Messaggio ai Membri Italiani dopo il Discorso Ufficiale

Salva come PDF

8 novembre 1995 – Roma

Non volete andare a casa, stasera? [No!] Ma il Padre vuole andare a casa. Perché non condividete la torta del festeggiamento e andate a casa? Quelli che vedono il Padre di persona per la prima volta, alzino la mano. Coppie benedette, alzate la mano. Avete tutti sentito il discorso del Padre, stasera, non è vero? C’è qualcuno che ha qualche domanda da fare sul messaggio del Padre, qualche domanda significativa dal punto di vista provvidenziale? Il Padre non ha forse detto che non abbiamo bisogno di religione? Se quello che il Padre dice è giusto, che dite del Vaticano qui? Che destino ha? Nessuno risponde? Tutte le religioni, compreso il Cristianesimo, si concentrano sulla salvezza spirituale, ma trascurano la salvezza familiare e nazionale nel suo insieme. Dio cerca la pace mondiale, non la pace solo a livello nazionale. La pace che Dio ama è la pace mondiale.

A chi appartiene Dio? Di chi è Dio? Avete mai pensato di fare di Dio il vostro Dio, di dire: “Dio è il mio Dio!” Oppure avete pensato: “Dio è là, ma io non ho niente a che fare con Lui. Quel Dio è di qualcun altro”. In che modo avete pensato? Voi volete pensare che Dio è il vostro Dio. Allora, se Dio appartiene a voi, se è il vostro Dio, avete pensato nello stesso tempo a realizzare quello che Lui vuole da voi?

Qual è lo scopo della salvezza dal punto di vista di Dio? Solo la salvezza dell’individuo o la salvezza dell’intera umanità? Ecco perché la Bibbia, in Gv. 3:16, dice: “Dio ama tanto questo mondo che ha dato il Suo figlio unigenito, in modo che chiunque crede in lui, avrà la vita eterna e non perirà”. Quando Dio dice di amare tanto il mondo, include anche l’individuo o lo esclude? Pensate un po’ a voi. Poiché il vostro paese, l’Italia, ha una popolazione di 58 milioni di persone, ciò significa che voi siete uno di quei 58 milioni di individui. Quando pensate alla vostra identità in questi termini, vi fa piacere? In altre parole, immaginate che ognuno affermi che Dio è il suo Dio. Dato che Dio è uno solo, vuol dire che Lo dobbiamo dividere in 58 milioni di fette ed una di queste fette è vostra. Volete questo? Volete questo tipo di Dio? [No!] Allora, che tipo di Dio volete? [Tutto].

Chiedete a voi stessi se siete veramente degni di scambiarvi con tutti i 58 milioni di persone. Avete davvero così tanto valore? Pensate che questa stanza sia piena d’aria o no? E di chi è l’aria? Voi dite di Dio, ma non possiamo vedere Dio. Preferite dire che quest’aria è di Dio o vostra? Rispondete al Padre. Chi possiede quest’aria, Dio o voi? [Dio]. Se l’aria di questa particolare stanza appartiene a Dio, ogni giorno quando respirate, inspirate ed espirate, chiedete sempre il permesso a Dio di prendere l’aria da Lui? Supponete di dover pagare Dio ogni giorno perché prendete la Sua aria; quanto pensate di doverGli? Ma immaginate che l’aria dicesse: “Non voglio essere respirata dalle persone”. Se l’aria non vuole essere presa dalle persone, cosa farete? Quanti soldi in più dovrete pagare? Però pagate per l’acqua, l’acqua da bere, non è vero? Allora, cos’è più preziosa, l’aria o l’acqua? [L’aria]. Potete sopravvivere fino ad una settimana senza bere acqua, ma se non respirate l’aria, per quanti minuti pensate di poter sopravvivere? Provate, tappatevi il naso e vedete quanto riuscite a sopravvivere.

Immaginate che l’aria lanci una dimostrazione contro le persone che non le piacciono, non voglia andare dalle persone che non sono buone. Cosa succederà? Pensate a voi stessi e alzate la mano se credete di essere una persona abbastanza buona da poter prendere l’aria da Dio senza neanche il Suo permesso. Se siete una persona di così buona qualità, alzate la mano. Nessuno ha questa fiducia? Il Padre non vede nessuna mano alzata, ciò significa che siete destinati all’inferno o al cielo? Quale dei due? Avete l’una o l’altra scelta.

Anche quando andate a scuola non ci andate senza un motivo. Quando andate a scuola appartenete tutti ad una certa struttura. Ad esempio se siete matricole o studenti universitari del secondo, terzo o quarto anno, appartenete ad una classe e, nello stesso tempo, in qualunque materia vi vogliate laureare – in biologia o matematica, ad esempio – dovrete appartenere ad una certa categoria. E voi, a che tipo di categoria pensate di appartenere? In parole povere, siete persone buone o cattive? Che tipo di persone siete? Chi pensa di essere una persona buona, alzi la mano. [Risate). Perché ridete? È una domanda seria. Bene, avete tutti la coscienza, vero? La vostra coscienza vi conosce, sa se siete una persona buona o cattiva? La vostra coscienza vi conosce oppure no?

Voi che siete qui stasera affermate di essere membri della Chiesa dell’Unificazione, però quando il Padre vi guarda ci sono dei membri della Chiesa dell’Unificazione veri e genuini, dei membri all’acqua di rose, di livello mediocre e altri che non sono veramente membri della Chiesa dell’Unificazione nel cuore, vale a dire sono dei membri cattivi. Perciò mostrate al Padre la vostra mano se sentite di essere uno di quei buoni, veri membri della Chiesa dell’Unificazione. [Risate] Allora, voi vi considerate veri membri della Chiesa dell’Unificazione, oppure dal punto di vista di Dio siete qualificati come tali? Quale delle due cose? Chi è sicuro di dire che anche dal punto di vista di Dio è un vero membro della nostra chiesa, alzi la mano. [Un fratello alza la mano e il Padre gli dice:] Alzati in piedi. Qual è la tua missione? [Risposta incomprensibile). Il Padre ha una domanda per te. La tua mente è dal lato del bene, è migliore del tuo corpo, oppure il tuo corpo è migliore della mente? Chi è migliore fra la mente il corpo? [veramente non lo so]. Ma tu dovresti sapere se la tua mente riceve più amore da Dio o viceversa il tuo corpo riceve più amore. [Penso che la mia mente riceva più amore da Dio]. Tu hai il corpo? [Sì]. Il tuo corpo e la tua mente sono sempre uniti? [No]. Allora non sei qualificato. E Dio? Pensi che la mente e il corpo di Dio sono sempre uniti oppure no? [Sì, sono uniti]. Ma tu non lo sei! Siediti! [Applausi e risate].

Che tipo di chiesa è questa? In che tipo di chiesa siamo adesso? Dovreste saperlo. Non sapete nemmeno a che chiesa appartenete? Questa è la “Unification Church!” A Dio piace l’unificazione. Questo è il problema. Dentro di noi la mente e il corpo funzionano in modo diverso. In noi, tra la mente e il corpo, chi desidera più fortemente di essere unito a Dio? [La mente]. È sempre vero? C’è qualche corpo che ha un desiderio più forte di quello della mente di essere totalmente unito a Dio? C’è un corpo del genere? Allora, rispondete al Padre: fra la mente e il corpo, chi desidera più fortemente essere unito a Dio? [La mente]. Quelli che sono contrari a questa risposta, cioè che pensano che il desiderio del corpo di essere unito a Dio è più forte di quello della mente, alzino la mano. [Nessuno la alza]. Così lo sapete tutti. Allora qui c’è unificazione. Poiché la vostra mente funziona, c’è la possibilità che riusciate ad unire la mente e il corpo.

Che dite della vostra vita di ogni giorno: continuate la vostra vita quotidiana incentrandovi sul corpo o sulla mente? [Sulla mente]. Quando avete veramente fame il vostro corpo non vuole forse mangiare qualcosa di squisito più degli altri? Non avete questo tipo di desiderio fisico? [Sì]. Se siete veramente affamati, il vostro desiderio fisico va dietro al cibo e volete mangiare continuamente finché siete sazi, ma la vostra mente dice sempre al corpo: “Guarda, non mangiare troppo, perché ci sono persone che muoiono di fame; condividi il cibo con loro”. Non è vero? Allora è la mente che dice al corpo di condividere con le altre persone, o è il corpo che dice questo alla mente? [La mente]. Se le cose stanno così, in voi stessi chi è migliore, la mente o il corpo? [La mente]. Voi siete amici più intimi della vostra mente o del vostro corpo? [Della mente]. È vero, la vostra mente è più vicina a voi del vostro corpo. [Il Padre prende in mano due tovaglioli]. Avete visto che il Padre ha queste due cose deliziose, il cibo più squisito del mondo. Voi state per prenderlo, quando la vostra coscienza vi dice: “Guarda, questo cibo è più squisito e migliore dell’altro; allora diamolo alle persone meno fortunate di te”. In altre parole, la vostra coscienza vi dice di prendere il cibo meno buono per voi e di dare il migliore agli altri. È vero? Supponete ora di essere bambini e di trovarvi di fronte a vostro padre e a vostra madre; c’è solo un cibo buono e voi avete fame. Volete andare a mangiare quel cibo prima che lo mangino i vostri genitori. Allora cosa vi dice la vostra coscienza? Vi dice forse: “prendi quel cibo prima che lo mangino i tuoi genitori”, oppure è il corpo che vi dice di fare così? [È il corpo].

Ecco di nuovo la domanda fondamentale. La vostra mente e il vostro corpo sono totalmente uniti? [No]. Allora, quando si uniranno? Quando realizzerete quell’unità? E come unirete la vostra mente e il vostro corpo, in che modo? Che dite di Dio? Immaginate che ci sia un cibo squisito davanti a Dio, pensate che Lui lo prenderà prima di chiunque altro o cercherà di darlo ad altre persone? [Ad altre persone]. Pensate che Dio farà questo? Allora cosa succede? La nostra mente ci dice sempre di condividere tutto ciò che abbiamo con gli altri, ma dall’altro lato il corpo dice: “No, prendilo tu!” Ecco ciò che siamo.

Allora qual è la definizione di una persona cattiva? È una persona che ha la mente e il corpo sempre uniti o sempre in conflitto? [In conflitto]. Se ci sono delle persone che devono entrare nel Regno dei Cieli, che tipo di persone dovrebbero essere? Dovrebbero essere quelle persone che hanno una totale unità fra la mente e il corpo, o quelle la cui mente e il cui corpo sono in conflitto? [Unite]. Che succederà alle persone che sono in conflitto e complicate, dove sono destinate a finire? È facile concludere che sono le persone che non hanno superato l’esame; solo chi ha superato l’esame potrà entrare nel regno dei Cieli, mentre chi non l’ha superato deve andare da qualche parte. E dove può andare? Nel bidone della spazzatura. Quelli tra voi che vogliono finire a vivere eternamente nel bidone della spazzatura, alzino la mano. [Nessuno la alza].

Bene, tutti avete il desiderio di unire la mente e il corpo? [Sì]. Non possiamo realizzare questo scopo facilmente, allora cosa faremo? Volete suicidarvi? [No]. Che altre alternative avete? Dite al Padre che cosa farete allora. Siete sicuri di obbedire assolutamente alla vostra mente per un giorno? [Sì]. E per un mese? Il Padre dice che un mese non è molto diverso da un giorno; se riuscite a farlo per un giorno, perché non lo fate per un mese? [Risate]. Siete sicuri di poterlo fare per un giorno ma non per un mese? Se le cose stanno così, se il vostro limite di obbedire totalmente alla coscienza è un giorno, allora finirete con un solo giorno di Regno di Dio. Se in un mese ci sono 30 giorni, avrete 29 giorni d’inferno. Vi piace questo?

Pensiamo di nuovo a Dio. Pensate che la mente e il corpo di Dio siano assolutamente, eternamente uniti, oppure che la Sua mente e il Suo corpo siano uniti per un anno, ma un altro anno siano in conflitto? Com’è Dio? Assoluto ed eterno? L’avete visto? Perciò la definizione di Dio è il Dio che ha unità eterna e assoluta fra la mente e il corpo. Siete d’accordo? Chi è d’accordo con l’insegnamento del Padre stasera alzi la mano. [Tutti]. Chi non è d’accordo, alzi la mano. [Nessuno]. Bene, questo vuol dire che siete d’accordo con quello che il Padre vi sta insegnando stasera, che conoscete la realtà. Eppure non potete rispondere al Padre che riuscirete a mantenere uniti la mente e il corpo nemmeno per un mese. Ciò significa che siete persone di buona qualità o un fallimento?

Quando vedete delle persone che lottano siete contenti, oppure cercate di dividerle, di farle smettere di lottare? Cosa fate? Le incoraggiate a continuare? Ma anche se fate del vostro meglio per farle smettere di lottare senza ragione e loro continuano, cosa succede? Le scacciate, le buttate fuori a pedate. Allo stesso modo, se questo succede, se questa tendenza continua sulla terra, le persone cercheranno di fermarle, di farle smettere di lottare; ma se loro continuano saranno scacciate dalla terra. E così dove andranno a finire? All’inferno? Anche se finiscono all’inferno, se continuano a lottare saranno scacciate più in basso, in un luogo peggiore dell’inferno. Questo è il problema; è un problema serio. Allora, perché siamo diventati persone così? Dio è assoluto ed eternamente unito, perché allora noi, la Sua creazione, siamo in una situazione così difficile? Perché? È una questione seria. Ecco perché il Padre nel suo discorso oggi ha insegnato che siamo in questa situazione così miserabile a causa della caduta.

Cosa viene prima? Pensate che la vostra mente, la vostra coscienza preceda il corpo o che il corpo preceda la coscienza? Gli atei, specialmente i comunisti, affermano che la materia viene prima dello spirito, in altre parole il vostro corpo precede la vostra coscienza; le persone che credono in Dio, invece, dicono che la mente (coscienza) precede il corpo. Supponete di sposare una bella donna, di essere diventati marito e moglie. Vostra moglie è bellissima. Quando lei vi chiede: “Va bene, tu mi ami, ma mi amerai solo con il corpo o solo con la mente?” Se dovete scegliere fra l’amore della mente o del cuore e l’amore del corpo, quale volete? [L’amore della mente]. E che dite di una mente miserabile?

Volete da vostro marito o vostra moglie oggi solo l’amore della mente e domani probabilmente solo l’amore del corpo, oppure volete dal vostro sposo un amore unito, consolidato, della mente e del corpo? Quale? Se volete un amore unito dal vostro sposo, lo volete solo per uno o due giorni, e poi di nuovo diviso, oppure volete questo tipo di amore unito per l’eternità? Se fate veramente questo, non pensate che Dio sarà totalmente scioccato, veramente intossicato dal vostro amore? Non pensate che vorrà scendere giù e osservare felice questo vostro amore, un amore unito per l’eternità? Supponete di avere veramente questa qualità, di offrire un amore unito per l’eternità, non pensate che Dio vorrà scendere ad abitare eternamente con voi? Non credete che Egli vorrà vedere quella qualità d’amore e vivere con quella qualità d’amore? Non pensate che Dio vorrà vedere quel tipo di marito e moglie che si amano così?

Dio ha creato l’uomo e la donna ed esistono i rapporti coniugali fra marito e moglie. Pensate che Dio vorrà usare come materiale d’insegnamento i rapporti d’amore coniugali, quando marito e moglie hanno un amore separato, un giorno amore della mente e il giorno dopo amore del corpo, oppure un amore unito della mente e del corpo? Quale amore pensate che Dio vorrà usare come materiale d’insegnamento? [L’amore unito]. Supponete che il marito offra l’amore della mente e la moglie offra l’amore del corpo. Staranno bene insieme? Questa è una lezione pratica per la vostra vita d’amore coniugale. Supponete che oggi vostro marito vi si avvicini con l’amore della mente e vostra moglie vi si avvicini con l’amore del corpo; domani, invece, sarà il contrario: vostro marito vi offrirà l’amore del corpo e vostra moglie vi si avvicinerà con l’amore della mente. Se continua così, cosa potete fare? Che tipo di amore volete? Un amore che armonizza la mente e il corpo, o un amore pieno di conflitti fra la mente e il corpo? Quale? La mente e il corpo originariamente sono in conflitto a causa della caduta.

Voi dite sempre di amare Dio. Dio ha l’amore. Allora, qual è la differenza fra l’amore di Dio e il vostro? L’amore di Dio è un amore assolutamente unito. Dio è eterno e il Suo amore è immutabile, non cambia mai, mentre il nostro amore è molto volubile, variabile, temporaneo. Come possiamo allora unirci a Dio? Una persona come noi, che ha questo amore temporaneo e volubile, può stare al cospetto di Dio e sostenere di essere figlio di Dio, di vivere con Lui? Questa è una domanda seria, un problema serio. Come possiamo risolvere questa situazione? Come possiamo realizzare questa unificazione fra la mente e il corpo? Solo continuando a nutrire il corpo col cibo o abbracciandolo e amandolo? Qual è il metodo? In che modo possiamo realizzare la meta dell’unificazione fra la mente e il corpo?

Quando vi attaccate alle funzioni e ai desideri del corpo, vedete una possibilità che il corpo inizi l’unificazione fra la mente e il corpo? [No]. La caratteristica principale del corpo è che più gli date cibo per nutrirlo, più il corpo peggiora, più diventa viziato. Capite? Siete d’accordo col Padre? Se fate di più per il vostro corpo, esso diventa più viziato, più terribile. Allora una domanda: pensate che abbiamo la possibilità di entrare nel Regno di Dio realizzando la meta dell’unificazione fra la mente e il corpo se continuiamo a dar retta ai nostri desideri fisici, se continuiamo a seguire i desideri del corpo? [No]. Chi sente di essere sicuro che potremo entrare nel Regno di Dio perché seguiamo i desideri del corpo, alzi la mano. [Il Padre non vede nessuna mano alzata].

Conclusione: fintanto che continuiamo a seguire i nostri desideri fisici, non c’è assolutamente alcun dubbio che finiremo all’inferno. Perciò, cosa dobbiamo fare? Dobbiamo attaccare, colpire i nostri desideri fisici, fermare i desideri del nostro corpo. Vi piace questo? Voi, cittadini romani, fratelli e sorelle italiani, volete farlo? Questo vuol dire che volete entrare nel Regno di Dio. Se fate questo, pensate di essere destinati all’inferno o al cielo? Se seguite solo i desideri del corpo, andrete in cielo o all’inferno? [All’inferno]. Perciò la conclusione del Padre è che se diamo retta ai nostri desideri fisici non abbiamo assolutamente nessuna possibilità di andare in cielo, mentre se seguiamo davvero sempre la nostra mente, c’è la possibilità di andare nel Regno dei Cieli.

Questa è la conclusione. Giusto? Quelli che pensano che sia sbagliato, alzino la mano. Forse la vostra mente non è ancora del tutto severa, totalmente giusta, però se – come dice il Padre – continuate a dare retta alla vostra mente, a seguire la vostra coscienza, anche se non riuscite ad arrivare fino in cielo, potrete arrivarci molto vicino, mentre se seguite la direzione del corpo, il vostro corso andrà nella direzione totalmente opposta a quella del cielo, cioè sarete diretti all’inferno. Capite? Scegliete una strada. Quale volete scegliere, la via della coscienza o quella dei desideri fisici? Voi volete scegliere la via della coscienza, ma come? In modo assoluto o a un livello mediocre? Se volete fare veramente questo, volerete; volerete con la vostra coscienza e allora il vostro corpo vi tirerà giù dicendo: “Non andare”. Allora dovete cacciare via il corpo. Se è così, usate la vostra forza fisica per liberarvi del corpo. Questo è l’unico modo. La conclusione del Padre è giusta o sbagliata? [Giusta]. Siete disposti a farlo? [Sì]. Chi lo farà alzi la mano. E chi non vuole ancora farlo alzi la mano. Se vediamo qualche mano lo cacceremo via.

Se imparate veramente questa verità che il Padre vi ha appena dato, non avete bisogno di studiare altro, non avete bisogno del Padre. Neanche se Dio vi insegna, non c’è una verità superiore a questa. Neanche il Padre ha una verità migliore, superiore a quella che vi ha dato. Anche se vi insegnano i vostri nonni o i vostri genitori, non c’è verità superiore a questa. Voi che siete seduti laggiù in fondo, siete d’accordo con quello che vi insegna il Padre? [Sì].

Stasera il Padre ha completato il suo insegnamento, perciò se ne andrà in camera sua a riposare, va bene? Non ha più nulla da insegnarvi. Se seguirete questa verità finirete tutti nel Regno di Dio in Cielo. Ciò significa che capite quanto è pericoloso il mondo in cui viviamo adesso. Siamo circondati da un mondo terribile. Pensate: se seguite i desideri del corpo finirete all’inferno, se seguite sempre la vostra coscienza andrete in cielo. Cosa vuol dire questo? Significa che dentro di voi ci sono il cielo e l’inferno; è come una fabbrica del cielo e dell’inferno insieme dentro di voi. Vero? Non potete trovare l’inferno in nessun altro luogo. L’inferno è dentro il vostro corpo. La vostra mente è nemica di Satana e il vostro corpo è nemico di Dio. Seguite il Padre? È chiaro? Il vostro corpo è l’armatura di Satana.

Dato che conosciamo questa verità dal Padre stasera, da questo momento in poi distruggeremo, tortureremo ogni parte del nostro corpo: gli occhi, i cinque sensi, il naso, la bocca. Li dovremo torturare. Diversamente da questo – se vi togliete gli occhi non potete vedere – se non fate questo, in che modo potete realizzare la meta dell’unificazione fra la mente e il corpo? C’è un altro modo? Volete conoscerlo? Quanto volete pagare il Padre per imparare? Questo è l’insegnamento più prezioso che potete trovare nella vostra vita. Quanti milioni di dollari intendete pagare? Che onorario merita il Padre? Un milione di dollari? Anche se gli deste il mondo intero, non basta.

Vi piaceva andare a scuola ogni giorno e studiare duramente tutti i giorni? Alle persone non piace far questo. La strada per il cielo è una via facile o difficile? Quanto è difficile? La via del cielo è più difficile persino della morte, o è facile? La Bibbia dà degli insegnamenti molto contraddittori quando dice: “Chi cerca la sua vita la perderà e chi desidera perdere la sua vita la troverà”. Che tipo di paradosso è questo? È un problema pratico! Noi abbiamo mente e corpo e il nostro corpo dice alla mente: “Vattene via, muori, sparisci!” Allora la mente dice: “Perché io? Perché fai così?” La mente si rifiuta e il corpo si rifiuta. Questo è ciò che chiamiamo conflitto. Siamo bloccati lì. Quale strada pensate dovremmo prendere, quella della mente o quella del corpo? Di nuovo, a causa della caduta, questo corpo appartiene a Satana. Se questo è vero, come possiamo perdonare il corpo, i nostri desideri fisici? Abbiamo due problemi: il problema della mente e quello del corpo. Li dobbiamo risolvere; almeno uno, per poter liquidare l’altro. Avete qualche soluzione? Come possiamo risolvere questo problema fondamentale?

Il Padre vi fa una domanda. Abbiamo cinque sensi, ma usiamo come esempio gli occhi. Quando sono stati creati, i nostri occhi erano lì per vedere loro stessi o altri oggetti? E il naso? È stato creato per odorare il naso stesso o qualcos’altro che veniva da fuori? E la bocca? Esiste per parlare a sé stessa o a qualcun altro, a qualche altro oggetto? E le orecchie? Sono sulla testa per ascoltare loro stessi o per sentire altri suoni provenienti dall’esterno? [Altri suoni dall’esterno]. E le mani? Sono qui per toccarsi solo fra loro o per toccare altre cose, sollevarle e fare dei lavori? Quindi dobbiamo capire che tutti i cinque sensi non esistevano per loro stessi. Non sono nati per loro stessi.

Bene, voi uomini siete nati per gli uomini? L’uomo è nato per l’uomo o per la donna? [per la donna] Franco, rispondi al Padre [per la donna]. Tu non sei stato creato per l’uomo. Non c’è nessun concetto di uomo nella tua creazione. L’uomo esiste grazie al concetto della donna. All’uomo piace la donna. Gli uomini sono portati a dire: “Noi siamo nati qui, siamo uomini; gli uomini sono per gli uomini. Cosa c’è di sbagliato in questo? Cosa abbiamo a che fare con le donne?” Questo è il problema. E voi, signore donne, siete nate per voi stesse o per gli uomini?

Il Padre sta dicendo che tutte le donne sono nate per le donne. [No!]. Dite che sono nate per gli uomini? Sì, è vero. Bene, in Italia avete milioni e milioni di diversi problemi sociali, politici ecc., ogni sorta di problemi, è vero? Sapete perché? Perché tutti questi problemi derivano dal pensare che siete nati per voi stessi. Se per voi è chiaro fino a questo punto, passiamo a un altro livello. Che cosa hanno di unico le donne che è nettamente diverso dagli uomini? L’organo sessuale. L’organo sessuale della donna appartiene alla donna? Rispondete al Padre. L’organo sessuale della donna appartiene all’uomo o alla donna? [All’uomo]. Dobbiamo capirlo chiaramente. Donne, il vostro organo sessuale è vostro o di vostro marito?

Voi uomini orgogliosi, belli, fieri di voi stessi, andate fuori e commettete ogni genere di atti immorali usando il vostro organo, il vostro bastone – il Padre dice che è come una mazza da baseball. Ma esso è vostro o di vostra moglie? Se dite che è vostro siete dei ladri. Qual è la definizione di ladro? Il ladro è una persona che prende le cose che appartengono agli altri come se fossero sue. Vale a dire che questo mondo è pieno di tutte quelle persone che rubano, che sono dei ladri. Ecco perché lo chiamiamo inferno! Ripetete tutti dopo il Padre: inferno!

Le persone che si dannano all’inferno in questo mondo sono quelle che credono di essere nate per loro stesse. Capite il Padre? Se 58 milioni di italiani vivono veramente secondo gli insegnamenti che il Padre vi ha dato oggi, il mondo di pace, il mondo ideale, sarà costruito qui in Italia. È vero? Siete d’accordo? Quelli che sono d’accordo con gli insegnamenti del Padre alzino la mano. Vuol dire che da domani in poi dovrete vivere secondo le aspettative del Padre. Quando diciamo lato destro, mano destra, non vuol dire che stiamo parlando solo della mano destra; ancor prima di dire mano destra, quello che precede è già la mano sinistra. La mano sinistra è una presupposizione. Ecco perché possiamo dire mano destra; è un concetto relativo. Quando diciamo alto, sopra, vuol dire che presupponiamo il basso. È ancora un termine relativo. Davanti e dietro, uomo e donna. Qui si applica lo stesso principio in termini di rapporti. Gli italiani sono intelligenti o stupidi? [Intelligenti]. Vuol dire che sapete queste cose, non avete bisogno di un insegnante. Se vivete solo per gli altri, che sarà della vostra vita?

Il Padre vede qui circa 400 persone. Se vivete veramente, sinceramente, per tutte le altre 400 persone, allora esse vi rispetteranno e vi seguiranno. Diventerete il loro centro. Mi seguite? Se avete dieci amici e ogni giorno chiedete a loro: “Fammi questo; vivi per me; portami qualcosa!” Alla fine scapperanno via tutti. Ma se continuate a lavorare, a fare le cose per tutti i vostri dieci amici e a servirli ogni giorno, alla fine verranno tutti da voi e voi diventerete il loro centro. È vero? Supponete di avere una grande famiglia – nonni, padre, madre, figli. Se tra i membri della vostra famiglia, uno dei bambini piccoli serve veramente tutta la famiglia, i nonni, i genitori, i fratelli e le sorelle, servendo tutti e vivendo la sua vita per gli altri, tutti quanti – nonni, genitori ecc. andranno da quel piccolo bambino e gli apriranno il loro cuore; in altre parole lo considereranno il centro di quella famiglia, perché gli porteranno persino tutti i loro segreti e glieli sveleranno. Ciò significa che quel particolare bambino è il centro della famiglia. Perciò i figli di amore filiale sono i figli che servono e vivono per la famiglia, per amore dei loro genitori. Il patriota è una persona che vive per amore della sua nazione. Il santo è una persona che dedica la sua vita e si sacrifica per il bene di tutto il mondo e dell’umanità. Il figlio sacro è una persona che dedica la sua vita per il bene dell’intero cosmo, compreso Dio e il mondo spirituale. Capite?

Avete sempre meno cose per voi, sempre di meno, persino nulla. Questo è il santo più grande e il figlio sacro. Dato che ora sappiamo questo, c’è la possibilità che diventiamo figli di Dio. Il vostro corpo dice: “Servimi, fa questo per me”, invece di dire: “Farò io questo per te”. Ecco il problema. La vostra coscienza invece non agisce in questo modo, vi dice costantemente di condividere le cose con le altre persone, di vivere per gli altri. Se seguite i desideri del corpo siete destinati a perdere, ma se seguite gli insegnamenti della coscienza prospererete. Così la vostra linea di divisione è proprio qui, fra la mente e il corpo. Se seguite i desideri del corpo andate con Satana, se seguite la vostra coscienza Dio scenderà e sarà con voi. La via della coscienza porta alla prosperità.

È una conclusione semplice. Originariamente non siamo nati per noi stessi ma per gli altri. Allora, che tipo di donna è la vera donna? La vera donna è la donna che è nata per il marito, vive per il marito ed è addirittura disposta a morire per amore suo. Allora è destinata in cielo. Per l’uomo è la stessa cosa. Il vero uomo è un uomo che è nato per la moglie, vive la sua vita per la moglie ed è disposto a morire per lei. Allora si chiama “vero uomo”.

Qual è la definizione di veri genitori? I veri genitori sono quelli che sono nati per amore dei figli, vivono per loro e sono disposti a morire per loro. E i veri figli? Vale lo stesso principio. I veri figli sono i figli che sono nati per i loro genitori, dedicano la loro vita ai genitori e sono persino pronti a morire per loro. Questi sono i veri figli. Capite il concetto di “vero”? Capite il Padre? Quando abbiamo questa qualità di persone nella nostra casa, quanto è prezioso vostro marito, quanto è preziosa vostra moglie nella vostra famiglia, se vivete secondo questo ideale.

Ora che capite questo concetto, potete collegarlo al significato della Chiesa dell’Unificazione. Qual è il significato della Chiesa dell’Unificazione? La Chiesa dell’Unificazione è il luogo dove insegniamo alle persone a costruire questo tipo di famiglia ideale in modo che tutti possano andare nel Regno dei Cieli, vivendo insieme, uniti per l’eternità. Supponete che la vostra famiglia sia questa famiglia ideale, una vera famiglia; non pensate che Dio sarà interessato ad essa? Quando avete questo tipo di famiglia, che genere di consiglio o di insegnamento pensate che Dio vorrà darvi? Poiché avete vissuto tutta la vita per amore dei vostri genitori e delle altre persone del mondo, quando Dio scenderà nella vostra famiglia, pensate che vi dirà: “Bene, hai vissuto abbastanza per gli altri, allora perché non vivi la tua vita per te stesso?”

Pensate che Dio dirà così? Anche se avete vissuto tutta la vostra vita per gli altri, per i membri della vostra famiglia o per chiunque, Dio vi dirà ancora: “Vivi la tua vita per gli altri, continua a fare così per l’eternità”. Perché? Perché Dio vuole vivere con voi, vuole farvi appartenere a Lui. Questa è la ragione.

Ora, dunque, ecco la domanda del Padre: “Il Rev. Moon è il fondatore e il leader della Chiesa dell’Unificazione; pensate che vi dovrà addirittura colpire per farvi vivere per gli altri, oppure vi dovrà concedere una sosta, dicendo: – Va bene, se non riesci a farlo, prenditela comoda e fa quello che vuoi. – Quale delle due cose dovrebbe fare il Rev. Moon? Qual è di più la via del vero maestro e del genitore? Spingervi o lasciarvi andare?” [Spingere]. Ripetete dopo il Padre: Spingere. Allora diventerete tutti numero uno. Se sapete ricevere la spinta del Padre fino a cadere, diventerete il numero uno. Volete diventare campioni numero uno o numero dieci? [Numero uno]. Se volete diventare un campione olimpionico di pugilato, dovete continuare ad allenarvi ogni giorno, oppure potete prendervela comoda, godervi la vita e diventerete naturalmente dei campioni? Pensate: quanti milioni di volte quel campione dovrà colpire il sacco di sabbia? Non pensate che dovrà continuare a dare pugni al sacco di sabbia con tutta la sua forza finché non si consuma, si crea un grosso buco e la sabbia cade giù?

Che ore sono? Il Padre vi fa una domanda. Tra l’ora in cui siete venuti in questa stanza ad ascoltare gli insegnamenti del Padre e adesso, dopo aver imparato per circa due ore dal Padre, la vostra mente e il vostro cervello sono cambiati o non c’è nessuna differenza? [C’è una differenza]. Quanta differenza sentite? Grande così o piccola così [Il Padre indica coi gesti]. Quale? Mostrate al Padre? Quando la gente del mondo guarda la situazione, voi avete ammesso che nel giro di due ore siete diventati totalmente diversi. Ecco perché l’hanno definito un campione di lavaggio del cervello.

Il Padre dice che se questo è il modo in cui siete stati lavati di cervello, pensate che con questo lavaggio andrete in cielo o all’inferno? [In cielo]. Voi donne – di solito si dice che la bocca delle donne è leggera o pesante? Le donne solitamente sono molto chiacchierone. Di solito le donne creano più problemi. Fra l’uomo e la donna chi crea più problemi? Ora sapete la risposta. Forse la gente dirà che quella particolare donna che era molto chiacchierona, ficcava il naso dappertutto e parlava, parlava, ieri, improvvisamente, è andata ad ascoltare il Rev. Moon e poi è tornata a casa ed è diventata molto taciturna, una donna molto quieta. Cos’è successo? Le hanno lavato il cervello. È ok anche se vi dicono che siete lavati di cervello. Che tipo di ok, un ok numero uno, o numero dieci? Ora le donne che vivranno secondo gli insegnamenti che il Padre ha dato stasera e metteranno in pratica nella vita di ogni giorno quello che ho insegnato, mostrino le mani al Padre: Rispondete, mostrate la mano! Perché fate tanto rumore! Il Padre dice che siccome queste donne mostrano tanta determinazione, non ha nemmeno bisogno di chiederlo agli uomini.

Qual è la situazione? Il Rev. Moon vi ha fatto lavorare in prima linea ogni giorno finché crollate, mentre lui se ne sta indietro, seduto e si rilassa, oppure è stato davanti a voi, dandovi l’esempio in tutto? Chi impara da chi? È il Rev. Moon che impara da voi a lavorare, o siete voi che seguite le sue orme e imparate ad ogni passo della vostra vita? Ecco perché il Padre è in posizione di centro della Chiesa dell’Unificazione [Applausi]. Pensate al Padre. Ora la sua età si avvicina agli 80 anni, eppure lavora come un giovanotto di 20 anni, come un soldato. Chi lo aiuta? Dio gli fornisce l’energia e la protezione [Applausi]. Quando il Padre è venuto in Italia ed è entrato nella città di Roma, ha pensato: “Bene, io sono la persona che vive per amore di tutta la nazione italiana e nella città di Roma sono quello che fa più lavoro di chiunque altro in Italia e a Roma. Perciò, anche se Roma e l’Italia decadono, io prospererò perché sono con Dio”. È così che il Padre ha pensato oggi.

Questa è la strada della prosperità; invece, seguendo la strada opposta decadete. Perché? Perché Dio ama quel modo di pensare, quel genere di vita. Quando andrete nel mondo spirituale in un modo o in un altro dovrete affrontare Dio. Sapete perché Dio è il Re dei Re per l’eternità? Perché in tutta la storia Dio è colui che ha offerto Sé stesso per l’intera umanità in tutti questi anni. Ecco perché è diventato il Re dei Re. Capite il Padre? In passato abbiamo tutti vissuto la nostra vita secondo il nostro modo di pensare, centrati su noi stessi, ma ora abbiamo imparato dal Padre il nuovo modo di vita che è il modo di vita di Dio e dei Veri Genitori. Quale strada volete seguire da ora in poi? Quelli che vogliono seguire il modo di vita del Padre e di Dio da questo momento fino all’eternità, si alzino in piedi.

Salva come PDF

^