amore come modello in accordo ai principi fondamentali dell’universo. (217-96, 4.5.1991)

Guardate questo mondo e l’universo; nel regno minerale ci sono gli ioni positivi e negativi, nel mondo vegetale c’è lo stame e il pistillo e nel regno animale c’è il maschio e la femmina. Al giorno d’oggi dicono che ci sono addirittura dei batteri maschi e dei batteri femmine. Tutto è destinato ad unirsi sulla base dell’amore nel suo dominio appropriato. Attraverso l’osservazione possiamo vedere che questo universo basato sul sistema della coppia è stato creato così, in modo che quando l’amore ideale degli uomini e delle donne, che rappresenta il cielo e la terra, si unisce, il resto della creazione può collegarsi ad esso e sostenerlo. Come per costruire una casa è necessario prima porre le fondamenta, così Dio creò ogni cosa secondo il sistema della coppia per il bene dell’umanità. Probabilmente avrete visto questo fra gli animali. Quando il maschio e la femmina vanno in giro insieme e la femmina viene attaccata, il maschio la proteggerà fino alla morte. Dopo aver messo al mondo i loro piccoli, rischieranno la vita per loro. Questa è la via dell’amore ed è così perché ha le stesse caratteristiche dell’origine. (222-123, 28.10.1991)

Prima che possa aver luogo l’azione, ci devono esseri i partner soggetto e oggetto. Per questa ragione Dio stesso, che è l’origine dell’universo, ha bisogno di avere il Suo carattere interiore come soggetto e la Sua forma esteriore come oggetto in una coesistenza eterna, centrata sul concetto dell’amore. Solo nell’amore può esserci la vita eterna. (209-87, 27.11.1990)

La struttura dell’universo non è stata creata a casaccio. Questo immenso universo risponde al rapporto reciproco di soggetto e oggetto, svolge l’azione di dare e ricevere, e continua a seguire la strada di questa legge eterna. Solo seguendo questo binario della legge, l’universo può esistere per sempre. Se non lo facesse, non potrebbe continuare ma andrebbe incontro alla distruzione.

Proprio come noi possiamo continuare la nostra esistenza quando abbiamo digerito bene il cibo che abbiamo mangiato, e il nutrimento è stato fornito in modo appropriato a tutte le parti del corpo attraverso i vasi sanguigni, così anche l’universo ha bisogno di essere rifornito in modo efficiente. Può continuare a esistere solo attraverso un sano scambio di dare e ricevere. (182-116, 16.10.1988)

Perché Dio ha creato l’universo? L’ha creato per l’amore che è l’origine; è per questo che tutte le cose nel mondo della creazione sono state fatte secondo il sistema della coppia. Non c’è una sola forma di esistenza che non è in coppia. Il mondo è pieno di coppie.

Che cos’è l’ideale di creazione di Dio? L’ideale di Dio, basato sul Suo amore, era elevare gli esseri umani come un pilastro d’amore e far sì che tutta la creazione vivesse insieme attorno alla base di quel pilastro. Gli esseri umani si trovano al centro di un universo che li avvolge completamente.

Che cos’è l’ideale di creazione di Dio? Che cos’è la volontà di Dio? La risposta è che se la Sua volontà fosse diretta verso il potere o la conoscenza, andrebbe e dovrebbe andare incontro alla distruzione. Invece è diretta verso l’amore. L’amore è la sua destinazione. (185-165, 8.1.1989)

La domanda è: perché l’atto di dare vi fa prosperare, e perché dando siete portati a svilupparvi ancora di più? La risposta è che questo corrisponde all’origine, proprio quando all’inizio Dio creò l’universo. Dio creò forse il mondo in modo da poterne trarre qualcosa? Dio vuole dare al mondo. Più date, più crescete. Se gli Stati Uniti in tutte le loro iniziative adottassero il concetto di dare, la loro influenza crescerebbe. Se continuerete solo a prendere, tutto ciò che avete diminuirà. Dando, partecipate al principio di creazione di Dio, e l’universo può assistervi e sostenervi. (183-323, 9.11.1988)

Il vero amore, l’origine fondamentale dell’universo, è su una perpendicolare perfetta che rappresenta lo standard per misurare tutte le cose. Nel regno animale ci sono i maschi e le femmine. Che siano a sinistra o a destra, che siano positivi o negativi, tutti gli esseri del mondo amano sulla base del verticale e dell’orizzontale secondo il loro livello. Non sperimentano tutti l’amore? Se ci fosse una linea verticale perpendicolare ed una linea orizzontale piana, il punto in cui si incontrano sarebbe il luogo della loro esistenza. In questo senso, il mondo è un museo vivente dell’amore. Persino gli uccelli rischiano la loro vita per l’amore. La stessa cosa vale per gli animali, in pratica per tutto, persino per le piante e i minerali. Gli elementi chimici sono costituiti da ioni positivi e negativi e stabiliscono delle azioni reciproche con le loro controparti appropriate. (198-360, 11.2.1990)

Dove ha avuto inizio l’origine dell’universo, l’origine del movimento? Anche nel caso dei corpi celesti, i pianeti orbitano attorno al sole come punto centrale. Quel sistema solare diventa il nucleo collegandosi ad un altro corpo grande. Con questo scenario, che aspetto avrà l’intero universo? Che aspetto avranno tutte le forme di esistenza di questo vasto e infinito universo? Saranno tutte in movimento, impegnate in movimenti che formano un’unica forma sferica. L’universo formato da stelle in costante movimento a volte si espande e a volte si restringe. È come dire che respira. Persino la terra si espande e si contrae. Lo sapevate? La sua dimensione si alterna, dilatandosi e restringendosi nel corso del tempo. (22-174, 3.11.1991)

Quando uno effettua un movimento di rotazione, su cosa desidererà centrarsi? Sul vero amore. Questa è l’origine dell’universo. Cosa succederebbe se sia l’uomo che la donna volessero ricevere? Se insistessero tutti e due a voler ricevere, dovrebbero scontrarsi frontalmente, perché ognuno dei due cercherebbe di dominare l’altro. Tutte le forme di esistenza dell’universo hanno bisogno di dare e di ricevere. Questo è il principio dell’esistenza, e perciò chi dà per primo diventa il soggetto. La persona che offre per prima è il soggetto. (123-227, 2.1.1983)

È più importante il vostro corpo o la vostra mente? La vostra mente. Al centro della mente c’è la vera mente, la quale attribuisce più importanza al vero amore. Poiché l’origine dell’universo è il vero amore, le persone che non hanno una mente di vero amore saranno messe al bando. Per essere sicuri che non saremo banditi dall’universo e dal momento che Dio cerca di insegnarci tutto, sia gli uomini che le donne devono allenarsi ad amare e a praticare il vero amore attraverso la loro vita coniugale. Così facendo, l’uomo e la donna devono unirsi e diventare i partner oggetto del vero amore di Dio, che è il “più” originale. Per essere pienamente in grado di dare e di ricevere attraverso questo rapporto, gli esseri umani devono diventare perfetti. (123-107, 19.12.1982)

Se ricerchiamo le origini dell’universo, arriviamo a Dio. Arriviamo a capire che Dio possiede le caratteristiche duali di mascolinità e femminilità. Come ha avuto inizio l’universo? Mettiamo un momento da parte la nostra discussione su Dio e pensiamo all’umanità. È chiaro che l’umanità è costituita da uomini e donne, o da partner soggetto e oggetto. Nel mondo minerale le molecole sono composte dagli anioni e dai cationi, le piante si riproducono attraverso lo stame e il pistillo, gli animali vivono come maschi e femmine e gli esseri umani come uomini e donne.

Ogni uomo pensa che i suoi organi sessuali appartengano a lui, e ogni donna pensa che i suoi organi sessuali appartengano a lei. Ecco perché il mondo sta andando in rovina. Tutti sbagliano riguardo la proprietà degli organi sessuali. Pensiamo tutti che l’amore è assoluto, eterno e ideale, ma se avessimo saputo chiaramente che la proprietà dell’amore eterno risiede nell’altro sesso, il mondo non rimarrebbe nella sua condizione attuale. Ci sono stati molti studiosi e ricercatori, ma nessuno di loro ha mai pensato a questo. Qualcuno di voi lo può negare? Se chiedete ai vostri genitori, nonni e bisnonni, agli antenati originali dell’umanità e persino a Dio, chi è l’origine dell’universo, sarebbero tutti d’accordo su questo punto. Questa è la legge universale. Questa verità rimarrà persino dopo che l’universo esiste da miliardi di anni. La conclusione naturale è che quando sarete davanti a Dio, Dio giudicherà se siete o non siete delle persone rette in base a questa legge immutabile. (279-244, 15.9.1996)

Tutti quelli che si aggrappano ad un’esistenza egocentrica saranno messi al bando. Quando guardate tutte le cose dell’universo, potete vedere che gli elementi minerali esistono in un rapporto di partner soggetto e oggetto, le piante esistono attraverso lo stame e il pistillo, il regno minerale con maschio e femmina e la stessa cosa avviene nel mondo umano. Il proprietario dell’amore originale non sono io ma il mio oggetto, e quelli che negano il loro oggetto non possono continuare ad esistere nel mondo dei rapporti reciproci. Saranno espulsi. Non avranno nessun valore utile. (280-63, 1.11.1996)

Sezione 3. L’origine dell’universo è l’amore

3.1. Il centro dell’universo è l’amore

Qual è l’asse centrale di tutto l’universo e del mondo spirituale? È l’amore. L’amore è l’origine della vita e della linea di sangue. Poiché sono nati attraverso l’amore, il loro movimento si conforma all’asse dell’amore. Il movimento non può avvenire a casaccio. Ha luogo solo fra partner soggetto e oggetto, e così ogni cosa si muove nella sua giusta posizione dopo aver formato un rapporto d’amore. Lo scopo di tutte le cose che si muovono è continuare la loro esistenza come frutto dell’amore eterno. Un’azione non può essere intrapresa da soli. (208-79, 17.11.1990)

L’origine dell’universo è l’amore. Come è venuto ad esistere Dio? L’amore è il centro di tutta l’esistenza. Perciò la conclusione a cui possiamo arrivare è che persino il Dio assoluto ha bisogno di un ideale al quale obbedirà in modo assoluto. Dove c’è completa obbedienza e liberazione ci sarà completa felicità. (198-237, 3.2.1990)

Su che cosa si basa il motivo fondamentale del movimento dell’universo? Non si muove centrato sull’uomo o sulla donna e nemmeno su Dio. La forza motivante che può muovere Dio e l’universo è l’amore. Per questo si dice che l’amore è l’inizio e la fine. Nella prima lettera ai Corinzi 13 è scritto: «Queste dunque sono le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e l’amore; ma di tutte la più grande è l’amore!» Perché deve essere così? Questo non è mai stato spiegato chiaramente. (185-157, 8.1.1989)

Perché dobbiamo praticare il vero amore? Perché l’universo ha avuto origine dal principio del vero amore. Perciò, attraverso questo amore, potete formare un rapporto con tutte le cose dell’universo. È semplicemente logico. Così in questo tipo di rapporto, se uno è sopra, l’altro sarà sotto, e se uno è a destra, l’altro sarà a sinistra. Ecco come sono disposte tutte le cose nel mondo minerale, vegetale e animale. Dio ha creato un mondo in cui tutti hanno il desiderio di dare come ha fatto l’origine, e perciò si può capire che l’universo è un luogo dove tutto esiste per donarsi agli altri. In questo senso ogni cosa cerca di essere assorbita in un essere di un livello superiore al suo. Da questo punto di vista, dove sarà la fonte della continuità dell’universo? La realtà dell’universo è che nel mondo dell’interazione, gli esseri inferiori danno volentieri a quelli che hanno un amore più alto. (128-291, 11.9.1983)

Il principio che consente all’universo di continuare la sua esistenza sono le condizioni ambientali che possono collegarsi all’amore ideale originale. Questo è l’attributo di tutto ciò che appartiene alla dimensione del movimento formata dal movimento sferico basato sul verticale e l’orizzontale. Allora come vi dovete comportare di fronte ai vostri genitori? Dovete contraccambiare il loro amore. Non dovete forse essere i loro partner? Possiamo giungere alla conclusione che per unirvi a loro dovete diventare la controparte dei vostri genitori. Solo quando siete diventati i destinatari del vero amore, questa unione si può realizzare. Senza il vero amore non ci può essere una completa unità. (288-89, 16.11.1997)

Le persone centrate su Dio sono come il Suo corpo, e ogni cosa dell’universo è creata per noi come simboli, come riflessi della sostanza di Dio, del Suo corpo. Tutte le cose dell’universo sono modellate ad immagine di Dio. Ognuna di loro è stata creata con Dio come il Soggetto originale, che siano in immagine o in forma simbolica. (153-119, 15.11.1963)

Come ha cominciato ad esistere l’universo? La risposta non è né la teoria dell’evoluzione né il creazionismo. Prima del concetto della creazione o dell’evoluzione c’erano il maschio e la femmina. Perché hanno avuto origine il maschio e la femmina? È stato a causa dell’amore. L’amore è la formula. (280-60, 1.11.1996)

Dio vuole un partner d’amore migliore di Lui. Non desiderate anche voi che il vostro oggetto d’amore sia migliore di voi? Per Dio è la stessa cosa. Dio è la forma completamente unita dei partner soggetto e oggetto, che è l’origine della creazione. Sta a questi due partner formare un’unione perfetta sulla base dell’amore. Da quel punto Dio è liberato. Là dove c’è l’amore, tutto il mondo della creazione canterà, danzerà, rotolerà e si unirà. Come sarebbe meraviglioso un mondo del genere! (276-123, 11.2.1996)

Quando costruiamo una casa sappiamo che deve essere perfettamente a livello e perpendicolare, altrimenti crollerà. Questo ci porta alla domanda fondamentale su come è venuto ad esistere l’universo. Dio stesso ha bisogno di amore. Pensate che se ne starà seduto sul Suo trono in cielo ad esclamare: «Oh! Mi piace l’amore!»? Se io mi mettessi a danzare da solo, coperto di sudore, non sarei considerato un pazzo? Ma non sarei così pazzo se danzassi guardando un fazzoletto. Non sarei considerato pazzo se danzassi e ridessi guardando qualcosa che è un decimo o addirittura un centesimo più piccolo di questo. Dovete riconoscere il fatto che la creazione assume un valore che corrisponde al criterio assoluto del valore relazionale. (179-229, 12.8.1988)

Dopo aver raggiunto la piena maturità, Adamo ed Eva sarebbero stati sposati da Dio. Su quella base, Dio, con la Sua forma esteriore e la Sua natura interiore, e con la Sua mascolinità e femminilità, sarebbe entrato nei loro corpi. Il padre che è il Signore della creazione, al posto della nostra mente, e il padre che si manifesta come gli esseri creati, al posto del nostro corpo, si uniscono sulla base dell’amore. In breve, ci saremmo uniti a Dio attraverso il vero amore, nient’altro: né la conoscenza, né il potere né i soldi. Sulla base del vero amore, si stabilisce l’immagine di Dio e si forma la famiglia. Il vero amore è estremamente importante. Se non sapete chiaramente questo, non potrete capire l’origine dell’universo. (286-16, 1.7.1997)

La gente del mondo ha l’idea di diventare il “numero uno” in termini di soldi, potere o conoscenza, ma tutte le cose collegate a Dio, l’origine fondamentale dell’universo, sperano che le persone diventino i rappresentanti basati sul vero amore. Dovete capire che questa è la strada desiderata in origine sia dall’umanità che da Dio. (179-33, 3.7.1988)

Non dite forse tutti che vi piace l’amore? Non lo state cercando? La domanda è: quale strada prenderete come la più diretta, la scorciatoia che vi porta all’amore, in accordo alla formula fondamentale dell’universo? (184-58, 13.11.1988)

Qual è l’origine dell’universo? Dio è un essere assoluto che ha il potere, ma il potere non è l’origine, né tanto meno lo è la conoscenza. Allora sarà il denaro? Viste dall’altro mondo, le persone che cercano di fare dei soldi per loro stesse è come se stessero raccogliendo spazzatura e cose inutili. Quelli che guadagnano soldi stanno raccogliendo materiale di scarto. Le persone come me possono avere dei soldi, ma io non userò dei soldi che sono stati raccolti in questo modo. (191-18, 24.6.1989)

In che modo Dio ha creato il cielo e la terra? Solo gli esseri umani, nessun altro, possono essere i Suoi partner oggetto. Così Dio si è dedicato al 100 per cento. Allora perché si è dedicato così tanto anche se era il Re della saggezza? Dopo aver investito tutto, Dio ha raggiunto la posizione zero, la posizione di annullamento, mentre il Suo oggetto ha ottenuto il 120 per cento; volendo spiegare questo in termini di pressione atmosferica, il luogo dove Dio alla fine si verrà a trovare è un vuoto, il punto di pressione più bassa, mentre il Suo oggetto sarà in un’area di pressione alta. Questa situazione creerà immediatamente un’azione circolare che si rinnova secondo i principi della generazione spontanea e del movimento. Così, se investirete costantemente voi stessi nel vostro oggetto, alla fine esso sarà accerchiato, non è vero? Sarà completamente circondato. E con cosa lo circonderete e avvolgerete? Con l’amore. Poiché l’origine dell’universo è l’amore, questo è ciò che avverrà in base a tale principio. (196-320, 12.1.1990)

L’origine fondamentale è l’individuo. La famiglia, la tribù, la nazione e il mondo derivano tutti da lì. È così, indipendentemente da quanto quell’origine fondamentale sia piccola; la perpendicolare è uguale, a novanta gradi. Così, con questo come asse centrale, se il vero amore si espandesse da lì in tutte le direzioni, tutta la terra sarebbe lo stesso unita attraverso il vero amore, e non importa in quale parte dell’universo voi foste, l’universo sarebbe riempito. Quando succederà questo, in qualunque momento tutti potranno dire gli uni agli altri: «Bene! Tu sei proprio come me!» Sarà lo stesso dovunque andrete, sia in senso verticale che orizzontale. (207-58, 28.10.1990)

Nel corso della storia umana e persino quando le persone hanno trasceso l’universo, gli esseri umani hanno sempre bisogno dell’amore. Non possono mai separarsi dal concetto dell’amore, che sia notte o giorno, che siano giovani o vecchi, che siano morti o in qualunque tempo o luogo si trovino. Perché? Non possono fare a meno di essere in questo modo perché la loro origine è fatta così. Solo l’amore può, persino adesso, esercitare la capacità creativa. Senza l’amore, questa capacità non può entrare in funzione. Tutto si muove guidato dalla forza dell’amore che è come una centrale elettrica. (133-64, 8.7.1984)

Dio sarebbe indubbiamente in grado di creare l’amore, ma possedere quell’amore è tutta un’altra cosa, perché l’amore non può essere posseduto da soli. Ci vogliono due persone. Nemmeno Dio può cercare l’amore da solo. Quale sarà allora il suo criterio di misura originale? Cosa sarà questo prototipo del quale esiste un solo esemplare, capace di misurare l’intero universo e il mondo eterno? È un problema fondamentale. La risposta è l’amore. Perciò non è – e non deve essere – influenzato dai cambiamenti delle quattro stagioni. (137-235, 3.1.1986)

Perché siamo creati per vivere legati dai vincoli dell’amore? Gli esseri umani sono destinati a vivere prigionieri dei legami dell’amore cercato da Dio e dall’universo e attraverso il quale questo mondo può raggiungere l’armonia. Se è così, quelli che non hanno dei legami d’amore e che perciò non hanno nessuna base nella mente per poter diventare felici, possono aspettarsi di avere una vita felice? No. Il risultato può essere la felicità se la base è sbagliata? È su questa base che la storia ha le sue radici. (138-265, 24.1.1986)

Quando raggiungerete lo stato di unità tra la mente e il corpo, sarà uno stato come quello sperimentato da Buddha. Sarà lo stato in cui potrete sentire: «In tutto il cielo e la terra, io solo sono il Signore». Quando siete nel centro, ogni forma di energia nella sfera dell’amore non potrebbe entrare in azione senza passare attraverso quel centro. In altre parole, qualsiasi azione che non passa per quel centro non potrebbe esistere. Ogni azione nell’universo della creazione si è espansa sulla base di questo principio.

Tuttavia, l’asse dell’amore non si è formato. Il nucleo non si è costituito, e non solo per l’umanità. Esprimendo l’amore fra gli individui, all’interno della famiglia, nelle tribù, nei popoli e nelle nazioni che derivano dalla famiglia, o l’amore insegnato dai santi e dai saggi, finora l’umanità non è riuscita a comprenderlo secondo i criteri dell’origine. (141-113, 19.2.1986)

Se, riflettendo sull’origine dell’universo, pensiamo a cosa viene prima – la vita o l’amore – scavando più a fondo scopriamo che non può venire prima la vita. Poiché Dio è la fonte della vita, su quale base desidererà vivere e continuare ad esistere? Che base sarà? Vorrà esistere sulla base della pace. E che cosa stabilisce questa base? La vita o qualcos’altro? Questa è un’altra domanda su cui riflettere. La vita non potrebbe realizzare questo. La pace può essere stabilita da qualcosa che trascende gli stadi ordinati della creazione e va oltre la posizione inferiore o superiore dei partner soggetto e oggetto, riconoscendo il loro valore comune. E che cos’è? È il vero amore. (173-84, 7.2.1988)

Conoscete sicuramente la riproduzione cellulare. Anche se prendeste solo una cellula, un altro occhio, un altro naso o qualsiasi altro organo potrebbe svilupparsi da essa. Vale la stessa cosa per i capelli, i piedi, in pratica per ogni cosa. Tutto è così. Le cellule collegate al vero amore hanno lo stesso valore dell’universo. Allora perché il vero amore fa così? Perché è la causa e nello stesso tempo il risultato. È il motivo e nello stesso tempo lo scopo. (216-288, 14.4.1991)

L’amore esiste in tutto l’universo e non c’è neanche un essere che non sia collegato ad esso. Persino una cosa banale come un ciuffo d’erba esiste sulla base dell’amore. I minerali esistono per mezzo dei cationi e degli anioni, che sono tutti in movimento per l’amore. (289-129, 1.1.1998)

Per quanto piccolo, il regno del cuore creato attraverso il vero amore si collega all’universo, e gli effetti di tutto ciò che accade lì si ripercuotono dovunque, persino nel mondo spirituale. Questo perché il cosmo, compreso il mondo spirituale, esiste sotto il principio del vero amore di Dio senza nessuna discriminazione. Le relazioni di vero amore fra verticale e orizzontale, davanti e dietro, e fra Dio e l’umanità sono le origini di questi rapporti ideali di vero amore tra gli esseri umani stessi. La perfezione del vero amore si può realizzare solo nelle famiglie ideali che hanno stabilito i quattro grandi regni del cuore. (260-128, 1.5.1994)

Qual è l’essenza dell’amore? Che tipo di amore è? Che genere d’amore? Le relazioni sessuali occasionali e il sesso libero che oggi prevalgono negli Stati Uniti sono espressioni d’amore? Questo tipo di comportamento non ha niente a che fare con l’amore originale. Allora, che cos’è l’amore originale? L’amore è l’inizio e la fine. L’universo è venuto ad esistere innanzitutto a causa dell’amore. È alla ricerca del vero amore. Nella Bibbia Dio dice di Sé stesso: «Io sono il primo e l’ultimo, l’inizio e la fine». Che cosa significa? Con queste parole si riferisce all’amore originale. (255-56, 5.3.1994)

Perché dovete vivere per amore degli altri? Perché dovete farlo quando non lo volete fare? Siete legati dai vincoli dell’amore che si collegano a tutta la creazione. I legami dell’amore avviluppano il vostro corpo. In questo tempo, tutte le cose e tutte le persone hanno le braccia aperte e chiedono di essere avviluppate più in fretta. Vogliono crescere rapidamente e occupare l’universo dell’amore. Vogliono possedere non solo l’universo dell’amore, il partner oggetto, ma persino Dio, che è l’origine dell’amore. (278-142, 5.5.1996)

Pensate che Dio sia sempre felice? Voi siete felici tutto il tempo? No. Ma quando possedete il vero amore, allora persino la vostra tristezza sarà assorbita da quell’amore. Da questo possiamo capire che il desiderio originale degli esseri umani è far sì che l’autorità assoluta dell’amore sia in una posizione superiore a qualunque altra cosa dell’universo, non importa quale forma individuale di autorità o conoscenza, o quale velleità di affermarsi esistano. Da dove è venuto questo? È venuto dall’origine. Allora da dove è venuta l’origine? È venuta dal l’amore di Dio. Anche Dio desidera questo tipo di amore. (200-197, 25.2.1990)

All’inizio l’umanità è emersa da un concetto di lotta come quello del comunismo o da un concetto di armonia? Quale dei due? Volendo esprimerlo in termini di elettricità, direbbero che le cariche positive e negative sono in conflitto. Ma a cosa porterebbe questo? L’umanità ha avuto origine da una fonte di armonia e di unità. Perciò voi siete nati attraverso l’armonia e l’unione affettuosa di una madre e di un padre. È una realtà è innegabile. Sotto questo aspetto possiamo riconoscere che l’origine dell’universo, ossia la natura originale, ha avuto inizio da qualcosa che era unito e in armonia. (124-111, 1.2.1983)

In che modo potete diventare una persona verso cui tutto l’universo è indebitato, piuttosto che essere un suo debitore? Allora, non avete un’essenza fondamentale? Sì. Dipenderà dallo stato della vostra mente; dovete possedere la mente di un proprietario che può dire: «Mi dispiace» e «Grazie», che può contemplare le acque, i campi e le montagne, le pianure e i fiumi della Corea, anzi di tutta la terra e dire: «Grazie!» Dovete essere delle persone che provano gratitudine verso Dio e la natura, e vivono al loro servizio senza lamentarsi. Solo le persone con questo tipo di spirito possono diventare dei veri proprietari. (198-150, 28.1.1990)

3.2. L’umanità è il centro dell’amore nell’universo creato

3.2.1. Gli esseri umani sono gli oggetti dell’amore di Dio

Com’è grande il valore di un essere umano? Noi siamo quelli che Dio, appoggiandosi al Suo bastone, può desiderare ardentemente dopo migliaia di anni.

Quando io ho fondato la Chiesa dell’Unificazione, ho investigato e ho scoperto che il rapporto fra Dio e gli esseri umani è l’origine fondamentale dell’universo. Il rapporto interiore-esteriore fra Dio e gli esseri umani ha portato finalmente al riconoscimento di una visione del mondo basata sull’aspetto verticale e orizzontale dell’amore. Sviluppandosi in un rapporto tra sopra e sotto, e sinistra e destra, è potuta emergere la visione del mondo dell’amore verticale e orizzontale. Al centro di tutto questo dimora Dio. Quel luogo, che può essere legato con fermezza nella valle profonda della mente, è il centro degli aspetti verticali e orizzontali. Se non è fissato, lo standard verticale e orizzontale non può emergere come la forma ideale dell’amore. Per quanto lo standard verticale possa esistere, l’orizzontale non nascerà. Quindi, dovete sapere che Dio non aveva altra scelta che creare gli esseri umani in questo modo. (48-223, 19.9.1971)

Dio è un essere assoluto con un’idea assoluta sulla creazione, e quindi è alla ricerca di un oggetto dal valore assoluto. Questo è qualcosa che non può essere scambiato per nulla nel mondo della creazione. In termini di valore, l’essere relazionale è una forma di esistenza che non può essere scambiata nemmeno per Dio. “Il valore di stabilire un rapporto come un partner oggetto” sembra difficile da capire. Il valore di stabilire un rapporto come un partner oggetto, il valore del concetto di essere in una simile relazione, non può essere scambiato per nulla e per nessuno, nemmeno per Dio. Se Dio dovesse darlo in cambio di Sé stesso, finirebbe per rimanere solo. Sarebbe completamente isolato. Ecco perché Dio dona Sé stesso ed esaurisce la Sua forza, la Sua energia. È impegnato in una guerra di logoramento. Perciò dovete sapere che noi siamo gli esseri creati col valore di Suoi partner oggetto e che non possiamo essere scambiati nemmeno per Dio. Diventa molto chiaro che la forma di esistenza che ha un valore assoluto non è altro che l’umanità. Dio ci ha creato come esseri preziosi con questa idea in mente. (68-134, 29.7.1973)

Dio creò gli esseri umani per l’amore. Gli esseri umani sono diversi da tutte le cose della creazione in quanto sono stati creati come figli di Dio. Siamo stati creati come i partner oggetto che possono ricevere l’amore diretto da Lui. Questo è il nostro privilegio. (132-244, 20.6.1984)

A chi assomigliano gli esseri umani? Assomigliano a Dio. Ne consegue che Dio desidera l’amore allo stesso modo in cui lo desideriamo noi. Il mondo ideale della creazione basato sull’amore è la manifestazione dell’amore centrato su Dio, sia come Sua immagine, che come espressione della Sua immagine in forma simbolica. Il Principio Divino lo spiega così. Sulla base di cosa? Dell’amore. Quando il Dio che si manifesta è felice, la Sua immagine sarà automaticamente felice, e quando la forma in immagine è felice, lo sarà automaticamente anche la forma simbolica. Cos’è che determina questo fenomeno? Solo l’amore. (48-166, 28.5.1987)

Si dice che tra tutte le cose dell’universo le creature più preziose e sacre sono gli esseri umani. In parole semplici, significa che sono il centro di tutta la creazione. Sulla base di cosa sono il centro? Sulla base dell’amore. Cose come la conoscenza, il denaro o il potere non hanno alcuna importanza. Poiché Dio è il Creatore, può creare e possedere tutte queste cose per conto Suo, in qualunque momento. Tuttavia, l’amore è qualcosa che nessuno può cercare o possedere da solo. Senza eccezione, l’amore appare e si realizza attraverso un partner oggetto; nemmeno Dio può realizzare l’amore da solo. (272-275, 8.10.1995)

Dio per chi ha creato il cielo e la terra? Non per Sé stesso, ma per il partner oggetto del Suo amore. Allora chi è il partner oggetto del Suo amore? Si dice che tra tutte le cose del creato, la più preziosa e sacra è l’umanità. Questo vuol dire che solo gli esseri umani sono stati creati come il partner oggetto del Suo amore. Se analizzassimo le qualità essenziali dell’amore, troveremmo che includono i diritti dell’eredità, dell’eguaglianza e della partecipazione. Stando così le cose, se Dio facesse l’esperienza dell’amore, persino Lui, il Dio altissimo, onnipotente e universale, danzerebbe al ritmo dell’amore. (179-148, 1.8.1988)

La Chiesa dell’Unificazione insegna che persino Dio ha bisogno dell’amore. Non importa quanto Dio possa essere onnisciente, onnipotente, onnipresente e maestoso, ha bisogno di avere degli oggetti per il Suo amore, perché per principio l’amore si trova attraverso il proprio partner. Questi partner oggetto erano Adamo ed Eva. (121-173, 24.10.1982)

Anche se Dio può essere grande, assoluto, onnisciente e onnipotente, quando è solo non Gli può succedere nulla di buono. Il sostantivo “felicità” o l’aggettivo “buono” non si possono usare nei confronti di un essere isolato. Le parole “buono” e “felicità” possono avere un significato solo quando è stato stabilito un rapporto reciproco. Nessuno può dire di essere felice quando è solo. Quindi, persino il Dio onnipotente non può essere felice da solo. Ad esempio, immaginiamo che ci sia un musicista che canta stupendamente, ma che canta in solitudine. Sarà felice? Certamente no. Ha bisogno di un pubblico. Ciò che è buono può apparire solo nel processo di dare e ricevere. In modo simile, Dio per poter dire: «Buono!» non può essere solo. (65-20, 13.11.1972)

3.2.2. Il processo della maturità umana è riflesso nello sviluppo di Dio stesso

La creazione degli esseri umani mostra lo sviluppo di Dio stesso che si rinnova in modo sostanziale. Dio può trovare interesse e stimolo dalla loro creazione. La stessa cosa vale per gli esseri umani. Gli artisti disegnano con l’idea di creare dei capolavori e nel corso del loro lavoro esprimono pienamente e sostanzialmente la loro natura interiore. La spremono dal profondo di sé stessi, dal midollo delle loro ossa, e la investono nelle loro opere. (225-198, 20.1.1992)

Dove si può trovare la perfezione umana? L’uomo e la donna non hanno nessuna possibilità di diventare perfetti da soli, perché sono solo completi a metà; perciò possono arrivare alla perfezione solo attraverso una completa unione nell’amore. Per realizzare la sua perfezione, Adamo di chi ha assolutamente bisogno? Ha assolutamente bisogno di Dio in senso verticale. Per raggiungere la perfezione, Adamo ha bisogno di un legame sia verticale che orizzontale. Senza questi legami, non potrebbe generare il movimento circolare e sferico dell’amore. Per questo motivo, sul piano orizzontale ha assolutamente bisogno di Eva ed Eva, allo stesso modo, ha assolutamente bisogno di Adamo. (145-319, 1.6.1986)

Cos’è che Dio amava in Adamo ed Eva? Il fatto che Adamo ed Eva crebbero come Suo figlio e Sua figlia significa che anche Dio si è sviluppato in un modo simile. Anche Dio ha avuto un tempo in cui è stato come un neonato, come un fratello, uno sposo e un genitore, ed è per questo che li ha creati in questa maniera. Dio è un Dio invisibile che si è sviluppato in questo modo. Li ha creati così, come figli, fratelli e sorelle, e coniugi. (254-274, 15.2.1994)

Quando Dio creò Adamo ed Eva, in che stadio li creò? Non possiamo pensare neanche per un momento che li creò come persone adulte. Li creò come dei neonati. Se non partiamo dalla logica che Dio li creò in un modo simile a quello di una madre con un bambino che le cresce in grembo, non abbiamo nessun modo di spiegare il processo di crescita attraverso i tre stadi. In breve, Adamo ed Eva ebbero la loro infanzia, seguita dal periodo di crescita e di completezza. Questa è la via del principio celeste. (225-198, 20.1.1992)

Adamo ed Eva passarono attraverso l’infanzia, ma che genere d’infanzia sarà stata? Per rispondere a questo dobbiamo partire dalla logica che il Dio incorporeo poteva venire dal mondo incorporeo e passare attraverso un processo visibile; ossia Dio abbracciò e allevò dei bambini piccoli.

Allora in che modo una persona deve nascere, crescere alla piena maturità, avanzare allo stadio del matrimonio e diventare genitore? La crescita di un bambino mostra il processo di come Dio è passato attraverso i periodi della gioventù, della mezza età, della vecchiaia, ossia il bambino mostra in forma sostanziale il processo invisibile di come Dio si è sviluppato. Solo quando è stabilita questa logica, può emergere il concetto: «Genitore e figlio sono un corpo solo». Poiché uno rappresenta il verticale e l’altro l’orizzontale, si può stabilire la logica: «Il verticale e l’orizzontale sono un corpo solo». (225-198, 20.1.1992)

Adamo ed Eva come una coppia affettuosa che dà nascita ad un figlio sarebbero stati nella posizione di Dio come il Genitore, in cui il Suo essere invisibile, cioè la Sua natura interiore e la Sua forma esteriore, si sono uniti nell’amore creando i Suoi figli. Il primo creatore, il Dio invisibile, creò Adamo ed Eva come il secondo creatore visibile, e quando essi mettono al mondo i loro figli da questa posizione di secondo dio sostanziale, salgono alla posizione di genitori. Attraverso la crescita di questi giovani figli, la storia passata di Dio si manifesta in modo sostanziale, e questo comprende anche l’infanzia di Adamo ed Eva, il rapporto fra fratelli e sorelle, il matrimonio, la posizione di genitori. Per questo i genitori desiderano amare i loro figli ed essere vicini a loro perché essi sono il loro secondo io. (258-240, 20.3.1994)

La posizione di una coppia sposata è veramente stupenda. Lì la realizzazione della speranza accarezzata dall’umanità nel corso della storia fiorisce nella forma dei figli, dei fratelli e sorelle e degli sposi. In questo modo, proprio come Dio iniziò il Suo lavoro di creazione con l’amore, la coppia che rappresenta Adamo ed Eva inizierà a creare per conto suo attraverso l’atto di mettere al mondo i propri figli. Essi assumono la posizione di creatori sostanziali e nella posizione di creatori orizzontali generano a loro volta i loro figli. Questa è la creazione dei terzi creatori, ossia i figli.

Così i genitori allevano la loro prole come figli di Dio dalla posizione di genitori sostanziali al Suo posto, e in questa maniera sperimentano concretamente il modo in cui Dio ha allevato i Suoi figli. Anche Dio è passato attraverso un processo di sviluppo simile. È passato attraverso le fasi dell’infanzia, dei fratelli, del matrimonio e dei genitori. Quando i genitori danno nascita ai loro figli e li allevano sulla base del corso attraversato dal Dio incorporeo, possono vedere Dio, il primo creatore, il Creatore incorporeo.

Essendo nella posizione di secondi creatori, i creatori visibili, voi avete dei bambini, li allevate come fratelli e sorelle, e li fate sposare e formare una coppia. Ecco come Dio ha allevato Adamo ed Eva come Suoi figli e come fratelli e sorelle. La realtà che Dio voleva vedere stabilirsi e diventare sostanziale attraverso Adamo ed Eva era vedere il Suo aspetto incorporeo e interiore prendere forma. Questi sono i vostri figli e le vostre figlie. (263-148, 21.8.1994)

Il corso della creazione di Adamo ed Eva è il corso attraverso il quale Dio, come creatore, ha sviluppato sostanzialmente il processo di crescita dall’origine dell’esistenza fino ai nostri giorni, seguendo il principio intrinseco della creazione. Allora da dove ha avuto inizio? Nello stesso modo in cui le cellule più minuscole si riuniscono per formare le cellule più grandi, i feti passano attraverso i dieci mesi lunari della gestazione per nascere come maschi o femmine.

Perché? Se non fosse così, non avremmo nessuna possibilità di spiegare la logica di come si eredita la vita. In effetti non potremmo nemmeno stabilire la logica di come si sviluppa l’ereditarietà. Quindi è necessario che una forma essenziale invisibile e un’essenza della forma visibile si manifestino orizzontalmente sulla base di un rapporto di unità.

Detto in altre parole, ci deve essere una dimensione corrispondente del partner oggetto rispetto al partner soggetto. La natura interiore ha la capacità innata di unirsi e di comunicare con la forma esteriore sotto ogni aspetto fondamentale. Di conseguenza il processo di crescita dopo la nascita degli esseri umani è tale che il Dio invisibile e incorporeo può vedere il processo aver luogo attraverso delle forme sostanziali. Dio non può dunque fare a meno di amarci, perché ogni aspetto essenziale dentro di Lui si esprime e si manifesta attraverso di noi nella nostra vita di esseri sostanziali. Poiché la forma invisibile è trasferita nella forma visibile, in essa deve essere investito tutto. (225-198, 20.1.1992)

Quando Dio era nel processo di creare un partner oggetto attraverso il quale sperimentare l’amore, secondo voi a chi lo avrebbe fatto assomigliare? Sarebbe stato creato per assomigliare a Lui stesso. Per riflettere Dio, quel partner oggetto dovrebbe avere le caratteristiche sia maschili che femminili, proprio come Lui. Dio creò questo partner oggetto a Sua immagine, ossia prese ogni attributo della Sua natura interiore originale e manifestò queste forme di pensiero – questa natura invisibile – in forma sostanziale. Ecco come furono creati gli esseri umani. Quindi il libro della Genesi afferma giustamente che Dio creò l’uomo a Sua immagine. (170-167, 15.11.1987)

Il giardino originale è il mondo della felicità dove ogni cosa può essere in armonia con gli altri nel suo modo unico, di fronte al ritmo della gioia creata da Dio e dall’umanità attraverso la loro reciproca armonia. È dove ognuno, nel suo modo creativo personale, può danzare e fare ogni genere di attività armoniose sia simbolicamente che in forma di immagine. Quando questo avverrà, la creazione esclamerà: «Ah! Valeva la pena di nascere!» Non sarà forse il desiderio più grande persino delle creature più piccole del mondo, di partecipare al giorno gioioso della festa d’amore tra Dio e l’umanità e di condividere quella gioia con gli altri? (166-46, 28.5.1987)

Quando parlate di verità, secondo voi qual è la sua essenza? Non sono i soldi, il potere o la conoscenza. È l’amore. L’amore essenziale è nella posizione verticale e l’amore sincero si collega orizzontalmente. Quindi possiamo conoscere Dio osservando la Sua creazione e Adamo ed Eva, perché sono stati creati a Sua immagine.

Perché? Adamo ed Eva sono i partner soggetto che prendono la posizione di partner oggetto in relazione al vero amore verticale di Dio. Perciò, quando si uniscono completamente e creano una sfera d’amore che abbraccia tutte le direzioni, possono formare l’asse centrale che si collegherà a tutto il mondo, nonché a Dio e al mondo spirituale. (179-290, 14.8.1988)

3.2.3. L’umanità è il centro di tutti gli esseri creati

A chi assomiglia Dio? Assomiglia a noi, sia all’uomo che alla donna. La vostra mente non è forse invisibile? Vi piacerebbe vedere la vostra mente oppure no? Dio è la stessa cosa, se considerate questo da un punto di vista spirituale. Dio non ha un corpo. Finora non ne ha avuto uno perché Adamo non è riuscito a raggiungere la perfezione. Dio esiste come un universo simile alla mente, come un signore, un maestro, un custode e un genitore simile alla mente. (197-44, 7.1.1990)

Tutte le cose della creazione sono la base su cui Dio ha potuto creare i Suoi figli, una base che è collegata e ha un rapporto con loro. Questo comprende tutte le cose, dal regno animale al mondo minerale. Nel regno minerale si possono trovare il “più” e il “meno”, proprio come nel regno vegetale ci sono lo stame e il pistillo e nel regno animale ci sono il maschio e la femmina.

Il capolavoro più grande di tutti, creato amalgamando tutte le cose della creazione, è la forma interiore e l’immagine esteriore dell’essere umano. Questi aspetti si sono manifestati come la natura interiore e la forma esteriore dell’uomo e della donna e sono stati rivelati in simbolo, in immagine e in forma sostanziale, in modo da potersi collegare ed entrare in rapporto con tutta la creazione. (144-236, 25.4.1986)

Non è per i soldi, la conoscenza o il potere che Dio ha bisogno dell’umanità, il centro di tutta la creazione. È per l’amore, soltanto per l’amore. Se non fosse così, e Dio desiderasse soltanto di essere amato per conto proprio, non ci sarebbe nessuna cosa o persona ad amarLo. Se questa è la conclusione, non c’è dubbio che Dio vorrà creare in questo mondo un partner oggetto da poter amare. Tenendo presente questo, chi potrà essere questo grande e coraggioso partner oggetto del Suo amore in quel mondo? Tra tutte le creature di Dio, le uniche che soddisfano la condizione di essere dei partner oggetto perfetti, in grado di stare al cospetto di Dio, sono l’uomo e la donna. Dovete essere abbastanza coraggiosi da dire: «Io sono il signore dell’universo, sono la creatura più grande dell’universo». (148-308, 26.10.1986)

Dio creò tutte le cose della natura per moltiplicare la gioia e perpetuarne lo stimolo. Non le creò solo per sentirsi momentaneamente felice, ma per sentire Il Suo cuore pervaso profondamente dalla felicità e da una gioia stimolante ogni volta che le vedeva. Per questo motivo Dio creò ogni cosa con tutto il Suo cuore e la Sua devozione. Dopo aver fatto tutte le cose della creazione in cinque giorni, il sesto giorno Dio creò gli esseri umani con un cuore gioioso.

I nostri primi antenati, creati a Sua immagine, erano estremamente belli, preziosi, degni di lode, soddisfacenti, gloriosi e adorabili. (9-194, 22.5.1960)

Dio, essendo onnisciente e onnipotente, non ha bisogno della conoscenza, della capacità, del potere o dei soldi. Allora di che cosa ha bisogno? Di un partner oggetto che può amare. Questo partner oggetto non possono essere altro che gli esseri umani, che sono le creature più preziose e meravigliose fra tutti gli esseri del creato. Ho detto che quelli che Dio può amare più di tutti sono gli esseri umani, ma perché? Perché anche Dio ha bisogno dell’amore. L’amore è qualcosa che non si può sperimentare da soli. (112-291, 25.4.1981)

L’immagine invisibile di Dio è riflessa simbolicamente in tutte le parti del nostro corpo. A chi assomigliano i nostri occhi? A Dio! Per questo sono situati nella parte più infossata del volto, da dove osservano ogni cosa. Poi il naso, che simboleggia Adamo ed Eva, è posto al centro. Dopodiché viene la bocca che simboleggia tutte le cose della creazione ed è orizzontale. Per questa ragione in essa sono racchiusi quattro volte otto, ossia trentadue denti. Questo è centrato su tutte le cose del creato, sul numero quattro. Poi vengono le orecchie, che simboleggiano le quattro direzioni. Le sembianze che si trovano al di sopra del collo simboleggiano il cielo. In altre parole, sono il centro di informazione del cielo. (201-83, 4.3.1990)

Dov’è l’origine della vostra vita? Si trova nei genitori non caduti. Allora dove si trovano i genitori di bontà non caduti? Come Soggetto con le caratteristiche duali, Dio creò tutto l’universo e gli esseri umani a Sua immagine per manifestare in loro le Sue caratteristiche duali. Adamo è l’incarnazione delle Sue caratteristiche maschili ed Eva delle Sue caratteristiche femminili. Da questo punto di vista, anche se di solito Lo chiamiamo “Padre Celeste”, in quanto è solo un essere, in realtà il concetto di Dio comprende l’idea che Egli è “il Padre e la Madre Celeste”. (140-123, 9.2.1986)

Cosa sarebbe successo se i nostri primi antenati, Adamo ed Eva, non fossero caduti? Avrebbero raggiunto l’unità di cuore con Dio e dalla Sua stessa posizione avrebbero ereditato la Sua grande opera di creazione, e sarebbero stati con Lui nello stesso luogo di gioia dopo la creazione. Questo è il rapporto che si sarebbe formato tra Dio e l’umanità. Gli esseri umani originali, non caduti, sarebbero diventati il Suo tempio. (54-64, 11.3.1972)

Anche se Dio è nostro Padre e noi siamo i Suoi figli, ci sembra lo stesso di essere in un rapporto fra superiore e inferiore. In quei momenti cosa pensiamo? Nel nostro cuore abbiamo il desiderio che grida a Dio: «Padre, solo per una volta, lasciami prendere il Tuo posto. Voglio sedermi al Tuo posto!» Se Dio rispondesse a questo grido dicendo: «No, furfante! Non te lo permetterò!» allora quel rapporto si spezzerebbe. Perciò, Dio non ci può rispondere in questo modo. Al contrario, Egli sa che abbiamo questo desiderio nel nostro cuore e perciò ci incoraggerà dicendo: «Ma sì, certamente!» e ci cederà il Suo posto. Dio vuole che occupiamo il Suo posto mentre Lui lo lascia libero per entrare nel nostro cuore e dimorare in noi come Suo tempio. (54-89, 20.3.1972)

Quando avrete raggiunto l’unità fra la mente e il corpo, la forza dell’universo vi proteggerà. Quando avrete raggiunto questo stato di essere protetti dalla forza dell’universo, potrete avere un rapporto con i vostri genitori e i vostri fratelli e sorelle che hanno un rapporto analogo con l’universo. Allo stesso modo, dobbiamo tutti stabilire un rapporto del genere. In poche parole, tutte le persone attorno a voi saranno protette. Anche il vostro popolo e la vostra nazione devono formare questo rapporto. È una conclusione meravigliosa. Così, se andaste in un’altra nazione, mantenendo l’unità tra la mente e il corpo, potreste collegarvi anche al popolo di quella nazione. Funzionerà dovunque siete.

Nel football, cosa succede quando la palla smette di rotolare? Il punto [più alto] sulla superficie della palla forma una linea perpendicolare [con il punto di contatto con il terreno]. Per questo la sfera è considerata la forma più ideale. Quella perpendicolare potrebbe appoggiarsi in qualunque punto della sua superficie ed è in questo modo che la palla può rotolare dappertutto su qualsiasi superficie. Perciò, una volta che avrete raggiunto l’unità tra la mente e il corpo e formato una perpendicolare, vi adatterete dappertutto. Non importa se la persona che incontrate è un occidentale o un orientale, è una persona del passato, del presente o del futuro, potrete armonizzarvi in qualsiasi situazione. (205-53, 7.7.1990)

Quando seguite la strada lungo la quale vi guida la vostra mente originale, tutto l’universo si aprirà unendosi a voi. Avete bisogno di questo tipo di esperienze. Una volta che entrate in uno stato del genere, potrete comunicare con la vostra mente. Potrete instaurare un dialogo con la vostra mente. Non appena penserete di fare qualcosa, la soluzione sarà già lì davanti a voi. State progredendo verso questo stato. Non pensate che le persone che hanno raggiunto questo stato sapranno che strada devono prendere? Poiché conoscono già la via da seguire, tutte le forze dell’universo le aiuteranno. Una volta che sono condotte per mano là dove saranno messe alla prova, tutto verrà in loro aiuto. Solo allora sarà possibile per loro fare grandi cose. (120-313, 20.10.1982)

Guardando la natura potreste dire. «Oh, io non ho bisogno delle quattro stagioni. Mi piace solo la primavera; detesto l’estate, l’autunno e l’inverno! Ma se lo chiedeste a Dio, Lui vi risponderebbe: «Io amo tutte e quattro le stagioni». Perciò dovete imparare ad amare l’estate, l’autunno e l’inverno, anche se forse non vi piacciono. Quando d’inverno arriva la neve, Dio contempla il mondo ricoperto di bianco e prova un grande piacere. Perciò dovete dire anche voi: «Oh, piace anche a me!» È così che deve essere. (133-29, 1.7.1984)

Dovete essere capaci di guardare la natura con una mente simile a quella di Dio. Questa deve essere la vostra disposizione d’animo. Se c’è una burrasca o scoppiano i fulmini, non dite: «Uffa! Detesto queste cose!» perché Dio pensa: «Ah, ah, il cielo e la terra si baciano e fanno l’amore!» Dio dice a quelli che dicono di non amare queste cose: «Ah! Ah! Buoni a nulla, mascalzoni!» (133-29, 1.7.1984)

Dio, che è il Re della saggezza e il centro del cosmo, tra il partner soggetto e il partner oggetto dove metterà l’origine del vero amore, del vero ideale, della vera felicità e della vera pace? È qui che nasce inevitabilmente il dilemma. Da un lato c’è il partner soggetto, e dall’altro il partner oggetto; fra la strada di vivere per il partner soggetto o quella di vivere per il partner oggetto, il dilemma inevitabile per Dio, il Signore della Creazione, è dove devono essere messe le condizioni per l’ideale.

Riguardo il vero ideale, il vero amore e la vera pace, Dio doveva considerare se avrebbe dovuto mettere come centro il partner soggetto e porre quindi il principio originale dell’ideale nel fatto che il partner oggetto vive per il partner soggetto, oppure mettere come centro il partner oggetto e porre il principio originale dell’ideale nel fatto che il partner soggetto vive per il partner oggetto. Dopo aver riflettuto su questa questione, se Dio avesse stabilito come principio dell’ideale che il partner oggetto deve vivere per il partner soggetto e avesse aderito Lui stesso a questo principio, allora, nello stesso tempo, anche le persone, avendo il loro partner oggetto, avrebbero fatto loro la stessa cosa. In questo caso, la strada per raggiungere l’unità sarebbe stata bloccata. Dovete capire questo. (75-318, 16.1.1957)

Dov’è la via che conduce all’unità e all’origine della pace? Dio non aveva altra scelta che stabilire il principio che non solo Lui, ma anche tutti gli esseri umani devono vivere per gli altri. Quindi il vero amore, così come il vero ideale, la vera pace e la vera felicità, si possono realizzare vivendo per gli altri; non è possibile trovarli in nessun altro modo. Finora l’umanità non sapeva che questo è il principio fondamentale della creazione del cielo e della terra. (75-318, 16.1.1975)

Perché nascono gli uomini e le donne? Gli uomini non nascono per gli uomini ma per le donne e viceversa. Non nasciamo per noi stessi. Nonostante ciò, le persone mettono al primo posto se stesse. Il concetto di “me stesso” deve essere abbattuto. Quando questo sarà fatto, il mondo potrà essere unificato. (61-265, 1.9.1972)

Quelli che cercano di realizzare il loro valore non attraverso sé stessi, ma attraverso il loro partner – in altre parole sulla base del partner come modello – non saranno infelici. In qualunque momento e in qualunque luogo, il loro cuore ha un rapporto con il loro partner e quindi non saranno soli, ma in uno stato di felicità. (59-200, 16.7.1972)

L’armonia, la gioia o la felicità non possono essere realizzati se siete soli. Nemmeno l’Essere Assoluto può realizzarle da Sé stesso; deve avere un partner corrispondente. Un essere assoluto ha bisogno di una controparte assoluta, e un partner soggetto assoluto ha bisogno di un partner oggetto assoluto perché possano esserci felicità, armonia, gioia, danze e canti. (38-155, 3.1.1971)

Oggi i fedeli delle altre chiese proclamano: «Il Dio onnisciente e onnipotente è in essenza il soggetto glorioso di tutte le glorie, il soggetto felice di tutta la felicità e il soggetto di tutto l’amore e la vita, e quindi non c’è nulla che non si possa attribuire a Lui». Tuttavia, anche se può essere l’Essere Assoluto, senza un partner oggetto assoluto non potrà evitare di essere infelice. Persino Dio andrebbe a finir male se non potesse trovare il partner oggetto che può essere in una posizione assoluta. Senza un partner oggetto assoluto, persino l’Essere Assoluto sarebbe inevitabilmente infelice. Allora, per non finire in un fallimento, Dio non ha altra scelta che creare l’essere che sarà il Suo partner. (38-157, 3.1.1971)

3.3. Il mondo della creazione è un museo d’amore per l’umanità

3.3.1. La volontà di Dio nel creare l’universo

Tutte le cose del mondo sono state create da Dio come il manuale per aiutare i Suoi adorati figli a realizzare l’ideale dell’amore. Così sono state create con una struttura reciproca. I minerali manifestano un’interazione fra soggetto e oggetto, così come i protoni e gli elettroni nel caso dell’atomo. Nulla può mantenere la propria esistenza senza entrare in azione o in movimento. Quindi, con gli esseri umani come centro, l’universo è creato per raggiungere quel punto centrale. (137-59, 18.12.1985)

Dio creò prima tutte le cose dell’universo e poi i primi antenati dell’umanità nel giardino di Eden come loro signori. Nel creare gli esseri umani, Dio non voleva che fossero semplicemente una fonte di divertimento o di interesse per Lui. Dobbiamo capire che lo sforzo e la devozione che Dio investì, non solo creando gli esseri umani ma stabilendoli come il centro che rappresenta tutta la creazione, non possono essere espresse a parole. (20-205, 9.6.1968)

Nel creare l’umanità Dio non risparmiò nessuna fatica, impegnò tutte le Sue energie e riversò l’essenza del Suo essere, del Suo amore e del Suo affetto. La creò attraverso un collegamento che non poteva essere interrotto o troncato da nessuna forza. Avendo creato gli esseri umani in questo modo, la pace può dimorare in Dio quando posa il Suo sguardo su di loro, ed Egli può ricavare tutti i sentimenti di affetto e di felicità solo attraverso di loro. (20-207, 9.6.1968)

Dio è il Padre dell’umanità e noi siamo i Suoi figli. Poiché nel crearci Dio ha infuso il profondo delle Sue ossa, della Sua carne e del Suo midollo, se noi Lo tirassimo non potrebbe fare a meno di essere attratto da noi, così come noi non potremmo fare a meno di essere attratti da Lui, se Lui a Sua volta ci tirasse. In questo legame, Dio ha creato gli esseri umani perché si conformassero allo scopo della creazione. Se Dio componesse un saggio o una poesia per lodare l’umanità che è stata creata in questo modo, sarebbe il più grande capolavoro che nessun poeta o scrittore della terra potrebbe mai emulare. Il suo oggetto non sarebbe né Dio né la creazione stessa, ma l’umanità che rappresenta tutta la creazione. (20-207, 9.6.1968)

Che cos’è l’universo? È come il corpo di Dio, il Suo corpo visibile. È la Sua manifestazione. Così si stabilisce l’idea che possiamo amarlo veramente. Possiamo prendere coscienza del fatto che amiamo l’universo. Spesso vi accarezzate i capelli e quando qualcosa finisce sui vostri vestiti, la spazzolate. Perché lo fate? Perché queste cose appartengono a voi, sono parte di voi ed è naturale per voi desiderare di prendervene cura. Quello per cui vi dovete impegnare da ora in poi è permettere a Dio di dimorare nel centro della vostra mente, unirsi alla vostra mente, al vostro corpo e a tutte le cose, realizzando così un mondo unito. (86-173, 28.3.1976)

L’universo ha un’estensione di miliardi di anni luce. La luce viaggia alla velocità di 300.000 chilometri al secondo e 300.000 chilometri sono più o meno sette volte e mezzo la circonferenza della terra. In astronomia la distanza che la luce percorre in un anno si chiama anno luce. L’universo è talmente vasto che la luce che si muove secondo questa unità di misura dell’anno luce non può raggiungerne la fine nemmeno dopo miliardi di anni. (127-213, 8.5.1983)

Finora l’osservatorio di Greenwich ha scoperto stelle che distano dieci miliardi di anni luce dal nostro mondo, ma ora è giunta l’era in cui possiamo osservare delle stelle che sono distanti persino quindici miliardi di anni luce e presto potremo scoprirne altre ancora più lontane.

Questo universo ha una dimensione di circa 21 miliardi di anni luce, un numero basato sul Principio. Ecco quanto è grande. Per farvi capire meglio, diremo che la distanza percorsa dalla luce in un giorno partendo da qui è un giorno-luce, quella percorsa in un mese è un mese-luce, e la luce viaggia alla velocità di 300 milioni di metri al secondo. Per coprire questa distanza dovreste fare sette volte e mezzo il giro del pianeta terra. Sette volte e mezzo! Con uno schiocco delle dita la luce avrebbe già fatto il giro della terra sette volte e mezzo.

Viaggiando a questa velocità la luce avrà il mal di schiena, alla fine della giornata non riuscirà a pensare e dirà: «Non m’importa». E pensate che viaggia non solo per cento anni luce, ma per decine di migliaia di volte quella distanza, 100 milioni di anni luce. Da quando è partita saranno passati 100 milioni di anni luce e durante quel periodo saranno morte un milione di persone che sono vissute l’una dopo l’altra fino all’età di cento anni. Eppure, la luce non avrà ancora smesso di viaggiare.

Allora quanto sono lunghi 21 miliardi di anni luce? Durante quel periodo 210 milioni di persone che vivono fino a cento anni saranno morti, e la luce sarà ancora in viaggio. La luce non viaggia in linea retta, viaggia in cerchi. Questo è l’universo. (181-195, 3.10.1988)

3.3.2. Il mondo della creazione è il manuale d’amore per l’umanità

Dal punto di vista del principio del vero amore, Adamo ed Eva dovevano crescere osservando e imparando dal giardino naturale dell’amore creato secondo il sistema della coppia. Dovevano prendere coscienza di quello che avrebbero dovuto fare dopo essere cresciuti, osservando in che modo tutto era stato creato. La creazione è il museo di Dio, il museo dell’amore per educare Adamo ed Eva. Essi dovevano crescere osservando come tutte le creature nascevano in coppie di maschio e femmina, persino gli uccelli e le farfalle, e come sviluppavano affetto l’uno per l’altro e mettevano al mondo i loro piccoli.

Crescendo e raggiungendo la piena maturità, dovevano capire da soli che l’uomo è il principe dell’amore di Dio che rappresenta il più, e la donna è la principessa dell’amore che rappresenta il meno. Allora la donna avrebbe pensato tra sé: «Quell’uomo è proprio l’uomo di cui ho bisogno!» e avrebbe imparato a credere in lui, proprio come Adamo avrebbe pensato riguardo la donna: «Lei è veramente la donna indispensabile per me!» (201-161, 30.3.1990)

Noi cresciamo dall’infanzia alla giovinezza e raggiungendo l’adolescenza cominciamo a imparare. Questo è vero per tutti voi. Da bambini piccoli non sapete nulla e man mano che crescete chiedete: «Mamma, che cos’è questo?» oppure: «Papà, che cos’è quello?» e in questo modo scoprite e imparate cose nuove. Dopo aver imparato tutto sulla vita in questa maniera, l’uomo vede che tutte le cose del mondo sono in coppia. E capisce: «Ah! il regno animale è fatto in coppie, e anche gli insetti e ogni altra cosa del mondo, persino i fiori e i minerali!» Si rende conto del fatto che: «Sì, sono nella posizione di partner soggetto e oggetto, lavorano in quel modo e di conseguenza tutto viene fuori in una certa maniera! Mi sembra di dover seguire questa strada. Oh! Non è una strada da percorrere da soli!» (219-31, 25.8.1991)

Crescendo Adamo ed Eva imparano a conoscere il mondo. Mentre i due, il figlio e la figlia, crescono, contemplano il mondo e scoprono che è un museo d’amore fatto secondo il sistema della coppia. E da questo imparano: «Oh! I maschi e le femmine si piacciono così tanto. Persino la mosca esiste come maschio e femmina e anche la farfalla; in pratica si godono tutti la vita insieme in coppia. Vivono gioiosamente e hanno i loro piccoli!» Pensate che si sarebbero resi conto di questo oppure no? (200-246, 25.2.1990)

Per quale scopo Dio ha creato il cielo e la terra nel sistema della coppia? È il museo dell’amore, attraverso il quale Dio ci dice di vivere più felici degli uccelli, degli insetti, insomma più felici di qualunque altra cosa al mondo. (200-57, 23.2.1990)

In questo mondo ogni forma della creazione esiste in coppia e l’ambiente creato secondo questo sistema è il museo ideale dell’amore per l’umanità. Perciò, l’interazione nel mondo dei minerali avviene solo con i partner appropriati. Anche gli alberi e le piante hanno uno scambio di dare e ricevere e si riproducono con i loro partner. Avviene così anche per gli uccelli e per le cavallette nella famiglia degli insetti. Le cavallette non cantano anche loro? (199-309, 21.2.1990)

Poiché Dio ha creato il mondo in coppie, tutti gli elementi sono abbracciati dall’uomo e dalla donna. Che cos’è la natura? È un museo che insegna l’amore in modo che l’uomo e la donna possano amare. Perciò, se un uomo canta una canzone desiderando ardentemente la sua adorata moglie, qualunque cosa canti non sarà considerata un peccato. Sarebbe un peccato se commettesse la caduta. Quando una famiglia si disgrega a causa di problemi d’amore, e i principi del cielo sono violati, questo è un peccato; non è un peccato quando una coppia si ama sulla base di questi principi e promette solennemente: «Ti amo davvero, per sempre e sempre di più. Tu sei il mio sposo per l’eternità». Dovete capirlo chiaramente. (199-280, 20.2.1990)

L’universo è formato da un sistema di coppie ed è come un museo creato dal Dio d’amore. È un museo vivente. Non è pieno di ricordi antichi senza vita e senza un proprietario, come quelli del Museo Nazionale. Invece è pieno di ricordi viventi. (195-136, 7.11.1989)

Esiste un Dio vero e tutto ciò che Egli ha creato esiste in un rapporto di soggetto e oggetto in modo da poter rispondere ai requisiti dell’amore ideale. Così, ogni forma della creazione di questo universo è strutturata in coppia. Ci sono “marito e moglie” persino nei minerali. Non è questo il motivo per cui si attraggono? Sentite queste cose per la prima volta, non è vero? Anche se il ricercatore di un laboratorio si trasformasse in un tiranno e costringesse due elementi chimici fra loro incompatibili a combinarsi insieme, essi non reagirebbero. Nemmeno le parole: «Combinatevi!» da parte di Dio servirebbero a nulla. Tuttavia, se questi elementi sono tra loro compatibili, si combineranno anche se Dio ordinasse: «Non combinatevi! Non unitevi!» Da questo possiamo vedere che tutte le cose esistono in coppia a causa dell’amore di Dio. (177-271, 20.5.1988)

Dovete capire che persino delle forme minuscole di vita come gli insetti esistono in coppia sulla base dell’amore. La stessa cosa vale per il mondo minerale. Perché? A causa dell’amore. Pur appartenendo a un livello di creazione più basso, anch’esso, a modo suo, si riproduce attraverso l’amore. Questo universo è concepito per funzionare col suo sistema di rapporti perfettamente intrecciati in modo da realizzare l’ideale di creazione di Dio attraverso gli esseri umani. (293-308, 7.6.1998)

Poiché tutte le cose nel giardino di Eden facevano parte di un sistema di coppie, Adamo doveva guardarle e a tempo debito capire: «Ah! Io sono un uomo, un maschio, perché ho l’aspetto di un maschio; ma allora dov’è quell’essere che ha l’aspetto di una femmina?» Poi si sarebbe guardato in giro e avrebbe scoperto: «È Eva!» e i due si sarebbero sposati. In seguito, avrebbero notato: «Quando un maschio e una femmina agiscono in questo modo, danno nascita ai loro piccoli!» Ci sono tante donne che non desiderano sposarsi, ma nonostante tutto adorano i bambini. (288-304, 1.1.1998)

Poiché ogni cosa nel giardino di Eden era stata creata secondo il sistema della coppia, Adamo ed Eva potevano vedere con i loro occhi gli animali accoppiarsi e riprodursi e notare: «Le femmine e i maschi creano insieme un ambiente d’amore». Adamo ed Eva avrebbero imparato l’amore da loro, e alla fine avrebbero pensato: «Dobbiamo metterci insieme». Mentre stavano ancora crescendo, come deve essere stato complicato! L’uomo per natura è spericolato, perciò si arrampicava sulle montagne e correva di qua e di là; la donna, invece, restava a guardare stando seduta, e ogni giorno rimaneva in prossimità della loro casa. Sebbene diversi per carattere, erano destinati a imparare dall’ambiente che li circondava e ad essere attratti l’uno verso l’altra in modo naturale. (278-280, 26.5.1996)

Quando Adamo ed Eva si resero conto che tutto il mondo era costituito da rapporti fra coppie, avrebbero dovuto capire che non potevano vivere da soli. Chiunque può vedere che persino i cervi e le mucche esistono come maschio e femmina, si accoppiano e si riproducono. Poiché vedevano che tutti gli esseri del regno animale, gli uccelli, gli insetti, le api e i fiori facevano la stessa cosa, non avevano bisogno di essere istruiti su quello che conoscevano già. (264-58, 23.3.1993)

Ognuna delle vostre coppie è come un fratello e una sorella gemelli simili ad Adamo ed Eva nel giardino di Eden. Lì Adamo aveva soltanto la sua sorella più piccola. Lei era l’unica figlia senza nessun amico al mondo. Poiché nel giardino di Eden c’erano solo un uomo e una donna, Adamo avrebbe dovuto fare amicizia con Eva. Erano fratello maggiore e sorella minore.

Crescendo, Adamo ed Eva avrebbero dovuto imparare come tutte le cose nel sistema di coppia crescono e si riproducono, e una volta capito in che modo la creazione esiste e si sviluppa, avrebbero dovuto prendere coscienza del fatto che si dovevano amare, dovevano diventare marito e moglie e lasciare questa tradizione nella storia futura. Era per la storia futura e per l’umanità che sarebbero dovuti diventare marito e moglie. (243-177, 3.1.1993)

Quando Adamo ed Eva nacquero erano dei partner, anche se erano figli di Dio. Tuttavia, fra fratelli e sorelle non c’è un rapporto di partner, non è vero? La donna doveva essere educata e raggiungere la sua perfezione come donna, e anche l’uomo doveva essere educato e raggiungere la sua perfezione come uomo. Il materiale educativo per loro si poteva trovare in abbondanza in tutto il cielo e la terra. Poiché tutte le cose erano state create nel sistema di coppia, l’uomo le avrebbe guardate e avrebbe imparato: «Ecco come dobbiamo crescere!» e anche la donna le avrebbe osservate e avrebbe capito in modo naturale: «Ecco come dobbiamo crescere!» La natura esibisce apertamente, come un museo, tutto il materiale educativo sull’amore, perché ogni cosa della natura è in coppia. (228-268, 5.7.1992)

Gli attributi della reciprocità devono venire dalla realtà verticale. In quella realtà esistono delle controparti. Tuttavia, quei figli e quelle figlie devono prima crescere e raggiungere la piena maturità. In questo mondo ogni cosa è creata in un sistema di coppia. Questo è vero in tutto il regno minerale, vegetale e animale. Anche il mondo umano fa parte di questo sistema, rappresentato dall’uomo e dalla donna.

Il mondo della natura è un museo d’amore dove la creazione è costituita da coppie, anche se a un livello inferiore di quello dell’umanità. Allora, perché è stato creato questo museo d’amore? Per chi è stato fatto? Questa è la domanda. È stato fatto per gli esseri umani e per Dio. Così Dio può provare il sentimento dell’amore in tutte le cose abbracciando il mondo minerale, vegetale e animale. (238-29, 19.11.1992)

L’uomo e la donna devono seguire individualmente il cammino verso la maturità. L’uomo capisce che deve sposare una donna quando vede che tutte le cose, esistendo nel sistema di coppia, vivono insieme e mettono al mondo i loro piccoli. Con l’arrivo della primavera, osserva le mucche, i maiali, i cani, i gatti, i topi e persino le locuste che si comportano così ed esclama: «Oh! È così che si fa! Uno da solo non basta!» È risvegliato o, come si dice, iniziato a questa realtà. Fino a quel momento l’uomo e la donna erano cresciuti in direzioni diverse, ma poi si volgono l’uno verso l’altra e dicono: «Ah! Quello di cui ho bisogno è Adamo!» e «Quella di cui ho bisogno è Eva!» (229-321, 13.4.1992)

L’ambiente è costituito da un sistema di coppie di partner soggetto e oggetto, senza eccezione. L’universo è un museo il cui nucleo è l’amore, un museo di coppie. Per questa ragione, quando vedete una coppia di uccelli innamorati che costruiscono un nido, depongono le uova e danno da mangiare ai loro piccoli, dovete imparare da loro. Dovreste poter dire: «Io farò per i miei figli centinaia di volte meglio degli uccelli». Persino tra gli insetti, il maschio e la femmina si accoppiano e si riproducono. Allevano i loro piccoli a rischio della loro vita. Questa è l’educazione. (229-287, 13.4.1992)

Mentre crescevano verso la maturità, Adamo ed Eva dovevano voltarsi, stare l’uno di fronte all’altra e capire che Adamo doveva essere lo sposo di Eva e lei la sua sposa. Adamo, per sua natura, amava andare in giro e comportarsi in modo estroverso. Voleva cacciare ed essere al comando dovunque andava. Ed Eva? La sua natura intrinseca era completamente diversa. Mentre crescevano in questa maniera, dovevano imparare quello che avrebbero dovuto sapere come uomo e donna. Nel mondo tutte le cose sono create in questo modo. I regni minerale, vegetale e animale non sono forse tutti creati nel sistema della coppia? Ecco che cosa dovevano imparare Adamo ed Eva. Mentre crescevano, si rendevano conto che tutto ciò su cui posavano il loro sguardo era in un rapporto di coppia. Così potevano capire questa verità senza che nessuno gliela insegnasse. (225-201, 20.1.1992)

Chi insegna l’amore? Lo insegna la natura. Gli animali che corrono di qua e di là nel giardino sono maschi e femmine, come le farfalle; in breve, tutte le cose esistono in coppie. Quando sbocciano i fiori, in un bel giardino si possono sentire i pigolii e i cinguetti degli uccelli. Perché fanno così? A che scopo gli uccelli maschi e femmine cantano? Chi cercano di chiamare? Ci sono tre motivi principali per cui gli uccelli cantano. Uno è la fame, l’altro l’amore e il terzo è per chiamare i loro piccoli. Queste sono le tre ragioni. Lo fanno per amore. (208-251, 20.11.1990)

Per essere nella sfera di reciprocità nei confronti di Adamo ed Eva, che erano il modello, anche tutta la creazione di questo universo ha bisogno di essere costruita in un modo simile a loro, e così è creata nel sistema della coppia. Tutto esiste in coppia. Adamo è il grande “più” e le forme della creazione sono i piccoli “più” sparsi in tutte le direzioni. Per questa ragione l’umanità e la creazione sono identiche nel senso che sono state create con delle relazioni reciproche. Quando gli esseri umani e tutta la creazione raggiungono l’equilibrio centrati sul Soggetto assoluto, Dio può scendere su di loro verticalmente. (230-252, 8.5.1992)

Non è meraviglioso essere svegliati dal cinguettio dei passeri anziché da sé stessi? Come è poetico! Cosa preferite: cantare da soli o sentire qualcun altro che canta? Non è anche questo poetico? Ascoltare gli uccelli che cinguettano piuttosto che cinguettare voi stessi e farvi svegliare dal vostro amato anziché svegliarvi da voi stessi; non sarebbe ideale risvegliarsi al suono di varie melodie armoniose? Così anche gli uccelli sono miei amici. Che cosa li rende miei amici? Nell’ottica del sistema della coppia possono diventare miei amici. Anche l’uomo e la donna sono una coppia. Com’è poetico considerare gli uccelli degli amici! (177-271, 20.5.1988)

Vedendo che nel mondo tutto esiste in coppia e si riproduce in questo modo, Adamo ed Eva capiscono che anche loro devono fare la stessa cosa quando hanno raggiunto la completa maturità. Prima di quel tempo, non ne sono consapevoli. Adamo ed Eva vivono insieme da soli. Se pensiamo al loro carattere, Adamo è virile ed estroverso. Quando si sveglia al mattino, gli piace andare sulle montagne a catturare conigli, fagiani, cervi e serpenti per aprirgli la pancia. Per diventare il futuro padrone e amministrare ogni cosa, Adamo ha bisogno di sapere tutto quello che c’è da sapere. Così desidera scoprire cosa c’è sulle montagne, quali animali si possono trovare là e che tipi di pesci vivono nelle acque. Essendo un uomo, deve investigare su tutto e su tutti per diventare il loro signore. (262-74, 23.7.1994)

Mentre creava l’universo Dio provava piacere. E quanto si sarà divertito? Come sarà stato interessante per Lui creare tutto in coppia e vedere che persino le cellule si univano in coppie nel loro amore l’una per l’altra? Una fotografia scattata bene fa felice il suo fotografo, ma quanto sarà più eccitante vedere realmente la creazione parlare e danzare? (283-107, 8.4.1997)

Nel creare, amare e allevare l’uomo e la donna, Dio diede loro il servo, l’arcangelo, per proteggerli e farli crescere. Una volta che avessero raggiunto la piena maturità intendeva sposarli. Avrebbero dovuto raggiungere la maturità per quel tempo. Per realizzare questo, Adamo ed Eva nacquero separatamente, l’uomo crescendo come uomo e la donna come donna. Una volta diventati adulti, avrebbero osservato attentamente il mondo e avrebbero visto che il regno minerale, vegetale e animale erano tutti creati nel sistema della coppia secondo i rapporti reciproci ideali. Li avrebbero guardati e avrebbero imparato: «Ah! Tutti gli animali si accoppiano, hanno la loro prole e vivono felicemente. La madre rischia la vita per proteggere e nutrire i suoi piccoli. Dovremmo farlo anche noi!» Quindi la natura è il museo d’esposizione per lo sviluppo ideale di Adamo ed Eva. (262-74, 23.7.1994)

Quando vi addentrate nel livello più profondo della dimensione del vero amore, potete comunicare persino con le rocce e tutto il resto della creazione. Nel mondo del vero amore, tutte le cose saranno in grado di comunicare tra loro. Perché? Perché ogni cosa che è stata creata secondo il sistema della coppia agisce per l’unità collegandosi nell’amore di Dio. Il vero amore è destinato a risuonare. Quando sarete nel regno del vero amore, sentirete il mondo interiore ed esteriore di Dio. E così, senza che nessuno ve lo insegni, potrete conoscere in modo naturale tutto quello che c’è da sapere sul mondo spirituale e su Dio, e su come servire i vostri genitori e la vostra nazione nella vostra vita terrena. La via dell’amore non è fatta per essere percorsa in modo avventato. C’è una formula, perché esiste soltanto una strada per l’amore, nessun’altra. La via del vero amore che gli uomini devono seguire e la via dell’amore seguita dal regno celeste, da Dio, è sempre una e la stessa. Quando Dio scende, noi saliamo allo stesso modo. Allora dove Lo incontreremo? Dobbiamo incontrarci nel luogo dove abbiamo raggiunto la piena maturità. C’è un solo punto di incontro. Dove dobbiamo incontrarci per raggiungere l’unità con Dio? Proprio lì in quel punto, da nessun’altra parte. È lì che Lo dobbiamo incontrare. (238-31, 19.11.1992)

Dopo aver parlato un po’ sulla teoria dell’amore, diventa chiaro che tutto può essere spiegato con questo. È la conoscenza più alta. Cercando di capire l’amore, mi sono reso conto che tutto il mondo è costituito dal sistema della coppia. Il mondo minerale non è forse composto dagli ioni positivi e negativi? Sono in coppia. Per quale scopo sono accoppiati? Sono stati creati in questo modo per l’amore corrispondente ai loro rispettivi livelli, perché solo così può aver luogo la riproduzione.

In modo simile nel regno animale ci sono maschi e femmine, e il genere umano è composto da uomini e donne. Perché sono stati creati in questo modo? L’amore non è venuto ad esistere solo per le donne o solo per gli uomini, ma per tutti e due! Ecco come dev’essere. Le persone malvagie che negano questo principio sono servi dell’inferno e della distruzione. (221-257, 25.10.1991)

Sezione 4. Evoluzione o creazione?

4.1. L’errore fondamentale della teoria dell’evoluzione

4.1.1. La netta distinzione delle specie e l’assoluto rifiuto dell’interferenza

A quanto tempo fa risale la storia? È cominciata prima o dopo la teoria dell’evoluzione? Che cos’è la teoria dell’evoluzione? I passeri e gli zigoli sono cugini. Sono uguali. La loro struttura ossea, così come ogni altra loro fattezza, è esattamente identica. La differenza è nel colore delle piume, tutto il resto, persino gli organi sessuali e gli occhi, è identico. Detto questo, il passero e lo zigolo potrebbero scambiarsi i loro compagni, accoppiarsi e riprodursi se gli dicessero di farlo? Uno scimpanzé e un altro tipo di scimmia riuscirebbero a far questo anche se ci provassero per migliaia di anni, oppure no? (232-126, 3.7.1992)

I passeri e gli zigoli sono fratelli. Che ne pensate? Questa affermazione è esatta al cento per cento se la si paragona al rapporto fra le scimmie e gli esseri umani. Allora, se un passero si accoppiasse con uno zigolo, darebbero nascita a un nuovo tipo di uccello? Gli studiosi del mondo laico credono che, dal momento che il loro aspetto esteriore e la loro struttura sono simili, devono essersi evoluti. Negano la logica che tutto si è sviluppato attraverso l’accoppiamento fra il maschio e la femmina e la riproduzione che ne è risultata. Quanto pensate che siano complicati gli organi sessuali? Nella maggior parte dei pesci, le femmine e i maschi non hanno assolutamente nessun contatto fisico. Sulla terra è diverso. (199-307, 21.2.1990)

Che età ha il pianeta terra in questo sistema solare? È da miliardi di anni che gira su sé stesso, eppure non ha mai deviato dalla sua orbita, nemmeno di un briciolo. Segue la sua giusta rotta giorno dopo giorno. Tutta la creazione fa la stessa cosa. Il modo di costruire i nidi dei passeri americani e dei passeri coreani è lo stesso o è diverso? Rispondetemi: è lo stesso o è diverso? È identico. Dal punto di vista della teoria dell’evoluzione, il modo in cui i passeri costruiscono i loro nidi dovrebbe evolversi col tempo, non è vero? Se è così, allora come mai, senza imparare da nessuno, hanno continuato a costruire i loro nidi nella stessa maniera per decine di migliaia di anni? Come sanno in che modo li devono costruire? Le rondini costruiscono i loro nidi alla loro maniera, così come i passeri e gli orioli. Questi ultimi costruiscono i loro nidi appendendoli ai rami degli alberi. (179-246, 12.8.1988)

Se metteste insieme un re maschio orangutan ed una donna brutta, li sposaste e li faceste pregare e offrire la loro devozione per decine di migliaia di anni, avrebbero dei figli? Sarebbero capaci di mettere al mondo un bambino? Rispondetemi, voi discendenti delle scimmie, gangster comunisti! Pensate che potrebbe nascere una prole dal matrimonio di un orangutan e di una donna se il mondo comunista pregasse e usasse ogni tipo di forza, oppure pensate che sarebbe impossibile? Se non lo sapete, non insistete sul comunismo o sulla teoria dell’evoluzione. Dovete tutti mettere giudizio a questo proposito. (262-80, 23.7.1994)

Per andare dal livello di un’ameba a quello di una scimmia, bisogna salire passando attraverso le porte dell’amore di migliaia di specie. La teoria dell’evoluzione ha ignorato questo fatto. Sarebbe possibile salire ad un livello più alto senza passare attraverso delle specie diverse? Gli uccelli possono accoppiarsi con gli insetti? Gli uccelli possono salire di livello senza avere un rapporto con il regno animale? Non ha senso asserire questo solo perché la struttura delle ossa è identica, e omettere il fatto che hanno bisogno di crescere attraverso il rapporto d’amore, le porte dell’amore. Procreare nel corso delle generazioni può dar nascita a qualcosa di meglio? Può solo produrre qualcosa di inferiore. Il problema che sorge qui è che quelle persone non sanno nulla sui rapporti d’amore. (254-264, 15.2.1994)

La distinzione delle specie è molto rigida. Fra l’ameba e la scimmia ci sono migliaia di specie. Ognuna di queste specie genera i suoi piccoli attraverso le porte dei maschi e delle femmine, il che vuol dire migliaia di nascite. Il pensiero che si potrebbe passare da una specie all’altra senza considerare i livelli di migliaia di specie suggerisce che tutto si potrebbe fare in una sola nascita, un concetto che è completamente sbagliato perché nega il fatto che bisogna passare attraverso le porte dell’amore. Come può un’ameba passare attraverso le porte dell’amore per migliaia di specie e diventare un essere umano? Strutture ossee simili rendono simili anche tutte le altre caratteristiche? Di strutture ossee simili se ne possono trovare dappertutto. Smettete di dire queste idiozie. (266-39, 4.12.1994)

Se si considera l’origine della specie dal punto di vista dell’attuale teoria dell’evoluzione, possiamo dire senz’altro che una specie non può nascere automaticamente. Ci devono essere un maschio e una femmina. Questo vale anche per il mondo minerale. Perché si formi una sostanza, lo ione positivo deve combinarsi con lo ione negativo. Ci devono essere positivo e negativo, maschio e femmina. (213-63, 14.1.1991)

La ricreazione comporta la creazione di un ambiente e la creazione dei partner soggetto e oggetto, seguita da sviluppi corrispondenti. È così che si deve sviluppare anche la teoria dell’evoluzione; non si può sviluppare così com’è. I partner soggetto e oggetto devono unirsi, essere assorbiti in qualcosa di più grande e passare attraverso le porte dell’amore. Secondo questo principio, per progredire dall’ameba che è senza amore agli esseri umani bisogna passare attraverso migliaia di livelli, e queste porte dell’amore non possono essere attraversate così semplicemente. (230-68, 19.4.1992)

L’odierna teoria dell’evoluzione asserisce che l’ameba si è sviluppata e si è evoluta fino ad arrivare agli esseri umani. Cosa dovremmo pensare di questo? Per raggiungere il livello dell’umanità, il maschio e la femmina hanno bisogno di passare attraverso diverse migliaia di stadi sulla via dell’amore. La gente non lo sa. I confini che separano le specie diverse sono molto rigidi. Sarebbe possibile, allora, attraversarli di corsa ed evolversi così? (209-29, 25.11.1990)

C’è qualcuno di voi che vorrebbe che un altro uomo toccasse sua moglie?

La stessa cosa vale per gli animali e per le piante. Il vostro no è assoluto o indeciso? Quando dite assoluto non lasciate spazio a nient’altro. Le specie diverse appartengono a livelli completamente diversi. L’ameba è apparsa attraverso le porte dell’amore del maschio e della femmina; allora come può collegarsi e dare nascita ad altre specie? Può salire così? Deve passare attraverso le porte dell’amore. Può ignorare questo sistema ed evolversi semplicemente? Voi farabutti occidentali, sembrate delle scimmie – ed è così che siete venuti fuori con la teoria dell’evoluzione. È vero; i vostri capelli e i peli del vostro corpo sono marroni come quelli di una scimmia! (216-247, 7.4.1991)

L’amore è assoluto. È solo per due esseri e non vuole l’interferenza di terzi. Sotto questo aspetto l’ameba è collegata all’umanità attraverso il processo dell’amore in diverse migliaia di stadi. L’amore è la fonte della continuità dell’esistenza. Non cadrebbe tutto a pezzi se non ci fosse l’amore? L’ameba vive solo per un anno, ma la sua esistenza si protrae attraverso l’amore nella forma dei suoi discendenti. Vorreste che una terza parte si intromettesse nelle porte dell’amore per produrre un’ameba multicolore? Se una scimmia e un essere umano si accoppiassero, metterebbero al mondo i loro piccoli anche se vivessero per mille anni? Nemmeno dopo diecimila anni, tanto meno dopo mille, li vedremmo dar nascita alla loro prole. Perciò vi dico, smettetela di dire sciocchezze. (222-185, 3.11.1991)

La teoria dell’evoluzione non potrebbe essere giustificata nemmeno nel mondo degli insetti, se ignoraste il principio che il rapporto maschio e femmina ha subito un processo di sviluppo in stadi sempre più elevati, ossia attraverso le innumerevoli porte dell’amore che esistono fra l’ameba e la scimmia, e di conseguenza ha fatto sì che queste specie fossero completamente scollegate fra loro. Potete vedere come persino il passero rientra in questo quadro di rapporti reciproci. Durante il periodo invernale, i passeri non si preoccupano di accoppiarsi e vanno in giro di qua e di là, ciascuno come un “più” diverso; ma quando arriva la primavera, costruiscono i loro nidi e trovano un compagno, ossia creano un rapporto assoluto. I maschi e le femmine si uniscono in modo assoluto per scacciare qualsiasi terzo passero che si venga ad intromettere fra loro. Quando arriva un’altra femmina, il maschio la scaccia, e quando viene un altro maschio la femmina lo scaccia. Perché? Scacciano istintivamente ogni intruso che minaccia di spezzare il loro rapporto nel principio universale. (218-338, 22.8.1991)

Le piante da fiori appartengono tutte alle loro rispettive specie e non mutano in un tipo diverso. Non possono cambiare. Alla luce di questo, la distinzione fra le specie è molto netta. Ecco perché la logica della teoria dell’evoluzione, secondo cui la scimmia si è evoluta dall’ameba, non può reggersi in piedi. Con questa rigida distinzione fra tutte le specie, come potrebbero migliaia di queste specie collegarsi e svilupparsi in un unico sistema sostenuto da tutte? La teoria dell’evoluzione non riconosce il potere dell’amore. Solo attraverso il potere dell’amore la riproduzione diventa possibile. Senza di esso, non si potrebbe mai riprodurre nulla. Come può il potere dell’amore operare fra le amebe e le scimmie? Una cosa del genere non potrà mai succedere, in nessuna circostanza. (278-100, 1.5.1996)

Se le amebe si dovessero evolvere in scimmie, l’ameba potrebbe da sola svilupparsi in una scimmia? Cosa dovrebbe succedere per passare attraverso tante specie diverse? Senza passare attraverso la via dell’amore, non possono salire ad un livello più alto. Una specie superiore non può venire ad esistere così semplicemente. Solo passando attraverso gli innumerevoli stadi dell’amore tra il maschio e la femmina potrebbero raggiungere le specie più alte. Ma se, nel mondo delle specie distinte, il concetto del “più” e del “meno” basato sul Principio non permette l’intrusione di terzi nei rapporti d’amore, allora l’ameba non può salire da sola ad un livello più alto. (237-135, 13.11.1992)

L’evoluzione parla di produzione di una specie diversa, ma senza passare attraverso il rapporto d’amore, non è assolutamente possibile che si generi una specie diversa. La distinzione fra le specie è molto rigida. (302-181, 13.6.1999)

Bisogna farla finita una buona volta con la teoria dell’evoluzione. Viene discussa in base a delle teorie arbitrarie.

Chiamare gli uomini discendenti delle scimmie! Quei buoni a nulla! Le persone sono fatte per servire Dio per l’eternità. Ma come fanno a parlare delle scimmie? Fra le scimmie e gli esseri umani ci sono quarantasette differenze. Non ci possono essere dei cambiamenti di qualità o di specie. Con tutto ciò, se una scimmia e un essere umano si accoppiassero, darebbero nascita a un essere umano o a una scimmia? Naturalmente no! L’origine delle specie è assoluta. (299-90, 5.2.1999)

Perché l’universo è strutturato secondo il sistema della coppia? È la natura, dicono i teorici dell’evoluzione, e tutto questo è bello e buono. Qual è la verità più conosciuta, che precede la teoria dell’evoluzione? Gli uomini e le donne hanno gli organi riproduttivi o organi sessuali. Questi organi si sono evoluti? Se così fosse, allora anche il modo di fare l’amore dovrebbe essere cambiato. La gente di questa era dovrebbe avere un modo di fare l’amore più evoluto rispetto alle persone del passato. Persino nel mondo degli insetti il modo di fare l’amore oggi dovrebbe essere diverso da quello del passato. Anche gli uccelli dovrebbero accoppiarsi in modo diverso. Bisognerebbe discutere tenendo presenti questi fattori. Gli organi dell’amore, che sono l’origine della vita, sono fatti per svilupparsi in modo evolutivo? È una follia. (191-53, 24.6.1989)

Nulla nell’universo può violare la netta distinzione fra le specie create nel regno dell’amore. Con l’arrivo della primavera, le coppie dei passeri maschi e femmine cominciano a costruire i loro nidi per deporre le uova. Non permettono a nessun terzo essere, che sia un uccello o un altro animale, di immischiarsi nei loro affari. C’è qui un uomo o una donna che vorrebbe che il suo migliore amico assistesse alla sua prima notte di nozze? La teoria dell’evoluzione non è la verità. Per una donna che si sposa, non c’è nessuno più vicino a lei di sua madre a questo mondo e quindi penserà: «Devo averla con me viva o morta! Voglio essere con lei qualunque cosa succeda!». Ma non può essere così. Persino questa donna non chiederà a sua madre di essere presente alla sua prima notte di nozze: «Mamma, ti prego, stanotte resta con me». C’è una donna che lo farebbe? L’intervento di una terza persona non è assolutamente necessario. Questa è la tradizione e il criterio originale dell’amore che deve essere osservato dall’umanità. (228-154, 27.3.1992)

Quanto pensate che siano complicati gli organi sessuali? Per quel che riguarda il loro sviluppo strutturale e la loro forma, gli organi sessuali dei passeri, degli zigoli e delle cutrettole sono identici. Bene, allora, cosa verrebbe fuori dall’accoppiamento di un passero e di una cutrettola? È mai possibile? Quei disgraziati parlano di cose che nemmeno conoscono. Se mi mettessi a discutere con loro, dopo aver scambiato poche parole, sarebbero già in crisi per dare delle risposte. Quei manigoldi! Maschi e femmine! Se dobbiamo dire che tutto si è sviluppato dall’ameba, come possiamo spiegare l’esistenza dei maschi e delle femmine, del concavo e del convesso? Come mai tutte le cose sono fatte in modo tale da potersi riprodurre attraverso uno scambio di dare e ricevere per mezzo di questi organi? Chi ha determinato questo? Sono stati gli evoluzionisti? Essi non capiscono che la formazione dell’origine della vita, l’energia interiore, viene attraverso la base unita di forme di vita maschili e femminili, ed è talmente grande che va al di là della legge universale. Ci sono quarantasette differenze fra le scimmie e gli esseri umani, almeno così ho sentito dire. Se le due specie dovessero accoppiarsi, potrebbero avere dei figli? Quando ho fatto questa domanda ai comunisti, al tempo in cui ero uno studente, nessuno di loro mi ha saputo dare una risposta! Potrei continuare a raccontarvi centinaia di storie di questo tipo, ma non c’è abbastanza tempo. Un’assurdità simile è inaccettabile. (198-24, 25.1.1990)

L’evoluzione può avvenire sulla base della somiglianza della forma strutturale? No. Perché? Nel caso dell’ameba, è impossibile che salga ad un livello più alto senza passare attraverso la via dell’amore tra maschio e femmina. Lo zigolo e il passero hanno un aspetto simile, ma questo significa che possono accoppiarsi e poi evolversi? Le loro zampe e i loro becchi hanno la stessa forma. Non li potete distinguere l’uno dall’altro. Detto questo, si svilupperebbe qualcosa dall’accoppiamento di uno zigolo femmina con un passero maschio? Cosa nascerebbe dal matrimonio di un uomo bianco con una femmina dell’orangutan? Genererebbero i loro piccoli o no? Rispondetemi, voi evoluzionisti! Dovete sapere che gli sviluppi possono avvenire solo attraverso gli organi sessuali. Riflettete su questo quando tornate a casa stasera. Sapete come è complicato l’apparato riproduttivo? Al suo interno sono concentrati tutte le componenti nervose necessarie per tutti gli aspetti di quella particolare specie. (199-253, 20.2.1990)

Al giorno d’oggi la gente crede che l’umanità si sia evoluta e sviluppata; però, se prendiamo ad esempio l’ameba, non ha cominciato a svilupparsi solo da un maschio, perché lo sviluppo può aver luogo soltanto quando gli aspetti maschili e femminili interagiscono. La teoria dell’evoluzione è un grosso problema. Per progredire da una categoria di esistenza più bassa ad una più alta, sarebbe necessario passare attraverso tutti i processi dell’amore fra il maschio e la femmina. In altre parole, bisognerebbe passare attraverso tanti processi d’amore. Altrimenti non ci potrebbe essere nessuno sviluppo.

Sapete tutti come il passero e lo zigolo sono molto simili. Le loro piume sono di colori leggermente diversi ma, a parte questo, la loro struttura ossea è identica. Nonostante ciò, se accoppiaste un passero con uno zigolo, si riprodurrebbero? Evoluzionisti, datemi una risposta. Provate ad accoppiarli. Non si riprodurranno mai. Gli occidentali sono relativamente più pelosi, ma il matrimonio di un uomo occidentale con la femmina di un gorilla potrebbe generare un bambino? È un’assurdità. (201-146, 30.3.1990)

La differenziazione delle specie è netta; quindi possiamo capire che le scimmie non sono i nostri antenati come sostengono gli evoluzionisti. Non è possibile svilupparsi da un’ameba in un essere umano così semplicemente; sarà necessario passare attraverso un numero infinito di livelli d’amore in un’infinità di stadi. La legge dell’amore si applica allo stesso modo nel regno animale. L’intervento di un terzo non è assolutamente consentito. Tuttavia, rimane la domanda se è possibile evolversi per stadi. Nell’azione dell’energia l’output è più piccolo dell’input. Così, se intraprendere un’azione dà come risultato un meno, come potrebbe nascere da questo qualcosa di più grande? Non è così? Nessun essere da solo ha la capacità di unirsi ad una terza entità che gli permetterebbe di svilupparsi. (212-308, 8.1.1991)

All’ameba piacerebbe che qualcos’altro venisse a intromettersi nel suo rapporto procreativo? Ecco perché è impossibile negare la logica che non si può fare un collegamento del genere fra le specie. Prima di parlare del significato dell’evoluzione, se gli organi sessuali maschili e femminili non venissero presi in considerazione, la teoria dell’evoluzione crollerebbe alla radice. Poiché prima che avvenisse lo sviluppo delle specie c’erano i maschi e le femmine, l’interazione di fattori relazionali in grado di svilupparsi è potuta andare avanti. (221-291, 26.10.1991)

Gli organi maschili e femminili si sono evoluti allo stato attuale in cui possono armonizzarsi fra loro? Questa teoria dell’evoluzione è il problema. Il collegamento di questi organi crea la strada perché un’ameba stabilisca un rapporto con qualcosa che è a un livello più alto? Può incontrarsi con tutto e con tutti non solo a livello orizzontale ma in ogni altro modo? Naturalmente no. Il mondo dei maschi e delle femmine è venuto ad esistere sulla base del concetto dell’amore ed è ad un livello che non ha assolutamente niente a che fare con l’evoluzione. (222-39, 27.10.1991)

Nel mondo dell’amore, la legge della natura è di non permettere mai la presenza di un terzo; solo il proprio partner è accettato. Questo è anche il caso dei passeri e degli insetti. Allora, dal punto di vista della teoria dell’evoluzione, quanti ordini d’amore ascendenti in migliaia di stadi ci sono tra le amebe e gli esseri umani? Non ci sono migliaia di specie di insetti? Dalle piante agli insetti ci sono migliaia di specie. Eppure, ci sono delle persone che credono che queste migliaia di specie e gli esseri umani si siano evoluti dalle amebe attraverso uno sviluppo continuo. Niente affatto! Bisogna passare attraverso diverse migliaia di stadi d’amore. La distinzione delle specie è molto rigida. Che cosa? Gli esseri umani si sono evoluti dalle amebe? Che impostori! (227-296, 14.2.1992)

Tutti gli esseri sono stati creati in coppie. Cosa direbbero gli evoluzionisti se faceste loro questa domanda: «Perché sono nati i maschi?» Risponderebbero: «Sono venuti ad esistere così, in modo naturale», il che dimostra che sono fuori di testa. Sono venuti ad esistere in modo naturale? Tutti i maschi e le femmine nascono per riprodurre la loro specie, non le altre. Le scimmie non diventano esseri umani, né i serpenti si trasformano in rane. È giusto o sbagliato? Gli evoluzionisti sono persone ignoranti, che non sanno che i maschi e le femmine hanno un rapporto su uno specifico livello d’amore per la loro specie. Sapete cosa sono i maschi e le femmine. Sono apparsi così senza nessuno scopo? (209-193, 29.11.1990)

In un ambiente ci devono essere i partner soggetto e oggetto, e si devono unire formando un rapporto interattivo. Detto in parole povere, i partner soggetto e oggetto devono creare un rapporto reciproco. Così, non è possibile vivere da soli. La mente e il corpo di una persona sono in un rapporto soggetto-oggetto. Se il soggetto non riconosce l’oggetto, non si può stabilire nessun legame. Persino nel mondo della chimica, se fra due elementi non c’è nessuna affinità, per quanto siano costretti a combinarsi insieme in laboratorio, non uscirà fuori nulla. Se invece sono compatibili, si combineranno all’istante, non appena vengono in contatto. (291-112, 5.3.1998)

La differenziazione fra le specie è molto rigida. Supponete che un uccello che ha un aspetto simile a una rana vada nel mondo delle rane e suggerisca ad una di loro: «Perché non ti accoppi con me?» Quella rana risponderà: «Ma certo!»? Pensate che scapperà via o lotterà? Non potrebbero accoppiarsi. La teoria dell’evoluzione nega che è impossibile ad una nuova specie di nascere senza passare attraverso le porte dell’amore che vanno dall’ameba alla scimmia. In altre parole, se ciò su cui insiste è vero, allora l’ameba deve passare attraverso diverse migliaia di porte d’amore. Può farlo? Sono completamente fuori di testa. Ecco perché il comunismo si è disgregato davanti a me. Sono curioso di sapere come risponderanno alla domanda: «Cosa viene prima, il pensiero o l’esistenza?» Viene prima lo spirito o la materia? Avete imparato la teoria dell’evoluzione a scuola, non è vero? È sbagliata. La teoria dell’evoluzione è sbagliata. Ora darò inizio ad una rivoluzione. (274-67, 29.10.1995)

Non abbiamo forse percepito che nella riproduzione c’è stato un processo di sviluppo nel mondo delle relazioni reciproche fra più e meno e che il concetto di maschio e femmina esisteva prima che l’evoluzione fosse teoricamente possibile? Poiché, in termini d’amore, la distinzione fra le specie è rigida, una terza parte non può intervenire. Secondo la teoria dell’evoluzione, bisogna attraversare diverse migliaia di stadi dall’ameba alla scimmia; tuttavia non c’è nessun modo di farlo. Dato che solo dopo essere passati attraverso migliaia di porte dell’amore quel seme di sviluppo può essere collegato, un’ameba può dar nascita ad una scimmia? È assolutamente impossibile. (245-62, 28.2.1993)

Se accettate la teoria dell’evoluzione, ignorate il fatto che bisogna attraversare diverse migliaia di stadi fra l’ameba e l’essere umano. E persino quando siete nello stesso stadio non potete semplicemente passare. Ognuno di questi stadi è collegato attraverso migliaia di porte d’amore. Nell’amore è mai stata consentita l’invasione di una terza parte? No. Avete mai incontrato una sposa che abbia detto: «Mamma, per favore, stanotte resta con me!» nella sua prima notte di nozze? È la stessa cosa per il marito. Persino un uomo che era solito dire: «Non sopporto quando mio padre non è con me!» non chiederà a suo padre: «Padre, ti prego, stanotte resta con me!» nella sua prima notte di nozze. L’amore aborrisce l’intervento di un terzo. Questo vale anche per il regno animale e il mondo degli insetti. Alla luce di questo, non è assolutamente possibile che un essere umano o qualsiasi altra cosa che non sia una scimmia possa nascere dalla specie delle scimmie. (239-231, 25.11.1992)

Per quanto un professore che fa ricerche di chimica in laboratorio comandi: «Ehi tu! Fai reagire questo elemento con quest’altro!» Non uscirà fuori nulla. Gli elementi non si combinano se non sono compatibili. Non ci sarà nessuna reazione, perché si uniscono insieme solo quando uno può essere il soggetto dell’altro. Anche se questo è un principio fondamentale dell’esistenza, per spiegare la formazione dell’universo è stata proposta irresponsabilmente la teoria dell’evoluzione, che è un mucchio di spazzatura. A questo punto è necessario riconoscere il fatto che il potere originale dell’universo guida l’energia dell’interazione di tutta l’esistenza. (117-74, 1.2.1982)

Le scimmie e gli esseri umani sono radicalmente diversi. Le scimmie conducono una vita culturale? Sin dall’alba dei tempi, gli uomini hanno seguito la religione. Le scimmie cercano di unire il mondo attraverso la cultura? Invadono altre nazioni e se ne appropriano occupandole, o erigono dei confini nazionali per distinguere la loro nazione dalle altre? Lo fanno o no? Tra loro e gli esseri umani c’è una differenza di natura. Le scimmie glorificano Dio? Tutto ciò che amano fare è mangiare e riprodursi, ecco tutto. Gli uomini e le scimmie sono completamene diversi. Gli studiosi e gli esperti che sostengono la teoria dell’evoluzione ingannano gli altri, insistendo ingiustamente che le scimmie si sono evolute in esseri umani. La Chiesa dell’Unificazione deve chiarire che le loro affermazioni sono sbagliate e mettere le cose a posto. (41-185, 15.2.1971)

4.1.2. Le leggi che regolano l’azione dell’energia e la formulazione della teoria dell’evoluzione

La teoria dell’evoluzione è usata per spiegare il mondo d’oggi, ma affinché le amebe possano riprodurre delle specie che sono più grandi di loro nel loro stato attuale, dev’essere aggiunta un’energia supplementare. In breve, è necessaria dell’energia in più. Da sola l’ameba può generare un’energia supplementare per svilupparsi? Ha questa capacità?

Per salire un po’ più in alto e diventare qualcosa di più grande, ha bisogno di un’energia più grande dentro di sé. Allora, dato che non ha la capacità di creare altra energia da sola, da dove si procurerà questa energia supplementare? Si può stabilire questa logica? Se il Signor Kim o il Signor Pak dichiara: «Posso mettere al tappeto Muhammad Ali in quattro e quattr’otto», sarà veramente capace di farlo? Per poterlo fare avrà bisogno di acquisire una capacità più grande rispetto alla forza che possiede al momento, perché ci saranno dei limiti a quello che può fare così com’è. Se il signor Park dicesse: «Quando diventerò più forte attraverso una mutazione metterò al tappeto Alì», pensate che sia probabile che questo succeda? Cosa pensate? (89-73, 11.7.1976)

Se prendiamo in considerazione il principio della dispersione dell’energia, la forza che entra in un essere umano può essere eguale a quella che esce? L’energia entra nel corpo per compiere delle azioni; questa energia può essere uguale a quella che rimane dopo che l’azione è stata compiuta? Si consuma nel processo dell’azione? Il movimento consuma energia? Quindi la forza che esce non può essere uguale a quella che è immessa, ma è sempre minore di prima. Gli evoluzionisti insinuano che l’energia aumenta con l’azione. Una simile formula non esiste. Se fosse vero, questo mondo sarebbe messo sottosopra. Perciò è necessaria una fonte esterna che genera un’ulteriore energia. (55-254, 9.5.1972)

Gli evoluzionisti dicono che l’ameba si è evoluta gradualmente in un animale più alto, la scimmia, e che la scimmia si è evoluta nell’essere umano. Riflettete su questo. Per poter esercitare una forza sovraumana, l’uomo ha bisogno di avere dell’energia supplementare che gli viene fornita da qualche altra parte. Questo è il principio dell’energia. Con l’azione l’energia inevitabilmente si consuma. Solo quando si aggiunge dell’energia in più, l’azione può essere compiuta di nuovo. (38-155, 3.1.1971)

Per principio, un soggetto e un oggetto non interagiranno se nel far questo renderanno qualcosa peggiore rispetto a prima; interagiranno solo dopo che hanno scoperto uno scopo reciproco che, una volta compiuta quell’azione, li lascerà in uno stato migliore. Considerando la teoria dell’evoluzione alla luce di questo, possiamo vedere che se attraverso l’evoluzione non si può trovare uno scopo per il miglioramento dell’essere, non avverrà nessuno sviluppo. Affinché ci sia uno sviluppo, si deve investire orizzontalmente un livello di energia più alto. Altrimenti non può esserci nessuno sviluppo. Quell’energia non servirà a niente senza uno scopo e un oggetto per l’azione. (54-11, 9.3.1972)

Dov’è è la contraddizione nella teoria dell’evoluzione? Per potersi evolvere e sviluppare, l’ameba ha bisogno di energia. Ha bisogno di una terza fonte di energia esterna per svilupparsi gradualmente. Per poter dire: «Nascerò come un essere dello stadio superiore al mio, un essere più alto!» deve essere aggiunto qualcosa dall’esterno. Senza l’immissione di un’energia supplementare, non può crescere. Ha bisogno di una terza fonte di energia. La domanda è dunque: un’ameba può crescere e continuare a vivere, e nello stesso tempo generare abbastanza energia per sé stessa per diventare un essere più grande? Una cosa del genere non potrà mai succedere. (265-58, 20.2.1994)

Come avvengono gli sviluppi nella teoria dell’evoluzione? Questa teoria è contraria al principio dell’immissione ed emissione. Come può esistere al mondo una teoria del genere? La teoria dell’evoluzione non riguarda forse lo sviluppo ad un livello superiore? Evolversi significa diventare una forma di vita inferiore? Secondo questa teoria, l’ameba è venuta ad esistere in modo naturale e gradualmente è diventata più grande e si è evoluta in una scimmia, la quale a sua volta si è evoluta e sviluppata in un essere umano. In questo processo, così come è descritto dalla teoria dell’evoluzione, diventa più piccola o più grande? D’altro canto, le leggi dell’energia decretano in maniera assoluta che non può essere prodotto qualcosa di più grande da un processo in cui l’energia che entra e quella che esce sono uguali; anzi, qualunque sia l’energia applicata in origine, diminuirà naturalmente rispetto a prima, perché si è consumata. (37-16, 22.12.1970)

Nel mondo della dinamica, se un processo avviene sulla base di un’immissione e di un’emissione di energia, va incontro ad una perdita, ossia il livello di energia diminuirà. Da dove nasce la logica che avverranno dei progressi? Il termine “evoluzione” suggerisce che col passare del tempo alcuni elementi sono aggiunti a un essere e con quell’aggiunta, quell’essere diventa più grande; la domanda è da dove sono venuti quegli elementi in più? Dove potete trovare la logica che giustifica che l’output è più grande dell’input? L’azione comporta una perdita e perciò l’input deve essere più grande dell’output. Da questa prospettiva, non è possibile sostenere la logica dell’evoluzione. Gli esseri creati non possono da loro stessi introdurre una terza fonte di energia. Nel mondo del movimento non potete produrre un output più grande, perché, se questo fosse possibile, darebbe nascita ad un potere illimitato.

Qual è il problema che viene dopo? Oggi le persone che credono nella teoria dell’evoluzione si sono dimenticate che tutto ha avuto origine attraverso l’interazione e il movimento del “più” e del “meno”, dell’uomo e della donna, dello stame e del pistillo, degli ioni positivi e negativi. Bisogna attraversare le porte dell’amore in migliaia di stadi, per andare dal livello di un’ameba a quello di un essere umano. Tuttavia, queste persone pensano che non ci è voluto nulla per andare da uno stadio all’altro. Ciarlatani! I principi che si riferiscono a tutte le specie sono rigidi: nessun essere permette l’intervento di terzi. (214-193, 2.2.1991)

Se si sostiene la teoria dell’evoluzione, tutti gli esseri dovrebbero essere in grado di rifornirsi dell’energia necessaria per evolversi, perché senza un’energia supplementare non avrebbero dentro di loro abbastanza forza per far sì che i loro nuclei cambino e si combinino per formare delle nuove caratteristiche; quindi la conclusione è che l’evoluzione è impossibile. (117-72, 1.2.1982)

Un soggetto e il suo oggetto hanno sempre uno scopo e una direzione comuni, ma quale scopo e quale direzione ci possono essere nell’evoluzione? Questo principio non si può applicare alla teoria dell’evoluzione. Quindi dobbiamo abbattere il comunismo comprendendo questo scopo e questa direzione. Il comunismo ha cercato di devastare il mondo con questa teoria falsa. Quando l’ameba entra in azione, l’energia che produce sarà minore di quella che immette, perciò come può diventare qualcosa di più grande? Come può venire fuori da questo un essere di un livello più alto? Nell’ameba, l’output è minore dell’input e per creare qualcosa di più grande sarà dunque necessaria una fonte di energia esterna. Da questo punto di vista la base per sostenere la teoria dell’evoluzione verrà meno. Come può l’ameba avere la capacità di assorbire energia da una fonte esterna? Quei ridicoli, buoni a nulla! (210-155, 18.12.1990)

Parlando della teoria dell’evoluzione, pensate che sia possibile ad un’ameba che si evolve per conto suo creare un terzo punto, una nuova risorsa che sarebbe il punto di partenza dell’evoluzione? L’azione e il movimento avvengono attorno a tre punti, poi attraverso un altro punto, il quarto, che permette il movimento circolare. Chi è in azione deve andare dal terzo punto al quarto, ossia deve muoversi nel movimento circolare di dare e ricevere. Ma l’ameba ha abbastanza energia per fare un giro di 360 gradi e ritornare alla sua posizione originale? No.

Allora chi ha investito l’energia per questo terzo punto? In termini logici questo significa che dev’essere aggiunta dell’energia da un’altra fonte. Allora, quale direzione deve prendere l’evoluzione? Chi determina questa direzione? L’ameba che si evolve non può stabilire una direzione da sé stessa. A questo proposito, quella che è stata definita come mutazione è una follia. Chi darebbe ascolto a questo? Al giorno d’oggi la teoria dell’evoluzione è obsoleta, corrotta fino all’osso, e sta nel bidone della spazzatura che è il suo giusto posto. Dovrei dire che è il pensiero della fogna. (209-187, 29.11.1990)

La fisica contemporanea è progredita al punto in cui asserisce il dualismo, ossia che tutti gli atomi hanno una coscienza. Questa logica in essenza è simile al principio delle caratteristiche duali della Chiesa dell’Unificazione. Sebbene a livelli diversi, tutta la creazione ha la capacità di comprendere. Non è vero? Solo su questa base, cose come i germi possono continuare ad esistere. Non pensate? Quei germi, che sono invisibili a occhio nudo e della dimensione di qualche millesimo di millimetro, hanno le orecchie? Hanno gli occhi?

Hanno il naso? Hanno la bocca? Hanno gli organi sessuali oppure no? Hanno tutte queste cose. (209-187, 29.11.1990)

Nel creare questo mondo Dio ha iniziato con tre punti. Da questo punto di vista, non possiamo accettare la teoria dell’evoluzione o il termine “evoluzione”. Se l’ameba entrasse in azione, non potrebbe scegliere la base del terzo punto da sé stessa, perché questa è creata da un’altra fonte di energia. Se iniziasse il movimento in questo stato, quel movimento dovrebbe diventare circolare, il che significa che il numero di punti dovrebbe essere aumentato per diventare un movimento sferico. (212-277, 8.1.1991)

Evoluzionisti, dovreste estinguervi! C’è qualcuno qui che crede nella teoria dell’evoluzione? Le persone erudite come i professori sono più che disposti a crederci. Perché? Per quanta forza venga applicata, due oggetti che non sono compatibili non possono interagire o unirsi; nemmeno Dio può unirli insieme! Perché? Questa è la legge dell’universo! Perché? Essendo stato creato sulla base dell’ideale dell’amore, dove ogni cosa ha la sua parte complementare, l’universo opera in un sistema di coppia.

Gli esseri umani si sono evoluti dalle amebe? Non ci può essere armonia in una linea retta. Ci vorrebbe tanto tempo per spiegare questo in modo logico. Come si possono fare tre punti su una linea retta? Come si può fare il terzo e il quarto punto per creare una forma a quattro lati che permette di realizzare questa armonia? Da dove viene un cerchio? Non può venire da una linea retta. L’ameba ha in sé l’energia di scegliere e formare un terzo punto? No. L’ameba può solo agire su una linea retta. (211-254, 30.12.1990)

Dalla posizione di un’ameba, diverse migliaia di passi si estendono verso l’alto secondo le leggi dell’amore; allora l’ameba come può passare attraverso tutte le porte dell’amore fino al livello dell’amore tra maschio e femmina? Non può. Il problema nella teoria dell’evoluzione è sapere da dove viene l’energia esterna. È possibile espandere la gamma delle specie solo dopo aver superato le colline dell’amore; allora, è passata attraverso le porte per arrivare ad essere una scimmia o no? L’altra domanda è: in tutte le cose ci sono i maschi e le femmine e persino nel caso dei minerali e degli elementi chimici esistono il positivo e il negativo; allora la teoria dell’evoluzione esisteva prima del concetto relazionale di più e meno? La risposta è no; è venuta dopo questo concetto. Quindi si deve riconoscere il rapporto soggetto-oggetto in questo universo. Nulla può andare uscire dai suoi limiti. (263-273, 15.10.1994)

Non si può creare armonia su una linea retta. La linea retta si forma collegando due punti. Perché avvenga la creazione ci devono essere tre o quattro punti che formano le dimensioni dello spazio. Chi ha creato questo terzo punto? Può crearlo la linea retta? Datemi una risposta: chi ha messo il terzo punto sopra e il terzo punto sotto? Ecco come si possono realizzare tutti gli sviluppi nella creazione dell’universo. Questo significa che qualsiasi azione ha bisogno di un soggetto e di un oggetto, ed è per questo che senza di loro non può succedere nulla.

Qual è la domanda successiva? Nella dinamica l’energia immessa supera sempre quella prodotta. Allora dov’è la logica che quando un’ameba entra in azione, l’energia prodotta è più grande? Dovrebbe diminuire, non aumentare. Sotto questo aspetto, la teoria dell’evoluzione deve essere riveduta. (215-232, 18.2.1991)

Non si può creare qualcosa su una linea retta. Solo con la comparsa di un terzo punto si può stabilire la base per la creazione nel mondo sferico. Nella teoria dell’evoluzione non c’è la capacità di offrire un terzo punto. Per questo dovete capire che ci sono delle antiche credenze che non ci permettono di ignorare la creazione. Queste cose non si possono trovare sui punti di una linea retta. (227-267, 14.2.1992)

Alla luce della creazione dell’universo, quando consideriamo come la base del terzo punto si è potuta stabilire nella forma lineare dell’esistenza, comprendiamo che è impossibile concludere che l’universo ha avuto inizio nel modo descritto dalla teoria dell’evoluzione. L’universo è iniziato sulla base di questo terzo punto. Quando consideriamo l’esistenza di questi tre punti dal punto di vista dei partner soggetto e oggetto, è evidente che c’è un punto centrale, un terzo punto, che li collega insieme. (227-30, 10.2.1992)

La teoria dell’evoluzione è una teoria superata e abbandonata. Non ha una direzione finale. Nella prospettiva basata sul fatto che esiste una direzione predeterminata, vorrà dire che è stato definito il corso che porta un beneficio reciproco a entrambe le sfere del più e del meno. Questa è la strada centrale e nello stesso tempo la via della rettitudine. In breve, è la via preferita da entrambe le dimensioni. Gli evoluzionisti non sono riusciti a trovare una soluzione alla disputa relativa al rapporto tra input e output. Non sono neanche stati capaci di suggerire una direzione riguardo l’evoluzione. Alla domanda se l’ameba ha in sé il potere di fare appello ad una fonte di energia per svilupparsi in un essere più grande, la risposta è che non ce l’ha. Non perdete tempo a parlare di questo. La direzione predeterminata per questo sviluppo creativo è la direzione dell’amore. (207-256, 11.11.1990)

Traendo alcune conclusioni sulla teoria dell’evoluzione possiamo fare questa domanda: per evolversi, l’ameba crea una terza fonte esteriore di energia attraverso la quale si può sviluppare, oppure questa energia le viene fornita? Per evolversi e svilupparsi dallo stato attuale, all’ameba deve essere aggiunta una terza fonte di energia; ma l’ameba crea questa energia per svilupparsi, oppure la riceve da qualche altra parte? È una logica innegabile che se non può creare da sé questa energia, avrà bisogno che le venga fornita.

È inconfutabile affermare che un essere si è evoluto da un altro solo perché i due hanno la stessa struttura ossea? Quelli che sostengono questa idea sono completamente pazzi. Sono malati di mente. Dovete capire che esistono diverse categorie di migliaia di specie fra l’ameba e la scimmia. In poche parole, c’è una distinzione fra le specie. Questo significa che tutte le specie si differenziano e continuano ad esistere attraverso le porte dell’amore del maschio e della femmina. Allora è possibile sostenere che, dal momento che la struttura ossea di uno assomiglia a quella di un altro, l’uno si è evoluto dall’altro ignorando il fatto che per potersi collegare è necessario che passino attraverso le porte dell’amore di migliaia di specie? Sono passati attraverso queste migliaia di livelli d’amore per potersi sviluppare? (263-273, 15.10.1994)

Quando siete nati, avevate gli occhi chiusi o aperti? Allora, avete deciso quando avreste aperto gli occhi o l’avete fatto in modo naturale? Qualcuno vi ha insegnato a succhiare il seno di vostra madre per prendere il latte? Allora, come mai l’avete fatto? C’è un legame magnetico invisibile, ossia c’è una strada basata sul Principio per ogni cosa che entra in azione. Alla luce di questo, dobbiamo capire che nessuna azione avviene per puro caso.

Oggi gli evoluzionisti dicono: «L’universo si è sviluppato da solo. È nato in modo naturale. La domanda è: come ha potuto venire ad esistere in modo naturale? Come ha potuto svilupparsi semplicemente dal nulla? Può cominciare ad esistere senza una causa, un motivo, un processo o un risultato? Prima vengono il motivo e la causa, poi la direzione. Allora perché qui entra in gioco la direzione? Un neonato segue forse una certa strada con questa consapevolezza: «Devo andare da questa parte»? Perché apre gli occhi? Non appena apre gli occhi, guarda all’interno o all’esterno? Perché guarda in quel modo? Da dove viene questa direzione? Come esce fuori? Da questo possiamo intuire che gli esseri viventi esistono per seguire una certa strada. (94-10, 19.6.1977)

Non possiamo nemmeno rispondere in modo adeguato alle domande sui nostri occhi. Queste domande non possono essere risolte attraverso la dialettica e l’attuale teoria dell’evoluzione. Da ora in poi, dovrete lottare contro il comunismo e abbattere la teoria dell’evoluzione e la dialettica. Se abbattete la prima, la seconda crollerà automaticamente. Su che cosa verte attualmente la disputa? Sulla domanda se viene prima la coscienza o la materia. Il mondo comunista afferma che la materia è superiore è che viene prima, mentre il mondo democratico dice che viene prima la coscienza.

Se si considera come sono apparsi gli occhi, quelli che pensano: «Gli occhi sono venuti fuori perché lo volevano» sono completamente matti. Perché gli occhi possono muoversi e il naso no? Alla domanda: «Perché gli occhi si muovono? Il pensiero dialettico ed evoluzionista risponderà: «Perché lo vogliono». Lo scopo degli occhi è vedere e poiché questo è il loro scopo, hanno bisogno di muoversi. In breve, si muovono per realizzare il loro scopo. Il naso rimane fermo anche quando gli cade sopra la polvere, mentre gli occhi sbattono le palpebre in continuazione. Perché lo fanno? Per inumidire i bulbi oculari, perché la loro umidità evapora e li lascia asciutti. Perché ci sono le ciglia? Esistono per impedire alla polvere di entrare negli occhi. Alla domanda: «Perché è così?» la risposta evoluzionista e dialettica sarà perché hanno voluto essere in quel modo. Ma non è così semplice. Se l’occhio vede qualcuno che dice che è venuto ad essere quello che è perché l’ha voluto, gli direbbe: «Stolto farabutto, smettila di dire idiozie!» (93-176, 29.5.1977)

4.1.3. La teoria dell’evoluzione è confutata dalla logica dell’amore

Dobbiamo risolvere la questione della teoria dell’evoluzione. È un problema perché i concetti dell’evoluzione e la realtà circostante sono stati usati come strumenti dal comunismo. Ciò che è invisibile è veramente prezioso. Potete vedere Dio, la coscienza o l’amore? Queste tre cose invisibili e inestimabili sono estremamente preziose per gli esseri umani. Tutti sanno di avere una coscienza, giusto? C’è qualcuno che non ce l’ha? C’è qualcuno che non ha l’amore? Tuttavia, queste due cose sono invisibili agli occhi. Cosa succede grazie alla loro invisibilità? Possono entrare dappertutto e unirsi a qualunque cosa. Potrebbero entrare così facilmente se fossero visibili? Poiché non possono essere viste, possono entrare persino nelle cellule umane. Non c’è un posto attraverso il quale non possano passare. Questa logica si regge in piedi. Nessuno può controllare l’amore. Il vero amore non può essere controllato o bloccato nemmeno dall’universo. (239-68, 23.11.1992)

Viene prima l’evoluzione o l’esistenza del maschio e della femmina? Quale dei due precede l’altro? Viene prima l’esistenza reale o il concetto dell’amore? È una questione seria. Per abbattere il comunismo dobbiamo capire chiaramente la logica che può sottomettere la teoria dell’evoluzione. L’ameba è esistita prima o dopo il mondo reale? Come ho detto che è stato fatto il collegamento che lega i diversi stadi fra l’ameba e gli esseri umani? Dove potete trovare una logica così stupida da sostenere che le amebe si sono trasformate in esseri umani attraverso l’evoluzione ignorando completamente il concetto che gli esseri si sono sviluppati attraverso l’amore? (235-23, 24.8.1992)

La causa della più grande confusione nella sfera della cultura cristiana, durante il periodo che va dalla storia dal Medio Evo ai giorni nostri, è stata l’ideologia dell’umanesimo. La teoria dell’evoluzione di Charles Darwin, fondata sull’umanesimo, ha svolto un ruolo fondamentale nella distruzione del cristianesimo, legandolo e appendendolo per il collo. Questa teoria sosteneva che Dio non esiste. Nel mondo della creazione, il maschio e la femmina nel sistema della coppia diventano i partner soggetto e oggetto. Il maschio e la femmina, nel caso degli esseri umani, sono l’uomo e la donna; allora cos’è venuto prima, l’esistenza del maschio e della femmina o la teoria dell’evoluzione? I partner soggetto e oggetto si possono trovare in tutto l’ambiente, ma il processo evolutivo no. In qualsiasi ambiente ci sono senza dubbio dei partner soggetto e oggetto. Persino nel mondo minerale l’elettrone ruota attorno al protone come centro. Nelle molecole, gli ioni positivi e negativi svolgono un’interazione. Hanno tutti preceduto il concetto dell’evoluzione o sono venuti dopo? L’hanno preceduto. Erano lì prima di questo. (245-49, 28.2.1993)

Cosa viene prima, il concetto dell’evoluzione o il concetto di “più” e “meno” nell’universo? Viene prima la relazione soggetto-oggetto? Anche nel mondo minerale ci sono ioni positivi e ioni negativi che sono in un sistema di coppie soggetto e oggetto. Anche il regno vegetale è così. Lo stame e il pistillo sono in un rapporto reciproco fra partner soggetto e oggetto. E il mondo animale? È composto da maschi e da femmine. Questa è la legge naturale immutabile dell’universo. Sulla terra non c’è mai stato – né mai ci sarà – nessuno che può spostare un maschio o una femmina da una specie all’altra con la forza della volontà umana. Se questa persona esistesse, le conseguenze sarebbero disastrose.

Io dico: smettetela di giustificare la teoria dell’evoluzione. Dovete sapere che il concetto di yin e yang esisteva molto prima di questo. Era un segreto a noi nascosto come uno dei misteri dell’universo, ma non dobbiamo più ignorare il fatto che questo universo è stato formato dal concetto di yin e yang, il rapporto soggetto-oggetto. Allora cos’è venuto prima, la teoria dell’evoluzione o il concetto dello yin e dello yang? È venuto prima quest’ultimo. Gesù venne sulla terra per rivoluzionare il concetto di yin e yang? Sì o no? (272-255, 6.10.1995)

Secondo la teoria dell’evoluzione in che modo è avvenuta l’evoluzione? Sostenere che tutto si è evoluto dall’ameba è un cumulo di sciocchezze. Lo sviluppo può avvenire sulla base di un unico essere? Avviene sulla base di qualcosa che è buono per due esseri. Solo uno scambio ideale di dare e ricevere fra due parti che sono in un rapporto reciproco può generare uno sviluppo ad un livello più alto. (86-114, 14.3.1976)

Secondo la teoria dell’evoluzione, le amebe si sono sviluppate fino ad arrivare agli esseri umani. Com’è complicato lo sviluppo? Lo sviluppo non significa che un essere di una particolare categoria si adatta al suo ambiente così com’è. Per poter salire ad una categoria più alta, questo essere ha bisogno di passare attraverso il processo d’amore del più e del meno, ossia del maschio e della femmina. Tuttavia, questa realtà è completamente ignorata nella teoria dell’evoluzione. Un essere può essere prima un maschio, poi svilupparsi in un altro maschio, poi svilupparsi in una femmina, e poi in un’altra femmina e così via? Osservando lo sviluppo di questo corso, noi progrediamo e diventiamo esseri di un livello più alto solo passando attraverso le porte dell’amore. Gli evoluzionisti, tuttavia, dimenticano questo fatto. Perché ci possa essere uno sviluppo, bisogna passare attraverso le porte dell’amore. (208-235, 20.11.1990)

Affermare che l’uomo e la donna sono apparsi attraverso l’evoluzione fa sorgere delle domande. L’amore esisteva prima dell’evoluzione o è venuto dopo? Allora, è venuto prima o dopo? È stato prima. Oggi si dice che persino i batteri esistono in coppie. Non le amebe, ma i batteri. Persino nel mondo dei batteri, che si possono vedere solo quando sono ingranditi migliaia o addirittura milioni di volte, possiamo trovare uno stato coniugale. Esistevano prima dell’ameba? Che ne dite? Non è interessante? Il fatto che tutte le cose esistono in coppia dimostra che sono state create sulla base dell’amore. Alla luce di questo, si può dire che la sensibilità dell’amore esisteva prima dell’evoluzione. Allora, in che modo le differenti categorie, in miliardi di stadi di interazione fra il maschio e la femmina, hanno potuto essere superate nell’evoluzione dall’ameba all’uomo? Questo di per sé è illogico. È un ragionamento superato. La teoria dell’evoluzione causa seri problemi. È servita da base per lo sviluppo del comunismo, che ha negato Dio e la Sua esistenza nel corso della storia. (223-355, 20.11.1991)

Dov’è diretto l’universo? Senza riconoscere questa direzione, non possiamo vedere nessuno scopo. I comunisti parlano della teoria dell’evoluzione e così non hanno una vera visione dello scopo. Nonostante ciò, tutti gli esseri sono creati come partner soggetto e oggetto e interagiscono nell’amore. Quello che li collega è la via dell’amore. Tutto cerca la via dell’amore. (260-12, 11.4.1994)

L’attuale teoria dell’evoluzione deve riconoscere che il progresso è basato sul principio dei rapporti soggetto-oggetto. Le menti di questi due esseri devono essere in accordo ed essere stimolate attraverso uno scopo comune più grande. Solo quando sono spronate a perseguire insieme la realizzazione di quello scopo possono salire ad un livello più alto. Così ci devono essere i partner soggetto e oggetto. Lo stimolo che nasce fra i due si chiama amore. (265-190, 21.11.1994)

La logica dell’amore si può trovare nella teoria dell’evoluzione? Parlo del fondamento teorico su come sono venuti ad esistere il concavo e il convesso. Allora cos’è venuto prima, la teoria dell’evoluzione o il concetto dello yin e dello yang? Quale dei due? È venuto prima lo yin e lo yang. Allora chi ha preceduto l’altro: il maschio e la femmina o l’amore? Quale dei due? Il maschio e la femmina sono apparsi a causa dell’amore. (274-93, 29.10.1995)

Da dove ha avuto origine l’universo? Non è stato attraverso l’evoluzione. Dobbiamo capire che il maschile e il femminile esistevano prima del concetto della creazione o dell’evoluzione. Perché sono apparsi il maschio e la femmina? È stato per l’amore. L’amore è la formula per ogni forma di esistenza. (280-60, 1.11.1996)

Tutti gli esseri sono stati creati in coppie. Cosa direbbero gli evoluzionisti se faceste loro questa domanda: «Perché sono nati i maschi?» Risponderebbero: «Sono venuti ad esistere in modo naturale». E se chiedeste: «Perché sono nate le femmine?», risponderebbero: «Sono venute ad esistere in modo naturale». Sono fuori di testa. Sono venuti ad esistere in modo naturale? Tutti i maschi e le femmine nascono per riprodurre la loro specie, non le altre. Le scimmie non diventano esseri umani e i serpenti non si trasformano in rane. È giusto o sbagliato? Sono degli ignoranti, che non sanno che i maschi e le femmine stabiliscono una relazione sulla base delle porte dell’amore. (209-193, 29.11.1990)

L’universo protegge la relazione tra partner soggetto e oggetto. Come appare allora la teoria dell’evoluzione alla luce di questo principio? Non si può passare dall’ameba a forme di vita più elevate così semplicemente; il “più” e il “meno” si devono unire. Quando si uniscono, diventano o un “più” più grande, o un “meno” più grande. In questo modo, alcuni esseri sono sopra e altri sotto. Di fronte al modello di un’entità soggetto di tutto l’insieme, se un essere è il partner oggetto del “più” che corrisponde alla positività del grande soggetto, si attaccherà a quel “più”, mentre se è il partner oggetto del “meno” in relazione a quel grande soggetto, si attaccherà al “meno”. Ecco come si formano un “più” più grande o un “meno” più grande, sviluppandosi in questo modo verso un mondo più grande. (218-266, 19.8.1991)

Come si può confutare la teoria dell’evoluzione? È una questione seria nel mondo accademico. Il maschio e la femmina della scimmia sono apparsi tramite l’evoluzione? Che ne dite? Il maschio e la femmina sono stati creati attraverso l’evoluzione? Tutte le cose fino al più piccolo insetto nel regno degli insetti esistono come maschi e femmine, esistono come stame e pistillo nel regno vegetale e come ioni positivi e negativi nel mondo minerale. Questo è venuto fuori dall’evoluzione? Provate a chiedere a un evoluzionista qual è l’origine del maschio e della femmina. Quale sarà la sua risposta? Non potrà negare che sono venuti ad esistere per amarsi reciprocamente e riprodursi. (221-145, 23.10.1991)

Da dove ha avuto inizio l’evoluzione? Questo è il punto. Oggi i giovani intellettuali sono intrappolati da questa domanda e quindi sono diretti all’inferno. Si dice che l’evoluzione è cominciata dall’ameba. Io ho chiarito tutto riguardo la disputa tra le due teorie contrastanti dell’evoluzione e della creazione divina. La teoria dell’evoluzione è stata architettata dal comunismo ateo nell’intento di negare Dio. È un mostro che ha seminato distruzione nel mondo scientifico e che deve essere totalmente smantellato. Ora, attraverso il microscopio, possiamo vedere un mondo di batteri che sono milioni di volte più piccoli dell’ameba. Se l’evoluzione è cominciata dall’ameba, i batteri maschi e femmine esistevano prima o dopo di essa? (222-78, 28.10.1991)

Dobbiamo essere consapevoli di una domanda importante. Il maschio e la femmina esistevano sulla base dell’amore prima dell’evoluzione? La teoria dell’evoluzione è il problema. Il maschio e la femmina sono apparsi attraverso l’evoluzione o l’hanno preceduta? Gli esseri sostanziali sono venuti ad esistere sulla base dell’amore e a causa dell’amore. L’uomo e la donna – il maschio e la femmina – si uniscono insieme per l’amore. L’evoluzione non avrebbe mai potuto avere luogo. Gli esseri sostanziali sono stati creati dal concetto dell’amore molto prima dell’evoluzione, e quindi la parola evoluzione è inappropriata per l’uomo e la donna, per il maschio e la femmina. Sono nati per l’amore. (223-246, 10.11.1991)

Sin dall’inizio della creazione c’era il concetto dell’amore, del maschio e della femmina, molto prima delle asserzioni della teoria dell’evoluzione. Questo esisteva prima della teoria dell’evoluzione. L’uomo e la donna si sposano per amore e una volta sposati devono raggiungere l’unità. Perché si devono unire? Unicamente per realizzare lo scopo dell’amore, e questo non ha niente a che fare con la teoria dell’evoluzione.

Una cosa è riconoscere l’unione del maschio e della femmina come la formula della creazione, un’altra è che il maschio pensi di evolversi in una femmina e viceversa. Una cosa del genere non può avvenire naturalmente. Anche se questo di per sé è impossibile, quando tutto è stato detto e fatto, non si può negare che il maschio e la femmina si possono unire e che il motivo dietro questo concetto è l’amore. Se pensate al concetto di maschio e femmina, la teoria dell’evoluzione non può mai essere stabilita. Allora, per quale motivo sono apparsi il maschio e la femmina? È stato per l’amore. (224-126, 24.11.1991)

Il concetto dell’evoluzione non si poteva trovare nell’universo. Il concetto dell’espansione ha avuto inizio sulla base dell’amore. L’ideale di creazione di Dio è determinare e organizzare degli sviluppi sulla base del concetto dell’amore. Se si tiene conto che l’idea dell’amore precede l’evoluzione, come si può comprendere l’esistenza del maschio e della femmina, collegata al concetto dell’amore, attraverso la teoria dell’evoluzione? L’emozione dell’amore esisteva prima dell’evoluzione, e la sua fonte non ha niente a che fare con l’individuo. Esisteva persino prima che venissero al mondo l’uomo e la donna. Quindi, prima viene il concetto. Qual è il palazzo originale dell’amore? Riuscite a capire di cosa si tratta? (224-143, 24.11.1991)

Ora che il tema dell’evoluzione è alla ribalta, diciamo qualcosa in proposito. Nel mondo minerale troviamo l’esistenza del positivo e il negativo, nel regno animale c’è il maschio e la femmina e nel regno vegetale esistono lo stame e il pistillo. Tutto esiste come maschile e femminile. Nel mondo umano questo è rappresentato dall’uomo e dalla donna. Saranno venuti al mondo senza una ragione? Per quale motivo sono apparsi? Tutto è in un rapporto tra partner soggetto e oggetto, per dare e ricevere, e per interagire centrati sull’amore al loro livello. (240-290, 13.12.1992)

Voi non avete idea di quanto la teoria dell’evoluzione abbia contribuito a distruggere il cristianesimo. Ora, tuttavia, è giunta l’era in cui io posso distruggere la teoria dell’evoluzione con le mie stesse mani. Continuerete a credere nella teoria dell’evoluzione o no? Crederete in quello che dico io o nella teoria dell’evoluzione? Ora è arrivato il tempo di mettere tutto in ordine. La teoria dell’evoluzione è una grande menzogna. Se il potere dell’amore si è esteso per milioni di generazioni, come ha potuto l’ameba passare attraverso le diverse migliaia di porte dell’amore così semplicemente e diventare un essere umano? L’ameba può avere dentro di sé questa capacità di salire fino al livello più alto? (240-297, 13.12.1992)

4.2. La teoria dell’evoluzione è un’idea superata

Tra le maggiori correnti ideologiche del mondo d’oggi, l’idealismo e il materialismo sono diventati le due tendenze principali del mondo filosofico, dando nascita al conflitto fra teismo e materialismo, fra l’ala destra e l’ala sinistra, che ha provocato tanti danni nel mondo. L’ideologia dell’ala sinistra, in particolare, ha conquistato la supremazia in tutto il mondo attraverso la teoria dell’evoluzione. Cosa viene prima, l’esistenza dell’uomo e della donna o l’amore? Prima dell’uomo e della donna, esisteva il concetto dell’amore. Poiché l’amore esisteva prima di loro, l’uomo e la donna furono creati per essere preparati per questo, ossia per essere in accordo al concetto dell’amore. Quindi l’idealismo e il realismo non sono separati. Quello che il comunismo non sapeva era che il concetto e la realtà possono essere uniti in questo modo attraverso l’amore. (228-162, 27.3.1992)

Finora la domanda cos’è venuto prima, l’evoluzione o la creazione di Dio, è stata oggetto di interminabili dibattiti nel mondo accademico. Il concetto dell’evoluzione esisteva prima del concetto dell’amore? Quale dei due è venuto prima? Certamente non l’evoluzione, perché è apparsa molto tempo dopo che esisteva il concetto dell’amore. L’universo del sistema della coppia fu creato prima e poi le somiglianze strutturali fra i diversi esseri fecero nascere la teoria dell’evoluzione. Dovete capire che la teoria dell’evoluzione non è emersa perché l’universo è stato creato secondo i suoi insegnamenti.

Tutti i generi di uccelli hanno delle strutture simili. La distinzione delle specie, tuttavia, è un’altra questione. Un passero e uno zigolo si possono accoppiare e riprodurre? Questo non potrà mai succedere. Dall’ameba all’essere umano esistono distinzioni di specie in diverse migliaia di stadi; così, queste distinzioni potevano semplicemente essere ignorate e un’ameba trasformarsi di colpo in un essere umano? Assolutamente no. La differenziazione delle specie è assoluta. (228-61, 3.3.1992)

Il problema è dove trovare un concetto ideologico che convinca persino i comunisti a fare marcia indietro e a riconoscere l’esistenza del Dio vivente. Come stabiliamo il criterio per negare in modo assoluto il materialismo e la teoria dell’evoluzione, per unire la mente e il corpo e far iniziare il punto di partenza ideale di un mondo unificato da ciascuno di noi? Questo è stato il problema in tutta la storia del mondo.

Il blocco comunista ha propugnato la teoria dell’evoluzione, mentre il mondo religioso ha insistito sull’esistenza di un creatore; per questo sono stati in conflitto fra loro. Tutto quello che è stato sostenuto dai questi due blocchi si è concluso in un fallimento. Perciò queste basi mondiali non devono essere il punto di inizio. Bisogna partire dal livello individuale. Poiché lo sbaglio che ha prodotto questo risultato è stato commesso da un individuo, la scelta fra materialismo e spiritualismo deve essere fatta dall’individuo.

Senza eliminare la teoria dell’evoluzione e stabilire un insieme di valori assoluti basati su una teoria della creazione, centrata sul Dio assoluto, il mondo diventerà instabile. (270-96, 7.5.1995)

Il mondo ideologico è piombato nella contraddizione e nel caos a causa dell’attuale teoria dell’evoluzione, del materialismo dialettico, dell’epistemologia, dello spiritualismo e così via. Solo quando è stabilita la verità assoluta, diventa possibile creare un mondo di valori assoluti. L’esistenza dei valori assoluti è eterna, immutabile e unica. Allora, se pensiamo a qual è il principio eterno, immutabile e unico dell’universo, arriviamo alla conclusione che è la causa e l’effetto, il rapporto fra partner soggetto e oggetto. (89-226, 27.11.1976)

Oggigiorno la grande domanda è se la teoria dell’evoluzione è vera o se l’universo armonioso è stato creato. Chi decide la direzione dell’evoluzione? Lo può fare da sé stessa? Un essere in sviluppo può prendere la decisione da solo? Un’altra domanda è in che modo quell’essere può sviluppare, raccogliere e accrescere il potere per formare un rapporto con la sfera dell’ideale. Queste cose sono possibili solo attraverso Dio. Questa domanda non può essere spiegata dalla scienza. Quindi, a somiglianza degli esseri umani, anche la materia sente il desiderio di unirsi a Dio. Questo è il suo scopo. È lo stesso per tutte le cose. In questo modo il rappresentante principale di tutti gli esseri esistenti nel mondo della sostanza è l’umanità. (111-127, 8.2.1981)

Dov’è la fonte dei nostri pensieri? Alcuni dicono che è nella nostra testa, altri che è nel nostro cuore. Così, dimoriamo dentro il nostro cuore o dentro la nostra testa? Se qualcuno sostiene che esistiamo perché pensiamo, allora dove siamo: nel cuore o nella testa? Poi sorgono altre domande. Se esistiamo come esseri di risultato, la domanda che ci dobbiamo porre è in che modo siamo venuti ad esistere, ossia qual è la nostra origine. Questa è la domanda: da dove è cominciata la nostra vita?

Di solito le persone credono che gli esseri umani si siano evoluti dal mondo animale, ma questa è una teoria di fortuna, creata per il bisogno di una spiegazione. Per formare un legame logico, questa teoria è stata inventata come un espediente; non è possibile sapere se l’evoluzione sia realmente avvenuta. La base della nostra mente ha avuto inizio dall’ameba? Vi chiedo: l’ameba è l’antenato della nostra mente? La teoria dell’evoluzione sostiene che tutto è cominciato e si è sviluppato dall’ameba. (117-68, 1.2.1982)

Attualmente qual è la corrente ideologica relativa all’esistenza umana? Per rispondere a questa domanda dobbiamo ricercare ad un livello più profondo. Anche se abbiamo esaminato le cose da un punto di vista teorico, chiedendo: «In che modo siamo arrivati ad essere così?», dobbiamo ancora risolvere le domande: «Che cos’è l’essere umano? Che cos’è un vero essere umano?» Tutti gli studiosi e i filosofi famosi hanno meditato sulla questione dell’esistenza umana, ma devono ancora giungere ad una conclusione. «Che cos’è l’essere umano? Qual è l’origine dell’umanità?» Questa domanda rimane ancora irrisolta nelle varie teorie dell’evoluzione e della creazione. Non siamo giunti a una conclusione decisiva e soddisfacente. (170-144, 15.11.1987)

Quando guardiamo le Scritture, persino gli insegnamenti di Confucio sono piuttosto vaghi perché lui non conosceva il Dio personale, il Padre Celeste. Deve esistere un Padre da cui abbiamo avuto origine, ma Confucio non Lo conosceva. Il Buddismo parla del principio che ogni cosa dell’universo ritorna alla sua origine, ma non conosce il Dio personale. Una mossa falsa e si troveranno a sostenere il materialismo e la teoria dell’evoluzione. Poiché mantengono un modello di fede che si è sviluppato sulla base della teoria dell’evoluzione, possono facilmente scivolare nel pensiero materialista. (198-257, 4.2.1990)

Dopo la Rivoluzione francese ci fu il passaggio dalle idee dell’illuminismo, che erano basate sull’umanesimo, al comunismo, venuto assieme alla teoria dell’evoluzione di Charles Darwin, che oggi ha spinto il cristianesimo nel baratro della distruzione. (213-65, 14.1.1991)

Oggi gli scienziati dicono che l’universo è costituito di energia, ma quello che non capiscono è che prima che l’energia possa esistere, ci deve essere l’azione. La confusione nasce dal fatto di non sapere che, dal momento che c’è l’azione, devono anche esserci i partner soggetto e oggetto. Se si forma un giudizio sulla creazione secondo il concetto dei partner soggetto e oggetto, la base della teoria dell’evoluzione crolla. (131-212, 4.5.1984)

Ho sentito dire che in tante importanti università degli Stati Uniti non si offrono lezioni sul tema della teoria dell’evoluzione. È semplicemente giusto. Questa teoria afferma che tutto è venuto ad esistere naturalmente! Ma se tutti credessero di essere venuti ad esistere in modo naturale, come sarebbe assurdo!

Se chiedeste: «Venuti ad esistere naturalmente? Esiste una natura soggettiva nella natura?» Risponderebbero: «Beh, veramente non lo sappiamo». «Che assurdità è questa! Come si è formata questa natura soggettiva?» Risponderebbero: «È successo così, come un’azione fisiologica, un fenomeno di sviluppo». Se poi domandaste: «Ah, davvero? E come ha avuto inizio?» La loro risposta sarebbe: «Nessuno lo sa. È successo così, ecco tutto». Non c’è nessuna logica in questi argomenti. Non ci può essere un risultato senza una causa. Non ci può essere una logica scientifica che nega la legge di causa ed effetto. (159-267, 19.5.1968)

Ora la teoria dell’evoluzione è diventata un cimelio storico del passato. Questa teoria sosteneva che lo sviluppo è avvenuto attraverso l’evoluzione. Se è così, perché l’evoluzione non può avvenire in senso inverso? Non potrebbe avvenire nell’altro senso, verso est o verso ovest? Chi ha deciso la direzione dell’evoluzione? Gli esseri che si evolvono possono stabilire la direzione da loro stessi? Per svilupparsi da un’ameba a un essere umano, occorre attraversare diversi stadi in livelli alti, e la domanda è: chi ha stabilito in quale direzione svilupparsi per salire ad un livello più alto? In altre parole, perché le cose si sviluppano verso un livello più alto? (166-21, 7.6.1987)

La pecca di tutti i testi sacri è il fatto che non spiegano la creazione. Non parlano del piano principale Dio per la creazione. Sono state scritte tante cose, sulla base di tutti i tipi di logica, ma poiché non trattano il concetto della creazione, non conoscono la sua direzione e il suo scopo. Così ognuno nel mondo fa quello che gli pare, proponendo la teoria dell’evoluzione o qualche altra teoria e comportandosi come vuole. Visto che le cose stanno così, dobbiamo capire chiaramente il concetto della creazione. Poi dobbiamo cercare di capire perché questo mondo è diventato così malvagio, quando la direzione e lo scopo della creazione non avevano questo intento. Dopo averne indagato le ragioni, dobbiamo risolvere tutte le cause di quello che descrive la Bibbia o che si possono osservare nel corso della storia umana – come mai intere nazioni sono andate incontro alla distruzione nel processo della storia. Ci dev’essere una visione storica, con un approccio logico, che può essere approvato giustamente da tutti, da un punto di vista sia generale che pratico. (212-323, 11.1.1991)

In un rapporto d’amore non può essere assolutamente inclusa una terza parte. Poiché questa logica è vera, la teoria dell’evoluzione non può essere giustificata. L’ameba non può svilupparsi da sola. Dovrà svilupparsi a un nuovo livello attraverso il rapporto tra positivo e negativo, le porte dell’amore. Se si pensa che le dottrine religiose insegnano i rapporti d’amore reciproci e che la legge celeste preclude l’intervento di terzi, la conclusione che si può trarre è che la teoria dell’evoluzione non si regge in piedi. (203-342, 28.6.1990)

CAPITOLO II – La creazione dell’umanità e la perfezione dell’ideale dell’amore

Sezione 1. Il valore assoluto dell’amore

1.1. L’uomo e la donna

Riflettendo sull’essenza dell’universo, vediamo che Dio ha creato l’universo attraverso il concetto di maschio e femmina, sulla base dell’ideale della reciprocità. Finora le persone lo ignoravano. (300-217, 14.3.1999)

Qual è l’essenza dell’universo? L’umanità è divisa in uomini e donne. Per quale scopo sono venuti al mondo? Perché nascono gli esseri umani? Questa è la domanda. Le domande che dobbiamo affrontare sono: qual è il centro più fondamentale dell’universo, o che cosa c’è di più prezioso nell’universo? (217-94, 4.5.1991)

Quando ricerchiamo l’essenza dell’universo arriviamo al concetto di soggetto e oggetto. Persino la donna più piccola seduta qui ha un certo potere dentro di sé, non è vero? Il potere di questa piccola donna desidera avere la debole forza di un piccolo uomo o la grande forza di un grande uomo? Per l’uomo vale la stessa cosa; se fosse un uomo piccolo desidererebbe ardentemente il potere di una donna grande. Perché? Per raggiungere l’equilibrio. È una questione di equilibrio; dovete essere perfettamente perpendicolari su una base orizzontale. Ecco perché nasce il termine “ideale della reciprocità”; è da lì che deriva l’ideale della reciprocità. (216-9, 3.3.1991)

L’umanità è formata da uomini e donne. E che cosa rappresentano? La domanda è, chi dei due deve essere il seme dei semi, il punto centrale sui cui tutti e due si devono focalizzare? Anche l’uomo e la donna sono stati creati come “più” e “meno”. Ci devono essere un più e un meno. Se guardate qualsiasi seme noterete che le due metà sono avvolte insieme da uno strato esterno. Questo dimostra la natura fondamentale dell’universo. Ogni cosa esistente ha queste stesse caratteristiche. (255-79, 6.3.1994)

Come è nato l’universo? Non esiste nulla senza una causa. Per ogni risultato c’è una causa. Da questo punto di vista, qual è la causa dietro la creazione dell’uomo e della donna? La donna è venuta ad esistere per divorare l’uomo? Oppure viceversa? No, sono stati creati tutti e due per l’amore. Se la causa era l’amore, allora la donna è venuta al mondo per l’amore, e così pure l’uomo. (283-251, 13.4.1997)

Perché è stata creata la donna? È stata creata per l’amore, per l’uomo. È destinata ad esistere per l’uomo. Perché nasce l’uomo? L’uomo nasce per la donna. Questa è l’essenza dell’ideale originale dell’universo. Questa è la legge dell’universo e la verità. Non c’è nulla che la può cambiare. Questa semplice verità finora era sconosciuta. (278-203, 24.5.1996)

Dal momento in cui nasce, la donna dove va? Perché sono venute al mondo le donne? Questa è una bella domanda. Alle donne dispiace essere nate donne o no? Perché sono nate donne, allora? È molto semplice. Può non sembrarlo, perché non ne sono consapevoli, ma è uno dei punti più fondamentali della filosofia della vita, e in realtà è molto semplice. La donna è nata per l’uomo. È semplice. La verità dell’universo è semplice. (246-222, 18.4.1993)

Fondamentalmente questo universo è stato creato nel sistema della coppia per creare consonanza. Questa consonanza o armonia è fondata sull’amore. Quando pensate in questo modo, Dio ha stabilito l’amore per l’uomo e per la donna, oppure ha stabilito l’uomo e la donna per l’amore? Cos’è venuto prima? Dio ha disegnato l’amore nel modo in cui è perché gli uomini e le donne sono nel modo in cui sono, oppure Dio ha ideato gli uomini e le donne nel modo in cui sono perché l’amore è così com’è? Alla luce di questo, la cosa più preziosa è quella che non si può vedere. (226-81, 2.2.1992)

Perché nascono gli esseri umani? Nessuno nasce per sé stesso. Gli esseri umani nascono per uno scopo più grande di loro stessi. Quelli che vivono solo per loro stessi agiscono in modo contrario al principio fondamentale per cui sono nati. Le persone che vivono in questo modo sono dei disertori, dei falliti, dei degenerati e dei distruttori. Avete imparato questo a scuola? Quelli che dicono di essere nati per loro stessi non sono desiderati da questo universo. (221-313, 27.10.1991)

Quello che appartiene alla donna non è per lei. È per l’uomo. Qualcuno lo può negare? Se è così, le donne non possiedono nulla. Non è una vergogna essere donne che non avete nulla per voi stesse a parte il vostro nome, perché così vi potete armonizzare dappertutto. Potete armonizzarvi con le nonne, le madri, i nonni, le zie e gli zii. Poiché le donne non danno molta importanza alla loro posizione centrale, la sfera della controparte a poco a poco espande la sua estensione. Questo si collega alla formula base fondata sui principi essenziali della creazione dell’universo, e perciò è qualcosa di definitivo. (255-144, 10.3.1994)

Una volta che i semi si sono uniti, ossia una volta che due semi si sono uniti insieme, non ci può essere un altro seme. Chi infrange questa regola sarà nella stessa posizione di colui che ha fondamentalmente distrutto l’universo e annientato l’intero processo di ri-creazione, ossia Satana. Ecco perché le vostre mogli sono come vostre sorelle minori. Quali figli di Dio, marito e moglie sono come dei gemelli: la donna nasce per l’uomo e l’uomo nasce per la donna. La donna non nasce per sé stessa ma per il suo uomo e viceversa. Gli esseri umani non nascono per un loro desiderio. Così un uomo non può essere amato da sé stesso, ha bisogno di una donna e in modo simile ad amare la donna non può essere lei stessa, ma un uomo. Non è così? (253-65, 7.1.1994)

È impossibile raggiungere la maturità nel vero amore senza un partner. Dovete capire quanto è prezioso il vostro partner. Il vostro partner viene prima del vero amore. Dovete sapere che il vostro partner viene prima. Se rifiutate questa idea, è come se rifiutaste l’origine dell’universo. Fare questo è rifiutare Dio e la Sua creazione. Vi prego di capirlo. Il vero amore non si può stabilire dove un uomo e una donna vivono da soli, ma solo dove i due sono uniti. Quando pensate in questo modo riguardo la vostra coppia e la vostra famiglia, potete dire: «L’universo assomiglia a me». (248-53, 20.6.1993)

Sarebbe un bene se l’uomo e la donna fossero identici? Sono essenzialmente diversi. Se l’uomo fosse l’est, la donna sarebbe l’ovest; se lui fosse il sud, lei sarebbe il nord. Perciò le donne non dovrebbero dire: «Perché gli uomini non sono come noi?» Se la donna è debole, l’uomo dev’essere forte, e se la donna è gentile, l’uomo deve essere rude. Inoltre, l’uomo deve dondolare le spalle mentre cammina e la donna quando cammina deve dondolare i fianchi. Ecco in che modo sono diversi. Facendo dondolare le spalle, l’uomo rimescola tutto. Questo è il tono dell’universo. L’uomo segue il ritmo dell’universo. (167-220, 19.7.1987)

L’uomo nasce per la donna e la donna nasce per l’uomo. Allora perché nascono? Questa è la domanda fondamentale. Perché nascono l’uomo e la donna? Nascono per sperimentare l’amore di Dio. Questo è il punto. Perché i due, l’uomo e la donna, si devono unire e che cosa devono fare quando s’incontrano? Devono realizzare l’orizzontalità e raggiungere il centro della sfera. L’intero universo ha la forma di una sfera. La terra non è forse un globo che fluttua nello spazio? L’universo, il sole – in pratica tutte le cose – fluttuano nello spazio. (173-205, 18.2.1988)

Perché è nato l’uomo? Lo scopo della sua nascita è semplice. L’uomo è nato per la donna. E perché è nata la donna? È nata per l’uomo. La donna non può fare a meno di lui più di quanto lui possa fare a meno di lei. Adamo ed Eva nacquero per l’amore. Tutti gli esseri umani sono nati per l’amore. Perché? Dio ha bisogno dell’amore ed è contento solo quando ha mangiato la zuppa dell’amore. Anche se avesse l’amore a colazione, a pranzo e a cena, direbbe lo stesso: «Ah, che piacere!»

Dio sarebbe contento se Gli portassero un sacco di soldi? Dio non ha bisogno di un mucchio di conoscenza o di potere, ma cadrà sicuramente a testa in giù per un sacco d’amore. Questo è il dono più prezioso che l’umanità Gli possa offrire. Il proverbio è adatto: «Tutto va bene quando nella famiglia c’è armonia». Questo detto si riferisce all’essenza dell’universo. Non è chiaro questo, una volta che entrate nella Chiesa dell’Unificazione? (148-33, 4.10.1986)

Gli uomini e le donne non sono nati per vivere in maniera egocentrica. Sono nati per proteggere questo universo, l’origine e tutti i risultati della natura originale di Dio, e per vivere come esseri che hanno questo valore. La caratteristica comune a tutte le forme del creato è la tendenza ad avere e ad amare quello che assomiglia a loro stesse. Agli insetti non piace forse stare nei luoghi dove si possono trovare sia i maschi che le femmine? La stessa cosa vale per tutti gli animali. Le farfalle preferiscono i posti dove si trovano lo stame e il pistillo nei fiori che emanano un soave profumo. Ogni cosa della creazione desidera agire, vivere e nutrirsi nei luoghi dove maschio e femmina sono impegnati nell’atto d’amore. (303-286, 9.9.1999)

Se non ci fosse stata la caduta, sapremmo tutto senza bisogno che nessuno ce lo insegni. Allora perché sono nati gli uomini e le donne? Questa è la domanda. Sono nati per l’amore. Perché abbiamo bisogno di quell’amore? Cosa si deve fare con l’amore? Perché le persone vivono e muoiono per l’amore? La gente si preoccupa di vivere o di morire per l’amore? Sì, perché l’amore è l’origine della vita. Noi cerchiamo l’origine che è l’unico amore assoluto; non cerchiamo due amori. Questa è la grande via dell’universo, la legge del cielo. Questa legge non scomparirà mai, perché questa legge dell’amore è anche il criterio di giudizio quando sarete andati nel mondo spirituale. (191-36, 24.6.1989)

Cosa lega la vita della madre e del padre al lignaggio? L’amore. Questo è quello che trovereste se scavaste profondamente nell’essenza dell’universo. Le persone come me sono molto serie. La domanda qual è l’essenza dell’universo è una domanda molto seria. (191-11, 24.6.1989)

Gli elementi fondamentali dell’universo sono l’amore, la vita e la linea di sangue. Noi siamo il loro frutto. Dentro di noi c’è il centro dell’amore che protegge la vita. Su questa base la storia e la tradizione sono collegate attraverso la linea di sangue. Ecco perché avete bisogno di tutte e tre. Avete queste tre cose dentro di voi, non è vero? Avete l’amore, la vita e la linea di sangue. I tre elementi si combinano insieme per dar nascita ad una nuova persona. (190-223, 19.6.1989)

In quale momento l’amore di Dio e l’amore dell’umanità si uniscono? Questa è stata una domanda storica di grande importanza sin dalla creazione dell’universo. Finché non avrà una risposta, ossia finché non sarà determinata l’origine dell’universo, non ci sarà mai una soluzione. Centrandosi sul vero amore, Dio ha bisogno di stare nella posizione del nucleo e Adamo ed Eva saranno le due metà che lo racchiudono. Se esaminate una castagna, potete vedere questo fenomeno: vedrete che è composta da due metà che circondano il seme, non è vero? Allo stesso modo, con Dio come nucleo, l’uomo e la donna devono unirsi completamente attorno all’amore. (177-142, 17.5.1988)

La ragione per cui l’uomo e la donna si incontrano è l’amore. L’uomo nasce per l’amore e la donna nasce per l’amore. Poi, avendo amato, cosa devono fare? Devono impadronirsi di Dio, l’origine dell’universo. In altre parole, la causa e l’effetto si armonizzano insieme. Il frutto nasce dove la causa e il risultato sono portati ad unirsi in armonia. Quando nasce il frutto, spunteranno le gemme, ossia, si genererà una discendenza. Ecco come i figli nascono ricevendo la carne e il sangue dei loro due genitori. (197-143, 13.1.1990)

Noi nasciamo per l’amore. L’amore! Capite? Questa è l’origine dell’universo. L’amore, il vero amore! Questo vale per tutti, per gli uomini e per le donne. (198-122, 25.1.1990)

Su quale base i due devono diventare una cosa sola? Né Dio, né l’uomo, né la donna. L’unità può venire solo quando Dio, Adamo ed Eva sono centrati sul vero amore – l’amore assoluto. Questa è l’essenza dell’universo. È semplice. Persino Dio sarebbe un Dio solitario senza l’amore. (144-150, 12.4.1986)

Perché la foglia della zucca respira? Per mantenersi in vita. Ma perché si mantiene la vita? Per l’amore. Per che cosa vive la donna? Per che cosa vive l’uomo? Per i soldi? Solo per l’amore. (223-150, 10.11.1991)

Scambiereste il vostro amato sposo per dieci milioni o cento miliardi di dollari? Questa è una domanda molto seria. Se sapeste veramente quanto è prezioso l’amore – in quanto questo amore porta all’essenza dell’universo – e capiste chiaramente che senza di esso tutte le origini sarebbero distrutte, per che cosa lo scambiereste? Lo scambiereste per una nazione? (201-15, 28.2.1990)

Sostenete il mondo comunista o il mondo democratico? Il mondo democratico crede nel teismo, ossia mette lo spirito al primo posto. La Chiesa dell’Unificazione afferma che lo spirito e la materia sono uniti. Questa è l’essenza dell’Unificazionismo che parla di soggetto e oggetto. Il principio fondamentale dell’universo è che nulla può continuare ad esistere da solo. Anche se due esseri possono esistere in modo separato, sulla base dell’amore devono assolutamente unirsi. Anche se in origine sono due, l’uomo e la donna, il “più” e il “meno”, devono unirsi, altrimenti non si può realizzare il monismo. Invece si stabilisce il dualismo e il dualismo dà origine alla logica che il mondo si dividerà in due parti che lottano fra loro. Perciò, anche se l’uomo e la donna sono due entità separate, hanno bisogno di unirsi. In altre parole, per principio sono destinati a unirsi con al centro il vero amore. (274-71, 29.10.1995)

1.2. Gli organi sessuali rendono perfetti l’uomo e la donna

L’essenza fondamentale dell’universo è l’uomo e la donna. La base dell’universo è centrata sull’amore dell’uomo e della donna, il più e il meno. Questo è lo stato degli organi sessuali. Tutto non è forse così? Qualunque cosa vedete, che sia un canguro o qualche altro animale, non appena nasce cerca il seno della madre. Riguardo gli organi sessuali, ci sono alcuni animali che li hanno nei posti più strani, ad esempio le ascelle. E come li trovano i loro compagni? Emettono delle specie di ultrasuoni. La fonte dell’universo che li collega è la forza prima universale, che si riferisce all’energia essenziale di Dio. (299-154, 10.2.1999)

In che cosa sono differiscono l’uomo e la donna? Non sono diversi negli occhi o nei cinque sensi. Cos’è che rende l’uomo diverso dalla donna? La differenza sta nei loro organi sessuali. È questo ciò che li distingue. (246-220, 18.4.1993)

Perché sono nati l’uomo e la donna? La parola uomo è venuta ad esistere a causa della donna. La riconosce come condizione indispensabile. Anche se l’uomo è di dimensioni più grandi, è nato per la donna più piccola. Perché è nata la donna? Cosa c’è di diverso fra l’uomo e la donna? Che cosa? Le mani, gli occhi, il naso o la bocca? Cosa hanno di diverso? Qual è l’unico organo diverso fra loro? Uno è convesso e l’altro concavo. Sono i loro organi sessuali. Quello che è assolutamente necessario per l’uomo è la verità della donna, e per la donna è la verità dell’uomo. Che cos’è la verità dell’uomo? Che cos’è la verità della donna? Non sono forse gli organi sessuali? Sì, l’uomo e la donna sono nati perché i loro organi sessuali si adattino l’uno all’altro. Perché devono combinarsi insieme? Per che cosa? Per l’amore. Per unire la loro vita e la loro linea di sangue. Per fondere i tre elementi: l’amore, la vita e la linea di sangue. (196-130, 31.12.1989)

La perfezione dell’uomo e della donna viene attraverso i loro organi sessuali. Rifletteteci. Questo non vale anche per voi? Avete uno o due occhi? Perché ne avete due? Avete due narici o una? Perché ne avete due? Avete due labbra o un labbro solo? E ancora, perché ne avete due? E gli orecchi sono uno o due? Perché due? E le mani sono una o due? Perché ne avete due? Avete uno o due piedi? Perché due? E che dire degli organi sessuali della donna e dell’uomo, ce ne sono due? Sono anche loro identici? Sono diversi. Hanno una forma diversa. La domanda è qual è il modo migliore di trattarli dal momento che sono diversi tra loro. Tutto è fatto in coppie complementari tranne gli organi sessuali maschili e femminili, non è vero? Perché abbiamo gli organi sessuali? A che cosa servono? Qual è il loro scopo? Li usate per mangiare quando avete fame? Che scopo hanno? Una persona da sola non può realizzare il loro scopo. Rimarrebbero inutili per sempre se l’uomo e la donna non si unissero. Pensateci. A che cosa servono? Che cos’è nell’uomo che attira la donna? Gli occhi, la testa, il corpo o il cuore? Che cos’è? E cos’è che attira l’uomo nella donna? Quale parte di lei lo attira? Le sue labbra? Per realizzare lo scopo degli organi sessuali è necessario un partner. Così la donna deve attirare l’uomo e l’uomo deve attirare la donna. È qualcosa di assoluto o di relativo? Trascende la storia e le circostanze. Quindi qualsiasi eventualità o incidente possa succedere, questo si deve realizzare. (247-203, 9.5.1993)

Qual è la differenza fra l’uomo e la donna? Innanzitutto, i loro corpi, compresi gli organi sessuali, sono diversi. Allora per chi è assolutamente necessario l’organo sessuale dell’uomo? Esiste per una donna.

Quando guardate gli organi sessuali umani, vedete che uno è concavo e l’altro è convesso. Secondo voi, perché sono stati creati in questo modo? Gli organi di tutti e due i sessi avrebbero potuto essere fatti a punta oppure essere piatti, perché invece sono stati fatti con una forma così diversa? È per il proprio partner. L’organo dell’uomo è assolutamente desiderato dalla donna, e quello della donna è desiderato dall’uomo. Finora nessuno sapeva che l’organo sessuale della donna apparteneva assolutamente all’uomo, e che l’organo sessuale dell’uomo apparteneva alla donna. Possedendo l’organo che appartiene all’altro sesso si può capire l’amore. (299-119, 7.2.1999)

Non solo la base della pace, ma anche ogni altra cosa compreso il Regno di Dio sulla terra e in cielo proviene dall’amore. Quale amore? L’amore dell’uomo, l’amore della donna o l’amore di entrambi?

L’amore di tutti e due. Dov’è che si uniscono l’amore dell’uomo e della donna? Nella faccia o sulla punta delle dita? L’amore fra i due si unisce attraverso il concavo e il convesso. (263-52, 16.8.1994)

Sulla base di che cosa si uniscono il corpo e la mente? Non si uniscono a causa dei soldi, della conoscenza o del potere; solo il vero amore può unire la mente e il corpo. Come possiamo sapere questo per certo? Esaminando il creato, vediamo che le persone nascono come uomini e donne; allora, quelli che hanno studiato filosofia non sono estremamente curiosi di sapere perché è nata l’umanità? La risposta è semplice. Perché gli esseri umani vengono al mondo? Per esseri umani intendo l’uomo e la donna. Se si considera la domanda per quale ragione nascono l’uomo e la donna, possiamo rispondere che esiste l’animale donna ed esiste l’animale uomo e che i loro organi sessuali sono fatti così per unirli. Attorno a cosa si devono unire? Attorno all’amore. Ecco come nascono gli esseri umani. Alla luce del concetto che originariamente Dio è amore, non si può negare che l’uomo e la donna sono venuti al mondo per l’amore. Su cosa devono centrarsi quando si uniscono? Poiché si devono unire per l’amore, non si può negare che sono stati creati sulla base dell’amore.

Ecco perché l’amore è il mistero, l’interesse, la passione, la curiosità e il fascino più grande e la sua descrizione evoca tutti i superlativi. E poi che altro c’è? L’amore, d’altra parte, può causare le più grandi disfatte. L’amore è qualcosa di molto scaltro, che può assumere tutte le forme che volete. L’amore è così. È la cosa più scaltra. (219-166, 29.8.1991)

Gli organi sessuali sono delle entità sacre. È giusto o no? Perché mi guardate in modo così strano? Perché mi guardate come per dire: «Il fondatore della Chiesa dell’Unificazione parla degli organi sessuali?» I pastori possono permettersi di parlare degli organi sessuali? Tutti sputerebbero loro in faccia. Ci sono degli uomini e delle donne che sputano sugli organi sessuali? Gli uomini sputano sugli organi sessuali delle donne e le donne sputano su quelli degli uomini? Gli organi sessuali sono qualcosa di sacro. Gli organi sessuali sono sacri, sacri, sacri. Sono sacri. Sono il palazzo dell’Adamo perfetto che non è caduto. Sono il luogo sacro, il palazzo sacro. Sono il palazzo supremo. Gli organi sessuali sono il palazzo originale della vita e dell’amore. (285-59, 5.6.1997)

Qual è lo scopo degli organi sessuali degli uomini e delle donne? Servono per fare l’amore, non è vero? L’uomo e la donna sono elementi essenziali per realizzare l’amore. Nascono per il vero amore. È una cosa che non si può negare. (221-145, 23.10.1991)

Sarebbe un problema serio se ci fosse solo il convesso e non il concavo. Allora, quando Dio creò gli esseri umani, c’era prima il concetto del concavo e del convesso, dell’uomo e della donna, oppure c’era prima il concetto dell’amore? Riflettete bene prima di darmi una risposta. Cosa sarà venuto prima, il concetto dell’essere umano, l’uomo e la donna, oppure il concetto del sesso maschile e femminile? Il sesso è l’origine ed è più importante di ogni altra cosa. Dovete sapere che gli organi sessuali maschili e femminili sono gli antenati della creazione. Nessuno finora lo sapeva.

Gli organi sessuali sono i progenitori della creazione dell’umanità. I primi antenati sono gli organi sessuali e da loro sono venuti fuori l’uomo e la donna. Questa è la verità. È per gli organi sessuali che gli esseri umani si distinguono in uomini e donne. Il concetto di distinzione è venuto dopo il concetto originale. Dal concetto originale di maschile e femminile siamo stati divisi e chiamati uomini e donne. (272-171, 1.10.1995)

Quando vennero ad esistere l’uomo e la donna, fu creato prima tutto il corpo o gli organi sessuali? Il sesso, maschile o femminile, è deciso a metà strada nel processo di crescita o è deciso all’inizio quando comincia ad esistere e poi inizia a crescere? Che ne dici Dott. Yoon? Non è deciso prima che comincino a crescere? È proprio così. Chi decide se un essere dev’essere maschile o femminile? Potete diventare maschio solo perché lo volete? Le donne devono rimanere assolutamente femmine e gli uomini devono rimanere maschi. Non possono cambiare da un sesso all’altro.

Io posso diventare una donna come la Madre solo perché lo desidero? Era già stato deciso quando sono venuto al mondo. È determinato nel momento in cui lo sperma incontra l’ovulo. Gli organi sessuali sono decisi prima che appaiano l’uomo e la donna. Uno non può essere quasi un uomo e poi diventare una donna all’ultimo momento. L’uomo è assolutamente un uomo, così come la donna è assolutamente una donna. (197-51, 7.1.1990)

Per concludere, in quale parte Dio ha investito lo sforzo più grande quando ha creato gli esseri umani? Erano gli occhi, la bocca, il naso o le mani? Nessuno ha mai pensato minimamente a questo. Quella parte è il pilastro dell’amore. Dov’è il pilastro dell’amore? Sono gli organi sessuali femminili e maschili. Gli organi sessuali sono il palazzo originale dell’amore. È attraverso di loro che si può imparare l’amore dell’uomo e della donna. Senza di loro non conosceremmo l’amore, perché i proprietari dell’amore non potrebbero apparire. Il proprietario dell’amore dell’uomo è la donna e il proprietario dell’amore della donna è l’uomo, e sono gli organi dell’amore che ci qualificano come proprietari dell’amore. (302-220, 14.6.1999)

L’oro a 24 carati, o l’oro puro, ha lo stesso valore indipendentemente dalla sua origine, che sia la terra di Corea, un bel posto panoramico, sott’acqua, o qualche posto sperduto su un dirupo dove nessuno ha mai messo piede. Pensate che, quando state per fare l’amore con il vostro sposo, i suoi organi sessuali protesteranno dicendo: «Oh, tu non mi piaci perché il tuo viso è brutto?» Una volta che avete un rapporto d’amore, persino una faccia butterata dal vaiolo sembrerà bella. Quando una donna bianca e un uomo nero si amano, lei non penserà a lui come a un nero. Succederanno queste cose. (276-87, 4.2.1996)

Le nostre ciglia sono cresciute da sole e i nostri occhi versano lacrime solo perché hanno voglia di farlo? Non dite sciocchezze. Ci deve essere un proprietario – l’idea – che è l’origine di questo universo. Come sono misteriosi i nostri corpi? Sono venuti ad esistere così semplicemente? Come sono misteriosi gli organi sessuali? È possibile che questi organi, così incredibilmente misteriosi, siano stati creati per un capriccio? Nessuna cosa collegata alla vita è semplice. (191-53, 24.6.1989)

Io sono quello che insegna che gli uomini devono diventare i proprietari che proteggono con cura i loro organi sessuali, e che anche le donne devono custodire gelosamente i loro organi sessuali. Le persone che hanno la responsabilità di far sì che gli uomini e le donne proteggano sé stessi sono i genitori che hanno il nome di Veri Genitori. Essere Veri Genitori è molto semplice. Sono coloro che hanno il potere di riunire gli uomini e le donne senza moralità e trasformarli in uomini e donne che non saranno più infedeli, ma rimarranno assolutamente puri. (271-188, 28.8.1995)

1.3. Gli organi sessuali: l’inizio e la fine per risolvere i problemi fondamentali

Donne, non dovete profanare i vostri organi sessuali. Chi ho detto che possiede quella cosa che appartiene alla donna? Non ridete! Sto rivelando un principio fondamentale dell’universo. Pensate se è vero oppure no. Riuscite a immaginare come mi sono dovuto spaccare le ossa per scoprire questa verità? Le parole di per sé sembrano semplici, ma vi rendete conto di quanto sia tremendo il loro significato? Questo dividerà il cielo e la terra e il mondo in due gruppi di persone – buone e cattive. (177-219, 20.5.1988)

Dov’è il palazzo dell’amore? Non vi deve sembrare strano se parlo di queste cose. Se il nostro pensiero sugli organi sessuali non è in linea con il pensiero di Dio, allora tutto il mondo andrà storto. Se il primo passo va male, tutto l’universo si riempirà di cattiveria. Sforzandomi strenuamente per trovare la risposta ai problemi fondamentali dell’umanità e l’origine dell’universo, ho capito che erano gli organi sessuali. Una volta che ho capito che erano loro e ho meditato a fondo su tutta questa faccenda, ho scoperto che l’armonia del cielo e della terra ruotava attorno agli organi sessuali. È un fatto straordinario. (197-24, 7.1.1990)

Non ho forse esaminato a fondo tutte le verità di questo mondo complicato? Dio ha assecondato la mia determinazione di scoprire tutto. Nella mia ricerca, dopo essere passato da una difficoltà all’altra, ho capito che le risposte erano proprio lì sotto il mio naso. Naturalmente ero sorpreso e soddisfatto, ma nello stesso tempo non ho potuto fare a meno di sentire quanto erano stati futili i miei sforzi. (295-15, 16.8.1998)

Io non sapevo veramente che le soluzioni ai problemi fondamentali nei quali l’umanità si è dibattuta fino ad ora erano così semplici e facili. Sono passato attraverso difficoltà insopportabili. Non conoscendo queste soluzioni ai problemi del mondo, ho pianto e gridato, sono andato nel mondo spirituale e ho cercato fin nei suoi luridi bassifondi; in breve ho fatto ogni genere di cose. Poi è venuto fuori che avevo già tutte le risposte. Mi sono detto: «Ah! Non lo sapevo!» Io ho tutto. L’universo è nelle mie mani. Tutto l’universo è dentro di me. (199-314, 21.2.1990)

Per nove anni mi sono dibattuto sul problema dell’origine dell’universo e alla fine ho trovato la risposta. Si è rivelata molto semplice. Allora ho detto: «Wow! Non conoscevo questa verità così semplice. Avevo le risposte dentro di me e non me ne rendevo conto». Non è così? Un vecchio che andava in cerca di ginseng selvatico, si addentrò nelle parti più scoscese delle montagne come quelle del monte Taebaek per cercare quelle piante, solo per scoprire, il mattino dopo, che il luogo dove si era riposato e aveva urinato era un campo di ginseng selvatico. Non se ne era accorto. Sulla via del ritorno decise di passare dal posto dove si era riposato e aveva fumato all’inizio, quando era partito. Trovò il mozzicone di sigaretta che aveva buttato via e lo fumò. Ma che cosa scopri? Il mozzicone di sigaretta giaceva in un campo di ginseng selvatico. È una cosa che è successa veramente. In quel momento, tornare a cercare quel mozzicone di sigaretta fu la sua fortuna. Questo è potuto realmente accadere. (196-130, 31.12.1989)

Io non sono un furfante. Ho indagato a fondo per trovare i principi dell’universo e li ho rivelati. Per scoprirli era necessario che soffrissi tutta la mia vita in questo mondo? Quando li ho scoperti sono rimasto senza parole, perché è venuto fuori che avevo sempre avuto le risposte. Avevo tutte le risposte dentro di me. Così, quando andrete nel mondo spirituale e raggiungerete le alte sfere e domanderete: «Dov’è Dio?», la risposta verrà da dentro di voi: «Sì, eccomi». È da qui che viene il detto: «Gli esseri umani sono Dio». (191-43, 24.6.1989)

Nessuno ha idea delle difficoltà che ho attraversato per risolvere il problema fondamentale dell’essenza dell’universo. Non ho trovato la risposta semplicemente, come si impara la melodia di una canzone suonata su un flauto. Versando lacrime e sangue ho concentrato tutti i miei sensi e logorato i miei nervi su un punto centrale e ho lottato, afferrando alla fine la risposta. Anche se sono riuscito a cogliere le risposte, se non avessi avuto la capacità di custodirle, Dio non mi avrebbe permesso di tenerle. (225-281, 26.1.1992)

Secondo voi, attraverso la protezione di chi sono potuto sopravvivere tutta la mia vita? È stato grazie ai miei sforzi? C’è qualcuno che desidera essere rovinato e non prosperare? Per ricevere la protezione del cielo, dobbiamo percorrere una strada che non porta alla nostra prosperità personale. E qual è questa strada? Nel corso della storia il principio del diavolo è stato vivere per sé stessi mentre siamo sulla terra. L’universo, nel frattempo, protegge chiunque trascende questo principio, e continua l’opera incompiuta della creazione basata su una vita di altruismo. Protegge chiunque agisce in conformità allo scopo originale del Creatore di cercare l’ideale vivendo per gli altri, sulla base dell’ideologia fondamentale di Dio. È realistico dire che l’universo protegge questo tipo di persone. (197-253, 19.1.1990)

Nessuno sa quali difficoltà ho dovuto affrontare per trovare questa strada, che nessuno conosceva. Non potete neanche iniziare a cercare di capire i patimenti che ho attraversato quando era giovane, brancolando alla cieca, nell’oscurità, in cerca di una risposta ai problemi della vita. Ho capito che i problemi fondamentali nella nostra vita potevano essere risolti solo dopo aver risolto la storia, l’universo e l’angoscia di Dio. Tuttavia, alla fine sono stato vittorioso e ho creato un’organizzazione che può realizzare questo compito, non solo a parole ma con i fatti, e ora tutto il mondo ne è testimone. Ora è giunta l’era in cui chiunque corre da noi, si aggrappa alla bandiera e fa dietro front per stare con noi, può entrare nel Regno di Dio. (209-292, 30.11.1990)

Il problema più fondamentale è l’ignoranza del fatto che la base – dove è stato sepolto il tesoro universale – fu persa a causa dell’inizio della lotta tra la mente e il corpo. Nessuno sa che la strada per realizzare la propria unità interiore è trovare l’amore che porterà alla perfezione di sé stessi. Questo amore si può trovare solo dopo aver decifrato completamente l’universo. Altrimenti non possiamo arrivare alla risposta. Che cosa pensate, dopo aver ascoltato le mie parole? Vi considerate fortunati o sfortunati? Quanto pensate di essere fortunati? (224-164, 24.11.1991)

Su che cosa si fondano la continuità di questo universo, la storia, le nazioni e l’eredità dell’ideale? Qual è l’elemento fondamentale che sostiene le molteplici relazioni del mondo? Vi chiedo qual è l’elemento centrale che rappresenta l’insieme. Questa è una domanda importante. Tra i membri della Chiesa dell’Unificazione, dopo una o qualche decina d’anni da quando sono entrati nella chiesa, ci sono quelli che a poco a poco sono scivolati in una sorta di routine. All’inizio, quando sono entrati nella chiesa, non era così, perché lavoravano con zelo e pensavano al bene dell’insieme prima che a loro stessi. Col passare del tempo, tuttavia, questa tendenza è scomparsa e a poco a poco sono rimasti intrappolati nella rete del diavolo, cercando di trarre un profitto per loro stessi. Questo segna l’inizio della loro rovina. (253-223, 30.1.1994)

Perché il Principio Divino è chiamato così? È la teoria fondamentale. Il Principio si riferisce alla ragione e alla logica dell’origine dell’universo e della vita. Poiché le risposte alle domande fondamentali della vita e dell’universo sono rivelate attraverso il Principio, in cielo e sulla terra non c’è nulla che può arrestare il suo cammino. Ecco come si trova il corso della vita che porta alla pace, all’equilibrio e al riposo. È importante, una volta che diventate un essere unito, che vi sentiate a vostro agio con voi stessi. (258-304, 20.3.1994)

Dio non ci può dire quali sono i principi fondamentali dell’universo, anche se Lo preghiamo e supplichiamo con grande ardore. Dovete capire che non è una cosa che può essere rivelata a chiunque. Non è strano? Se Dio ci illuminasse su questo, il mondo si unirebbe in un giorno; tuttavia, poiché sono gli uomini che hanno peccato, spetta a loro pagare i loro peccati.

Poiché sono caduti in uno stato di ignoranza, soltanto quelli che hanno superato e trasceso questo stato di ignoranza sono idonei a conoscere la verità. È simile a un malato che non può essere dimesso dall’ospedale finché non è completamente guarito. Dopo aver indagato a fondo nell’essenza, quello che emerge è il problema del rapporto fra Dio e l’umanità; e la risposta è semplice.

Davanti a voi c’è l’uomo che ha meditato più di chiunque altro sulla domanda: «Qual è l’essenza dell’universo?» Poiché ho risolto questo problema, ho potuto stabilire la Chiesa dell’Unificazione. Non si può realizzare una cosa del genere nel mondo umano. Quando le persone andranno nel mondo spirituale, sarà come se fossero messe all’asta in un tribunale pubblico. (198-104, 25.1.1990)

Se Dio che è l’origine dell’universo non esistesse, in questo mondo non ci potrebbe essere uno standard di valori assoluti. Se così fosse, i criteri dell’etica e della moralità umana non potrebbero essere stabiliti. Una società senza etica e morale non avrebbe nessuna base filosofica che permette agli esseri umani di diventare i signori di tutto il creato. (259-127, 29.3.1994)

Io sono un uomo che ha studiato le scienze. Sono partito da questa base teorica perché avevo fede nell’infallibilità dei principi fondamentali dell’universo che ho scoperto. Nel corso della mia vita sono stato messo più volte in prigione, sono stato picchiato, maltrattato ed esposto a ogni genere di prove, ma in silenzio, senza mai pronunciare una parola di ribellione. Sono uscito da queste difficoltà e ho conquistato il mondo. Dio, il centro del vero amore e la fonte di tutto il potere, può crollare? Il Suo partner d’amore può crollare? Quelli che colpiscono gli altri sono destinati a fare del male a loro stessi, non credete? E Dio? Se Gli chiedeste: «Padre, vuoi che il Tuo oggetto d’amore sia più brutto o più bello di Te?», Dio risponderebbe: «Io ho lo stesso desiderio di tutti voi!»

Questa è la verità straordinaria sull’essenza dell’universo! Se poi Gli domandaste: «Non vuoi che i Tuoi figli e le Tue figlie siano migliori di Te?» Dio vi darà la stessa risposta. Le persone hanno perso il valore privilegiato che avrebbero dovuto avere. (217-189, 27.5.1991)

Anche se indagassi in ogni verità del mondo, esplorassi il mondo spirituale e il mondo fisico, e ricercassi ogni scrittura, non ci sarebbe modo di risolvere la domanda se Dio esiste oppure no. Poiché Dio esiste, non lascerò mai andare un Dio che ha fatto il mondo così come è oggi. Lotterò per portare una soluzione a questo. Qual è il principio fondamentale dell’esistenza degli esseri umani e perché nascono? L’uomo è nato a causa della donna. Questa è la verità suprema fra tutte le verità. Un uomo ideale davanti a una donna è la verità più straordinaria. Dovete capire che l’uomo ideale è l’entità sostanziale della verità che ha realizzato la perfezione di tutto l’universo. Anche una donna ideale che sta davanti a un uomo del genere è l’entità sostanziale di tutte le entità sostanziali della verità universale. È l’incarnazione assoluta della verità. (267-230, 8.1.1995)

Sezione 2. Gli organi sessuali sono i tre grandi palazzi originali e il Luogo Santissimo

2.1. Il palazzo originale dell’amore, della vita e del lignaggio

Come sono venuti al mondo gli uomini e le donne? Qual è la differenza fra loro? Come si uniscono? Per mezzo di cosa si uniscono? Attraverso gli organi sessuali. È così che creano armonia. L’amore realizza la perfezione in questo luogo. Il vero amore si realizza qui per la prima volta. È anche qui che la vita dell’uomo e della donna si uniscono e le loro linee di sangue sono piantate e interscambiate. Gli organi sessuali sono il palazzo originale dell’amore ideale e della linea di sangue. Questo luogo assoluto e originale si chiama il palazzo originale e nessuno può cambiare il suo valore. (228-51, 3.3.1992)

Gli organi sessuali di Adamo ed Eva sono luoghi preziosi. Ecco perché sono chiamati il palazzo originale dell’amore. Questo è un termine straordinario. Il palazzo dove tutta la creazione può raggiungere la perfezione e nel quale Dio stesso può dimorare e realizzare la Sua perfezione è il palazzo originale. Non viene prima né il regno in cielo né il regno sulla terra; inizia dalla famiglia. Gli organi sessuali sono il palazzo originale. Queste sono delle parole straordinarie. Questo luogo è anche il palazzo originale centrato sul vero amore e sulla vera vita. È il palazzo originale basato sulla linea di sangue e il punto d’inizio del Regno di Dio sulla terra e in cielo. (263-347, 27.10.1994)

Gli organi sessuali degli esseri umani sono il luogo del vero amore. Non è forse lì che l’uomo e la donna si uniscono nell’atto d’amore? Non avviene da nessun’altra parte. Quello è il luogo dove la vita dell’uomo e della donna si collegano e si uniscono. Quando l’uomo e la donna sono uniti, è da quel lignaggio che nascono i loro figli e figlie. Perciò è il palazzo del lignaggio. Gli organi sessuali sono così importanti. (231-257, 7.6.1992)

Gli organi sessuali maschili e femminili sono il palazzo dell’amore, il palazzo reale dell’amore. Cos’è più prezioso, l’utero o gli organi sessuali maschili e femminili? Rispondetemi. Sono venuti ad esistere a causa dell’utero o viceversa? Queste sono parole serie, non è una cosa da ridere. L’utero è nato a causa dell’esistenza dell’uomo. L’organo sessuale femminile è stato fatto per l’uomo. Senza gli organi sessuali non ci può essere l’amore, non si può trovare l’amore. Senza passare attraverso di loro, l’amore non può perpetuarsi. A cosa servirebbe l’esistenza dell’uomo e della donna? La vita non potrebbe continuare. Senza passare attraverso di loro, la linea di sangue che lega la storia non potrebbe continuare. (245-70, 28.2.1993)

Cosa sono gli organi sessuali? Sono i palazzi centrati sul vero amore, la vera vita e il vero lignaggio. Sono le cose più preziose. Se scomparissero, scomparirebbero anche il cielo e la terra e senza di loro l’ideale di Dio, la famiglia di Dio e la volontà di Dio non potrebbero realizzarsi. Sono l’origine da cui si può realizzare la perfezione di ogni cosa. (216-218, 1.4.1991)

L’organo sessuale femminile è l’origine universale. Il luogo dove si forma il legame d’amore è il palazzo originale dell’amore. È il palazzo originale. L’amore comincia lì. Fare l’amore nella prima notte di nozze è l’inizio del palazzo originale dell’amore. È il luogo dove la vita dell’uomo e della donna si uniscono per la prima volta. Così questo luogo è il palazzo originale della vita ideale, ed è anche il palazzo originale della linea di sangue, poiché la linea di sangue comincia lì. Inoltre, poiché anche il Regno dei Cieli inizia lì, quel luogo è il palazzo originale del Regno di Dio sulla terra e in cielo, il palazzo originale della perfezione di Dio e dell’umanità. (257-324, 16.3.1994)

Dov’è il luogo principale attraverso il quale non solo l’uomo e la donna, ma anche Dio stesso possono raggiungere la perfezione? Dove si può realizzare perfettamente l’amore di Dio, dell’uomo e della donna? Dov’è il luogo centrale per stabilirsi? Questo è il punto. Se non conoscete la risposta a questa domanda, non potete espandere ed estendere il Regno dei Cieli dell’ideale d’amore sulla terra. È negli occhi, nel naso, nelle mani, nei piedi? Dov’è? È il concavo e il convesso. (261-167, 9.6.1994)

Dov’è la roccaforte da cui comincia la vita? Dov’è la patria originale dell’amore e del lignaggio? Sono gli organi sessuali maschili e femminili. Attraverso cosa si uniscono l’uomo e la donna? Si uniscono attraverso all’amore. Ogni cosa comincia da quel punto. La vita comincia da quel punto e anche il lignaggio comincia da lì. Non dovete perdere queste tre basi preziose. Non possono essere scambiate per il cielo e la terra. (218-133, 14.7.1991)

Il palazzo originale dell’amore, della vita e del lignaggio sono gli organi sessuali. L’origine e la destinazione del vero amore più ricercati da Dio sono gli organi sessuali femminili e maschili. Lì la vita dell’uomo e della donna si fondono insieme. Lì le loro linee di sangue si intrecciano e gli esseri umani, che incarnano la storia, si collegano con un legame di sangue; è per questo che sono estremamente preziosi. (212-297, 8.1.1991)

Il vostro organo sessuale è più importante della vostra testa. L’origine del vero amore non è la vostra testa. L’origine della vera vita non è nella vostra testa. L’origine del vero lignaggio non è nella vostra testa. Allora dov’è questa origine? È negli organi sessuali. Non è vero? Negli organi sessuali si può trovare tutto: la vita, l’amore e la linea di sangue. Sono il palazzo originale dell’amore. Anche la radice della vita si può trovare lì. La stessa cosa vale per la linea di sangue. Gli organi sessuali sono la parte più preziosa non solo del nostro corpo, ma anche del nostro presente e del nostro passato. Senza di loro, la riproduzione dell’umanità sarebbe impossibile. (203-104, 17.6.1990)

«Il mio organo sessuale è il palazzo originale dell’amore, della vita e della linea di sangue». Solo in questo modo può diventare il palazzo in cui Dio può dimorare. Poiché Dio è il Re dei re, ha bisogno di risiedere nel Suo palazzo originale. Così se volete che Dio venga a vivere dentro di voi, dovete diventare il palazzo originale dell’amore, della vita, della linea di sangue e della coscienza. (280-197, 1.1.1997)

Gli organi sessuali sono il palazzo dell’amore. Ma qual è lo stato attuale di questo palazzo dell’amore? Gli organi sessuali umani sono la cosa più preziosa del mondo, sono il palazzo dell’amore, della vita e del lignaggio. Sono le cose più sacre e più preziose del mondo. La vita, l’amore e la linea di sangue sono collegati a loro, ma questi organi sacri sono stati profanati da Satana. (218-176, 28.7.1991)

Che cos’è l’organo sessuale, il palazzo originale dove l’uomo e la donna fanno l’amore? È il palazzo dell’amore, della vita e della linea di sangue. I nonni e le nonne lo custodiscono gelosamente, e lo stesso fanno i padri e le madri, i mariti e le mogli e tutti i figli e le figlie che nasceranno. Esiste una donna o un uomo che non lo considera prezioso? Allora perché gli organi sessuali sono diventati una cosa così brutta? Le persone considerano ogni parola collegata al sesso come cattiva. Perché cattiva? Deve essere santa. Dovete accettare le parole collegate al sesso come sante. Gli organi sessuali si collegano all’amore eterno per generare la vita eterna e il lignaggio eterno. Sono le cose più preziose. (210-101, 1.12.1990)

Gli organi sessuali maschili e femminili sono il palazzo della vita. Sono il punto d’inizio della nuova vita e il luogo d’origine immutabile. Sono il palazzo della vita e il palazzo immutabile dell’amore. Sono il fondamento su cui si può stabilire la coscienza centrata sull’ideale. Sono la base del lignaggio. È da lì che fiorisce la vita e l’amore si unisce. È da loro che l’uomo e la donna si uniscono. Poiché la caduta è avvenuta attraverso gli organi sessuali, essi sono diventati i mostri che distruggono il cielo e la terra ed è per questo che oggi li consideriamo malvagi. Sono stati creati da Dio con la più grande cura. L’essenza di tutti gli esseri creati è stata estratta e collegata a loro. Gli organi sessuali sono collegati al cento per cento all’essenza dell’amore e della vita, e l’essenza della storia scaturisce da loro. La speranza, la felicità e l’inizio del regno della libertà fondata sull’amore derivano tutti da questi organi. (262-114, 23.7.1994)

Dove si trova la fonte della vita, dell’amore e del lignaggio? Dov’è? Sono gli organi sessuali. Poiché sono stati sovvertiti, sono diventati le parole più volgari del mondo. Se non avessero preso la strada sbagliata, sarebbero diventati non le parole più oscene, ma le parole più meravigliose. Sono parole sante. Le parole sante non sono forse l’opposto delle parole volgari? Cosa potrebbe essere più nobile delle parole vere? Le parole vere si stabiliscono soltanto nei rapporti reciproci, ma le parole sante indicano il dominio verticale e sferico.

Se gli esseri umani non fossero caduti, l’organo maschile sarebbe il palazzo dell’amore. Perciò non può essere usato sconsideratamente. È anche il palazzo della vita. La vita non ha forse origine da lì? Da dove viene la vita? Dal palazzo della vita. Gli organi sessuali sono anche il palazzo del lignaggio. Da loro nasce la nostra vita ereditando la linea di sangue. Sono la fonte della nostra vita, della nostra linea di sangue e del nostro amore e come tali i nostri antenati avrebbero dovuto stimarli e apprezzarli. (206-125, 3.10.1990)

Quanta gioia avrà provato Dio nel crearli? Pensate a quali parti del corpo maschile e femminile avrà creato con più piacere e più cura. Sono gli organi sessuali che sono stati creati così. Non sono dei recipienti per conservare il riso crudo. Sono i recipienti che generano la vita. Sono gli organi riproduttivi che danno inizio alla vita. Senza di loro la vita non apparirebbe, nemmeno dopo miliardi e miliardi di anni. Allora non ci sarebbe nessuna nazione, e il cielo e la terra diventerebbero una vasta distesa di tenebre e di deserto. (283-256, 13.4.1997)

Il vero amore nasce dal luogo dove nascono i figli e le figlie di Dio. Quel posto sono gli organi sessuali. Tuttavia, questi organi sono trattati con grande disprezzo. Sono trattati come le cose più volgari perché il cielo e la terra sono stati sovvertiti, ma nel mondo restaurato sono il palazzo originale dell’amore, della vita, del lignaggio e della coscienza.

Noi ignoriamo il fatto che senza gli organi sessuali non sarebbe nata nessuna nazione e che non ci sarebbe né l’inizio né lo sviluppo di un mondo ideale. (286-170, 9.8.1997)

Perché sono venuti ad esistere gli organi sessuali? Sono nati a causa dell’amore, della vita, della linea di sangue e della coscienza. Senza passare attraverso di loro, l’amore, la vita, la linea di sangue e la coscienza non possono esistere. Quando Dio creò gli esseri umani, quale parte pensate che avrà avuto più difficoltà a creare, i cinque organi di senso – gli occhi, il naso, ecc. – oppure gli organi sessuali? Attraverso i cinque organi di senso attiriamo l’amore? Sono questi gli organi dove convergono l’amore, la vita, la linea di sangue e la coscienza? Assolutamente no. L’unico luogo del genere sono gli organi sessuali. È qui che nascono i secondi frutti dell’amore, della vita, della linea di sangue e della coscienza, che chiamiamo i nostri figli e le nostre figlie. Senza gli organi sessuali non può esistere nulla. Il mondo intero cesserebbe di esistere.

Finora le persone non sapevano quanto sono preziosi gli organi sessuali. Qualcuno potrebbe pensare con orgoglio: «Io sono il migliore del mondo!» ma senza gli organi sessuali non sarebbe nulla. Quando parlo degli organi sessuali mi riferisco ai “veri” organi sessuali. (281-189, 13.2.1972)

Dove si trova il palazzo della vita, dell’amore e del lignaggio? Non è forse la famiglia, la coppia? Quel luogo non è la casa dell’amore coniugale? Gli organi sessuali maschili e femminili devono realizzare questo compito. Dovete tutti dare nascita a dei discendenti reali. Sulla base dell’amore di Dio, dovete dare nascita ai veri principi e principesse del cielo. Questa è la vera vita. Dovete trasmettere ai posteri un vero lignaggio. (221-13, 20.10.1991)

Gli organi sessuali sono il palazzo della vita. Il palazzo è la prima casa originale che rappresenta l’insieme. Chi è il re? È il centro della formazione, della crescita e della completezza. Il centro di questi tre stadi è il re. Alla luce di questo, noi pensiamo che il carattere cinese che indica il re sia venuto attraverso una rivelazione. Avete il palazzo dell’amore? Gli uomini e le donne hanno il palazzo dell’amore? Allora, perché le persone che possiedono il palazzo dell’amore si preoccupano? Conosceranno l’infelicità? È semplice. (228-266, 5.7.1992)

Perché vi dovete preoccupare della tradizione originale? Perché queste tre cose – l’amore, la vita e il lignaggio – sono l’essenza e la tradizione più alta. Gli organi sessuali collegano queste tre cose contemporaneamente. È il posto dove avviene l’innesto, l’innesto dell’amore, della vita e della linea di sangue. (230-119, 26.4.1992)

Gli organi genitali attraverso i quali una coppia che si ama ha un rapporto sessuale sono il palazzo dell’amore. L’amore inizia da lì. Sono il palazzo del vero amore e il luogo dove inizia la vita. Riflettete per vedere se questo è vero o no. Gli organi sessuali sono il palazzo dell’amore. Nello stato originale, senza la caduta, questi organi sono il palazzo della vita, dell’amore e del lignaggio. Là dove l’uomo e la donna si uniscono con al centro l’amore, la vita e il lignaggio sono perpetuati. (254-281, 15.2.1994)

Tutte le creature del mondo donano la loro vita per essere assorbite in un livello più alto, per raggiungere alla fine gli organi sessuali attraverso i quali gli uomini e le donne possono dar nascita ai figli e alle figlie di Dio che non sono caduti. I minerali sono assorbiti dalle piante, le piante dagli animali, gli animali da animali più grandi e gli animali più grandi dagli esseri umani. Perciò gli esseri umani devono essere qualificati come i signori che possono assorbire e digerire tutto.

Quindi prima di mangiare una cosa dovete darle il vostro amore. Avete mostrato l’amore? Di che tipo di luogo si tratta? Sono gli organi sessuali. Gli organi sessuali sono dei vasi viventi. Sono i recipienti che possono assorbire la vita. Sono il palazzo dell’amore. Gli uomini e le donne possono sentire l’amore senza di loro? No. (286-144, 9.8.1997)

La destinazione finale ideale, dove tutte le creature sono assorbite, sono gli organi sessuali maschili e femminili. Questo è un dato di fatto. Perché? È lì che l’amore di Dio, dell’umanità e dell’universo si combinano ed è lì che l’amore e la vita diventano una cosa sola. Quello è anche il luogo dove i discendenti si collegano verticalmente attraverso la linea di sangue e con questo collegamento verticale un’infinità di persone si collegano a livello orizzontale. È così che si stabilisce il Regno di Dio sulla terra. Ecco come sono preziosi gli organi sessuali. Come sono importanti! (269-129, 9.4.1995)

Da dove sono venuti gli antenati originali dell’umanità? Non dagli occhi, dal naso, dalla bocca o dalle mani. Da dove? Dov’è quel luogo santo? Sono i vostri organi sessuali. Non è così? Il lignaggio è collegato a quel posto. Quindi la salvezza non è facile. (218-179, 28.7.1991)

Sapete che cos’è un crogiolo, non è vero? Qual è l’alto forno, il luogo dove il sangue dell’uomo e della donna si fondono e si mescolano insieme nel crogiolo? Sono gli organi sessuali. I recipienti per generare una nuova vita si chiamano organi sessuali. Sono il palazzo originale dell’amore. Dovete sapere che sono il giardino dove l’amore di Dio comincia a fiorire. (302-166, 13.6.1999)

I vostri organi sessuali sono così: «Ah! Attraverso di loro si creano i figli». Avete mai pensato a questo? È molto importante. (298-180, 1.1.1999)

Nel termine saeng shik gi [organi sessuali], il carattere cinese per indicare saeng (生), che significa vita si può usare o con shik (食), che significa cibo, o con shik (植), che significa pianta. Questi organi sono chiamati i vasi che piantano la vita. Shik può anche essere rappresentato dal carattere 殖 che significa moltiplicare. In altre parole, gli organi per piantare la vita sono gli organi per moltiplicare la vita. Ecco come possiamo interpretare questa parola. Gli organi sono i vasi per piantare la vita. (302-181, 13.6.1999)

Centrandosi su cosa il Creatore e la creazione si devono unire? Sull’amore. Dovete saperlo. Così arriviamo alla conclusione che Dio ha creato tutto con amore. Il fatto che ci ha creato basandosi sugli organi sessuali, dimostra che l’ha fatto con al centro il tema dell’amore. (193-163, 3.10.1989)

Ne corso della storia tutti sono andati alla ricerca di questo. La sua potenza è incredibile. Trascende la cultura e l’economia, persino nel mondo caduto. Ma come sarebbe stato nel mondo originale? Se ci pensate, è estremamente prezioso. Tra tutti i palazzi è il palazzo originale. È il palazzo della vita e anche il palazzo del lignaggio. Le fondamenta di questi tre palazzi sono gli organi sessuali. Sono il luogo più importante. Persino Dio lo cerca. Se Dio avesse occupato questi tre palazzi, tutte le persone del mondo sarebbero diventate la Sua famiglia. (243-275, 28.1.1993)

La cosa più preziosa del mondo umano è il palazzo originale dell’amore, la fonte dell’amore, della vita e del lignaggio. E dov’è questo posto? Se non ci fosse stata la caduta, questo sarebbe diventato il luogo più sacro. Gli organi sessuali maschili e femminili sono il palazzo originale dell’amore. Dovete capirlo. Si sono sporcati a causa della caduta, ma originariamente erano la fonte della vita e della linea di sangue. La fonte più preziosa per tutti noi è stata distrutta diventando la cosa peggiore. Di conseguenza questo deve essere completamente invertito. (209-230, 29.11.1990)

Gli organi sessuali femminili e maschili sono gli organi dell’amore, della vita e del lignaggio storico. Nessuno lo sapeva. Sono estremamente preziosi. Anche se i nostri antenati esemplari ideali, una nazione ideale e una cultura ideale dovevano coesistere insieme a Dio, questo ideale fu bloccato dall’umanesimo secolare. Il diavolo sapeva che Dio era alla ricerca di quella nazione e, per mandare completamente all’aria il Suo piano, ricorse ad una strategia, che è l’umanesimo secolare dell’America dei nostri giorni.

Questo è un mondo bestiale. Gli organi sessuali sono il palazzo dell’amore, il palazzo dove nasce la vita eterna, il palazzo che eredita il lignaggio che trasmetterà la tradizione del cielo eterna e immutabile. Sono il palazzo della vera vita, del vero amore e del vero lignaggio – il luogo più prezioso di tutti. Non potete usarli in modo arbitrario. Non potete aprirli senza il permesso di Dio. Non possono essere toccati da nessuno, a parte vostro marito o moglie che hanno avuto il permesso di Dio e dell’universo. Ma l’amore in America è così? (216-207, 31.3.1991)

Dopo la creazione di Adamo, i suoi organi sessuali – secondo l’intenzione e l’ideale originale di Dio – senza essere stati contaminati dalla caduta devono diventare la base e il palazzo originale che è unito a Dio. Devono collegare il lignaggio e la vita centrati sul vero amore. Sono il palazzo originale dell’amore. (290-17, 2.2.1998)

Sentirete dire che il fondatore della Chiesa dell’Unificazione è un leader religioso del sesso. Se non fosse stato per la caduta, il rapporto sessuale sarebbe il palazzo originale dell’amore. Sarebbe stato il palazzo originale dove il Re può sempre andare ad abitare. Dovete sapere che questo è il palazzo originale dell’amore. Gli organi sessuali sono il quartier generale, il palazzo dell’amore. (278-17, 24.5.1996)

2.2. Gli organi con cui si realizza lo scopo di creazione di Dio

I vostri organi sessuali sono gli organi dell’amore. Anche se un dittatore si facesse avanti col desiderio di rivoluzionare questi organi dell’amore, sarebbe impossibile. Nonostante i numerosi cambiamenti avvenuti nella storia, gli organi sessuali non sono mai stati cambiati, né mai lo saranno. Non possono essere scambiati per l’intero universo. Il problema sta nel fatto che gli esseri umani non hanno questo concetto.

Tutti i problemi dell’umanità nascono dall’uomo e dalla donna. Nel momento in cui gli uomini e le donne saranno completamente uniti, un mondo di pace si aprirà davanti ai nostri occhi. (276-130, 11.2.1996)

Dal punto di vista biologico, l’organo umano con la più grande concentrazione di nervi e di vene è l’organo sessuale. Attraverso questo organo possiamo creare degli esseri che ci assomigliano. Gli organi genitali sono stati creati con estrema cura, eppure attualmente non sono meglio di un secchio di letame. (275-74, 3.11.1995)

Dio basò il Suo lavoro di creazione sugli organi sessuali maschili e femminili, che sono incorporati e collegati a tutti gli elementi, inclusi quelli dello spirito, del corpo e del sangue. Anche gli elementi che formano i vostri occhi non sono forse venuti da lì? Gli elementi dei vostri denti assomigliano a quelli di vostra madre e di vostro padre? C’è una parte di voi che non assomiglia a loro? Persino la vostra mente assomiglia a quella dei vostri genitori. Ecco perché tutto è concentrato negli organi sessuali, e ogni nervo e vaso sanguigno ha origine da lì. Gli organi riproduttivi sono le radici. La radice di un essere umano non è la testa; le nostre radici si trovano negli organi sessuali. (194-139, 17.10.1989)

L’universo ha avuto inizio dall’amore. Ma quale amore? L’amore verticale e l’amore orizzontale, l’amore anteriore e posteriore. Significa un amore sferico. La famiglia è il centro che collega sopra e sotto, sinistra e destra, davanti e dietro. Se chiedeste a Dio: «Dio, dove sei?» Lui vi risponderebbe: «Nel centro dell’amore». Se Gli chiedeste: «Dov’è il centro dell’amore?» Dio risponderebbe: «È il luogo dove si stabilisce l’amore». E alla domanda: «Ma dov’è il luogo dove si stabilisce l’amore?» risponderebbe: «Sono gli organi sessuali!» (279-48, 9.6.1996)

Qual è la parte più stimolante e sensibile dell’uomo? È la lingua? Anche se l’organo del gusto può essere molto sensibile, non potrebbe essere così sensibile come l’organo sessuale. Per soddisfare la lingua, una volta che avete gustato una cosa, desidererete averla di nuovo il giorno dopo, ma nel caso degli organi sessuali se avete uno sposo che li soddisfa, anche solo pensare a questa persona vi darà soddisfazione; ecco come sarà il mondo per voi. Potete gustare qualcosa solo quando la mangiate, ma potrete sentire l’amore del vostro partner solo pensando a lui o a lei. Quello che vi può dare gioia trascendendo grandi distanze e uno spazio infinito, e che vi fa desiderare di amare persino dopo la morte e nella vita dell’aldilà, è l’amore del vostro adorato marito o moglie, di nessun altro. (286-275, 13.8.1997)

Dov’è la fonte dell’amore, della vita e della linea di sangue nel nostro mondo? È la bocca o la testa? Dov’è? Sono gli organi sessuali. Tuttavia, attraverso la caduta, che ha causato la rovina del cielo e della terra, gli organi sessuali sono stati contaminati diventando il palazzo e la fonte del male. Lì sono stati seminati l’amore, la vita e il lignaggio falsi. Essendo i colpevoli che hanno venduto il cielo e la terra, questi organi sono considerati indecenti e parlare di loro è un’oscenità. (200-249, 25.2.1990)

Gli organi sessuali non hanno qualcosa di magico? Gli organi che collegano l’amore e la vita dell’uomo e della donna, che uniscono e mescolano il loro sangue, si trovano al centro del nostro corpo. Sono gli organi sessuali. Ho ragione? Se investigaste a fondo su questa origine, approfondireste il motivo dell’atto creativo di Dio.

Per quale ragione Dio ha creato? Su che cosa ha basato la Sua creazione? Oggi non c’è nessuno che riflette su queste domande. Anche se visitaste tutte le biblioteche del mondo, scoprireste che io sono stato il primo a sostenere questo punto. È così prezioso. Ormai è chiaro che questa è la conclusione di tutto. Perché Dio ha creato? Il fatto che l’uomo e la donna si uniscono attraverso gli organi sessuali dimostra che Dio ha creato a causa dell’amore. Questa è la fonte del Suo amore ideale. (194-63, 15.10.1989)

In che punto l’uomo e la donna si uniscono insieme a novanta gradi? Si collegano negli organi sessuali. Non è una cosa da ridere, è una cosa sacra. Gli organi sessuali sono il palazzo originale dell’amore. Il palazzo principale dell’amore non sono gli occhi o la testa. Quali parti dell’uomo e della donna vengono usate per fare l’amore? Gli occhi, la testa o cosa? Gli organi sessuali. Allora, non considerateli malvagi. Sono considerati cattivi a causa della caduta. Satana li ha trasformati nel palazzo originale che ha rovinato questo mondo. Gli organi sessuali non sono forse il palazzo originale dell’amore e della vita? Da dove viene la vita? Non viene dagli organi sessuali? Che cosa permette la trasmissione del lignaggio? È la testa o il dorso della mano? (198-353, 11.2.1990)

Che cos’è il palazzo originale a cui aspirano tutti gli elementi del creato? Gli organi sessuali maschili e femminili, la parte più delicata degli esseri umani, con la sensibilità ideale, sono il nostro più grande faro di speranza. Lo sentite dire per la prima volta, non è vero? Ecco perché tutti cercano di investire totalmente se stessi in questa ricerca. L’unica strada che percorrereste persino se volesse dire rinunciare alla vostra vita è quella dell’amore. Questo vale per tutte le cose dell’universo, dal mondo dei microrganismi al regno minerale, vegetale e animale. (249-164, 10.10.1993)

Dovete tutti seguire la corrente principale; quelli che non la seguono e si fermano a metà strada in qualche modo periranno. Sia quello che sia, qual è lo scopo e il desiderio più grande di tutta la creazione? Cercare il posto per amare Dio. Dal punto di vista di Dio, tra tutte le forme della creazione, qual è quella che Dio ha creato con la più grande cura? Sono gli organi riproduttivi maschili e femminili. Ha concentrato tutta la Sua energia nel creare gli organi sessuali umani, per trasformarli nella fonte che può riunire insieme tutti gli elementi dell’umanità e ricrearli. Quel luogo è il palazzo delle cellule, perché le cellule sono formate dagli elementi. (249-162, 10.10.1993)

Il palazzo originale dell’amore, il palazzo storico dell’amore, si forma dove gli organi sessuali maschili e femminili si uniscono. Diventa il luogo di riposo. Nessuno può spostare quel posto, è eterno e assoluto. In quel nido d’amore, la vita dell’uomo e della donna si compenetrano, vanno in ebollizione e alla fine esplodono, dando nascita ad una nuova vita. Attraverso il potere esplosivo così generato, ha origine una nuova vita. Ecco perché, quando fanno l’amore, persino i colombi tubano in modo esplosivo. Così, quando un marito e una moglie fanno l’amore non devono sentirsi imbarazzati se fanno un rumore così forte che i loro genitori li sentono. (193-147, 3.10.1989)

Cos’è che fa da punto centrale fra la sinistra e la destra? Sono gli organi sessuali maschili e femminili. Quando si incontrano e si uniscono, il cosmo e l’universo si mettono a ruotare. Ecco quanto sono preziosi. Non è l’uomo e la donna in sé che sono preziosi. (243-27, 1.1.1993)

Sulla base del concetto dell’amore, l’uomo e la donna sono nati come entità separate per unirsi attraverso l’amore. Sulla base di cosa si devono unire? Sulla base dell’amore. I loro organi sessuali sono gli strumenti attraverso i quali si possono attorno all’amore. Ecco perché hanno una forma concava e convessa in modo da potersi unire e incastrare insieme. Non c’è nulla di cui sentirsi imbarazzati. L’uomo e la donna devono unirsi e diventare una cosa sola attraverso i loro organi sessuali. In altre parole, devono diventare un solo corpo sulla base dell’amore, ossia unirsi nella mente e nel corpo. Attraverso cosa si realizza l’unità dell’uomo e della donna? Non è dandosi dei baci o tenendosi per mano. Raggiungono la completa unità quando si incastrano perfettamente attraverso le parti sessuali. (229-251, 12.4.1992)

Persino Dio ha creato il cielo e la terra e tutta la creazione sulla base dell’amore. Che cosa ce lo dimostra? Questo è un compito importante. Attraverso cosa possiamo dimostrare che Dio ha creato per l’amore? Non attraverso l’uomo o la donna. Allora attraverso cosa? Lo si può capire attraverso i loro organi sessuali.

Quale fu il modello di Dio nel creare gli esseri umani? Se chiedessimo quale fu il modello per creare l’uomo, sarebbe giusto dire che Dio lo creò sulla base della sua faccia? E per quanto riguarda la creazione della donna sarebbe giusto dire che Dio la creò perché si distinguesse avendo meno peli sul viso, una pelle più morbida e una statura più bassa? Certamente no. Dovete capire che Dio creò l’uomo e la donna sulla base dei loro organi sessuali. L’uomo è così come è oggi in relazione ai suoi organi sessuali e la donna è quello che è in relazione ai suoi organi sessuali. Io sono stato il primo a fare questa dichiarazione. Nessuno hai mai detto queste cose. Sono dei concetti nuovi, che non si trovano nelle biblioteche o nella storia. (193-145, 3.10.1989)

Quando Dio creò l’uomo e la donna, iniziò sulla base dei loro organi sessuali. Così tutti gli elementi strutturali degli esseri umani convergono per controllare gli organi sessuali. Per questa ragione, quando l’uomo e la donna si uniscono nell’atto di fare l’amore, si ha il concepimento e nasce un bambino. Cosa succede quando il bambino nasce? A chi assomiglierà, alla donna o all’uomo? La sua nascita sarà possibile perché ha tutto il sistema nervoso nel suo corpo. I rami possono spuntare se non ci sono le radici? Questa è una logica che non si può negare. Quindi, quando l’amore è messo in moto, è un principio che la mente e il corpo si uniscono. È logico.

Allora quali sono gli organi per mezzo dei quali la vita, l’amore e la linea di sangue possono essere continuamente collegati nel corso delle generazioni? Sono gli organi sessuali dell’uomo e della donna. Che cosa viene prima, l’amore o la vita? Qui sta il problema. Oggi le nuove filosofie materialistiche del mondo si domandano se viene prima lo spirito o la mente. In modo simile, anche noi ci chiediamo se è più prezioso l’amore o la vita. Questo è il punto: quale dei due viene prima? Bisogna determinare l’ordine di importanza. La risposta è che viene prima l’amore. Quando Dio stabilì l’ideale di creazione, non lo fece centrandosi su Sé stesso, ma creò il mondo come Suo partner oggetto facendo dell’amore il punto centrale. (193-145, 3.10.1989)

A cosa servono gli organi sessuali? Servono per trovare l’amore. Quando un uomo e una donna si trovano, ecco che nasce l’amore. Questo è il matrimonio. Non può essere scambiato con nessun’altra cosa dell’universo. L’uomo è così com’è perché è stato creato in rapporto ai suoi organi sessuali. Anche la donna è stata creata così com’è in rapporto ai suoi organi sessuali. La gente è vissuta fino ad oggi senza sapere che la donna è una donna e l’uomo un uomo perché sono stati creati in rapporto ai loro organi sessuali. (280-60, 1.11.1996)

Fino ad oggi la questione più importante è stata quale organo del corpo serve a realizzare l’amore. A causa dell’ignoranza, questo organo è stato trattato come la cosa peggiore. Che cos’è questo organo? Finora gli organi sessuali sono stati trattati come qualcosa di brutto. Qual è l’organo che realizza l’amore? Cosa sono gli organi sessuali? Non sono quelli che hanno la forma concava e convessa? A cosa serve il luogo concavo? A cosa serve il luogo convesso? Quando i due combaciano perfettamente, si trasmette l’amore. Senza unirli insieme, non potremmo conoscere l’amore. Gli organi sessuali sono là dove l’amore perfetto appare e si unisce in modo assoluto. Non c’è altro modo. (278-203, 24.5.1996)

Di quale organo hanno bisogno l’uomo e la donna come partner? Si trova dove si baciano? Ci arrivano toccandosi reciprocamente il corpo? Che organo è? Sono gli organi sessuali. In lingua coreana gli organi sessuali significano il vaso in cui è piantata la vita. E gli organi genitali sono proprio questo. L’organo sessuale femminile è lo strumento con cui la donna può prendere possesso dell’uomo. L’organo sessuale è lo strumento che si usa per cercare l’amore, ma il suo proprietario non è la donna stessa. Attraverso di esso la donna si qualifica come proprietaria dell’amore. Questo vale sia per l’uomo che per la donna. (301-74, 16.4.1999)

Tutti gli esseri nascono per l’amore e non devono tenere i loro organi sessuali per sé stessi. Sono per i loro coniugi. Se non formano un rapporto col loro sposo, il vero amore non si può realizzare. Questa è una legge del cielo, secondo la quale siamo tutti destinati a diventare dei proprietari assoluti, unici, immutabili ed eterni.

L’uomo da solo non può diventare il proprietario dell’amore. La perfezione ha luogo quando ci colleghiamo al nostro sposo attraverso gli organi sessuali. La donna diventa perfetta quando si collega al vero amore, ossia realizza la sua perfezione nel luogo dove si impadronisce completamente dell’organo maschile. La stessa cosa vale per l’uomo. Ecco perché tutti mettiamo in gioco la nostra vita per l’amore. (297-155, 19.11.1998)

Le donne devono diventare sovrane delle loro orecchie e della loro bocca. I caratteri cinesi che indicano queste tre parole [orecchio 耳, bocca 口 e re 王] si combinano per formare il carattere seong (聖) che significa sacro, come in un santo. Se domandate alle donne se vorrebbero diventare delle donne sante o perverse, diranno tutte che vogliono diventare sante. In questo caso si tratta del carattere seong (聖), non seong (性) che significa desiderio sessuale fra l’uomo e la donna. Anche se è usata la stessa sillaba coreana, il seong di cui parlo è la combinazione dei caratteri cinesi per orecchio (耳), bocca (口) e re (王). Fareste bene a pensare a seong in termini dell’organo sessuale femminile. È vero. Non è forse il re? Custodendolo diventerete un santo. Non è qualcosa che vale la pena di imparare? Non potete trovare questo in nessun dizionario, né da nessun’altra parte. Non avete mai visto questi insegnamenti nemmeno nei libri di testo giapponesi, vero? (288-43, 8.4.1997)

Siamo tutti alla ricerca del mondo d’amore di Dio, la fonte del Suo amore. Tutti gli esseri esistono per possedere gli organi maschili e femminili. Le persone esistono per diventare partner di Dio nell’amore. Non è questa la visione corretta del Principio? Non è una teoria che ho escogitato in modo arbitrario. Si riferisce ai principi della grande via del cielo e della terra. (288-334, 1.1.1998)

2.3. Gli organi sessuali sono il Luogo Santissimo dove dimora Dio

Le cellule degli organi dell’amore dell’uomo e della donna sono estremamente delicate. Avere i sentimenti di tutte le cellule di quella parte attraverso la quale scorrono tutte le vie dell’amore che unisce la mente e il corpo, entrare in quel mondo come uno dei suoi elementi: questa è la meta di tutti gli esseri del creato. Allora, per mezzo di cosa si uniscono l’uomo e la donna? Attraverso gli organi sessuali. È lì che l’uomo e la donna si uniscono direttamente e diventano una cosa sola con Dio. Attraverso la caduta, questi organi sono diventati la cosa peggiore, ma originariamente sono sommamente sacri. Quando l’uomo e la donna aprono quella porta, il mondo si apre, e quando quella porta è chiusa, il mondo è chiuso; quando sono felici, il mondo e tutto l’universo sono felici.

Per diventare figli di Dio, bisogna nascere attraverso il punto di unità di questi organi. Se non da quel punto, da dove potrebbero nascere i figli e le figlie di Dio? Così quando l’uomo e la donna fanno l’amore, naturalmente tutte le cellule del corpo desiderano far parte degli organi sessuali, ma una volta che essi sono entrati nel luogo dell’amore tutto il corpo avverte le stesse sensazioni. In altre parole, tutto il corpo diventa unito. (248-55, 20.6.1993)

L’amore si deve realizzare dopo che tutto ha raggiunto uniformemente la maturità. Qual è l’antenna più alta del mondo? Cosa sarà? È l’antenna dell’amore. Qual è l’antenna dell’amore negli esseri umani? L’antenna dell’amore negli esseri umani sono gli organi sessuali maschili e femminili. È un dato di fatto che le onde radio passano solo attraverso l’antenna. Quindi è necessario che si formi una sfera con quell’antenna.

Le persone sono le antenne di Dio. Sono le antenne focalizzate su di Lui. Il giorno in cui l’amore verticale di Dio verrà a contatto con le Sue antenne nel mondo, entreremo nel regno che ingloba il mondo e l’intero universo. L’antenna è come il dispositivo che fa scoppiare i tuoni e i fulmini nel mondo fisico e nel mondo spirituale. (134-197, 20.7.1985)

Dio desidera vivere nel centro. La famiglia, la nazione e il mondo ideali desiderano tutti essere collegati a quella radice. Però tutto è stato perso a causa della caduta. Siamo in una situazione miserabile. Che cos’è l’organo maschile? È il palazzo dell’amore eterno. Questo è vero solo per la vostra generazione? No! Lo è per l’eternità. È il luogo del palazzo eterno. È il palazzo della vita eterna. Da lì la vita dell’uomo e della donna sono legate insieme per la prima volta sulla base dell’amore. Che cosa sono gli organi sessuali? In primo luogo, sono il palazzo dell’amore, in secondo luogo il palazzo della vita, e in terzo luogo il palazzo del lignaggio di Dio. Questa è la cosa più preziosa. Non siete tutti felici di questo? (248-111, 1.8.1993)

L’amore coniugale e l’amore dei genitori si stabiliscono eternamente quando ci sposiamo e facciamo l’amore. Attraverso quale parte del corpo facciamo l’amore? La bocca, gli occhi o le orecchie? Io non lo so, ma credo che tutti voi conosciate molto bene la risposta! Che cos’è? Finora la gente ha considerato gli organi sessuali come qualcosa di brutto, ma ora io insegno che sono il palazzo sacro originale. Come sono straordinari gli organi sessuali maschili e femminili! Senza di loro, il vero amore, la vera vita, il vero lignaggio e la vera coscienza non si possono collegare. Il Regno di Dio può iniziare senza di loro? No! Solo attraverso questi organi è possibile un mondo di libertà, felicità, pace e unità. (278-153, 5.5.1996)

Che cosa sono la fede assoluta, l’amore assoluto e l’obbedienza assoluta? Sono tutti termini che riguardano gli organi sessuali. La caduta si riferisce al fatto che Dio e gli organi sessuali umani non si sono potuti unire. Non sono riusciti a raggiungere l’unità. Dovete assolutamente credere in questo. Sono i pilastri della storia della nostra famiglia, del nostro clan e del nostro lignaggio. (304-164, 10.10.1999)

Dove s’incontrano Dio e gli esseri umani? Si incontrano quando l’uomo e la donna possono unirsi insieme e fare l’amore, ossia quando si uniscono attraverso i loro organi sessuali. Questi organi, tuttavia, sono diventati malvagi perché hanno portato alla rovina il mondo, il cielo e la terra a causa della caduta. Dovete pensare che quando l’uomo e la donna fanno l’amore, lo fanno per servire Dio.

Ogni giorno dovete pensare a voi stessi in rapporto alle parti sessuali del vostro corpo: «Come posso collegare questo organo centrandomi sull’amore? Come posso accoglierlo e servirlo? Come posso condurre una vita coniugale basata sul vero amore?» Il nostro corpo è in questa posizione. (246-73, 23.3.1993)

Dobbiamo essere eterni e immutabili come Dio. L’amore è assolutamente unico, eterno e immutabile come Dio, e il luogo in cui si stabilisce sono gli organi sessuali. Nessuno fino ad ora lo sapeva. Ecco quanto sono preziosi gli organi sessuali. Una famiglia felice si forma quando gli organi sessuali dei nonni, dei genitori, del marito e della moglie e in futuro quelli dei vostri figli con i loro rispettivi sposi sono uniti. Se questo si spezza, tutta la famiglia si disgrega. La nonna si è impadronita della parte sessuale del nonno e non la lascerà mai andare, e il nonno ha occupato la parte sessuale della nonna e cercherà di non perderla mai. Tutto, l’amore, la felicità, la libertà, e così via, ha inizio dagli organi sessuali. È impossibile negarlo. (278-203, 24.5.1996)

Adamo ed Eva erano nella posizione del palazzo originale e i loro discendenti dovevano diventare naturalmente dei palazzi; tuttavia il luogo del palazzo originale fu perduto. Gli organi sessuali maschili e femminili sono così straordinari. Dovete riconoscere che sono i tre grandi palazzi dell’amore, della vita e del lignaggio e nello stesso tempo la base d’inizio del Regno di Dio sulla terra e in cielo. È qualcosa di veramente sorprendente. (267-257, 8.1.1995)

Tutte le creature sulla terra sono destinate ad essere totalmente mobilitate per diventare le cellule degli organi sessuali maschili e femminili. Perché? Vale la pena di sacrificarsi perché questi organi sono così preziosi. Questo significa che una volta che Adamo ed Eva sono diventati partner d’amore, Dio dimorerà in loro e l’amore verticale e orizzontale sarà come un tornado che può addirittura scavare la terra e creare delle montagne. Solo l’amore può dominare tutte le cose malvagie di questo mondo e occupare Dio in cielo. (269-90, 3.11.1998)

Voi pensate che gli organi sessuali maschili e femminili siano qualcosa di indecente, ma questo non è vero. Sono la cosa più sacra. Centrandosi sul vero amore, Dio intendeva espandere il Suo regno ideale partendo da lì. Sono il santuario più sacro. Quindi il vostro partner d’amore è assoluto. Dovete sposarvi una volta sola, non due. (245-151, 28.2.1993)

Parlando degli organi d’amore maschili e femminili, i primi sono il palazzo d’amore della donna e i secondi il palazzo d’amore dell’uomo. L’ideale è che i due palazzi si incontrino e si trasformino nel re e nella regina dell’ideale. Questo è ciò che chiamiamo amore. Quelli che hanno dimostrato un amore del genere possono diventare figli e figlie di Dio e insieme a Lui partecipare nello stesso modo alla sfera ideale della vita. Gli uomini sono stati creati per avere questo valore. (128-326, 2.10.1983)

Qual è la cosa più preziosa per noi? Gli organi sessuali sono più preziosi delle nostre nazioni o delle nostre famiglie ideali. Senza di loro le nostre famiglie, popoli e nazioni non possono stabilirsi. Non potrebbe mai esserci la vita eterna se non fossero uniti. Vale a dire, la dimensione di vita attraverso la quale possiamo trascendere il dominio del mondo fisico entrando nel mondo spirituale, il mondo che non ha confini, non potrebbe mai esistere senza gli organi sessuali maschili e femminili. Il Regno di Dio sulla terra e in cielo non esisterebbe. (298-155, 1.1.1999)

Siamo maltrattati e chiamati i mascalzoni della Chiesa dell’Unificazione perché il suo fondatore insegna queste cose, non è vero? A me non importa se ci chiamano mascalzoni. Non è meglio vincere una medaglia d’oro vera anziché una falsa? Gli organi sessuali maschili e femminili sono doni immutabili, ereditati dal Creatore e dagli antenati. Sono i doni preziosi nei quali nemmeno Dio stesso può interferire e che gli antenati non possono violare. Quelli che li violano diventeranno la carne e il sangue del diavolo, distruggendo il palazzo originale dell’amore che è il centro delle grandi leggi del cielo. Gli organi sessuali sono il palazzo originale della vita, e danno nascita sulla base centrata sul vero amore eterno come l’essenza pura. Sono anche l’origine di una nuova linea di sangue. Perché sono stati creati gli organi sessuali? Certamente non per questo o quell’individuo. Vi sono stati dati per la grande Via del cielo e della terra e il grande governo provvidenziale del cielo e della terra. Come si realizzerà il mondo ideale sulla terra in futuro? Se non sarà rivelato il giusto uso degli organi sessuali, il mondo andrà in rovina. Non potremo mai trovare un mondo di pace. Guardate Roma e gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti non andranno in rovina per la mancanza di soldi.

Finora, a causa di Satana, non sapevamo a chi appartengono gli organi sessuali e come sono stati creati. Per rivelare questa verità, per spazzare via il male, la confusione e lo scompiglio creati da Satana sia in cielo che sulla terra, mi sono fatto avanti e ho innalzato la mia bandiera. (193-147, 3.10.1989)

Sezione 3. L’unità tra Dio e gli esseri umani e la perfezione dell’ideale dell’amore

3.1. Il punto in cui si stabilisce l’amore dove Dio e l’umanità si incontrano

Qual è l’origine dell’amore dell’universo? È Dio. Il punto qui è come dare una spiegazione logica di dove si stabilirà l’amore di Dio. Per diventare l’essere armonioso le cui caratteristiche duali sono rappresentate separatamente nella forma di Adamo ed Eva, da Lui creati, su cosa si deve centrare l’essere di armonia? Si deve centrare sull’amore ed essere nella posizione di Soggetto maschile in rapporto a tutte le cose. Con al centro che cosa? Con al centro l’amore. Dovete saperlo.

Allora come sarà Dio? Poiché Adamo ed Eva sono i soggetti con caratteristiche duali, i loro corpi sono lo stadio di formazione e le loro menti sono lo stadio di crescita. Perciò Dio desidera risiedere nella loro mente. In questo caso, quando il corpo e la mente di Adamo ed Eva si uniranno, si unirà anche la base del loro cuore? Come sarà? Dio si unirà a loro oppure no? E dove si unirà con loro? Poiché Dio ha creato gli esseri umani per amore, dove si unirà a loro? Dove sarà quel posto? Sarà il luogo dell’amore. (194-64, 15.10.1989)

Il Principio dell’Unificazione definisce Dio come il Soggetto incorporeo assoluto, il Soggetto con le caratteristiche duali in armonia. Come essere con caratteristiche duali, Dio creò Adamo ed Eva con un corpo sostanziale per riflettere ognuna di queste caratteristiche. Una volta che Adamo ed Eva avessero raggiunto la piena maturità e si fossero collegati tra loro orizzontalmente sulla base dell’amore, Dio intendeva diventare il centro nella posizione verticale. Ciò significa che quando Adamo ed Eva avessero raggiunto la completa maturità, la mascolinità di Dio avrebbe dimorato nella mente di Adamo e la Sua femminilità nella mente di Eva. Questo, tuttavia, non vuol dire che Dio è diviso in due. Poiché Dio è l’essere Soggetto con queste caratteristiche duali, può dimorare sia nella mente di Adamo che nella mente di Eva. (138-245, 24.1.1986)

Quando Adamo ed Eva pienamente maturi sono in grado di formare un legame d’amore reciproco, Dio, che possiede caratteristiche duali, riporrà la Sua mascolinità in Adamo e la Sua femminilità in Eva. Si sposerà dimorando nei loro corpi e nelle loro menti. (143-236, 19.3.1968)

Da una parte e dall’altra della linea centrale, le distanze, gli angoli e le larghezze sono eguali. C’è solo una linea di equilibrio, non due, che può far questo nel centro. C’è solo una linea perpendicolare che ha un solo un punto centrale, e c’è un solo punto centrale che attraversa la linea dell’equilibrio. È su quel punto che l’amore di Dio, l’amore assiale, si collega. Il giorno in cui questo amore correrà verso quel punto e si unirà ad esso, tutte le forze dirette in tutte le direzioni, a 360 gradi, passeranno attraverso quel punto. Una volta che questo potere dell’amore esploderà, l’uomo e la donna si uniranno completamente e la volontà di Dio dimorerà in mezzo a loro.

Dio non ha forse caratteristiche duali? Qual è la natura di Dio che è l’essere Soggetto con caratteristiche duali come è esposto nel Principio? È un Dio con caratteristiche duali e nello stesso tempo è il Soggetto che armonizza le caratteristiche duali. Qual è l’essenza di questo Soggetto? È l’amore, l’amore assoluto. (136-37, 20.12.1985)

La sfera sostanziale delle caratteristiche duali deve diventare il partner di Dio e ritornare a Lui attraverso il vero amore. È l’azione di origine-divisione-unione. La natura interiore e la forma esteriore, che originariamente erano una cosa sola, si uniscono di nuovo insieme in modo sostanziale attraverso la benedizione di Adamo ed Eva. In questo luogo dove tutto si unisce, Dio viene per unirsi all’uomo e alla donna, che sono uniti. Ho detto queste parole preziose. Dio è così vicino a noi. Non c’è nulla di più bello che arrivare a conoscere Dio, che si trova nel profondo della nostra mente. Seguendo le Sue direttive, dobbiamo percorrere con sicurezza la via della vittoria per tutto il corso della nostra vita. (250-108, 12.10.1993)

Poiché Dio possiede caratteristiche duali, la Sua mascolinità deve entrare nella mente di Adamo. Così Dio diventa il Padre interiore. Occupa la posizione del Padre interiore. Nella prima lettera ai Corinzi è scritto: «Non sapete che siete il tempio di Dio?» Dice che il nostro corpo è un tempio dove Dio può dimorare. È assolutamente vero. Poiché Dio esiste come l’essere Soggetto con caratteristiche duali, Adamo è la rappresentazione visibile della Sua mascolinità invisibile. Quindi Adamo è la manifestazione del corpo di Dio. Dietro Adamo, il padre dell’umanità e la forma corporea sostanziale dell’essere incorporeo, Dio doveva essere nella posizione del Padre interiore. (139-233, 31.1.1968)

Originariamente, se non ci fosse stata la caduta, Dio avrebbe dimorato in Adamo ed Eva. Dio è l’essere con caratteristiche duali di forma esteriore e natura interiore, e gli oggetti di questa forma esteriore e natura interiore sono Adamo ed Eva. Dio intendeva entrare nella loro mente e formare con loro la sfera di unità della mente e del corpo.

Dio doveva essere come la mente degli esseri umani originali che non sono caduti. Gli esseri umani dovevano essere nella posizione del corpo perfetto di Dio e in questa sfera di unità tra la mente e il corpo, Dio avrebbe partecipato alla cerimonia nuziale di Adamo ed Eva insieme a loro. Quel matrimonio sul piano sostanziale e orizzontale è il matrimonio di Adamo ed Eva, ma verticalmente sarebbe il matrimonio di Dio. (256-85, 12.3.1994)

Chi sono Adamo ed Eva? Sono nella posizione in cui deve avvenire l’armonizzazione dell’umanità sulla base del loro ideale d’amore orizzontale, dove dev’essere stabilito l’angolo retto e il punto di focalizzazione. In quel punto si intersecheranno le linee tracciate dall’alto verso il basso, da sinistra a destra, e da davanti a dietro. Cosa significa? Poiché Dio, il Soggetto con caratteristiche duali, entrerà nella mente di Adamo ed Eva quando si conformano al punto focale dell’amore, le loro nozze, come antenati dell’umanità che non sono caduti, saranno anche le Sue nozze. (223-267, 12.11.1991)

Adamo ed Eva hanno avuto origine dalle caratteristiche duali invisibili di Dio. Queste due caratteristiche formano un unico essere, Dio, e sono in armonia sulla base del vero amore. In quello stato Dio è nella posizione maschile e ha creato Suo figlio e Sua figlia per essere in posizione di oggetto. Così, quando crescono e sono diventati marito e moglie con al centro l’amore, Dio dall’alto può scendere da loro. Sarà nella posizione del Genitore invisibile ed essi, come genitori visibili, si dovranno unire attraverso l’amore. (222-317, 6.11.1991)

Dio ha gli attributi sia della mascolinità che della femminilità. Ecco perché è chiamato il Soggetto con caratteristiche duali. La Chiesa dell’Unificazione presenta questa conclusione meravigliosa che «Il soggetto con caratteristiche duali è Dio». Colui che è invisibile è il “più”, mentre quelli che sono visibili sono i genitori in posizione “meno”. Il Genitore invisibile è l’essere di causa, mentre i genitori visibili sono l’effetto. Così nella posizione di genitore, Dio è il Genitore invisibile e questi genitori visibili devono unirsi sulla base dell’amore. Dio è il Genitore verticale e i genitori visibili sono i genitori orizzontali. (161-306, 1.3.1987)

L’uomo e la donna uniti in armonia nell’amore di Dio, rappresentano rispettivamente l’est e l’ovest. L’uomo e la donna che rappresentano questo universo sono la sintesi delle caratteristiche duali di Dio. È inevitabile. Quando queste due persone sono unite, nell’universo si creerà un asse centrale attraverso il quale l’amore di Dio si potrà collegare. (149-229, 23.11.1968)

Dove potete scoprire Dio? In questi giorni e in questa era, per quanto la gente abbia pregato, meditato, creduto nella religione ecc., non è riuscita a scoprirLo, ossia, non ha mai potuto trovare il vero amore di Dio. Dio e gli esseri umani hanno le caratteristiche duali di interiore ed esteriore, positivo e negativo. Alla luce di questo esiste un rapporto tra un individuo perfetto e Dio, al di fuori del quale non ci sono né figli, né figlie, né nessun’altra cosa. (161-323, 8.3.1987)

Pensando a chi è Dio, possiamo vedere che, dal punto di vista interiore e spirituale, Eva è la Sua sposa. Dio entra in Adamo ed Eva, intendendo partecipare all’amore. Le caratteristiche duali divise si uniscono sulla base dell’amore, perché è solo l’amore che può formare un legame in tutte le direzioni. Questo è il rapporto fra Dio e l’umanità. Dio è il vostro “io” interiore. Tuttavia, noi siamo diversi da Lui in quanto siamo divisi in base alle Sue caratteristiche duali. Allora perché queste caratteristiche sono state divise? Per rendere più stimolante il sentimento dell’amore, per renderlo più stimolante e nello stesso tempo spostare la posizione e cambiare l’ambiente. Con il cambiamento di posizione può avvenire la riproduzione. Non ci può essere nessuna riproduzione solo con il Dio verticale. C’è solo una posizione verticale; possono essercene due? (187-94, 6.1.1989)

Se osservate attentamente una donna che ama suo marito, sentirete in lei la sua presenza. Hanno raggiunto l’unità. Non è così per Dio? Poiché tutte le cose hanno caratteristiche duali, alla fine ritornano tutte da Lui attraverso l’unità delle caratteristiche duali.

Quelli che si uniscono centrati sul vero amore diventano amici di Dio. Dio entra in loro. Il centro dell’uomo è la donna. Trovandosi nella sfera delle relazioni, ruota attorno a lui come centro. Lui è il centro attorno a cui lei ruota. Non è lui che ruota attorno a lei. Quando il marito è nel centro, la moglie gravita naturalmente attorno a lui. (213-266, 21.1.1991)

Per essere nostro Padre, Dio si deve collegare a noi attraverso il lignaggio, la vita e l’amore. Dio, che è un essere dalle caratteristiche duali, provava gioia pensando all’amore quando era solo, ma per diventare il proprietario centrale di un mondo di coppie armonizzate in tutte le direzioni, ha diviso le caratteristiche duali che sono dentro di Lui. Per questo la Chiesa dell’Unificazione parla non di origine-antitesi-unione, ma di origine-divisione-unione. (199-267, 20.2.1990)

Cosa succede quando Adamo ed Eva si sposano? Dio non esiste forse con le caratteristiche duali? La Sua femminilità entra in Eva e la Sua mascolinità entra in Adamo, e i due si uniscono. In altre parole, Adamo ed Eva sono i corpi di Dio in forma sostanziale. In questo modo Dio entra nelle caratteristiche interiori duali di Adamo ed Eva e si unisce a loro attraverso l’amore. Così essi ereditano la Sua lingua di sangue. (137-88, 24.12.1985)

Dove entra Dio? Entra nella mente di Adamo ed Eva. Essi sono le Sue caratteristiche duali, non è vero? Queste due caratteristiche entrano e si legano insieme centrati sull’unica radice. È in questo modo che lì si crea un legame con i loro figli e le loro figlie. Centrati sulla mente e sul corpo, centrati sullo spirito, se sono fermamente radicati, collegandosi attraverso l’amore, i figli e le figlie d’amore nati in quelle circostanze andranno all’inferno? Nessuno può toccarli come vuole. Il corpo, la mente e lo spirito assoluti, l’uomo e la donna assoluti, si uniscono attraverso gli organi sessuali, che sono la fonte della vita, dell’amore e del lignaggio fondati sull’amore assoluto di Dio. (194-343, 30.10.1989)

Chi sono Dio, Adamo ed Eva? Chi sono Adamo ed Eva? Se Adamo non fosse caduto e avesse raggiunto la perfezione, Dio sarebbe entrato dentro di lui, e se Eva fosse diventata perfetta, Dio sarebbe entrato dentro di lei. Sarebbe entrato nelle incarnazioni separate in forma sostanziale delle Sue caratteristiche duali e avrebbe riunito insieme quello che era diviso. In che modo Dio deve realizzare questa unione? Non attraverso la forza, ma attraverso l’amore. Dall’amore si genera uno stimolo e avviene la riproduzione, la riproduzione del mondo ideale. (148-290, 25.10.1986)

Dio è il Padre verticale. Adamo ed Eva prima della caduta avrebbero dovuto essere i genitori orizzontali. Dio è il Genitore verticale per tutto ciò che esiste con caratteristiche duali e Adamo ed Eva sono i genitori orizzontali. Allora dove si devono incontrare? Il vero amore passa per la strada più breve. (199-361, 21.2.1990)

3.2. Il principio fondamentale dell’unione ideale d’amore fra Dio e l’umanità

3.2.1. Spiegare l’unione fra Dio e l’umanità

Qual è la cosa su cui mi sono tormentato di più? Come riuscire a realizzare l’unità d’amore fra Dio e l’umanità e come spiegarla in modo logico. Senza questo chiarimento, questa teoria non può mettere radice. Se queste circostanze fondamentali dell’amore per gli esseri umani non saranno stabilite, andrà tutto storto. (249-223, 10.10.1993)

L’amore di Dio e l’amore dell’umanità diventano la questione importante. Se l’amore di Dio e l’amore degli esseri umani hanno lo stesso colore o colori diversi, è un grosso problema. Dov’è che questi due amori alla fine si stabiliscono insieme? Se alla fine non si stabiliscono insieme e non pongono la base per l’unità tra Dio e l’umanità nell’amore, né Dio né gli uomini possono arrivare a stabilirsi. Se Dio gioisce e anche gli uomini gioiscono attraverso l’amore, ma il posto dove lo fanno è diverso, sarà un problema serio. (257-58, 13.3.1994)

Mentre indagavo sui problemi fondamentali, ho pensato tanto a dove si può trovare la sfera di unità fra Dio e gli uomini. Questa è una domanda molto importante. Se non si trova la risposta, il punto di partenza e la destinazione finale non concorderanno. Mentre cercavo di rispondere a questa domanda, ho avuto un’illuminazione, come un colpo di fulmine: il vero amore passa per la strada più breve. Questa intuizione ha risolto tutto. Se il cielo e la terra fossero collegati attraverso l’amore, sarebbe la via più breve. In altre parole, c’è solo una linea perpendicolare che forma sempre un angolo di 90 gradi con la linea orizzontale. Questa è la via più breve. (250-153, 14.10.1993)

Perché ci sposiamo? Ci sposiamo per rendere perfetto l’amore. Se, sul piano orizzontale, la destra e la sinistra, l’est e l’ovest sono l’uomo e la donna, allora il loro vero ideale prenderà la strada più breve e così ci sarà un solo punto nel centro che è alla distanza più breve dall’amore orizzontale. Questo può essere solo un angolo di novanta gradi. Se quell’angolo diventa più grande, la forma che si creerà sarà ovale, e questo non va bene. Non c’è un altro angolo uguale. È solo l’angolo di novanta gradi che permette a tutte le cose di stare nella stessa posizione di eguaglianza sulla stessa base. Perciò, il punto d’incontro dell’amore attraverso l’unione di Dio e dell’umanità può essere situato solo ad un angolo di novanta gradi. (224-167, 24.11.1991)

Il concetto di Dio come Padre verticale ha fatto la sua apparizione. Sulla base del vero amore, Dio è il Genitore verticale e Adamo ed Eva sono i genitori orizzontali. Il verticale e l’orizzontale si incontrano a novanta gradi. Queste sono le basi dell’universo. In ultima analisi Dio creò gli esseri umani in modo da poter avere il Suo matrimonio. Li creò per il Suo amore. Con questa spiegazione, tutte le difficili domande fondamentali possono trovare una soluzione. (252-319, 5.1.1993)

Il punto su cui mi sono tormentato di più, mentre esploravo le verità fondamentali dell’universo era la questione di come l’amore si muove e si stabilisce. Scoprendo il fatto che l’amore prende la via più breve, tutto ha potuto essere risolto. Se l’amore venisse dall’alto, dato che il cielo è sopra e la terra è sotto, quale strada prenderebbe il vero amore per andare dalla terra al cielo? Prenderebbe la via più breve possibile. E quale sarebbe? Quella perpendicolare, non è vero? C’è solo una linea perpendicolare. È la distanza più breve. Dato che l’amore prende la via più breve e più rapida, tra il mondo celeste e il mondo terrestre ci può essere solo un punto d’incontro. Non ce ne sono due. Ce n’è assolutamente uno solo. (211-77, 29.12.1990)

Adamo ed Eva hanno avuto origine dalle caratteristiche duali invisibili di Dio. Queste due caratteristiche formano un unico essere, Dio, e sono in armonia sulla base del vero amore. In quello stato Dio è nella posizione maschile e ha creato Suo figlio e Sua figlia per essere in posizione di oggetto. Così, quando crescono e sono diventati marito e moglie con al centro l’amore, Dio dall’alto può scendere da loro. Sarà nella posizione del Genitore invisibile e loro, come genitori visibili, si dovranno unire attraverso l’amore. (222-317, 6.11.1991)

Quando le persone raggiungono la perfezione, acquisiscono una natura divina, diventano perfette come il nostro Padre in cielo e possiedono un valore divino. Anche se Dio è l’Essere Assoluto, non può realizzare l’ideale del vero amore da solo, perché per questo è necessario un partner. A questo punto dobbiamo capire qual è il rapporto fra l’inizio e la perfezione del vero amore di Dio e del vero amore degli esseri umani. Se Dio non avesse stabilito gli esseri umani come oggetti assoluti del vero amore, ma all’inizio avesse cercato di realizzare la perfezione del Suo vero amore senza di loro, cosa sarebbe successo? La motivazione dell’ideale del vero amore di Dio e del vero amore dell’umanità sarebbe stata diversa, e di conseguenza la direzione e lo scopo dei due amori sarebbero stati diversi. (282-209, 13.3.1997)

Chi sono Adamo ed Eva? Sono nella posizione in cui deve avvenire l’armonizzazione dell’umanità sulla base del loro ideale d’amore orizzontale, dove dev’essere stabilito l’angolo retto e il punto di focalizzazione. In quel punto si intersecheranno le linee tracciate dall’alto verso il basso, da sinistra a destra, e da davanti a dietro. Cosa significa? Poiché Dio, il Soggetto con caratteristiche duali, entrerà nella mente di Adamo ed Eva quando si conformano al punto focale dell’amore, le loro nozze, come antenati dell’umanità che non sono caduti, saranno anche le Sue nozze. (223-267, 12.11.1991)

Dov’è il punto d’inizio della perfezione umana? È qualcosa di estremamente prezioso per Dio e per gli esseri umani, la base per la continuità dell’universo. È l’origine di tutti gli elementi al tempo della creazione. È l’amore. Siamo nati per l’amore. Ma di che amore si tratta? Del vero amore. Né gli occhi, né la bocca, né i cinque organi di senso possono separarsi da quel vero amore. Sono fatti per ruotargli intorno, per andare e venire in accordo ad esso, per salire solo quando lui sale e scendere solo quando lui scende. Che cos’è che permette questo? Non sono i soldi, la conoscenza o il potere. Non è altro che il vero amore. (210-317, 27.12.1990)

Dove si devono unire il verticale e l’orizzontale? Dove deve avvenire l’unione del cielo e della terra? Avviene sulla linea perpendicolare. La via seguita dall’amore è la strada più breve. Risolvere la domanda dove si deve stabilire mi è costata uno sforzo indescrivibile.

Nel chiarire i principi fondamentali dell’universo, ho capito che esistono sia l’amore verticale che l’amore orizzontale. Come sono arrivato a questo? Non possiamo elevarci perpendicolarmente in un istante. Se questo fosse possibile, dovremmo stare sul posto senza muoverci di un millimetro. Inoltre, se dovessimo amare verticalmente, dovremmo essere diversi. In quello stato dove e come ruoteremmo? Non sarebbe possibile. Se esiste l’amore sia in cielo che sulla terra, la domanda più seria relativa al modo in cui questi due amori si collegano è in che modo si unirebbero insieme. L’unica cosa che so per certo è che l’amore segue la via più breve. (214-232, 2.2.1991)

Ciò che Dio desidera è unirsi all’umanità attraverso il vero amore. L’unità di Dio e dell’umanità! Questo significa la sfera di unità fra Dio e gli esseri umani. Se il modello dell’ideale che dà gioia a Dio fosse in contraddizione con quello desiderato dall’umanità, la situazione sarebbe terribile. Si devono unire completamente.

È necessario che si uniscano in senso orizzontale e verticale. Quando queste linee tra il davanti e il dietro, la sinistra e la destra, incontrano la linea verticale formando un angolo di novanta gradi, l’emisfero superiore ed inferiore, l’emisfero destro e sinistro, e tutte le dodici direzioni combaceranno tutte a novanta gradi, dovunque siano collocati gli emisferi. (223-346, 20.11.1991)

Finora nessuno ha saputo spiegare logicamente dove si uniscono l’amore Dio e l’amore dell’umanità. Senza conoscere questo, il termine “Padre Celeste” non avrebbe nessun fondamento, sarebbe completamente irrilevante. Adamo ed Eva dovevano essere il corpo di Dio. Cosa significa che tutte le cose saranno come Adamo ed Eva le hanno chiamate? Significa che Dio entra nel loro corpo e dà i nomi insieme a loro.

Una volta raggiunta la perfezione, la natura interiore di Dio entrerà nella mente dell’uomo e la Sua forma esteriore entrerà nella mente della donna. La cerimonia sostanziale delle nozze di Adamo ed Eva sarà anche il matrimonio di Dio. Lo capirete chiaramente quando andrete nel mondo spirituale. Queste teorie incomprensibili avranno tutte un senso. Così, solo quando avrete occupato completamente l’amore di Dio, il vostro desiderio sarà totalmente soddisfatto e dichiarerete: «Ora tutto è compiuto!» (252-119, 14.11.1993)

Dio è l’origine dell’amore, della vita, del lignaggio e anche l’origine del Suo regno sulla terra e in cielo. Al tempo delle nozze di Adamo ed Eva, Dio entra nella loro mente e realizza l’amore che nasce attraverso l’unità. Dio è il Vero Genitore verticale, e Adamo ed Eva sono i veri genitori orizzontali. Poiché nasciamo ricevendo la carne e il sangue da questi genitori, la mente è il nostro io verticale, mentre il corpo è il nostro io orizzontale.

Quelli che hanno raggiunto la perfetta unità d’amore fra la mente e il corpo unendosi a Dio nell’amore diventano i Suoi figli e le Sue figlie. Una volta che diventano i Suoi principi e le Sue principesse, stabiliscono con Lui un rapporto di padre-figlio e così possono ereditare ogni cosa da Lui. Quando questi figli realizzano l’unità coniugale sulla base del vero amore, formano una famiglia che serve Dio e il punto d’inizio della pace e dell’ideale.

L’uomo e la donna, essendo ognuno una metà dell’insieme, si uniscono e portano a compimento l’amore ideale di Dio come Suoi partner. Vale a dire, sulla base del vero amore, Dio renderà perfetti gli uomini come esseri che hanno un valore infinito. Attraverso la perfezione del vero amore Dio realizzerà il mondo dell’ideale di creazione che è la dimora dell’amore ideale eterno. (254-106, 1.2.1994)

Dio, il Soggetto del vero amore, creò gli esseri umani come oggetti del vero amore. Il Suo ideale d’amore si può realizzare solo attraverso di loro. Il Suo scopo di creazione è il mondo dell’ideale d’amore assoluto attraverso l’unione di Dio e dell’umanità nell’amore. Dio creò gli esseri umani come i migliori e i supremi partner oggetto del Suo amore. Di conseguenza, fra tutte le forme della creazione, gli esseri umani sono i partner oggetto di Dio che incarnano la Sua immagine in modo unico. Nascono come esseri visibili di fronte al Dio invisibile e quando raggiungono la perfezione diventano il tempio di Dio. Sono gli esseri corporei in cui Dio può liberamente e comodamente andare ad abitare in qualunque momento. L’ideale d’insieme dell’amore vero e assoluto di Dio si realizza e si completa solo attraverso gli esseri umani nella forma del rapporto verticale genitore-figlio. (277-198, 16.4.1996)

3.2.2. La base dell’unità fra Dio e l’umanità

Dove si incontrano l’amore di Dio e l’amore degli esseri umani? Nel punto dove si stabiliscono l’amore, la vita e la linea di sangue. Se non fosse per quel luogo, l’amore, la vita e la linea di sangue non avrebbero alcuna possibilità di col-legarsi. Cos’è questo luogo, questo organo sessuale, e a che cosa serve? È il luogo dove la vita dell’uomo e della donna si collegano e dove il loro lignaggio e il loro sangue si intersecano. La vita, l’amore e il lignaggio di Dio, e la vita, l’amore e il lignaggio dell’uomo e della donna si collegano attraverso quest’unico punto di insediamento. È da lì che vengono fuori i loro discendenti. (205-63, 7.7.1990)

Dove si incontrano l’amore assoluto di Dio e dell’umanità? Solo in un punto. E qual è? È il luogo dove gli organi sessuali assoluti si uniscono nella notte di nozze. Avete mai pensato di incontrare Dio là? La domanda è dove potete unirvi a Lui. Se la base su cui il Dio assoluto si può stabilire, e l’amore ideale desiderato dagli esseri umani, Adamo ed Eva, non sono la stessa base ma due basi diverse, allora ci saranno due direzioni e due scopi diversi per l’amore. Questo vorrebbe dire che gli uomini non potrebbero mai stabilire un rapporto con l’amore assoluto di Dio, e di conseguenza sarebbe sbagliato dire che Dio ha creato per amore.

Non è questo il luogo dove è iniziata la nostra esistenza? Gli uomini e le donne nascono lì. Non vengono al mondo attraverso i baci, vero? Perciò non è desiderabile che gli organi sessuali maschili e femminili si uniscano in modo assoluto? I mariti e le mogli desiderano unirsi in modo assoluto o fino a un certo punto? Per ricevere l’amore attraverso quell’organo, la donna ha bisogno di essere nella posizione in cui serve non solo suo marito, ma anche Dio, spiritualmente. Esteriormente, l’organo sessuale di Adamo è suo, ma interiormente appartiene a Dio. Esteriormente anche l’organo sessuale di Eva è suo, ma interiormente è di Dio. Ciò che è invisibile è verticale, e ciò che è visibile è orizzontale. Ecco come il Genitore verticale e i genitori orizzontali raggiungono l’unità. (282-306, 7.4.1997)

Le nozze di Dio hanno luogo nel giorno del matrimonio di Adamo ed Eva. Ci sarà un matrimonio verticale e un matrimonio orizzontale. Attraverso i loro organi sessuali, l’uomo e la donna realizzano l’amore assoluto di Dio e nello stesso tempo raggiungono il centro di quell’amore e si uniscono attorno al Suo amore. Se questo fosse successo, la loro unità sarebbe stata centrata sulla loro mente, come Dio. (284-56, 15.4.1997)

Dio dimora nel luogo dove l’amore è assolutamente immutabile. Risiede negli organi sessuali. Dio è la fonte dell’amore e l’origine della vita; è l’origine della vita dell’uomo, della donna e del lignaggio. Allora, dov’è che l’amore, la vita e il lignaggio di Dio e l’umanità si possono unire? Può essere unicamente in quel luogo. (287-29, 10.8.1997)

Interiormente la cerimonia nuziale di Adamo ed Eva è il matrimonio di Dio; in altre parole è un doppio matrimonio. Quello che li unisce sono gli organi sessuali maschili e femminili. Senza di loro, la vita non nascerebbe. Attraverso questi organi si sono perpetuate le linee di sangue e la storia dell’umanità. Persino il mondo ideale di Dio sarà stabilito dai figli, gli adorati figli, che sono passati attraverso quelle porte. Ecco come sarà costruito il Regno di Dio. (290-81, 3.2.1998)

La cerimonia nuziale di Adamo ed Eva è il matrimonio di chi? È il matrimonio di Dio. Se fosse stato così, quale sarebbe stato il risultato? Gli organi sessuali sarebbero diventati innanzitutto il palazzo dell’amore di Dio, il palazzo originale dell’amore. Ecco perché si dice che la famiglia è il palazzo, perché gli organi sono il palazzo originale dell’amore. La famiglia in generale è il palazzo e gli organi sono il palazzo verticale originale dell’amore. Quanto sono preziosi! (265-269, 23.11.1994)

Chi è Adamo? Se Adamo non fosse caduto ma avesse raggiunto la perfezione, sarebbe diventato il corpo di Dio. Anche Eva sarebbe diventata il Suo corpo. L’uomo sarebbe diventato il corpo di Dio come polo positivo e la donna il corpo di Dio come polo negativo. E poi cosa avrebbe fatto da base per la loro unità? Quella base sarebbe stata l’amore, gli organi sessuali.

Dato che Adamo ed Eva, con Dio che risiede interiormente al centro della loro mente, sono le Sue incarnazioni, cosa succederà quando faranno l’amore attraverso i loro organi sessuali? Attraverso chi Dio fa l’amore? Attraverso cosa ama la mente? Non è forse attraverso il corpo? Allo stesso modo, Dio entrerà nell’Adamo perfetto che non è caduto come un proprietario entra in casa sua, e i due faranno l’amore. (197-52, 7.1.1990)

Allora chi è Dio? Dio è il Creatore e il Genitore verticale di vero amore. In altre parole, è il Genitore verticale centrato sul vero amore. Adamo ed Eva perfetti sono i genitori orizzontali centrati sul vero amore. Questi due tipi di genitori si devono unire. Il verticale e l’orizzontale si devono unire nel luogo dove Adamo ed Eva fanno l’amore. Quel luogo è il palazzo originale dell’amore, della vita e del lignaggio. Sono le parti sessuali dell’uomo e della donna.

In questo modo Dio stesso darà nascita ai Suoi figli e alle Sue figlie. Sono veramente figli Suoi. Siete tutti nati da due tipi di genitori, e la coscienza è in posizione reciproca rispetto al Genitore verticale. Alla luce di questo, la coscienza è l’“io” verticale mentre il corpo è l’“io” orizzontale. In che modo si uniscono il verticale e l’orizzontale? Se si unissero attraverso il vero amore di genitore, il vero amore del Creatore, il corpo e la mente non sarebbero mai in conflitto, ma realizzerebbero una completa armonia. (250-38, 11.10.1993)

Che cosa significa chiamare Dio nostro Padre? Dovete conoscere l’origine dell’ideale di creazione. Chi è Dio? È nostro Padre, e voi siete i Suoi figli. Dato che siete i Suoi figli a chi assomigliate? Assomigliate a Lui. Allora Dio avrà gli occhi? Avrà un naso, una bocca e delle orecchie? Sì. E poi avrà un corpo? Avrà gli organi sessuali? Tutti questi argomenti pongono delle domande che esigono delle risposte logiche. (196-41, 24.12.1989)

Che organo usa una coppia per fare l’amore? Dove si uniscono l’amore di Dio e dell’umanità? C’è un solo punto di inizio. Se ce ne fossero due, ci sarebbero due direzioni e due scopi diversi, e di conseguenza concluderemmo che sia Dio che gli esseri umani non potrebbero essere felici. Se Dio ha creato gli uomini per essere i partner oggetto del Suo amore, il punto d’inizio dove il Suo amore e il loro amore entrano in contatto deve essere identico. E dove sarà quel punto? Non è il cuore. Qual è l’organo più importante sia per l’uomo che per la donna? Sono gli organi sessuali, gli organi a cui Dio ha dedicato la massima cura durante il processo della creazione. (267-315, 5.2.1995)

Le nozze di Adamo ed Eva non devono forse essere le nozze di Dio? Dove andrete per incontrare Dio, che ha creato il partner oggetto del Suo amore per essere superiore a Lui? Dove andrete per unirvi a Lui? Nel naso? Dove? Questa è una questione grave. Quindi gli organi sessuali che si trovano sia nell’uomo che nella donna, sono il giardino originale dove Dio può risiedere. È lì che il Suo amore può realizzare la perfezione per la prima volta. Quello è il luogo dove il concavo e il convesso si uniscono. È lì che la perfezione degli esseri umani, ossia la perfezione della donna, dell’uomo e di Dio, si realizza con al centro l’amore. (261-220, 19.6.1994)

La mente e il corpo si devono unire attraverso gli organi sessuali. Ci deve essere un solo punto d’inizio; se ce ne fossero due, ci sarebbero due direzioni diverse. La destinazione finale dove l’amore dell’umanità e l’amore di Dio entrano in contatto e si stabiliscono sono gli organi sessuali. Lì il marito interiore e il marito esteriore si uniscono insieme attraverso l’amore. Detto in parole povere, si legano insieme dove la parte concava e la parte convessa s’incontrano. (264-330, 20.11.1994)

Quando una persona raggiunge la piena maturità e si sposa significa che si stabilisce un rapporto tra l’amore di Dio e l’amore dell’umanità. Attorno a cosa? Attorno agli organi sessuali. Dal punto di vista spirituale, l’organo sessuale di Adamo è l’organo sessuale esteriore di Dio, e l’organo sessuale di Eva è l’organo sessuale interiore di Dio. Dal punto di vista relazionale significa l’unità con l’organo sessuale della donna. (223-19, 7.11.1991)

Il matrimonio di Dio è il matrimonio di Adamo ed Eva ed è per questo che il Suo regno sulla terra e il Suo Regno in cielo cominciano a esistere contemporaneamente. Il punto di partenza è il nido d’amore.

Il momento in cui gli organi sessuali maschili e femminili si uniscono senza cadere è il punto in cui ha origine il Regno di Dio in terra e in cielo. Questa è anche la base dove si devono stabilire le tre grandi sovranità. Il nido d’amore non può essere costruito da nessun’altra parte. (263-57, 18.8.1994)

Le nozze di Adamo sono anche le nozze di Dio. Questo è il Suo segreto più grande. Scoprendolo, sono diventato uno specialista nell’anatomia degli organi sessuali. Ogni cosa si unisce facendo capo agli organi sessuali. Se non fosse per loro, l’uomo e la donna non conoscerebbero l’amore e non ci sarebbe nessun luogo per congiungere le loro vite. È lì che il loro sangue si incontra, che la storia va avanti e che inizia la coscienza. (257-68, 3.11.1995)

Dal punto di vista di Dio, chi è la donna originariamente, e qual è il suo rapporto con Lui? Dio creò l’umanità a causa dell’amore. Sotto questo aspetto, il Suo amore e l’amore dell’umanità devono essere in conflitto o essere uniti? Se devono diventare una cosa sola, dov’è che si devono unire? Dove? Ci avete mai pensato? Riflettete un po’. Quel luogo sono gli organi sessuali. (265-256, 23.11.1994)

Dovete sapere che la tradizione dell’amore basata su Dio e i Veri Genitori è il punto d’inizio di ogni cosa. Dove cominciano e dove si uniscono il vero amore di Dio e dell’umanità? Negli organi sessuali. Che tipo di organi sessuali? Saranno i veri organi sessuali, quelli che Dio desidera. Questa è la conclusione. (267-321, 5.2.1995)

Noi aspiriamo a ritornare alla patria originale – il luogo dove l’amore di Dio e dell’umanità sono collegati – gli organi sessuali dell’uomo e della donna. Dov’è che l’amore di Dio e l’amore dell’umanità cominciano a unirsi? Dio, che è l’origine della vita, dell’amore, della coscienza e del lignaggio di Adamo ed Eva, dalla posizione verticale entrerà inevitabilmente nel centro dell’unione della forma esteriore e della natura interiore di Adamo ed Eva che sono nella posizione orizzontale. Perciò il matrimonio di Adamo ed Eva è anche il matrimonio di Dio. Gli organi maschili e femminili sono gli strumenti che libereranno Dio e Lo renderanno perfetto. Quindi Dio è il Padre, il Padre verticale, mentre Adamo perfetto è il padre orizzontale. (258-78, 16.3.1994)

Non siate imprudenti con i vostri “bastoni”, rispettateli. Sono estremamente preziosi. Dio li osserva dall’alto. Risiede in loro. Inoltre, quello che appartiene alla moglie appartiene alla Sua moglie, la Regina, e dovrei forse dire che quella “cosa” che appartiene al marito è il “bastone” di Dio? Dovete pensare che sono come gli organi di Dio. Non sono due cose diverse. È proprio come la mente e il corpo: se Dio è la mente, voi siete il Suo corpo. Pur essendo invisibile, Dio è lì con voi e i vostri organi sessuali. Anche se quell’organo è parte del vostro corpo, dovete considerarlo come due uniti in uno. (265-273, 23.11.1994)

Avete mai pensato all’organo sessuale di vostro marito come a quello di Dio? Come ve lo fa sentire vicino! Non adorate Dio mettendoLo in alto su un piedistallo. Dio è dentro la vostra mente. Non ve ne rendete conto perché è un tutt’uno con voi. (265-104, 20.11.1994)

A causa della caduta, gli organi sessuali maschili e femminili sono diventati delle cose cattive perché sono diventati il palazzo originale che ha aperto le porte all’onda malvagia della morte, alle leggi della morte, all’inferno della distruzione, e agli elementi perversi che hanno violato le leggi del cielo. Questo era il segreto nascosto nella storia fino ad oggi. Se non fossero caduti, gli organi sessuali maschili e femminili sarebbero diventati l’origine dell’amore e il palazzo originale dell’amore, della vita e del lignaggio. Si sarebbero uniti all’amore verticale di Dio e all’amore orizzontale dei veri genitori.

Poiché il vero amore scorre prendendo la via più breve, anche l’amore orizzontale degli esseri umani, Adamo ed Eva, farebbe la stessa cosa e quindi non avrebbe altra scelta che formare un angolo di novanta gradi. Lì avverrebbe un’esplosione causata dalla gioia che si realizza attraverso l’unità di Adamo ed Eva con Dio nella vita, nell’amore e nel lignaggio. Gli esseri umani sarebbero dovuti nascere da questa esplosione unificatrice. Così sarebbero diventati i figli e le figlie di Adamo ed Eva e i nipoti di Dio. Se questo fosse successo, perché sarebbero dovuti andare all’inferno? Perché avrebbero avuto bisogno della religione? Sarebbero vissuti così com’erano e sarebbero andati in cielo. (197-175, 13.1.1990)

Poiché Dio è al centro nella posizione verticale, è verticale, mentre Adamo ed Eva sono orizzontali; così il luogo dove si incontrano e si uniscono sono gli organi sessuali. Perciò Dio, la fonte dell’amore e della vita, può dimorare in quel luogo e poiché è l’origine del lignaggio, tutto comincia a partire da lì.

Se quella che è la fonte della vita, dell’amore e del lignaggio fosse tirata, ossia se quella linea di sangue fosse tirata, allora insieme ad essa verrebbero dietro tutte le linee di sangue dei nostri antenati. E se si tirasse la vita, verrebbe dietro anche la vita dei nostri antenati? Se poi si tirasse la linea dell’amore, verrebbe tirato anche il resto? Quel luogo, la sede centrale dove la creazione è concentrata e collegata, è il luogo più prezioso di tutti. Gli organi sessuali sono le caratteristiche che distinguono gli uomini e le donne.

Allora le parti sessuali dell’uomo e della donna sono state create per instaurare un rapporto innanzitutto con chi? Non con Adamo o Eva, ma con Dio. La Bibbia dipinge il diavolo come un dio di dissolutezza. Perché Dio lo ha odiato così tanto? Satana ha distrutto completamente l’essenza del Suo ideale. Per questo è stata predetta la sua espulsione dall’universo. (194-64, 15.10.1989)

Quanto sono preziosi gli organi sessuali maschili e femminili? La caduta è avvenuta attraverso di loro, causando la distruzione dell’ideale di tutta l’umanità. Non possono avere due proprietari, ma assolutamente uno solo. Quando una donna si sposa e permette alle sue parti sessuali di unirsi al suo unico marito, sarà per l’eternità. Quindi gli organi sessuali maschili e femminili sono preziosi. Dove s’incontrano l’amore di Dio e l’amore dell’umanità?

Dio creò il cielo e la terra per l’amore dell’ideale di creazione, e il partner oggetto di questo amore è l’umanità. Non vorreste tutti che il partner oggetto del vostro amore fosse migliore di voi? Non volete che lo sia? Quante migliaia di volte dovrebbe essere migliore? Se vi chiedessero: «Vuoi che il tuo sposo sia migliore mille o diecimila volte?» rispondereste diecimila volte. Se vi chiedessero: «Diecimila volte o centomila volte?» rispondereste centomila volte, e così via fino all’infinito. (263-121, 21.8.1994)

Secondo voi, chi è il partner d’amore nel mondo della creazione desiderato da Dio? Come sarà quel partner? L’uomo da solo potrebbe essere il Suo partner? La donna da sola potrebbe essere il Suo partner? Che tipo di partner desidera Dio? Non un partner per i soldi, la conoscenza o il potere. Poiché Dio desidera un partner d’amore, Lo possiamo incontrare nel luogo dove si uniscono gli organi maschili e femminili. (279-250, 15.9.1996)

3.2.3. Dio è l’origine del vero lignaggio

Se non fosse stato per la caduta, Dio sarebbe diventato il Padre e la Madre interiore, e Adamo ed Eva il padre e la madre esteriore. Come figli e figlie del Genitore interiore, gli esseri umani avrebbero dovuto nascere ereditando il seme dell’amore. Tuttavia, a causa della caduta centrata sull’amore di Satana, ereditarono l’amore, la vita e il lignaggio del diavolo. (223-234, 10.11.1991)

Dio è nella posizione di Adamo ed Eva interiori e invisibili. Nei confronti dell’umanità, Adamo doveva avere la posizione di padre sostanziale, servendo Dio, il Padre interiore, mentre Eva, nella posizione di madre sostanziale, doveva servire Dio, la Madre interiore. Attraverso questo la base verticale si sarebbe dovuta espandere in una base orizzontale. (138-245, 24.1.1986)

Eva è la diletta futura moglie di Dio. Dio stesso è verticale, ma non ha un oggetto orizzontale. Se il verticale e l’orizzontale non si uniscono insieme, non si possono generare dei figli. Dio esiste come il verticale. Il verticale è perpendicolare, e può esserci una sola linea perpendicolare. Nel mondo perpendicolare la moltiplicazione non è possibile. L’ambiente in cui può avvenire la moltiplicazione è la base orizzontale, perché lì c’è lo spazio che permette alla sfera della moltiplicazione di espandersi in tutte le direzioni. Poiché Dio non poteva farlo da solo, creò i Suoi corpi nella forma di Adamo ed Eva per moltiplicare i cittadini del Suo regno. (203-296, 27.6.1990)

All’inizio, se non ci fosse stata la caduta, Eva sarebbe diventata la moglie di Dio e Adamo il Suo corpo. Attraverso l’atto d’amore di Adamo ed Eva come corpi di Dio, sarebbe avvenuta l’unione di Dio e dell’umanità, ossia l’unione del cielo e della terra. Si sarebbe realizzata questa unione di Dio e dell’uomo e della donna, dello yin e dello yang; dopodiché una nuova vita e un nuovo lignaggio devono collegarsi insieme attraverso l’amore stabilito verticalmente e orizzontalmente. (196-233, 1.1.1990)

Chi è Adamo? Poiché Dio è la radice, Adamo è come il ramo e il germoglio appena spuntati. Dio e Adamo sono un corpo solo. Poiché Dio è la radice della vita, dell’amore, del lignaggio e della coscienza ha bisogno di sentire l’amore per primo. È un principio che la radice deve sentire l’amore prima del fusto. (264-136, 9.10.1994)

Adamo ed Eva sono nella posizione di partner oggetto dell’amore di Dio che è il loro partner soggetto. L’amore di Dio deve unirsi a loro nel luogo e nel momento in cui fanno l’amore per la prima volta nella loro notte di nozze. Tuttavia, essi non avranno la sensazione di essere uniti a Dio, perché Dio è già completamente unito a loro. Dio sentirà la gioia dell’ideale di creazione attraverso il legame dell’amore, della vita e della linea di sangue. In risposta alla gioia di Dio, l’uomo e la donna provano piacere nel fare l’amore. Mi riferisco al matrimonio e all’unione di Adamo ed Eva. (253-211, 23.1.1994)

Dio è la fonte dell’amore, della vita e del lignaggio. Dove si uniscono l’amore, la vita e il lignaggio dell’uomo e della donna? Sarà nel posto segreto dell’uomo e della donna, ossia i loro organi sessuali. Così fra tutte le grandi imprese del mondo umano, la più grandiosa è il matrimonio. (211-240, 30.12.1990)

Per quanto riguarda il rapporto fra Dio e Adamo ed Eva, i progenitori dell’umanità, l’origine della nostra vita è Dio. Dio è anche il soggetto del nostro amore e il centro della nostra vita. (53-238, 29.2.1972)

Il matrimonio di Adamo ed Eva significa lo sposalizio di Dio con l’umanità. In modo simile, tutti voi, come esseri umani, dovete sposare Dio. Dov’è Dio? È dentro di noi. (258-276, 20.3.1994)

Le nozze di Adamo ed Eva sono anche il matrimonio di Dio. Chi è Adamo? È il primogenito di Dio. Egli è l’aspetto piano, orizzontale, mentre Dio è il verticale. In una famiglia l’espansione orizzontale inizia dal primogenito. Dio e Adamo formano un corpo solo – padre e figlio – con al centro l’amore. Allora dove si unisce l’amore? Nelle nozze di Adamo ed Eva verticali. Essi si adorano reciprocamente dopo aver raggiunto la piena maturità per trovare la posizione verticale. (263-124, 21.8.1994)

Attraverso l’amore, Dio deve entrare in Adamo ed Eva e diventare il Padre interiore, ed essi devono diventare il Suo corpo, diventando alla fine come Dio interiormente ed esteriormente. Dio è il Dio interiore che ha creato l’universo, e l’umanità è il dio esteriore. Diventare marito e moglie e decidere di stabilire il palazzo del Regno di Dio è la loro grande opera di creazione. L’inferno non può esistere quando è stabilito il palazzo centrato sulla regalità dell’universo e sulla famiglia reale di Adamo ed Eva. (140-115, 8.2.1968)

Se Dio e Adamo avessero raggiunto l’unità interiore ed esteriore, Dio sarebbe stato il Dio interiore e Adamo il Dio esteriore. Dio all’interno sarebbe stato il Dio interiore, e Adamo all’esterno sarebbe stato il dio esteriore. (41-290, 17.2.1971)

Dio è il Creatore e il Genitore verticale di vero amore. In altre parole, è il Genitore verticale centrato sul vero amore. Adamo ed Eva perfetti sono i genitori orizzontali centrati sul vero amore. Questi due tipi di genitori si devono unire. Il verticale e l’orizzontale si devono unire nel luogo dove Adamo ed Eva fanno l’amore. Quel luogo è il palazzo originale dell’amore, della vita e del lignaggio. Sono le parti sessuali dell’uomo e della donna.

In questo modo Dio stesso darà nascita ai Suoi figli e alle Sue figlie. Sono veramente i Suoi figli. Siete tutti nati da due tipi di genitori, e la coscienza è in posizione reciproca rispetto al Genitore verticale. Alla luce di questo, la coscienza è l’“io” verticale e il corpo è l’“io” orizzontale. Attraverso cosa si uniscono il verticale e l’orizzontale? Se si unissero attraverso il vero amore dei genitori, il vero amore del Creatore, il corpo e la mente non sarebbero mai in conflitto, ma realizzerebbero una completa armonia. (250-38, 11.10.1993)

Se si fosse realizzata una famiglia che incarna l’unione di Dio e dell’umanità nell’amore, oggi andremmo tutti direttamente nel Regno dei Cieli senza doverci preoccupare del cielo o dell’inferno. In questa famiglia, Dio può essere unito agli esseri umani creando un rapporto di vero amore centrato sull’amore vero, grande e genuino, che Egli desiderava come un ideale al tempo della creazione. Ma se il vero amore di Dio e il vero amore dei veri esseri umani non si uniscono come l’unico vero amore, ci saranno due punti di inizio. Se il vero amore di Dio e il vero amore degli esseri umani dovessero cominciare come due forme di amore distinte e quindi avere direzioni e scopi diversi, sarebbe impossibile trovare il mondo ideale e assoluto desiderato da Dio e dall’umanità. (275-54, 30.10.1995)

La Chiesa dell’Unificazione è diversa dalle altre chiese in quanto afferma che l’unità di Dio e dell’umanità si realizza e si stabilisce attraverso l’amore. Le altre teologie definiscono Dio come santo e l’umanità come bassa e peccatrice. Se così fosse, l’amore di Dio e dell’umanità come potrebbero unirsi? Non c’è una risposta. Il problema sta nel fatto di credere che il Dio assoluto può fare qualsiasi cosa. Di conseguenza, dovunque il cristianesimo è andato, è stato sparso tanto sangue. Il cristianesimo ha invaso, saccheggiato, creato dei dittatori, trascinando in questo il nome di Dio. Il mondo non deve essere così. Dal punto di vista della natura originale di Dio, non è così che devono andare le cose. (249-145, 8.10.1993)

3.3. Perché il matrimonio è importante

3.3.1. Lo scopo del matrimonio è assomigliare a Dio

Questi sono i principi fondamentali dell’universo: la perfezione di Dio significa che Adamo ed Eva mettono insieme le loro caratteristiche duali e si uniscono verticalmente a Lui. Quindi sono gli esseri umani che libereranno Dio e Lo renderanno perfetto. Inoltre, è Dio che renderà perfetti gli uomini e li libererà. Non possono separarsi; devono vivere insieme così. (277-25, 17.3.1996)

Poiché Adamo ed Eva sono venuti dalle caratteristiche duali di Dio, si può dire che sono emersi dallo stesso fagotto. In altre parole, sono come un fratello e una sorella gemelli nati dallo stesso grembo materno. Il fratello e la sorella succhiano seni diversi toccandosi e pensando insieme, centrati sull’amore. Si amano l’un l’altro, abbracciati nel petto della loro madre. (238-248, 22.11.1992)

Poiché la natura originale di Dio è costituita dalle caratteristiche duali, non pensate che sarà naturale vedere due parti quando ha luogo la separazione? L’uomo è il dio della natura interiore e la donna è il dio della forma esteriore. Solo quando i due si uniscono, ossia i due esseri separati si uniscono insieme, si può formare un asse centrato sull’amore. Questo asse non può essere toccato da nessuno. Da questo possiamo concludere che persino Dio deve obbedire assolutamente a quest’asse dell’amore. Tutto ciò è logico. (206-296, 14.10.1990)

Dov’è il criterio dell’unità? È sulla linea perpendicolare. Se non ci fosse stata la caduta, dove si incontrerebbero Dio e l’umanità? Le persone si sposano per incontrare Dio, per innestarsi nel Suo amore. Allo stesso modo di Dio, dobbiamo cercare il partner oggetto ideale del nostro amore perché nasciamo per l’amore, ed è attraverso l’amore che ci uniamo all’universo. Questo non si può fare da soli, perché noi siamo le forme divise delle caratteristiche duali di Dio. (203-247, 26.6.1990)

Perché ci sposiamo? Ci sposiamo per assomigliare a Dio. Dio ha caratteristiche duali ed è un essere unificato in cui le due caratteristiche sono in armonia. L’uomo e la donna sono stati creati per assomigliare ad ognuna delle Sue caratteristiche duali. Così l’uomo e la donna devono unirsi in completa unità e armonia, diventare come il seme e ritornare alla posizione del carattere originale di Dio. Per collegarci a quel seme è necessario seguire la via dell’amore e per questo dobbiamo nascere dall’amore. Dobbiamo essere educati avendo come meta l’amore, vivere centrati sull’amore e percorrere la strada che ci riporterà all’amore di Dio in cielo. Dovete capire che se non seguite la strada diretta verso quello scopo mentre vivete sulla terra, andrete a finire nella direzione sbagliata. Se mantenete la mente focalizzata a vivere amando gli altri, sarete sulla strada giusta, non importa dove andiate, come se cercaste di trovare la strada per il Polo Nord o per il Polo Sud. (138-97, 19.1.1986)

Vi sposate non solo per voi stessi, ma anche per il vostro coniuge. Questo significa che il matrimonio è più per il vostro sposo che per voi stessi? Dal momento che tutte le cose in cielo e sulla terra sono basate sul principio di soggetto e oggetto, anche il fatto che l’uomo e la donna si sposino è una legge del cielo e della terra.

Se l’uomo rappresenta la destra, la donna rappresenta la sinistra, in modo da poter formare un rapporto orizzontale nell’universo. Se l’uomo è il soggetto, la donna diventa il suo oggetto; questo forma un rapporto verticale fra sopra e sotto con Dio. Perciò il matrimonio non è solo per il bene dell’uomo o della donna. È per adeguarsi alla legge del cielo. La ragione per cui l’uomo e la donna hanno una forma diversa, è per potersi unire insieme secondo la legge celeste. (La Benedizione – 356)

Perché ci sposiamo? Per amare Dio. Cosa potete realizzare dopo averLo amato? Vi unite al Suo asse. Cosa cerchiamo di realizzare unendoci a Dio? Cosa succede quando ci uniamo a Lui? Perché dobbiamo unirci a Dio? Con l’amore eterno del Dio assoluto come punto centrale, si può realizzare la vita eterna. E questo non è tutto. Dovete sapere che a partire dal punto dove è stabilito il contatto, viene conferito il diritto ad ereditare l’universo. Il mondo creato da Dio con al centro l’amore appartiene a Lui, ma può diventare nostro attraverso il diritto all’eredità. (136-39, 20.12.1985)

Perché ci sposiamo? Non è perché Adamo ed Eva scoprano il loro amore. È per formare un cerchio centrato sul nucleo che è l’amore verticale di Dio. Questo è l’ideale. Anche l’ideale di creazione di Dio si realizza attorno a quell’amore e solo attraverso l’unione di un uomo e di una donna maturi l’amore si può realizzare e può collegarsi alla vita. Il collegamento non può essere fatto attraverso la vita, ma attraverso l’amore. Sulla base dell’amore paterno verticale e dell’amore coniugale orizzontale, il seme dell’amore originale può essere trasmesso per la prima volta. (173-288, 21.2.1988)

Il matrimonio è dove si realizza l’ideale della creazione. La perfezione dei figli di Dio, dei fratelli e dell’uomo e della donna ideali avviene nel matrimonio. L’unità sostanziale delle caratteristiche duali, la natura interiore e la forma esteriore come esistevano prima di manifestarsi nella forma di Adamo ed Eva, si realizza qui. (252-118, 14.11.1993)

Le caratteristiche duali di Dio che sono incorporee si sono manifestate separatamente nella forma di Adamo ed Eva. Attraverso il matrimonio i due si possono di nuovo unire insieme verticalmente. Nel momento in cui si uniscono in matrimonio, le metà incomplete si completano, raggiungono la perfezione e abbracciano l’una il mondo dell’altra. Soltanto il potere dell’amore può realizzare questo. E non solo, attraverso il matrimonio si impadroniscono di Dio e del loro sposo. Ecco che cos’è esattamente il matrimonio. Non si può fare a casaccio. (255-260, 11.3.1994)

Che cos’è il matrimonio? Attraverso il matrimonio l’uomo occupa il mondo della donna che prima ignorava. Anche la donna occupa il mondo dell’uomo. Prima del matrimonio l’uomo è un mistero per la donna, così come la donna lo è per l’uomo. Sono nella stessa situazione. Occupando reciprocamente i loro mondi misteriosi, possedendo perciò entrambi i mondi, l’uomo e la donna possono unirsi di fronte a Dio, il Soggetto delle caratteristiche duali, e così diventare una sola cosa con Lui. (261-218, 19.6.1994)

L’uomo nasce per la donna e viceversa. Il matrimonio porta due metà alla perfezione. Fa sì che la metà rappresentata dall’uomo e la metà rappresentata dalla donna si uniscano di nuovo, e poi occupino Dio. L’uomo e la donna sono divisi come caratteristiche duali e poi si uniscono di nuovo nell’amore. Ciò che proviene dall’origine si ricongiunge dopo essere stato separato. (270-167, 29.5.1995)

Si può dire che il matrimonio di Adamo ed Eva è anche il matrimonio di Dio. Dio, che è l’origine dell’amore, della vita, del lignaggio e della coscienza, deve sperimentare l’amore per primo. Dio, e poi il marito, devono essere accolti nel luogo del matrimonio. Le caratteristiche duali di Dio devono entrare rispettivamente nella mente di Adamo ed Eva. In altre parole, l’origine divide le due cose ed entra in loro separatamente. Ecco come avviene l’azione di origine-divisione-unione. Il più e il meno sono completamente uniti in questo modo. (273-84, 2.10.1995)

Perché ci sposiamo? Ci sposiamo per assomigliare a Dio. Dio ha caratteristiche duali ed è un essere unificato in cui le due caratteristiche sono in armonia. L’uomo e la donna sono stati creati per assomigliare ad ognuna delle Sue caratteristiche. Così, l’uomo e la donna devono raggiungere la completa unità e armonia e diventare come un seme ritornando alla posizione del carattere originale di Dio. Il matrimonio significa raggiungere la posizione in cui la coppia si può unire a Dio. (290-53, 2.2.1998)

Che cos’è il matrimonio? Attraverso il matrimonio, la donna che è solo realizzata a metà, si completa realizzando l’amore con un uomo. Per l’uomo è la stessa cosa, in quanto raggiunge la perfezione attraverso il matrimonio unendosi ad una donna nell’amore. Così gli organi sessuali maschili e femminili sono assolutamente necessari. L’organo sessuale maschile è stato fatto per la donna e l’organo sessuale femminile è stato fatto per l’uomo. Gli organi sessuali non sono stati fatti per loro stessi. (265-101, 20.11.1994)

L’amore della prima notte di nozze è stupendo. Ecco com’è il primo amore. È il momento in cui la donna offre il suo corpo, che ha custodito per tutta la sua vita, al suo uomo. Per l’uomo è la stessa cosa. Quella notte l’uomo offre il suo corpo casto al cento per cento alla sua donna. La vita che hanno condotto prima del matrimonio è stata tutta una preparazione per quella notte. (250-97, 12.10.1993)

Quando un uomo e una donna si incontrano e tra loro sboccia l’amore, pensate che debbano assolutamente unirsi o rimanere separati? Come si realizza l’unità assoluta? Attraverso un uomo e una donna che si baciano? Attraverso quale parte si uniscono? Il matrimonio è inteso per portare a compimento l’ideale degli organi sessuali. Il matrimonio serve per soddisfare questo ideale. È giusto o sbagliato? Può sembrare una conclusione volgare, ma non lo è affatto. Sembra volgare perché è espressa nelle parole di persone volgari in un mondo profano, ma nel mondo originale di Dio è santa. Dov’è il luogo santissimo che Dio desidera? È il luogo dove l’amore può dimorare per sempre. (279-71, 24.7.1996)

Una donna che è alla ricerca del suo uomo deve pensare: «Sto cercando qualcuno che è più prezioso di Dio. Sto per incontrarti con la cosa più preziosa. L’ho custodita e preservata con grande cura per tutta la mia vita. Ti amo». Quando le donne provano un ardente desiderio per i loro uomini in questo modo, la loro parte sessuale freme. (206-141, 3.10.1990)

L’amore filiale raggiunge la perfezione nel momento in cui un uomo e una donna sposati fanno l’amore, ossia hanno un rapporto sessuale per la prima volta. Qui si realizza la perfezione del cuore fraterno e del cuore coniugale. Quel momento è anche il punto di inizio per la perfezione del cuore dei futuri genitori. Così, la parte sessuale della donna è il palazzo originale dell’amore, l’origine dell’amore. L’amore inizia da lì; non comincia a mezz’aria. (257-100, 13.3.1994)

Cosa rende perfetti l’uomo e la donna? La vita coniugale, dove la parte concava e la parte convessa dell’uomo e della donna si uniscono, con al centro l’amore. Dovete sapere che è attraverso l’amore che si uniscono. Dal punto di vista strutturale, in tutto il corpo umano non c’è nulla come gli organi sessuali. Sono stati creati per essere il nucleo della totalità del corpo. Nel processo della creazione, è lì che Dio ha investito il Suo sforzo più grande. (263-261, 15.10.1994)

La perfezione reciproca si raggiunge attraverso il matrimonio e con l’unione dell’uomo e della donna, che sono due metà, tramite i loro organi sessuali. L’uomo diventa perfetto attraverso l’amore della donna. Lui rende perfetta lei, e lei rende perfetto lui. Questa perfezione e unione della vera vita, si realizza attorno al vero amore. L’uomo e la donna si uniscono nel vero amore.

Questo avviene nel luogo dove le due parti si uniscono mettendo in moto la vita, con l’amore al centro. È lì che il sangue dell’uomo e della donna si mescolano insieme in un solo crogiolo. I figli e le figlie nascono da lì. Dovete sapere che quel posto è più prezioso dei vostri figli, di vostro marito e persino di Dio. (280-199, 1.1.1997)

Un uomo e una donna che si abbracciano nell’amore è come tutto l’universo che si unisce. Ecco come appare la creazione quando realizza l’ideale di Dio, secondo l’intenzione originale. (22-201, 4.2.1969)

Tra tutte le benedizioni, la più preziosa è l’amore di Dio; la seconda benedizione preziosa è ereditare il potere creativo di Dio. Proprio come Dio creò Adamo ed Eva, noi abbiamo ricevuto il potere di creare mettendo al mondo i nostri figli. Perché li amiamo? Perché attraverso di loro ereditiamo orizzontalmente le grandi realizzazioni di Dio, ossia la capacità di creare in questo mondo fisico. Di conseguenza attraverso i nostri figli proviamo la stessa gioia che Dio provò quando creò Adamo ed Eva.

Poi Dio ci ha trasmesso il diritto al dominio, grazie al quale possiamo regnare sulla creazione proprio come Dio domina su di essa. Quindi dobbiamo capire che nel momento in cui ci sposiamo ereditiamo l’amore di Dio, il potere di ricreare e il diritto al dominio nel regno della perfezione. Perciò il matrimonio non si riferisce solo alla realizzazione dell’amore, ma anche al conferimento dell’autorità di creare e di avere il dominio. (76-45, 26.1.1975)

La libertà sessuale che imperversa in questo mondo è la trappola tesa da Satana per far cadere le persone e impedire loro di avvicinarsi a Dio. Una volta prese in questa trappola, moriranno e saranno controllate da Satana o diventeranno la sua preda. Nella società occidentale contemporanea, negli Stati Uniti in particolare, a causa del dilagare del sesso libero, diventa sempre più difficile formare delle famiglie ideali, e il numero di persone che non riescono a formare una famiglia cresce di giorno in giorno. Così, in un futuro non lontano, la maggioranza delle persone sarà senza famiglia.

Quando questo succederà, gli Stati Uniti diventeranno una società senza amore. Io posso predire con sicurezza che alla fine l’America diventerà una società infernale, dominata dall’ansietà e dalla paura provocate dalla diffidenza. In questo tempo a voi negli Stati Uniti è stata data la responsabilità e la missione di sradicare queste correnti sociali e stabilire invece una società ricolma d’amore, la società che rappresenta la speranza di Dio. (La Benedizione – 361)

Nella Chiesa dell’Unificazione la nostra visione del matrimonio è diversa. Per noi lo scopo del matrimonio è ritornare all’Origine. (182-186, 23.10.1988)

3.3.2. L’amore coniugale è assoluto

Se un marito e una moglie si amano talmente tanto che il loro amore è sul punto di esplodere sulla base del loro cuore che ama Dio e l’umanità, Dio e l’universo potranno esultare di gioia attraverso quella famiglia. L’amore che condividono non può essere nient’altro che l’amore per Dio e l’umanità.

L’origine dell’amore non si può trovare dentro noi stessi. La sua fonte è l’amore di Dio e dell’umanità. (35-239, 19.10.1970)

Dopo il matrimonio, non c’è più nulla di orizzontale perché quando un essere più alto si collega ad un essere più baso, emerge il concetto della perpendicolarità. Una base orizzontale può controllare l’universo, ma non il cielo e la terra. Solo quando il verticale incontra l’orizzontale in senso perpendicolare, tutti i lati possono combaciare, il cielo con la terra, la terra con il cielo, il davanti col dietro e il dietro col davanti, la sinistra con la destra, il sopra col sotto e il prima col dopo. Il modello di perfezione sulla terra porta alla perfezione totale del mondo spirituale. (230-259, 8.5.1992)

Una volta sposati, il luogo dove marito e moglie condividono il vero amore è l’origine dell’amore, della vita e del lignaggio di Dio e dell’umanità. Questo palazzo è il punto d’inizio dell’ideale di Dio, il Suo regno sulla terra e in cielo. I figli nati da questo vero amore realizzano l’unità coniugale focalizzandosi sul vero amore, formano una famiglia che serve Dio e diventano il punto d’inizio della pace e dell’ideale. L’uomo e la donna, che sono solo una metà, si uniscono e completano l’amore ideale di Dio come Suoi partner oggetto. (259-45, 27.3.1994)

Quando un uomo e una donna ricevono la Benedizione e sentono la gioia di dare e ricevere un amore perfetto, agli occhi di Dio sono come un fiore che sboccia sulla terra. Inoltre, ogni cosa che succede attraverso il loro amore per Lui è come il profumo dei fiori. Allora verrà a dimorare in quella famiglia, perché desidera vivere in mezzo a quella fragrante bellezza. La base dove l’amore di Dio può scendere è dove si realizza l’amore coniugale. Questo diventerà anche il luogo dove tutte le cose e l’universo si possono unire in armonia. (La Benedizione – 887)

Chi è il proprietario degli organi sessuali maschili e femminili? È il Dio verticale. Dov’è che si uniscono l’amore ideale di Dio e l’amore degli esseri umani? Negli organi sessuali. Noi ci sposiamo per incontrare Dio. Queste sono parole straordinarie. Dio non risiede da qualche altra parte. Quando avremo raggiunto quella posizione, scopriremo che Dio abita lì. Dov’è che l’insegnamento dei tre grandi soggetti si incontra e mette radice? Nell’amore. L’amore di Dio e l’amore degli esseri umani si uniscono attraverso gli organi sessuali. Per noi il matrimonio è innestarsi nell’amore verticale di Dio.

Lo scoppio dei tuoni e dei fulmini causato dall’elettricità positiva e negativa in un giorno nuvoloso simboleggia il matrimonio dell’universo. In quel momento si può sentire un grande frastuono, non è vero? I colombi non sono rumorosi quando fanno l’amore? E voi gridate quando fate l’amore? Sono sicuro che avete difficoltà a soffocare il grido che minaccia di uscirvi dalla bocca per paura che vostro padre e vostra madre vi sentano. Siate spontanei. Non c’è nessun bisogno di nascondere queste cose. Non è più un peccato gridare al punto che i vetri della finestra di colpo vanno in frantumi. Proprio come un lampo sfolgora col fragore di un tuono, così anche voi dovete prendere fuoco. Nel matrimonio dovete raggiungere quello stato, vivendo al servizio di una donna o un di uomo santo, e di Dio. I monaci buddisti non arriveranno mai a conoscere quel mondo d’amore, non importa quanto pratichino l’ascetismo. (203-255, 26.6.1990)

Pensate che Dio non vi veda quando fate l’amore? È tutto alla luce del sole. È aperto, in modo che l’universo lo possa vedere. È un grosso sbaglio non essere consapevoli di questo fatto. I vostri antenati osservano dal mondo spirituale; possono vedere come se succedesse proprio sotto i loro occhi, come se si svolgesse sul palmo delle loro mani. Perciò è assolutamente sbagliato pensare che fare l’amore sia imbarazzante. (250-244, 15.10.1993)

L’amore è eterno. Non ci possono essere due amori eterni, ma soltanto uno. Quando l’uomo e la donna si uniscono insieme attraverso l’amore, devono vivere felici insieme mentre sono sulla terra finché non sono separati dalla morte. Anche dopo la morte devono vivere insieme per l’eternità. Pur essendo due corpi, raggiungono l’unità ricongiungendosi. Quando i due corpi si uniscono, devono ruotare attorno a Dio, stabilendo in questo modo la base d’amore delle quattro posizioni, ossia il mondo ideale. L’amore falso non può invadere quel mondo; solo il vero amore dimorerà lì. (La Benedizione – 344)

Che genere di coppia sono un marito e una moglie ideali? Sono il marito e la moglie che possono manifestare in modo concreto l’arte suprema e la migliore letteratura. Prima di poter entrare in contatto con l’ideale più alto e il mondo della cultura, l’amore dolcissimo e stupendo condiviso da marito e moglie deve diventare la opera d’arte più bella del mondo. La loro vita coniugale deve diventare la migliore opera letteraria, la personificazione stessa della letteratura. (22-269, 4.5.1969)

Nella famiglia si deve manifestare l’arte. I mariti devono diventare interessanti e artistici. Se trovate un bell’articolo su una rivista, prendetelo e leggetelo a voce alta, con una voce meravigliosa a vostra moglie mentre sta per addormentarsi. Se immaginate in un sogno che vostra moglie sia colta dall’emozione mentre è sul punto di addormentarsi, quel sogno si avvererà. Sarete collegati al mondo spirituale. Com’è splendido! Vi piacerebbe vivere così, oppure preferireste vivere come una coppia senza finezza? Se volete vivere con stile, adottate innanzitutto un atteggiamento e una direzione raffinati. Questa è la prima condizione. (271-282, 28.8.1995)

Dando alla luce un bambino occupate la zona più alta del mondo di Dio. Salendo alla posizione di Dio e amando i nostri figli, possiamo sperimentare il cuore più profondo di Dio e quanto Dio ha amato gli esseri umani dopo averli creati. (224-28, 21.11.1991)

Mettendo al mondo dei figli e prendendo la posizione di genitori, una coppia può sperimentare la gioia che Dio provò nel creare gli esseri umani. Attraverso l’esperienza di avere dei figli e delle figlie, siamo introdotti nel mondo in cui possiamo ereditare tutti i poteri di Dio, che è il grande soggetto del cielo e della terra. La responsabilità della madre e del padre è generare dei figli e delle figlie, educarli bene e sposarli. Dio doveva educare Adamo ed Eva e sposarli, ma non poté farlo. Anche Adamo ed Eva non poterono sposare i figli e le figlie che avevano messo al mondo. Questo amaro dolore deve essere risolto. Questi diventano i principi dell’educazione. (223-196, 10.11.1991)

Una coppia può perpetuare la sua discendenza unendosi e avendo dei figli e delle figlie. Essendo elevata alla posizione di creatori e mettendo al mondo dei figli, la coppia può sperimentare la gioia provata da Dio nel creare questo mondo orizzontale. Così la moglie deve essere trattata allo stesso modo dei figli, perché la sua posizione riunisce quella dei figli e delle figlie e dei fratelli e delle sorelle. Perciò il marito e la moglie non si possono separare. L’amore non va soddisfatto alla leggera. Per avere dei figli e delle figlie, è necessario che la coppia realizzi il criterio che Dio desiderava in origine come ideale della creazione rispettando tutte queste tradizioni. In questo modo la famiglia diventa la base per il Regno dei Cieli. (223-24, 7.11.1991)

Il movimento circolare si manifesta in tutti i generi di forme e di figure una volta che vi unite con Dio al centro. Ecco perché i fratelli più grandi devono amare i fratelli più piccoli, seguendo l’esempio dei genitori che li amano. L’amore nella famiglia fiorisce quando la famiglia è unita in questo modo. Poi l’amore di quella famiglia diventa l’amore per la società, e l’amore per la nazione. In questo modo diventa l’amore per il mondo intero. Oggi, tuttavia, queste cose sono oscurate alla vista degli uomini. (28-168, 11.1.1970)

Poiché Dio è la sostanza originale del vero amore, quando tutti si collegano al vero amore, diventano parte di un solo corpo. I genitori sono un dio vivente che rappresenta Dio sulla terra, il marito e la moglie sono un dio uno per l’altra e i figli e le figlie sono come un piccolo dio. La struttura familiare composta da tre generazioni col vero amore come punto centrale è la base del Regno dei Cieli. Senza realizzare questo tipo di famiglia, il regno non si può stabilire. La famiglia è il centro dell’universo. La perfezione della famiglia è la base per la perfezione dell’universo e quindi se c’è amore nella famiglia e amore per l’universo, potete andare liberamente dappertutto. Allora l’amore di Dio sarà nella posizione centrale dell’amore come il Genitore dell’intero universo. (298-306, 17.1.1999)

La castità delle donne e la fedeltà degli uomini devono essere come delle insegne o dei monumenti di pace, scolpiti nella roccia. Se è così, gli uomini e le donne avranno assoluta fiducia gli uni negli altri. Questo standard deve essere applicato in modo eguale a tutti e due; ci deve essere un criterio eguale per l’eternità. Se questo sarà fatto, ci sarà la felicità. Il tesoro di tutti i tesori è la donna; lei era solo una metà, ma quando si appropria del marito, il cielo e la terra si congiungono. Per Dio, che è sopra di noi, nascono dei figli e delle figlie, che sono sotto di Lui. In breve, si forma una relazione di sopra e sotto.

Poi, sulla base del rapporto coniugale, avviene un’espansione in tutte le direzioni. Alla fine, la famiglia può stabilirsi con le relazioni di davanti e dietro tra fratelli e sorelle. Abbiamo bisogno di avere dei fratelli e delle sorelle. Questa organizzazione di rapporti tra sopra e sotto, sinistra e destra, davanti e dietro deve mettere fermamente radice. Di conseguenza l’unico partner che l’uomo ha è sua moglie. Anche se abbandonasse tutti i suoi beni, l’unica cosa che non può cambiare è sua moglie. Lei è il suo unico tesoro. (1.9.2000)

Sezione 4. Gli organi sessuali sono il mistero più grande e affascinante

4.1. Gli organi sessuali sono stati creati con la più grande cura

Perché l’universo è basato sul sistema della coppia? È successo in modo naturale? Possiamo parlare dell’odierna teoria dell’evoluzione, ma qual è la verità meglio conosciuta che è venuta prima della teoria dell’evoluzione? Gli uomini e le donne hanno l’apparato genitale, gli organi sessuali. Questi organi si sono evoluti? Se così fosse, sarebbe cambiato anche il modo di fare l’amore. Le persone del presente avrebbero un modo di fare l’amore più evoluto di quelle del passato. Persino nel regno degli insetti, oggi l’accoppiamento sarebbe diverso da come era in passato. Anche gli uccelli si accoppierebbero in modo diverso. Bisognerebbe tenere delle discussioni sulla base di questi fattori. Gli organi sessuali, che sono la fonte della vita, sono fatti per svilupparsi attraverso l’evoluzione? Le nostre ciglia sono cresciute da sole e i nostri occhi versano lacrime solo perché hanno voglia di farlo? Non dite simili sciocchezze.

Ci deve essere un proprietario – l’idea – che è l’origine di questo universo. Come sono misteriosi i nostri corpi! Hanno cominciato ad esistere così per caso? Quanto sono misteriosi gli organi sessuali? È possibile che questi organi, così incredibilmente misteriosi, siano stati fatti per caso? Nessuna cosa collegata alla vita è semplice. (191-53, 24.6.1989)

Le cose del mondo materiale aspirano a diventare le cellule degli organi sessuali maschili e femminili perché sono la destinazione finale della speranza. Diventando una di queste cellule, acquistano un valore inestimabile, perché è lì che possono entrare in contatto con l’amore di Dio. Quindi tutti i nuclei essenziali e le cellule dell’universo si concentrano sull’azione degli organi sessuali maschili e femminili. Il potere scorre attraverso l’amore ed emana da loro; questo può addirittura muovere l’universo. Ecco perché uno desidera sacrificarsi per il bene del suo amato. (287-303, 6.10.1997)

Tutte le sensazioni fisiologiche si concentrano sugli organi sessuali. Dio ha esercitato la massima cura nel crearli. Per questo diventano gli organi che collegano la storia e creano di nuovo la vita. Senza sapere nulla, avete un rapporto sessuale e generate dei figli e delle figlie, ma questo non è il modo in cui dovrebbe essere. Dio, che ha creato gli organi sessuali, voleva che ogni elemento fosse collegato a loro. Quindi, quando sono attivi, tutti gli elementi fondamentali della vita si collegano a loro, ed esplodono come una centrale elettrica. Questo si chiama amore. (255-306, 11.3.1994)

Siete sposate? Avete un marito? Quando gli animali sono in calore e sentono il desiderio di accoppiarsi, vanno in cerca dei loro compagni guidati dall’odore, non dalla vista. In modo simile, voi avete bisogno di iniziare una grande rivoluzione fisiologica, ma a causa della caduta, non avete ancora raggiunto il criterio di usare tutti i vostri sensi. In che modo gli animali fanno l’amore? Oggi avete visto il film, non è vero? Nel fiume Dong, situato nella Provincia di Gangwon, potete trovare l’hemibarbus mylodon, un tipo di pesce che non ha organi sessuali. C’è una linea che attraversa il corpo di questi pesci e costituisce il loro organo sessuale. Quando le femmine, essendo in calore, emanano il loro odore, i maschi sfregano il loro corpo su quella linea ed ecco che scoppia una scintilla. Allora i maschi secernono il liquido seminale. È davvero straordinario. Come possono deporre le uova nell’acqua? Ecco in che modo fanno l’amore. (301-195, 26.4.1999)

Secondo la teoria dell’evoluzione, chi ha fatto la distinzione fra il genere maschile e femminile? È stata l’ameba? Darwin, quel mascalzone, dovrei acchiapparlo per il collo. Sapete quanto è più misteriosa e complicata la struttura degli organi sessuali maschili e femminili di quella del vostro scheletro? Come risponderesti a questa domanda, Dott. Yoon? È esatto dire che la struttura degli organi sessuali è più complicata della struttura del nostro scheletro? Sì, la struttura degli organi sessuali è più complessa. (197-22, 7.1.1990)

4.2. I proprietari degli organi sessuali sono stati invertiti

Il tesoro dell’uomo non è posseduto da lui, è posseduto dalla donna, e il tesoro di quella donna appartiene a lui; la proprietà è stata invertita. La donna non possiede i suoi organi sessuali. Deve sapere che appartengono al suo uomo, non a lei. La stessa cosa vale per l’uomo. Perciò non possiamo fare quello che vogliamo con i nostri organi sessuali. Le donne americane pensano che i loro organi appartengano a loro e di conseguenza agiscono liberamente e fanno tutto ciò che vogliono. È la stessa cosa anche per gli uomini. Ma voi siete solo i custodi dei vostri organi sessuali. In altre parole, i custodi si comportano come se fossero i proprietari.

Chiedo alle donne: Quando avete incontrato il proprietario del vostro organo sessuale? Il proprietario è vostro marito. E voi uomini: il vostro organo sessuale appartiene a voi? Allora che cos’è il matrimonio? Attraverso il matrimonio gli uomini e le donne devono trovare i proprietari dei loro organi sessuali. L’amore sono le cariche elettriche negative e positive che si cercano e si incontrano per produrre i fulmini. L’amore è simile a questo. Una donna si sposa non per il volto dell’uomo ma per questo. L’uomo si sposa non per la mano della donna ma per questo. Se l’uomo e la donna sono fatti per sposarsi, come possono esserci gli omosessuali e le lesbiche? Cesseranno di esistere. In meno di un secolo, in una generazione, si estingueranno. Alla luce di questo, dovete sposarvi oppure no? Perché sposarsi? Perché le cose stanno così; avete bisogno di sposarvi. Dovete assolutamente sposarvi. (162-50, 22.3.1987)

Gli organi sessuali delle donne non solo per loro stesse, ma per i loro mariti. Finora hanno pensato che appartenessero a loro, ma non è così. Non ne hanno bisogno. Sono gli uomini che ne hanno bisogno. Le donne si devono rendere conto che quello che hanno appartiene agli uomini. Appartiene agli uomini, ai loro mariti. Nonostante ciò, le donne sono possessive nei confronti degli uomini e con perfidia portano ogni cosa di questo mondo alla rovina. Senza gli uomini, a cosa servirebbero? Vi chiedo: «A cosa potrebbero servire?» Questa è una domanda seria. Questo in passato non è mai stato capito. (275-132, 4.12.1995)

Il proprietario dell’amore dell’uomo è la donna. Appartiene a lei. Il proprietario dell’amore della donna è l’uomo. Appartiene a lui. Tutti gli uomini lo sanno. A chi appartengono quelle cose che penzolano dai corpi degli uomini? Questo in passato non era stato capito. Pensare che il vostro organo sessuale appartiene a voi è un peccato. È un peccato grave per le donne pensare che i loro organi sessuali siano di loro proprietà. (141-172, 21.2.1986)

I veri uomini non devono cambiare. Le vere donne non cambiano. Dove si possono trovare questi uomini e queste donne che sono assolutamente immutabili nel vero amore? Se queste persone esistessero, tutto l’universo si inchinerebbe davanti a loro. Ecco come dovrebbe essere. Dio, essendo il Re della saggezza, lascia che le donne custodiscano il tesoro degli uomini e che gli uomini custodiscano il tesoro delle donne. Questo è il caso degli organi sessuali. (142-335, 14.3.1986)

A quale scopo nascono gli esseri umani? Per cercare la strada dell’amore. Così gli organi sessuali che hanno gli uomini e le donne non appartengono a loro. L’organo che penzola dal corpo dell’uomo non appartiene a lui, anche se l’ha considerato come una sua proprietà. La donna non è la proprietaria dei suoi organi sessuali, il proprietario è l’uomo. Il proprietario dell’organo sessuale del corpo dell’uomo è la donna. Dovete capire questo fatto straordinario che, in questo modo, gli organi dell’amore e i loro proprietari sono stati invertiti. (143-66, 15.3.1986)

La donna e l’uomo sono diversi sotto un certo aspetto. Quale? Non si tratta dei loro organi sessuali? L’organo sessuale della donna appartiene a lei? Appartiene a lei dopo che si è sposata? È di suo marito. Inoltre, che cos’è quella cosa che penzola dal corpo del marito? Di chi è? È della donna per l’eternità. Il diritto di proprietà dell’amore assoluto è determinato sulla base del vero amore. Se un uomo ha un’avventura d’amore nel mondo satanico, c’è un solo modo per poter essere perdonato; questo può succedere quando ha preso un coltello per tagliarsi quell’organo, ma poi non l’ha fatto solo perché sua moglie gli ha trattenuto la mano impedendogli di farlo. (180-334, 5.10.1988)

Un uomo e una donna possono unirsi baciandosi o abbracciandosi? La completa unità avviene solo nella vita coniugale, che porta l’uomo e la donna ad unirsi, scambiandosi la proprietà dei loro organi sessuali. (190-130, 18.6.1989)

L’uomo esiste per il suo partner oggetto, la donna. Poiché Dio è il re della saggezza, per impedire che lottassero e si separassero, ha collocato la parte più preziosa di ognuno di loro nel corpo dell’altro, ossia ha invertito i proprietari. Queste parti preziose sono gli organi sessuali maschili e femminili. Sono il Luogo Santissimo. Il luogo edificato per custodire l’Arca dell’Alleanza, non era forse chiamato il Luogo Santissimo? Chiunque lo toccava era colpito da un fulmine e la distruzione si abbatteva sulla sua generazione e su un’infinità di generazioni successive. L’unico proprietario, il sommo sacerdote, è il marito. (190-134, 18.6.1989)

Nel processo della creazione, Dio non ha fatto l’uomo e la donna a casaccio. Li ha creati sulla base degli organi sessuali. Perché? Perché Dio è l’antenato dell’amore, l’origine della vita e l’origine del lignaggio. L’uomo trasmette l’amore ideale lì. L’organo sessuale della donna appartiene al suo uomo, e l’organo dell’uomo appartiene a lei. Non sono i proprietari dei loro organi. Quindi non sono loro quelli che li possono aprire. La donna non può aprire i suoi, e l’uomo non può aprire i suoi. Solo lei può aprire quelli di lui, e lui quelli di lei. È in quel luogo che il centro dell’amore può portare i suoi frutti. (193-301, 8.10.1989)

L’uomo è nato per la donna e la donna per l’uomo. Così gli organi sessuali dell’uomo e della donna non appartengono a loro. Dio, essendo molto saggio, ha invertito i proprietari. Gli uomini che hanno delle avventure amorose non sono dei veri e propri mascalzoni? Sono i più vili tra i vili e meritano di essere colpiti da un fulmine! Un comportamento del genere non potrà mai essere perdonato nella Chiesa dell’Unificazione. (198-122, 25.1.1990)

Chi è il proprietario dell’organo concavo femminile? È la donna o l’uomo che ne ha bisogno? Ne ha assolutamente bisogno l’uomo o la donna? L’uomo. Inoltre, l’organo di lui è assolutamente necessario a lei. Chi ha le chiavi per aprirlo? L’uomo ha quelle della donna, e la donna quelle dell’uomo. Così c’è solo una persona che lo può aprire. Poiché il vero amore è uno solo, solo i veri uomini e le vere donne possono averne il dominio. (210-108, 1.12.1990)

Chi è il proprietario dell’organo femminile? L’uomo. L’organo maschile è necessario alla donna e l’organo femminile è necessario all’uomo. Sono stati creati per corrispondersi in questo modo; i proprietari sono stati scambiati. (227-59, 10.2.1992)

L’amore ha bisogno di essere assoluto. Assoluto significa che ce n’è uno solo, non due. Una cosa che è assoluta è solo una per l’eternità. Perciò soltanto uomo e una donna possono essere partner d’amore. Ecco perché Dio ha creato un Adamo e una Eva. Come è possibile negarlo? Nessuno potrebbe cambiare questa realtà. (254-273, 15.2.1994)

Per chi sono venuti ad esistere i seni della donna? Per lei stessa? Per i suoi figli e le sue figlie, non per lei stessa. Per chi ha i fianchi larghi? Ancora una volta per i suoi figli e le sue figlie. I proprietari dei suoi seni sono i suoi figli. E che dire degli organi sessuali? Sono per il suo sposo. Perché? Tutto sulla terra esiste per il bene degli altri. Chi è il proprietario dell’organo femminile? Il marito. Chi è il proprietario? È il marito, non la donna stessa. Allora chi è il proprietario dell’organo dell’uomo? La donna. Dio è davvero straordinario. Ha scambiato i proprietari per impedire a entrambi di scappare. (201-196, 1.4.1990)

Il volto della donna non è per lei stessa. È il volto che può dar gioia al marito. La donna non ha nulla di suo. I suoi organi sessuali, collocati al centro della sua parte bassa, non appartengono a lei. Appartengono al marito. Nemmeno una parte del suo corpo è stata creata per lei. Tutto è per suo marito e per i suoi figli. Questa è la strada percorsa dalla donna: lei è quella che può abbracciare questi due mondi. Deve prenderli per mano. La persona che può diventare il vaso dell’amore che abbraccerà per la prima volta il mondo verticale e orizzontale sulla terra è la donna. (263-180, 23.8.1994)

Riguardo il corpo della donna, il seno e i fianchi sono stati creati per i suoi bambini, e il suo volto e la parte che tiene coperta sono per suo marito. Questo vale per tutte le parti del suo corpo, in alto e in basso, a sinistra e a destra. Non c’è una sola parte per lei stessa. Allora chi è il proprietario? Il proprietario di cosa? Mi riferisco all’organo femminile. Non appartiene alla donna, appartiene all’uomo. Lei non può fare tutto ciò che vuole con una cosa che appartiene a lui. Se questo fosse stato capito, il mondo non sarebbe diventato così caotico com’è. Come potrebbero esistere la libertà sessuale o l’omosessualità? Non è un furto usare la proprietà di qualcun altro come uno vuole? I ladri finiranno all’inferno appesi a testa in giù. (290-158, 18.2.1998)

Oggi sono presenti qui i presidenti di più di dieci nazioni. Vorrei chiedervi di cercare di trasmettere in diretta questo messaggio. Chiedete se l’organo sessuale dell’uomo è per lui stesso, o per la donna. Quelli che sostengono che i loro organi sessuali sono di loro proprietà sono dei ladri. Quelli che pensano di possedere quello che hanno sono dei ladri. Non c’è niente da ridere. È una dichiarazione storica. Se ognuno vivesse in base a questo, il mondo di pace sarebbe già davanti ai nostri occhi. Per quanto concerne la volontà di Dio, le cose più importanti sono quelle che riguardano l’amore. Per istruire gli esseri umani sulla Sua volontà riguardo l’amore, Dio ha creato l’organo più prezioso, ossia l’organo sessuale; l’organo maschile appartiene alla donna e quello della donna appartiene all’uomo! Amen! Non pensate che sia vero? Pensate che sia sbagliato? (277-182, 15.4.1996)

Gli organi maschili e femminili sono i poli, più e meno, che possiedono l’amore di Dio. Sono le ricariche di una pila. Senza di loro non potremmo essere ricaricati dall’amore di Dio. Poiché gli esseri umani fanno il pieno d’amore attraverso quell’organo, possono farlo quotidianamente. Gli animali, invece, non possono. Possono farlo solo una volta l’anno. (134-200, 20.7.1985)

Negli Stati Uniti il sistema familiare è tale che i nonni e le nonne non possono andare a trovare il loro nipote quando vogliono. Se vogliono fargli visita, prima lo devono chiamare. Bisogna seguire queste procedure prima di una visita. Pensateci. In un rapporto d’amore, uno deve chiedere al suo sposo o alla sua sposa: «Facciamo l’amore stanotte!» e ottenere il suo permesso? Che sia la moglie o il marito, se uno dei due dice: «Facciamo l’amore!» l’altro deve dire di sì. È un dovere coniugale. Ecco com’è. Non si può rispondere: «Sono stanco! Non ne ho voglia!» Il vostro organo non appartiene a voi. Il proprietario dell’organo femminile è l’uomo, e il proprietario dell’organo maschile è la donna. Chi potrebbe negarlo? (246-53, 23.3.1993)

Voi donne, avete dei seni così grossi per voi stesse? Avete i fianchi larghi per voi stesse? Nessuna parte del vostro corpo vi appartiene. Tutto ciò che le donne hanno non è per loro. È per gli altri, per i figli e i mariti. Nessuno dei loro organi fisiologici, né l’organo sessuale esistono solo per la donna. Allora chi è il proprietario dell’organo sessuale maschile? Appartiene alla donna. È la moglie che tiene la chiave. Se la usasse in modo sbagliato incorrerebbe nella punizione del cielo. Perché Sodoma e Gomorra furono distrutte? Perché gli Stati Uniti stanno andando in rovina? È a causa della droga e dell’immoralità sessuale. (142-150, 8.3.1986)

Non sapete cosa fa di un uomo un uomo e di una donna una donna. La risposta è: gli organi sessuali. Qui c’è qualcuno a cui questi organi non piacciono? E se vi piacciono, fino a che punto? Anche se finora li avete disdegnati, da ora in poi li dovete apprezzare. Come sarà il mondo in futuro? Se è un mondo che apprezza assolutamente gli organi sessuali, sarà un mondo buono o cattivo? Prospererà o perirà? Non è uno scherzo. Quando Dio creò gli esseri umani, in quale parte investì il Suo sforzo creativo più grande? Negli occhi, nel naso, nel cuore o nel cervello? Tutti questi organi alla fine non muoiono? Qual è lo scopo della Federazione delle Famiglie per la Pace del Mondo? Se ci fosse un mondo abitato da persone che trascendono completamente tutti i campi della vita, compresi quello della moralità e della religione, e che come coppie armonizzano i loro organi sessuali così da guadagnarsi le lodi di Dio, che tipo di mondo sarebbe?

Quando gli uomini e le donne nascono, a chi appartengono i loro organi sessuali? Il proprietario dell’organo del marito è la moglie e viceversa. Ignoravate il fatto che i proprietari degli organi sessuali sono stati invertiti. Questa semplice verità è innegabile e non cambierà per tutta la storia a venire. (279-244, 15.9.1996)

Dov’è sulla terra quel luogo che ospita l’amore di Dio? Dovete sapere che sono gli organi sessuali maschili e femminili. Gli organi originali dell’amore, che non hanno nulla a che fare con la caduta, sono il luogo più santo. L’umanità ignora questo fatto sconvolgente, cioè che, a causa della caduta, questo palazzo, questa sorgente che avrebbe dovuto ereditare il preziosissimo lignaggio del principe reale del cielo, ha ereditato invece la linea di sangue di Satana, il nemico di Dio. (134-185, 7.4.1985)

Attraverso gli organi sessuali l’uomo e la donna fanno l’amore. Tuttavia, nella Sua saggezza, Dio ha invertito tra loro questi organi dell’amore, in modo che non potessero separarsi nemmeno se l’avessero voluto. Persino quando sono separati, uno ha bisogno di ritornare dall’altro, non avendo nessun altro posto dove andare, né un luogo dove riposare. Solo portando con noi il nostro partner possiamo armonizzarci ed essere accolti ovunque andiamo in cielo e sulla terra. (148-290, 25.10.1986)

4.3. Il vero amore può digerire persino ciò che è sporco

Sapete tutti in quale parte del corpo Dio ha investito il Suo sforzo creativo più grande? Negli organi sessuali. Il termine organo sessuale non significa una macchina riproduttiva. È la parte più preziosa, ma si trova accanto alla parte più sporca. Ne siete consapevoli? L’uretra si trova nello stesso posto oppure no? È nello stesso posto. Questo vale sia per l’uomo che per la donna. Perché sono stati creati in questo modo? Persino i semi migliori hanno bisogno di essere concimati per mettere radice e crescere bene. Più una cosa ha valore, più ha bisogno di essere concimata continuamente.

Gli esseri umani continuano a crescere. Crescono come se volessero impossessarsi persino di Dio, e per questa ragione ricevono concime per tutta la loro vita. Deve sembrarvi una cosa sporca oppure dovete essere grati? Solo a pensarci è orribile, non è vero? Allora perché si trova proprio accanto al vostro organo sessuale? Ogni mattina quell’organo deve sentire l’odore che proviene da lì, e ogni volta che urinate si bagna. Cosa vuol dire tutto ciò? Questi sono i principi del cielo e della terra. (261-170, 9.6.1994)

Se ci pensate, eravate convinti che i tesori fossero custoditi su nel cielo, ma scoprite che avevate dei tesori in tutto il vostro corpo. Vi rendete conto che il palazzo originale è una parte del vostro corpo. Gli organi dell’amore non sono il palazzo originale che può servire Dio? Dov’è la strada che crea il collegamento dell’amore? È sulla punta delle dita? Dov’è? Che cos’ha l’uomo? Che cos’ha la donna? Sono gli organi maschili e femminili, dove si possono trovare anche le sostanze più disgustose. Da dove esce l’urina? Dall’organo sessuale. Questo è vero sia per gli uomini che per le donne. Se quell’urina sporca, secreta in questo modo, si mescolasse all’amore, sarebbe lo stesso sporca o diventerebbe pulita? Allora come sarebbe bello bere l’urina immersa nel vero amore come del tè ghiacciato! (178-125, 1.6.1988)

L’amore armonizza tante cose. Può produrre un cattivo odore, un tanfo o un profumo. Così per l’amore non c’è niente di sporco. Dio è veramente il Re della saggezza. I nostri organi sessuali sono situati accanto alla parte più sporca del nostro corpo. Dichiarando questa come la via dell’armonia, Dio ha collocato gli organi sessuali maschili e femminili nel posto più sgradevole e più sporco. (194-49, 15.10.1989)

Dove sono gli organi maschili e femminili? Sono nella zona più sicura, e nello stesso tempo più sporca. Questo serve a dimostrare che Dio è veramente il re della saggezza. In questo modo Dio insegna all’umanità: «L’amore domina persino delle cose così sporche!» L’organo sessuale si trova accanto all’ano, e l’urina passa attraverso quello stesso organo. (194-175, 22.10.1989)

Quando fate l’amore non desiderate che l’organo maschile vi penetri? Se ci pensate, come è sporco questo! Il buco più sacro e il buco più sporco sono lo stesso. Non è vero? In quel posto lurido e puzzolente nasce la vita eterna. È vero. Quando andate al gabinetto, dovete pensare a questo. Dovete ricordarvi delle mie parole: «È un luogo santo collegato al vero amore. Ogni cosa è santa». Non dimenticatelo mai. Ricordatelo sempre. (293-43, 1.5.1998)

L’organo sessuale, che è così prezioso, è collegato alla parte più sporca. Da dove esce l’urina? Nessuno ha mai pensato a una cosa così importante. Se non lo sapete non potete raggiungere la perfezione. A primavera, quando seminate i semi, li lavate nell’acqua oppure li ricoprite con il concime? Li coprite con il concime, il concime sporco e puzzolente. Li seppellite nella terra e poi li calpestate. (277-274, 18.4.1996)

L’organo sessuale è situato nel posto più lontano o più vicino alle parti che usate per urinare e defecare? I grandi personaggi dovrebbero essere onorati persino nei posti più luridi. Dove c’è vita c’è bisogno di fertilizzante. Non può essere un posto pulito come una spiaggia piena di sabbia. L’uomo deve avere un sapore simile a quello della zuppa di fagioli. È bene che la donna sia pulita, ma l’uomo deve sapere un po’ di muffa. Tornando a casa, dopo una giornata trascorsa fuori, anche se i suoi piedi puzzassero un po’, lei dovrebbe ridere. Se fosse troppo pulito, non gli si avvicinerebbero nemmeno le mosche. Persino loro si rifiuterebbero di visitarlo. Se è così, allora chi altro – fossero le formiche o gli uccelli – lo avvicinerebbe? (247-323, 1.6.1993)

Che cos’è il matrimonio? Non serve forse a collegare insieme gli organi sessuali? È così oppure no? Le mie parole non sono volgari, sono sante. La parte più nobile del corpo umano è l’organo sessuale. È lì che sono trasmessi la vita e l’ideale. È un luogo estremamente prezioso, ma si trova accanto agli organi di escrezione.

Cosa succede agli organi sessuali dell’uomo e della donna quando sono seduti sulla tazza del gabinetto? È solo l’ano che è seduto sul gabinetto o sono seduti tutti lì? (187-70, 6.1.1989)

Qual è la parte più preziosa del corpo umano? È l’organo sessuale. Anche se è l’organo più prezioso, quello che gli sta accanto è il posto più sporco. Nel caso dell’uomo l’urina esce dal suo organo sessuale. Perché? Questo è il mistero dell’universo. Inoltre, che cos’è più vicino all’organo sessuale della donna? Non è forse l’ano che lei usa ogni mattina? È la stessa cosa quando urinate. Però non dovete pensare che l’organo sessuale sia situato in un posto assurdo. Avete mai sentito qualcuno accusare quella parte? Non bisogna parlarne male o trovare in essa alcun male. Quando andrete nel mondo spirituale, dovete desiderare di vivere nel posto più basso, tanto quanto vorreste vivere nel posto più alto. (213-283, 21.1.1991)

Che cosa passa dall’organo sessuale della donna? La vita. E cos’altro? L’urina, la cugina delle feci, passa di lì. Persino io lo trovo strano. Perché mai la gente l’ama tanto? I nonni, le nonne e lo stesso Dio si lamentano di non aver potuto ottenere quell’amore. È incredibile. Che cosa c’è di così buono in questo? (295-186, 28.8.1998)

L’amore è prezioso per l’umanità. L’amore degli esseri umani è prezioso, ma proprio accanto a quel prezioso organo dell’amore c’è l’organo che detestate di più. Qual è? Con che cosa urinate? Sia negli uomini che nelle donne, quella parte è collegata all’organo sessuale o no? Non lo trovate disgustoso? (263-95, 21.8.1994)

Che cos’è meglio, le dita o la testa? Cosa c’è di meglio nell’uomo? Quale parte del corpo è più preziosa negli uomini e nelle donne? Non è forse l’organo sessuale? È talmente prezioso che è stato creato in modo da essere protetto in ogni direzione dalle intrusioni sgradite! Non sarebbe così, se fosse situato in un punto dove potrebbe essere toccato solo passandogli accanto. Quindi è completamente protetto. Questo vale sia per l’uomo che per la donna. Se fossi Dio, neanche io avrei potuto trovare un altro posto dove metterlo. Creando e sistemando questo organo, in che parte del corpo l’avrei collocato? Voi l’avreste messo da qualche altra parte? Se l’aveste fatto, cosa succederebbe quando un uomo e una donna camminano insieme? (199-323, 21.2.1990)

4.4. Il verticale e l’orizzontale si equilibrano attraverso gli organi sessuali

Gli architetti non fanno i loro disegni con la squadra? Non tracciano i piani molto facilmente? Allo stesso modo, riguardo il corpo umano, dove si trovano gli organi più importanti? Che cosa sono? Gli organi che si trovano lungo la linea perpendicolare che passa per il centro sono i più importanti. Che cosa sono? In questa forma fisiologica del corpo, quali sono gli organi più importanti? Il primo è il naso. Cercate di tapparvi le narici. Attraverso di loro, entrano ed escono gli elementi essenziali della vita. Poi scendendo un po’ più in giù dove arrivate? Dopo l’ombelico, andate ancora un po’ più giù e raggiungete l’organo sessuale. L’organo sessuale femminile è posto a testa in giù o orizzontalmente. Io non lo so; sono le donne che lo devono sapere bene. L’organo maschile è posto verticalmente? Dovete saperlo voi. Ogni cosa centrata su quella linea verticale è santa. È collegata direttamente ai punti vitali. (196-226, 1.1.1990)

Una persona sul cui volto la linea orizzontale [la linea della bocca] e quella perpendicolare [la linea del naso] sono diritte è una persona di vera coscienza. Le persone sul cui volto queste due linee si incontrano ad angolo retto sono delle persone di coscienza. Questa è la parte più importante. L’ombelico non deve essere di traverso, ma sulla linea centrale che sale fino ad incontrare il mento; e con le labbra qui, il naso deve essere diritto, formando una linea retta fin dove si trova questa vena. Quelli che hanno tutte queste caratteristiche avranno successo nella vita. Questa linea deve anche scendere giù per incontrare il centro del bacino. In questo modo la vita e le anche devono essere perpendicolari. Ecco come devono essere le cose. (207-78, 1.11.1990)

Gli occhi sono orizzontali e il naso verticale, non è vero? Una linea verticale si estende da questo naso verticale passando per la bocca e l’esofago fino a raggiungere lo stomaco. Il verticale e l’orizzontale devono essere in armonia. Se la bocca verticale o gli occhi orizzontali nel volto di una persona sono storti, il carattere di quella persona cambia. Anche gli organi sessuali dell’uomo e della donna si armonizzano con il verticale. Gli organi maschili sono composti da due parti, una verticale e l’altra orizzontale. Questo rappresenta l’universo. Così il seme della vita, la fonte della vita, viene dall’uomo. Per quanto le donne americane siano orgogliose di loro stesse, non hanno dentro di sé i semi dei bambini, vero? Nemmeno le donne americane più famose potrebbero mai avere dentro di sé i semi dei bambini. (243-272, 28.1.1993)

Dove conduce questa linea perpendicolare diritta? All’organo sessuale. Questo è il punto attraverso il quale passa la linea verticale ed è per questa ragione che Dio desidera questo posto. Il corpo deve formare un angolo di novanta gradi e unirsi proprio qui, in questo luogo. Finora la mente e il corpo degli esseri umani non sono stati giusti. La mente è l’“io” verticale e il corpo è l’“io” orizzontale. A partire da dove? Il Genitore verticale e i genitori orizzontali si sono uniti per creare voi. Avete ereditato il vero amore, la vera vita e la vera linea di sangue da loro. Ecco come siete venuti ad esistere. Essi si sono uniti nel vero amore e vi hanno messo al mondo. Perciò voi siete il centro dell’universo e i rappresentanti dell’amore. Siete l’essere centrale del vero amore, formato dall’unione dell’amore orizzontale e verticale. Ecco chi siete. (217-152, 19.5.1991)

Gli esseri umani amano le cose verticali ed è per questo che mantengono una posizione eretta. La testa è sopra e l’organo sessuale è sotto, nel centro. Gli uomini sanno che questo è vero quando sono nudi davanti allo specchio. Hanno i peli che crescono fino agli organi sessuali e questa linea non deve essere storta. Le donne hanno i seni e anche loro devono essere allineati. I fianchi non devono essere troppo grossi, ma corrispondere alla parte superiore. Non c’è niente da ridere. Anzi, dovete imparare a provare commozione per queste cose. (225-99, 5.1.1992)

Il nostro corpo è formato con una cosa in relazione all’altra, in modo da potersi focalizzare. Le orecchie, gli occhi e tutte le altre parti del corpo mantengono il loro punto focale. Anche la bocca si focalizza grazie ai nervi. Inoltre, l’ombelico e l’organo sessuale sono allineati al centro del nostro corpo. È sbagliato vergognarsi del corpo. (229-241, 12.4.1992)

Anche il punto focale degli occhi si trova in una linea retta che passa per il centro. Questa linea centrale non deve forse essere allineata all’ombelico e all’organo sessuale? Così voi avete queste due cose che sono in risonanza fra loro. La ragione per cui sono state poste lì dove sono è per poter risuonare, perché solo quando sono in risonanza possono essere coscienti. (226-19, 1.2.1992)

Le labbra devono essere coordinate, come pure le mani, altrimenti ci saranno dei problemi. Non importa quanto la bocca sia grande, deve essere in linea con il naso e l’ombelico e la parte più importante più ingiù, l’organo sessuale. Guardatevi allo specchio e vedete se le vostre parti sono allineate, e imparate come dovete vivere la vostra vita.

Sin dall’infanzia bisogna insegnare alle persone che, dato che le cose stanno così, devono essere consapevoli di questi aspetti. Non ci sono dei manuali che insegnano queste cose. Potrei andare avanti a parlarne all’infinito. (221-227, 25.10.1991)

Gli occhi non si trovano lì dove sono per caso, sono in equilibrio con la linea perpendicolare. Non è bene che una persona abbia gli occhi non perfettamente allineati. Devono essere in equilibrio ai due lati della perpendicolare. Il naso simboleggia Adamo ed Eva, gli occhi simboleggiano Dio e i denti la creazione. Ci sono trentadue denti, e quattro per otto fa trentadue, simboleggiando l’intera creazione. Tutti questi aspetti visivi si realizzano non nella testa ma nell’organo sessuale. L’organo sessuale è il palazzo di tutti i tipi di nervi. Lo sapreste studiando fisiologia. (190-130, 18.6.1989)

Perché la parte maschile è convessa? Anche le donne hanno una parte protuberante. Sembrano una catena montuosa. Ecco come devono essere i posti migliori. Ecco da dove viene il detto “Il dragone azzurro a sinistra e la tigre bianca a destra”, a significare che il luogo migliore è situato fra due montagne ad est e a ovest. Per questo gli organi sessuali dell’amore devono essere perpendicolari e legarsi all’amore dei genitori attraverso la linea dell’amore. (180-303, 22.8.1988)

Tutto assomiglia ad una sfera e ha bisogno di essere in movimento. Nel corpo umano la parte che assomiglia di più a una sfera è il volto, e fra le fattezze del volto quelle che assomigliano di più a una sfera sono gli occhi. Poi, negli uomini una parte dell’organo sessuale è sferica. Io non l’ho menzionato, quindi non avete bisogno di dirlo. Che altro si può trovare dentro il corpo? I reni e la vescica; sono tutti organi importanti. (214-56, 1.2.1991)

Tutto scorre verticalmente e porta frutto negli organi sessuali. È lì che tutto è destinato a raccogliersi, buono cattivo che sia. Quindi quelli che usano bene questi organi diventeranno delle persone buone, e quelli che li usano male diventeranno le persone peggiori. (280-97, 11.11.1996)

Una persona che non ha la punta del naso allineata al centro non può essere una persona di coscienza. Dovete sapere che è una questione di buon senso. Ci deve essere una linea retta che passa attraverso l’ombelico arrivando fino all’organo sessuale. Gli uomini hanno i peli sul petto, ma le donne no, non è vero? Le donne hanno dei peli sul petto? Anche i capelli degli uomini crescono in due parti, soggetto e oggetto, che si devono unire. (248-284, 3.10.1993)

La punta del naso deve essere nel centro, così come l’ombelico e l’organo sessuale. Se la linea che li attraversa è storta, quella persona ha un brutto destino. La sua vita non sarà facile. Quando guardate una persona, a prima vista vedete se i suoi occhi sono in linea retta, e com’è tutto il resto dalle spalle in giù. Non è bene camminare a zig-zag. Anche se qui sono riunite centinaia di persone, non ce ne sono due che hanno la stessa andatura; sono tutti diversi, perché il modo in cui uno cammina rivela la sua personalità. Ci sono alcune persone che camminano in modo strano. Queste persone dovrebbero cambiare la loro andatura, altrimenti non potranno mai stabilirsi da nessuna parte. (248-88, 1.8.1993)

La testa non sta sempre dritta? Rimane dritta. Le parti importanti del corpo umano sono la testa e gli organi sessuali. Una linea scende giù diritta e si divide proprio qui. La testa è la sede del pensiero; il marito pensa alla moglie e la moglie pensa al marito. L’amore è il centro dei loro pensieri e i loro pensieri si uniscono attraverso gli organi sessuali. (188-44, 16.2.1989)

I seni sono identici e in linea perpendicolare? L’ombelico è al centro di un cerchio? Poi la linea scende giù fino all’organo sessuale. Dove scorre l’acqua? Scorre verso il basso, e dove va? Quando lavorate stando seduti, la parte che diventa più umida è il centro della parte bassa del vostro corpo. È lì che sudate di più. Ecco perché in quella parte crescono tanti peli. È così per tutti, non è vero? È lì che si raccoglie tutta l’acqua. (297-46, 15.11.1998)

Solo quando il vostro naso ha una bella forma potete diventare ricchi. Lo capite? Da un’occhiata dovete capire se è allineato al centro. La linea che da lì va all’organo sessuale, passando attraverso l’ombelico, deve essere una linea dritta. Se è storta il vostro sposo vacillerà. Così quando vi sposate dovete essere tutti e due svestiti e vedere se il vostro ombelico, il petto e tutte le altre parti del corpo sono allineate, perché solo allora la coppia può essere ideale. Ci sono alcune persone che hanno agli organi sessuali storti. Anche nel caso della donna, se va da un lato, e non è allineata verticalmente, può vacillare nel suo cuore; rimarrà vedova e morirà da sola. Questi sono i principi basati sul modo in cui siamo formati. (295-30, 16.8.1998)

Le parti più importanti del corpo umano sono gli occhi. Sono estremamente preziosi. Poi viene il cuore. Anche il cuore ha una forma sferica. Inoltre, nella donna l’utero è sferico. E l’uomo? Anche il suo organo sessuale non è forse sferico? Quello che è sferico è prezioso. Le donne non hanno le ossa che sporgono. Poiché le ossa delle donne non si vedono e il loro corpo è arrotondato dalla carne, gli artisti amano ritrarre le donne nude. (272-154, 1.10.1995)

Partendo dal volto, l’ombelico e l’organo sessuale devono tutti essere in linea retta. Andate all’ospedale a farvi un checkup. Quando camminate il peso ripartito al centro deve essere lo stesso, e così le suole delle vostre scarpe si devono consumare in modo uniforme. Se guardando le scarpe di una persona vedete che una è più consumata dell’altra, può darsi che non sia una persona buona. La persona le cui scarpe si consumano in modo uniforme sarà una persona illuminata. (286-219, 11.8.1997)

Quando leggete la fisionomia di una persona, dovete vedere come la linea scende da qui. Solo quando questa linea scende giù perpendicolarmente fino all’organo sessuale si può dire che quella è una persona di coscienza. Altrimenti, le cose diventeranno difficili. Il seno non deve pendere da una parte, e non è neanche bene se l’ombelico è scentrato. (252-108, 14.11.1993)

Quando vi sedete, state diritti. Quando camminate, camminate diritti. Quando guardate il modo in cui le persone camminano, vedrete che ce ne sono di tutti i tipi. Persino se ci sono migliaia di persone, avranno tutte un’andatura diversa. Quando camminate, la punta della testa deve sempre essere allineata verticalmente con il vostro organo sessuale. Tutti gli organi del vostro corpo si devono muovere in rapporto al verticale. Allora Dio, vedendo questo, dirà: «Wow! Quell’uomo e quella donna camminano come voglio io!» Sarà interessato, e lo sarà anche il mondo spirituale. (246-237, 18.4.1993)

Quando guardate una persona dalla testa ai piedi, i vostri occhi non vanno dritti al naso? Quella linea passa attraverso il naso, la linea mediana del labbro superiore, le labbra, l’ombelico e finalmente arriva all’organo sessuale. Sulla base di questa linea verticale, verificate la disposizione degli occhi, se sono su una linea orizzontale. Osservate anche le orecchie, le spalle e se quella persona cammina diritta oppure no. Così, persino l’atto di camminare, non deve essere compiuto senza riflettere, perché l’andatura di una persona simboleggia la sua vita. (246-235, 18.4.1993)

Quando esaminate attentamente qualsiasi essere umano, quali sono le parti più importanti del corpo? Quelle che tendono alla forma sferica sono preziose. Sotto questo aspetto nell’uomo sono preziosi gli occhi, il cuore e l’organo sessuale. Nell’organo sessuale maschile si possono trovare due parti a forma di occhio. Simboleggiano Dio. Il cuore simboleggia la vita e l’organo sessuale l’amore. La testa è l’organo di supervisione centrato su Dio. (249-173, 10.10.1993)

4.5. L’amore non si impara attraverso l’insegnamento

A questo mondo non c’è nemmeno una creatura che non insegna l’amore. Gli animali, persino gli insetti più piccoli che sono così minuscoli ad occhio nudo che quando li tenete in mano potete a mala pena vederli, hanno tutti cinque sensi. Se ci riflettete, capite che devono averceli, perché persino fra loro i maschi e le femmine devono riuscire a trovarsi. Cos’è che fa unire questi maschi e femmine? Qual è il loro punto di convergenza? Non è forse l’amore? Questo è innegabile. (223-268, 12.11.1991)

L’educazione sessuale non serve. La gente parla di sesso libero e di educazione sessuale, ma io dico: «Pazzi imbecilli, smettetela!» C’è l’educazione sessuale nel regno animale? Quando gli animali sono vicini gli uni agli altri si accoppiano in modo naturale. Esiste un animale che ha l’organo sessuale nell’articolazione dell’ala e il suo compagno inserisce lì il suo organo sessuale, anche se può avercelo sul tallone. Sono fatti per incastrarsi insieme automaticamente. Le calamite sono costrette a far attrarre i loro poli dal Polo Nord e il Polo Sud, oppure lo fanno automaticamente? Trovano i poli in modo automatico. Una volta che la vostra mente e il vostro corpo sono pronti a sintonizzarsi con il vero amore, se vi lasciate andare troverete automaticamente la direzione, nord, sud, est o ovest e vi adatterete.

Gli animali quando si accoppiano, in che modo fanno incontrare i loro organi sessuali? Questi organi sono più grossi o più piccoli del resto del corpo? Anche se sono più piccoli, trascinano il resto del corpo per accoppiarsi. In altre parole, il resto del corpo è trascinato dall’amore. Pensate che il corpo sia trascinato a forza o volontariamente? Il corpo si lascia trascinare volentieri. Noi siamo destinati ad entrare in cielo automaticamente. (272-91, 30.8.1995)

Gli organi sessuali degli animali, sia maschi che femmine, si possono trovare in qualunque parte del corpo, persino nell’articolazione dell’ala. Allora come si incastrano insieme? C’è bisogno che qualcuno glielo insegni? Hanno bisogno di imparare a combinarsi insieme? Anche se nessuno glielo insegna, strisciando l’uno contro l’altro alla fine sono destinati ad incastrarsi. Oggigiorno c’è l’educazione sessuale per insegnare questo, ma è tutta opera di Satana, perché non c’è nessun bisogno di insegnare queste cose. (284-122, 16.4.1997)

Al giorno d’oggi dicono che persino i batteri esistono in coppia. Se li esaminaste al microscopio ingrandendoli tre milioni di volte, potreste dire se i batteri maschi hanno gli occhi oppure no? E il naso? Le orecchie? La bocca? Gli organi sessuali? Persino qualcosa di così microscopico sa adattare il suo organo sessuale a quello del suo compagno. Qualcuno deve insegnargli a farlo? C’è una madre o un padre che, quando la loro figlia sta per sposarsi, le insegna: «È così che devi combinare il tuo organo sessuale con quello del tuo sposo?» Gli organi sono destinati ad unirsi con movimenti naturali. È un’unione naturale, non forzata. Le persone creano armonia quando sono unite. È una questione di unità. (272-74, 30.8.1995)

Perché Dio ha creato gli organi maschili e femminili così come sono? Nell’universo c’è tanto materiale per educare all’amore, mostrando come gli animali si amano tra loro. Fra gli animali ce ne sono tanti che meritano il nostro rispetto. (180-336, 5.10.1988)

Oggigiorno non c’è forse un conflitto fra gli insegnanti e gli studenti nelle scuole? È perché non sanno che l’amore è per il bene degli altri. Non hanno saputo insegnare le basi dei principi celesti. Quelli che servono di più gli altri possono ricevere e controllare un amore più grande. Nell’amore ci sono i diritti all’eredità, alla partecipazione e alla coabitazione. L’amore non è così? Potreste mettere una pepita d’oro davanti alla vostra adorata moglie e dirle: «Questa è mia» e poi lasciarle solo avere il vostro corpo e dire: «Poiché quello che ti piace è l’amore, puoi avere solo i miei genitali?» È amore questo? No. Amore significa essere disposti a dare tutto, persino i propri figli e le proprie figlie, il corpo e l’anima. (204-41, 29.6.1990)

Sezione 5. Gli organi sessuali sono il punto di divisione tra il cielo e l’inferno

Quando gli organi sessuali sono santificati si possono collegare al cielo. La loro importanza deve essere insegnata sin dalle scuole elementari. Lo scopo perseguito dall’uomo e dalla donna sono gli organi sessuali dell’amore. Hanno una forma concava e convessa per l’amore. Perché le parti genitali hanno una forma diversa? Per l’amore. Per quale amore? L’amore eterno e immutabile di Dio. (278-271, 26.5.1996)

Dovete sapere che gli organi sessuali erano il punto di divisione tra il cielo e l’inferno. Se li usate nel modo sbagliato, siete destinati all’inferno e se li usate nel modo giusto, raggiungerete automaticamente il cielo. C’è solo un punto di partenza, non due. Questo mostra l’importanza dell’atto d’amore. Quando tutte le donne e gli uomini torneranno a casa e diranno: «Ora conosco la verità. Da ora in poi mettiamola in pratica. È la base della speranza per la nostra famiglia», allora ci sarà la liberazione universale.

La conclusione è che dobbiamo capire il contenuto di questa proclamazione cosmica e preservare la santità degli organi sessuali. La madre, Eva, cadde. Poi Caino fu strumento di distruzione e anche Abele ebbe la sua parte in questo. Ecco perché la Chiesa dell’Unificazione ha creato un’organizzazione globale che rappresenta la madre. (278-209, 24.5.1996)

Da dove hanno avuto inizio il cielo e l’inferno? Da dove sono iniziati? Dove? Negli organi sessuali. Questa deve essere una cosa seria. Hanno messo sottosopra il cielo e la terra. C’è qualcuno che lo può negare? Non c’è modo di negare la logica della caduta nel Principio Divino insegnato dal Reverendo Moon. Chiedetelo a Dio. Esaminate tutto. Non avendo ricevuto nessuna risposta, non potreste opporvi a quello che io ho organizzato in maniera sistematica, comprese delle teorie e dei contenuti che vi non potreste nemmeno sognare. (279-118, 1.8.1996)

Come potete andare a finire nella parte più terribile dell’inferno? Se usate il vostro organo sessuale in un modo che infrange la legge del cielo, siete destinati all’inferno, mentre se seguite la strada opposta, ossia la via dell’amore assoluto di Dio, andrete in un luogo più alto del cielo. Questa conclusione è fin troppo chiara. (279-121, 1.8.1996)

A causa della caduta, gli organi sessuali dell’uomo e della donna sono diventati delle cose brutte perché sono diventati il palazzo originale che ha aperto le porte all’onda malvagia della morte, alle leggi della morte, all’inferno della distruzione, e agli elementi perversi che hanno violato le leggi del cielo. Questo era il segreto nascosto nella storia fino ad ora. (197-175, 13.1.1990)

Gli organi sessuali devono essere liberati. Così il sesso assoluto è l’opposto dell’attuale sesso libero. È il sesso assoluto, unico, immutabile ed eterno. Come sono nobili e preziosi questi concetti! Se i due organi sessuali rimangono così come sono, non ci può essere nessuno sviluppo. Devono mettere radice nel vero amore. Il vero amore inizia da lì. (279-239, 8.9.1996)

Oggi, nel mondo satanico, gli organi sessuali hanno rovinato tutto. Il sesso libero, l’omosessualità e le droghe regnano sovrani. Le droghe vi fanno perdere la coscienza. Vi rendono simili alle bestie, non agli esseri umani. Vi fanno solo pensare come degli animali. Il Regno dei Cieli, d’altro canto, è diametralmente opposto. Non segue il concetto del sesso libero, ma del sesso assoluto, unico, eterno e immutabile. Questo vi collega direttamente al Regno dei Cieli. Quando questa base sarà posta sulla terra, diventerà il Regno dei Cieli. È una conclusione logica che non si può negare. Dovete fare molta attenzione alla base del vostro amore. (278-271, 26.5.1996)

Gli organi sessuali sono stati usati male. A questo punto è necessaria una rivoluzione e per questo avete bisogno della Madre e del Padre. Le donne devono essere mobilitate sotto la direzione della Madre. La mobilitazione della Federazione delle Donne per la Pace nel Mondo stabilisce la posizione della Madre. Non è forse lì che appare il Signore del Secondo Avvento? Cosa porterà con sé il Messia? Il sesso assoluto. Viene per la perfezione del sesso assoluto, unico, immutabile ed eterno. (279-269, 22.9.1996)

Quando le donne guardano un uomo che cosa guardano per primo? Gli occhi, le mani o dove? La domanda è dove va il vostro sguardo quando guardate un uomo. Guardate gli occhi? E poi? La faccia? E poi? Più ingiù, dove sono attratti tutti e cinque i sensi? Qual è l’organo più malvagio? Nel corso della storia gli organi sessuali sono stati considerati estremamente malvagi. Pensateci.

Il punto d’inizio del cielo e il punto d’inizio dell’inferno conducono in direzioni diametralmente opposte. Finora l’umanità ignorava che l’organo sessuale vero è il punto d’inizio del cielo, mentre l’organo sessuale falso conduce all’inferno. L’organo sessuale è così. Usare in modo improprio gli organi sessuali porta all’inferno, mentre il giusto uso dell’amore porta in cielo. È semplice. (278-269, 26.5.1996)

Dove si può trovare l’amore assoluto? Nei baci? La domanda è dove si può trovare l’amore assoluto. L’amore assoluto viene attraverso gli organi sessuali assoluti; senza di loro non è possibile trovarlo. Dove potete trovare l’amore assoluto? Viene baciando, vedendo, sentendo, toccando? Lo potete trovare solo nel rapporto sessuale. Questo finora non si sapeva. La gente non conosceva il posto dove si stabiliscono l’amore eterno e il sesso eterno. Non sapeva dove era il suo punto d’inizio. Chi di voi è senza organi sessuali alzi la mano. Ce li avete tutti. A che cosa servono? Se faceste questa domanda agli organi sessuali, essi risponderebbero: «Il nostro supremo desiderio è che noi due ci uniamo fermamente per realizzare l’amore assoluto». Allora volete avere degli organi sessuali assoluti, unici, immutabili ed eterni? Il punto è se li avete. (279-220, 8.9.1996)

A chi appartengono gli organi sessuali? Sono vostri? Appartengono al vostro coniuge. Non conoscete questa semplice verità. Il principio yin-yang di questo universo è quello del maschio e della femmina. Persino nel mondo minerale si può trovare il rapporto soggetto-oggetto; oggi dicono che esistono addirittura dei batteri maschi e dei batteri femmina. In breve, tutto l’universo esiste in un sistema di coppia. Nel concetto dell’amore, ogni partner soggetto nasce per il suo partner oggetto e viceversa. Perché nascono? Per l’amore, per realizzare l’amore. Dovete capire che, dal momento che Dio aveva creato Adamo ed Eva, l’uomo e la donna, e intendeva sposarli quando avessero raggiunto la piena maturità, gli organi sessuali che si sarebbero uniti nel rapporto sessuale alle loro nozze sarebbero dovuti diventare gli organi centrali assoluti per piantare la vita assoluta, l’amore assoluto e il lignaggio assoluto. (280-62, 1.11.1996)

Che cos’è la caduta? Qual è il problema fondamentale, qual è l’essenza? È che Adamo ed Eva considerarono i loro organi sessuali come una proprietà personale e agirono liberamente. Se avessero raggiunto la piena maturità centrati su Dio, l’organo di Adamo sarebbe appartenuto ad Eva e l’organo di Eva sarebbe appartenuto ad Adamo, e attraverso di loro si sarebbe posta la base dell’amore assoluto con il Dio eterno. Invece non ebbero fede e usarono i loro organi per sé stessi. Perciò quella base fu completamente distrutta. Quelli che vivono per loro stessi sono destinati all’inferno e quelli che vivono per il proprio coniuge sono destinati al cielo. Il punto di intersezione è lì. Gli organi sessuali sono la linea di demarcazione fra il cielo e l’inferno. Dovete saperlo. (80-63, 1.11.1996)

L’ideale di creazione di Dio è stabilire delle coppie assolute. Le coppie assolute si stabiliscono quando ognuno vive non per sé stesso ma per l’altro, sulla base degli organi sessuali assoluti. Ognuno è stato creato per l’altro, non per sé stesso. Gli uomini sono stati dotati degli organi sessuali per le donne, mentre gli organi sessuali femminili esistono per gli uomini. Sono stati creati per gli uomini. Quelli che usano i loro organi sessuali in accordo ai desideri di Satana, e non seguono la via del Principio andranno all’inferno. Se invece vivete per gli altri centrati sull’amore assoluto, entrerete nel dominio di Dio e diventerete membri della famiglia reale del cielo. (280-70, 1.11.1996)

Scopriamo la linea di divisione fra il cielo e l’inferno. È in mezzo all’aria? Dove sarà? È negli organi sessuali. È una questione seria. Gli organi sessuali hanno scombussolato il cielo e la terra. Chi può negarlo? È tutto spiegato nel capitolo sulla caduta del Principio Divino, insegnato dal Reverendo Moon. Se dubitate di questo, chiedetelo a Dio. Non potrete opporvi al Principio Divino del Reverendo Moon, esposto in ordine sistematico con delle teorie e dei contenuti che non potreste nemmeno immaginare nei vostri sogni. Quelli che usano i loro organi sessuali senza una direzione, come un cieco che vaga di qua e di là avendo perso la strada, sono destinati all’inferno. Viceversa, quelli che fanno uso dei loro organi sessuali secondo il modello dell’amore assoluto di Dio, andranno in un luogo più alto del cielo. Questa conclusione è chiara. (279-256, 15.9.1996)

A causa della caduta, gli antenati malvagi sono esistiti accanto all’antenato buono, che non ha potuto avere dei discendenti. Nonostante ciò, Satana non può ignorare Dio, il grande Signore del cielo e della terra. Ogni volta che desidera intraprendere qualche azione, ha bisogno dell’autorizzazione del Dio di bontà. Le azioni malvagie distruggono il mondo ideale di Dio e seminano distruzione nel mondo dell’amore. Alla fine, distruggeranno completamente gli organi sessuali, la base dell’ideale d’amore di Dio. (278-32, 10.8.1997)

Che cosa ha usato l’umanità per diventare parte della linea di sangue di Satana? È stato attraverso i baci? È stato attraverso l’atto d’amore. Dov’è quel luogo, quel punto di inizio? Sono gli organi sessuali. Dovete sapere che, dal punto di vista di Dio, gli organi sessuali sono degli organi veramente spaventosi. (304-11, 5.9.1999)

Per quale scopo Dio ha creato gli organi maschili e femminili concavi e convessi? Può il convesso legarsi ad un altro convesso? Possono due parti concave unirsi insieme in matrimonio? Mamma mia! Che mascalzoni pazzi! Queste persone andranno in rovina in una generazione. Quelli che mettono l’accento sulla vita da singoli quando andranno nell’altro mondo si troveranno nella direzione opposta al Regno dei Cieli. (304-241, 8.11.1999)

Quando Giacobbe lasciò la casa di suo zio Labano dopo aver vissuto lì per ventun anni, rubò gli idoli tanto amati dalla famiglia di Labano. Se fosse stato scoperto, sarebbe stato veramente nei guai. Così li triturò riducendoli in polvere e li mangiò. Lo sapevate?

Sapete quanto è addolorato Dio per il peccato dell’uomo e della donna? Il problema è come risolvere questo e riportare a noi il cuore originale di Dio arrivando al punto in cui in noi non c’è più nessuna base per Satana. Nel mondo religioso non si insegna il celibato? Si insegna agli uomini e alle donne a vivere come se i loro organi sessuali fossero stati eliminati. È la stessa cosa per voi. Allora chi può commettere la caduta? In un istante quell’atto ha intrappolato il grande Re eterno del cielo e della terra, in modo che non poteva essere liberato. Per invertire questo, i membri della Chiesa dell’Unificazione ricevono la Benedizione. Pensate che possano ripetere la caduta? È possibile? (296-204, 9.11.1998)

In Sud America ho parlato per due ore sugli organi sessuali al leader religioso di un gruppo di centomila seguaci. Bene, ha stralunato gli occhi e ha concluso: «Tu sei un esperto di organi sessuali!» È triste che i nonni non siano riusciti a diventare degli esperti di organi sessuali. Poiché le nonne non sono riuscite a diventare delle esperte in organi sessuali, le famiglie si sono divise. Poiché i genitori non sono riusciti a diventare degli esperti in organi sessuali, le famiglie sono nello scompiglio e poiché i mariti e le mogli non sono riusciti a diventare degli esperti in questo campo, sono sempre in lotta. Una volta che diventate degli esperti, potete mettervi il cielo e la terra in tasca. (302-170, 13.6.1999)

Siete destinati ad essere puniti se usate i vostri organi dell’amore imprudentemente. Sono il palazzo dell’amore e il giardino ancestrale dell’amore. L’amore è iniziato da lì. L’origine del Regno di Dio sulla terra e in cielo e il punto di inizio della felicità di Dio si formano lì. Dio comincia a sorridere da lì. È lì che Dio può trovare l’amore e alla fine danzare di gioia. Dobbiamo cercare questo posto. (256-199, 13.3.1994)

Il luogo dove due vite si incontrano con al centro l’amore e il luogo dove il sangue dell’uomo e della donna si uniscono è l’organo sessuale. Dovete sapere che questo luogo è più prezioso dei vostri figli e delle vostre figlie, del vostro sposo e persino di Dio. È il luogo che è più prezioso persino dei vostri figli, del vostro sposo e addirittura dei genitori. Se gli organi sessuali non esistessero, i genitori, i mariti e le mogli, i figli e le figlie non avrebbero nessun valore.

Poiché questo palazzo è così prezioso, è tenuto sotto chiave, lontano dagli sguardi altrui durante tutta la vita, come il tesoro dei tesori. Inoltre, la chiave che può aprire l’organo dell’uomo è posseduta dalla donna, e la chiave della donna è posseduta dall’uomo. C’è solo una chiave per ogni persona. Ci dev’essere soltanto una chiave per persona. Volete possedere dieci, venti chiavi come nel caso del sesso libero? Volete diventare come una casa abbandonata senza padrone con le porte spalancate, dove chiunque può entrare e uscire? (280-199, 1.1.1997)

Dovete servire e amare gli organi sessuali più di Dio, perché solo allora Dio gioirà. Dove potreste sentire questo genere di parole? Se le persone religiose le sentissero, trasalirebbero e cadrebbero all’indietro per lo shock, ma questa è la pura verità. Solo quando servite gli organi dell’amore più di Dio, potete porre la base su cui Dio si può stabilire. L’organo sessuale è più prezioso della vita, e non potete scambiarlo con il mondo, l’universo, e nemmeno con Dio. Solo quando adorate e amate l’organo sessuale del vostro sposo apprezzando il suo valore più di tutta la creazione di Dio messa insieme, Dio verrà a risiedere nella vostra casa. (325-211, 1.7.2000)

CAPITOLO III – La caduta dell’uomo e la restaurazione

Sezione 1. Il significato interiore della caduta

1.1. La caduta fu un uso improprio dell’amore

La mia attenta indagine sui particolari storici del peccato originale e della caduta ha rivelato il rapporto illecito intercorso fra l’arcangelo e la prima famiglia dell’umanità. Nel Principio Divino, Satana è un essere spirituale reale, non un essere puramente concettuale o immaginario. È il principale istigatore che ha distrutto l’ideale d’amore di Dio e ha cambiato il lignaggio di Dio in un lignaggio centrato su di lui. Nell’ottavo capitolo del vangelo di Giovanni, Gesù afferma chiaramente che il padre dell’umanità è il diavolo.

L’adultero dell’amore, che impedì a Dio di vedere il Suo ideale d’amore che intendeva realizzare attraverso Adamo ed Eva come Suo corpo esteriore, è veramente il diavolo, Satana. Questa può sembrare una cosa nuova per voi, ma è la conclusione a cui sono giunto dopo aver esplorato il mondo spirituale per indagare sui problemi fondamentali dell’universo. Questa ricerca è stata una lotta tremenda di sangue, sudore e lacrime. Se tutti voi pregaste con sincerità, potreste ricevere una risposta a questo riguardo. (135-12, 20.8.1985)

Dovrebbe essere impossibile deviare dai principi fondamentali dell’universo, eppure il diavolo causò questo quando Eva era ancora minorenne, prima che raggiungesse la maturità. Diciamo che aveva quindici o sedici anni; le ragazze cadono durante l’adolescenza, non è vero? Fu proprio in quel periodo. A quel tempo, quando Eva osservava l’arcangelo Lucifero, le sembrava che lui conoscesse tutte le verità del cielo e della terra. Era un messaggero di Dio e sapeva parlare della creazione del cielo e della terra. Adamo, nel frattempo, era lento a capire, e durante quel periodo andava in giro cercando di catturare gli uccellini appena nati. I ragazzi non sono forse così? Mentre andava in giro a catturare uccellini, rane o serpenti con un bastone, usando tutto ciò che aveva imparato dalla natura per riuscire a guidarli, a far amicizia con loro e a cercare di adattarsi a loro completamente, pensate che avesse qualche interesse per Eva a quel tempo? (191-97, 24.6.1989)

Che cos’è la caduta? Lo standard dei grandi principi del cielo, l’asse originale dell’amore e l’asse centrale del cielo e della terra, furono distrutti dalla caduta. L’umanità non sa nulla della tremenda realtà che la donna e l’arcangelo, avendo preso coscienza del desiderio d’amore, ebbero un rapporto che distrusse l’essenza stessa dell’universo generando un abisso di angoscia.

Chi doveva sciogliere questa angoscia dovuta al fatto che Satana divenne l’antenato diretto dell’umanità? La caduta consistette nel fatto che il servo calpestò colei che sarebbe dovuta diventare la regina. Quindi il criterio originale, che sarebbe dovuto diventare il principio fondamentale delle leggi dell’universo, fu distrutto. In definitiva chi è il diavolo? È il principale colpevole, che ha distrutto essenzialmente il palazzo del regno celeste dell’amore. (171-114, 13.12.1987)

Perché sono necessari l’indennizzo, la restaurazione del diritto dei genitori, del diritto della primogenitura e del diritto della regalità? Il problema fondamentale è l’amore, la vita e il lignaggio di Satana. Anche se queste cose originariamente sarebbero dovute iniziare da Dio, con al centro il vero amore, invece cominciarono dal diavolo, e questa è una cosa incredibile. L’universo è venuto ad esistere a causa dell’amore. La creazione non ha forse avuto inizio dall’amore? Tutti gli esseri sono stati creati sulla base dell’amore ordinato di Dio come loro origine. Satana ha sovvertito questa essenza fondamentale e noi dobbiamo rimetterla nuovamente a posto. (206-236, 14.10.1990)

L’umanità è passata attraverso una storia di lotte, ma perché? È la storia della lotta tra il bene e il male. Il diavolo ha usurpato tutti i diritti del mondo ideale di Dio. Ciò che ha fatto non è stato altro che usurpare la creazione di Dio. Si è impadronito della donna e dei figli che dovevano essere il centro di tutto l’universo.

Così, Dio non ha nessuna donna. Non ha nessun figlio nato attraverso una donna. Questo è stato impossibile fin dall’inizio. La donna originale è la donna di Dio, e i figli nati da lei devono appartenere a Lui, ma il diavolo se ne è impadronito. Questo è successo attraverso la caduta di minorenni. Senza questa logica, non possiamo far capire alle persone la loro origine fondamentale. (262-74, 23.7.1994)

Le persone nacquero a causa dell’amore, ma in che modo l’amore perse il suo valore? Questo sarebbe stato possibile solo attraverso un atto che trasgrediva l’amore. Quale fu la conseguenza della caduta? L’uomo e la donna erano nati l’uno per l’altra, ma anziché realizzare il loro amore reciproco, le cose tragicamente andarono in senso contrario. Tutto ciò che fu deciso dall’egoismo determinò i risultati della caduta. Le cose presero una direzione diametralmente opposta a ciò che Dio aveva creato.

La Bibbia afferma che Adamo ed Eva colsero e mangiarono il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male e in questo modo caddero. Tuttavia, fondamentalmente, essendo nati a causa dell’amore, il fatto di aver mangiato letteralmente un frutto non basta da solo a distruggere la base dell’amore altruista.

Non possiamo negare la nostra origine, cioè che siamo nati a causa dell’amore. Non fu l’amore altruista, che doveva legare l’uomo e la donna, a costituire la caduta, ma piuttosto l’amore egocentrico nel quale rimasero intrappolati.

Dio creò tutti gli esseri in un sistema di coppia, per la coesistenza reciproca. Anche gli esseri umani furono creati per far parte del mondo di questi valori, ma presero la direzione, diametralmente opposta, l’egocentrismo, e questa fu la caduta. Quale fu l’essenza della caduta? L’atto distruttivo avvenne attraverso l’uso improprio degli organi dell’amore, che l’uomo e la donna venerano così tanto. (243-269, 28.1.1993)

Chi è Dio e chi è il diavolo? Il diavolo è il nemico di Dio. È l’adultero dell’amore. Questo è stato rivelato dal Reverendo Moon. Il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male, che divenne la causa della caduta degli antenati dell’umanità, è l’organo sessuale. Se è usato nel modo giusto, la nazione prospera, ma se è usato male, la nazione va in rovina. Questo è il significato del “frutto del bene e del male”. Persino nel caso di un re, se usa il suo amore nel modo giusto, il suo regno prospera, ma se lo usa nel modo sbagliato, il suo regno è distrutto. Attraverso l’uso improprio dell’amore, le famiglie e le società sono distrutte e tutto è diviso fra il cielo e l’inferno. Là dove doveva nascere il frutto del bene, nacque invece il frutto del male.

Che cos’è il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male? Non è un frutto in senso letterale. È qualcosa che tutti hanno. Gli organi sessuali umani sono il frutto del bene e del male e la testa di un serpente maligno. Perché Gesù chiamò Satana serpente maligno? Perché Satana fu chiamato serpente? L’organo sessuale può essere paragonato alla testa di un serpente, alla testa di una serpe. Gli uomini e le donne non gli corrono forse tutti dietro? Gli uomini e le donne sono uguali, non è vero? (227-251, 14.2.1992)

Qual è la parte più preziosa del corpo per le persone? Qual è la cosa più preziosa per gli uomini e le donne? La donna è diventata donna sulla base e in virtù di una cosa. Che luogo è? È l’organo riproduttivo, l’organo dell’amore, l’“organo che impianta la vita” [in coreano saeng shik gi]. Che nome appropriato è questo! Non è chiamato l’organo riproduttivo? Sembra più reale che chiamarlo l’organo dell’amore. Si spiega da sé. Lo strumento che impianta la vita è l’organo riproduttivo. Non abbiate vergogna dell’organo riproduttivo. Come si dice in coreano organo sessuale? Come lo chiamiamo in coreano? Quelli che provano imbarazzo a parlarne vivono nella vergogna. Se siete imbarazzati a dirlo in coreano non siete degni di essere coreani. Dovreste esserne fieri, non è vero? (260-73, 11.4.1994)

Se Dio il Creatore desiderava che i Suoi oggetti partner fossero milioni di volte migliori di Lui, perché ha creato gli esseri umani in modo che potessero cadere? Questo è il problema. Dio non li ha creati per cadere. Li ha avvisati di non cadere dicendo: «Non mangiate il frutto della conoscenza del bene e del male!» Che cos’è questo frutto? Si riferisce all’organo femminile. Le donne sono deboli. Quando i nostri primi antenati vivevano nel giardino di Eden erano nudi. (262-74, 23.7.1994)

Dio diede il comandamento: Non mangiate il frutto della conoscenza del bene e del male! Sapete che frutto è? È l’organo sessuale della donna. Forse direte: «Chi ha mai sentito una cosa del genere?» ma Eva diceva sempre: Fratello, dove sei? Sono sola! E fu Eva che l’arcangelo violò. L’arcangelo aveva la responsabilità di proteggere ed educare Adamo ed Eva fino al giorno del loro matrimonio.

Così anche gli angeli vivevano senza vestiti. I vestiti apparvero dopo la caduta. Gli animali si vestono? Coprono con qualcosa le loro parti sessuali? I mariti e le mogli provano imbarazzo l’uno dell’altro? È imbarazzante per una coppia che vive insieme spogliarsi l’uno di fronte all’altro? (262-150, 23.7.1994)

Che cosa fu la caduta? Fu un cattivo uso degli organi sessuali, che portò ad un cambiamento nello sposo e nel loro partner d’amore. Quindi fu una caduta di natura vitale. Questa trasgressione fu un errore talmente grave che Adamo ed Eva non potevano stare al cospetto del mondo animale, vegetale o minerale, o in qualunque parte del mondo umano – nemmeno il mondo dei topi o degli insetti. Così dovettero essere espulsi dall’universo. Ecco perché furono scacciati dall’Eden. (279-215, 8.9.1996)

La caduta di Adamo ed Eva ebbe origine dal fatto che andarono contro una regola ferrea. Adamo ed Eva si illudevano che i loro organi sessuali appartenessero a loro. Riflettete su questo. Dio avrebbe cacciato Adamo ed Eva solo perché avevano mangiato un frutto? Dio non è un essere così insensato. Li scacciò perché avevano commesso un errore fondamentale e perciò non potevano essere riconosciuti in nessuna parte dell’universo. Adamo ed Eva non compresero che i maschi e le femmine nel mondo minerale, vegetale e minerale serbano i loro organi sessuali per il loro partner d’amore. (279-246, 15.9.1996)

Adamo ed Eva trasgredirono il comandamento. Avrebbero dovuto usare i loro organi sessuali in modo assoluto, avere un amore assoluto, vivere per gli altri in modo assoluto e obbedire in modo assoluto. Dio aveva desiderato un fondamento di amore altruista, ma essi fecero quello che vollero, egoisticamente; perciò tutto l’universo li disprezzò. Questa situazione deve essere invertita. Quella base originale che fu persa dai genitori falsi, doveva essere restaurata attraverso l’avvento dei Veri Genitori. (280-77, 1.11.1996)

Il nemico più temibile per l’uomo è la donna. Le donne sono diventate come dei serpenti con la bocca aperta, che aspettano di mordere se l’organo maschile entra. Questo si è diffuso dappertutto e si trasmetterà alla prossima generazione. Così la cosa più terribile di tutte è l’organo sessuale. (281-215, 13.2.1997)

L’amore fu perduto nel giardino di Eden. Dobbiamo pentirci. Dobbiamo piangere e gridare di dolore centinaia di volte più di quanto Dio, Adamo ed Eva erano addolorati quando si separarono nel giardino di Eden. Le lacrime, il muco e la saliva devono scendere giù, oltrepassare l’ombelico e scorrere fino agli organi sessuali. Quelle sono le parti che hanno peccato!

Qual è la cosa che Dio creò in Eva per darla ad Adamo? Poiché l’uomo era solo, Dio creò per lui la donna e disse che era una cosa molto buona. Sulla base di cosa disse che era molto buona? Quale parte della donna? L’organo sessuale! Di fronte al convesso c’è il concavo. Dio creò il concavo per il convesso. Quale parte di Eva Dio creò per Adamo? I suoi occhi, il suo naso, la sua faccia? Dio creò il concavo per il convesso. La fonte dell’amore si trova in quel luogo che Adamo ed Eva hanno e che Dio ha creato. Dio creò il concavo per il convesso. Dobbiamo sapere che gli organi sessuali sono estremamente preziosi, sono la fonte dell’amore. (294-270, 5.8.1998)

Ora i principi fondamentali devono essere rivelati: chi è Dio e come è avvenuta la creazione del cielo e della terra; come gli esseri umani, iniziando da delle famiglie, hanno formato le società, le nazioni e il mondo; come tutto questo è stato distrutto dalla caduta attraverso ciò che fecero i nostri primi antenati, e come deve essere ricostruito. Dobbiamo liberare gli individui, le famiglie, le tribù, i popoli, le nazioni, il cosmo e persino Dio attraverso gli argomenti logici che li portano ad accettare questa verità. Questo problema serio fu il problema dell’uso improprio dell’amore nella famiglia di Adamo, e il fatto che i due – l’uomo e la donna – unirono insieme i loro organi sessuali in un tragico errore che sconvolse il cielo e la terra.

L’organo sessuale è il palazzo originale dell’amore. È un palazzo. Senza di esso, l’amore non si risveglierà. Senza di esso la vita non avrà origine e il lignaggio non avrà il carattere per continuare in tutta la storia a venire. Se rifiutate l’organo sessuale, tutto scomparirà in una generazione. Poiché Dio non potrebbe tollerare questa perdita, mantiene la situazione così com’è, e prende responsabilità per la sua opera di creazione per portare persino Satana ad arrendersi in modo naturale. (300-236, 23.3.1999)

La mia responsabilità, nel realizzare la perfezione di Adamo, è restaurare la posizione del re dell’amore cosmico liberato, non contaminato dalla caduta. Devo assumermi completamente la responsabilità per tutto il lignaggio di Satana. L’umiliazione, la mia dignità personale o persino la mia reputazione non sono importanti. Dobbiamo essere preparati a mettere il nostro prezioso organo sessuale persino dentro lo sterco di cane. Se non passiamo attraverso queste cose inimmaginabili, non possiamo restaurare le donne. Poiché non riusciamo a sopportare questo pensiero, possiamo dire: «Creiamo un nuovo cielo e una nuova terra».

Possiamo creare un nuovo universo servendo Dio. Com’è triste per Dio se non può risolvere la distruzione dell’ordine dell’amore avvenuta per mano dell’arcangelo! Considerando l’organo sessuale della donna bisognerebbe pensare: «Così questa è la fossa che ha tenuto prigioniero Dio per decine di milioni di anni!» Anche quando pensiamo all’organo sessuale dell’uomo, dovremmo pensare in questo modo. Pensare al fatto che il cielo fu messo sottosopra solo perché Eva tentò l’organo sessuale dell’uomo ed esso rispose alla sua tentazione, dovrebbe farvi scorrere un brivido lungo la schiena. (302-257, 14.6.1999)

Quando c’era un’unica femmina fra cinque maschi, Dio si sentiva a Suo agio oppure no? Se foste Dio, cosa avreste pensato? Chi avreste guidato a fare attenzione? L’unica donna, che era la più vicina a Dio. Eva era il futuro partner di Dio, il corpo di Dio, il partner d’amore più vicino a Lui. Quando si dà un ordine, lo si dà alla persona più vicina. Quando lasciate la vostra casa, date ordini alla persona che è più vicina a voi o a quella più lontana? Dareste gli ordini alla persona che vi è più vicina; ecco perché Dio disse ad Eva: «Non mangiare il frutto della conoscenza del bene e del male». Che cos’è questo frutto? Si riferisce all’organo maschile. Una donna che sposa un uomo buono avrà dei figli buoni, ma una donna che sposa un mafioso darà nascita ai figli di un mafioso. (281-195, 13.2.1997)

Quando Dio investì e continuò a investire centrato sull’amore, il Suo amore avvolse l’intero universo e ne avanzò ancora. Con al centro Dio che è la motivazione dell’amore, con questo nucleo, tutti gli angoli del mondo furono avvolti nell’atmosfera dell’amore. Quindi l’atmosfera d’amore esiste persino se andate nel mondo spirituale. Sulla terra avremmo dovuto vivere la nostra vita cantando canzoni d’amore sulla base del sistema della coppia, ma a causa della caduta si venne a creare questo stato così miserabile. Dobbiamo capire questa realtà e conoscere la caduta. (209-222, 29.11.1990)

1.2. Il frutto del bene e del male è l’organo sessuale di Eva

Eva è una donna, ma qual è l’essenza della donna? Qual è l’essenza di questo essere che è buono da vedere? Sono gli occhi? Il volto? Le mani? Il corpo? No, è l’organo sessuale. La donna ce l’ha concavo e l’uomo convesso. Dio fece l’uomo con la forma convessa e poi creò per lui l’essere che è concavo, ossia la donna. Perché Dio creò Eva in rapporto ad Adamo e disse che era buona? Dal punto di vista dell’amore di Dio, si era aperta una strada che permetteva a quell’amore di realizzarsi. Quindi era una cosa buona per Dio, per Adamo e per Eva. Così Dio parlò dell’amore. A cosa si riferivano quelle parole? Dio si riferiva agli organi sessuali. Non dovete pensare che sia una cosa strana. (294-293, 9.8.1998)

Nel giardino di Eden, Dio ordinò ad Adamo ed Eva di non mangiare il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male. Quel frutto si riferisce all’organo sessuale femminile. Una donna che sposa un re darà nascita a dei principi e a delle principesse, ma una donna che sposa un mafioso darà nascita a figli della mafia. È la donna che può portare il frutto del bene oppure del male. Può stare insieme al marito nella sua stessa posizione. Anche se non ha finito le scuole elementari, se è diventata la moglie di un presidente attraverso un rapporto d’amore, può stare in una posizione uguale. (279-316, 10.11.1996)

Dio disse: «Non mangiate», ma a che cosa si riferiva? L’albero della vita e l’albero della conoscenza del bene e del male nel giardino di Eden si riferiscono ad Adamo ed Eva. Adamo non è forse l’albero della vita? L’organo sessuale di Adamo è l’albero della vita. È esatto o no? Che cos’è l’albero della conoscenza del bene e del male? Si riferisce all’amore di Eva. È la stessa cosa che generare i figli della mafia se amasse un mafioso. Se amasse un re, genererebbe dei figli e delle figlie reali. Così l’umanità ha ereditato la linea di sangue del diavolo. (275-218, 30.12.1995)

Nella Bibbia si dice che Adamo ed Eva potevano mangiare il frutto di qualsiasi albero nel giardino di Eden, ma che non dovevano toccare o addirittura nemmeno guardare l’albero della vita e il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male nel centro del giardino. Poiché Adamo ed Eva erano fratello e sorella, potevano tenersi per mano o baciarsi e potevano mangiare i frutti di qualsiasi albero tranne il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male e l’albero della vita; Dio disse che gli organi maschili e femminili non si dovevano in incontrare. Ecco in che modo li avvisò. (200-50, 23.2.1990)

Per quale scopo Dio creò l’universo? Ho detto che si basa sul sistema della coppia, non è vero? Ma per quale scopo? Per l’amore. Che tipo di amore è l’amore di Dio? Dobbiamo capire il vero amore. Che cos’è il vero amore? Qual è la motivazione di Dio nel creare il cielo e la terra? Adamo ed Eva caddero mangiando letteralmente il frutto del bene e del male? Non dite sciocchezze. Che cos’è quel frutto? Le persone non sanno che cos’è il frutto del bene e del male. Non conoscono l’origine, la radice del peccato. Senza sapere questo, come possono curare la loro malattia? Le persone malate possono entrare in cielo? No. Il loro tipo di logica non funzionerà. (209-214, 29.11.1990)

Se si pensa agli esseri presenti nel giardino di Eden, solo uno di loro era una femmina. C’era una donna, ma c’erano tre arcangeli, Adamo, e Dio che è pure una figura maschile. Oltre a Dio, c’erano quattro maschi attorno a una sola donna, quindi il problema era come proteggerla. Il frutto del bene e del male si riferisce all’organo sessuale della donna. (272-297, 13.10.1995)

Da dove ebbe inizio la caduta? Dall’organo sessuale, il palazzo reale dell’amore e della vita. Non è così? Era l’organo sessuale attraverso il quale doveva essere ereditato il lignaggio regale, la cosa più preziosa. A causa della caduta, tuttavia, divenne il posto più sporco. È la stessa cosa per qualsiasi paese. Questa è la situazione. È una cosa sacra centrata su Dio o è una cosa spregevole, peccaminosa e malvagia? Non è l’Arca dell’Alleanza costruita da Mosè, ma il Santo dei Santi creato da Dio. Il luogo che Dio ha creato come il luogo più santo è l’organo sessuale, che occupava quella posizione prima che avvenisse la caduta. La gente non capisce nulla della caduta. Non è spiegato nel Principio Divino? (216-107, 9.3.1991)

Dio ordinò ad Adamo ed Eva di non mangiare il frutto del bene e del male nel giardino di Eden. Che cos’è questo frutto? Proveniva dall’albero della conoscenza del bene e del male. È l’organo sessuale di chi? Significa l’organo sessuale femminile. Se una donna vive con un mafioso, genererà il figlio di un mafioso, ma se vive con un re genererà un figlio regale. Quindi, può generare o il frutto del bene o il frutto del male. Il frutto del bene e del male si riferisce all’organo sessuale della donna. Capite cosa significa non mangiare il frutto del bene e del male? Dio intendeva in futuro elevare Eva come Suo partner oggetto d’amore, ma c’erano tanti maschi. Quanti erano? Erano quattro, oltre a Dio stesso.

Allora, che tipo di avvertimento Dio diede a Eva? Le disse: non fare l’amore! Disse: «Mangia il frutto del bene e del male», oppure: «Non mangiarlo!»? Che cos’era quel frutto? Era l’organo sessuale femminile. Quale era la cosa su cui bisognava mettere in guardia e dare un comandamento e una direttiva? Esisteva letteralmente un frutto chiamato il frutto del bene e del male? Quelli che erano nel giardino di Eden si sarebbero interessati a un frutto letterale oppure ad una donna? Io non lo so. Dovreste tutti saperlo meglio di me. Anche se io l’ho scoperto, non ho i diritti di proprietà. (285-190, 4.5.1997)

Adamo ed Eva caddero, ma a causa di cosa? Caddero a causa dell’amore. L’amore illecito fu la caduta. E da dove ebbe inizio questo amore illecito? L’amore illecito cominciò attraverso l’uso improprio dell’organo sessuale. Questa è la formula: se Adamo ed Eva non avessero avuto gli organi sessuali, sarebbe nata l’umanità? Senza gli organi sessuali, il Regno di Dio potrebbe cominciare? Il Regno di Dio, di bontà e di verità, sulla terra e in cielo nasce e si sviluppa attraverso gli organi sessuali perfettamente veri e buoni. Cosa succede attraverso gli organi sessuali che non sono sinceri? Facendone un uso sbagliato si crea l’inferno. (279-213, 8.9.1996)

Adamo ed Eva si unirono in un amore caduto, causando un danno terribile, e trasformarono l’amore nella parola più oscena. La parte in cui Dio aveva investito il Suo sforzo creativo più grande era l’organo sessuale. È lì che Dio investì tutta la Sua dedizione. Lì è dove converge la fonte di tutta la vita, è il punto dove si integrano tutte le emozioni ideali collegate ai sensi e quindi è il palazzo originale dell’amore. L’amore doveva cominciare da quel punto. Se Adamo ed Eva non fossero caduti, la vera vita avrebbe avuto origine da lì. Era il palazzo originale del vero amore, della vera vita e del vero lignaggio. Non abbiamo forse la parola utero? A quale parte si collega l’utero? Non è alla parte sessuale della donna? Attraverso l’amore, la carne e il sangue dell’uomo e della donna si mescolano, e le loro vite si uniscono. (253-40, 1.1.1994)

La caduta ha rovinato tutto e ha trasformato gli organi sessuali nelle cose peggiori. Dio non ha potuto abbracciarli. C’è qualcuno che lo negherebbe? Il palazzo reale più prezioso è diventato il palazzo dell’amore corrotto, della vita corrotta e del lignaggio corrotto. Sto parlando degli organi sessuali. (253-40, 1.1.1994)

Poiché la caduta ha avuto origine dall’amore, l’umanità ha perso il vero amore. Poiché Dio cacciò Adamo ed Eva prima che avessero dei figli, quei figli non avevano nessun rapporto con Lui. È qualcosa che è stato causato dagli antenati caduti dell’umanità. Dobbiamo capire il loro errore. (287-16, 10.8.1997)

A seconda del tipo di uomo che una donna abbraccia, il risultato può essere buono o cattivo. Se abbraccerà un ladro, genererà il figlio di un ladro. Così parliamo dell’albero della conoscenza del bene e del male. È un albero che sa che le cose possono diventare buone o cattive. La Bibbia paragona gli esseri umani a degli alberi. Nella Bibbia si parla dell’albero della vita. Tutte le donne non hanno forse quella parte? State attente. Dio diede un avvertimento nel giardino di Eden ed è la stessa cosa oggi. (258-183, 17.3.1994)

Il frutto del bene e del male si riferisce all’organo sessuale di Eva. Significa che il seme varia a seconda del marito che la donna ha. Se incontra un uomo buono, genererà un frutto buono, ma se incontra un uomo cattivo, genererà un frutto cattivo. Il palazzo originale dove può far questo è il suo organo sessuale. La donna non è forse un campo? Se venisse un ladro a seminare il suo seme, nascerebbe il figlio di un ladro, ma se venisse un principe, verrebbe fuori un figlio regale. (238-199, 22.11.1992)

Il luogo dove gli esseri umani commisero peccato è il loro organo sessuale, dove l’amore originalmente ha inizio. (229-7, 9.4.1992)

Che cos’è il frutto del bene e del male? Se una donna trova un buon marito, genererà un bambino buono, ma se trova un marito cattivo, avrà un bambino cattivo. Ho capito che il frutto del bene e del male era un termine che si riferiva a quella parte della donna. Che cos’è quella parte delle donne? Quando sono vergini “quella parte” indica il seno, ma quella parte in realtà si riferisce agli organi sessuali femminili. Nel caso dell’uomo, tuttavia, anche se una donna cattiva diventasse il suo partner, il loro figlio non sarebbe cattivo, e se una donna buona diventasse il suo partner il loro figlio non sarebbe addirittura migliore? (221-315, 27.10.1991)

Poiché le donne maturano prima, hanno una maggiore predisposizione a cadere degli uomini; per questo Dio diede l’avvertimento di non mangiare il frutto del bene e del male. Se l’organo sessuale di una donna incontra una persona buona, nascerà un frutto buono, e se incontra un uomo malvagio verrà fuori un frutto malvagio. Il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male si riferisce all’organo sessuale della donna. Gli uomini mettono al mondo dei figli? L’uomo non potrà mai avere questa esperienza. (221-282, 26.10.1991)

Che cos’è il frutto del bene e del male? Diventa buono se instaurate un rapporto con un uomo buono: se sposate un re, darete nascita a un principe, ma se sposate un capo della mafia, darete nascita a un futuro capo mafioso. Ecco che cos’è il frutto del bene e del male: la cosa che può produrre il frutto del bene e del male è l’organo sessuale. Non deve essere profanato. Quando un uomo violenta una donna, in coreano non diciamo forse che è stata “colta e mangiata”? Questa è come una rivelazione. Non cogliete e non mangiate! (284-137, 16.4.1997)

Attraverso cosa è avvenuta la caduta? Gli occhi? Il naso? La bocca? Le mani? Le orecchie? No. È avvenuta attraverso gli organi sessuali. Attraverso un amore falso, Adamo ed Eva diventarono dei genitori falsi e poi attraverso di loro si produsse una vita falsa, un lignaggio falso ed una coscienza falsa. Tutti si unirono a Satana invece che al Dio assoluto. Si unirono al lato contrario a Dio. (282-230, 26.3.1997)

Che cos’è il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male? Se l’amore è usato nel modo sbagliato, ereditate il frutto eterno del male. Se invece l’amore è usato nel modo giusto, ereditate il frutto eterno della bontà. Il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male è veramente un frutto? Quel frutto si riferisce agli organi sessuali dell’uomo e della donna. (226-110, 2.2.1992)

Che cosa fu la caduta di Adamo ed Eva? Essi pensavano che i loro organi sessuali fossero una proprietà personale. Questa volta siete venuti per imparare questo. Fu un errore basato sull’amore. Perché Adamo ed Eva furono scacciati? Dio li avrebbe cacciati solo perché avevano mangiato letteralmente un frutto? Dio non è così irresponsabile. Li scacciò perché avevano commesso un errore fondamentale e perciò non potevano essere riconosciuti in nessuna parte dell’universo. (279-106, 1.8.1996)

Dov’è l’essenza dell’universo? L’essenza dell’universo non caduto si trova nel rapporto d’amore. Ora noi sappiamo che questa è diventata la base della malvagità che ha distrutto il cielo e la terra. Così non possiamo più vivere alla leggera. L’errore commesso in un giorno ha sconvolto la storia di un’infinità di anni, seppellendo completamente sotto di sé Dio, i veri genitori e il mondo ideale. Ecco come sono spaventosi gli organi sessuali. Ogni volta che urinate, dovete pensare a questo: «Ehi, tu mascalzone, persino quando urini faresti meglio a farlo in modo appropriato!» (281-120, 2.1.1997)

Lo stato originale degli esseri umani, che dovevano avere il valore più nobile, fu sovvertito a causa della caduta. Dov’è il palazzo che può legare insieme tutti questi standard? È l’organo sessuale. (240-315, 13.12.1992)

1.3. Satana, il diavolo, cadde attraverso la fornicazione

Che tipo di essere è veramente Satana? In particolare, quelli che credono in Gesù devono rivelare chiaramente l’identità di Satana davanti a Dio. Chi è Satana? È un adultero, un adultero dell’amore. Questo essere, Satana, colpì a morte il padre e violentò la madre. Voi siete i figli nati come risultato di questo. Vi sentite tutti offesi, non è vero? Se non riuscite a credere che questo è vero, chiedetelo a Dio nella preghiera, mettendo in gioco la vostra vita, per sapere se le mie parole sono vere o false. (38-175, 3.1.1971)

Chi è Satana? È l’adultero che violò Eva, la quale doveva diventare la moglie di Dio. Eva doveva essere la moglie di Adamo e, nello stesso tempo, la moglie di Dio. Satana è il nemico dell’amore. È l’adultero che ha violato Eva, la moglie di Dio. Così, anche se Dio ci ha insegnato ad amare i nostri nemici, non ci ha chiesto di amare Satana, l’adultero. Satana non può essere perdonato. Potete amare quelli che appartengono a Satana, ma non potete perdonare Satana stesso. Poiché questo è il Principio, dovete capirlo chiaramente. (148-294, 25.10.1986)

I nostri antenati furono accusati da Satana, umiliati e trucidati come offerte in sacrificio. Noi siamo i cristiani che, percorrendo la via della verità, devono risolvere l’amarezza e il dolore dei nostri antenati, devono chiarire l’identità di Satana e capire il cuore di Dio nel corso della storia, il cuore di Dio nell’era presente e il cuore di Dio che si preoccupa per il futuro. Così, solo quando Dio potrà gridare piangendo: «Figlio mio, figlia mia!», il mondo cambierà direzione. (8-130, 29.11.1959)

Il diavolo, Satana, è nella posizione del principale colpevole, che ha scacciato il proprietario originale, ha rapito la sua sposa e sta persino portando i loro figli alla morte. Da questo punto di vista, esiste un modo per perdonare il diavolo, Satana, il nemico di Dio e dell’umanità? In definitiva il demonio, Satana, divenne un adultero davanti all’amore e davanti a Dio. Dio, perciò, potrà mai perdonarlo? Se Dio avesse perdonato Satana, avrebbe portato il mondo intero alla rovina. Allora, pensate che potrete semplicemente diventare i figli e le figlie di Dio così come siete? Dovete sapere che Dio e l’umanità devono continuare il corso storico, non potendo evitare la via della sofferenza e del dolore finché non cambiamo questa situazione. (53-338, 6.3.1972)

Da dove è cominciata la vostra relazione con l’amore? Dov’era il punto d’inizio? È iniziata con il male. Il capo che ha istigato questo male era Satana, il diavolo. In che modo è stato coinvolto questo diavolo? Era l’adultero dell’amore. Gli esseri umani nascono ereditando il sangue e la carne di questo adultero. Allora, è l’amore dell’adultero che volete ricevere? Volevate ricevere l’amore di un lignaggio impuro attraverso quell’adultero? No. Questo è il problema. (35-90, 4.10.1970)

Dio esercitò il massimo impegno nel creare l’universo, sognando un’immensa opera piena di speranza, ma quando i Suoi grandi sforzi e le basi della vita e degli ideali furono distrutti, il cielo e la terra si oscurarono completamente. Fu lì che l’arcangelo Lucifero apparve come un nemico; dovrebbe essere picchiato a morte o no? Il figlio e la figlia, che erano le ossa delle ossa e la carne della carne che Dio amava di più, furono presi da Lucifero. Non dovremmo tagliare la testa a questo nemico? Dio è stato il primo nella storia a torturarsi su questi problemi. (27-60, 23.11.1969)

Dovete sapere che il criminale che distrusse le qualifiche del principe e della principessa in cui Dio aveva sperato, distrusse il loro amore familiare e i loro discendenti reali, distrusse la famiglia ideale di Dio e il cielo, era il diavolo, Satana. (302-220, 14.6.1999)

Questo criminale non è solo il nemico di Dio, ma dell’umanità. È come se la famiglia reale, il principe e la principessa, fossero tenuti prigionieri nel loro palazzo dal comandante nemico, e vivessero come dei servi generando i figli in quel mondo di servi. Anche se la discendenza si sarebbe dovuta moltiplicare sotto la sovranità del principe e della principessa, l’umanità caduta è come una marmaglia che si è moltiplicata sotto la sovranità del diavolo. (302-220, 14.6.1999)

Quelli che studiano il contenuto della Bibbia non possono negare il fatto che i primi antenati formarono un rapporto di genitore e figlio con il diavolo, Satana, attraverso un amore illecito. Gli esseri umani, che avrebbero dovuto nascere nell’amore assoluto di Dio come Suoi figli di discendenza diretta, ereditando così il lignaggio diretto di Dio e il suo valore, ereditarono invece il lignaggio del diavolo, Satana, nascendo come suoi figli.

Nel capitolo 8 della lettera ai Romani è scritto: «E non solo la creazione ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo». Un figlio adottivo ha una linea di sangue diversa. Questa è la realtà umana. (53-261, 1.3.1972)

In Romani 8 è scritto: «E non solo la creazione ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo» e «voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: “Abba, Padre”!»

Oggi i cristiani sono dei figli adottivi. I figli adottivi sono di un lignaggio diverso. In Giovanni 8:44, Gesù disse: «Voi avete per padre il diavolo e volete compiere i desideri del padre vostro». Qui “padre” non indica forse la discendenza dell’umanità dal suo antenato, il diavolo? Per questo nella circoncisione si taglia la pelle del prepuzio. Ecco com’è. Come fa la gente a sostenere che il frutto del bene e del male è letteralmente un frutto? (154-337, 5.10.1964)

A causa della caduta, gli esseri umani non ebbero altra scelta che arrendersi a Satana, il padre falso. Scambiarono il loro padre. Abbandonarono Dio che era il loro vero Padre e si unirono al diavolo, Satana, il genitore falso. In questo modo, proprio il primo uomo e la prima donna finirono per diventare il figlio e la figlia di Satana. (La volontà di Dio – 293)

Originariamente che tipo di essere era Satana? Il diavolo era un servo di Dio, ma questo servo si impossessò della figlia del suo Padrone. Questa è la caduta. Secondo il racconto biblico, Eva mangiò il frutto del bene e del male, ma quel frutto non è letterale. Si riferisce al servo infame che rubò la figlia del Padrone. Dio intendeva realizzare il Suo ideale, ma l’arcangelo, che era stato creato come un servo, portò via la figlia di Dio. Questa divenne l’origine della caduta. Il cielo e la terra si vennero a trovare in quella situazione. Dovete riuscire a capire questo tipo di contenuto complicato soprattutto ascoltando il Principio Divino. (85-308, 4.3.1976)

La Bibbia afferma che Adamo ed Eva caddero mangiando il frutto del bene e del male, ma perché si coprirono le parti sessuali? Se solo le chiese esistenti avessero l’idea di analizzare un po’ più intelligentemente la Bibbia, conoscerebbero immediatamente l’origine della caduta. Perché si vergognarono delle loro parti sessuali? Si sarebbero potuti coprire la bocca o le mani. Avere le parti sessuali non è qualcosa di cui vergognarsi, ma attraverso il loro uso nella caduta, divennero il palazzo della vergogna che oltraggiò l’amore del cielo. Sarebbe dovuta zampillare una fonte di vero amore, e invece zampillò l’amore del diavolo. Quindi, fra le basi d’amore, quella divenne la base della forma d’amore peggiore. (202-199, 24.5.1990)

Quando fu espulso Adamo: dopo che aveva avuto un figlio e una figlia oppure prima? Non potevamo essere lì a vedere, ma se insieme ad Adamo ed Eva ci fossero stati dei figli, Dio avrebbe potuto scacciarli? Avrebbe dovuto versare molte più lacrime. Si sarebbero aggrappati a Lui gridando: «Nonno, perché ci scacci?» Se tutti e quattro si fossero aggrappati alle Sue braccia e alle Sue gambe piangendo, non pensate che Dio avrebbe dovuto respingerli per cacciarli via? Forse, piuttosto che Adamo ed Eva che avevano peccato, il loro figlio e la loro figlia che non avevano peccato avrebbero toccato il cuore di Dio. Sapendo questo, Dio li scacciò prima che potessero avere dei figli.

Dopo essere stati scacciati, si sposarono di loro volontà ed ebbero dei figli.

Dio li mandò via dicendo: «Andate via, sposatevi e fate dei figli e delle figlie», oppure li scacciò senza dire nulla del genere? Rispondetemi. Ad ogni modo, non misero al mondo dei figli dopo che erano stati mandati via? (218-230, 19.8.1991)

Negli Ultimi Giorni, tutto deve essere risistemato in ordine per sciogliere l’angoscia di Dio, della Sua provvidenza e dell’umanità, tutti insieme. Ecco come sarà, ma senza sapere questo, le persone parlano di mangiare il frutto del bene e del male e così via. Se pensate che le mie parole siano sbagliate, pregate per quaranta giorni, mettendo in gioco la vostra vita. Allora dovreste riuscire a sapere se il Reverendo Moon della Chiesa dell’Unificazione dice delle bugie oppure no. Voi non siete nati dal lignaggio originale. Per questo le religioni ufficiali hanno raccomandato il celibato; moltiplicare i figli del lignaggio caduto avrebbe creato dei problemi. (156-228, 25.5.1966)

Dio detesta l’immoralità sessuale. Perché? Perché gli esseri umani sconvolsero il cielo e la terra attraverso l’amore illecito. Noi non possiamo far nulla con questo sangue malvagio, ed è per questo che nell’ascetismo si mette l’accento sul celibato. Quando un uomo entra spiritualmente in uno stato di profonda preghiera, apparirà sempre una donna a tentarlo. Avverrà inevitabilmente qualcosa del genere per bloccare la via dell’ascetismo. Perché? Perché la storia discende dall’amore illecito. È incredibile che le chiese abbiano mantenuto per duemila anni l’insegnamento che l’umanità cadde mangiando il frutto del bene e del male. (41-292, 17.2.1971)

Se Adamo ed Eva non fossero caduti, avrebbero messo al mondo dei figli che sarebbero stati i discendenti diretti del figlio maggiore di Dio. Adamo sarebbe stato il figlio maggiore, il vero padre e il re. Sarebbe stato il re del regno sulla terra e nel mondo spirituale. Inoltre, sarebbe stato il vero genitore e il vero figlio primogenito. Ecco perché la famiglia di Adamo sarebbe stata la casa reale del Regno dei Cieli. Allora, chi sarebbe stato il nonno della famiglia di Adamo? Il nonno sarebbe stato Dio. La madre e il padre sarebbero stati Adamo ed Eva.

Dal punto di vista delle posizioni che rappresentano il passato, il nonno e la nonna rappresentano Dio, e Dio sta al posto dei genitori. Dal punto di vista verticale, Dio si stabilisce in una famiglia sulla base della prima, della seconda e della terza generazione. La prima generazione a livello orizzontale è vostro nonno, la seconda generazione è vostro padre e la terza generazione siete voi stessi. Perciò attraverso i vostri figli e le vostre figlie, la linea di sangue della famiglia reale può essere tramandata e continuerà per sempre. (218-255, 19.8.1991)

Sapete perché Dio creò Adamo ed Eva? Anche Lui voleva avere l’esperienza di amare dei figli come un genitore. Poi voleva sperimentare l’amore goduto da uno sposo e da una sposa come Adamo ed Eva. Voleva avere l’esperienza di amare come un nonno e anche di amare la Sua nazione; desiderava possedere tutti questi amori. Dio tramandò all’umanità tutte le cose che voleva possedere. Dovete sapere che sono la vostra tribù, il vostro popolo e la vostra nazione, questo mondo e il mondo spirituale che hanno ereditato tutto ciò. (188-214, 26.2.1989)

Se avessero raggiunto la perfezione senza cadere, Adamo ed Eva sarebbero diventati perfetti non solo individualmente, ma anche universalmente e avrebbe avuto inizio una nuova famiglia fondata sull’amore di Dio. In questo modo, se il clan, la tribù, il popolo, la nazione e il mondo fossero stati creati da quella famiglia, il mondo sarebbe diventato un’unica grande famiglia al servizio di Dio. Il centro di questa società, simile ad una grande famiglia, sarebbero stati Dio e Adamo. Inoltre, in quel mondo, la vita familiare di Adamo e il suo corso di vita centrato su Dio sarebbero rimasti come una tradizione storica, insieme al suo stile di vita, i suoi costumi, le sue pratiche e il suo ambiente di vita. Queste cose si sarebbero potute collegare solo come tradizioni basate sull’amore di Dio.

L’amore di Dio è la fonte della vita e di tutti gli ideali, così, anche se uno volesse lasciare il petto di Dio, non potrebbe farlo, e se anche lo lasciasse non potrebbe fare a meno di ritornare. (91-240, 23.2.1977)

La caduta di Adamo ed Eva non fu qualcosa che riguardava solo loro due, fu la caduta da una posizione che coinvolgeva tutta la storia umana. In altre parole, il fatto che Adamo ed Eva caddero vuol dire che non riuscirono a diventare dei genitori buoni, ma divennero invece dei genitori malvagi. Attraverso i genitori malvagi, nacquero dei figli malvagi, e attraverso di loro si formarono delle tribù, delle nazioni e un mondo di male; in questo dominio globale vivono i cinque miliardi di membri del genere umano. La storia umana in questo dominio della caduta non è una storia di gioia ma di dolore, e l’umanità non vive nella felicità ma nella sofferenza. (38-149, 3.1.1971)

Dove potete pagare un prezzo per sentire questo tipo di parole? Anche se vendeste la vostra casa, donaste tutti i vostri soldi e faceste delle offerte per decine di migliaia di anni, nessuno ve le potrebbe insegnare. Solo il fondatore della Chiesa dell’Unificazione lo può fare. Questo è il segreto dell’universo. Neanche la Bibbia ha questo tipo di spiegazione. La Bibbia ci dice che Adamo ed Eva colsero il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male e lo mangiarono e in questo modo commisero la caduta. Come potete sostenere che si tratta letteralmente di un frutto? Persone che non hanno neanche le capacità di un bambino dell’asilo possono chiamare eretico il Reverendo Moon, che decide personalmente l’assegnazione dei dottorati ed è una persona responsabile in questo campo? I caratteri cinesi per la parola “eretico” (異端) non significano che la conclusione è diversa, ma semplicemente che la conclusione non si può vedere. (238-213, 22.11.1992)

Nel mondo secolare i criminali si comportano con dignità dovunque vanno come se non avessero commesso alcun crimine, quando nessuno è a conoscenza dei loro reati. Ma se un piccolo bambino dovesse far notare di averlo visto commettere il delitto, il criminale dovrebbe arrendersi all’istante. Così, se volete far arrendere il diavolo, Satana, quello che dovete fare è rivelare la sua identità, svelare il suo crimine e lanciare un movimento per espellerlo sia dal cielo che dalla terra. (53-194, 21.2.1972)

Dio è il Signore delle leggi universali eterne, quindi dobbiamo trascinare Satana davanti a Dio e accusarlo dei suoi crimini. Dobbiamo accusarlo dei suoi crimini. Osservando Satana che si difende, dobbiamo processarlo come farebbe un pubblico accusatore, e metterlo alle strette in modo che non possa fare nulla. Allora gli arcangeli non caduti, invece degli arcangeli caduti, devono dichiarare: «È giusto!» È proprio come hai detto tu! È giusto! È giusto! (65-201, 19.11.1972)

1.4. L’umanità ha ereditato la linea di sangue di Satana attraverso la caduta

La caduta cambiò la linea di sangue di Adamo ed Eva. Quale amore la cambiò? Divennero le incarnazioni di Satana attraverso il suo amore come l’adultero, il nemico di Dio. Il corpo vivente dell’uomo e il corpo vivente della donna si mescolarono all’amore di Satana e divennero una cosa sola; il frutto di questo furono i loro figli che così ereditarono l’amore, la vita e la linea di sangue di Satana. (227-47, 10.2.1992)

Le persone cadute divennero degli esseri di falsità e così devono essere innestati. Dal punto di vista del lignaggio, i vostri antenati sono diversi dagli antenati originali. Poiché vostro padre e vostra madre sono di un lignaggio diverso, siete potuti diventare solo dei figli adottivi; da qui la logica che la caduta è avvenuta attraverso la linea di sangue. Che cos’è la caduta? È ereditare la linea di sangue sbagliata. La spiegazione della caduta come un atto d’amore illecito ha senso. Quindi è assurdo contestare quello che sostiene la Chiesa dell’Unificazione, cioè che i primi antenati caddero attraverso l’amore. La Bibbia non asserisce che caddero mangiando il frutto del bene e del male? Sapete che frutto è? È il frutto di un albero che cade e rotola per terra quando soffia il vento? No. (157-158, 2.4.1969)

Satana entrò nel cuore di Adamo ed Eva e si unì a loro, e così essi ereditarono la sua linea di sangue. Perché Dio, che è colmo d’amore, non può perdonare Satana? Dio disse che perdonerà gli assassini e i ladri, che perdonerà qualunque cosa; disse che se credete in Gesù, potete ricevere il perdono, ma perché non può perdonare Satana? Perché Satana ha infangato la linea di sangue dell’uomo. Che cosa significa? Dal punto di vista di Dio, Satana è un adultero, l’adultero dell’amore. (156-226, 25.5.1966)

Adamo ed Eva si sposarono sotto la paternità di Satana, perciò è innegabile che ereditarono il suo amore, la sua vita e la sua linea di sangue. Se non fossero caduti mangiando il frutto del bene e del male si sarebbero sposati sotto Dio. Proprio come i Veri Genitori della Chiesa dell’Unificazione vi hanno benedetto, una volta che avessero raggiunto la maturità Adamo ed Eva Dio li avrebbe chiamati e li avrebbe benedetti sotto di Lui. (228-254, 5.7.1992)

Perché colpiamo i nostri corpi? Perché l’umanità ha ereditato il sangue di Satana, il sangue del nemico di Dio. Il nemico di Dio è l’adultero. L’adultero è il nemico dell’amore di Dio! Gli uomini hanno ereditato il sangue dell’adultero. Eva, che avrebbe dovuto ereditare la regalità della nazione celeste e diventare una regina, divenne la sposa del diavolo, la compagna di un servo. Questo era il segreto del cielo e della terra, che è stato rivelato per la prima volta durante la mia vita. Così il mondo satanico si deve ritirare. (172-277, 24.1.1988)

Perché Dio detesta il diavolo? I precetti cristiani dicono che dobbiamo amare il nostro nemico, allora perché Dio non è in grado di amare il Suo nemico, Satana? Se amasse il nemico dell’amore, il cielo e la terra scomparirebbero. Le leggi del dominio celeste scomparirebbero. Le leggi dell’esistenza scomparirebbero. (191-43, 24.6.1989)

Satana distrusse l’amore ideale di Dio e profanò la vita ideale e la linea di sangue ideale. Poi gli esseri umani ebbero dei figli. Dio non poteva interferire nei figli che erano la manifestazione della vita, dell’amore e della linea di sangue di Satana. (197-286, 20.1.1990)

Perché, immancabilmente, Satana va da quelli che nel corso della storia hanno percorso la via della fede, strangolandoli, schiacciandoli e sacrificandoli? Agli occhi di Dio, Satana è l’adultero che ha rubato e profanato la Sua famiglia. La nostra madre originale avrebbe dovuto servire Dio e costruire il Suo Regno di pace in cielo e sulla terra, e invece noi e il nostro padre originale siamo stati scacciati. È entrato in scena Satana e l’umanità si è ritrovata in questo stato miserabile. Il crimine da lui commesso non era altro che questo. (156-226, 25.5.1966)

In che modo il diavolo provocò la caduta? Che cosa si coprirono dopo aver mangiato il frutto? Si coprirono la bocca o le mani? Non coprirono forse le parti sessuali del corpo? Questo divenne il seme che seminò il male. Caddero prima di aver raggiunto la maturità, mentre erano ancora degli adolescenti. Poiché il lignaggio dell’umanità nel corso della storia del mondo derivò da questo atto, negli Ultimi Giorni esploderà il fenomeno di questi rapporti. Quando verrà il tempo in cui in tutto il mondo i giovani distruggeranno l’etica dell’amore, nascosti nell’ombra, proprio come Adamo ed Eva, e non avranno paura del cielo, sarà il tempo in cui l’era del dominio di Satana in tutto il mondo verrà sulla terra. Sarà il tempo in cui ci troveremo ad affrontare il martello di Dio. (200-227, 25.2.1995)

Dovete tutti capire chiaramente che l’umanità ha bisogno di cambiare la sua linea di sangue perché ha ereditato quella di Satana. (183-308, 7.11.1988)

Mentre Adamo ed Eva avrebbero dovuto raggiungere l’unità con Dio al centro, la caduta significò realizzare l’unità con l’arcangelo, che era il servo di Dio. Le persone, che avrebbero dovuto ereditare il lignaggio di Dio, ereditarono invece il lignaggio di un servo. Quindi, per quanto chiamino Dio “Padre”, non possono sentirlo veramente perché hanno ereditato la natura caduta, che pensa sempre in termini egoistici senza tener conto di Dio né di nient’altro. Così, poiché tutti divennero esseri in conflitto formando delle tribù e un popolo, ogni cosa dopo un po’ cominciò a dividersi. In questo modo si costruì la sfera della cultura satanica. Dividendosi in due, e poi in tre, tutte le cose divise finirono per appartenere al dominio di Satana. (91-242, 23.2.1977)

A causa del complesso groviglio del lignaggio umano, la restaurazione ha impiegato seimila anni; altrimenti il Dio onnipotente avrebbe restaurato tutto in un giorno. Poiché è diventata una specie di malattia cronica nella linea di sangue, se dovesse essere sradicata di colpo, morirebbero tutti. Ecco perché ci sono voluti seimila anni. I primi antenati umani caddero mangiando letteralmente il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male? Se fosse così, come sarebbe semplice! (155-295, 1.11.1965)

Il problema è sapere come hanno avuto effettivamente origine queste cose: la base del peccato, la caduta, il male e l’inferno. Dobbiamo ripensare al tempo di Adamo ed Eva. Se ricerchiamo l’origine del motivo per cui caddero, fu perché non ebbero fede nelle parole di Dio: «Non mangiate il frutto del bene e del male». La seconda ragione è che diventarono egocentrici. La terza è che vollero amare sulla base del loro interesse personale. Questi sono i contenuti essenziali della caduta e arriviamo alla conclusione che quelli che agiscono in questo modo sono dal lato di Satana. Le persone cadute sono tutte quelle che hanno un amore egocentrico, senza fede. In definitiva quelli che sostengono l’amore egocentrico sono le persone di questo mondo. (79-198, 27.7.1975)

Non ci può essere nessuna perfezione nell’ignoranza. Chi ho detto che è Satana? È l’adultero. Ve l’ho spiegato chiaramente. Pensate di poter andare nel Regno dei Cieli ignorando questo? Pensate di poter essere salvati se non lo sapete? Non esiste nemmeno la più piccola possibilità. Che ammasso di ignoranti! Se potessimo ricevere la salvezza attraverso questo tipo di fede, persone come voi e me sarebbero state salvate tanto tempo fa. Non soffriremmo così. (188-230, 26.2.1989)

Il fatto che sia stato rivelato nel mio tempo che la caduta è stata una conseguenza dell’amore è straordinario. È qualcosa che è stato esposto teoricamente in modo sistematico attraverso il suo sfondo storico e con un contenuto che non può essere negato. (128-88, 26.2.1989)

1.5. Il significato della tentazione del serpente

Cos’è che appartiene all’uomo e alla donna? E un serpente velenoso, la trappola di un serpente velenoso. Non si dice che un serpente li ingannò? Cosa vuol dire che un serpente tentò la donna? Questo in realtà si riferisce all’organo sessuale. Non ci sono in giro tanti organi sessuali femminili più terribili di un serpente velenoso? È la stessa cosa per l’organo sessuale maschile; gli uomini usano quell’organo simile ad un serpente per tentare e sedurre le donne. Se voi donne, per errore, abboccate all’esca è un grosso problema. Una nazione e persino il mondo potrebbero andare in rovina e la vostra strada verso il cielo e la vita eterna sarebbe bloccata. (227-372, 16.2.1992)

Tutti gli uomini e le donne che vivono sulla terra sono diventati i serpenti velenosi viventi di Satana. L’organo sessuale femminile è un serpente velenoso che spruzza il veleno alla parte maschile. Il giorno in cui perderete la vostra purezza tutto il vostro clan andrà in rovina. Ecco perché il serpente è stato usato come metafora. Avete un organo sessuale o no? Un serpente velenoso arrabbiato sta aspettando con la bocca aperta, ma mettereste lì dentro la vostra mano? Inserireste il vostro organo dell’amore lì dentro? (272-37, 30.8.1995)

Se fate un cattivo uso del diritto del lignaggio, sarà un grosso problema. Cosa significa far uso del diritto del lignaggio? Significa fare l’amore. Così se gli uomini e le donne ne fanno un cattivo uso, sarà un problema. Dovete piantare il vero seme. Secondo voi, che cos’era il serpente velenoso nel Giardino di Eden? Era l’organo sessuale maschile. Ecco cosa significa. L’organo sessuale femminile è la bocca del serpente, un serpente velenoso con la bocca aperta. È un contenitore di veleno. Se fate quel collegamento anche solo una volta, tutto è finito e il cielo è distrutto di colpo. L’organo della donna è la bocca di un serpente. È una bocca aperta che è piena di veleno.

Ecco perché le donne accuratamente truccate sono come dei bei serpenti. Il serpente osserva tranquillo da una parte e quando la sua preda si avvicina, l’attacca all’improvviso. Le donne sono degli esseri terribilmente spaventosi. Le persone hanno o una bocca di un serpente o un bastone. Questo è l’organo sessuale. Originariamente il lignaggio non era così velenoso e malvagio, e l’organo sessuale non era velenoso. Ma se è usato male, la nazione, la famiglia, il potere e ogni altra cosa sono rovinati. Com’è terribile questo? È la bocca aperta di un serpente velenoso. (228-31, 1.3.1992)

Che cos’è l’organo sessuale, che cos’è il serpente? È l’organo sessuale maschile. Che cosa piace di più alla parte maschile? La parte della donna. È giusto o no? Ecco perché è pieno di pericoli. Dio avvisò Adamo ed Eva perché è come accendere la miccia della polvere da sparo, o versare della benzina ed esploderà da un minuto all’altro. L’organo sessuale maschile è come un serpente. Voi mogli dovreste andare a dare tranquillamente una sbirciata all’organo di vostro marito. È più facile capire un linguaggio crudo, ed è per questo che parlo così.

Che cos’era il serpente? È l’organo sessuale dell’arcangelo. Così non è più chiaro? Poiché siamo negli Ultimi Giorni, questa volta vi insegno tutti questi aspetti. Che cos’è la “cosa” della donna? È la bocca che si apre. Quando l’uomo si eccita e si eccitano tutti e due, non si apre? Se ne sta ferma? Prendere moglie non significa unire i due insieme? Se si uniscono insieme nel modo sbagliato, la nazione è rovinata. Il veleno non scomparirà per decine di migliaia di anni. (304-270, 9.11.1999)

Tutti gli uomini e le donne desiderano dei partner meravigliosi. Ognuno ha dei desideri diversi, ma se considerate la cosa sotto questo aspetto, è come un serpente velenoso. È peggio dell’AIDS. Una volta fatto il collegamento tutto è rovinato. Se fate un cattivo uso del vostro organo sessuale, tutto sarà completamente distrutto. Non prospererete. È diventato il posto peggiore di tutti, il più temibile, più spaventoso di una tigre o di un leone. Quelli che ne fanno un cattivo uso anche solo una volta sono rovinati e andranno a finire all’inferno. (228-31, 1.3.1992)

Il serpente è simile all’organo sessuale maschile. L’organo maschile non assomiglia forse alla testa di un serpente velenoso? Va in giro costantemente alla ricerca di un buco. E l’organo sessuale femminile è simile alla tana di un serpente velenoso con la bocca aperta. Una volta che lo mordete o che siete morsi, quel veleno si spargerà per tutte le vene del vostro corpo e morirete per sempre. L’immoralità sessuale è il modo in cui gli individui, le famiglie, le tribù e le nazioni sono rovinati. Questo perché i serpenti hanno mangiato il frutto del bene e del male. Ecco cosa significa. Gli uomini cercano di sedurre le donne usando questo. (304-162, 10.10.1999)

Nessuno sa che l’umanità sarebbe andata in rovina così. È la cosa più spaventosa. Se dovessimo paragonarlo ad un barile di polvere da sparo, non esiste un contenitore come quello. Così, se doveste andare al bagno ogni tre ore, in ventiquattro ore ci andreste otto volte. Ogni volta dovete dire: «Ehi, testa di serpente, vieni fuori!» Se questo è il vostro vero organo, è un organo sacro. Voi uomini lo dovreste adorare, in modo che non sarete stimolati ma piuttosto supererete tutte le proposte che qualsiasi bella donna potrebbe farvi cercando di sedurvi. Non si tratta semplicemente di inchinarsi di fronte a lui. Adorare è più che portare rispetto. È più che obbedienza. Io sono passato attraverso questo addestramento. Chiunque cerca di sedurmi lo farà invano. Altrimenti è difficile diventare figli di Dio. Così l’espressione: Prima di sperare di controllare l’universo, dovete controllare voi stessi significa, in altre parole, controllare il vostro organo sessuale. (304-270, 9.11.1999)

L’organo sessuale maschile è come l’arcangelo prima della caduta. L’arcangelo ingannò le sue vittime con una lingua biforcuta, poi le sedusse e le gettò all’inferno. Allo stesso modo, si sta comportando in modo da ripetere la caduta, usando qualcosa che assomiglia alla testa di un serpente. Il serpente morde. L’uomo usò il suo “serpente” per profanare la donna. Che cos’altro può voler dire che “un uomo usa una donna?” Può solo significare questa profanazione. È un organo spaventoso. L’organo sessuale dell’uomo, che è come l’arcangelo, assomiglia alla testa di un serpente. (287-116, 19.9.1997)

Da dove ebbe origine la caduta? La caduta iniziò negli organi sessuali maschili e femminili. L’organo stesso è come i denti del serpente. Una volta che siete morsi, la vostra famiglia è rovinata. Per quanto distinta possa essere la vostra casata, se questo organo è usato male sarà rovinata in un lampo. Persino una famiglia reale sarà completamente distrutta. Così l’AIDS è apparso come un giudizio di Dio negli Ultimi Giorni. (229-25, 9.4.1992)

Sezione 2. Le conseguenze della caduta

2.1. L’umanità caduta e la situazione del mondo caduto

2.1.1. I problemi dei giovani e la libertà sessuale

Proprio come Adamo ed Eva caddero da adolescenti all’ombra di un albero, con l’avvento degli Ultimi Giorni del giudizio che porta i frutti della storia mondiale, oggi i giovani di tutto il mondo sono caduti nel sesso libero. Che cos’è il sesso libero? È Sodoma e Gomorra, la trappola del diavolo. Stimola la sensualità dei giovani, e poi tutto è finito. Tutto precipita da un burrone. Che tipo di danze ballano i giovani in discoteca? Il twist è come la danza di un serpente. Il serpente non attorciglia forse il suo corpo? Contorcersi significa girare parte del vostro corpo. Quello che il diavolo ha seminato, diventerà popolare in tutto il mondo per tentare l’umanità. (208-263, 20.11.1990)

Come Adamo ed Eva caddero per un comportamento sessuale sbagliato, così sarà la stessa cosa negli Ultimi Giorni. I giovani cadranno sicuramente tutti nella promiscuità. Proprio come gli antenati seminarono i loro semi, al tempo del raccolto, i giovani mieteranno il mondo in questo modo e lo porteranno alla rovina. Quel tempo è oggi. È un fatto innegabile. Da dove è venuto fuori il sesso libero? Chi l’ha promosso? Adamo ed Eva. Essendo quelli che sono caduti, sono gli antenati del sesso libero. (257-60, 13.3.1994)

Adamo ed Eva non caddero attraverso il sesso libero nel giardino di Eden? Non praticarono il sesso libero? Anche negli Ultimi Giorni c’è la libertà sessuale. Se non sono salvati, tutto sicuramente perirà. Il lavoro della mia vita è salvarli. Devo mettere la situazione sotto controllo e costruire un ponte perché possano passare dall’altra parte. Altrimenti tutti cadranno in quella situazione. Gli uomini e le donne sono tutti caduti dentro e sono morti. Ecco perché devo costruire questo ponte per attraversare il grande oceano. Nessuno, a parte me, può costruirlo. Una volta che lo avete attraversato, non ce n’è più bisogno. L’indennizzo e cose del genere non saranno più necessari. Stiamo avanzando nell’era della moralità sessuale assoluta e dell’amore assoluto. (281-293, 9.3.1997)

Andare in discoteca, bere alcolici e fumare – non dovete avere nulla a che fare con queste cose. Non dovete avere nulla a che fare con il sesso libero. Gli omosessuali, le lesbiche e quelli che vogliono una vita da single non servono. Per quanto forte soffi il vento, dovete mantenere con calma la vostra posizione. Per quanto soffi il vento, infuri un tifone o tremi la terra, la direzione che la Chiesa dell’Unificazione segue non cambia, proprio come non cambiano il nord, il sud, l’est e l’ovest. Così, una volta che avremo unificato il mondo, tutto sarà realizzato. (206-62, 3.10.1990)

Chi bloccherà questa ondata di sesso libero e di trasgressione sessuale che incalza da tutte le parti? Chi eliminerà questa ondata di edonismo, la ricerca dei piaceri sensuali? La gente non è soddisfatta dalle droghe o dall’amore illecito; cercare gli allucinogeni sarà la fine del genere umano. È un problema che riguarda il corpo o la mente? (200-227, 25.2.1990)

Ora in America c’è un paradosso: anche se fra i giovani dilaga il sesso libero, lasciano le loro case. Questo, in un certo senso, gioca a favore del cielo. Lasciando la loro casa, possono andarsene via dalla loro gente e dalla loro nazione. Per i giovani americani non c’è mondo, paese, famiglia o genitori. Centrati sul sesso libero, poiché sono omo-sessuali e lesbiche, gli uomini negano le donne e le donne negano gli uomini. Se questo continuerà, l’umanità scomparirà nel giro di un secolo. Come deve essere incredibilmente addolorato il cuore di Dio quando guarda lo stato così miserabile dell’umanità stregata dal demonio! (208-265, 20.11.1990)

Dobbiamo sapere che il movimento degli hippie e yippie e gli attuali problemi dell’immoralità e della droga sono tutti apparsi come un aspetto della strategia globale del comunismo. Il sesso libero e il movimento lesbico-omosessuale sono una forma di comportamento che distrugge i diritti e la dignità umana. Vista in questo modo, l’attuale disgregazione della famiglia, della società e della chiesa ha già raggiunto il suo apice, arrivando ad uno stadio in cui nessun individuo, nessun teologo e neanche il potere di nessuno stato può farci nulla. (128-33, 1.6.1983)

Io conosco bene l’America. Gli americani parlano di libertà sessuale, di questo e di quello, hanno un’avventura d’amore una notte e la mattina dopo si dicono addio. Tutto è basato sull’individualismo e sulle esigenze personali, e se l’io non è al centro non sono contenti. I saluti sono diplomatici; possono guardarti negli occhi, ma la loro mente è da un’altra parte. Le emozioni e lo stile di vita sono basati sull’opportunismo. (127-328, 22.5.1983)

Che tipo di armi ha usato Satana? Ha usato un’arma di tipo gassoso, il fumo; poi un’arma liquida, gli alcolici e un’arma solida, le droghe. Attraverso questi mezzi, ogni cosa, incluso il vostro spirito, è fatto imputridire. Lui fa marcire tutto – il vostro corpo e il vostro spirito, e il marciume va dalle narici ai polmoni. Quindi noi non facciamo uso di alcolici e non fumiamo. Queste sono le armi usate da Satana per distruggere gli esseri umani. Queste tre cose, che sono gli elementi che impediscono allo spirito di una persona di comunicare con Dio, sono le armi migliori del nemico. E poi cosa viene? Il sesso libero che distrugge l’ordine dell’amore. Io devo mettere in ordine tutte queste cose con le mie mani. (26-70, 10.4.1983)

La libertà sessuale, l’omosessualità e il lesbismo – queste cose non devono esistere. Negli Ultimi Giorni cose che nella storia esistevano ma non in modo evidente sono apparse nel mondo alla piena luce del giorno. Cose che non potrebbero assolutamente esistere in questo universo sono apparse apertamente. Ora l’ordine dell’amore è completamente distrutto. Dobbiamo sapere che questa è la ragione per cui adesso l’America è diventata il fondo dell’inferno. L’ordine dell’amore è totalmente distrutto e attraverso l’uso delle droghe, l’ordine fisiologico dell’uomo e della donna è completamente rovinato. Questo vuol dire che stanno distruggendo i giovani. Distruggono l’ordine e la moralità. (125-168, 20.3.1983)

Sto cercando senza l’aiuto di nessuno di curare e restaurare questo mondo che parla di liberazione sessuale e di sesso libero, e che oggi è diventato ripugnante. Sono il medico autorizzato che può far questo. Non c’è nessun altro, a parte me, che può curare questa situazione. Si può curare insegnando il vero amore. Verrà un tempo in cui le persone non potranno fare a meno di credere nella Chiesa dell’Unificazione. Vi avverto che anche se non riuscite a credere, voi avete la responsabilità di guidare assolutamente i vostri figli e le vostre figlie in questo modo, anche se dovete guidarli con la frusta. Le chiese ufficiali hanno questa capacità? Hanno un’iniezione per curare queste cose? (209-222, 29.11.1990)

Non abbiate rapporti d’amore che suscitano vergogna davanti a Dio, l’umanità o questa terra. Finora, i gruppi a favore del sesso libero che si chiamano hippy o yippy hanno avuto tutti questo tipo di esperienze nel passato e hanno fatto tutto ciò che si poteva immaginare, ma era buono per loro? È amore questo? Dobbiamo sapere che questo è ciò che distrugge l’umanità, disonora il nome di Dio e sputa il sangue dell’amore sul pianeta terra. È come sputare il sangue sulla terra, come versare il sangue originale degli esseri umani. Così essi ballano a quella musica, fanno quello che vogliono e sollevano un putiferio. (93-29, 8.5.1977)

Sapendo che Dio negli Ultimi Giorni formerà il Suo regno sulla terra, porterà ordine tra gli uomini e li farà entrare nel Suo Regno in cielo, Satana promuove un comportamento contrario a Dio. Per esempio, ha distrutto completamente il primo e solo amore attraverso il sesso libero. Il primo amore doveva essere eterno, ma lui l’ha trasformato in un amore fra cani bastardi. Questo è diventato un mondo pieno di questo amore senza valore. Questa è la storia di una vita umana di settanta anni.

Satana lo sa, e perciò ha creato un mondo dove imperversa la libertà sessuale, in cui gli uomini si sposano tra loro e le donne si sposano tra loro. Rimangono coinvolti nelle droghe e cercano solo il piacere. Quelli che si abbandonano alla gratificazione fisica riceveranno un giudizio sommario che li porterà direttamente all’inferno. Chi risolverà tutto questo? Deve essere il Reverendo Moon. I Veri Genitori devono portare la soluzione. (227-279, 14.2.1992)

Tutti gli esseri creati sono legati in coppie grazie all’amore. Se questo amore fosse tolto, andrebbe disperso come granelli di sabbia. Che tipo di amore desiderate? Nel mondo dell’amore non esiste il concetto dell’individualismo, ma quello della coppia. Anche nel mondo degli insetti, ci devono essere il più e il meno, il partner soggetto e il partner oggetto. Questa è la modalità di esistenza di tutti gli esseri creati. (287-60, 31.8.1997)

2.1.2. La corruzione della moralità sessuale

Un esempio del tipo di cose che succedono in America è che con l’idea della liberazione sessuale, la gente dell’alta società come gli avvocati che partecipano ad una riunione del loro ordine, dopo l’incontro si fermano in un hotel e si scambiano le mogli. Nel giro di una settimana hanno dormito con le mogli di tutti i loro amici. (191-220, 25.6.1989)

È bene che le donne non sposate si trucchino oppure no? Non fanno così le prostitute e le donne di strada? Oggi le ragazze non sposate vanno in giro con il fard e il rossetto, ma non sapete come appare brutto quel fard? Il colore naturale originale dei giovani è bello. Se lo contemplaste per mille anni, lo trovereste sempre bello, mai brutto. Com’è bello quel colore! Non potete creare un colore che lo supera. Non potete creare quel colore con il fard. (275-136, 4.12.1995)

Se la famiglia è rovinata, è una rovina essenziale, è la rovina di tutto. Ci sono i problemi dei giovani e la disgregazione della famiglia. Non esiste nemmeno una famiglia perfetta. Negli Ultimi Giorni le donne avranno due uomini. Da questo deriva il termine liberazione sessuale. È responsabilità dei Veri Genitori riparare tutto ciò, ricucendo insieme gli stracci per farne un abito migliore di una veste di seta che Dio può indossare. (304-166, 10.10.1999)

Chicago e Los Angeles sono come New York. Tutte le grandi città americane sono eguali. Satana pensa che se può rovinare completamente la famiglia, che è vitale nel cristianesimo, corrompendo la moralità sessuale attraverso la liberazione sessuale, allora la base che è stata stabilita in tutto il mondo fino ad ora crollerà. Perciò, inietta in tutti il sesso libero e in questo modo le persone diventano tutte dei piccoli satana. (87-137, 23.5.1976)

Il governo degli Stati Uniti può risolvere il problema della promiscuità dei giovani d’oggi in America? Non è una cosa che si può fare col potere militare, il potere economico, la scienza o la tecnologia. Oggigiorno non stanno succedendo tutti i generi di cose depravate in nome della libertà sessuale? È amore questo? Il vero amore che può portare alla vita eterna si è ridotto così. Allora che speranza c’è? È una situazione sen-za speranza persino se incontrate un uomo, se vedete vostro figlio, o se vedete i vostri genitori. Ovunque andate, quando incontrate qualcuno, c’è disperazione. (183-337, 9.11.1988)

Poiché il mondo è piombato nel disordine e nel caos, è emersa la malattia dell’AIDS. In nome della liberazione sessuale si sta diffondendo la confusione. È impossibile trovare il vero amore. La mente umana originale lo sta cercando e sollecitando, ma non c’è modo di trovarlo. Più vi addentrerete nel mondo secolare, più sarete feriti. Il tipo di amore di un mondo che è basato sull’apparenza esteriore distrugge tutto. (210-280, 25.12.1990)

Quello che ha avuto inizio con un solo uomo, Adamo, ora ha portato alla confusione fra tutti gli uomini, quando si parla di liberazione sessuale. Nella famiglia ci sono persino delle relazioni incestuose. È un fenomeno deplorevole che non si vede nemmeno nel mondo degli animali. Questa distruzione e aberrazione dell’amore in seno alla famiglia è imperdonabile agli occhi di Dio. Questo è diventato un mondo che Dio non sopporta di guardare. (292-175, 12.4.1998)

Quando una coppia raggiunge la perfetta unità, la fortuna del cielo la protegge. Anche se volesse fallire, non potrebbe. La fortuna della famiglia, la fortuna della società, della nazione, del mondo, del cielo e della terra e l’amore di Dio, formeranno degli strati di protezione per loro. Ma se questa unità è sul punto di spezzarsi, il mondo la lascerà stare? Se così fosse, quel seme scomparirebbe. Come si potrebbe ottenere il divorzio? Il divorzio distrugge questa posizione protetta dalla fortuna del cielo. Come si potrebbe avere un’avventura d’amore? Io devo riorganizzare con le mie mani questo mondo che oggi è a favore della liberazione sessuale. Deve essere decisamente riorganizzato. È quello che ho fatto finora. Anche la società americana dice: «Non c’è un altro dottore, a parte il Reverendo Moon, che può mettere mano a questo». Non c’è un altro dottore così. (211-268, 30.12.1990)

Sentiamo parlare di parricidi, matricidi e infanticidi. Nei casi estremi cosa sentiamo? Che un figlio convive con sua madre. È davvero la fine. Avete mai sentito cose del genere? Ci sono tanti casi così, ma non suscitano scalpore fino a questo punto. Ora, è giunto un tempo del genere. Si chiama liberazione sessuale. Nel mondo comunista, le persone sono trattate come animali, così questo tipo di cosa non sarebbe neppure considerata un problema. Questi si chiamano gli Ultimi Giorni. Non si fa differenza fra il cugino, lo zio o la madre. Quanto ai cani, un cucciolo si accoppierebbe con sua madre per fare un altro cagnolino? Quando nel mondo umano arriva un tempo simile, è la fine. (39-123, 10.1.1971)

Oggigiorno le persone mettono l’accento sulla vita da single, e gli omosessuali e le lesbiche sono un problema. Ma perché gli omosessuali e queste persone si sono ridotti in questo modo? Cos’è che li riduce inevitabilmente così? Li hanno fatti diventare così le relazioni incestuose. Un nonno che violenta sua nipote. Un padre che violenta sua figlia. La causa di queste relazioni incestuose è che alla fine le persone hanno fra loro dei rapporti sessuali così come vogliono, poiché è arrivata l’era della liberazione sessuale, l’era del sesso libero. Non hanno rapporti sessuali con un estraneo di una città lontana, ma con uno dei loro parenti più stretti. (261-44, 22.5.1994)

Quello che sta succedendo a New York adesso è che solo i ricchi e le persone dei livelli più bassi rimangono lì. La gente della classe media, che è la spina dorsale della città, ha fatto le valigie ed è scappata via; solo l’anno scorso, sono partite circa seicentomila persone. Fra le classi più basse ci sono prostitute e delinquenti che parlano di liberazione sessuale, facendo una base per Satana. Quelli che pensano di non poter educare i loro figli in quel caos non possono fare a meno di andarsene. Fino ad ora, nella città ci sono stati tanti alberghi che sono un mercato per la prostituzione. (87-135, 23.5.1976)

2.1.3. L’omosessualità

Noi Unificazionisti intendiamo risolvere tutte le cose malvagie del mondo che piacciono a Satana. Io risolverò il problema del movimento gay e così via. Risolverò i problemi del sesso libero, dell’immoralità sessuale, dei gangster, dei terroristi e della criminalità organizzata. Prenderò responsabilità per i problemi più difficili del mondo. Supererò persino il partito comunista. (109-34, 26.10.1980)

Il movimento gay non è molto diffuso negli Stati Uniti? Non ci sono forse tanti omosessuali? È perché le persone non conoscono il Principio della creazione. Ma i membri della Chiesa dell’Unificazione, che lo conoscono, attraverso un’educazione approfondita hanno capito che devono sposarsi. Di conseguenza qui il movimento gay è completamente crollato. I vostri genitori possono essere andati fuori a ballare, aver avuto dei rapporti sessuali liberi che hanno distrutto la famiglia e tutto il resto, ma voi comprendete bene la caduta; perciò non importa quanto balliate, questo può condurvi alla libertà sessuale? (118-109, 9.5.1982)

Dicono che approveranno una legge che legalizza l’omosessualità? Verrà promulgata una legge? Dovrebbero vergognarsi di vedere il sole, gli alberi, l’erba, o addirittura un cane. Essendo in quel modo, come possono vestirsi, mangiare e vivere come gli altri esseri umani? Quelli che praticano l’omosessualità saranno quelli che si oppongono a noi e ci chiamano eretici. (118-295, 20.6.1982)

Allora cosa sta succedendo adesso in America? Che si tratti di omosessuali o di lesbiche, in America si sta espandendo una sfera culturale che nega il coniuge. Esiste uno sposo per l’angelo? Tanto tempo fa l’uomo seguì Eva che tradì Dio, ma da ora in poi deve seguire Eva che sostiene Dio. Ecco perché ho sposato tanti uomini con delle donne giapponesi. Gli americani danno ascolto a quello che hanno da dire le donne; per loro le donne sono delle regine. (119-246, 13.9.1982)

Una donna che vive da sola è felice? Se gli omosessuali e le lesbiche venissero qui a sentire le mie parole, continuerebbero alla loro maniera o penserebbero che devono porre rimedio a questa situazione? Potrebbero opporsi al Reverendo Moon, dicendo che si sbaglia? I giovani del mondo non sanno che esiste questo insegnamento. Se cercate di incontrare Dio, dovete possedere un amore che ha gli attributi di essere eterno, immutabile e unico. Altrimenti non potrete incontrare il Soggetto del vero amore o partecipare alla via del vero amore. (124-86, 30.1.1983)

Per mano di chi saranno salvati gli omosessuali e le lesbiche? Per mano del Reverendo Moon, per mano mia! Chi può liberare questi giovani che stanno diventando dei cadaveri ambulanti, dei tossicomani e dei moribondi? Li libererò io con le mie mani. Chi libererà quelli che incoraggiano la libertà sessuale e amano giocare d’azzardo? C’è qualcuno fra i cristiani degli Stati Uniti che lo farà? I pastori delle chiese americane possono farlo? E poi, chi fermerà il partito comunista? Lo fermerà il Reverendo Moon. (124-329, 1.3.1983)

Che dire degli omosessuali e delle lesbiche in America? Il loro è un amore arrogante. Più a lungo persisteranno in questo, più grande sarà la loro rovina. Porta alla distruzione, al crollo degli individui, delle famiglie, dei figli, delle nazioni, del mondo e dell’universo. Se queste cose sono distrutte, l’umanità scomparirà automaticamente. Quando la gente si riduce così, l’umanità perirà. (125-68, 6.3.1983)

Oggi in America le lesbiche, gli omosessuali e i gay stanno prendendo piede. Questo è un peccato e ci saranno delle conseguenze. Le malattie che li affliggono non si trovano dove vivono gli uomini e le donne eterosessuali. Sono colpiti da malattie che non si trovano nelle coppie normali. Il tipo di malattie sessuali che insorgono dalla violazione dei principi dell’amore sono la loro punizione. Così è necessario un amore centrale. Voi nascete dall’amore centrale. Che cos’è questo amore centrale? È l’amore dei genitori. È qualcosa di eternamente innegabile. Non potrà mai essere negato. La gente può pure insistere a negarlo, ma rimane innegabile. (128-15, 29.5.1983)

In questi giorni c’è un grande scompiglio per via degli omosessuali e delle lesbiche. Quelli che fanno cose del genere periranno. Non dureranno nemmeno un secolo. Non dureranno assolutamente a lungo. Se vivono così, tutto sarà distrutto. Quello su cui si fonda la cultura americana è nel dominio della cultura dell’amore satanico, che è distruttiva e destinata a crollare. Quindi deve essere buttato via. La cultura americana appartiene alla sfera culturale dell’amore satanico.

Che cos’è la cultura unificazionista? È nella sfera culturale dell’amore di Dio. È semplice. È assolutamente contraria alla libertà sessuale, all’omosessualità e alle droghe. Noi ci opponiamo a tutte queste cose. (134-14, 1.1.1985)

Le donne americane dicono che non hanno bisogno dei genitori che invecchiano. Chi sono i genitori che invecchiano? Non sono forse i loro nonni e i loro genitori? Satana ha creato questa situazione negli Ultimi Giorni. Perché? Perché conosce lo scopo di Dio. Poiché Dio sta cercando di stabilire questa formula, Satana cerca di spezzarne la base. Chi è che attacca? Satana. Poi, dicono che non hanno bisogno di sposarsi. Questo non è davvero un sistema strano? Chi l’ha fatto diventare così? Satana. Questo è il suo obiettivo. Gli omosessuali e le lesbiche sono tutti il risultato di Satana. Dopodiché diranno che non hanno bisogno di bambini. (135-115, 4.10.1985)

Quanto è difficile per quelli che hanno fatto uso di droghe e sono stati omosessuali o lesbiche, uscirne fuori? È un inferno umano. Noi non possiamo perdere i giovani americani che sono intrappolati in questa rete e finiscono per diventare preda di Satana. Chi, a parte gli unificazionisti, li può salvare? Se non lo facciamo noi, sarà la fine dell’America. (149-377, 28.12.1986)

Gli uomini e le donne sono orizzontali. Sono sullo stesso piano. L’unione dell’uomo ha come scopo l’innesto, sulla base dell’amore verticale, duraturo ed eterno. Poiché gli uomini che rappresentano l’est e le donne che rappresentano l’ovest hanno perso la linea centrale in mezzo a loro, si muoveranno in direzione del centro verticale cercando di innestarsi lì. Per questo devono assolutamente sposarsi. In America non ci sono tante persone che si oppongono al matrimonio? Ci sono tante persone, come gli omosessuali e le lesbiche, che non amano avere dei figli. Quelli che sono senza figli quando andranno nel mondo spirituale saranno dei falliti. Questa è la formula dell’universo. (163-88, 19.4.1987)

Aspettate e vedrete: il sesso libero depravato un giorno scomparirà. Anche gli omosessuali un giorno scompariranno. Le lesbiche sono donne che si sposano fra loro: come può esistere una cosa del genere? Non lo fanno nemmeno gli insetti nel mondo animale. Queste persone sono degli esseri umani? Anche quelle persone malvagie che dicono che Dio non esiste devono tutte scomparire. La visione materialista della storia scomparirà. (188-157, 19.2.1989)

Gli uomini si stancano delle donne e le donne degli uomini, e così ogni giorno vanno in giro, assetati d’amore, e sempre soli; diventeranno tutti omosessuali e lesbiche e finiranno nel bidone della spazzatura. Fumano l’oppio e finiscono per autodistruggersi. Chi prenderà responsabilità per questo? La prenderà il Dipartimento di Stato o il Pentagono? Tutti noi ci dobbiamo assumere questa responsabilità. (207-111, 1.11.1990)

Poiché l’America è diventata la nazione di tipo arcangelo negli Ultimi Giorni, le sue donne non saranno qualificate ad essere donne. Per questo appaiono gli omosessuali e le lesbiche e dicono: «Sposiamoci fra donne. Sposiamoci fra uomini!» Non c’è nessun riconoscimento di un partner d’amore per l’arcangelo. Non gli è riconosciuto nessun diritto di proprietà. Gli uomini omosessuali non riconoscono le donne. Ecco perché tutto si è ridotto così. Oggi la realtà dell’America è che mentre da un lato si oppone all’omosessualità, dall’altro deve mostrare il modo per presentarsi onestamente davanti a Dio. Problemi come il lesbismo, l’omosessualità, la disgregazione familiare devono essere completamente risolti. (240-155, 11.12.1992)

Secondo il Dipartimento delle Statistiche degli Stati Uniti, tra il 1970 e il 1990 la percentuale dei divorzi è triplicata, col risultato che una famiglia su sei divorzia e sul territorio nazionale il trenta per cento dei bambini sono allevati da genitori singoli. Inoltre, si sta diffondendo il fenomeno strano e depravato delle coppie gay sposate. (288-197, 28.11.1997)

L’immoralità, il comportamento sessuale depravato, assieme all’edonismo stanno sistematicamente rovinando le famiglie. Siamo arrivati al punto che oggi alcune persone pensano che anche i gay possono costruire un tipo di famiglia diverso accanto alla famiglia tradizionale, e che possono avere dei figli per mezzo dell’adozione o dell’inseminazione artificiale. (288-171, 27.11.1997)

I problemi del mondo d’oggi sono seri. Se andate in un posto come l’America, vedrete tante coppie omosessuali dove gli uomini si sposano tra loro e le donne fanno la stessa cosa. Francamente dove possiamo trovare queste leggi? Fisiologicamente, le persone non sono fatte per comportarsi in questo modo. Dopo una generazione la loro discendenza si estinguerà. Sarà finito tutto. La fortuna del cielo li espellerà e i loro cuori non saranno certo felici. Soffriranno tanto e sorgeranno dei problemi ancora più complicati. Così i partner soggetto e oggetto coesisteranno sempre in un ambiente di vita. Dovete vivere nella società essendo consapevoli di questo. (243-74, 3.1.1993)

Il sesso libero è davvero la corrente perversa che dobbiamo estirpare completamente da questo pianeta. Gli elementi che sono collegati al sesso libero come la droga, la violenza, l’omosessualità e l’AIDS, portano l’umanità alla distruzione. (288-283, 30.11.1997)

Oggigiorno sta comparendo l’omosessualità, le persone negano i loro genitori; i mariti fanno ogni cosa immaginabile e le mogli altrettanto. Poiché queste cose vanno contro le leggi celesti dell’universo, nell’altro mondo saranno giudicati dalla legge penale universale. (106-112, 16.12.1979)

2.2. Domare la cultura sbagliata della libertà sessuale

2.2.1. Negli Ultimi Giorni l’ordine dell’amore è corrotto

Poiché l’amore vero è prezioso, violarlo è un crimine universale. L’immoralità sessuale, la promiscuità dei giovani, la disgregazione familiare, l’incesto, l’omosessualità, i crimini sessuali indescrivibili sono la realtà contemporanea. Queste cose fanno soffrire Dio. L’ideale della creazione è realizzare l’ideale della famiglia che si basa su un amore eterno e sublime, ma perché siamo arrivati alla situazione miserabile di oggi? Possiamo dire che negli Ultimi Giorni le conseguenze della caduta dei primi antenati danno i loro frutti in espressioni di depravazione, proprio come i semi che sono stati seminati. (135-12, 20.8.1985)

Gli americani non capiscono che nella loro nazione non c’è nessuna base di vero amore. Alla fine, tutto andrà in rovina a causa dell’amore falso. I rapporti nelle coppie, fra fratelli e sorelle e fra genitori e figli si spezzano. L’incesto si diffonde e fa precipitare le persone all’inferno, distruggendo tutto. Essendo giunta completamente al punto zero, la società americana deve essere ricostruita daccapo. È un mondo sotto Dio! Tutti i colori, le barriere, i costumi e le tradizioni devono essere aboliti. Solo il cuore dei genitori e l’amore della famiglia rimarrà: ossia, investire e dimenticare, perché i genitori amano veramente i loro figli. Questo è il concetto del cielo. (293-152, 26.5.1998)

Poiché la famiglia è la radice, Satana l’ha distrutta completamente. Ha distrutto tutto attraverso il sesso libero, l’omosessualità e l’incesto. Dobbiamo superare completamente queste cose. Poiché l’inferno si è stabilito sulla terra, dobbiamo andare nella direzione diametralmente opposta. Con l’ideale che abbiamo, potremo realizzare un mondo ideale senza problemi, costruendo una nazione e un mondo ideali sulla base di una famiglia ideale, andando in quella direzione diametralmente opposta. (261-284, 20.6.1996)

Il sesso libero è la strategia devastante del diavolo per cancellare l’ideale di Dio dalla faccia della terra, senza lasciarne alcuna traccia, in modo che Dio non possa mettere piede in questo mondo. Inoltre, Satana ha fatto ammalare di mente le persone attraverso le droghe. In un posto così, non è possibile trovare la via dei principi celesti in una situazione normale e tutti gli ideali d’amore che fioriscono in una coppia innamorata. Come si può restaurare l’ideale di Dio in uno stato del genere? Come ha potuto l’America ridursi così in quarant’anni? (253-303, 30.1.1994)

Questo è diventato un mondo dove imperversano la libertà sessuale e l’incesto. Com’è potuto succedere? Queste cose avrebbero dovuto essere risolte al tempo di Gesù. Il Signore del Secondo Avvento deve ritornare e risolvere definitivamente le relazioni incestuose. Tuttavia, poiché è stato respinto, il mondo libero senza rendersene conto sta precipitando nell’inferno, e tutte le persone sono in fila per cadere giù dal burrone. A questo punto la gente non sa come fare marcia indietro. Se avessi potuto venire qui a quell’epoca, le cose non sarebbe andate in questo modo. Il mondo libero mi ha scacciato e ha creato il caos nel giro di quarant’anni. (252-139, 14.11.1993)

Una donna da sola può realizzare la sua perfezione? No. Le donne americane non dicono forse che non vogliono sposarsi, ma che vogliono avere dei figli? Com’è successo questo? Dicono che non hanno bisogno dei nonni, dei genitori, dei mariti, dei fratelli o di nessun altro. Poiché non possono vivere da soli, gli uomini si mettono insieme, le donne si mettono insieme e così si consolano a vicenda? È questo il modo di consolare? Da dove ha avuto inizio l’incesto? Dietro a questo c’è la libertà sessuale. (248-111, 1.8.1993)

Gli uomini o le donne sulla terra finiscono per diventare degli animali. In altre parole, rispetto ai rapporti sessuali sono come gli animali. Quello che sta succedendo è che i nonni e gli zii convivono con le nipoti. In questo modo, sulla base di ambienti distruttivi che nel regno dell’amore ideale non sono neanche immaginabili, il mondo crollerà. Vivendo nella stessa casa con sua madre, la figlia fa l’amore con suo padre. Vivono in questo modo e compaiono persino in un’intervista alla televisione. In America si dice che le relazioni incestuose sono più del 20 per cento. (208-304, 21.11.1990)

Dio non può intervenire negli affari dell’umanità caduta. La donna che amava Gli fu portata via e generò dei figli. Dio poteva visitare quel luogo e amarli lì accanto al diavolo? Queste non sono parole vuote. Roma fu distrutta a causa dell’immoralità sessuale e anche l’America adesso perirà attraverso questa immoralità. Se andate a Pompei ci sono ancora tracce di quella immoralità, tracce di relazioni incestuose nel corso di tre generazioni. In America il venti percento della popolazione è così. Questo è destinato ad essere distrutto. (197-265, 19.1.1990)

Sapete perché ora l’America sta andando in rovina? Io li avevo avvisati. Sapete quanti casi di incesto ci sono? Sono il venti per cento in questa nazione di delinquenti! I nonni convivono con le nipoti e i padri dormono con le loro figlie anche se sono sposate. Ci sono tutti i sintomi della distruzione apocalittica. Tuttavia, le nazioni sviluppate non conoscono la terribile realtà che siamo entrati in un’era in cui possiamo essere colpiti da una bomba atomica che è stata lanciata dal cielo. È qui che hanno bisogno di me e della Chiesa dell’Unificazione. Senza la Chiesa dell’Unificazione non potranno mai mettere queste cose sotto controllo. (201-165, 30.3.1990)

Gli uomini sono nella posizione dell’arcangelo. Così in America ci sono casi di uomini che violentano le figlie o persino le madri. I casi di incesto hanno superato il venti per cento. Satana sta gettando le nonne, le madri, le sorelle più piccole e persino le figlie nella confusione. Per questo sto ideando una strategia per cingere d’assedio l’inferno e distruggere il regno satanico. (227-71, 10.2.1992)

Con la morte di Gesù sulla croce, il mondo satanico sul lato sinistro trionfò. A causa del fatto che il Vaticano non riuscì a realizzare la sua responsabilità, le persone caddero nel materialismo ateo, passando attraverso gli stadi della Rivoluzione francese e dell’umanesimo. Bandendo Dio, bandendo le persone e persino la proprietà, l’umanità è diventata miserabile. La gente soffre anche perché non ha cibo da mangiare. Chi l’ha ridotta così? È stato Dio a ridurla così?

In questo mondo democratico, le persone si vantano dei beni materiali, ma non conoscono la grazia della sfera culturale cristiana e come riportarla a Dio. Non sanno realizzare la loro parte di responsabilità e finiscono per diventare delle bestie. Come può aver luogo un incesto in una famiglia con una tradizione culturale cristiana? Queste persone sono state offerte al diavolo e sono corrotte. (214-243, 2.2.1991)

Senza il permesso del Genitore di impegnarsi in un rapporto d’amore, Adamo cadde all’ombra di un albero, mentre era ancora adolescente. Ecco come piantò i suoi semi e come questi semi sono raccolti. Perché in questo tempo gli adolescenti sono diventati un problema mondiale, e perché è giunta l’era in cui esercitano un potere che nessuno può controllare? È qualcosa di inevitabile. L’unico modo per risolvere questo è imparare la via dei Veri Genitori che vengono. Ecco cosa bisogna fare. (262-212, 23.7.1994)

Nella storia della Corea, ciò di cui possiamo essere fieri a livello mondiale è la sfera tribale. I coreani sono una razza che onora i suoi antenati e che è rimasta nella provvidenza di Dio per mantenere una tradizione e continuare le generazioni di un lignaggio puro. Così, dobbiamo sistemare rapidamente le cose in modo che non possa apparire nessuna persona adultera. Oggi, in luoghi come l’America, c’è il problema dell’incesto. I nonni convivono con le nipoti, i padri con le figlie, i fratelli con le sorelle ed esistono tutti i tipi di comportamenti immaginabili. Ora è apparsa la tendenza a sposarsi fra cugini dell’ottavo grado. Questo deve essere giudicato ed eliminato. La nostra missione per risolvere questa situazione è grande. Abbiamo la responsabilità di preservare la tradizione di una tribù pura, perpetuando e promuovendo i principi etici di un popolo. (213-154, 16.1.1991)

2.2.2. Purezza assoluta: non contaminate il lignaggio

Dio cerca di realizzare una linea di sangue che preserva eternamente la purezza. Dobbiamo sapere che il nostro desiderio di esseri umani e quello dei nostri antenati, Adamo ed Eva, era di preservare eternamente il lignaggio diretto. Questo pensiero tradizionale non scomparirà. Perché? Perché quello che Dio ha progettato è assoluto. La Sua volontà a un certo punto deve essere assolutamente realizzata. Se non potesse essere realizzata, non sarebbe Dio. La Sua volontà è immutabile. I numerosi conflitti tra le varie confessioni religiose, le religioni e le nazioni non sono volontà di Dio. Vanno contro la Sua volontà e crolleranno tutti. (249-188, 10.10.1993)

I Veri Genitori devono assumersi la responsabilità per tutte le cose che Adamo ed Eva che non riuscirono a fare e risolverle al loro posto. Altrimenti non c’è nessun modo di restaurare la posizione dei veri genitori. Quello che i genitori hanno seminato, deve essere raccolto dai genitori; devono bruciare le cose cattive, mettere da parte le cose buone e distribuire i semi che tutti reclamano. Queste sono le parole del Principio. Sono le parole del vero amore, di un lignaggio puro e dell’amore coniugale ideale. Non c’è altra strada da seguire per gli esseri umani. Tutte le altre cose scompariranno, ma questo accompagnerà la vita umana, la vita eterna. Ecco come è prezioso il Principio. (256-28, 12.3.1994)

Là dove è stato perso il lignaggio originale, non emergerà nessuna cultura del cuore. La cultura è collegata allo sviluppo della storia. Sulla base della famiglia, della società, della nazione e del mondo bisogna propagare questo. «Promettiamo solennemente di portare a compimento la cultura del cuore, collegata al lignaggio originale». Il punto è trasmettere un lignaggio puro, altrimenti saremo tagliati dal mondo della cultura del cuore. Il vasto Regno dei Cieli è la base del cuore in cui possiamo vivere, ma se il mondo della cultura del cuore non può essere costruito, quel mondo si estinguerà. Quindi dobbiamo vivere una vita basata sulla cultura del cuore. (260-305, 19.5.1994)

Attraverso cosa è avvenuta la caduta? Possiamo concludere che è successa attraverso la fornicazione. Quando esponiamo la caduta, dobbiamo parlare di tutte queste cose. Satana fu il dio della fornicazione. Dio è il dio della purezza. A cosa si riferisce questo? Al lignaggio; sto parlando della linea di sangue.

Il mondo di Satana è completamente un mondo di fornicazione, è il mondo del diavolo. (266-22, 4.12.1994)

Bisogna mantenere un lignaggio pulito, un lignaggio puro. Proprio come Dio scacciò Adamo ed Eva caduti, se macchiate il vostro lignaggio, dovete cancellarvi completamente e ritornare in fondo alla fila dell’umanità con le persone cadute. In futuro i leader saranno quelli che hanno preservato la loro purezza. Queste persone erediteranno e trasmetteranno anche il pensiero centrale tradizionale. È imperdonabile che le coppie benedette cadano di nuovo. La società occidentale è in una confusione terribile. (268-110, 31.3.1995)

Sapete cosa succederà se diventate dei tossicodipendenti? Sapete che l’intossicazione dell’amore è più forte dell’intossicazione della droga? Le persone si sono intossicate con l’amore falso che le ha fatte perire. Anche le donne sono così; hanno due menti. Quando voi donne fate l’amore con i vostri mariti, dovete pensare così: «Dio ci sta visitando». Dovete pensare in questo modo. Dovete pensare di vostro marito: «Dio è sceso dentro di lui. Io pulirò e preparerò bene il nostro letto per stanotte». Poi concentrate tutta la vostra sincera devozione dal momento in cui il vostro bambino è concepito. Quando avete concentrato la vostra devozione come un bambino, poi come un fratello o una sorella, come un coniuge e come una madre, un marito e una moglie così puri che hanno mobilitato i quattro grandi regni del cuore si ameranno reciprocamente. Avete mai pensato in questo modo? (273-21, 21.10.1995)

Che creature spaventose sono le donne. Se un uomo maltratta una donna, la nazione perirà e anche lui sarà distrutto. Vale la stessa cosa anche per le donne; se una donna maltratta suo marito, la nazione perirà, la sua tribù sarà rovinata e le generazioni di purezza mantenute attraverso i suoi antenati saranno tutte rovinate. È una cosa seria. Quindi la vera forma della verità più alta in rapporto a una donna è suo marito. Lei ha dato il suo primo amore a suo marito. Il primo amore non può essere scambiato. Non potete scambiare quel primo amore nemmeno per Dio; non potete scambiarlo per Adamo. Potreste scambiarlo sole se vi venissero offerti sia Dio che l’Adamo perfetto. Ecco com’è tremendo il primo amore. (275-83, 3.11.1995)

Dio non può interferire e Satana, dopo aver fatto le cose in questo modo, dice: «Ehi! Poiché le cose sono andate così male, nemmeno io posso seguirle». Perciò sembra che questa situazione non piaccia a nessuno. Così ci sono sempre più persone che commettono suicidio. La parte più preziosa del corpo, la cui purezza deve essere protetta e che le donne hanno mantenuto come la base di questo amore prezioso, è stata calpestata da tutte le parti. Le donne avrebbero dovuto ricevere dai loro genitori un ambiente che le proteggeva, invece i loro nonni, padri e fratelli le hanno violentate. Quindi, non vogliono vedere gli uomini, nemmeno in sogno. Li odiano anche a costo di morire. (283-32, 8.4.1997)

Dovete conquistare il corpo e i suoi cinque sensi! Seguirete l’amore spirituale o l’amore fisico? Anche se doveste morire dieci milioni di volte, dovete preservare la vostra castità. Le donne che stanno per sposarsi e tutti i figli devono preservare la loro purezza. Prima di sposarvi, dovete preservare la purezza e dopo aver sposato un vero uomo dovete essergli fedeli. Donne, avete capito? (286-161, 9.8.1997)

Poiché nel giardino di Eden furono seminati i semi dei problemi dei giovani ed ebbe luogo un matrimonio illecito, questo deve essere invertito in modo che l’umanità possa sposarsi di nuovo dal lato del cielo; il lignaggio deve essere cambiato. Questa teoria deve essere affermata in modo logico. Per questo noi mettiamo l’accento sulla purezza sessuale assoluta e sulla purezza dei giovani. La purezza sessuale assoluta è assoluta. Per cosa? Per lo scopo dell’amore eterno, assoluto, unico e immutabile. A causa dell’amore falso, le cose sono andate in questo modo e perciò questo amore deve essere invertito e trasformato in un amore vero. (288-48, 31.10.1997)

Dovete proteggere i vostri organi sessuali. Dobbiamo lanciare un movimento per proteggere gli organi sessuali originali. Dio creò gli organi dell’amore puro. Dovete tutti proteggerli. Sono organi assoluti. Hanno assolutamente un’unica direzione. Dovete seguire eternamente la via dell’amore collegata a quell’unica direzione assoluta. Sono gli organi che Dio desiderava in origine. La gente non sa che sono il palazzo dell’amore. Deve sapere che sono i palazzi dell’amore, della vita, del lignaggio, e della coscienza; sono quattro palazzi riuniti in un unico luogo. Sono il luogo più santo. Dovete preservare eternamente la loro purezza. (288-67, 31.10.1997)

La domanda è: come tramandiamo una tradizione di purezza assoluta? Il popolo d’Israele lapidava a morte i colpevoli se la purezza era profanata, ma oggi non lo fa. È più spaventoso di questo. Non possiamo pensare neanche in sogno di cadere di nuovo di fronte al cuore di Dio che dovette espellere Adamo ed Eva, il Suo unico figlio e la Sua unica figlia. Quindi bisogna dichiarare il limite. Il giorno in cui quel limite sarà dichiarato, quelli che rimarranno indietro saranno tutti i primogeniti malvagi fra i primogeniti rimasti dal lato di Satana. (288-111, 25.11.1997)

Proprio come gli israeliti dovevano seguire Mosè nel corso della restaurazione di Canaan, ora è giunto per noi il tempo di entrare in Canaan e restaurare la sovranità di Dio. Dobbiamo sopportare una sofferenza più grande di quella del corso di 430 anni in Egitto e della storia miserabile di Dio nei 4000 anni da Adamo a Gesù; dobbiamo superare tutte queste cose e confortarLo. Non andate in cielo semplicemente scusandovi o perché vi siete pentiti. Il diritto di eredità nasce sulla base di aver confortato Dio e i Veri Genitori dopo aver superato quella cima, essersi pentiti e aver promesso solennemente di tramandare un lignaggio eternamente puro come il nuovo lignaggio del loro figlio. (288-114, 25.11.1997)

Dovete promettere ancora una volta solennemente davanti a Dio una vera purezza e fedeltà, ripensando al vostro passato e rinnegandolo sulla base del fatto che finora non avete potuto condurre una vita di purezza. Voi donne unificazioniste dovete mantenere la purezza prima del matrimonio e la fedeltà dopo il matrimonio. Per chi è questo? Non è solo per voi stesse. È per i vostri mariti, le vostre famiglie, la vostra nazione e il mondo. Altrimenti, quando andrete in cielo, nel mondo eterno, non potrete stabilirvi in cielo e nell’amore di Dio come individui, famiglie, popolo, nazione o cosmo. Non potrete fare nulla. (288-146, 27.11.1997)

Il mondo futuro si troverà nel punto di intersezione fra il cielo e l’inferno; tutto dipenderà se starà stabilito il codice morale di preservare la purezza e proteggere il valore della famiglia. I problemi che affliggono tutte le nazioni del mondo, come l’immoralità dei giovani, i continui crimini collegati alla droga, la crescente disgregazione familiare e il divorzio, la diffusione dell’AIDS e dei crimini sessuali, saranno risolti dal potere politico? L’educazione scolastica e gli insegnamenti religiosi odierni non sono in grado di risolvere questi problemi. (288-139, 26.11.1997)

Da ora in poi quando darò la Benedizione non benedirò quelli che hanno avuto delle storie d’amore e hanno violato la loro castità. Se non siete uomini e donne caste, non vi sposerò. Quando Adamo ed Eva restaurati si stabiliranno nel giardino di Eden e saranno in una posizione pubblica nel mondo, riuniranno insieme i figli e le figlie caduti e li benediranno? È impossibile. Così, quelli che hanno avuto delle avventure amorose e delle relazioni sessuali devono sapere che qualunque tipo di uomo o di donna siano, non potranno ricevere la Benedizione della Chiesa dell’Unificazione in futuro. Solo le vergini e i celibi puri possono riceverla. Se è così, la mia intenzione è che ci saranno solo i figli e le figlie nati dai matrimoni benedetti. Così io sposerò solo i figli nati dalle famiglie benedette. (233-351, 2.8.1992)

D’ora in avanti tutte le donne manterranno la loro castità. Una religione pura deve essere una religione che respinge assolutamente tutte le deviazioni sessuali. Così nel cristianesimo si dice che: «Tutti i peccati sono al di fuori delle ossa, ma la fornicazione è un peccato dentro le ossa». L’amore nel mondo satanico è una deviazione sessuale. Mantenere la castità blocca tutta la fornicazione. Tante persone si sono opposte all’amore del mondo satanico. Per impedire che tutto diventi parte di quel mondo, Dio ha stabilito la via della purezza della sposa riformando il mondo attraverso il giudaismo e il cristianesimo. Da qui, se lo sposo e la sposa raggiungono l’unità, si aprirà una via per questi due mondi.

Così, se una sposa e uno sposo puro del mondo della tradizione storica si uniscono, si amano e abbracciano il mondo, tutto il mondo satanico crollerà. Quindi, sin dall’inizio della storia, innumerevoli donne sono state sacrificate per aprire le porte alla sfera della cultura cristiana. Sono state catturate e violentate. Hanno subito tutte le umiliazioni possibili per mano dei potenti. (238-276, 22.11.1992)

Se Gesù si fosse sposato e avesse condiviso il suo amore con una donna che lo amava più di quanto lui poteva amare, il diavolo avrebbe potuto portar via i figli che avrebbero generato? Dio li avrebbe protetti. I cristiani diranno ogni sorta di cose e faranno un gran putiferio. Cosa pensate che sarebbe successo se un Gesù puro, come un uomo buono, avesse accolto una donna buona e avesse avuto una famiglia che Dio poteva proteggere? Se fossero nati dei figli di bontà, il mondo in questi due millenni sarebbe già stato unificato; sarebbe diventato una tribù. Non ci sarebbero nemmeno voluti sette secoli. In questo caso l’islam non sarebbe comparso. (245-45, 28.2.1993)

Più le persone coltivano una coscienza pura ed elevata e la sfera di attività per un mondo di coscienza nobile, vasto e profondo desiderando questa base d’amore, più grande, più nobile e più vasto diventerà il loro campo di azione nel mondo spirituale. Se pensate solo a voi stessi, il vostro campo di azione si restringe sempre di più. (275-70, 3.11.1995)

Le coppie benedette devono promettere davanti a Dio l’unità della loro famiglia e della loro coppia e l’eterna fedeltà e purezza coniugale, e promettere che alleveranno ed educheranno i loro figli insegnando loro un alto livello di moralità e di purezza. Queste coppie provengono da diversi sfondi razziali, nazionali, religiosi e linguistici, eppure hanno partecipato a questa Benedizione perché credono che l’amore di Dio e l’inizio della pace mondiale provengono da famiglie perfettamente centrate su Dio. Invito tutti voi a non essere dei semplici spettatori in questa cerimonia storica, ma a unirvi insieme alle persone attorno a voi con le quali avete un legame e a rinnovare i vostri voti matrimoniali dinanzi a Dio. (288-165, 27.11.1997)

Sezione 3. I Veri Genitori e la restaurazione fondamentale

3.1. Per risolvere i problemi fondamentali bisogna capire l’origine della caduta

Per poter risolvere e correggere i problemi globali e morali dell’umanità, ci deve essere una visione della caduta basata sul Principio. Senza il principio che spiega la caduta, i problemi dell’umanità non possono essere coretti. Questo è l’ultimo disperato fenomeno degli Ultimi Giorni dovuto al fatto che Satana ha tradito Dio e dominato il corso della storia. La strategia di Satana è rovinare e distruggere l’umanità. Se tutto questo non è risolto, i problemi della storia non possono essere risolti e se i problemi della storia non possono essere risolti, non c’è alcun modo per sistemare i conti della storia. Per questo noi sosteniamo il ritorno al Dioismo, l’ideologia del vero amore, centrandoci sulla creazione divina e l’ideale di Dio come proposta alternativa. Non è qualcosa di egocentrico ma di altruista. Dobbiamo creare i partner oggetto del nostro amore. Senza questo contenuto, non c’è alcun modo per risolvere i problemi del mondo. (219-266, 11.10.1991)

La caduta storica ha avuto origine da un matrimonio illecito centrato su un genitore falso. Poiché Adamo ed Eva caddero durante la loro gioventù, la corruzione dei giovani è iniziata nel Giardino di Eden. Seminarono i semi della corruzione dei giovani. A causa di questo, tutto l’ideale di Dio, centrato sulla famiglia di Adamo, fu completamente distrutto. I semi piantati in questo modo, e le cui radici sono grosse e forti, cresceranno e negli Ultimi Giorni verrà il tempo in cui spunteranno i loro frutti. Nessuno al mondo è capace di prevenire la corruzione dei giovani. La stessa America non può fermarla e invece è diventata il nido del sesso libero, dell’omosessualità e del lesbismo. È un caos totale. Tutte queste cose possono essere fermate dall’educazione americana e dalla religione? Queste cose non possono essere frenate dal potere economico, politico o militare. Possono solo darsi per vinti.

Allora, chi è in grado di risolvere questi problemi? Soltanto Dio. Poiché sono stati i genitori falsi a piantare questi problemi, il motivo del peccato è dentro l’uomo. Poiché il genitore falso, Adamo, sbagliò e creò il caos, precipitando nell’ignoranza, l’Adamo restaurato deve capire completamente la verità sulla terra. Potrà far arrendere Satana comprendendo i particolari dei segreti di Dio, la meta del Suo modello di perfezione, e che tipo di crimine ha perpetrato il diavolo. (302-222, 14.6.1999)

La causa di tutti i difficili problemi del mondo si trova in due persone: l’uomo e la donna. Il loro intrigo ha portato ai problemi nazionali, mondiali e che coinvolgono il cielo e la terra. Quale fu il problema dell’uomo e della donna? L’amore. Essi sbagliarono per quanto riguarda l’amore. Perciò i Veri Genitori devono venire e risolvere la corruzione dei giovani e il fallimento della famiglia di Adamo che fu ridotta in pezzi nell’Eden a causa dei genitori falsi.

I Veri Genitori trasmetteranno il lignaggio dell’amore di Dio e tutti devono diventare delle creature centrate sull’amore, degli alberi di olivo veri, non degli alberi di olivo selvatici. Quelli che diventano degli olivi veri cambieranno il loro lignaggio. Io ho tutti i sistemi teorici che possono collegare le persone al lignaggio di Dio. È così, se seguite questo corso. Questo è un fatto comprovato. (302-226, 14.6.1999)

Allora, cosa sta facendo il Reverendo Moon in questo tempo? Sta cercando di risolvere tutte le questioni relative ai problemi dei giovani, a cui tutte le nazioni rappresentative del mondo – le cosiddette nazioni sviluppate – così come gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, e persino le religioni hanno rinunciato. La persona a cui è stato dato il privilegio di far questo è il Reverendo Moon. Non c’è altro che lui. (302-228, 14.6.1999)

Si dice che si raccoglie quello che si semina. Poiché Adamo ed Eva furono corrotti durante la loro gioventù nel giardino di Eden, le famiglie sono state completamente rovinate al punto che nel mondo non esiste neanche una famiglia perfetta. Siamo negli Ultimi Giorni. Questa è davvero la realtà di oggi.

Gli americani hanno una visione del mondo? Non hanno nessuna visione del mondo. Hanno una visione della nazione? No. Non hanno una visione della società, non hanno una visione della tribù, del clan o della famiglia. Negano le loro madri e i loro padri. Questo è individualismo – ritornare alla posizione dell’arcangelo, il diavolo. L’uomo nega la donna e la donna nega l’uomo. Poiché sono arrivati gli Ultimi Giorni, Satana alla fine si deve esporre.

Così Satana ha distrutto completamente la famiglia. Non c’è modo per Satana o per Dio di risolvere i problemi della delinquenza giovanile e della disgregazione familiare. Se Dio lo potesse fare, lo avrebbe già fatto al tempo della famiglia di Adamo nel giardino di Eden.

Dio, che non è potuto intervenire nel giardino di Eden, può fare qualcosa per questo mondo che sta morendo? Chi si deve assumere la responsabilità per questo? Poiché i genitori falsi, che furono fatti precipitare nell’ignoranza, rovinarono le cose in questo modo, i Veri Genitori devono capire completamente tutto, i segreti di Dio e i segreti di Satana, e rivelare i segreti di Satana davanti a Dio dicendo: «Tu, delinquente, ti sei rivelato un assassino!» Non è vero che persino un assassino che si nasconde, una volta che sono emerse le prove del suo crimine, deve ammettere il suo reato, ricevere il giudizio ed essere allontanato per sempre dalla società? È la stessa cosa. La realtà di oggi è esattamente identica a questa situazione. (302-224, 14.6.1999)

Dobbiamo consolare Dio, che è pieno di angoscia a causa della caduta dei nostri primi antenati. Dobbiamo partire dalla posizione in cui possiamo consolare Dio, che ha un grosso chiodo di dolore conficcato nel Suo cuore a causa della caduta di Adamo ed Eva. Per far questo, dobbiamo diventare dei figli di pietà filiale che possono confortare questo Dio di dolore.

Realizzando la via dei figli di pietà filiale che rappresentano le loro famiglie, dei patrioti che rappresentano le loro nazioni, dei santi che rappresentano il cielo e la terra, dobbiamo consolare Dio. E non finisce qui; dobbiamo, senza esitazione, mobilitare dei nuovi giovani, benedirli ancora una volta ed eliminare tutti gli elementi che furono profanati da Adamo. (302-224, 14.6.1999)

La speranza dell’umanità è rimuovere la maschera della caduta, che si riferisce al lignaggio che è stato cambiato. Che cos’è la caduta del lignaggio? Si riferisce al fatto che l’uomo e la donna ebbero un rapporto sessuale illecito. Centrato su chi? Su Satana.

Quando chiediamo se Adamo ed Eva ebbero dei figli prima o dopo la caduta, nessuno dirà che li misero al mondo prima della caduta. Chi si assunse la responsabilità del loro matrimonio per il bene di quei figli? Dio non può assumersi la responsabilità per le persone che ha espulso. Non c’è dubbio che il matrimonio fu condotto da Satana, il diavolo.

Così, Satana occupò il posto dove Dio avrebbe dovuto dimorare nella mente di Adamo ed Eva e dove Adamo ed Eva avrebbero realizzato il loro rapporto coniugale, e piantò lì il suo lignaggio. Adamo ed Eva non nascosero forse le loro parti sessuali dopo la caduta? Se avessero mangiato con la bocca si sarebbero coperti la bocca e le mani, ma non lo fecero. Le parti sessuali divennero la base per il risentimento legato alla linea di sangue. (302-220, 14.6.1996)

Le due tavole dentro l’Arca dell’Alleanza si riferiscono ad Adamo ed Eva – li simboleggiano. Il luogo santissimo si riferisce alle parti sessuali, che sono inviolabili. Quelli che hanno cercato di toccarlo non sono forse periti? Il luogo santissimo è proprio quel posto. Poi viene la verga di Aronne che era fiorita! Che cos’è la verga? Si riferisce alla vita eterna. Poiché dei nuovi germogli spuntano da un bastone morto, significa che uno non morirà mai. In che modo? Con l’amore originale. Senza l’amore morireste. Così, la verga di Aronne da cui spuntarono dei germogli è descritta nella Bibbia. Poiché aveva questo significato, fu collocata e onorata nel santuario. Il tabernacolo simboleggiava il corpo di Dio. Il corpo è il santuario e il luogo santissimo si riferisce agli organi sessuali. (325-62, 29.6.2000)

3.2. Perché sono necessari i Veri Genitori

Le persone di cui abbiamo bisogno sono i Veri Genitori. Ciò che ha avuto inizio dai genitori falsi deve essere cominciato daccapo dai Veri Genitori. I genitori falsi sono quelli che hanno ereditato l’amore falso e la linea di sangue falsa che inizia dall’amore falso. Questa situazione deve essere invertita. Allora, come possiamo ereditare la vera vita e il vero lignaggio centrato sull’amore dei Veri Genitori? In altre parole, il problema è come ereditare di nuovo il seme originale, dal momento che abbiamo ereditato il seme della vita sbagliato.

Riflettendo su questa questione, questo seme non può essere ereditato senza i Veri Genitori. Perciò il Messia deve venire sulla terra, e il suo seme, il seme della nuova vita dei Veri Genitori, deve essere inoculato e innestato. In questo modo potete ritornare alla posizione originale dell’albero di olivo vero. È semplice. Perciò Dio è il nostro Vero Genitore. Pensate dunque a come Dio ci è vicino. Dio è il Genitore verticale e i Veri Genitori realizzano l’amore ideale come genitori orizzontali. (218-223, 29.7.1991)

Perché sono necessari i Veri Genitori? Per eliminare la base dell’amore, della vita e del lignaggio di Satana. In che modo l’uomo e la donna sono caduti in quella posizione? Sono caduti attraverso l’organo sessuale. Originariamente l’organo sessuale era il palazzo dell’amore. Cos’è successo, dunque, a quel palazzo dell’amore? L’organo sessuale umano è una cosa tanto preziosa, perché è il palazzo dell’amore, della vita e del lignaggio. Come potrebbe essere sporco? È sacro. Si è contaminato a causa della caduta. Dal punto di vista originale di Dio, non è qualcosa di sporco, ma di sacro. È preziosissimo. La vita, l’amore e il lignaggio si collegano lì. Satana ha profanato una cosa così sacra. (218-176, 28.7.1991)

In origine Adamo era il genitore che poteva diventare il vostro antenato, ma non riuscì a collegarsi all’amore di Dio. Poiché non riuscì a collegarsi, i vostri genitori non possono collegarsi all’amore di Dio. I Veri Genitori sono diversi, nel senso che hanno l’autorità speciale per collegarvi all’amore di Dio. Poiché non avete ascoltato i vostri genitori ma avete dato ascolto al Reverendo Moon della Chiesa dell’Unificazione, questa è una cosa considerata giusta nella società? È giusta. I principi fondamentali del cosmo operano in questo modo. (118-147, 23.5.1982)

Come sono diventato il Vero Genitore? Sono diventato il Vero Genitore perché ho potuto offrire la devozione necessaria che può abbattere i muri creati dalla caduta dei nostri primi antenati. La nostra comunità unificazionista comprende tutti, protestanti, cattolici, buddisti, confuciani e musulmani. È rappresentato anche il buddismo – non lo sapete? Dovreste sentirvi imbarazzati se non lo sapevate. È qui che l’unità delle religioni diventa possibile. E per quanto riguarda la questione della razza, qui le persone dei cinque colori di pelle si possono unire. (118-270, 13.6.1982)

Il Messia viene come un uomo che ha realizzato perfettamente l’amore originale, l’amore dei veri genitori. Viene come l’incarnazione dell’ideale originale. Ogni volta che dite «io» dovete pensare a questo. Allora, non siete liberati? È così. Se siete liberati da Satana, dal suo dominio di vita e dalla sfera del suo lignaggio, allora tutto è compiuto.

Cosa dovete fare una volta che siete stati liberati? Dovete servire Dio, invece del diavolo, e formare la sfera culturale di Dio e la sfera di vita dei Veri Genitori. Essendo nella posizione dell’Adamo perfetto, dobbiamo realizzare lo scopo per cui siamo nati. Quindi l’amore dei Veri Genitori dimora in noi e anche l’amore di Dio dimora in noi. Questo amore è la radice dell’armonia che ci può rendere perfetti. In altre parole, abbiamo il Suo amore, la Sua vita e il Suo lignaggio: l’unione di queste tre cose. (202-283, 25.5.1990)

La storia ideale e una nuova cultura, vita, amore, famiglia nazione, mondo e il Regno dei Cieli, insieme all’amore di Dio, inizieranno partendo dai Veri Genitori. Dovete capire che il termine “Veri Genitori” non ha niente a che fare con tutto ciò che avete imparato finora. Per stabilire un rapporto con le ere future, sono perite delle nazioni, degli individui e delle famiglie. Perciò dovete sapere che questo è un luogo dove il sangue di un’infinità di offerte in sacrificio leva il suo grido verso di voi.

La Bibbia afferma che il sangue di Abele versato da Caino gridava a Dio dalla terra. Non c’è un’altra posizione che può risolvere tutta la storia; c’è soltanto questa. La moltitudine di persone che si sono riunite per ereditare questa missione e per spianare questa straordinaria via dell’indennizzo, non siete altro che tutti voi. Se capirete veramente questo, non potrete lamentarvi della vostra vita o della vostra situazione, nemmeno nei sogni, neanche se moriste mille volte. (67-226, 27.6.1973)

L’ideale originale della creazione di Dio era stabilire il Suo regno in cielo e sulla terra nel nome dei Veri Genitori. Dovete esserne consapevoli. Senza il nome dei Veri Genitori, il Regno di Dio sulla terra e in cielo non apparirà. Se chiedeste ai cristiani di oggi: «Perché Gesù non è potuto entrare in cielo invece di stare in paradiso, anche se è l’amato figlio unigenito di Dio?» non saprebbero darvi una risposta.

Il Regno di Dio in cielo e sulla terra può essere stabilito solo sulla base della perfezione dei Veri Genitori e dell’amore. La missione di unire il regno dopo essere andati nel mondo spirituale appartiene ai Veri Genitori, non è la missione di nessun altro. Gesù non poté diventare un vero genitore ed è per questo che è in paradiso. (131-182, 1.5.1984)

Finora nel mondo caduto non c’è stata traccia di nulla o di nessuno che abbia ricevuto l’amore dei Veri Genitori. Così, anche se questa base apparisse nel mondo spirituale, non sarebbe reale. Dovete capire che esiste una formula precisa e un modello di principio verticale e orizzontale. Dove capire che esiste questa formula. Non potete fare quello che vi pare. (131-183, 1.5.1984)

Tutto inizia dai Veri Genitori. L’inizio di ogni cosa non siete voi, ma loro. È la stessa cosa per la vostra vita e le vostre azioni, collegandovi insieme come una famiglia d’amore. I Veri Genitori sono l’inizio. Queste non sono parole mie, sono le parole del principio di Dio e l’idea dei nostri primi antenati. Come potete rendere le vostre famiglie simili a quella dei Veri Genitori? Questo è ciò a cui dovete pensare. (277-250, 18.4.1996)

Quanto ho investito per amore del mondo? Quante lacrime, quanto sudore e quanto sangue ho versato e quante volte ho sospirato? Non l’ho fatto per magiare bene o per avere successo. Era per liberare il mondo fisico, il mondo spirituale e Dio. Nella storia non c’è un’altra persona come il Reverendo Moon. Non c’è nessuno così a parte i Veri Genitori. Dietro c’è questo sfondo storico. Non è un semplice concetto. Nel formare un regno sostanziale in questo mondo mentre costruivo la base sostanziale, ho raggiunto un livello in cui tutte le nazioni del mondo possono solennemente chinare il capo davanti a me. (210-363, 27.12.1990)

3.3. La linea di sangue è restaurata attraverso la Benedizione

Tutte le questioni fondamentali non possono essere risolte se non per mezzo del contenuto dei segreti del cielo rivelati dal Reverendo Moon. Io sono stato presentato come il Vero Genitore, ma chi sono i Veri Genitori? Dove sono i Veri Genitori? Sono in cielo. Dio è il Vero Genitore. Oggi l’umanità e tutte le religioni del mondo caduto chiamano Dio “Padre”. Il Signore che ha creato il cielo e la terra è veramente il Padre. Ma il padre di chi? È nostro Padre. E in che modo abbiamo sviluppato un rapporto genitore-figlio? Attraverso l’amore di Dio. Allora, con Dio come punto centrale, la vita di Adamo e di Eva non contaminate dalla caduta si congiungeranno nell’amore.

Centrati sull’amore originale di Dio, che non ha niente a che fare con la caduta, gli antenati non caduti, Adamo ed Eva, che sono i nostri antenati originali, avrebbero dovuto raggiungere l’unità, ardendo nell’amore di Dio. Ciò che unisce l’uomo e la donna non è né l’uomo da solo, né la donna da sola; per creare unità è assolutamente necessario l’amore. Se l’amore è unito, l’uomo e la donna si uniranno.

Dio è assoluto, unico, eterno e immutabile. L’amore del Dio assoluto non è diviso in due. L’amore che possiede l’uomo e l’amore che possiede la donna non sono due amori, ma un amore solo. Dovete sapere queste cose, ma fino ad ora siete vissuti ignorandole. (3.3.2000)

Che cos’è la caduta? Attraverso l’ideale della creazione Dio desiderava tramandare il Suo lignaggio diretto partendo da una famiglia per formare una tribù, un popolo e una nazione, e creare un mondo di pace, ovvero il Regno di Dio sulla terra e in cielo. Che cos’è il Regno di Dio sulla terra e in cielo? Ci deve essere una casa d’amore dove Dio può dimorare: nel nostro corpo, nella nostra famiglia, nella nostra nazione, nel nostro mondo e nel mondo spirituale infinito dove nulla è impossibile. L’individuo è una casa in cui Dio può entrare ad abitare, con al centro il vero amore. La famiglia è formata da una coppia in cui l’uomo e la donna sono due poli diversi e opposti. Nel giardino di Eden la famiglia unita nell’amore era il luogo dove Dio sarebbe andato a dimorare. La madre e il padre erano preparati a portare frutto – i nipoti di Dio – come il seme legato al Suo lignaggio per tutte le generazioni.

Che cos’è la caduta? Se Dio è la prima generazione, Adamo è la seconda. La caduta si riferisce al fatto di non poter avere un nipote nel lignaggio della terza generazione. La caduta è l’impossibilità di avere dei nipoti. Adamo ed Eva misero al mondo dei figli prima o dopo la caduta? Li ebbero dopo la caduta. E allora chi li sposò? Adamo ed Eva non avevano nulla a che fare con Dio e furono scacciati. Poi si sposarono e diedero nascita ai figli di Satana. Oggi i sei miliardi di persone che vivono sulla terra sono i figli che hanno ereditato la linea di sangue di Adamo ed Eva caduti – che furono espulsi, si nascosero e si sposarono in modo illecito – e così sono diretti all’inferno. Non hanno nulla a che fare con Dio. (3.3.2000)

Dovete capire le radici. Allora qual è strada che non porta alla rovina? La linea di sangue del vero amore si deve collegare ai sei miliardi di persone del mondo d’oggi e al mondo del futuro per tutte le generazioni. Deve diventare un lignaggio immutabile e un corpo di regalità collegato, dove tutti i rami di un grande albero si espandono in tutte le direzioni, dalla radice centrale al tronco e alle gemme, come se fossero un corpo solo. Se ad essere collegata è una nazione, diventa un cielo nazionale, se è il mondo, diventa un cielo mondiale, e se sarà il cielo e la terra sarà il Regno dei Cieli in cielo e sulla terra.

Tutte queste cose furono perdute perché Adamo ed Eva non riuscirono a diventare dei veri genitori. Così i genitori caduti, che non poterono diventare dei veri genitori, sono dei genitori falsi basati su un amore falso, e hanno creato delle famiglie false, delle tribù false, delle nazioni false e un mondo falso. Quindi sono destinati a perire. Il mondo non sa più cosa fare. La provvidenza di salvezza di Dio è che l’umanità ritorni al suo stato originale. Per questo è la “restaurazione”. Gli esseri umani si sono ammalati e perciò devono essere curati e ritornare al mondo originale. Come possiamo restaurare il nostro rapporto di discendenza con Dio? Dio non può abbandonare le persone che sono destinate alla rovina. (3.3.2000)

Chi sono i veri genitori? Con al centro la sfera dell’amore, della vita, del lignaggio e della coscienza di Dio, tutto si armonizza in unità. È in questa posizione che i Veri Genitori si possono stabilire. Se da lì cresce un germoglio e i rami si espandono nel mondo, tutto sarà collegato alla nazione, al mondo, e al cielo e alla terra. Quella posizione non devia.

Poiché Dio è assoluto, unico, immutabile ed eterno, anche lo standard per stabilirsi deve essere assoluto, unico, immutabile ed eterno. In che modo succederà questo? Non sarà attraverso il potere politico, qualche espediente o con la forza. Donando il vero amore e vivendo per gli altri, si acquista un valore più grande.

Quando vi donate agli altri, con un cuore di vero amore, quell’investimento non andrà mai perduto. Si svilupperà e produrrà un risultato più grande di quello che avete investito. Perché? L’universo è fatto così. Se il vero amore appare continuamente, l’universo va da lui e ci si attacca. Se appare il nucleo del vero amore, le altre cose sono attratte in quella direzione e si attaccano lì. Quanto ad una calamita, se ha del ferro, la sua attrazione magnetica non dipende forse dal suo contenuto di ferro? Così il vero amore attrae l’universo. (317-269, 28.2.2000)

Poiché il lignaggio deve essere uguale a quello di Dio, l’umanità non può fare a meno di seguire il regno del cuore di Dio. Questo è perché la loro radice e il loro tronco sono diversi dall’originale; ma la radice deve essere la stessa, il tronco deve essere lo stesso e la gemma deve essere la stessa. Il fenomeno straordinario del cambiamento assoluto del lignaggio avviene qui. Non è qualcosa che si può realizzare da soli. Prima ci devono essere i Veri Genitori. (172-55, 7.1.1988)

Anche se i vostri lignaggi e i vostri ambienti sono diversi, per poter assomigliare ai Veri Genitori, deve avvenire la grande opera dell’innesto. Poiché siete nella posizione sbagliata dovete tutti essere innestati. Se cercate di essere innestati, voi stessi dovete pagare tutti i debiti dell’indennizzo che vi rimangono. Ciò che ha avuto inizio dalla posizione dei genitori deve essere indennizzato partendo da lì, ed è per questo che dobbiamo essere innestati ai Veri Genitori. Poiché Adamo non poté diventare il vero genitore e divenne invece un genitore falso, Dio ha cercato fino ad ora di stabilire i veri genitori. Lo sposo e la sposa menzionati assieme al banchetto delle nozze dell’agnello al Secondo Avvento sono quei genitori. (24-203, 10.8.1969)

Dopo la cerimonia del cambiamento della linea di sangue dovete tutti diventare completamente diversi. Se i Veri Genitori non fossero venuti, questo sarebbe stato possibile? Dopo la creazione dell’universo, com’è stato difficile questo cammino? Già solo il fatto che sono apparsi i Veri Genitori è una cosa di cui essere grati, ma ricevere la benedizione da loro è ancora più straordinario. Questa è la tradizione di un lignaggio che ha piantato il vero amore, la vera vita e la vera linea di sangue. Dovete sempre ricordarvi di questo. (216-36, 3.3.1991)

Chi deve cambiare la linea di sangue? Non è una cosa che può fare chiunque. Dovete capire che per far questo io ho percorso la via dolorosa della croce Poiché esisteva questo modello, voi avete potuto ereditare una nuova tradizione chiamata Benedizione, senza alcun merito da parte vostra. Per stabilire la sfera vittoriosa del cambiamento della linea di sangue, Dio si è impegnato per migliaia di anni ed io ho passato la mia vita a soffrire. La posizione in cui vi trovate adesso è proprio quella basata su questo fondamento. La Benedizione significa troncare la linea di sangue del male e innestarsi in quella nuova linea; quindi la linea di sangue viene cambiata. (35-178, 13.10.1970)

Qual è il significato della famiglia benedetta? Satana non la può dominare. Quando credete in modo assoluto nei Veri Genitori e avete la certezza di appartenere a loro, in qualunque nazione vi troviate, Satana non può invadere la vostra famiglia. Perché? Perché siete collegati al regno del cuore dei Veri Genitori, dove la linea di sangue è stata cambiata. (149-53, 2.11.1986)

Avete tutti avuto origine da un punto di partenza sbagliato, ed è per questo che dovete ritornare lì. Dovete tornare indietro, ma dove? Al punto originale. Poiché siete partiti da dei genitori falsi, dovete ritornare e ricominciare tutto daccapo con i Veri Genitori. Com’è serio questo! Dovete ereditare di nuovo l’amore, la vita e la linea di sangue di Dio. Così, al tempo della vostra Benedizione, non avete partecipato alla cerimonia del cambiamento della linea di sangue? Dovete credere in questo più che nella vostra vita. Non consideratelo un rito ordinario solo perché è una delle cerimonie della Chiesa dell’Unificazione. Equivale a un’iniezione che riporta in vita i morti. È una puntura che agisce da antidoto! (216-107, 9.3.1991)

3.4. Lo scopo finale è realizzare l’ideale della vera famiglia

Per le persone il vero amore è la cosa più sacra e più preziosa. Il vero amore non compare se siete da soli o se siete egocentrici. Il vero amore si manifesta quando cercate di creare unità con gli altri vivendo per loro, dando senza limiti, senza ricordare quello che avete dato. In questo modo l’amore può abbracciare tutto. Non può essere la proprietà di un solo individuo. Una volta ereditato, appartiene all’individuo così come a tutte le persone e all’universo.

Dio desidera realizzare il vero amore assieme all’umanità. Vuole condividere eternamente le gioie del vero amore e la felicità con i Suoi figli, l’umanità – la creazione più nobile e preziosa di tutte nel mondo del cuore. (294-63, 11.6.1998)

Se nel mondo umano si realizzasse il vero amore, quali problemi ci potrebbero essere dal punto di vista politico, economico, culturale ed ecologico? In un mondo di vero amore non c’è nessun problema che non possa essere risolto. È un mondo pieno di gioia e di ideali, dove la libertà, la pace e la felicità si estendono all’infinito e per l’eternità. I problemi difficili che l’umanità sta affrontando oggi possono essere risolti essenzialmente attraverso il vero amore. (294-65, 11.6.1998)

La vera famiglia dove regna il vero amore è la base dello scopo di creazione di Dio e nello stesso tempo il desiderio dell’umanità. Solo attraverso una personalità di vero amore che si può creare in questa vera famiglia si possono realizzare una vera società, una vera nazione e un vero mondo e si possono realizzare tutti gli ideali creativi dell’ambiente. Io ho sempre messo l’accento sul cielo della vera famiglia; se questo si realizzerà, allora si realizzerà il Regno di Dio sulla terra. Un carattere di vero amore, realizzato perfettamente nel cielo della famiglia si espanderà alla società, alla nazione e al mondo; non scenderà a compromessi con la giustizia, ma diventerà un individuo vero, che realizzerà l’armonia e l’unità attraverso una vera famiglia vivendo sempre per il bene del prossimo. (294-65, 11.6.1998)

L’ideale di Dio che si doveva realizzare attraverso gli antenati dell’umanità era creare una famiglia ideale unendo insieme un uomo e una donna. Così, il centro di una famiglia ideale non è né l’uomo né la donna. La famiglia è un’unità costituita dai genitori e dai figli e dall’unione di marito e moglie. Il centro di questo nucleo familiare non è altro che l’amore di Dio. Possiamo concludere che la volontà di Dio era realizzare la perfezione di una famiglia centrata sul Suo amore. (La Benedizione – 298)

La famiglia è il punto di partenza da cui l’ideale di Dio si può realizzare e la felicità umana si può manifestare. È il punto dove tutto il lavoro umano si conclude e dove Dio porta a compimento ogni cosa. Perché la famiglia è buona? Perché facendo capo all’amore dei Genitori può diventare una base di attività libera. (La famiglia benedetta – 930)

In una famiglia ci devono sempre essere i genitori, il marito e la moglie e i figli; solo così può diventare la base della felicità. Non c’è dubbio che lo scopo per cui Dio cerca l’umanità deve essere anche per la Sua stessa felicità. Se è così, perché Dio possa stabilire la base della Sua felicità, questo ideale non può essere in una posizione separata dall’umanità. Quel punto di unione si può ottenere solo attraverso un rapporto con gli esseri umani. Proprio come noi siamo felici in una situazione dove tutti i nostri bisogni emotivi sono appagati nelle nostre famiglie, anche Dio sarà felice in quella situazione. (32-197, 15.7.1970)

Il vero amore nel rapporto genitore-figlio è verticale, il vero amore tra coniugi è orizzontale, il vero amore tra fratelli e sorelle è come il rapporto fra davanti e dietro. Dio desiderava l’ideale del vero amore che è sferico. In altre parole, verticalmente c’è il livello superiore e il livello inferiore, orizzontalmente ci sono la metà sinistra e la metà destra, e per quanto riguarda il davanti e dietro c’è la metà anteriore e la metà posteriore. L’unità si realizza nell’unico punto centrale in cui tutte queste dimensioni si collegano. Quel punto è il punto centrale della sfera. Quando le quattro dimensioni del cuore, l’amore filiale, l’amore fraterno, l’amore coniugale e l’amore dei genitori, realizzano la perfetta unità – ossia quando le persone si sposano e si uniscono nel loro primo amore attorno a Dio – quella posizione diventa il centro, il punto che porta il frutto di tutta la perfezione.

Il matrimonio dunque è l’armonia unificata del cielo, della terra e dell’umanità e realizza la perfezione del verticale e dell’orizzontale, della sinistra e della destra e del davanti e dietro. Il matrimonio è il luogo perfetto del vero amore che porta a compimento gli ideali dei veri figli, dei veri fratelli e sorelle, dei veri coniugi e dei veri genitori. (259-42, 27.3.1994)

Dov’è il centro dell’universo? È nella famiglia. Dov’è la base in cui si può stabilire il vero amore? È la famiglia in cui vivete. Perciò la famiglia originale si impadronisce dell’amore universale, sperimentando gli aspetti della protezione universale ed espandendo il regno di questo amore; deve trascendere sé stessa per seguire la via dei patrioti che amano la loro nazione e poi andare al di là della razza e della nazione amando il mondo. Quelli che amano veramente le loro famiglie sono chiamati figli devoti, e se quelli che amano con fervore la propria nazione sono chiamati patrioti, allora chi sono le persone che amano con spirito di sacrificio tutta l’umanità? Non possono che essere chiamati santi. (La famiglia benedetta I – 924)

Se, nel regno dell’amore di Dio, Adamo ed Eva avessero stabilito una famiglia e una tribù ideale, avessero formato un popolo e una nazione e si fossero espansi da lì, avrebbero creato un mondo ideale che manifestava l’ideale di Adamo. Proprio come la radice, il tronco e le foglie di un albero sono collegati come un unico corpo vivente, gli esseri umani, centrati sull’amore, servendo Dio come loro Padre in un rapporto verticale, e servendosi gli uni gli altri come fratelli e sorelle, uniti in un corpo vivente, si trasformano in esseri d’amore e stabiliscono un mondo eterno e ideale con Dio al centro. Questa è veramente la visione del mondo dal punto di vista della volontà di Dio.

Le persone che vivono in questo mondo non hanno bisogno della salvezza o del Messia perché sono i figli di bontà di Dio. (110-213, 18.11.1980)

« Indietro Avanti »
^