La Vera Famiglia e Noi

Salva come PDF

8 novembre 1995 – Roma

Distinti ospiti, Signore e Signori, sono profondamente grato di potermi rivolgere a voi oggi qui a Roma.

Dobbiamo pensare bene ai molti problemi che il mondo ha e come ricevere il 21° secolo che è alle porte. Dobbiamo anche pensare a come stabilire l’armonia e la pace mondiale allo scopo di costruire il mondo ideale che Dio e l’umanità hanno ricercato da sempre. Stasera, vorrei cogliere questa opportunità per parlarvi sul tema “La Vera Famiglia e noi”

Il vero io richiede lo stabilirsi di una vera famiglia attraverso un uomo e una donna. L’umanità è formata da due generi di persone: gli uomini e le donne. Anche i più complessi problemi del mondo coinvolgono le relazioni fra di loro e la realizzazione di una vera famiglia, formata da due veri individui, fornisce il modello per risolvere i problemi dell’umanità e del mondo. Vere famiglie si uniranno per formare nazioni vere e un mondo vero, un mondo ideale di vera pace. Pertanto consideriamo cosa significa parlare di “Vera Famiglia e noi” e che problemi devono essere risolti per arrivare a questo modello ideale.

Perché c’è conflitto fra mente e corpo?

Oggi, alla domanda se il mondo sia buono o malvagio, dobbiamo rispondere che è malvagio. Perché è malvagio? Perché, sia che consideriamo la storia mondiale o la storia di qualsiasi nazione, vediamo che è stata una storia segnata dalle guerre. Quando persone che si trovano su uno stesso livello orizzontale combattono una guerra fra di loro, il risultato è sempre il declino di entrambe. Affermare che il mondo è malvagio implica che ciascuna delle nostre nazioni è malvagia, che i suoi abitanti sono malvagi e che noi stessi siamo malvagi. Se ci analizziamo, non possiamo negare il conflitto che avviene in noi fra mente e corpo. L’origine e la causa di questa lotta rimane un problema che deve essere risolto.

Se un individuo non possiede in sé stesso una base per la pace, non sarà felice, per quanto in pace possano essere la sua famiglia, la sua nazione o il mondo. Finché un individuo è in conflitto con sé stesso, non può raggiungere la felicità. Come sapete, la prima e la seconda guerra mondiale, così come la guerra fredda, sono terminate; i conflitti si possono fermare con un armistizio. Ciò che non abbiamo ancora capito è che la lotta invece fra la mente e il corpo dell’uomo è continuata durante tutta la storia fino ai nostri giorni e possiamo prevedere che continuerà ancora in futuro.

Se pensiamo a questo, allora la domanda principale diventa: “Se Dio esiste, perché ha permesso che questa lotta tra mente e corpo continuasse così a lungo?” Se siamo d’accordo che gli esseri umani peccarono, possiamo comprendere che è responsabilità dell’uomo porre rimedio al peccato. Dio non può assumersene la responsabilità, né può interferire in questo.

Da dove ha origine la lotta fra la mente e il corpo? Noi ereditiamo la vita dai nostri genitori e dai genitori dei loro genitori. Se continuiamo a risalire indietro in questo modo, alla fine arriviamo alla prima generazione, ai primi antenati dell’umanità. La mia opinione è che questa lotta fra mente e corpo deriva da un problema nella relazione d’amore coniugale di Adamo ed Eva, i primi antenati dell’uomo. Dobbiamo ricordarci che la vita ha origine nella relazione d’amore dei genitori. Quindi, poiché questa lotta dentro di noi trae le sue origini da prima della nostra nascita, si deve concludere che il problema è collegato alle circostanze in cui i nostri primi genitori stabilirono fra loro una relazione d’amore.

L’amore di Adamo ed Eva non fu un amore di vera felicità, fu invece un amore tormentato dai conflitti. Poiché la nostra vita ha le sue radici in questo amore, ne consegue che è lì che hanno origine i conflitti presenti nell’intimo dell’essere umano. La Bibbia ci insegna che, poiché peccarono, Adamo ed Eva furono cacciati dal Giardino di Eden e dopo che ciò avvenne cominciarono ad avere figli. Dio non poteva seguirli e benedirli in matrimonio perché era stato proprio Lui a cacciarli dal Giardino. Perciò dobbiamo chiederci chi li sposò. La caduta consiste nel fatto che Eva fu tentata da Satana e in seguitò tentò Adamo. Quindi possiamo convenire che, poiché a commettere la caduta furono Adamo ed Eva, essi si sposarono sotto il dominio di Satana.

Dio sta lavorando per ricreare l’amore

Adamo ed Eva, stabilirono un rapporto coniugale, incentrato sul loro amore, ma anziché essere una relazione felice, fu un rapporto dominato dai conflitti. Questo fu il modo in cui i nostri antenati diedero inizio al nostro lignaggio e le nostre radici quindi sono in quella relazione. È logico affermare che la lotta odierna fra la mente e il corpo è collegata a quella relazione. La caduta iniziò con un amore immorale. Adamo ed Eva si unirono a Satana nel contesto di una inopportuna relazione d’amore. Anziché diventare antenati del bene, divennero gli antenati del male, piantando le radici dell’amore, della vita e del lignaggio malvagi.

Se questo è vero, ciò che ebbe inizio da una famiglia caduta, crebbe espandendosi alle tribù, alle nazioni e al mondo intero. Oggi non si può negare che più di 5 miliardi di persone nel mondo siano tutti discendenti di Satana, avendo ereditato il lignaggio di sangue da genitori malvagi. Nessuno ha pensato che il sangue di Satana, l’adultero, stava scorrendo nelle nostre vene e quanto ripugnante fosse questo per Dio. Questo è il problema.

Come possiamo allora liberarci da queste radici? Satana ha piantato le sue radici nel nostro corpo fisico, proprio nella nostra carne. Se non ci fosse stata la caduta, la nostra mente e il nostro corpo si sarebbero uniti in base a una legge naturale, ma come risultato della caduta esiste un conflitto fra due poli positivi: la coscienza dal lato del Cielo, e il corpo che si oppone alla coscienza. Dobbiamo capire chiaramente che questa lotta costituisce l’inizio del conflitto presente nella storia. Dio non può fare a meno di lavorare per separare il bene dal male e rovesciare così la situazione. Dio ha una mente altruistica e continua sulla strada di vivere per l’insieme, verso la meta dell’amore e della pace. D’altro canto Satana è egoista e individualista; cerca sempre di distruggere il lato buono, attraverso l’odio, il male e la guerra. Il suo intento è impedire che l’umanità ritorni eternamente dal lato di Dio e guida il mondo fisico verso la distruzione.

Dio, dalla posizione del bene, non può punire severamente l’umanità per essere andata con Satana. La strategia di Dio per riconquistare a Sé l’umanità, è permettere che il male Lo attacchi. Dopo può reclamare riparazione per i danni e gli abusi subiti. La strategia di Satana è quella di colpire per primo, ma alla fine perde tutto. Satana ha attraversato la storia con il desiderio di rovinare il piano di Dio con l’odio, il male e la guerra, mentre, al contrario, Dio ha lavorato per restaurare e ricreare l’amore e la pace.

Negli Ultimi Giorni Satana, che ha dominato spiritualmente l’umanità che lo ha assecondato, dovrà rimettere la sua posizione nelle mani di Dio. Per evitare che questo accada, Satana ha fatto sorgere l’ateismo e ha piantato così i semi dell’umanesimo, del materialismo e del comunismo. Questo ha portato il conflitto mondiale fra “l’ala destra del Cielo” e “l’ala sinistra satanica”. Dopo la vittoria del lato di Dio nella seconda guerra mondiale, il mondo è entrato in un’era di transizione verso un mondo di pace, basato sulla sfera culturale cristiana.

Tuttavia l’era presente è l’era del regno dell’individualismo, l’era del sesso libero che ha completamente distrutto l’amore vero nella famiglia, l’era della negazione dei genitori, l’era della negazione del marito e della moglie, l’era della negazione dei figli. Questa è l’epoca in cui l’omosessualità sta cercando di distruggere completamente il lato del Cielo che cerca di stabilire famiglie ideali – le famiglie che Dio, mandando per la seconda volta il Messia, cerca di stabilire per cambiare questo inferno nel Regno dei Cieli sulla Terra. Il Messia, quale Vero Padre, desidera portare l’unità della mente con il corpo, l’unità tra i mariti e le mogli, tra i figli, e infine l’unificazione dell’intero mondo.

La relazione fra spirito e materia

A livello mondiale ci sono ancora domande che attendono risposta. Fra queste: cosa dovrebbe essere prioritario nel mondo odierno, i problemi pubblici o quelli privati? Cos’è apparso prima, la materia o lo spirito? È giusta la teoria materialista o la teoria idealista? Cosa viene prima, la realtà o il concetto? È giusto l’evoluzionismo o il creazionismo?

Tentiamo di rispondere a queste domande con un esempio. Quando osserviamo il regno animale, scopriamo che la prima cosa che si forma in un nuovo animale sono gli occhi e gli occhi sono materia. Gli occhi, prima della nascita, possono sapere che esiste il sole? Essendo solo materia, gli occhi non lo sanno. Tuttavia qualcosa o qualcuno, trascendente la materia, sa che gli occhi sono creati per vedere la luce del sole. Qualcuno lo sa. Essendo materia gli occhi non sanno che esiste l’atmosfera, eppure sono stati formati con le ciglia per far sì che la polvere presente nell’aria non li danneggi. Essendo pura materia, gli occhi non sanno che il vapore o altre radiazioni di calore possono asciugarli e danneggiarli, ma qualcuno lo sa in anticipo ed è per questo che sono umidi, così da essere protetti. Le due sopracciglia e la forma del naso impediscono al sudore, che scende dalla fronte, di entrare negli occhi o nella bocca. Il fatto che siamo stati creati in questo modo prova che queste cose erano già conosciute.

La conclusione che possiamo trarre è che attraverso il semplice esempio dell’occhio, è possibile risolvere la grande disputa se il pensiero preceda l’esistenza, se lo spirito preceda la materia o se qualsiasi concetto preceda la realtà. Possiamo risolvere il dibattito fra teismo e ateismo, creazione ed evoluzione.

Lo scopo della religione

Stando così le cose, non possiamo negare che gli esseri umani siano stati creati da Dio. Perciò dobbiamo ritornare al mondo originale della creazione, conoscendo il tipo di individuo, il tipo di vera famiglia e il tipo di mondo che Dio desidera. Ora dobbiamo chiarire le complesse relazioni in cui ci siamo ritrovati a causa della caduta.

Riflettendo vediamo che non ci siamo resi conto che poiché il nostro corpo è diventato la roccaforte dell’inferno e la coscienza è diventata la fortezza del Cielo, noi siamo persone che incorporano il punto di divisione di questi due mondi. Da questa prospettiva, quando guardiamo noi stessi, vediamo che il corpo domina la mente. In tutta la storia il corpo è stato completamente libero di guidare la mente. Se la coscienza fosse rafforzata, noi ritorneremmo automaticamente a Dio e il mondo si sarebbe già posto dal lato di Dio. Il fatto che il corpo fisico trascini la coscienza ci mostra che il problema ha la sua origine al momento della caduta. Il problema fu che la forza del falso amore, che legò i primi antenati a Satana, fu più forte della forza della coscienza. Trovare una soluzione a questo problema è cruciale per comprendere l’origine del bene e del male, per comprendere la storia della provvidenza, e per trovare spiegazione ai misteri irrisolti della vita nella storia umana.

Dio, che conosce molto bene la storia degli esseri umani, non può abbandonare l’umanità caduta. Deve invece stabilire una strategia per indebolire la forza attraverso cui il corpo domina la nostra coscienza. Pertanto la religione costituisce la struttura storica stabilita dal Cielo per portare all’uomo la salvezza. La religione è stata necessaria in passato ed è necessaria oggi. Avendo stabilito le religioni in accordo alle varie sfere culturali del mondo, come si può indebolire il potere del corpo sulla mente? Come si può superare questo potere? Finora i religiosi non hanno compreso che lo scopo della religione è impedire al corpo di continuare a guidare la mente.

Se non ci fosse stata la caduta, non ci sarebbe stato bisogno della religione. Fu commesso un errore e la religione divenne necessaria per correggerlo. Allora cosa intende fare Dio attraverso la religione? Intende disciplinare e indebolire l’influenza del corpo. Probabilmente pensate che credendo in una religione sarete salvati, che credendo nel Cristianesimo andrete in Paradiso, o che credendo nel Buddismo andrete in Cielo, ma ad andare in Cielo saranno quei figli che si uniscono con al centro il vero amore di Dio. Originariamente per andare in Cielo la famiglia di Adamo avrebbe dovuto essere una famiglia al cui centro c’era il Vero amore, una famiglia che aveva una relazione di sangue con Dio. Solo questo genere di famiglia può entrare in Cielo. Dobbiamo comprendere che il Regno dei Cieli è il luogo dove dimorano tali famiglie.

Perciò, per potenziare la forza della coscienza, dobbiamo disciplinare il corpo; dobbiamo liberare la nostra coscienza, in modo che possa guidare il nostro corpo con la volontà. Potremo allora ritornare in seno al vero amore di Dio come esseri originali, liberi dal peccato. Se chiediamo cosa dovrebbe fare la religione, la risposta è che dovrebbe motivare il nostro corpo a fare tutto ciò che detesta fare. Che cosa detesta più di tutto il corpo? Digiunare! Servire e sacrificarsi! Inoltre la religione ci chiede di essere un’offerta. L’offerta è destinata a versare sangue e deve essere pronta a sacrificare la propria vita.

La Bibbia afferma che chi è disposto a perdere la propria vita la troverà, e chi pensa solo a salvare la propria vita la perderà. Ciò che questo paradosso ci insegna è che se viviamo secondo i desideri della carne andremo all’inferno. Se invece siamo vittoriosi sulla carne e liberiamo la nostra coscienza, potremo andare in Cielo. Se sottomettiamo completamente il corpo e la nostra coscienza prende una posizione totalmente soggettiva, essa ci aprirà orizzonti illimitati e una speranza infinita.

L’essenza della coscienza

Nel corso della storia ci sono state numerose religioni e guide religiose. Tuttavia, coloro che le hanno seguite non sono stati in grado di acquisire il controllo del corpo e non hanno saputo rinnegare sé stessi completamente. Non hanno saputo liberare la coscienza per metterla in posizione di ristabilire la relazione originale con Dio. Noi peccatori non siamo diventati dei veri ulivi, siamo diventati degli ulivi selvatici con le radici piantate in un amore falso. L’essere umano avrebbe dovuto avere le radici nel vero amore di Dio, e invece noi abbiamo messo radice nell’amore di Satana. Come risolveremo il problema di essere degli ulivi selvatici anziché dei veri ulivi? Questo resta un compito cruciale con cui ogni essere umano deve oggi inevitabilmente confrontarsi.

Se analizzate voi stessi, noterete che la coscienza sa tutto di voi. La coscienza è più vicina a voi dei vostri stessi genitori. Desidera possedere l’amore eterno ed essere abbracciata eternamente da Dio. Quando ci sposiamo, noi ci separiamo dai nostri genitori terreni, ma non dalla nostra coscienza. La coscienza esiste in noi prima della nostra nascita sulla terra. Ci ama ed ha la missione di liberarci per farci diventare veri figli di Dio.

La coscienza non ha bisogno di insegnanti. Avete mai sentito un Ministro della Pubblica Istruzione annunciare un piano per l’educazione della coscienza? Se la coscienza avesse seguito la strada originale noi avremmo saputo chiaramente che corso seguire nella nostra vita. Ci avrebbe insegnato e guidato a tornare nell’abbraccio di Dio. Se esaminate voi stessi e ascoltate la vostra coscienza, scoprite che essa sa tutto della vostra vita. Allo stesso modo quando andremo nel mondo spirituale scopriremo che c’è qualcosa di simile a un grande computer che registra dettagliatamente tutto ciò che facciamo durante la nostra vita sulla terra. Ora possiamo capire che la missione della coscienza è quella di trasformarci in veri figli e figlie di Dio, senza macchia.

C’è qualcuno qui, che è convinto che non morirà mai? Tutti andremo nel mondo spirituale un giorno. Quando entrerete nel mondo spirituale sarete conosciuti immediatamente per nome. Poiché il mondo spirituale trascende tempo e spazio, si potrà conoscere tutta la vostra vita e la vita dei vostri antenati. Ne consegue che non dovremmo lasciare irrisolto nessun aspetto che contraddice la nostra coscienza. Possiamo perciò dire che la coscienza conosce più cose di qualunque insegnante. Anche se voi che siete qui oggi siete persone rispettabili, si può essere sicuri che anche per voi non c’è un insegnante migliore della vostra coscienza. La coscienza svolge lo stesso ruolo che ha la bussola per una nave.

Dio è la radice della coscienza

Signore e signori, sono sicuro che quando vi siete sposati non intendevate unirvi a un coniuge peggiore di voi. Se vi chiedessi se volevate un coniuge dieci volte o cento volte migliore di voi, senza dubbio rispondereste che se fosse possibile preferireste che il vostro sposo fosse mille, diecimila o un milione di volte migliore di voi.

L’ambizione della coscienza desidera la quantità massima d’amore. Desidera possedere l’essere assoluto. La stessa cosa valeva per i nostri antenati e varrà per i nostri discendenti. Se facessimo questa domanda a Dio, risponderebbe allo stesso modo. Non è vero che è impossibile che tutti i vostri desideri si realizzino? Ad esempio il desiderio di un deputato in Italia sarà quello di diventare presidente della nazione e poi vorrà raggiungere la posizione più alta in tutta Europa e persino nel mondo. Questo è il modo in cui si estende l’ambizione della coscienza. Tutti, dall’inizio della storia fino a oggi, hanno pensato che l’ambizione della coscienza non potrà mai essere soddisfatta completamente. Eppure il Reverendo Moon, è arrivato alla conclusione che è possibile soddisfarla.

Quanto è grande la vostra coscienza? Come possiamo misurare la coscienza? Quando la coscienza arriverà a possedere Dio, pensate che quello sarà il punto finale? Non pensate che se esistesse qualcosa più grande di Dio, la coscienza desidererebbe possederla? O il suo desiderio non arriverebbe a tanto? Cosa cerca realmente di soddisfare la coscienza? La coscienza desidera possedere la cosa più grande dell’universo. Allora quanto vorrebbe esser grande la coscienza di Dio? Se paragonassimo la coscienza umana con quella di Dio, quale sarebbe più grande? Se la coscienza di Dio fosse più grande di quella di un essere umano, cosa vorrebbe fare Dio con la Sua coscienza? La conclusione è che Dio vuol possedere la stessa cosa che desiderano gli esseri umani: il vero amore.

La coscienza desidera il vero amore

Sappiamo che Dio è assoluto, ma non pensate che si possa sentire solo? O pensate che si senta felice? Anche se una persona diventa il presidente della nazione ma vive solo, senza uno sposo, quella persona si sentirà infelice. Se non abbiamo un oggetto d’amore, siamo infelici. Dio ha bisogno di qualcuno oppure no? Anche se Dio è Dio, si sente molto solo. Gli esseri umani si sentono vuoti quando non hanno soldi, conoscenza o autorità; ma Dio non ha bisogno di soldi, di conoscenza o di potere perché è il creatore. La domanda è: cosa desidera di più Dio? Chi diciamo che sia Dio? Dio è il re del vero amore! È il proprietario del vero amore. Se Dio è il re del vero amore questo significa che, come uno sposo, egli ha bisogno di una regina. Questo è un principio assoluto. Se chiediamo chi può allora essere l’oggetto, il partner, di vero amore per il Dio assoluto, la risposta è: un vero essere umano! Adamo ed Eva uniti e incentrati sul vero amore di Dio dovevano essere l’oggetto del Suo vero amore.

Tutti voi qui avete bisogno di soldi. Voi avete bisogno di conoscenza e di autorità. Ma se non avete un coniuge, tutto ciò sarà vano. Un marito ha bisogno di avere una moglie e dei figli. Una moglie ha bisogno del marito e dei figli. Il luogo dove si trovano tali partner di vero amore è ciò che chiamiamo una vera famiglia. La famiglia che serve Dio, il signore dell’amore, nella posizione di oggetto di quell’amore, soddisfa completamente il desiderio della coscienza di Dio – la famiglia dove un uomo e una donna si uniscono come oggetti del vero amore di Dio e dove i figli vivono felici, deve essere la struttura base d’inizio del Regno dei Cieli sulla terra, con al centro il vero amore di Dio.

Così come noi esseri umani desideriamo che l’oggetto del nostro amore sia infinitamente più grande di noi, anche Dio vuole che l’uomo, l’oggetto del suo amore, abbia un valore infinito. Una persona di tale valore è un vero essere umano. Ora sappiamo che Adamo ed Eva, invece di cadere, erano destinati a raggiungere la perfezione diventando questo tipo di uomo e donna. Se ci è stata data un’aspirazione così alta nella nostra coscienza, è perché siamo esseri nella posizione di oggetto di Dio, che è il soggetto naturale dell’uomo. Un essere umano non è semplicemente una parte di Dio, ma una personalità completamente distinta rispetto a Lui! Essendo così, Dio voleva che ciascuno di noi fosse un essere di valore maggiore persino di Sé stesso. Dobbiamo sapere che Dio consente alla coscienza umana di desiderare il vero amore e il desiderio di essere persino più grande di Sé stesso.

Il vero amore di Dio e dell’umanità

Se, all’inizio della creazione, si fosse realizzata una famiglia in cui Dio e l’uomo avessero realizzato una relazione di vero amore in accordo al Suo ideale, oggi non ci saremmo dovuti preoccupare dell’inferno, perché saremmo entrati automaticamente nel Regno dei Cieli. Il problema che ora dobbiamo esaminare è che l’amore di Dio e l’amore dell’umanità, non originandosi insieme, nell’armonia di una relazione di vero amore tra soggetto e oggetto, partirono in due direzioni diverse generando quindi due strade e due mete per l’amore. In tale situazione divenne impossibile scoprire il mondo ideale desiderato da Dio e dall’umanità. L’ideale divino di vero amore che iniziava da un unico punto subì un completo arresto a causa della caduta. Sorsero dei falsi genitori con al centro l’amore di Satana. Poiché noi siamo i discendenti che hanno ereditato quel falso amore, quella falsa vita e quel falso lignaggio, siamo tutti destinati all’inferno. Non abbiamo nulla a che fare col Regno dei Cieli. Ora sappiamo che siamo destinati a conquistare il vero amore di Dio attraverso la nostra coscienza, diventando persone il cui spirito domina il corpo tramite la forza di volontà.

Il Regno dei Cieli

Cosa fa la coscienza per conquistare il vero amore di Dio? Una persona può avere denaro, conoscenza o potere, ma se perde l’amore della sua vita, nessuna di queste cose ha più significato. Se sollevate e liberate completamente la vostra mente ed espandete il livello della vostra coscienza nei 360 gradi della sfera di liberazione, essa si collegherà automaticamente con il vero amore di Dio. Se chiediamo cosa è più grande, la coscienza o l’amore, vedremo che l’amore è più grande. Possiamo capirlo dal fatto che la coscienza sorge dall’amore. Ciò che chiamiamo Regno dei Cieli è il luogo dove andremo a vivere uniti al vero amore di Dio con una coscienza libera. È il luogo in cui andremo dopo aver vissuto focalizzati sul vero l’amore, e dopo esserci preparati ad essere il lignaggio del vero amore di Dio. Senza conquistare questo amore, non potremo mai entrare nel Regno di Dio e dovremo aspettare un tempo lunghissimo di preparazione prima che venga quel giorno.

A causa della caduta, soltanto quando la luce della vera ideologia e dispensazione di Dio non giungerà all’umanità grazie al Suo amore, l’umanità stessa non potrà unirsi e le persone non potranno collegarsi al Regno dei Cieli. La persona la cui coscienza si è unita al vero amore entrerà automaticamente nel Regno dei Cieli. Anche se una persona crede in Gesù, non può entrare nel Regno dei Cieli se non è collegata all’amore di Dio. Il fatto che la nostra mente e il nostro corpo stiano lottando, ci impedisce di entrare nel Regno. La persona che ha ereditato il lignaggio di Satana e vive in uno stato di conflitto, non può entrare nel Regno.

Tutte le religioni, che hanno la missione di aprire la strada, e stanno invece lottando fra loro faranno una triste fine negli Ultimi Giorni. Non si può trovare Dio dove c’è conflitto. Tutte le religioni e le denominazioni debbono unirsi. La religione è perciò un movimento diviso in pezzi che ha il compito di sottomettere il corpo e liberare la coscienza. Non è la chiave che apre la porta alla salvezza. Dobbiamo comprendere che senza ereditare il vero amore, la vera vita e la vera linea di sangue con al centro il vero amore di Dio, la porta per la salvezza non può essere aperta. Credere semplicemente in una religione non significa ricevere la salvezza. Parlando francamente, la religione esiste per disciplinare il corpo. Quando la nostra coscienza è libera, solo allora può ambire alla meta del Vero Amore che include Dio stesso.

Cosa ne pensate, signore e signori? Chi sarà il primo a conoscere quello che sto facendo, la mia coscienza o Dio? Cosa rispondereste? La coscienza è la prima a saperlo. Noi esseri umani esistiamo separatamente da Dio nello stesso modo in cui marito e moglie vivono esistenze separate. Sono personalità distinte. Se Dio sapesse ogni cosa prima, potremmo dire di essere una parte di Dio, come un unico corpo. Gli ideali che richiedono un impegno reciproco non si possono realizzare da soli. Per questo quando Adamo ed Eva peccarono, Dio chiese: “Adamo dove sei?”

Poiché gli esseri umani cominciarono la loro vita basandosi sul vero amore di Dio, possono ritornare a Dio come esseri di carattere correlativo incentrati sul vero amore. Quando i figli diventano anziani, quando i genitori raggiungono l’età di cento anni e i loro figli quella di 80, anche la relazione fra padre e figlio diventa una relazione tra amici. Non si può paragonare la forza fisica della donna a quella dell’uomo. Le donne non sconfiggeranno mai fisicamente gli uomini; ma attraverso l’amore, marito e moglie sono attratti reciprocamente e si seguono l’un l’altra.

Se l’umanità fosse diventata l’oggetto del vero amore di Dio, questo Gli avrebbe fatto piacere o no? Sicuramente ne sarebbe stato felice! Dio creò l’universo prima di creare i suoi oggetti d’amore, sperando che sarebbero diventati partner ideali. Se, dopo aver raggiunto la perfezione come oggetti del vero amore di Dio, Adamo ed Eva avessero chiesto a Dio di creare qualcosa di più grande di ciò che aveva già creato, pensate che Dio avrebbe potuto farlo? Per quanto infinita possa essere l’ambizione della nostra coscienza, dovremmo sapere che Dio può rispondere ad essa attraverso la Sua energia creativa. Analogamente la verità che noi fummo creati da Dio con il valore di Suoi oggetti, con al centro il Suo infinito vero amore, fu completamente perduta. Deve essere ristabilita e dobbiamo sapere che realizzare questo è lo scopo della vita e della storia dell’uomo.

Dio ha stabilito le religioni e ha promesso che un giorno ciascuno dei fondatori di queste religioni sarebbe tornato: Egli disse che Gesù sarebbe tornato; nel Buddismo si aspetta il ritorno di Buddha; per il Confucianesimo apparirà un nuovo Confucio e nell’Islam qualcuno verrà nella posizione di Messia. Quale potrebbe essere la ragione per cui Dio ha fatto sorgere le diverse religioni? Dobbiamo capire che la volontà di Dio si realizza con al centro i Suoi più amati figli, figli che sono come la carne e il sangue di Dio. Con questo tipo di figli e di figlie, Dio vuole formare famiglie, tribù, razze e nazioni di vero amore.

Dobbiamo allora capire che tipo di persona è il Messia. Al suo Secondo Avvento, il Signore è la persona che porta a compimento l’ideale che è stato il profondo desiderio di tutte le religioni, venendo sulla terra come radice dell’eterno, vero amore di Dio. Diventerà perciò un vero genitore e, focalizzato su quel perduto vero amore, lavorerà per stabilire una famiglia ideale sulla terra, collegata alla vera vita e al vero lignaggio. Questo è lo scopo della provvidenza di salvezza.

A causa della caduta, Dio perse la Vera Madre così come i figli della famiglia di Adamo. Ciò significa che Dio non ha potuto avere dei veri figli. Dio non ha potuto avere una vera famiglia collegata dalla linea di sangue e incentrata sul Suo vero amore. A causa della caduta, i legami di sangue hanno avuto origine da un falso amore e da una falsa vita e perciò è cominciata anche la lotta fra la mente e il corpo. Adamo ed Eva divennero nemici e fra i figli di Adamo vi fu una battaglia mortale.

La provvidenza di salvezza è la provvidenza di restaurazione che Dio ha guidato per restaurare quei figli perduti, all’armonia tra mente e corpo; per restaurare l’assoluta unità di marito e moglie nel vero amore di Dio. Questa vera famiglia che è qualificata a vivere eternamente con Dio, dovrebbe collegarsi al Cristianesimo che è in posizione di sposa del Signore. Stabilendo questa relazione di sangue con Dio, possiamo realizzare delle famiglie unite, delle tribù, delle razze e delle nazioni unite, che formeranno così un mondo unito che è il culmine della provvidenza di salvezza.

La necessità di avere Veri Genitori

Signori e signore! Non è forse vero che vi piacerebbe vedere l’Italia ricevere la benedizione di Dio? Affinché ciò accada dovete diventare persone la cui mente e il cui corpo sono uniti nel vero amore di Dio. Dovete anche unirvi come assoluti mariti e mogli, incentrati sul vero amore di Dio. Quando in Italia aumenterà il numero di tali famiglie in cui i figli possono essere assolutamente uniti, allora Dio verrà a vivere nella vostra nazione. Se questo accadrà allora l’Italia diventerà automaticamente e inevitabilmente la nazione centrale del mondo.

Se la persona amata vive in una remota campagna o in una baracca, il suo innamorato vorrà vivere là con lei. Allo stesso modo, ovunque dimorano gli adorati figli e figlie di Dio, qualunque sia il loro livello di vita, non importa in che circostanze, persino nell’estrema povertà, quel posto sarà trasformato nel Regno dei Cieli.

Oggi, il fondatore della Chiesa dell’Unificazione è qui a parlarvi. Se mi chiedeste qual è la missione della Chiesa dell’Unificazione vi direi che è un posto dove è presente il vero amore di Dio. È il posto dove vogliamo che la nostra mente e il nostro corpo si uniscano nel vero amore. È il posto dove vogliamo formare matrimoni ideali con una unità assoluta fra marito e moglie. È il posto dove tutte le persone devono diventare figli e figlie, e fratelli e sorelle assolutamente inseparabili. Vi sto annunciando che la Chiesa dell’Unificazione sta portando avanti una missione in accordo a questi principi, sotto la guida di Dio.

Ogni cosa che è stata sporcata da falsi genitori, falso amore e falso lignaggio, a causa della caduta, viene ora purificata in accordo alla provvidenza di Dio incentrata sull’amore di Dio e dei Veri Genitori. A livello esteriore la sig.ra Moon ed io abbiamo stabilito l’ideologia “Head-wing”, al fine di superare la divisione fra destra e sinistra, e a livello interiore abbiamo lavorato attraverso il “Dio-ismo”, in altre parole, attraverso il Vero Amore, per superare i problemi relativi alla coscienza e alla realtà del mondo spirituale. Facendo questo la nostra coppia ha raggiunto la posizione di Veri Genitori. I sacri matrimoni internazionali che abbiamo officiato costituiscono le cerimonie sante per innestare i semi del vero amore, della vera vita e del vero lignaggio, al fine di realizzare l’unità d’amore fra Dio e l’umanità. Questa sacra benedizione è la cerimonia per restaurare le famiglie createsi attraverso un falso matrimonio e che, a causa della caduta, hanno ricevuto il seme del falso amore, della falsa vita e del falso lignaggio. Questa è quindi la cerimonia che apre la strada verso nuove e vere famiglie. Vogliamo collegare gli esseri umani di tutto il mondo alla grande benedizione di Dio, trasformandoli in famiglie del Cielo che stabiliscono il Regno dei Cieli sulla terra.

Originariamente Dio voleva che tutta l’umanità fosse collegata da un lignaggio che andava oltre le barriere nazionali per stabilire una famiglia universale incentrata su Dio. Scopo della Chiesa dell’Unificazione è liberare il mondo così che il Regno dei Cieli possa venire sulla terra e anche in Cielo. Ciò deve realizzarsi attraverso una cultura mondiale del cuore che proclami e pratichi l’ideologia dei “veri genitori”, “veri marito e moglie”, “vero fratello e sorella”, incentrate sul vero amore.

A partire dalla fine della seconda guerra mondiale e durante gli ultimi cinquant’anni, il Reverendo Moon è stato perseguitato e criticato dal mondo intero. È giunto il tempo che le persone sappiano che questa persecuzione non è stata la conseguenza di qualche crimine da me commesso. È stata invece patita per portare la salvezza. Ora, a differenza del passato, la gente pensa che sono un uomo di bontà.

Io sono stato uno strumento per arrivare al crollo del comunismo. È stato il Reverendo Moon che ha raggiunto Mikhail Gorbachev e Kim Il Sung. Per salvare gli Stati Uniti che stanno andando verso la rovina, ho stabilito una base per realizzare la speranza, che altrimenti sarebbe rimasta irrealizzata. Sto anche lavorando per risolvere il difficile contesto politico della Corea del Nord e del Sud. Lo stesso vale per il Medio Oriente. Dovete anche sapere che è stata la mia considerevole influenza dietro le scene a permettere al Partito Repubblicano degli Stati Uniti di sopravanzare il Partito Democratico dopo 40 anni. Inoltre se l’Italia dovesse aggrapparsi stretta al Rev. Moon più saldamente di quanto abbia fatto l’America, l’Italia potrebbe diventare la nazione guida del mondo.

Tutto ciò che ho detto si è realizzato. L’intero mondo ha fatto tutto il possibile per eliminarmi, nonostante ciò oggi sto saldamente in cima al mondo. Se oggi posso proclamare coraggiosamente davanti a voi la verità è grazie all’amore di Dio. Vi prego di capire che se sono sopravvissuto, è perché Dio mi ha completamente protetto. Per questa ragione, credo che dovreste impegnarvi seriamente a studiare la Chiesa dell’Unificazione.

Ci siamo incontrati insieme, oggi, e in questo giorno estremamente significativo ho condiviso con voi un messaggio molto importante e ho riposto in voi la mia fiducia. Vi chiedo gentilmente di comprenderlo e di non dimenticarlo. Vi chiedo anche, di seguire la giusta strada e, sulla base di questo nuovo risveglio, di determinarvi a portare la benedizione di Dio alle vostre famiglie e all’Italia. In questo modo famiglie ideali cominceranno ad apparire in Italia.

Insieme a mia moglie abbiamo incontrato i presidenti di 17 nazioni in Sud America, oltre ad altre importanti personalità. Lo scorso agosto, a Seoul, abbiamo officiato un matrimonio sacro internazionale a cui hanno partecipato 360.000 coppie provenienti da 163 nazioni. Dopo questa cerimonia, ho parlato in 16 città degli Stati Uniti. La sig.ra Moon, insieme all’ex presidente degli Stati Uniti George Bush e sua moglie, ha parlato a circa 50.000 persone al Tokyo Dome di Tokyo e in altre principali città giapponesi. Attraverso questi impegni pubblici, mia moglie ed io abbiamo educato le persone del mondo sull’importanza della purezza spirituale che è il concetto centrale per costruire vere famiglie e assicurare lo sviluppo morale dei nostri giovani.

Come probabilmente sapete, il Reverendo Moon e sua moglie sono conosciuti in tutto il mondo come i Veri Genitori. Se è vero che, quali Veri Genitori, siamo collegati a Dio nel vero amore, nella vera vita e nel vero lignaggio, vorrei ricordarvi una cosa. Partendo da una vera famiglia e da voi, inizierà un regno di liberazione, di libertà, di unificazione e felicità. Questo permetterà alla speranza della pace di sbocciare sulla terra.

Infine chiedo che ciascuno di voi prenda il messaggio che vi ho trasmesso oggi e lo conservi nel proprio cuore. Vi chiedo di rinascere come veri individui e vere famiglie con al centro Dio che guiderà la strada verso un’era di speranza e felicità nel 21° secolo. Prego che la benedizione di Dio sia sulle vostre famiglie e sull’Italia.

Grazie infinite.

Salva come PDF

^