Il Messia e i Veri Genitori

Salva come PDF

Summit Mondiale sulla Leadership e il Governo

27 gennaio 2004 – Shilla Hotel, Seoul

Distinti leader di tutto il mondo, onorevoli dignitari della Corea e di altri paesi, signori e signore, questo banchetto è stato preparato per festeggiare il mio 84° compleanno e il compleanno di mia moglie, la Dott.ssa Hak Ja Han Moon. Tuttavia, invece di ricevere le congratulazioni per il nostro compleanno, noi due preferiremmo offrire questo banchetto ai santi e ai saggi del mondo spirituale che sono presenti qui in questo momento, alle famiglie benedette del mondo spirituale e ai partecipanti al Summit Mondiale sulla Leadership e il Governo. So che siete stati impegnati in tante discussioni e incontri in questi ultimi giorni sul tema “Un Buon Governo per un Mondo in Crisi”. So che il vostro duro lavoro e il vostro entusiasmo si uniranno insieme per creare l’opportunità perché nuovi sogni e nuove speranze siano seminati in un mondo che, fino ad ora, sembra scendere in una crisi sempre più profonda ad ogni giorno che passa. Vorrei esprimere di nuovo la mia più sincera gratitudine ad ognuno di voi per essere venuti nella mia patria, la Corea, per unirvi a me nel quarto anno del Cheon Il Guk (il Regno della Pace e dell’Unificazione). Questo è un nuovo anno di grande speranza e questa sera, rimanendo fedele alla tradizione che ho mantenuto per tutta la mia vita di oltre 80 anni di parlare soltanto della volontà del Cielo, vorrei trasmettervi il messaggio del Cielo intitolato: “Il Messia e i Veri Genitori”.

In principio gli esseri umani furono creati come figli di Dio. Erano destinati a crescere alla maturità, formare famiglie con la Sua benedizione e moltiplicare i Suoi discendenti per un’infinità di generazioni, in una discendenza di bontà incontaminata dal peccato. I primi antenati dell’uomo, Adamo ed Eva, avrebbero dovuto servire Dio come il loro Vero Genitore verticale, e con Dio, il Vero Genitore come loro asse, sarebbero dovuti diventare l’incarnazione orizzontale dei Veri Genitori. In un mondo così, la parola “messia” non sarebbe mai venuta ad esistere. La loro famiglia sarebbe stata la famiglia ideale che rifletteva l’ideale di creazione di Dio e il mondo sarebbe stato il Regno dei Cieli sulla terra, dove l’ideale di creazione di Dio era completato. Dopo aver vissuto la loro vita in questo mondo, gli esseri umani sarebbero stati automaticamente registrati come cittadini del Regno dei Cieli nel mondo spirituale, dove sarebbero vissuti eternamente nella libertà, nella pace e nella felicità.

Adamo ed Eva perfetti avrebbero comunicato direttamente con Dio usando i loro cinque sensi spirituali e, nello stesso tempo, avrebbero lavorato liberamente con la creazione usando i loro cinque sensi fisici. Sarebbero vissuti come veri signori, veri genitori e veri re, rappresentando sia il mondo fisico che il mondo spirituale.

Con la caduta dei primi antenati umani, però, tutti gli uomini discesero in un inferno senza speranza da cui non potevano sfuggire soltanto con i loro sforzi. I loro cinque sensi spirituali divennero completamente paralizzati. Caddero in uno stato simile a quello di un cieco i cui occhi appaiono normali ad un osservatore, ma in realtà non funzionano affatto. Costretti a vivere solo con i loro sensi fisici, divennero esseri umani solo a metà. Non potevano vedere Dio. Non potevano udire la Sua voce o sentire il Suo tocco. Così, come potevano sperimentare il Suo amore come loro Genitore o capire il Suo cuore sofferente?

Satana si aprì a forza la strada per prendere la posizione di vero genitore che apparteneva legittimamente a Dio, fingendo falsamente di essere il genitore. Mise gli uomini in completo asservimento, rendendoli suoi schiavi. Per questa ragione, l’amore, la vita e la linea di sangue che possediamo oggi sono falsi. Sono proprio questo amore falso, questa vita falsa e questa linea di sangue falsa, impiantati in Adamo ed Eva, che persistono in noi oggi.

Che grande dolore deve aver provato Dio, mentre osservava gli uomini che erano nati per essere Suoi figli di discendenza diretta, ricevere la linea di sangue falsa di Satana e scendere alla posizione di servi dei servi. Poiché Dio è un Dio di principio e di legge, non andrebbe contro i principi con cui ha creato, né violerebbe l’ideale della creazione che Lui stesso ha stabilito. Così ha dovuto aspettare decine di migliaia di anni prima di introdurre il Messia nel corso della provvidenza di salvezza. Le diverse religioni si riferiscono a questa persona con nomi diversi, come Maitreya, l’Uomo della Vera Via, o il Salvatore che viene, ma la persona di cui l’umanità ha bisogno per aprire la strada, e la persona cercata da Dio, è una sola – il Messia e il Vero Genitore.

Allora, chi è il Messia e com’è? Egli è il proprietario e la manifestazione sostanziale della fede, della speranza e dell’amore non solo per l’individuo, ma anche per la famiglia, la tribù, la società, la nazione, il mondo e il cosmo. Solo in un’era in cui l’umanità serve questa persona come il Messia, la fede e la speranza che ancora rimangono, alla fine daranno frutto. La vita e il respiro della storia umana sono contenuti in questo frutto. Il nostro passato, presente e futuro sono collegati ad esso.

Il frutto è collegato non solo all’umanità ma anche al Cielo. Il Messia viene per il bene degli uomini che sono diventati orfani abbandonati dopo aver perso i loro genitori attraverso la caduta. Egli diventa il nostro Vero Genitore sostanziale, Vero Proprietario, Vero Maestro e Vero Re. È la concretizzazione del vero amore, della vera vita e della vera discendenza di Dio, che viene a restaurare i Suoi figli perduti, che hanno pianto in travaglio sotto un genitore falso, per riportarli alla loro giusta posizione come veri figli e vere figlie di Dio.

Signore e signori, 2000 anni fa il Cielo mandò Gesù sulla terra come il Messia. Gesù non era altro che colui che veniva per abbracciare i figli che avevano perso i loro genitori e restaurarli di nuovo all’ideale originale del Cielo. Era il Vero Genitore. Attraverso la caduta, Adamo ed Eva persero la loro posizione di Veri Genitori, non ricevettero la benedizione di Dio e così non poterono formare un’unione come vero marito e moglie e non poterono generare veri figli. Il loro fallimento significò che Dio non poté abbracciare tre generazioni della Sua discendenza, compresi i Suoi nipoti. Così, dolorosamente, Dio fece preparativi lungo un periodo di migliaia di anni, stabilendo la nazione di Israele come Suo popolo scelto. Poi mandò Gesù, il Salvatore e Messia, attraverso la discendenza di Abramo. Gesù venne come un comandante in capo nella lotta per stabilire la sovranità, il territorio e il popolo di una nazione di Dio per la prima volta nella storia. Su quella base, avrebbe poi restaurato il mondo intero dalla linea di sangue falsa di Satana alla linea di sangue vera della bontà di Dio.

Tragicamente, però, Gesù fu ingiustamente condannato a morte sulla croce perché non fu accolto dal popolo d’Israele, che Dio aveva scelto. A Gesù, il Messia, che avrebbe dovuto restaurare la posizione dei Veri Genitori, generare poi dei veri figli e salire alla posizione di Re dei Re, fu impedito di stabilire persino la posizione di un vero marito con la Benedizione in Matrimonio di Dio. A causa di questo, non poté stabilire la posizione dei Veri Genitori o moltiplicare veri figli. Invece morì sulla croce.

Le “Nozze dell’Agnello” di cui parla il libro dell’Apocalisse nel Nuovo Testamento, non sono altro che la cerimonia con cui il Messia riceve una sposa e forma l’unione di un vero marito e moglie. Se il Giudaismo avesse accolto Gesù e si fosse messo al suo servizio a quel tempo, allora il mondo del desiderio più ardente di Dio, il mondo del Suo ideale originale di creazione, il Regno dei Cieli di pace, sarebbe stato realizzato sulla terra a quel tempo attraverso i parenti di Gesù. In realtà, la provvidenza del Vero Genitore che doveva essere realizzata da Gesù, il secondo Adamo, fu bloccata a metà strada dalla mancanza di fede di coloro che erano stati scelti. Di conseguenza, l’umanità fu costretta ad aspettare il Secondo Avvento del Messia. Il Cielo, però, ebbe ancora una volta pietà dell’umanità miserabile.

Il Cielo diede la sua benedizione perché il Messia del Secondo Avvento apparisse sulla base della restaurazione spirituale che Gesù aveva portato avanti attraverso 2000 anni di storia cristiana. Il Messia che ritorna viene col peso incredibile di completare la missione dei Veri Genitori. Per realizzare la sua missione deve, innanzitutto e sopra ogni altra cosa, riportare la vittoria sul mondo satanico. Poi deve procedere a ottenere la vittoria anche nel mondo spirituale. Deve conquistare pienamente il mondo satanico e il mondo spirituale, entrambi i quali non possono essere percepiti attraverso i cinque sensi fisici ed essere vittorioso nella battaglia tra la vita e la morte per soggiogare il diavolo. Inoltre, deve conquistare i numerosi leader religiosi e filosofici che sono nel mondo spirituale. Nulla di tutto ciò, tuttavia, può essere realizzato attraverso una sottomissione forzata. Basandosi sul carattere di amore assoluto di Dio, deve convincerli rivelando loro i principi universali della religione e dell’universo e in questa maniera portarli ad arrendersi in modo naturale. Il Reverendo Moon, che sta qui davanti a voi, è colui che è apparso in questo mondo portando l’incredibile missione del Vero Genitore.

L’espressione “Vero Genitore” non appare in nessuna enciclopedia. Non è un termine che ho creato io, né è qualcosa che qualcuno del mondo può attaccare facilmente al mio nome. Invece è il destino e la benedizione che il Cielo ha conferito a mia moglie e a me. La posizione di Vero Genitore porta con sé le missioni verticali di Salvatore, Messia e Signore che ritorna, responsabilità che non sono mai state realizzate prima nella storia o che non si vedranno mai più in futuro. Per questa ragione, gli esseri umani legati ancora al mondo caduto devono realizzare determinate condizioni per poter servire i Veri Genitori e realizzare la volontà del Cielo.

Innanzitutto devono partecipare a una rivoluzione di indennizzo e completarla. Questo vuol dire che devono mettere da parte tutto e seguire i Veri Genitori. Devono mettere da parte i loro amici e insegnanti e persino i loro genitori e seguire i Veri Genitori. È solo, quando tutto è messo da parte ed è creato lo standard di un’“offerta vivente completa”, che il Cielo può concederci grazia e benedizioni. Questo vuol dire che gli uomini devono sradicare senza pietà tutti i legami e i rapporti con il mondo satanico, non mostrando neanche il più piccolo attaccamento e, in questo modo, ritornare al punto zero e segnare l’alba di una nuova creazione.

In secondo luogo devono completare una rivoluzione della coscienza. Questo significa che devono mantenere una tradizione di vero amore, vera vita e vera linea di sangue in accordo alla predisposizione della mente originale e della coscienza di cui Dio ci ha dotato. Devono far questo senza la benché minima divergenza, indipendentemente da qualunque sovranità o ideologia possano incontrare. Devono vivere una vita che “stabilisce il tempo di mezzogiorno”, dove non lasciano nessuna ombra o neanche un briciolo di vergogna in presenza del mondo spirituale e del mondo fisico. La rivoluzione della coscienza è completata, quando la nostra vita raggiunge lo stato armonioso di una mente, un corpo e un pensiero, e stabilisce così il regno dell’amore puro e del lignaggio puro come una tradizione eterna ed immutabile in cui fiorisce l’era dell’unità e dell’armonia.

La terza condizione è una rivoluzione del cuore. Questo significa che l’umanità deve completare un mondo di vero amore in cui Dio vorrà venire dagli uomini, consultarci su tutte le questioni e vorrà risiedere con noi. In altre parole, la rivoluzione del cuore è una rivoluzione del vero amore. “Vivere per gli altri” parla dell’esercizio di un amore immutabile in spirito di sacrificio. Pensate a come sarebbe se tutti noi vivessimo per amore degli altri più che per noi stessi. Dio, l’origine fondamentale del vero amore, risiederebbe dentro di noi e vivrebbe per noi. Quale gioia e gloria più grande potrebbe esserci per noi? Dovunque sia completata la rivoluzione del cuore, non ci saranno cose come la disgregazione della famiglia, i conflitti razziali, le dispute sui confini internazionali, il disaccordo fra le religioni o qualsiasi altra traccia del mondo satanico. Sarà stabilito un Regno di Pace eterno.

Un movimento per togliere le croci dalle chiese, secondo la mia dichiarazione, si sta diffondendo con grande rapidità in tante parti del mondo. Migliaia di ministri religiosi hanno fatto un pellegrinaggio a Gerusalemme, l’epicentro della lotta in Medio Oriente, per partecipare a manifestazioni interreligiose e internazionali per la pace. Il 22 dicembre 2003 tante autorità religiose ebree, cristiane e mussulmane, si sono prese per mano, hanno cantato le lodi della pace e hanno celebrato una cerimonia per incoronare Gesù come il Re dei Re. È stato un miracolo compiuto nel Parco dell’Indipendenza a Gerusalemme dinanzi a una folla di circa 20.000 persone. Questo è stato un giorno in cui il dolore di Gesù è stato risolto e la vittoria dei Veri Genitori è potuta essere dichiarata a tutto il cielo e la terra.

Signore e signori, nello stesso modo in cui la missione dei Veri Genitori, cui io e mia moglie siamo stati chiamati, è una questione del destino celeste, così la vostra missione e quella del cielo è di prendervi per mano unendovi a noi nel costruire un Regno dei Cieli di pace su questa terra. Ora il tempo del Cielo è arrivato.

Io prego perché tutti voi ritorniate alle vostre comunità e diventiate voi stessi ardenti lavoratori come messia e veri genitori nello sforzo di realizzare la pace mondiale.

Grazie.

Salva come PDF

^