La Strada dell’America e dell’Umanità nel Nuovo Millennio

Salva come PDF

Celebrazione “L’America rende omaggio al Reverendo Sun Myung Moon nel suo 80° compleanno”

22 gennaio 2000 – Washington D.C.

Illustri e onorevoli ospiti, signore e signori, voglio esprimere la mia sincera gratitudine a tutti voi, leader del mondo che rappresentate tanti campi di attività, per esservi riuniti qui. In particolare vorrei esprimere la mia più profonda riconoscenza a Dio, che è stato il costante compagno di tutta la mia vita. Offro a Lui tutta la gloria e l’onore che mi sono dati.

Nel corso della mia esistenza, mi sono dedicato totalmente alla salvezza dell’umanità focalizzandomi sulla volontà di Dio. Così ho capito che Dio non è seduto su un trono di gloria e di onore. In realtà è un Dio di sofferenza, di dolore e di lamento, un Dio che cerca di salvare i Suoi figli che soffrono all’inferno in seguito alla caduta.

Sin da quando ho capito la volontà di Dio e il Suo cuore sofferente, ho vissuto la mia vita con un unico scopo, realizzare la volontà di Dio, trascendendo il tempo e lo spazio e dimenticando ogni altra cosa.

Quando rifletto sui miei 80 anni di vita, pieni di incomprensioni, persecuzioni e grandi sofferenze, è semplicemente straordinario che possa essere qui con voi oggi. Credo che questo sia dovuto interamente a Dio. In questo giorno così importante, per capire la storia umana e il mondo dal punto di vista della provvidenza di Dio, vorrei parlare sul tema: “La strada dell’America e dell’Umanità nel Nuovo Millennio”.

Alla ricerca di una vera nazione

Quando consideriamo la storia umana come la provvidenza di salvezza di Dio, gli “Ultimi Giorni” sono un punto di svolta in cui finisce la storia malvagia di Satana e inizia la storia della sovranità del bene di Dio. Di conseguenza gli Ultimi Giorni sono il tempo in cui tutto giunge a compimento.

Così negli Ultimi Giorni, si devono realizzare la perfezione individuale, la perfezione della famiglia, la perfezione di un popolo, di una nazione, del mondo e, alla fine, si deve realizzare completamente la perfezione del cosmo.

Ogni volta che nella provvidenza di Dio sono stati annunciati gli Ultimi Giorni, Dio ha guidato l’umanità verso una ideologia incentrata su di Lui, ma noi non abbiamo realizzato la nostra responsabilità di stare dalla parte del bene e di sradicare la storia del male. Dio, tuttavia, è eterno, immutabile, assoluto ed unico e anche la Sua volontà è eterna, immutabile, assoluta e unica. Quindi, attraverso il vero individuo, la vera famiglia, la vera società, la vera nazione e la vera sovranità, Dio costruirà sicuramente il mondo in cui può vivere viaggiando ed agendo liberamente sia nel Cielo che sulla terra.

Allora, qual è il mondo originale che Dio sta cercando? È un mondo con al centro i Veri Genitori. A causa della caduta, però, abbiamo perso i Veri Genitori dell’umanità e il vero mondo fin dall’inizio. Quindi nulla nel nostro mondo, né la terra in cui viviamo, né nessuna ideologia umana, né nessun’altra cosa ci può collegare direttamente ai Veri Genitori. Perciò noi stessi dobbiamo prima essere restaurati alla nostra vera identità. In questo modo, quando nascono dei veri genitori, un vero marito e moglie, dei veri figli, un vero popolo, la vera creazione, la vera sovranità e il vero cosmo e possono comunicare con Dio nel cuore, il mondo del male alla fine terminerà.

Gli Ultimi Giorni sono il tempo in cui si realizzerà questo ideale. Sono il tempo del Secondo Avvento. Perciò negli Ultimi Giorni non ci sarà nessun fenomeno catastrofico esteriore, come il giudizio col fuoco, la distruzione della terra o il rapimento degli uomini in cielo. Piuttosto sono un tempo in cui la storia del male afflitta da innumerevoli tragedie sarà finalmente risolta.

Questo si stabilisce attraverso condizioni di sacrificio offerte ad ogni livello, dall’individuo, alla famiglia, alla società, al popolo, alla nazione, al mondo e infine al cosmo. Quindi è il tempo in cui tutti questi livelli che hanno perso il loro collegamento verticale con Dio saranno restaurati. Abbiamo atteso tanto ansiosamente questo giorno e questa è la destinazione finale a cui tutti dobbiamo arrivare.

Tuttavia, l’individuo, la famiglia e la nazione si sono separati. Inoltre sorgono costantemente in tutto il mondo problemi di ogni tipo, come l’inquinamento atmosferico, la mancanza di cibo, le lotte religiose e i conflitti razziali, causando dispute e persino guerre. Chi, allora, prenderà responsabilità per questo mondo? Questa è una domanda seria. In passato i paesi comunisti non hanno saputo trascendere il proprio nazionalismo e l’America, la superpotenza di oggi, non riesce a trascendere l’idea di americanizzare il mondo. Quando una nazione pone sé stessa al di sopra di tutto, non potrà guidare il mondo. Per questo abbiamo bisogno di un popolo o di una nazione che siano disposti a sacrificarsi per lo scopo più alto e si impegnino a costruire o a diventare una nazione ideale che abbraccia il mondo intero.

Il mio messaggio ai giovani

Con questa visione, rispondendo alla chiamata di Dio, sono venuto in questo paese, gli Stati Uniti d’America. Ho fatto ogni sforzo possibile per risvegliare l’America educando i giovani in una nazione che si trova di fronte a una crisi morale e al declino del Cristianesimo.

Forse sarete curiosi di sapere che cosa sto insegnando. In realtà è semplice. Il primo punto è “vivere per gli altri”. Più in particolare, il mio insegnamento è che l’individuo vive per la famiglia, la famiglia per la società, la società per il popolo, il popolo per la nazione, la nazione per il mondo e il mondo per Dio. Poi, Dio verrà da noi.

Nella famiglia i genitori devono vivere per i figli, i figli per i genitori, il marito per la moglie e la moglie per il marito. Chiunque vive per gli altri più che per sé stesso diventerà una figura centrale dal lato del bene.

Il secondo punto che sto insegnando alle persone è “amate il vostro nemico”. Dio stesso sacrificò Gesù, il Suo adorato figlio unigenito, per la salvezza dell’umanità. Poiché Dio fece questo per salvare i figli del Suo nemico, Satana non poté più esercitare la sua autorità e il suo potere davanti a Dio. Persino Satana non può far altro che arrendersi volontariamente dinanzi a Dio che ama i figli di Satana più del Suo stesso figlio. Il modello di Satana è di colpire sempre per primo, ma alla fine perde, mentre la strategia di Dio è di vincere alla fine subendo il primo colpo e perdendo all’inizio. Vivere avendo fede in questa legge del cielo è proprio il segreto che spiega la fondazione che ho potuto porre inviando missionari in 185 nazioni del mondo, nonostante le aspre persecuzioni e incomprensioni.

Il sacrificio cristiano

Persino quando esaminiamo la storia delle attività dei missionari cristiani, possiamo scoprire che il loro è stato un cammino di persecuzioni e di martirio, ostacolato dai nemici. Su questa strada, durante il corso di duemila anni di storia, le vite offerte su questo sentiero di sangue sono diventate il fertilizzante per le basi dello sviluppo di una potente democrazia. Oggi, però, il Cristianesimo che una volta era fonte di forza e di potere per la democrazia, si trova di fronte ad una crisi. Le nazioni cristiane hanno perso la giusta direzione, negano Dio, Gesù e la provvidenza di Dio. Ora si sentono addirittura voci che affermano che “Dio è morto” o che “Dio non esiste”. Cosa può provare Dio di fronte a questo? Il Suo cuore è andato alla ricerca dei Suoi figli, sacrificando tutto ciò che ha, con la speranza di vedere un giorno grande come oggi.

Signore e signori, finora per chi si è sacrificato Dio? Non è per l’America e neanche per il Cristianesimo. Piuttosto è per ciascuno di noi, cioè per voi e per me come individui. Allo stesso modo, la ragione per cui Gesù fu crocifisso non era per salvare il Messia, sé stesso, ma per salvare voi e me, ciascuno di noi personalmente. Poiché la caduta ebbe inizio a livello individuale, anche la salvezza deve iniziare a livello individuale. Per questo deve venire un rappresentante dell’umanità e proclamare: “Io mi assumerò completamente la responsabilità come rappresentante di tutta l’umanità. Pagherò tutti i debiti che l’uomo ha contratto nel corso della storia e diventerò una persona che porterà Dio ad essere ispirato da me”. Senza questa realizzazione e determinazione, la restaurazione è impossibile.

Questa non deve essere solo una teoria o un concetto. Nel nome di Dio, se non siamo disposti a sperimentare miserie più di ogni persona che sta soffrendo nel mondo, non possiamo raggiungere il cuore di Dio. Avete mai pregato disperatamente per i sei miliardi di persone del mondo, col sentimento che i vostri figli stanno morendo? Fino a che punto avete investito il vostro cuore per salvare una famiglia, una tribù, un popolo, una nazione e il mondo, essendo disposti a sacrificarvi per loro? Io credo che poche persone sentano di poter rispondere affermativamente a questa domanda. Il Signore del Secondo Avvento viene nel mondo con questo standard assoluto come rappresentante di tutta l’umanità.

La sposa del Messia

Dio, che ha guidato la provvidenza di salvezza, trovò Abramo 2.000 anni dopo la caduta dei nostri primi antenati. Dio fece dei suoi discendenti il popolo scelto, Israele, moltiplicandoli ad ogni livello, come una nuova famiglia, una nuova tribù e un nuovo popolo. Sulla base di questa fondazione vittoriosa, gli Israeliti furono chiamati come popolo scelto a ricevere il Messia. Diventarono il popolo centrale per ricevere il Messia che doveva venire in futuro.

Se andate al nocciolo della questione, potete capire che bisogna restaurare lo standard e l’ideologia che i primi antenati dell’uomo, Adamo ed Eva, avrebbero dovuto raggiungere e realizzare. Questo è il pensiero del Messia. I credenti sono nella posizione di “sposa”. Per questo lo scopo finale del Cristianesimo non è costruire il Regno del Cristianesimo o il mondo del Cristianesimo. La sua missione più importante è prepararsi a diventare una sposa qualificata per ricevere lo sposo.

Nonostante l’importanza della loro missione, gli Israeliti non riuscirono a realizzarla e a tramandare agli altri questa tradizione a causa della crocifissione di Gesù. Perciò gli Israeliti, benché fossero stati chiamati da Dio come prima Israele, fuggirono e il Cristianesimo, chiamato come seconda Israele, sorse per portare avanti la missione al loro posto. Dio guidò la provvidenza di 6000 anni focalizzandosi su questo scopo e così il Cristianesimo diventò la sposa preparata a ricevere lo sposo. Ora siamo nello stadio finale di questa provvidenza.

Qual è dunque l’essenza del pensiero del Messia? È un pensiero per salvare il mondo. È l’insegnamento capace di unire il mondo e di costruire una famiglia ideale. Il suo scopo principale è restaurare la posizione dei Veri Genitori che fu persa con la caduta dei nostri antenati.

Se guardiamo gli insegnamenti dell’Antico e del Nuovo Testamento, possiamo capire che il Messia viene con l’autorità del Padre, incontra una sposa sostanziale che rappresenta la potenza dello Spirito Santo e restaura la posizione dei Veri Genitori. Perciò il Cristianesimo è nella posizione di sposa nei confronti del Messia che viene. La sposa e lo sposo al “banchetto di nozze dell’agnello” profetizzato nel Libro dell’Apocalisse si riferiscono al livello di diventare Veri Genitori diventando prima veri marito e moglie.

Gesù venne con questa missione. Tuttavia, quando perse il suo popolo e la sua nazione a causa della loro mancanza di fede, offrì la sua vita per amore del mondo e del Regno che Dio voleva costruire. Il cammino di sofferenza di Gesù sulla croce fu la stessa strada di tribolazione percorsa da Dio. In quella situazione di prova e tribolazione, Gesù pregò disperatamente: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”. Persino nel momento della morte, perdonò Roma e il gruppo di persone che lo avevano perseguitato, aspettando la vittoria nel futuro. Perciò la vita di Gesù non si concluse sulla croce all’età di 33 anni. Con l’aiuto di Dio, il Cristianesimo ereditò il suo spirito e divenne una delle quattro grandi religioni del mondo della storia umana.

Il corso della civiltà

Signore e signori, attualmente l’America è riconosciuta come la superpotenza del mondo, ma se non si allinea alla provvidenza di Dio non continuerà a prosperare. Guardiamo la storia della civiltà. Le civiltà antiche nacquero principalmente nelle zone tropicali e subtropicali. Esempi di queste, sono le civiltà dei Maya, degli Incas, dell’Egitto, della Mesopotamia, dell’India e della Cina.

Tuttavia il centro della civiltà si sposta da un luogo all’altro. Se non fossimo caduti, la civiltà avrebbe avuto inizio nella zona temperata, corrispondente alla primavera, poi si sarebbe spostata nella zona fresca corrispondente all’autunno. Oggi la civiltà fondata sul mondo libero, la civiltà occidentale, si trova nella zona fresca. In linea generale, se consideriamo come centro l’equatore, nazioni come l’America, l’Inghilterra, la Germania ecc., collegate attorno alla latitudine di 23 gradi nord, sono le nazioni progredite dell’occidente.

Con la fine della civiltà autunnale della zona fresca, viene, per un breve tempo, la civiltà invernale della zona fredda. Questa è la comparsa del comunismo. Tanti intellettuali forse pensano che il sistema della guerra fredda è scomparso dopo lo smembramento dell’Unione Sovietica, ma il materialismo e l’ateismo perdurano tuttora in ogni parte del mondo. Si manifestano in due ideologie principali, la democrazia e il comunismo, che stanno tutte e due perdendo gradualmente forza.

L’ideale di creazione di Dio avrebbe dovuto iniziare nella zona temperata della primavera, ma a causa della caduta dei primi antenati il mondo caduto è iniziato come civiltà della zona tropicale. Ora la civiltà della vera primavera, che abbiamo cercato da tempo immemorabile, apparirà, superando la crisi della civiltà della zona tropicale e le minacce della civiltà della zona fredda. Chi potrà sciogliere il blocco di ghiaccio che gela nel cuore di Dio? Chi lo farà? Col potere, il denaro, la scienza e la conoscenza non è possibile.

Dal movimento delle civiltà che sorgono lungo i fiumi e le linee costiere possiamo vedere che il centro della civiltà non è fisso, ma si sposta sempre in diverse parti del globo. La civiltà umana cominciò a svilupparsi attorno ai fiumi Tigri, Eufrate e Nilo, poi il centro della civiltà si spostò nel Mediterraneo concentrandosi specialmente nella Grecia, a Roma, in Spagna e in Portogallo. In seguito il centro della civiltà si spostò nell’Oceano Atlantico, concentrandosi in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Alla fine ha portato i suoi frutti nella civiltà dell’Oceano Pacifico degli Stati Uniti, del Giappone e della Corea. Così, dal punto di vista della storia delle civiltà, la penisola coreana occupa una posizione molto importante. A nord della Corea si estendono gli ultimi punti della civiltà della regione fredda che collega la Russia e la Cina. A sud si trovano gli ultimi punti della regione della civiltà fresca che collega gli Stati Uniti e il Giappone.

In questa visione della storia dal punto di vista provvidenziale, è naturale che la Corea abbia dato nascita ad una civiltà della zona temperata che rappresenta la stagione primaverile della storia umana che ha la capacità di assorbire le civiltà sia della regione fresca che della regione fredda. Da questo punto di vista il fatto che il Reverendo Moon, che ha dedicato la sua vita a risolvere il problema tra Nord e Sud e il problema tra Est e Ovest, venga dalla Corea può essere descritto come il punto conclusivo della provvidenza di Dio.

Il mio ruolo nella storia

In tutta la mia vita ho trasceso i confini razziali, ideologici e nazionali per promuovere un movimento per un mondo sotto Dio. È a causa della provvidenza di Dio che ho percorso questa strada. Questo è il principio della storia della provvidenza, non è una teoria che ho inventato apposta. Sono stato illuminato riguardo la Volontà del Cielo e anziché lasciare che rimanesse solo una teoria, ho lavorato per far sì che l’idea di Dio si realizzi. Dal punto di vista esteriore non c’è un luogo in nessuna parte del mondo dove non sono stato attivo. Ho ispirato attività evangeliche ed economiche in Alaska, nell’Antartide, nei paesi dell’ex-Unione Sovietica, nei 33 stati dell’America Centrale e Meridionale e in tutta l’Asia e l’Africa. Ci stiamo preparando per risolvere i problemi che l’umanità si troverà ad affrontare nel prossimo millennio, come l’inquinamento ambientale, la fame e le malattie. Negli ultimi anni ho lavorato nel Pantanal e nelle regioni amazzoniche del Brasile per porre una base concreta per proteggere l’ambiente del nostro pianeta.

Dall’altra parte, per quanto riguarda gli aspetti interiori, ho lavorato attraverso la Santa Benedizione internazionale e il movimento dell’amore puro. Circa 430 milioni di coppie in tutto il mondo hanno partecipato, aumentando notevolmente la spinta a costruire il tanto atteso Regno di Dio sulla terra.

Signore e signori, finora i paesi che hanno una potenza politica, militare ed economica superiore hanno controllato il mondo. Tuttavia nessuna nazione può esistere eternamente se non è in linea con la provvidenza di Dio. La caduta delle civiltà della Grecia e di Roma, un tempo gloriose, sono un esempio lampante di questo. Gli Stati Uniti, che oggi si ergono a superpotenza, sono nella stessa posizione di Roma nel passato. La caduta di Roma fu dovuta più ad una causa interiore, la corruzione morale, che a qualsiasi invasione esterna. La corruzione morale portò Roma a perdere il sostegno della fortuna celeste.

Nella storia più recente, le fazioni politiche che hanno promosso il materialismo e la visione materialista della storia hanno assunto il controllo di più di un terzo della popolazione mondiale e di due terzi del suo territorio, compresa l’ex Unione Sovietica e la Cina. Questa espansione, però, non ha potuto continuare per sempre.

Verrà il tempo in cui i leader religiosi che parlano della volontà di Dio assumeranno una posizione preminente. I leader religiosi sono dei profeti. Devono stare nel luogo in cui Dio vuole, proclamare la volontà di Dio e indicare la strada che l’umanità deve percorrere. Tuttavia la divisione delle denominazioni e le lotte fra i gruppi religiosi che vediamo oggi, non fanno altro che ostacolare la provvidenza di Dio. Ecco perché per anni ho dedicato il 90 percento delle risorse finanziarie della nostra chiesa per aiutare le altre denominazioni e le altre religioni a risolvere i conflitti interreligiosi.

Ho fondato anche la Federazione Inter-religiosa per la Pace nel Mondo per tre scopi: portare armonia e unità fra i gruppi religiosi, contribuire a risolvere i conflitti in molte aree del mondo e aiutare a realizzare la pace mondiale. Più recentemente ho fondato la Federazione Interreligiosa e Internazionale per la Pace nel Mondo e questa organizzazione ha già tenuto sette conferenze internazionali di Hoon Dok Hae.

Recuperare il cuore di Dio

Tutte le persone devono trascendere le differenze razziali e religiose, capire la provvidenza di Dio per realizzare concretamente il Suo ideale di creazione e alla fine unirsi al cuore di Dio. È il cuore che porterà la fede, la speranza e l’amore, che l’umanità ha cercato, alla loro realizzazione finale. Dobbiamo recuperare il rapporto di cuore con Dio che abbiamo perso in seguito alla caduta dell’uomo e recuperare le posizioni di genitore e figlio così come Dio le intendeva in origine. Così gli Ultimi Giorni che Dio ci ha promesso sono il tempo in cui vengono i Veri Genitori. In altre parole sono il giorno in cui tutte le persone del mondo, che hanno perso i loro genitori in seguito alla caduta, saranno di nuovo in grado di incontrare i loro Genitori originali. Così i Veri Genitori sono la realizzazione dei desideri e delle speranze di tutta l’umanità. Sono il frutto finale delle vittorie ottenute nel corso della storia umana.

La Chiesa dell’Unificazione ha lavorato per diffondere questa tradizione in tutto il mondo attraverso la Cerimonia Internazionale della Santa Benedizione. Il fatto che neri, bianchi e gialli, possano riunirsi insieme come fratelli e sorelle trascendendo le differenze etniche, razziali o del colore della pelle per sposarsi formando coppie che si amano, è tra i segni più significativi della realizzazione della volontà di Dio. Oggi, cominciando a realizzare la tradizione della famiglia benedetta, l’umanità sta iniziando a recuperare i rapporti tra fratello e sorella, marito e moglie e genitore e figlio così come li aveva immaginati Dio in origine. Alla fine dobbiamo arrivare al punto di liberare Dio che sta soffrendo profondamente da quando ha perduto i Suoi figli. Soltanto allora si aprirà la strada della vera felicità.

Finora la democrazia ha invocato la “libertà dell’uomo” e la “liberazione dell’uomo”. Noi, per contro, dobbiamo invocare la “libertà di Dio” e la “liberazione di Dio”. Quando riusciremo a liberare il dolore di Dio, la liberazione dell’uomo e la riconquista della libertà umana seguiranno automaticamente. Ognuno di noi deve capire che siamo nati per liberare Dio e liberare il mondo.

Le radici dell’America

Signore e signori, è profondamente significativo il fatto che oggi io stia parlando della provvidenza di Dio a Washington D.C., la capitale degli Stati Uniti. In tanti modi gli Stati Uniti sono una nazione preparata dalla benedizione di Dio. I progenitori che costruirono questa nazione erano i Padri Pellegrini, che rischiarono la loro vita per la libertà religiosa e vennero in America per cercare una terra di libertà. Spinti dalla loro ricerca per la vera libertà religiosa, queste persone lasciarono indietro i loro genitori, i loro fratelli e la loro terra natale. Erano preparati persino a tagliare i legami con la loro patria mentre attraversavano l’oceano Atlantico a rischio della vita.

Quando la Mayflower arrivò nel New England, nel novembre del 1620 era già autunno inoltrato. Affrontando il loro primo inverno, più della metà delle 102 persone che arrivarono per prime, morì di freddo e di fame. Un fatto particolarmente degno di nota fu che morirono rifiutandosi di mangiare i semi preziosi che avevano conservato per piantarli a primavera.

I Padri Pellegrini credevano fortemente nell’importanza di seguire la volontà di Dio in ogni aspetto della loro vita. Dopo aver realizzato il loro primo raccolto offrirono grazie a Dio. Prima costruirono una chiesa e una scuola, e soltanto allora cominciarono a costruire le loro case.

Durante il loro periodo di pionieri, i Padri Pellegrini cominciavano ogni attività con la preghiera. Questo era vero sia che stessero arando un campo o combattendo una guerra. Quando Giorgio Washington si trovava a Valley Forge durante la guerra di indipendenza, deve aver pregato con grande disperazione. In una battaglia combattuta per la volontà di Dio, Dio era dalla parte dell’America. In Inghilterra il re e il popolo erano uniti nel combattere quella guerra, ma in America la guerra fu combattuta da Dio e dai Suoi amati figli e figlie. Non è così che nacquero gli Stati Uniti, come una nazione che sosteneva la libertà di fede?

Persino adesso, il Congresso degli Stati Uniti si apre con una preghiera. Quando il Presidente presta giuramento per entrare in carica, mette la mano sulla Bibbia mentre pronuncia il giuramento e un membro del clero lo benedice. L’America stampa addirittura sulle sue monete le parole “Noi abbiamo fiducia in Dio”. L’America è unica per il livello d’importanza che attribuisce a Dio. Ecco come gli Stati Uniti sono arrivati ad occupare una posizione unica come nazione prevalentemente protestante con un un’influenza mondiale.

Chi ama veramente l’America?

Ma che dire dell’America oggi? La preghiera è ufficialmente bandita dalle scuole pubbliche. Nell’educazione la teoria dell’evoluzione è preferita a quella della creazione. Una percentuale di divorzi del 50 percento sta distruggendo completamente la santità della famiglia.

Nel 1971 ho lasciato la mia famiglia e la mia patria per venire in America perché ho sentito la voce di Dio che mi confidava la Sua preoccupazione sull’attuale stato di cose in questo paese. Arrivato qua, ho annunciato di essere venuto come un pompiere in una casa che era in preda alle fiamme e come un medico per curare l’America dalla sua malattia. Già da allora, mi sono reso conto che Dio stava lasciando l’America. In America avrebbe dovuto essere possibile trovare Dio dappertutto, ma Dio si stava allontanando dal cuore delle persone, dalle famiglie e dalle scuole. Sembra ieri che mi trovavo sulla Quinta Strada a Manhattan e mi misi a piangere apertamente aggrappandomi disperatamente a Dio per impedirGli di abbandonare l’America. Purtroppo, come ho predetto, l’America ha continuato a percorrere la strada della decadenza morale.

Signore e signori, vorrei chiedervi questo. Perché pensate che il Reverendo Moon, nonostante tutte le opposizioni e le sofferenze che sopporta, continua ad appellarsi agli americani? Perché conosco, meglio di chiunque, il sangue, il sudore e le lacrime che Dio ha versato per costruire questa nazione. Durante gli ultimi trent’anni in America, non ho trascorso un solo giorno di comodità.

Chi è il vero padrone dell’America? Non sono né i bianchi americani, né i neri americani. Il vero padrone dell’America è la persona che ama l’America come Dio la ama. Continuo anche a implorare gli americani perché Dio ha scelto questa nazione per essere il primogenito, la nazione che rappresenta la sfera del figlio maggiore per costruire il Regno di Dio sulla terra. Persino adesso, Gesù è presente spiritualmente soprattutto in America e sta offrendo le sue fervide preghiere perché il suo scopo si realizzi in America.

Nel 1982, seguendo la volontà di Dio, ho fondato il Washington Times qui a Washington D.C. Da allora questo giornale ha guidato l’opinione pubblica americana con una voce conservatrice indicando all’America la strada da seguire. Mi sono anche impegnato fortemente per la salvezza nazionale e mondiale attraverso il movimento che promuove i valori della vera famiglia e il movimento dell’amore puro per i giovani. Ho investito tanto in America nella speranza che questa nazione possa prendere la giusta posizione nella provvidenza di Dio.

Quando ho visitato l’America nel 1965, ho benedetto un’area vicino alla Casa Bianca come una Terra Santa e ancora oggi, tante persone si riuniscono lì a pregare per l’America tutta la notte. Io spero che anche ognuno di voi qui presente aprirà il suo cuore e potrà così sentire l’ardente desiderio dei Padri Pellegrini e dei tanti patrioti che sono vissuti prima di noi nella storia dell’America.

L’America e i Veri Genitori

Signore e signori, il nuovo millennio che è appena iniziato è il tempo in cui i seimila anni della storia di salvezza di Dio giungono a conclusione e l’ideale di creazione di Dio si realizza dappertutto nel cielo e sulla terra. Questo è anche il tempo in cui i lamenti della creazione, che ha perso il suo vero signore in seguito alla caduta, sono finalmente portati a conclusione. Questo è il tempo in cui il Genitore e i figli, che sono stati separati per tanto tempo, si incontrano di nuovo. Devono essere stabiliti la nuova terra e il nuovo Cielo dove non ci sono lacrime. È l’era in cui c’è libera comunicazione fra il mondo spirituale e il mondo fisico e in cui il Regno di Dio è stabilito nel Cielo e sulla terra.

Il momento di passaggio dell’inizio del nuovo millennio segna il completamento dell’era del Nuovo Testamento, il punto in cui tutte le promesse dell’Antico e del Nuovo Testamento si realizzano. Il futuro sarà un tempo in cui il regno del dominio diretto di Dio si manifesterà attraverso la Sua onnipotenza e onniscienza. È un’era in cui l’Oriente e l’Occidente si uniranno insieme con al centro i Genitori del Cielo e della Terra, come “un universo sotto Dio”, in modo che sulla terra si formerà una grande famiglia dell’umanità. Questo significa la perfezione dell’era del Completo Testamento in cui si realizzeranno le promesse dell’Antico e del Nuovo Testamento.

Questo tempo è giunto. È giunto il tempo che l’America e il mondo si risveglino di nuovo. È tempo che tutta la nazione crei un nuovo movimento per costruire veri genitori, vere famiglie, una vera nazione e un vero mondo con Dio al centro. In questo modo, l’America impedirà a Dio di andarsene e diventerà di nuovo una società che Lo serve. Dio ha lavorato migliaia d’anni per stabilire l’America. Se lascia questo paese, dove può andare?

Se l’America si metterà al sevizio di Dio nel modo giusto, tutti i suoi problemi – problemi famigliari, problemi morali, problemi dei giovani e problemi razziali – si risolveranno naturalmente. Quando l’America diventerà un luogo dove persone di tutte le razze possono vivere insieme in armonia, sarà un modello per il Regno dei Cieli sulla terra. È tempo che ci uniamo insieme e apriamo la strada che l’umanità deve percorrere. È tempo che l’America, come nazione in posizione di fratello maggiore, assuma la guida nel servire Dio e completi la sua missione di pilota che porta le nazioni del mondo a Dio. Vi chiedo di unirvi a me nel realizzare questo compito storico.

Di nuovo vorrei esprimervi la mia sincera gratitudine per la vostra presenza qui. Vorrei concludere esprimendo la mia speranza per l’inizio di un nuovo regno millenario, pieno di pace, libertà e giustizia nel Cielo e sulla terra.

Possa la benedizione di Dio essere con voi e con le vostre famiglie.

Salva come PDF

^